Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Da Odessa a New York

 | 
Antonio Attisani

IV. C’era una volta l’America, primo movimento

Texte intégral

  • 1 J. Adler, Jacob Adler: A Life on the Stage cit., p. 221.

1Erano in molti ad arrivare in America ma di goldene medine, il paese d’oro, non si rivelava tale per tutti. All’inizio del 1887 – un anno per noi ricco di eventi – ecco a New York Abba Schoengold, considerato da molti il più grande talento drammatico del teatro yiddish e da Adler addirittura «il dio del pubblico yiddish, un dio per tutti coloro che lo avevano visto in scena […] il più bell’uomo del mondo. Alto. Occhi azzurri. Capelli d’oro. Un Apollo» .1 Era in trattative con il Rumanian Opera House di Sigmund Mogulesko ma intervenne qualche veto di colleghi e l’accordo saltò, costringendo l’attore a rivolgersi al meno prestigioso Oriental, da cui fu scritturato: la sua incapacità di adattamento al nuovo ambiente lo mise in difficoltà anche come attore e in quei giorni cominciò il suo declino, da cui non si sarebbe più ripreso.

2Jacob Adler arrivò in America nel marzo 1887, con il piccolo Abram, Alexander Oberlander e la sua famiglia, Keni e Volodya Liptzin, Herman Fiedler e altri compagni. A New York, scoprì con dispiacere che né Sigmund Mogulesko né Maurice Heine avevano bisogno di loro. Adler si spiegava questo fatto con la «terribile povertà» che affliggeva i teatri in quel momento e con il conseguente pericolo rappresentato da un altro concorrente. Con la compagnia si spostò quindi mestamente a Chicago, città nella quale erano stati invitati dal sarto Drozdovitch. Qui riuscirono a presentare tre diversi spettacoli al Madison Theatre, nel cuore del quartiere ebraico, ma il pubblico scarseggiava e dopo poche repliche Adler e i suoi non avevano più titoli da proporre. Le difficoltà economiche fecero esplodere i conflitti interni, come accade normalmente in quasi tutte le famiglie. Non essendo pagati, gli attori aprirono le ostilità contro Adler, poi alcuni di loro formarono una nuova compagnia che recitava in una sala lì vicino. Adler e Liptzin reclutarono alcuni dilettanti per coprire tutti i ruoli. E fu guerra tra poveri, con accuse e insulti diffusi con ogni mezzo, persino sui manifesti stradali. Naturalmente ciò fece male a entrambe le compagnie, che presto furono costrette a chiudere. Mentre molti imboccarono la strada dei più vari e umili mestieri, Adler rimase da solo con Abram, che si portava tutto il giorno in giro per la città, a piedi, in cerca di lavoro. Arrivò l’estate, poi l’autunno, sempre senza soluzioni in vista. Un tale Kean, un mercante di diamanti, avrebbe voluto aiutare Adler, ma si era fatto avanti troppo tardi perché si potesse formare una compagnia; tuttavia si offrì di integrare nella propria famiglia il piccolo orfano Abram e un Adler triste ma grato al benefattore lasciò la città con la sola Liptzin. Gli Oberlander si fermarono a Chicago per aprire un piccolo ristorante, mentre lui e Liptzin tornarono a New York, dove soltanto l’attrice fu scritturata da Heine. La nuova capitale del teatro yiddish doveva in quel momento occuparsi di altri problemi e nessuno badava all’infelice Adler. Nella città erano appena arrivati con la stessa nave Jacob Spivakovsky e Avrom Goldfaden. Quest’ultimo fu trionfalmente accolto dalla compagnia del Rumanian e gli fu subito proposto di esserne il principale drammaturgo, ma Goldfaden, con arroganza e del tutto ignorante delle nuove leggi non scritte che governavano il settore dello spettacolo, rilanciò dicendo che non voleva fare parte di una compagnia bensì dirigerne una propria, al che tutti gli attori, conoscendone il carattere, si tirarono indietro. I due produttori e gestori del Rumanian, Louis Levy e Ludwig Roth, decisero di metterlo comunque alla testa del teatro, cambiandone il nome in Goldfaden Opera House e annunciando un sfarzoso allestimento del suo Bar Kochba. Ecco dunque scoppiare una vera e propria rivolta, con gli attori che dichiaravano di preferire la fame piuttosto che essere «schiavi di Goldfaden» come in Romania e in Russia. Alla resa dei conti, soltanto alcuni di loro come Max Karp e Sophie Karp, Morris e Annetta Finkel si schierarono con il drammaturgo, mentre tutti gli altri organizzarono di fatto il primo vero sciopero di attori in America, entrando così in una sorta di lista nera. I più attivi erano Kessler e Leon Blank. La dura protesta di circa un mese fu sostenuta da molti spettatori e da gruppi di patriotn (tifosi degli attori) e alla fine della vicenda risultarono tutti perdenti: Goldfaden si dovette tirare indietro, agli impresari subentrarono altri finanziatori amici degli scioperanti, i quali rientrarono da vincitori. Ma dove? Nessuno era in grado di fare fronte ai debiti accumulati. Fu quindi la volta di un altro investitore, Frank Pillings, che comprò il teatro ripristinando il nome National e naturalmente escludendo gli attori dalla gestione.

