Version classiqueVersion mobile

Inchiesta su Gramsci

No alla storia sacra, no alla storia indiziaria

Silvio Suppa

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

1. Di “leggende” e tesi poco dimostrate, almeno dal punto di vista strettamente storico-filologico, ve ne sono state e ve ne sono ancora molte, a cominciare dal ruolo della cognata e dalla questione della lettera a Togliatti del 1926. Ma l’elenco potrebbe essere lungo. Soprattutto a me è parsa una linea non condivisibile, e nemmeno fondata oggettivamente, quella della “eternità” di Gramsci, il comunista e il liberale di sempre, a tratti protratta persino nella disinvolta identificazione, in lui, di un rimpianto della democrazia liberale, o di una sorta di previsione del mercato globale o, meglio, del tempo della globalizzazione.

 

2. Sicuramente si tratta di un rapporto estremamente complesso, anche se in quella lettera la questione della dialettica dentro il partito e della importanza dell’ascolto delle minoranze, per così dire, ha aperto una ferita non solo nell’ambiente dei comunisti italiani, ma anche nella coscienza che tutta la sinistra del nostro paese ha posseduto ed esercitat...

Auteur

Già professore di Storia delle dottrine politiche, Università degli studi di Bari.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search