Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Solomon Michoels e Veniamin Zuskin

 | 
Antonio Attisani

Epigrafe

Indagini di un cane (in Opere, Sansoni, Milano 1993, pp. 1178-1179)

Franz Kafka

Texte intégral

Tutto era musica: il modo in cui sollevavano e poi riabbassavano le zampe, taluni movimenti della testa, la loro maniera di correre e di star fermi, le posizioni che essi assumevano reciprocamente, le combinazioni quasi danzate che tra di loro imbastivano quando, ad esempio, uno posava le zampe anteriori sul dorso dell’altro, e poi quando si schieravano in modo che il primo, restando in piedi, reggeva il peso di tutti gli altri, oppure quando con i corpi che quasi strisciavano per terra, essi formavano figure intrecciate, senza mai sbagliare; . vero che l’ultimo di loro, che non era ancora del tutto sicuro di s., stentava a trovare subito la congiunzione con gli altri, e in qualche momento appariva tentennante nell’attaccar la melodia; ma insicuro era soltanto in confronto alla straordinaria sicurezza degli altri, e quand’anche fosse stato ancora pi. insicuro o magari insicuro del tutto non avrebbe potuto rovinar nulla, visto che gli altri, grandi maestri com’erano, erano irremovibili nel tenere il ritmo.

Franz Kafka, Indagini di un cane
(in Opere, Sansoni, Milano 1993, pp. 1178-1179)

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site