Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Da Odessa a New York

 | 
Antonio Attisani

I. Odessa, paradiso e inferno

Texte intégral

  • 1 Per una prima conoscenza delle località importanti per l’ebraismo orientale si vedano le relative v (...)
  • 2 Mentre questo libro era in preparazione si è tenuta al Museum of the City of New York la grande mos (...)

1Il teatro yiddish ha avuto molti padri: i Purim-shpiler, i bàdkhen (badkhàn in ebraico), i cantori di sinagoga, giovani donne e uomini in cerca di libertà, di amore e di gloria, gli scrittori e i poeti in cerca di pubblico, musicisti e produttori, registi e avventurieri di ogni risma. Altrettanto sicuramente si può dire che abbia avuto due madri, una biologica, Odessa,1 e una elettiva, New York.2 L’avventura personale e artistica di Jacob Adler è la più significativa di questa traiettoria che si compie tra le due città, passando per diversi altri luoghi nei quali viveva il popolo yiddish e l’emigrazione ebraica si era insediata sviluppando la propria moderna cultura di attrito, fatta di assimilazione e separazione al tempo stesso, di conferimento di alcuni dei propri caratteri alla fisionomia culturale di quei paesi e di trasformazione della propria identità.

2Nel rievocare le vicende di Jacob Adler, Boris Thomashefsky e dei loro sodali occorre sempre tenere presenti i rimandi alle varie fonti indicate e all’indice sommario costituito dal primo volume di questa serie, ma qui non si poteva non cominciare con qualche annotazione su Odessa, anche perché l’attuale fisionomia della città ucraina non conserva tracce significative del proprio passato.

  • 3 Natan Meir, Kiev, yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 5 maggio 2011: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Kiev>.
  • 4 ChaeRan Freeze, Khar’kiv, yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 18 agosto 2010: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Kharkiv>.

3Odessa era, all’inizio della nostra storia, una città moderna a tutti gli effetti, un riconosciuto e importante centro di scambi commerciali e di transito tra Europa e Asia: una città squisitamente cosmopolita. Nel 1866 era stata collegata da una linea ferroviaria a Kiev3 e Kharkov,4 in Ucraina, e Iaşi in Romania. Crescendo «come un fungo dopo la pioggia» aveva triplicato le dimensioni tra il 1862 e il 1892, anno in cui si contavano oltre quattrocentomila abitanti, tra i quali centoventiquattromila ebrei. Numerosi erano anche gli armeni, i turchi, i tatari, i polacchi, i greci, non mancavano gli italiani e vi risiedevano non pochi commercianti francesi e inglesi.

  • 5 Cfr. Enciclopedia dell’Olocausto, ad vocem: <http://www.ushmm.org/wlc/it/article.php?ModuleId=10005183> e John Klier, (...)
  • 6 Mendele Moykher-Sforim ( “Mendele il venditore ambulante di libri”) era il nome di penna scelto da (...)
  • 7 Il cinema yiddish è l’oggetto del secondo volume di questa serie. Cfr. Fortuna ebraica (Yidishe Gli (...)
  • 8 Cfr. Charles King, Odessa. Splendore e tragedia di una città di sogno, Einaudi, Torino 2013.

