Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Solomon Michoels e Veniamin Zuskin

 | 
Antonio Attisani

Ringraziamenti

Texte intégral

Tra le molte persone alle quali ho chiesto aiuto nel corso di questo lavoro ve ne sono alcune cui devo un ringraziamento particolare.

1Prima fra tutte Ala Zuskin Perelman, figlia di Veniamin Zuskin, da lei ricordato in un libro straordinario. Ala è stata preziosa nel fornirmi informazioni e documenti, ma molto mi ha trasmesso con la sua passione e la sua gentilezza. Le correzioni apportate a questa seconda edizione sono in gran parte dovute alla sua attenta lettura.

2Claudia D’Angelo, ex-studentessa e oggi dottoranda, è diventata una indispensabile collaboratrice nello studio del teatro russo, che è ora il suo interesse elettivo e nell’ambito del quale ha orientato la propria produzione scientifica, comprensiva di un significativo lavoro di traduzione (in primis delle memorie di Ala Zuskin).

3Giulia Randone, altra ex-studentessa e dottoranda con competenza specifica nell’ambito del teatro polacco e yiddish, è stata un’attenta lettrice di questo volume nel corso della sua gestazione, mentre sta preparando una propria monografia dedicata alla stirpe dei Kaminski-Turkow.

4Il collega Massimo Lenzi, impareggiabile studioso del teatro russo, è da tempo un interlocutore prezioso e generoso. Il suo aiuto ha preso forma attraverso la consultazione dei suoi testi editi e in molte conversazioni. Da alcuni anni Lenzi sta lavorando a una dettagliata ricostruzione storica di strutture, tipologie, stili e protagonisti del teatro drammatico russo del Novecento. Una stesura preliminare di quest’opera è stata messa a mia disposizione dall’autore; i rimandi al lavoro (titolo provvisorio: Il secolo russo) saranno indicati con la sigla Isr.

5Naturalmente le più che probabili manchevolezze sono da attribuire esclusivamente al sottoscritto, il quale – come è accaduto altre volte – si è limitato a comporre materiali di diversa provenienza secondo le proprie ipotesi critiche, con una postura più da studente che da studioso.

Tutto era musica: il modo in cui sollevavano e poi riabbassavano le zampe, taluni movimenti della testa, la loro maniera di correre e di star fermi, le posizioni che essi assumevano reciprocamente, le combinazioni quasi danzate che tra di loro imbastivano quando, ad esempio, uno posava le zampe anteriori sul dorso dell’altro, e poi quando si schieravano in modo che il primo, restando in piedi, reggeva il peso di tutti gli altri, oppure quando con i corpi che quasi strisciavano per terra, essi formavano figure intrecciate, senza mai sbagliare; è vero che l’ultimo di loro, che non era ancora del tutto sicuro di sé, stentava a trovare subito la congiunzione con gli altri, e in qualche momento appariva tentennante nell’attaccar la melodia; ma insicuro era soltanto in confronto alla straordinaria sicurezza degli altri, e quand’anche fosse stato ancora più insicuro o magari insicuro del tutto non avrebbe potuto rovinar nulla, visto che gli altri, grandi maestri com’erano, erano irremovibili nel tenere il ritmo.

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site