Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

I viaggi di Veniamin

 | 
Ala Zuskin Perelman

I viaggi di Veniamin. Vita, arte e destino di un attore ebreo

Terzo interludio

Texte intégral

14 marzo 1952. Istruttoria. Interrogatorio di Veniamin Zuskin.

2Investigatore: «Ha affermato che il teatro era un covo di nazionalismo».

3Zuskin: «Sì».

4Investigatore: «Ci dica dei suoi crimini».

  • 1 V. Koljazin, ed, Vernite mnie svobodu cit., p. 350.

5Zuskin: «Ero assorbito dal mio lavoro come attore».1

 

611-12 giugno 1952. Processo. Testimonianza di Veniamin Zuskin

7Presidente: «Qual è il suo rapporto con la Scuola Ebraica di Recitazione?».

  • 2 V. Naumov, Nepravednyj sud cit., p. 312.

8Zuskin: «Insegnavo».2

 

911 gennaio 1949. Istruttoria. Interrogatorio di Veniamin Zuskin.

10Investigatore: «Si dichiara colpevole di avere condotto attività nazionalistiche antisovietiche?».

  • 3 V. Koljazin, ed, Vernite mnie svobodu cit., p. 337.

11Zuskin: «Sì. Nutrivo sentimenti contrari al potere sovietico ed ero in contatto con il nazionalismo clandestino».3

 

1211-12 giugno 1952. Processo. Testimonianza di Veniamin Zuskin.

13Presidente: «Ha dichiarato di avere intrapreso un percorso ostile e antisovietico».

  • 4 J. Rubenstein, V. Naumov, eds, Stalin’s Secret Pogrom cit., p. 388.

14Zuskin: «Nego categoricamente».4

 

1524 dicembre 1949. Istruttoria. Interrogatorio di Veniamin Zuskin.

16Investigatore: «Lei era membro del Comitato Antifascista Ebraico».

  • 5 V. Koljazin, ed, Vernite mnie svobodu cit., p. 345.

17Zuskin: «È vero».5

 

1811-12 giugno 1952. Processo. Testimonianza di Veniamin Zuskin.

  • 6 J. Rubenstein, V. Naumov, eds, Stalin’s Secret Pogrom cit., p. 385.
  • 7 V. Naumov, Nepravednyj sud cit., p. 308.

19Zuskin: «Ho lavorato in teatro e nel cinema e perfino al club del Ministero per la Sicurezza dello Stato, ho realizzato spettacoli per la compagnia delle guardie di confine. Ecco, avete chiara tutta mia vita.6 Vorrei parlare di alcune cose che non si trovano nei quarantadue faldoni dell’Istruttoria».7

20Presidente: «Ha scritto lei gli articoli in prima persona? Che cosa c’era di nazionalista e di diffamatorio in questi articoli?».

  • 8 J. Rubenstein, V. Naumov, eds, Stalin’s Secret Pogrom cit., pp. 391-392.

21Zuskin: «Assolutamente niente… Che cosa avrei potuto scrivere quando la gente piangeva di gioia per avere ottenuto premi e riconoscimenti?».8

Notes

1 V. Koljazin, ed, Vernite mnie svobodu cit., p. 350.

2 V. Naumov, Nepravednyj sud cit., p. 312.

3 V. Koljazin, ed, Vernite mnie svobodu cit., p. 337.

4 J. Rubenstein, V. Naumov, eds, Stalin’s Secret Pogrom cit., p. 388.

5 V. Koljazin, ed, Vernite mnie svobodu cit., p. 345.

6 J. Rubenstein, V. Naumov, eds, Stalin’s Secret Pogrom cit., p. 385.

7 V. Naumov, Nepravednyj sud cit., p. 308.

8 J. Rubenstein, V. Naumov, eds, Stalin’s Secret Pogrom cit., pp. 391-392.

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site