Odessa, date e figure
1794: il piccolo paese Khadjibey, conquistato tre anni prima dalle truppe russe comandate da Josè de Ribas, mercenario napoletano, diventa Odessa per ordine dell’imperatrice Caterina la Grande. Il nome è una declinazione femminile di Odisseo, Ulisse.
Nel 1803 il duca di Richelieu è nominato amministratore della città, che grazie al successivo riconoscimento come «porto franco» conosce un rapido sviluppo come centro commerciale e finanziario internazionale. La vita culturale è altrettanto ricca. Richelieu fa costruire un teatro e diverse scuole pubbliche.
Nel 1812-1813 una grave epidemia di peste, probabilmente causata dai costumi infetti di una compagnia teatrale, viene superata con danni relativamente lievi.
1823: Michail S. Voroncov diventa governatore generale della Nuova Russia, che comprende la Crimea e Odessa, ormai una Babele di popoli e lingue. Gli italiani primeggiano nella vita cittadina e l’italiano è la lingua franca. Nel 1823-1824 Aleksandr Puškin soggiorna nella città.
Gli anni 1828-1829 sono segnati dalla guerra turco-russa e dal 1830 ha inizio l’immigrazione ebraica di larga scala. Motto yiddish: Leben vi got in Odes! (Vivere come un dio a Odessa!).
Il 1841 è l’anno di completamento della famosa scalinata di duecentoventi gradini che unisce il porto alla città, poi soprannominata «Scalinata Potëmkin».
1853-1856: guerra di Crimea. In questo tempo salpano da Odessa oltre mille navi l’anno. Alessandro II è il nuovo imperatore moderatamente “liberale” della Russia. Il 1861 vede l’abolizione della servitù della gleba.
Mark Twain scrive (nel 1867): «Vedrete solo una copia dell’America!». La scuola ebraica della città è un modello per tutto l’impero. Nelle quattro sinagoghe risuonano le voci di famosi cantori e numerosi sono i luoghi di preghiera. Anche Brody, ben collegata con Odessa, è in pratica un porto franco. E al di là del mare c’è Costantinopoli, il centro di tutti i commerci illeciti. Bustarelle, corruzione e ruffianeria sono “importate” nelle due città portuali dagli italiani e praticate con maestria da molti zelanti apprendisti di varie nazionalità.
Nel 1871 si registra il primo pogrom antisemita,5 capitanato dai greci di religione ortodossa, nel corso del quale circa ventimila persone si impegnano a saccheggiare e distruggere i beni degli ebrei. «La vostra Odessa non fa per me» dice un personaggio di Mendele Moykher-Sforim.6 A quel tempo l’acqua è una risorsa rara in città, più cara del vino. Ma non mancano, oltre alle attività commerciali e le professioni liberali, le industrie manifatturiere.
Nell’agosto del 1883, nel quadro del giro di vite ordinato dal nuovo zar Alessandro iii, il teatro yiddish è bandito da tutti i territori dell’impero.
Nel 1887 viene inaugurato il nuovo teatro dell’ «opera italiana», a forma di tamburo, la cui sala può accogliere millecinquecento spettatori. Nei numerosi locali di spettacolo si incontrano persone di tutto il vasto impero russo e del resto del mondo. Gli ebrei più poveri, la stragrande maggioranza, vivono soprattutto nel quartiere chiamato Moldavanka.
Sholem Aleichem vive a Odessa per qualche tempo, così come Anna Gorenko, poi Achmatova. Qui nascono Isaak Babel´ e Lejba Bronštein (Leon Trotskij).
Il 1905 è l’anno delle sommosse e dei pogrom antisemiti, nonché dell’ammutinamento della corazzata Potëmkin (la cui vera storia è molto diversa da come è raccontata dal film).
1914-1918, prima guerra mondiale. Febbraio 1917, rivoluzione di febbraio in Russia; ottobre 1917, rivoluzione bolscevica.
1918-1920, anni della guerra civile. Odessa è successivamente controllata dalle truppe francesi, ucraine, dai Bianchi e infine dai bolscevichi (febbraio 1920). Sono anni durissimi per la città, divisa in fazioni che si combattono ferocemente e non di rado mutano il proprio orientamento. La miseria fa sì che si possa essere uccisi per essere derubati del cappotto. Quanto agli ebrei, sono malvisti da tutte le fazioni.
1921: pubblicazione dei primi racconti di Isaak Babel´ sulla città. 1922: nascita dell’Unione Sovietica.
1925, Sergej M. Ejzenštejn gira La corazzata Potëmkin e Vladimir Vilner Benya Krik. Anche il film Fortuna ebraica7 di Aleksej Granovskij mostra in alcune sequenze la vita della Odessa prerivoluzionaria. 1926: secondo il censimento sovietico gli ebrei costituiscono il trentasei per cento della popolazione.
1935: Vladimir Jabotinski, giornalista e leader sionista, scrive I cinque, romanzo nel quale il tipico odessita è descritto come «un tipo abile e scaltro, un vero imbroglione, un manipolatore, un maneggione, capace di tutti gli ingegni, sempre pronto a gridare, a esagerare e ad approfittare di tutte le situazioni».
Dal 1937 al 1941 circa ventimila odessiti sono arrestati e accusati dagli inquisitori stalinisti dei crimini politici più fantasiosi: un terzo di essi sono fucilati.
1939-1945, seconda guerra mondiale. Nel 1940 si ha l’esecuzione di Babel´ e la morte di Jabotinski. Dall’ottobre del 1941 all’aprile del 1944 Odessa è in mano ai nazifascisti. Nel gennaio 1944 lo zelante esercito rumeno evacua il ghetto ebraico. I morti, nell’immediato e dopo la deportazione, si conteranno a decine di migliaia. Babel´ aveva scritto: «Odessa sapeva cosa significava prosperare. Ora sa bene quel che vuol dire deperire – un inaridimento poetico, in un certo senso privo di pensieri e completamente impotente».
Alla fine degli anni Ottanta gli ebrei erano meno del quattro per cento della popolazione (gli ucraini il cinquantuno e i russi il trentasei).8

