Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Inchiesta su Gramsci

Una moratoria per la “storia indiziaria”

Guido Liguori

Texte intégral

11. Gramsci è ancora oggetto di attacchi interessati e interpretazioni fuorvianti, tendenti a mettere in cattiva luce a volte il suo pensiero e la sua figura, e con ciò il suo partito, a volte (più o meno esplicitamente) solo il suo partito contrapposto al suo pensiero e alla sua figura, visti come diversi e altri dalla storia e dalla elaborazione del comunismo italiano. I tentativi nell’una o nell’altra direzione si perdono alle origini della storia delle interpretazioni gramsciane (su cui non posso che rinviare al mio Gramsci conteso 2012 –, a cui rimando anche per quel che concerne i riferimenti che farò in questa sede). Vorrei tuttavia distinguere tra le interpretazioni con scarso fondamento e le vere e proprie leggende storiografiche. Tra le prime, ad esempio, vi è la tesi per cui Gramsci in carcere sarebbe approdato al liberalismo (o, altra variante, sarebbe stato sempre liberale). Fu Benedetto Croce – non senza strumentalità politica – a sostenere tale tesi nel 1947, leggendo la prima edizione delle Lettere dal carcere: «Come uomo di pensiero egli fu dei nostri», scrisse. Quando l’anno seguente, però, ebbe tra le mani il volume intitolato Il materialismo storico e la filosofia di Benedetto Croce, il primo dei Quaderni del carcere nella editio princeps curata da Felice Platone e Palmiro Togliatti, il filosofo capì che la tesi del 1947 era insostenibile e non esitò a riconoscerlo, prendendo le distanze dal pensatore sardo. Questo esempio di onesta correzione di rotta purtroppo non trova molti seguaci e imitatori, anche nella storia delle più recenti interpretazioni gramsciane. Per cui ancora si favoleggia di un Gramsci liberale, tesi ricavata da letture disattente e superficiali, se non da veri e propri svarioni che prendono per convinzioni gramsciane il riassunto che egli fa del pensiero di noti esponenti di quella corrente di pensiero. Che non solo i comunisti possano proficuamente rapportarsi ad alcuni aspetti della lezione gramsciana è palese. Che nell’ambito di questo rapporto venga falsata la realtà storica su cui si riflette non dovrebbe però essere ammesso, almeno nel contesto della comunità scientifica. Sono posizioni che del resto in essa non hanno peso, né avrebbero peso in generale, se non fossero sostenute da una campagna mediatica interessata.

2Fin qui siamo nell’ambito delle interpretazioni con scarso fondamento. Altra cosa sono le vere e proprie leggende storiografiche, cioè affermazioni totalmente destituite di fondamento. Negli anni Ottanta ebbe largo corso, ad esempio, una vera e propria campagna, alimentata dal Partito socialista craxiano, secondo la quale in carcere Gramsci si sarebbe iscritto al PSI. Periodicamente, e anche in anni recenti, è comparsa sulla stampa la immotivata tesi della conversione religiosa di Gramsci durante il ricovero alla clinica Quisisana di Roma, tesi alimentata dai presunti ricordi e dalle poco affidabili “confidenze”, spesso di seconda o terza mano, di religiosi e religiose. Né sono mancate ricostruzioni secondo le quali Gramsci sarebbe stato ucciso dal KGB – la passione per la letteratura gialla e spionistica ha condizionato pesantemente quanto bizzarramente la ricerca storiografica su Gramsci, di recente anche adombrando la tesi per cui il vertice del PCd’I sarebbe stato in gran parte composto da infiltrati e provocatori. O di traditori: la leggenda del “tradimento” perpetrato da Togliatti verso il suo antico compagno di lotta è un lido sicuro dove studiosi in cerca di spazio mediatico possono attraccare i loro vascelli. Ma di essi non resterà nulla e il disinteresse totale della comunità scientifica mondiale per queste bizzarrie interessate lo testimonia.

