Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

I viaggi di Veniamin

 | 
Ala Zuskin Perelman

Le parole di Veniamin Zuskin

Lettere

Texte intégral

 

Veniamin Zuskin a Eda Berkovskaja

19 dicembre 1948

1Mia cara Eda,

2puoi immaginare bene ciò che ho provato (e provo ancora) dopo che te ne sei andata. Non posso descriverlo a parole. Mi sono tormentato per giorni e giorni, sono in un tale stato che, credimi, non potevo fare diversamente. Non voglio aggiungere altro a ciò che è già stato detto. Dopotutto, tu sei l’unica che ha visto il mio dolore e il mio tormento. Non ho più la forza per soffrire, supera la mia capacità di mortale.

3Domani, il 20 dicembre, alle ore 8.00 inizierò le cure presso l’ospedale Višnevskij. Starò lì per circa dieci giorni. Oggi è venuto a visitarmi il dottor Tarasov e abbiamo parlato a lungo. È un uomo gentile e straordinariamente sensibile, mostra così tanto interesse per ciò che mi sta accadendo, ci tiene così tanto a essermi d’aiuto che mi viene da piangere.

4In ospedale tutto è pronto per il mio trattamento. Credo con tutto il cuore che finalmente mi tirerò fuori dalla condizione che mi ha torturato per questi ultimi lunghi mesi. Voglio e devo essere in salute, a ogni costo! Lo devo al teatro e alla nostra famiglia. È chiaro come il giorno per me. Molto presto tornerò al mio lavoro, sarò nel pieno delle forze e delle energie e darò al teatro tutto ciò che ho, come ho sempre fatto.

5Eda, mia cara, non preoccuparti per me. Mi sto facendo ricoverare in ospedale perché sono convinto che nel più breve tempo possibile riconquisterò la mia forza e prometto a te e a tutti i nostri amici che far dem tsor vet mir nokh hobn nakhes [dopo avere sopportato queste sofferenze, avremo ancora gioia, n.d.t.].

6Ti scriverò dall’ospedale, se posso, perché dovrei essere addormentato, in un sonno profondo. (Potessi davvero riuscirci!) In ogni caso, chiederò a qualcuno dello staff di chiamare a casa regolarmente e darti informazioni sulle mie condizioni, così che tu sia sempre aggiornata. Per favore dì a Grigorij Borisovič e a Lev Michailovič, ai quali ho creato tanti problemi, che farò tutto ciò che posso per tornare al lavoro appena possibile, e insieme a loro, dirigere il nostro teatro.

7Saluta affettuosamente tutti i nostri amici.

8Credo, sì, credo davvero che nel prossimo futuro saremo nuovamente insieme e che le mie sofferenze avranno fine.

Ti bacio con sentimento, mia sofferente e amata Eda.

  • 1 V. Zuskin a Eda Berkovskaya, lettera manoscritta (in russo) del 19 dicembre 1948. Proprietà di A. Z (...)

Tuo, Zus1

 

Eda Berkovskaja

a Tamara Zuskin Platt.

15 luglio 1956

Mia carissima Tamara,

9posso finalmente mandarti un piccolo pacco e una lettera dettagliata.

10Sono tornata dalle vacanze pochi giorni fa. Sono stata nella regione di Riga, sulla costa del Mar Baltico, ospite da vecchi amici che hanno una casa per le vacanze. Mi sono riposata ma sono stata triste per tutto il tempo. Quando si è in vacanza e la vita è calma, senza preoccupazioni né problemi da gestire, senza lavorare, la malinconia, la tristezza e la solitudine vengono fuori. Oltre a questo, mi manca mia figlia Ala. In estate Ala lavora e non può raggiungermi. È stata assunta presso due istituti di istruzione superiore: giornate di studio in ingegneria civile e notti di studio in lingue straniere. È una vergogna che in passato ci siano stati ostacoli al suo diritto a ricevere una istruzione.

11Sai, Tamara, ora che posso dirti tutto nel dettaglio, non so da dove iniziare e mi sembra che la mia storia possa sembrare pallida su carta e che non sarò in grado di raccontarti come mi sento. Quando ci incontreremo ti spiegherò più a fondo, ti parlerò con il cuore in mano.

