Version classiqueVersion mobile

I viaggi di Veniamin

 | 
Ala Zuskin Perelman

Le parole di Veniamin Zuskin

Ciò che ho imparato dal cinema

Texte intégral

1Come in teatro, nell’industria del cinema l’attore deve prefiggersi un solo obiettivo. Facendo ricorso ai mezzi espressivi di cui dispone, deve creare un personaggio autentico, pieno di vita e di vibrazione, ritrarre una persona con tutti i suoi colori e contraddizioni.

2L’arte dell’attore è un’arte radicalmente individualista. In ogni lavoro, scrupolosamente e sistematicamente, accumulando esperienze e passando da un personaggio all’altro, l’attore elabora il proprio personale approccio all’interiorizzazione di una immagine e alla sua rappresentazione. L’unicità dell’attore sta nel suo essere contemporaneamente l’oggetto e l’artefice della propria creazione.

3L’attore è l’autore del personaggio e «il regista deve scomparire nell’attore», come scrive Nemirovič-Dančenko. Ritengo inoltre che l’attore debba lavorare sul testo o sul copione facendo ricorso ai propri strumenti artistici così che il lavoro letterario abbia il suo marchio personale.

4Il lavoro dell’attore di teatro è la preparazione, più correttamente l’accumulazione. In questa fase credo non vi sia alcuna differenza tra l’attore di cinema e quello di teatro. Durante le prove invece, trovo alcune differenze: in teatro le prove si tengono dall’inizio alla fine, in modo ordinato e sistematico; nel cinema, il ruolo sembra composto di tanti pezzi, si può essere ripresi prima in un frammento che appartiene al finale del film e tre mesi dopo nei segmenti iniziali. Credo che un attore di cinema debba provare soltanto i frammenti importanti per modellare il ruolo e lasciare spazio alla performance più naturale e spontanea davanti alla macchina da presa.

5In quanto attore di teatro, non sono d’accordo con l’approccio secondo il quale il lavoro su un ruolo finisce quando termina il periodo delle prove. Il personaggio continua a prendere forma nel corso delle sue apparizioni di fronte a un pubblico. Il pubblico è parte integrante del lavoro dell’attore di teatro. Nel cinema invece, per l’attore è impossibile valutare se stesso in base alla risposta del pubblico.

6L’attore di teatro che lavora nel cinema deve abbandonare i metodi di lavoro che adotta solitamente. Nel cinema è fondamentale che l’attore mantenga il più possibile il contatto con l’obiettivo della macchina da presa, quest’ultima infatti non soltanto cattura ogni singolo dettaglio ma lo amplifica. Quindi il lavoro dell’attore cinematografico è più difficile rispetto a quello dell’attore di teatro: per stare davanti alla macchina da presa deve essere padrone del proprio talento.

7Nel cinema più che in teatro, per l’attore il regista è l’autorità suprema. A me sembra che durante le riprese di un film, il regista debba fungere da surrogato del pubblico.

8L’attore di cinema deve essere sincero, autentico e perfettamente naturale. Un attore che ha un certo ruolo in un film lo interpreta una sola volta nella vita mentre in teatro, se dovesse mai capitare che una volta io interpreti malamente, potrò consolarmi pensando che laddove non sono riuscito oggi riuscirò domani; al cinema tutto ciò è impossibile.

9Che cosa deve fare l’attore di cinema per utilizzare appieno il proprio talento? Potrà farlo soltanto se sente in modo completo il personaggio che ritrae, dovrà avere metodi espressivi precisi, concentrati e del tutto calcolati.

10Un punto particolarmente importante è l’autocontrollo dell’attore. In qualsiasi momento, l’attore deve essere all’erta rispetto a ciò che sta facendo, sempre vigile e avere sviluppato il senso delle proporzioni, il buon gusto e la modestia. La cosa più importante è che non deve pensare alla macchina da presa.

11L’attore deve conoscere la tecnologia dei processi cinematografici; a fare da intermediario tra l’attore e il pubblico è il microfono. Bisogna tenere conto di queste caratteristiche, è necessario fare pratica rispetto al lato più fisico del parlare. Quando il regista è coinvolto nel montaggio del film bisogna fidarsi di lui e del suo gusto; il regista è interessato al successo del film, non sminuirà l’attore, le sequenze in cui l’attore dà il meglio saranno sempre incluse nel film.

  • 1 V. Zuskin, “Chemu nauchilo menia kino” [ “Cosa ho imparato dal cinema”], «Iskusstvo kino», 3 (marzo (...)

12Bisogna guardare le sequenze girate, è un dovere; l’attore ne trarrà insegnamento su come guardare al proprio lavoro in modo critico e lottare per ottenere risultati ancora migliori. Le mie conclusioni sono generiche, basate sull’esperienza che ho fatto con il cinema. Il mio lavoro nel cinema ha contribuito in qualche modo al mio lavoro in teatro? Sì, molto. Specialmente in virtù delle differenze, l’attore può trarne dei benefici. Un attore di teatro non potrà restare indifferente al lavoro nel cinema. Detto ciò, in teatro vado in scena e sento il respiro del pubblico e ciò è entusiasmante, mentre nel cinema l’attore recita di fronte a un pubblico virtuale e la sua immaginazione dovrà essere più sviluppata.1

Notes

1 V. Zuskin, “Chemu nauchilo menia kino” [ “Cosa ho imparato dal cinema”], «Iskusstvo kino», 3 (marzo 1938), pp. 43-44.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search