Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

I viaggi di Veniamin

 | 
Ala Zuskin Perelman

Zuskin negli occhi della mia mente

Mordechai Altshuler

Texte intégral

1Alcune persone sono state fondamentali per il Teatro Ebraico di Stato di Mosca. Una è Michoels, che immagino tutti abbiano già sentito nominare, poi c’è Veniamin Zuskin, che pochi invece avranno già sentito. Non è un caso, Michoels, era un uomo molto sicuro di sé, il secondo, Zuskin, era un attore dal talento straordinario. Dopo quasi ogni spettacolo, era convinto di non avere dato il meglio di sé, come numerosi registi non soltanto ebrei possono confermare. Uno di questi raccontava che Zuskin, dopo il Re Lear, in cui interpretava il Fool in modo straordinario, gli aveva detto: «Non andrò mai più in scena perché oggi la mia recitazione non è stata come avrei voluto».

2Questo era Zuskin.

3Non sempre sicuro di sé, esitante, per quanto ho potuto apprendere sul suo conto, attore dal talento straordinario, iniziò a dedicarsi al teatro all’età di ventidue anni, praticamente senza avere studiato recitazione, aveva assimilato il modo di vivere degli ebrei piegato dal dolore ma anche ricco di umorismo, saggezza, capace di affrontare con un atteggiamento divertito anche la disgrazia.

4Nelle sue interpretazioni, almeno in alcune, Zuskin diede vita alla figura del quel “piccolo uomo” che possedeva tutte quelle caratteristiche. È lui il Sancho Panza dei Viaggi di Beniamino Terzo, il Fool del Re Lear, il badkhen del Freylekhs che andò in scena nel 1945. Dopo l’immensa tragedia, con la disperata sensazione che il popolo ebraico non esistesse più, il Goset mise in scena Freylekhs, storia di un matrimonio ebraico. Che cos’è il matrimonio nella cultura ebraica se non la vita che continua, la famiglia che si allarga, la nascita? Nuova vita. Il teatro mise in scena l’esperienza ebraica con danze e canti tradizionali, l’intero modo di vivere di un popolo. E il personaggio principale dello spettacolo era il badkhen.

5Sulle spalle dell’uomo che ho cercato di ritrarre con poche parole, ricadde un compito grave e serio, forse il più difficile della sua vita.

6Il 13 gennaio 1948, non so come fu dichiarato, se un incidente oppure no, non lo so davvero, Michoels fu assassinato.

7Nel teatro regnava la confusione, gli attori vagavano senza sapere cosa fare. Era venuta a mancare la loro guida, qualcuno che indicasse la strada. In quel momento cruciale, Zuskin assunse la responsabilità di caricarsi di quel fardello. La situazione del teatro, pervaso da un senso di disperazione, era assai cupa. Negli uffici e tra le quinte si mormorava: «Che cosa accadrà?». La voce che Michoels fosse stato assassinato si era già diffusa, ma la verità poteva soltanto essere sussurrata in gran segreto. Intanto, al teatro furono tagliati i finanziamenti statali: «Il teatro deve vivere dei propri introiti», ma così quel teatro non poteva sopravvivere.

8Il dottor Rapoport, uno degli arrestati per la cosiddetta «congiura dei camici bianchi», scrisse che nell’istituto in cui lavorava correva voce che fosse abbonato al Teatro Ebraico. Non era abbonato al teatro, perché il teatro non lo interessava, ma questa informazione era bastata per gettare un’ombra di sospetto su di lui. Ciò per dire che se da un lato erano stati tagliati i finanziamenti, impedendone di fatto la sopravvivenza, dall’altro l’atmosfera era così pesante che chiunque avesse acquistato un abbonamento era considerato un presumibile traditore.

9In quei giorni così difficili il teatro cercò di tirare avanti, si tratta di un passaggio al quale non si presta abbastanza attenzione. Veniamin Zuskin prese il fardello sulle proprie spalle, quello fu probabilmente il ruolo della sua vita. Con le mandibole serrate, resistette e assicurò la continuità all’attività del teatro per un altro anno. Le sue esitazioni, i suoi dubbi, il dolore e il tormento non li mostrò mai e non li condivise con i colleghi per non demoralizzarli, ma ciò lo distrusse.

10Smise di dormire la notte e infine per curarlo lo ricoverarono in una clinica, lo anestetizzarono nella speranza che il sonno di alcuni giorni potesse fargli bene. Fu prelevato dalla polizia segreta presso la clinica, mentre giaceva in un letto, mentre dormiva. È possibile immaginare come possa sentirsi un uomo portato via dalla clinica in cui è in cura per risvegliarsi in una cella della tortura?

  • 1 Discorso tenuto in occasione della serata dedicata al centesimo compleanno di Veniamin Zuskin alla (...)

11Questo è Zuskin.1

Notes

1 Discorso tenuto in occasione della serata dedicata al centesimo compleanno di Veniamin Zuskin alla Cinematèque di Gerusalemme il 28 aprile 1999. Pubblicato con il permesso di Mordechai Altshuler.

Auteur

Mordechai Altshuler è professore emerito dell’Università di Gerus

alemme. Nato nel 1932 in Polonia ed emigrato in Israele, è dottore in storia. Professore universitario e ricercatore in Israele, Stati Uniti e Giappone, ha concentrato i propri studi sulla storia degli ebrei in Unione Sovietica, pubblicando un volume sul Goset e gli altri teatri ebraici sovietici.

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site