  • 2 Abraham, detto Abe, Cahan era arrivato a New York nel 1882 da Vilnius. Fece il giornalista per vari (...)

3Goldfaden, intanto, non riusciva a incassare i diritti per l’utilizzo dei propri testi e nemmeno a scriverne di nuovi dello stesso livello, nonostante il fatto che le sue virulente critiche nei confronti dei concorrenti Horowitz, Lateiner e compagni fossero assai centrate. Ricorda Bessie Thomashefsky che l’autore si presentò anche da suo marito «con le scarpe bucate» e ispirandogli una profonda compassione, ma tra i due non fu possibile alcuna intesa professionale e il drammaturgo si dovette accontentare del dono di un paio di scarpe. Alcuni transfughi del Rumanian, con l’aiuto di un’associazione capitanata da Horowitz e Yechiel Schreiber, riuscirono alla fine di agosto del 1887 ad affittare un teatro, il Poole’s. Per informare la città dell’evento, il creativo e cialtronesco Horowitz organizzò una grande parata di strada con attori, musicisti, cori, cavalli, vessilli e bandiere, ennesima innovazione inaugurata dal teatro yiddish. Abe Cahan,2 che allora scriveva sul «Sun» definì «desolante» quella trovata promozionale, però riconobbe a malincuore che «questo è ciò che vogliono le masse!» . La nuova impresa tuttavia fallì subito, questa volta perché Horowitz si era appropriato di quasi tutti i fondi per sostenere l’elevato tenore di vita a cui aveva preso gusto. La compagnia fece in tempo a debuttare con un cast molto limitato, ma Sokher Goldstein e Sophia Karp, novelli sposi, tornarono all’Oriental, mentre Morris Finkel si ritrovò escluso da tutti in quanto scioperante radicale.

  • 3 Izela Lateiner era un’attrice di secondo piano, senza particolari doti né specialità. Seguì il mari (...)

4Vista la situazione, Maurice Heine credette di fare un colpo lasciando il produttore Moses Silberman all’Oriental per unirsi con Kessler al Poole’s e portando con sé una squadra composta da sua moglie Sarah, Abba e Clara Schoengold, Max e Sophia Karp, oltre a Lateiner come autore. Questi, ricordiamolo, era arrivato negli Stati Uniti nel 1884 e subito si era proposto con una propria compagnia. Con lui, a conferma dell’usuale struttura familiare del teatro yiddish, vi era la moglie Izela.3 Per la propria compagnia Lateiner aveva scritturato indubbiamente attori dotati e brillanti come Maurice Heine, Moses Silbermann e Sophia Karp, che si erano esibiti dapprima sulla scena dell’Oriental, da subito e spregiudicatamente puntando sull’aspetto più commerciale del teatro yiddish. La scelta di Kessler era in effetti, a quell’altezza di tempo, la migliore, in quanto l’attore era il principale rivale di Thomashefsky.

  • 4 Lulla Rosenfeld, The Yddish Theatre cit., p. 241.
  • 5 Cfr. N. Sandrow, Vagabond Stars cit., pp. 96 segg.