12Ti dirò soltanto una cosa: la tempesta che ci ha colpiti ha travolto, sradicato e distrutto tutto, non è rimasto niente. Oggi vedo di quanta forza morale abbiamo avuto bisogno per salvaguardare noi stesse e continuare a tenere la testa alta. Abbiamo potuto continuare a testa alta solo perché eravamo sicure della nostra purezza e sincerità.

13Quando ci hanno portato via tuo padre è stato un fulmine a ciel sereno. Era tanto incomprensibile da sembrare assurdo. Perché?

14Per quasi un anno il nostro teatro è stato sul punto di morire. Mi hanno torturata e derisa. Il direttore artistico e molti amici hanno finto di non conoscermi. Sono stata costretta ad andare avanti in queste condizioni, senza considerare la nostra tragedia privata. Non capivo nulla, non sapevo nulla di ciò che stava accadendo a tuo padre. Non mi avevano detto nulla del suo destino.

15Materialmente, la nostra situazione era molto difficile. Per tutto l’anno, fin quando il teatro non è stato chiuso, non abbiamo ricevuto lo stipendio. Ho dovuto vendere molte cose. Dopo la chiusura del teatro ci hanno pagato un salario cumulativo che non avevamo ricevuto per molti mesi e la cosa ci ha dato un po’ di sollievo, ma tutte le porte erano chiuse per noi e tutti fingevano di non conoscermi.

16Ho trovato un lavoro misero con cui guadagnavo qualche soldo. Portavo loro i soldi perché li dessero a tuo padre, quando ho saputo dove si trovava.

17Abbiamo vissuto così per quattro anni. Ovviamente ti sto raccontando tutto in breve, senza andare in profondità. È difficile descrivere le notti insonni, la tortura della sofferenza, il dolore tremendo che entrambe sentiamo ancora oggi, ciò che ci divorava da dentro, senza darci tregua.

18All’inizio del 1953, siamo state esiliate da Mosca. Siamo andate verso l’ignoto. Eravamo povere e devastate dal dolore. Avevamo paura del futuro. Avevamo paura che tutto fosse stato irrimediabilmente distrutto.

19E in cima a tutto questo, la vita di tuo padre. Che cosa gli stava succedendo? Perché gli stavano facendo questo? La paura si era impadronita di noi e avevamo paura di vivere.

20Un anno e mezzo dopo siamo rientrate dall’esilio. A casa nostra abitavano degli estranei. Per dieci mesi abbiamo vissuto con Lisa e Emma. Alla fine ci hanno assegnato una sola stanza del nostro vecchio appartamento. Non era rimasto nulla dei nostri mobili o dei libri, ci restavano soltanto miseri resti di ciò che avevamo portato con noi in esilio. Abbiamo dovuto ricominciare da zero.

21Ho ricevuto un compenso monetario per i mobili e i libri che avevamo perso, e lo stipendio di tuo padre per i suoi ultimi due mesi di lavoro in teatro. Dopo un po’ di tempo ho iniziato a ricevere la pensione speciale che mi era versata in quanto vedova di un uomo che aveva avuto uno status elevato e che era stato erroneamente giustiziato. Abbiamo acquistato alcune cose qua e là, negli anni in cui tuo padre non era con noi e io non avevo un impiego regolare, la nostra situazione era così disastrosa che avevamo venduto tutto ciò che potevamo. Ho ordinato un cappotto invernale per Ala e per me. Abbiamo acquistato anche alcuni pezzi di arredamento, abbastanza modesti. Ora è un po’ meno dura per noi.

22Soffro perché sento la mancanza del lavoro in teatro, al quale ho dedicato tutta la mia vita. Nonostante ciò, per tutto questo tempo abbiamo cercato di non far vedere come stessimo. Non abbiamo mai perso il nostro senso dell’umorismo, abbiamo cercato di trovare ciò che c’era di buono nella nostra vita per non focalizzarci sulla nostra tragedia. Abbiamo una forte amicizia con Tala e la sua famiglia, e con sua sorella Nina (la famiglia di Michoels). Il dolore condiviso ci ha unite. Ancora oggi possiamo sederci, ridere, scherzare, chiacchierare del più e del meno, ma la conversazione gira sempre intorno a una cosa: ciò che abbiamo passato, ciò che è successo agli uomini della nostra famiglia.

