Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Solomon Michoels e Veniamin Zuskin

 | 
Antonio Attisani

Nota editoriale

Antonio Attisani

Texte intégral

1Sul teatro yiddish sono stati pubblicati diversi pregevoli libri, saggi e articoli, soprattutto in lingua inglese. L’opera che qui si propone sarebbe stata impossibile senza quegli insostituibili lavori di prima mano, ovvero basati su fonti archivistiche e memorie personali, che approfondivano singoli aspetti e figure della vicenda; altrettanto utili sono state le ampie sintesi approntate da alcuni autori e più ancora, nel nostro caso, le testimonianze di alcuni protagonisti. Dagli anni Settanta a oggi l’editoria e le università di tutto il mondo hanno accordato un interesse crescente a questo fenomeno, nel quadro di una generale rivalutazione della cultura yiddish che si sta verificando in molti paesi. Di questo panorama la presente serie di snelle monografie cerca di dare conto compiutamente, nell’ambito di un tentativo che si propone anche come una sintesi generale e aggiornata in base alle acquisizioni più recenti, ma che soprattutto ha l’ambizione di spostare l’asse della riflessione sul dato teatrologico o, più precisamente, su alcuni protagonisti di quella vicenda rimasti finora piuttosto in ombra: gli artisti della scena, attrici e attori in primis. Per questo motivo è stato scelto un titolo generale tratto da Kafka (autore la cui visione del teatro costituirà uno studio a parte), o meglio da uno dei suoi racconti non pubblicati in vita che appunto, attraverso l’allegoria del piccolo branco di cani, indica il cuore della questione teatrale, vale a dire un modo particolare di connettere la significazione alla vita. Ciò nella convinzione che soltanto attraverso una ricerca propriamente teatrologica si possano comprendere il senso del teatro yiddish e la sua eventuale attualità.

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site