5Nella nuova compagnia del Poole’s naturalmente scoppiarono diversi conflitti: uno sconcertato Abba Schoengold era malvisto da Kessler, suo geloso concorrente per gli stessi ruoli, e ciò determinò un forte contrasto tra i due, a causa del quale Schoengold ritornò contrito all’Oriental sottoponendosi totalmente al volere di Silberman e vedendo la propria carriera andare sempre peggio, salvo alcuni brevi episodi di cui parleremo. Poi accadde che Kessler dovendo scegliere per Bar Kochba tra le due primedonne disponibili l’interprete di Dena si decise per Sarah Heine, scatenando un’autentica guerra, dentro e fuori il teatro, della parte avversa, quella della Karp. Queste scelte erano dettate anzitutto da ragioni artistiche, giuste o sbagliate che fossero, ma tuttavia spesso s’intrecciavano alle relazioni amorose. Kessler, di solito piuttosto rude come regista (o meglio “direttore di scena”, come si diceva per lo più allora), si mostrava stranamente molto gentile e collaborativo con tutti durante le prove, ma soprattutto con Sarah, che lo ricambiava assecondandolo con la propria maggiore cultura professionale nella composizione dello spettacolo. Secondo alcuni pettegolezzi dell’ambiente i due avrebbero superato i limiti della collaborazione artistica ed essendo allora il confine tra attrici e prostitute assai sottile, Sarah si ritrovò, almeno nei pettegolezzi dell’ambiente teatrale, dall’altra parte.4 D’altronde la crisi del matrimonio degli Heine era conclamata, benché Sarah cercasse di comportarsi con discrezione e diplomazia perché temeva gli effetti che il divorzio avrebbe comportato. Tra i colleghi soltanto la soubrette Clara Schoengold le era amica. Sarah non avrebbe perdonato per il resto della propria vita le malignità e gli insulti di cui fu oggetto in quel momento. Nahma Sandrow descrive Kessler come un carattere arrogante, un infelice, dominato dalla moglie e incline al bere, e tuttavia capace di una recitazione calda, ricca di sfumature.5 In un certo senso era simile ad Adler, mentre l’opposto dei due, dal punto di vista artistico e caratteriale, era Mogulesko, sulla scena come nella vita, e anche l’affetto del pubblico per loro si manifestava in modi molto diversi, spaziando dalla tonalità melodrammatica dei due, connotata dal rispetto, a quella francamente comica di Mogulesko, che suscitava simpatia.

 

  • 6 Per il complesso della vicenda di Goldfaden vd. il primo volume di questa serie.
  • 7 Cfr. Mirosława Bułat, Teatr żydowski w świetle «Izraelity», in Teatr żydowski w Polsce do 1939, «Pa (...)

6In questa situazione assai fluida, alla fine dell’anno si registrarono tre clamorosi ritorni in Europa: quello di Spivakovsky, che rinunciò a una promettente carriera perché non sopportava lo stile di vita americano; quello di Goldfaden, che partiva alla ricerca di un luogo in cui risorgere come autore e direttore di teatro;6 e infine Adler, che in quel momento nessuno voleva, non piaceva a Finkel e non era riuscito a intendersi neppure con Silberman. La mite Liptzin infine aveva trovato una sistemazione con gli ex del Rumanian. Adler, intenzionato a non ripiegare su un altro lavoro, tornò dapprima a Londra, ufficialmente per Dina ma sicuramente ancor più per Jennya. Tuttavia non restò a lungo nella capitale inglese, dove per lui non c’era niente da fare, e ripartì per Varsavia dove si fermò per quasi due anni tra il 1888 e il 1889. Questo suo soggiorno in Polonia, ancora scarsamente documentato,7 segnò una svolta decisiva nella sua carriera perché il suo successo fu tale da trovare eco sulla stampa yiddish di tutto il mondo, cosa che finì con il renderlo di nuovo interessante agli occhi dei colleghi “americani” che prima lo avevano snobbato.

7Adler si presentò nel paese che allora comprendeva la più numerosa popolazione ebraica del mondo anzitutto interpretando due copioni del popolare Shomer, L’intermediario e L’impuro. Nonostante le riserve di parte della critica, che rilevava come un teatro di tale scarsa qualità potesse addirittura alimentare i pregiudizi antisemiti, il pubblico sosteneva l’attore e si dimostrò anche disposto a seguirlo in scelte con un più spiccato carattere culturale, per esempio con Il mendicante di Odessa, l’intenso (melo) dramma in cinque atti e otto scene preceduti da un prologo di cui abbiamo già detto.

  • 8 Settimanale pubblicato a Varsavia tra il 1866 e il 1912 e dedicato ai problemi del giudaismo, per q (...)