3In ultimo, è sorta la leggenda di un quaderno “scomparso”. Ma che cosa vuol dire scomparso? Distrutto, viene in realtà suggerito. E perché? La risposta non potrebbe che essere: perché troppo imbarazzante per gli eredi politici di Gramsci. Che tale tesi sia stata proposta contestualmente a quella di un Gramsci che in carcere sarebbe divenuto liberale spiega il disegno interpretativo complessivo, dovuto a convinzioni che orientano ab initio così ferreamente la ricerca da spingere studiosi anche titolati a giungere a conclusioni francamente indifendibili.

 

42. Il contrasto Gramsci-Togliatti dell’ottobre 1926 in primo luogo si pone sulla scia di una serie di contrasti tra i due leader maturati per tutto il 1926, dopo il Congresso di Lione e a partire dal trasferimento di Togliatti in Unione Sovietica. Dimensione nazionale e sovranazionale nel comunismo del tempo erano tanto intrecciate da costituire un tutt’uno. Nella storia del comunismo italiano l’episodio ha certo pesato, ma forse meno di quanto si tenda a credere. Infatti da parte sua Gramsci – ristretto in carcere – non poté dar corso a una azione politica di lotta contro la direzione togliattiana e gli orientamenti prevalenti a fine anni Venti nel Comintern. A rigore, non sappiamo neanche se lo avrebbe fatto. Da parte sua Togliatti difese tenacemente la volontà di dialogo col detenuto e post mortem ne costruì la fama. Non era scontato che ciò avvenisse. Si poteva far sparire nel nulla non solo un quaderno, ma tutti i Quaderni, e di Gramsci poteva al massimo rimanere la memoria di un martire del fascismo. Se ciò non fu, è perché Togliatti non volle, prima e dopo la morte di Gramsci. Tanti detrattori, più o meno diretti, dovrebbero tenerne conto. La politica togliattiana dopo il 1926 non è coincidente con il lascito gramsciano – anche perché si aprì allora una pagina del tutto nuova nella storia del movimento comunista, e chi non ne accettò le coordinate fu quanto meno messo fuori gioco, escluso, ridotto al silenzio o all’impotenza. Tuttavia le convinzioni profonde di Togliatti, fissate anche al momento della rifondazione del PCd’I, con il Congresso di Lione del gennaio 1926, restarono. Togliatti le difese ancora al X Plenum allargato del Comintern del 1928, quando fece mettere a verbale che i comunisti italiani avrebbero obbedito all’Internazionale (che si preparava ormai alla politica della “svolta” del “socialfascismo”), ma avrebbero continuato a pensare quello che avevano deciso a Lione (nel linguaggio del tempo, avrebbero cercato una rivoluzione “popolare” e non solo “proletaria”). Perché questo aspro scontro con il Comintern della delegazione italiana (Togliatti, ma anche Grieco e Di Vittorio), ancora due anni dopo l’arresto di Gramsci, se Togliatti e soci erano “traditori” o almeno intrinsecamente antigramsciani? Certo, poi vi furono gli anni Trenta, tempi difficili, per chi viveva all’Hotel Lux. Togliatti si piegò, portò avanti quella politica in cui, come aveva fatto mettere agli atti, credeva poco. E appena poté riprese a tessere la tela di un altro modo, certo molto più vicino a Gramsci, di intendere l’azione della sua parte politica: Fronti Popolari, guerra antifascista in Spagna, “partito nuovo”, “svolta di Salerno” e Costituzione… Nel mutare radicale dei tempi e degli scenari, chi può negare che vi sia tra questa strada togliattiana e l’insegnamento gramsciano un filo rosso che dà alla tradizione del comunismo italiano un timbro particolarissimo e riconoscibile?

 

53. Nessuno può dire veramente se l’arresto di Gramsci poteva essere evitato. Sappiamo che ad esso contribuì il rifiuto gramsciano di lasciare il proprio posto di combattimento contro il fascismo, come vi fu una generale sottovalutazione dell’imminenza del giro di vite mussoliniano anche contro i parlamentari dell’opposizione, e dell’opposizione comunista (non aventiniana). Se ci si riferisce a un eventuale dolo, a un tradimento, nulla è stato provato in questa direzione. Ragionare di orari ferroviari o di soste più o meno prolungate nella stazione di Milano ha poco senso, essendo troppe le variabili e troppi gli elementi che ignoriamo. In ogni caso le ipotesi interpretative proposte contengono non poche forzature. Si procede per congetture, ma di fronte a una congettura messa nero su bianco, su cui vengono scritti libri e a cui parte dei media fa da cassa di risonanza, tante altre congetture e ipotesi, diverse, potrebbero essere avanzate. In mancanza di elementi concreti e certi, credo che lo storico farebbe meglio a tacere, non a congetturare. Può capitare infatti che si congetturi – dico per dire – che una lettera sia stata costruita artatamente dall’OVRA, per poi dover ammettere qualche anno dopo che la congettura si sia rivelata insostenibile o addirittura falsa. Non sarebbe meglio allora tacere di ciò di cui non si può dire, aspettando – sempre con la massima onestà intellettuale, è chiaro – che nuove eventuali scoperte di archivio illuminino fatti rimasti oscuri o non compresi?

