Version classiqueVersion mobile

Indomita yidishe mame

 | 
Giulia Randone

Solitudine e resistenza di un’attrice

Antonio Attisani

Texte intégral

1La nostra serie di volumi sul teatro yiddish nasce da un intento dichiaratamente monumentale, vale a dire festosamente celebrativo ma soprattutto realizzato in forma di opera multidimensionale e collettiva, come una raccolta di informazioni storiche e di analisi critiche che può essere esaminata da diversi punti di vista, sia in senso sincronico che diacronico. Tutti i singoli volumi, focalizzati a raccontare le più significative vicende biografiche e artistiche, sono importanti e nell’insieme costituiscono la storia più completa e aggiornata di questa quasi centenaria civiltà teatrale la cui conoscenza è per molti versi preziosa, tra l’altro essendo una delle radici sepolte del teatro e del cinema contemporanei. Una volta completata, la serie risulterà chiaramente essere un indice commentato di possibili studi a venire. Oltre ai motivi appena accennati, sarà necessario anche cogliere con maggiore precisione nella peculiare vicenda teatrale la sciagura dell’antisemitismo, culminato nella seconda guerra mondiale e nella Shoah. Dei sei milioni di ebrei assassinati dai nazisti e dai loro complici, cinque erano parlanti yiddish. Il poeta e martire Itzhak Katzenelson ha espresso in modo preciso e toccante il senso di questo crimine nel proprio Canto del popolo yiddish messo a morte: «O sciocco goy, hai sparato all’ebreo ma la pallottola ha colpito anche te! E ora chi ti aiuterà a costruire le tue nazioni? Chi ti darà tanto cuore e tanta anima? E quelle teste calde dei miei comunisti non litigheranno più con i miei bundisti […]. Oh! Se poteste litigare ancora ed essere vivi! Ahimè, non c’è più nessuno… c’era un popolo, e ora non c’è più… c’era un popolo… e ora è scomparso!» .

 

2Nel contesto di questa celebrazione in forma di studio il presente volume ha un valore particolare perché si sofferma con affetto e competenza su un capitolo della tradizione teatrale yiddish esteuropea cui gli attori e i drammaturghi di origine polacca e lituana hanno dato un contributo non secondario. È una tradizione assai meno conosciuta di quella sviluppatasi in America, alla quale d’altronde hanno contribuito molti talenti provenienti dai paesi citati.

3La vita e la carriera artistica di Ida Kaminska sono contrassegnate dal costante impegno nello sviluppo di un teatro yiddish di alto livello artistico da proporre al mondo moderno. La sua è un’avventura esaltante e drammatica dispiegatasi prima e dopo la seconda guerra mondiale e la Shoah, dagli anni Venti agli anni Sessanta, vale a dire dalla cosiddetta «seconda età dell’oro» del teatro yiddish al suo fatale declino, contro il quale l’attrice ha speso le proprie ultime energie. La sua storia e quella della sua grande famiglia artistica è dunque parallela nel tempo e nel significato a quella di altri attori, soprattutto Maurice Schwartz, cui è dedicato il quarto volume di questa serie. Anche Schwartz ha speso tutta la propria vita in un titanico sforzo di modernizzazione artistica e tecnica del teatro yiddish negli Stati Uniti e nelle Americhe.