  • 9 Per Brody cfr. Antony Polonsky, Brody, yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 13 dicembre 201 (...)
  • 10 Ancora da segnalare, tuttavia, che nella capitale della Crimea si registrano alcuni dei primi passi (...)
  • 11 Cfr. Isaak Babel´, Tutte le opere, a cura e con un saggio di Adriano Dell’Asta e uno scritto di Ser (...)

Capitale del sud e cosmopolita come le Napoli e Marsiglia del tempo, Odessa era nella seconda metà dell’Ottocento una città caratterizzata da forti contraddizioni e da emblematici fermenti sociali e politici, nonché da una continua evoluzione dei costumi e dei consumi. Era perciò fatale che anche il teatro yiddish, “concepito” a Iaşi e a Brody9 da Avrom Goldfaden e dai broderzinger, trovasse in Odessa la propria sede principale.10 I ricordi di Jacob Adler sono illuminanti in proposito, come si vedrà, ma è meglio cominciare con le parole che meglio di ogni altre evocano il carattere e l’atmosfera della città, le parole dello scrittore Isaak Babel´,11 figura che attraversa diversi momenti della storia che stiamo raccontando.

  • 12 Questa edizione dei racconti di Babel´ cui si fa qui riferimento: I. Babel´, Odessa, trad. e cura d (...)

4La parola che ricorre più di frequente nei suoi bellissimi racconti sulla città è «sole», un sole gioioso e compassionevole nei confronti della vita in tutte le sue forme, ma anche un sole spietato, che illumina e perciò fa esplodere ogni sorta di contrasti e provoca fatali trasformazioni, un sole che significa la complessità della vita nel secolo terribile appena iniziato. Odessa città del teatro, della musica e della canzone, Odessa della corazzata Potëmkin e dei pogrom, Odessa dei bordelli e delle sinagoghe, Odessa della luce ma anche Odessa della notte, percorsa da mille profumi che il vento rubava alla campagna circostante e alle navi ancorate nel porto, e Odessa impregnata dal tanfo della povertà e della paura proveniente dai quartieri più reietti: Odessa Bab-El’, ovvero Porta di Dio per i suoi abitanti.12

5La Porta di Dio è però sempre chiusa, come ricorda Franz Kafka, e nell’attesa-speranza di varcarla la comunità ebraica esprimeva mille forme di vita e di “ricerca della felicità”, tra queste il leggendario bandito Miška Japonč ik, protettore e difensore dei miseri che nei racconti di Babel´ diventa Benya Krik, il Re della Moldavanka. Dopo l’Ottobre, Benya Krik si schiera con i bolscevichi e vorrebbe trattare con loro da pari a pari. Per gli ebrei del ghetto odessita, però, come dice Joseph Roth «la sera è sventura e la luna che sorge è una beffa» e coloro che dopo essere stati partoriti da Maimonide volevano farsi adottare da Lenin vanno incontro a un tristissimo destino: dopo un ventennio di drammatica convivenza nel comunismo, ci penseranno i nazisti a sferrare il colpo finale: nel 1942 a Odessa si conteranno soltanto settecento ebrei sopravvissuti.