6Quanto poi alla domanda se vi fossero dirigenti ostili a Gramsci nel PCd’I, si dovrebbe meglio dire: vi fu qualcuno – nel suo partito – che volle lasciarlo in carcere, che si adoperò per questo fine? Credo di no. L’unico seriamente imputabile sarebbe Togliatti, per la divaricazione politica che parte dal 1926 e/o per conservare la leadership. Le migliori ricerche condotte sui rapporti tra Gramsci e Togliatti però – in ultimo quella di Giuseppe Vacca – ci dicono il contrario.

 

74. Ecco un’altra leggenda storiografica! Su questa ipotesi si ha un ampio spettro di risposte fantasiose, compresa quella per cui Giulia Schucht sarebbe stata addestrata dai servizi sovietici per concupire Antonio, sposarlo, a farci dei figli… tutto per meglio sorvegliarlo! Dalla Russia con amore, il celeberrimo film della serie 007 tratto dai romanzi di Fleming, ha fatto scuola. Altra fantasiosa leggenda storiografica imparentata con quella imperniata su Giulia è la storiella messa in circolazione da Enzo Bettiza per cui la “cognata organica” Tania avrebbe svolto lo stesso ruolo di spia-sorvegliante di Gramsci, subentrando alla sorella. Siamo nel regno delle facezie, stupide ma non disinteressate. Si vuol far credere che se una Schucht ha lavorato per gli apparati informativi sovietici (come segretaria, come interprete…) allora era un “agente”, una vera e propria “spia”, il che assolutamente non è.

8Ovviamente altro è affermare invece che in un clima di forte e totalizzante mobilitazione politica come quella del movimento comunista degli anni Venti le distinzioni tra personale e politico erano lontane dal nostro attuale sentire. Come è ugualmente noto che in Unione Sovietica vi fosse negli anni Trenta una sorveglianza parossistica della vita privata e pubblica: simile del resto a quello dell’Italia fascista o della Germania nazista (e vicino a quello degli Stati Uniti del maccartismo o del post-11 settembre, sia pure in forme più raffinate e moderne). Ma questa è tutt’altra questione.

 

95. A mio avviso non vi sono elementi forti e certi che supportino il “sospetto” di un quaderno “scomparso” (ripeto: si scrive scomparso, ma si legge – per i sostenitori di questa tesi – “fatto sparire dai perfidi comunisti compagni di Gramsci”). L’apposita commissione istituita dalla Fondazione Istituto Gramsci per indagare sulla etichettatura dei Quaderni non ha prodotto prova alcuna in tal senso. Tra l’altro, sembrano emergere anche dissonanze tra i pochi sostenitori della tesi “colpevolista” su quanti sarebbero i quaderni mancanti: uno o due? Forse molti? A completare la sceneggiatura manca solo la comparsa di un quaderno “ritrovato”: dopo i falsi “diari di Mussolini”, i falsi “quaderni scomparsi di Gramsci”! E giù pagine e pagine di giornale. Prima o poi qualcuno ci penserà…

10Anche se non ritengo plausibile l’ipotesi del quaderno “scomparso”, vorrei però dire qualcosa sul suo possibile/impossibile contenuto. Non credo che sarebbe potuta essere in questo presunto 34° quaderno una abiura del marxismo e del comunismo tale da rappresentare una discontinuità netta coi 33 quaderni conosciuti: dobbiamo forse presumere che negli ultimi due anni scarsi di vita Gramsci abbia rinnegato tutta la sua elaborazione immediatamente precedente? E perché? Vi sono stati fatti nuovi che lo hanno allontanato in modo deciso dal movimento comunista? Al contrario si potrebbe dire che con il VII Congresso dell’Internazionale, quello dei Fronti Popolari e della fine del periodo più settario ed estremista del movimento comunista, il corso del Comintern e quello della riflessione carceraria si siano avvicinati, non allontanati (pur restando non sovrapponibili). E resta il fatto che, qualunque cosa Gramsci pensasse di Togliatti e dell’URSS, era lì, nella “patria del socialismo”, che egli voleva tornare, una volta estinta la pena.