4Tra l’altro, per trovare sulla scena una compassione per il reale e una felicità da condividere con il pubblico entrambi hanno dovuto rinunciare alla pienezza degli affetti e alla serenità familiare. La somiglianza tra queste due eccezionali personalità è profonda: si sono impegnati a sviluppare il teatro yiddish senza tradirne la peculiarità e persino i compromessi ai quali hanno dovuto talvolta piegarsi non li hanno mai indotti a smettere di studiare e di sperimentare. La loro fedeltà a una rigorosa e originale idea di teatro si evidenzia nel rifiuto ribadito sino alla fine di abbandonare una lingua straordinariamente plastica, naturalmente teatrale potremmo dire, benché resa progressivamente marginale dagli eventi storici, una lingua ricca di sfumature che vanno dalle vette del tragico al mare dell’ironia, una lingua grottesca destinata a essere abbandonata nel secondo dopoguerra non soltanto perché la gran parte dei suoi parlanti erano stati assassinati ma anche perché i sopravvissuti e i loro eredi si sono progressivamente integrati nei paesi d’insediamento o nel nuovo stato di Israele, che invece ha optato per l’ebraico come lingua nazionale. Entrambe le loro vite, comunque, sono caratterizzate da grandi compimenti e altrettanto grandi fallimenti.

5Naturalmente là dove vi sono somiglianze vi sono anche differenze. La prima differenza tra loro è quella tra una donna e un uomo, una sfumatura decisiva. Le condizioni sociali con le quali l’attrice ha dovuto fare i conti erano decisamente più ostiche in quei decenni cruciali. Dunque bene ha fatto Giulia Randone a insistere, anche contro le perplessità del sottoscritto, nel sottolineare fin dal titolo che la storia di Ida Kaminska è quella di una donna e madre che sceglie la professione teatrale e declina la propria femminilità con intelligenza, compassione e spirito di sacrificio, senza mai rinunciare alla felicità creativa pur in un mondo sordamente ostile. Tutto ciò trovandosi non di rado in conflitto con gli uomini della propria cerchia, del mondo del teatro e del mondo in generale.

6Per Schwartz e l’America lo yiddish è diventato poco a poco un tesoro sepolto nella memoria di pochi e infine dissolto a causa dell’assimilazione. Per lei è diverso: Kaminska agiva soprattutto in Polonia, un paese fondamentale per l’Europa moderna e particolarmente sofferente per motivi sempre diversi e sempre uguali: prima il dominio straniero e il periodico smembramento, poi l’antisemitismo, il fascismo e il nazismo, culminati con lo sterminio sistematico degli ebrei, poi ancora con il regime comunista che poco a poco ha emarginato i pochi ebrei sopravvissuti, senza contare l’ondivaga politica della chiesa cattolica nelle diverse fasi. Le è stato risparmiato il confronto con il postcomunismo, caratterizzato da una incerta “dialettica” tra disparate istanze etiche e culturali, da una parte, e la soverchiante pressione derivante dallo sviluppo dell’economia mondialista dall’altra. Eppure oggi, in entrambi i paesi e un po’ dappertutto nel mondo, si registra un ritorno di interesse per la lingua e la cultura yiddish, anche se il fenomeno è ancora timido e non ha ancora affrontato alcune grandi questioni. È indubbio, comunque, che abbia prevalso quanto è stato deciso nel momento della fondazione dello stato di Israele circa la centralità della lingua ebraica continuamente aggiornata e la messa a lato dello yiddish come elemento e contrassegno di un passato da ri-conoscere e di un presente sommerso. Nella situazione unica al mondo di un paese autenticamente democratico e incredibilmente traboccante di tradizioni e contraddizioni, lo yiddish è oggi ridotto a lingua di alcuni ambienti ultra-ortodossi e chassidici di ebrei conservatori (haredim) per i quali è diventato l’emblema di una presa di posizione anti-modernista che rigetta ogni influenza esterna. Dall’altra parte del mondo, invece, il portato poetico della lingua yiddish si è disciolto nelle arti performative ed è riconoscibile oggi soprattutto in campo musicale.

