Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Maurice Schwartz e i teatri d’arte yiddish

 | 
Antonio Attisani

Al lettore di questo volume

Texte intégral

1La vita degli attori è una fiaba assai tortuosa nel corso della quale essi vivono infelici e contenti, oppure felici e scontenti, che si conclude con l’uscita di scena, ovvero il passaggio dalla luce alla penombra di un tempo indefinibile che nessuno percepisce. Abbiamo deciso di dedicare questa serie soprattutto alle vite degli attori del teatro yiddish, seguendo le loro tracce in giro per il mondo, in buona parte raccolte nei meritevoli studi che qui citiamo. I principali riferimenti bibliografici si trovano nel primo volume di questa serie. Oltre ai libri, abbiamo fatto riferimento a tante vecchie fotografie, talvolta colorate a mano, ritagli di giornale, lettere, ricordi personali pubblicati in varie forme; ciò per arricchire la conoscenza delle attrici e degli attori yiddish da cui questo teatro origina e che sono stati finora relativamente trascurati. Le loro storie, che abbiamo portato quanto più possibile in primo piano, a loro sembrerebbero forse un risarcimento ancora limitato. Anche in considerazione di ciò, gli autori di questa serie si augurano che nuove leve di studiosi vogliano proseguire nel lavoro, come ad esempio sta facendo egregiamente il sito Digital Yiddish Theatre Project (<https://yiddishstage.org>), dedicato soprattutto alla proposta di materiali inediti.

2 Siamo comunque ancora lontani dal Memoriale del Teatro Yiddish destinato, pare, a rimanere un sogno di poche persone, un’accogliente istituzione multimediale che potrebbe accogliere tutti i documenti storici e critici, rendendoli facilmente accessibili. Lontani ma forse alle premesse.

3Ognuna di quelle biografie è un’avventura moderna, di attrici e attori che hanno avuto una vita arricchita, intensificata, in un mondo che viveva una straordinaria trasformazione, non solo in senso positivo, come sappiamo. Uomini e donne che cercavano di uscire dal regno oscuro della necessità per entrare in quello della libertà e della felicità, che sentivano di dover sottoporre al vaglio del progresso sociale una tradizione millenaria.

4L’attenzione che noi stiamo dedicando a questo piccolo popolo parte di un popolo più grande non rappresenta soltanto un risarcimento loro dovuto, è anche un modo di conoscere la nostra storia di donne e uomini del Novecento, di conoscerla con la discrezione e la reticenza della poesia, di vite immerse in un mondo pieno di orrori e di speranze che sempre rendevano e rendono “grottesco” il nutrimento e il prodotto artistico, ovvero fatto di tanti ingredienti e sapori, tale da non permettere la nostalgia e l’idealizzazione, anzi da accettare come un invito a non censurare la complessità della vita, anche quando essa appare, a molti di noi e a un secolo di distanza, specie alla luce degli eventi storici e sociali più recenti, atrocemente semplificata. Il nostro non è un viaggio nei luoghi della Mitteleuropa, come quello magnificamente descritto da autori come Claudio Magris e Martin Pollack, è una visita alle tombe di attrici e attori, drammaturghi, musicisti. Sono tombe di fronte alle quali lo sguardo si apre magicamente su ciò che hanno fatto e le orecchie sentono il suono coinvolgente di quella lingua che molti, anche ebrei, consideravano uno sgraziato dialetto.

5Il protagonista principale, ma non il solo, di questa storia è Maurice Schwartz, probabilmente il più grande interprete del teatro yiddish. L’arco della sua vita si protende da un inizio alla Dickens al sogno impossibile di creare un teatro yiddish in Israele, passando per una serie di realizzazioni che sul piano drammaturgico, registico e attoriale lo pongono sullo stesso piano dei suoi più noti coetanei russi e americani. La sua vita è un romanzo teatrale che purtroppo non è completato, come si dovrebbe, da un adeguato apparato fotografico. Questa nostra mancanza è dovuta alla richiesta di cifre impossibili per imprese non commerciali come la nostra da parte delle istituzioni e degli archivi.

6Se davvero stiamo contribuendo a creare le premesse per una edizione mondiale e per un memoriale del teatro yiddish, lì finalmente lettori e visitatori potranno sperimentare un modo unico di usufruire e godere della memoria.

A oggi, autunno 2018, di questa serie sono usciti i volumi V, dedicato a Solomon Michoels e Veniamin Zuskin (2014), I, di introduzione generale (2016), il III su Jacob Adler e Boris Thomashefsky (2016), il VI sul Re Lear del Goset (2017) e il VII su Ida Kaminska e la sua stirpe (2018). Sono in preparazione e previsti entro l’anno il volume II sul cinema yiddish, l’VIII su Molly Picon e i protagonisti della terza generazione, il IX di Ala Zuskin Perelman e, a seguire, il X di Raffaele Esposito sulla drammaturgia yiddish.

© Accademia University Press, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site