11Che cosa allora avrebbe contenuto questo misterioso quaderno “scomparso”? Un memorandum contro Togliatti e i suoi comportamenti? Se ciò fosse stato, non si vede proprio perché il prudentissimo Togliatti non avrebbe fatto sparire questo “quaderno mancante” in Unione Sovietica, durante la guerra, quando ne ebbe piena disponibilità, e lo avrebbe fatto sparire – questa è l’ipotesi sostenuta – una volta tornato in Italia. Qualunque potesse essere il contenuto di un simile ipotetico quaderno, più sarebbe rimasto in circolazione, più sarebbe aumentato il rischio che altri ne venissero a conoscenza, più difficile sarebbe stato farlo sparire. Senza dimenticare che sospetti e accuse erano presenti anche in alcune lettere gramsciane, che non furono distrutte. Non solo per questo, ma anche per questo, l’ipotesi di un 34° quaderno non appare convincente.

 

126. Il ruolo di Sraffa è stato quello di un grande amico del comunista sardo, di un suo ineguagliabile interlocutore intellettuale, di un “sostenitore” di buona parte delle idee tipiche del marxismo di Gramsci; forse è stato il ruolo di un comunista “coperto”, almeno per una fase, ma neanche questo a mio avviso può essere dato per acquisito. A un certo punto divenne “simpatizzante”, sodale di Togliatti per organizzare gli aiuti e la comunicazione col detenuto. Se fosse stato un agente del Comintern, qualche traccia sarebbe probabilmente rimasta. Se qualcosa emergerà dagli archivi, ne prenderemo atto. Fino a quel momento, si tratta di congetture gratuite.

 

137. La definizione di una “democrazia liberale” appartiene per molti versi a un’epoca successiva a quella gramsciana. La tesi della conversione liberaldemocratica è una tesi comunque segnata da forte strumentalità, al pari di quella – per molti aspetti coincidente – di un Gramsci “postcomunista”, che largo corso ha avuto a partire dalla fine del PCI e dal “crollo del Muro”. È vero che la forma della riflessione carceraria gramsciana rende complessa la definizione compiuta del suo pensiero. La mia idea è che Gramsci resti comunista fino in fondo. Un “comunismo critico”, lo si potrebbe definire richiamando quell’Antonio Labriola che egli valorizzò in carcere; un comunismo originale, che per alcuni versi seppe conglobare/superare, e non rifiutare con superficialità, alcuni tratti delle tradizioni liberale e democratica, ma pur sempre un pensiero comunista. Fatto che non sarebbe giusto ignorare per cedere a disinvolte attualizzazioni. Sarebbe utile lavorare sulle peculiarità del comunismo gramsciano, invece di volerlo assimilare alle correnti oggi prevalenti.

 

148. L’interpretazione metaforica degli scritti gramsciani non è limitata alle sole lettere. Anche i quaderni hanno subito lo stesso trattamento. Se non erro fu il saggio sul canto X dell’Inferno a subire per primo questa sorte, su cui poi nell’ultimo quindicennio troppo si è insistito, abusando di uno strumento ermeneutico pure utile. Non mancano metafore e allusioni nei Quaderni e nelle Lettere – soprattutto in queste ultime, dove la comunicazione cifrata era prevista e attesa dagli scriventi. Ma troppo spesso, nel passato recente, anche in alcuni dei migliori ricercatori, si è ecceduto in questa direzione, inventando di sana pianta ragionamenti e “messaggi” (attribuiti a Gramsci) che appaiono una evidente e immotivata forzatura. Certo, molto dipende dall’acume dell’interprete. Tuttavia una maggiore autosorveglianza degli studiosi in questo campo sarebbe auspicabile.