8Nel maggio 1888 Adler prese parte come guest star, sulla scena del Teatr Eldorado di Varsavia, ad alcuni spettacoli della Compagnia Buff diretta da tali Aninski e Michajlov, il cui repertorio è in buona parte ricostruibile sulla base delle informazioni pubblicate dal settimanale ebraico in lingua polacca «Izraelita».8 In quel teatro il 19 maggio si recitò Il bugiardo Todros Bloz, operetta comica di Goldfaden; dello stesso autore il 21 fu proposta Shulamit e il 23 Bar Kochba, nel quale Jacob Adler interpretava il ruolo di Eliazar. E a luglio venne presentata l’operetta Assuero con il seguente cast: Assuero (Tantsman), Haman (Adler), Mordechai (Tabacznikov), Esther (la primadonna Berta Tantsman). In quell’occasione l’attore-tenore Tantsman e Adler furono presentati come artisti provenienti da Londra.

  • 9 Cfr. «Izraelita», 1888, 22, pp. 189-190, in M. Bułat, Teatr żydowski cit., p. 91.
  • 10 Cfr. «Izraelita», 1888, 30, p. 256, in M. Bułat, Teatr żydowski cit., p. 92.

9Sempre su «Izraelita» apparvero due recensioni: in giugno su Bar Kochba e in agosto su Assuero, entrambe a firma Elkan (forse uno pseudonimo). Nella prima, l’autore elogiava il lavoro degli attori e giudicava la creazione di Adler vicina al livello degli artisti «dei teatri regolari» ;9 poi mostrava di apprezzare le interpretazioni degli altri attori e dichiarava che, al di là della lingua yiddish, idioma considerato sgradevole e corrotto, le altre caratteristiche dello spettacolo erano del tutto accettabili. La seconda elogiava la messinscena dell’Assuero di Goldfaden, benché il critico si dichiarasse disturbato dalla recitazione caricaturale proposta da alcuni attori: espressioni di apprezzamento erano rivolte ai coniugi Berta e Abraham Itzhak Tantsman ed elogiava in particolar modo Adler, attore «dalla forza non comune», il cui contegno, voce, dizione, intelligenza e talento nell’immedesimazione con i personaggi gli avrebbero garantito il successo anche su una scena più importante.10 Non tutti però, all’interno della compagnia, condividevano il giudizio sulla eccezionalità di Adler.

  • 11 Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/T/tantsman-avraham-itzhak.htm>.
  • 12 Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/T/tanzman-berta.htm>.
  • 13 Cfr. The Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/G/gimpel-yaakov-ber.htm>).
  • 14 Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/M/mandelkern-yosef.htm>.

I Tantsman, piccoli artigiani della scena
Avraham Itzhak Tantsman11 era nato a Varsavia nel 1857 in una famiglia benestante e aveva ricevuto un’educazione tradizionale ma a vent’anni cominciò a praticare segretamente il teatro, dapprima come suggeritore, seguendo alcune compagnie, prima una di dilettanti, poi quella di Israel Gradner, in tournée. Di ritorno a Varsavia, svolse lo stesso ruolo nella compagnia di Berta Berlin12 (poi Tantsman), attrice-cantante già in scena con il duo Spivakovski-Rosenberg. Berta, che subito se ne innamorò e lo avrebbe sposato nel 1879, lo fece debuttare come attore. Lui prese a modello un cantante di strada, un comico, e così rivelò il proprio talento. Al teatro Eldorado mise in scena Shulamit, che fu replicata per centoventicinque volte consecutive a teatro esaurito, un successo senza precedenti per tutta la compagnia. Tantsman era molto apprezzato come interprete di Shomer (L’eretico e Lo studente, una versione di Amleto) e di Goldfaden (fu in Bar Kochba e nel citato Assuero diretto dall’autore).
Sempre con un ottimo esito Avraham, Berta e compagni effettuarono diverse tournée, tornando periodicamente a Varsavia, dove accolsero Adler come guest star. Il divieto di recitare in yiddish, sempre più rigidamente applicato, li spinse poi a spostarsi a Leopoli per entrare nella compagnia di Yankev Ber Gimpel.13
Nel 1889 marito e moglie furono scritturati da Joseph Mandelkern14 per recitare in America, dove debuttarono nel febbraio 1990 in Le due sorelle, ovvero angelo e diavolo di Rudolf Marks, subito apprezzati dal pubblico. I contratti li portarono poi a Chicago e poi in California, primi artisti yiddish ad andarci, e lì con Shulamit suscitarono un enorme interesse anche nel pubblico non ebraico. La loro era una compagnia di giro, per la quale New York era soltanto una tappa. Avraham morì nel 1906 a New York, lasciando quattro figli, l’unico maschio dei quali fu a sua volta attore e drammaturgo.
Avraham Tantsman fu anche drammaturgo. Suoi sono un Sansone, l’eroe, messo in scena da Kessler, e Il capitano Dreyfus messo in scena da Max Rosenthal, oltre a diversi atti unici, adattamenti e persino un’operetta forse mai andata in scena. L’artista compose diverse canzoni e scrisse molti articoli, sempre per la stampa yiddish.
Joseph, il figlio maschio di Berta e Avraham, fu prestissimo in scena come attore e più avanti negli anni, in America, continuò anche come compositore di operette e canzoni, drammaturgo e regista. Dopo il 1922 lo si vide di nuovo come attore, fino alla sua morte, nel 1931.