 

7Tutti i volumi della nostra serie mantengono sullo sfondo la questione ebraica del tempo presente e orientano la narrazione verso le forme di vita degli artisti e la vita delle forme da essi create. Nel caso di Ida Kaminska qui abbiamo la prima monografia a lei dedicata, che si è potuta realizzare soltanto per la profonda competenza e l’amore dell’autrice per la lingua materna polacca. È uno studio denso, composto di capitoli che sono di per sé altrettante concise monografie, uno studio condotto coraggiosamente fino alla scelta di concentrarsi su due spettacoli come Mirele Efros e Madre Coraggio, così da analizzarli con estrema accuratezza (anche questo per la prima volta) ed evidenziarne i tratti salienti di interpretazioni originali, benché da alcuni ritenute contestabili. Per esempio nel caso di Madre Coraggio Ida Kaminska può essere posta a confronto con Helene Weigel, compagna di vita di Bertolt Brecht e prima interprete del personaggio, ebrea austriaca che a ventisei anni aveva dato polemicamente le “dimissioni” dalle proprie origini. Kaminska interpretava l’opera e recitava il personaggio in un modo lontano dai canoni del teatro epico, sollevando fiere discussioni. Ciò avveniva perché il testo era stato da lei realmente “tradotto” in yiddish fino nella più profonda motivazione poetica.

8Il lettore avrà modo di constatare quanto molte pagine dell’autrice propongano una lettura nuova e profonda di questa biografia novecentesca, tra l’altro priva di qualsiasi scivolamento romantico o nostalgico sul mondo perduto, persino sulla stessa figura della yidishe mame. Così emerge il senso di un’arte realizzata sempre dal vivo, nelle circostanze date e non negli empirei di un pensiero “da camera”, una evidenza finora scarsamente rilevata dagli studi. Vi sono in queste pagine alcune analisi risolutive e utili a delineare una storia più accurata del teatro yiddish, passaggi su un teatro che non riflette le apparenze ma riflette sulle apparenze, aprendo squarci su livelli di realtà e prospettive euristiche tanto profonde e inedite quanto emozionanti e riconoscibili da un grande pubblico. Si evidenzia così la funzione non intrinsecamente ideologica dell’arte, una dimensione etica e problematica che è stata per l’attrice, tra l’altro, causa dei difficili rapporti con il regime comunista e si è concretizzata in una vita che, benché ossessivamente spiata dal regime – si pensi alla ingente quantità di «annotazioni di servizio» circa le presunte attività politiche e le sospette posizioni anti-governative di Kaminska – ha manifestato sempre una forma di resistenza.

9Alla fine della propria premessa Giulia Randone scolpisce il titolo segreto di questo volume, titolo che potrebbe essere quello del quadro di un grande pittore del Rinascimento: «Ritratto di un’attrice luminosa, immersa in una grande solitudine». Ida Kaminska è una personalità che emana luce attraverso le immani tragedie del Novecento e che, anche per questo, offre una grande lezione per il futuro.

10Questo è un libro su una grande donna del secolo scorso scritto da una donna di oggi che in tempi di pace e benessere, sia pure limitati alla parte di mondo in cui ci troviamo a vivere, vuole comprendere i motivi dell’inquietudine e della felicità creativa di un’attrice, madre, moglie, capocomica, regista, certamente degna di ricordo come tutti gli artisti del teatro yiddish, ma figura di primo piano in una stagione straordinaria contrassegnata dai bruschi rimbalzi imposti dal secolo breve.

 

11La civiltà teatrale (e cinematografica) yiddish non dispone di luoghi museali e documentali vivi e ben organizzati attraverso i quali farsi conoscere e nemmeno nelle università è ancora oggetto della considerazione che meriterebbe. In ogni caso, se il mulino del teatro yiddish non c’è più, il vento c’è ancora e può alimentare altre creazioni. In questo contesto i nostri studi sono una piccola cosa, ma le gocce possono essere causa di grande fertilità se cadono nel posto giusto. “Tutto era musica”, benché opera più aggiornata e superiore per mole a quelle che l’hanno preceduta, ha soprattutto l’ambizione di invitare a molti ulteriori possibili approfondimenti, che spettano agli studiosi e agli appassionati dei quali noi speriamo di accrescere il numero.

© Accademia University Press, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search