23Mia cara Tamara, vogliamo tutti che tu venga. Parleremo di tutto e tu capirai tutto.

Tua, Eda

 

  • 2 E. Berkovskaya a T. Platt, lettera manoscritta (in russo) del 15 luglio 1956. Proprietà di A. Zuski (...)

P.S. Scusa se ho scritto così disordinatamente, è che sono troppo eccitata.2

 

Eda Berkovskaja

a Tamara Platt.

19 agosto 1956

Mia carissima Tamara,

24dopo la nostra telefonata sento di non avere più nulla da scrivere. Verrai qui da noi molto presto, ne siamo tutti molto felici. Tala e la sua famiglia e Ala saranno rientrate dalle vacanze.

25Il 12 agosto, il giorno in memoria di tuo padre, i nostri amici si sono riuniti in casa nostra. Ci siamo scambiati ricordi su di lui. Prima, al mattino, sono andata al cimitero e mi sono seduta accanto alle tombe di mia madre e di Michoels. Vicino alla tomba di Michoels è particolarmente triste. Ho ripensato alla carriera di Michoels e di tuo padre. Che straordinaria coppia di attori sono stati! Una coppia baciata dalla grazia divina. Quanta passione avevano per il teatro. Vivevano il teatro e la sua arte. Quanto amavano la parola, il canto, la musica, i movimenti della nostra gente. E quanto erano importanti per la nostra gente.

26Che destino terribile e tragico! È possibile che tutto ciò sia dimenticato?

27Un caro saluto, presto ci vedremo,

28Baci,

Eda

 

29P.S. Non ti ho scritto che le persone che si sono ritrovate a casa nostra il 12 agosto soffrono con me per il destino di tuo padre, lo amavano, ricordano tutte le date importanti della sua vita, hanno vissuto i personaggi che ha interpretato, le canzoni e gli scherzi. C’erano molti fiori con i quali abbiamo decorato il ritratto di tuo padre.

Gli amici e gli allievi di Zuskin

a sua moglie e alle sue figlie.

24 settembre 1956

Care Eda, Tamara e Ala,

30oggi, 24 settembre 1956, sono passati trentacinque anni dall’inizio della carriera artistica del nostro amato Veniamin Zuskin.

31Permetteteci, in quanto amici e allievi di Veniamin Zuskin, nel giorno del ricordo della sua straordinaria attività teatrale, di condividere con voi il nostro dolore per la sua morte prematura e di esprimere il nostro orgoglio per avere avuto la fortuna di gioire dell’incontro con lui e di avere fatto nostra anche soltanto una piccola parte di ciò che ha colmato tutta la sua vita.

32La sua personalità unica e le sue straordinarie interpretazioni da attore, i personaggi che ha creato in modo così perfetto, niente di tutto ciò potrà mai essere cancellato dalla nostra memoria e dal nostro cuore. Grazie alla sua profonda comprensione della vita, al suo talento come insegnante, alla sua modestia, alla sua attenzione nei confronti di amici e allievi, le generazioni dopo di lui sono state formate e sono cresciute con l’idea di essere artisti che meritano di essere chiamati attori, esseri umani.

33Ci accompagnerà sempre il ricordo radioso di suo marito e vostro padre. Per noi e per i nostri figli sarà un prezioso esempio di ciò che rende un essere umano un illuminato.

34Siete care ai nostri cuori e vi auguriamo che il vostro orgoglio sincero per questa vita illuminata possa vincere il dolore.

Notes

1 V. Zuskin a Eda Berkovskaya, lettera manoscritta (in russo) del 19 dicembre 1948. Proprietà di A. Zuskin Perelman. Grigorij Borisovič Fishman era il direttore amministrativo del Goset, Lev Michailovič Pul’ver il direttore d’orchestra e compositore.

2 E. Berkovskaya a T. Platt, lettera manoscritta (in russo) del 15 luglio 1956. Proprietà di A. Zuskin Perelman.

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site