Versione classicaVersione mobile
OpenEdition Books

Esposizione del processo della natura

 | 
Friedrich W.J. Schelling

Nota del traduttore

Andrea Dezi

Testo integrale

«…unde facilius et perfectius veniunt
ad habitum phylosophice veritatis
qui nichil unquam audiverunt,
quam qui audiverunt per tempora et
falsis oppinionibus imbuti sunt.»

Dante, De Monarchia,
liber primus, XIII

1Questa traduzione viene pubblicata a distanza di poco tempo dall’uscita in Italia (2012) di un’altra versione italiana dello stesso testo schellinghiano. Il nostro lavoro potrebbe dunque apparire superfluo, se non inutile, nell’ambito di una comunità scientifica che, sostenuta anche da prestigiose istituzioni accademiche, si rivolge ormai da tempo con cura e sollecitudine, e negli ultimi anni indubbiamente con rinnovato vigore e zelo, agli studi e alle traduzioni schellinghiane.

2Eppure abbiamo sentito l’esigenza, per così dire, di porre un argine. Crediamo profondamente nell’Accademia, nel suo valore, nel senso profondo del suo nobile ufficio, tuttavia siamo altrettanto convinti del fatto che la «cultura» (se ci si consente qui l’uso di questo termine senza ulteriori specificazioni, compreso nella sua mera connessione con l’attività dell’Accademia) debba oggi non tanto difendersi dall’orgogliosa barbarie della nostra epoca, quanto piuttosto da ciò che in questo tempo si impone come cultura e pretende, irresistibilmente, di educare e elevare, appunto acculturandole, masse crescenti di indotti, ritenute bisognose di improrogabili illuminazioni intellettuali.

3Ci sembra che molte istituzioni accademiche, non solo in Italia, abbiano ormai perso il contatto con gli oggetti di studio, o meglio che abbiano risolto tali oggetti nel rapporto che l’istituzione stabilisce con essi. In altre parole, l’istituzione non è più interessata all’oggetto o a coglierne il riflesso nel proprio obiettivo operare, ma piuttosto alla riduzione dell’oggetto a ciò che l’istituzione (nella propria presunta perfezione, storicamente acquisita e riconosciuta) già è, indipendentemente dall’oggetto, in modo da poter giustificare l’oggetto stesso in quanto espressione dell’istituzione. A sua volta, questa si giustifica nella propria operazione in quanto rende accessibile, o disponibile, l’oggetto alle masse educandae, le quali – così si ragiona –, senza l’intervento dell’istituzione, sarebbero in qualche modo rimaste infelicemente escluse dall’oggetto. Nel proprio rapporto con l’oggetto, e quindi perdendo di vista l’oggetto stesso, l’istituzione giustifica dunque se stessa e l’oggetto, rendendo peraltro visibile alle masse il fine della loro educazione. È chiaro tuttavia che in questo distacco dalla realtà – il quale non può che condurre alla mera “musealizzazione” dell’oggetto o alla sua banalizzazione manualistica fino all’estrema degenerazione turistica o giornalistica –, le istituzioni accademiche, soprattutto quando reclamano per sé l’“eccellenza” o una particolare vocazione “meritocratica” (lasciamo al lettore l’indagine dell’affinità etimologica del “merito” con altre rivelatrici parole della lingua italiana e latina) diventano innanzitutto meri istituti di selezione e riconoscimento degli addetti alla riduzione istituzionale degli oggetti. Giacché tale selezione non ha nulla a che fare con l’oggetto, ma solo con la metodologia di riduzione, essa produce inevitabilmente da un lato la mera adulazione dell’istituto selettivo o del selettore, e dall’altro la perdita di pudore (utque pudor cessit…) da parte del candidato da selezionare, il quale sa benissimo che ad esser selezionato sarà colui che meglio saprà mostrare, ovvero porre davanti all’istituzione (anche qui lasciamo al lettore eventuali divagazioni etimologiche), la sua abilità nell’adesione ai criteri di selezione imposti dall’istituto. In verità, la principale funzione del maestro dell’accademia sarebbe proprio quella di suscitare il pudore nel discente, permettendogli, attraverso il richiamo all’obiettività dell’oggetto stesso, di separarsi dalla propria soggettività, inevitabilmente attualizzata e fissata nel rapporto con l’oggetto secondo i criteri di un riconoscimento esterno.

4Se, dunque, l’essenziale non appare nell’oggetto, ma viene riconosciuto nel soggetto attraverso il suo rapporto con l’oggetto, risulterà impossibile uscire da questo circolo di adulazione e asservimento.

5Potremmo certo auspicare che il circolo si chiuda effettivamente in se stesso, lasciando gli oggetti del tutto all’esterno, in modo da stabilizzarsi nell’esibizione di un mero gioco autoreferenziale. Per esempio, volendo rimanere nel piccolo ambito degli studi schellinghiani, si potrebbero annunciare grandi studi e traduzioni delle opere di Schelling, incontrarsi e confrontarsi in fiere festival presentazioni convegni, financo in accesi dibattiti televisivi o esposti sul web, lasciando tuttavia le pagine dei libri bianche, intatta l’opera del filosofo. Purtroppo resta innegabile il carattere utopico di questa prospettiva. Come si diceva, il rapporto-con-l’oggetto, e quindi l’oggetto al quale ci si rapporta, giustifica l’istituzione stessa. Questa, in ultima analisi, è retta dalla possibilità di dominio sulle masse educandae, le quali devono essere appunto elevate sino alle vette in cui scintilla, seducente, un oggetto attingibile solo attraverso il set di cavi elmetti piccozze e ramponi forniti dall’istituzione stessa.

6Non v’è dubbio, pertanto, che è necessario riconoscere, in tale contesto, l’impossibilità di una scissione di ciò che potremmo indicare come “libido apparendi e publicandi” da una ineludibile e fondamentale “libido docendi”. Di qui l’argine, che, questa volta, non abbiamo voluto omettere.

 

7L’Esposizione del processo della natura traduce la Darstellung des Naturprocesses di F.W.J. Schelling, in Sämtliche Werke, hrsg. von K.F.A. Schelling, Bd. I-XIV, Cotta, Stuttgart-Augsburg 1856-1861, X, pp. 301-390. La revisione del testo tradotto nonché la discussione e l’analisi dei passi più complessi si deve al dott. Serafino Di Eusanio.

Autore

Dottore di ricerca in Filosofia. Laureato in Filosofia con lode all’Università «La Sapienza» di Roma, ha studiato in Germania, Francia, Russia. La sua attività scientifica è attualmente rivolta all’indagine di problemi ontologici e gnoseologici nella loro connessione alla filosofia della natura, secondo una visione sistematica e organica della filosofia in generale. Dal 2010 è condirettore della collana Initia Philosophiae presso l’Accademia University Press di Torino, per la quale ha tradotto e curato opere di F. W. J. Schelling e di V. S. Solov´ëv. Nel semestre invernale 2013 ha insegnato Filosofia Teoretica presso l’Università Statale F. M. Dostoevskij di Omsk (Russia).