15A queste spesso forzate letture tra le righe appartiene anche quella che ha voluto vedere in qualche lettera – grazie a una disinvolta equazione tra Giulia e l’URSS e dunque le idealità comunistiche – una decisa autocritica gramsciana verso la propria adesione al comunismo, teorico e politico. Non mi sembra che negli scritti di Gramsci – per di più presi nella loro interezza, seguendo il «ritmo del pensiero» (per citare una celebre espressione gramsciana) – vi sia tutto questo. Nella lettera in questione poi sono evidenti i passaggi in cui il discorso è drammaticamente personale, sentimentale, esistenziale.

 

169. I tagli e le omissioni in occasione delle prime edizioni delle Lettere e dei Quaderni ebbero un limitato carattere censorio. In accordo con i dogmi dello stalinismo del tempo, furono elusi i riferimenti ad alcuni pensatori divenuti scomodi per la tradizione comunista dominante o passaggi difficili da spiegare sulla base dell’assunto, a lungo considerato vero e indiscutibile, di una assoluta continuità Gramsci-Togliatti, che non esisteva e che lo stesso Togliatti, più tardi, si preoccupò di smantellare. Allora si stava costruendo una tradizione di partito alternativa a quella del Diamat. Con alcuni strumenti anche essi stalinisti, certo; ma la cosa era realisticamente evitabile? Furono altresì ben più comprensibilmente censurate lettere (o brani di lettere) che contenevano riferimenti familiari delicati e comunque privati. Né va dimenticato che molte missive nel 1947 non erano state ancora rinvenute o comunque erano proprietà dei familiari di Gramsci o dei destinatari: buona parte del nostro “giornalismo culturale” lo ignora o fa finta di ignorarlo.

17Un secondo livello di omissioni riguarda il modo in cui furono suddivise le note dei Quaderni nella prima edizione “tematica” e la decisione di non pubblicare i testi di prima stesura ripresi in note di seconda stesura (quelli che più tardi Gerratana avrebbe chiamato “Testi A”). Ma sono questioni che, benché più interessanti, esulano probabilmente dalle problematiche che qui si vogliono affrontare.

 

1810. La contrapposizione Gramsci-Turati, contenuta in un libro superficiale e fazioso e ripresa vergognosamente da un grande quotidiano, nei modi e nelle forme in cui è stata riproposta non ha nessuna valenza storiografica, ma rappresenta un esempio di disinformazione totale della storia del socialismo italiano, del contesto in cui si svilupparono contrasti pure molto accesi, delle reali idee-forza dei due protagonisti ricordati. È un tipico caso di storia totalmente piegata a un “uso pubblico” partigiano.

 

1911. “Storia sacra” – come il termine è usato negli studi gramsciani – è solo una categoria polemica che si pone sullo stesso piano della storiografia ritenuta non scientifica che vuole contrastare; si vuole così delegittimarla a priori, con una definizione propagandistica, indebolendone radicalmente le posizioni di merito. In più, quando si tenta di delegittimare in questo modo studiosi della levatura di Spriano o Gerratana, sorge il sospetto che si stia oltrepassato il perimetro di una seria discussione scientifica e pesino antiche contrapposizioni. A ciò va aggiunto che non può non colpire il fatto che tutti gli accusati di essere esponenti della cosiddetta “storia sacra” del PCI siano studiosi ormai scomparsi. Non ve ne sono più, al giorno d’oggi? In tal caso si facciano i nomi.

 

2012. Da quanto già scritto, credo sia chiaro che non amo la “storia indiziaria”. Non dico che se ne debba fare del tutto a meno, ma poiché a mio avviso si è troppo ecceduto di recente in questa direzione, nel campo degli studi gramsciani, proporrei una moratoria. Vorrei che si tornasse a studiare Gramsci sulla base di quello che ha scritto nei 33 quaderni che conosciamo e dei documenti che gli archivi o altre fonti ci hanno finora messo a disposizione, senza troppe supposizioni e voli pindarici.

Auteur

Associato di Storia del pensiero politico contemporaneo, Università della Calabria; presidente della International Gramsci Society - Italia.

Acheter