  • 15 Articolo citato in Zalmen Zylbercweig, Leksikon fun idishn teater, t. 1, colonna 19.

Un altro giornale si riferisce a una serata di Adler in questi termini: «Si è rivolto direttamente al pubblico e con grande sfacciataggine si è messo a concionarlo un po’ in tedesco, un po’ in yiddish, sempre inserendo termini inglesi come yes, not, alright». Tutto ciò per annunciare che «in America e a Londra sanno chi è Adler e cosa è capace di fare. L’artista, quando è geniale, non si ferma in un solo posto perché il genio è all’ascolto del mondo, come è successo al mio collega Shakespeare e com’è per me. Perché non siamo tutti uguali ed è giusto riconoscerlo».15 L’anonimo cronista si lamentava del fatto che Adler avesse eliminato dal repertorio presentato al Teatro Eldorado le opere “storiche” per ripetere «i discorsi triviali e le battute ormai scontate tipiche delle sue operette». Lo accusò infatti di avere distrutto con due soli spettacoli su testi di Shomer la dignità culturale che Shulamit, Il Dottor Almasado e Bar Kochba avevano costruito in dieci anni. Adler comunque conobbe un unanime trionfo in Uriel Acosta, interpretazione che affascinò anche molti attori polacchi celebri o poco noti che accorrevano a vederlo e poi a complimentarsi con lui. Il critico Elkan, su «Izraelita», giudicò malevola e falsa l’accusa dell’anonimo cronista prima citato, ipotizzando che fosse dettata dal desiderio di screditare una personalità fuori dall’ordinario. A giudizio di Bułat, nel dibattito sul valore artistico di Adler si deve dare ragione a Elkan: al di là del pessimo carattere e dell’atteggiamento spesso provocatorio di Adler; anche un uomo di teatro come H. Feinstein confermò che l’attore aveva ottenuto un grande successo all’Eldorado, soprattutto nel ruolo di Uriel Acosta.

  • 16 Le fonti polacche qui citate non precisano chi sia l’attore Tabacznikow, accennano a copioni di Adl (...)

10Dalla fine di settembre del 1888, al Teatro Victoria di Łódź, si tennero gli spettacoli della compagnia di Jacob Adler e Abraham Itskhok Tantsman la cui programmazione si protrasse fino a tutto novembre. In repertorio vi erano opere di Goldfaden, Szajkiewicz e Gutzkow e la compagnia comprendeva gli attori Tabacznikow, Annetta Gradner, Berta Tantsman e Abraham Fishkind.16 A dicembre il governatore di Piotrków (uno dei governatorati del Regno del Congresso) ammonì gli artisti ricordando loro il divieto di recitare in lingua yiddish e per qualche tempo le rappresentazioni dovettero essere interrotte.

11Adler recitò dunque a lungo e con successo a Varsavia e Łódź. Qui – secondo alcune voci raccolte da Zalmen Zylbercweig, ma senza riscontri definitivi – fu anche arrestato con il sospetto di essere un trafficante di «schiave bianche» per i bordelli e poi rilasciato: un episodio, questo, sul quale non resta molto da dire, tanto che nella storiografia dedicata non se ne trovano tracce consistenti e prove. Comunque sia, ciò che è degno di rilievo è che la fine di questo periodo fu determinata da Heine e Mogulesko, i quali arrivarono appositamente a Varsavia per riportare Jacob Adler in America.

