Version classiqueVersion mobile

Cercatori di felicità

 | 
Antonio Attisani
, 
Alessandro Cappabianca

Nella linea del tempo

5. Declinazioni della memoria dopo la fine del mondo

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Dalla fine della Seconda guerra mondiale, quella della cultura yiddish è una sopravvivenza post-traumatica che si manifesta anche nei film nati per celebrare il tempo nuovo, con la sua ritrovata pace e le promesse di esteso benessere. Ci vorranno circa quindici anni per rendersi conto che non soltanto la gran parte dei parlanti yiddish sono stati assassinati, ma anche che i sopravvissuti e i nuovi nati parlano ormai le lingue dei paesi in cui sono radicati ed è l’attenzione all’ebraico (la lingua adottata, modernizzandola, dal nuovo stato di Israele) a significare l’orizzonte dell’appartenenza e delle tradizioni.1 Per quanto riguarda il teatro, tale vicenda è delineata nei capitoli finali del primo e del quarto volume di questa serie; per quanto riguarda il cinema cerchiamo di dare testimonianza qui delle ultime opere, sempre meno definibili come yiddish secondo i canoni validi per i decenni precedenti e sempre più riferibili a esercizi della memoria e all’impegno della sua trasmiss...

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search