Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

I viaggi di Veniamin

 | 
Ala Zuskin Perelman

I viaggi di Veniamin. Vita, arte e destino di un attore ebreo

Secondo interludio

Texte intégral

14 ottobre 1951. Istruttoria. Interrogatorio di Veniamin Zuskin.

  • 1 V. Koljazin, ed, Vernite mne svobodu cit., p. 348.

2Zuskin: «Dopo la tournée in Europa, Granovskij non rientrò in Unione Sovietica».1

 

311-12 giugno 1952. Processo. Testimonianza di Veniamin Zuskin.

4Presidente: «Il repertorio rimase invariato?»

5Zuskin: «Il teatro iniziò a mettere in scena opere scritte da autori sovietici».

 

64 marzo 1952. Istruttoria. Interrogatorio di Veniamin Zuskin.

7Giudice istruttore: «In che modo il Teatro Ebraico diffondeva le proprie idee nazionaliste?»

  • 2 V. Naumov, Nepravednyj sud cit., p. 310.

8Zuskin: «Con vecchie opere, nelle quali si trovava la nozione distorta secondo la quale gli ebrei sono un popolo unico, presumo».2

 

911-12 giugno 1952. Processo. Testimonianza di Veniamin Zuskin.

10Presidente: «Ma lei era uno dei primi attori?»

  • 3 V. Koljazin, ed, Vernite mnie svobodu cit., p. 352.

11Zuskin: «I miei ruoli… Ho interpretato un lavoratore, un membro del Partito, un russo istruito, nessuno di essi risulterebbe adeguato al mio presunto nazionalismo».3

12Presidente: «Ha descritto Michoels…»

13Zuskin: «Loro parlano di Michoels, ma io conoscevo Vovsi, tra i due vi è una differenza abissale».

 

1417 marzo 1949. Istruttoria. Interrogatorio di Veniamin Zuskin.

15Giudice istruttore: «Michoels era un ebreo nazionalista?»

  • 4 V. Naumov, Nepravednyj sud cit. p. 310.

16Zuskin: «Cercavo di non prestare attenzione ai suoi lati negativi».4

 

1711-12 giugno 1952. Processo. Testimonianza di Veniamin Zuskin.

18Presidente: «E Markiš? Ci dica».

19Zuskin: «Nel periodo più difficile della mia vita Markiš è stato un buon amico e un consigliere. Mi riferisco al 1938»

20Presidente: «1938?»

21Zuskin: «Nel 1938 ho inoltrato una richiesta di dimissioni. In teatro mi sentivo soffocare».

22Presidente: «Avrebbe dovuto lasciare».

  • 5 J. Rubenstein, V. Naumov, eds, Stalin’s Secret Pogrom cit., p. 386.
  • 6 V. Naumov, Nepravednyj sud cit., p. 299.

23Zuskin: «Se avessi lasciato, il teatro sarebbe andato in pezzi.5 Inoltre, il Comitato per gli Affari Artistici non me lo permise».6

Notes

1 V. Koljazin, ed, Vernite mne svobodu cit., p. 348.

2 V. Naumov, Nepravednyj sud cit., p. 310.

3 V. Koljazin, ed, Vernite mnie svobodu cit., p. 352.

4 V. Naumov, Nepravednyj sud cit. p. 310.

5 J. Rubenstein, V. Naumov, eds, Stalin’s Secret Pogrom cit., p. 386.

6 V. Naumov, Nepravednyj sud cit., p. 299.

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site