Notes

1 J. Adler, Jacob Adler: A Life on the Stage cit., p. 221.

2 Abraham, detto Abe, Cahan era arrivato a New York nel 1882 da Vilnius. Fece il giornalista per varie testate prima di fondare, nel 1898, il giornale socialista «Forverts» e l’omonima casa editrice, da cui poco dopo si allontanò per quattro anni a causa dei forti dissapori politici interni. Richiamato, assunse i pieni poteri editoriali e diresse con pugno di ferro per decenni il quotidiano, molto diffuso e influente. Tra i suoi meriti quello di avere ospitato sistematicamente i racconti e gli interventi di Isaac Bashevis Singer, primo e unico autore yiddish a ricevere il Premio Nobel per la letteratura (1978). Cfr. Wikipedia, ad vocem: <http://en.wikipedia.org/wiki/Abraham_Cahan>, e Jewish Virtual Library, ad vocem: <http://www.jewishvirtuallibrary.org/jsource/biography/cahan.html>.

3 Izela Lateiner era un’attrice di secondo piano, senza particolari doti né specialità. Seguì il marito in America e le capitò talvolta di trovarsi in produzioni importanti, per esempio nel 1894 con Boris Thomashefsky al Thalia, per Il matrimonio insanguinato, drammone del marito sulla strage degli Ugonotti o più avanti in un Guglielmo Tell da Schiller. Cfr. The Museum of Family History, ad vocem:
<http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/L/lateiner-izela.htm>.

4 Lulla Rosenfeld, The Yddish Theatre cit., p. 241.

5 Cfr. N. Sandrow, Vagabond Stars cit., pp. 96 segg.

6 Per il complesso della vicenda di Goldfaden vd. il primo volume di questa serie.

7 Cfr. Mirosława Bułat, Teatr żydowski w świetle «Izraelity», in Teatr żydowski w Polsce do 1939, «Pamiętnik Teatralny», XLI, 1-4 (161-164), Warszawa 1993, pp. 77-126. Questo studio basato sullo spoglio della stampa dell’epoca costituisce in pratica a oggi la fonte più completa sull’importante parentesi polacca di Adler. E come stiamo vedendo è largamente carente. Lo stesso fascicolo monografico della rivista «Pamiętnik Teatralny» contiene diversi contributi sui teatri di Varsavia: Jakub Szacki, Najstarsze dzieje żydowskiego teatru w Warszawie, in AA VV, Teatr żydowski w Polsce do 1939, pp. 175-186; Faustyna Toeplitz, “Pod Trzema Murzynami”. Z dziejów teatru żydowskiego w Warszawie, pp. 187-192; Ryszard Mązyński, Teatr Kamińskego, pp. 273- 276; Elinor Rubel, Teatr Młodych (Jung Teater). Materiały, pp. 277-294; Michał Weichert, Studio Teatralne i Jung Teater. Fragment wspomnień, pp. 295-312; Edward Krasiński, Teatry żydowskie w Warszawie między wojnami (1918-1939), pp. 313-344. Tutti testi che tuttavia non consentono di verificare e completare adeguatamente il quadro di M. Bułat.

8 Settimanale pubblicato a Varsavia tra il 1866 e il 1912 e dedicato ai problemi del giudaismo, per qualche tempo anche alle questioni religiose e relative all’istruzione. All’epoca del Regno di Polonia era l’unico giornale ebraico in lingua polacca, molto vicino alle speranze di integrazione e assimilazione della comunità ebraica nella cultura polacca. Per altre informazioni cfr. Magda Opalski, «Izraelita», Yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 25 luglio 2014: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Izraelita>.

9 Cfr. «Izraelita», 1888, 22, pp. 189-190, in M. Bułat, Teatr żydowski cit., p. 91.

10 Cfr. «Izraelita», 1888, 30, p. 256, in M. Bułat, Teatr żydowski cit., p. 92.

11 Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/T/tantsman-avraham-itzhak.htm>.

12 Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/T/tanzman-berta.htm>.

13 Cfr. The Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/G/gimpel-yaakov-ber.htm>).

14 Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/M/mandelkern-yosef.htm>.

15 Articolo citato in Zalmen Zylbercweig, Leksikon fun idishn teater, t. 1, colonna 19.

16 Le fonti polacche qui citate non precisano chi sia l’attore Tabacznikow, accennano a copioni di Adler, e nulla dicono di Abraham Fishkind, che si può vedere nel film di Edgar G. Ulmer, The Light Ahead (yid. Fishke der Krumer) del 1939, ora in versione restaurata del National Center for Jewish Film: di lui si parlerà più diffusamente nel prossimo volume di questa serie.

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site