6Jacob Adler lasciò Odessa prima dei grandi rivolgimenti novecenteschi. La città in cui aveva maturato la propria tardiva vocazione di attore è quella descritta da Babel´, il quale a sua volta la celebrava – pur non avendo fatto in tempo a conoscerla nei suoi momenti apicali – nel disperato tentativo di fare comprendere al nuovo regime che non ci si può emancipare da un passato senza interpretare in modo sensibile le sue luci e le sue ombre.

  • 13 Benjamin Nathans, Saint Petersburg, yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 14 ottobre 2010: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Saint_Petersburg>.

7Le prime parole del racconto che dà il titolo al volume sono: «Odessa è una città schifosa. Lo sanno tutti […] eppure io credo che si possa dire molto di buono su questa straordinaria e incantevole città […] nella quale è facile vivere, dove si vive alla luce del sole»; e dopo avere sottolineato che la «metà della sua popolazione è costituita da ebrei» sottolinea che «l’odessita è l’antitesi del pietrogradese»: Pietrogrado (così chiamata dal 1914 al 1924, prima era San Pietroburgo, poi sarà Leningrado dal 1924 al 1991 e infine di nuovo San Pietroburgo)13 era anche il luogo di residenza dell’aristocrazia ebraica assimilata. Qui gli odessiti avevano molta fortuna, specie con le donne, proprio per il loro carattere meridionale, sensuale e creativo, ma a Odessa regnava tutt’altra atmosfera. Lo sguardo di un visitatore straordinariamente sensibile come Joseph Roth coglieva la malinconia metafisica della città:

  • 14 J. Roth, Ebrei erranti, Adelphi, Milano 2012, p. 109.

Le mie esperienze più tristi le devo alle lunghe passeggiate che ho fatto per la Moldavanka, il quartiere ebraico di Odessa. Una nebbia pesante si aggira per le strade come un destino, la sera è sventura, la luna che sorge una beffa. I mendicanti non sono soltanto la facciata abituale della strada, qui sono mendicanti tre volte, perché questa è la loro dimora. Ogni casa ha cinque, sei, sette minuscoli negozi. Ogni negozio è un’abitazione. Davanti alla finestra, che è anche la porta, c’è la bottega, dietro di essa il letto, sopra il letto sono appesi i bambini nelle ceste – e la sventura li culla su e giù. Uomini alti, massicci tornano a casa: sono i facchini ebrei che vengono dal porto. In mezzo ai loro piccoli, deboli, isterici e smunti connazionali fanno una strana impressione, di una selvaggia razza barbarica smarritasi tra i vecchi semiti. Tutti gli artigiani lavorano fino a notte alta. Da tutte le finestre piange una luce torbida, gialla. Sono luci strane, che non diffondono chiarore, ma una specie di oscurità con un nucleo luminoso. Non sono imparentate col fuoco benedetto. Sono anime delle tenebre…14

  • 15 Citato da Giovanni Maccari, Gli occhiali sul naso: vita romanzesca dello scrittore Isaak Babel´ e d (...)

Nonostante ciò, dalla Odessa prerivoluzionaria veniva, confortata dall’esperienza dei sensi, una speranza per tutta la Russia. Scriveva Babel´: «le serate primaverili sono dolci e struggenti, acre è il profumo delle acacie e sul mare buio si adagia il chiarore magico e uniforme della luna». Era stato Maksim Gor´kij a sostenerlo tra i primi. «Gor´kij ama il sole perché in Russia tutto è marciume e ambiguità» e quindi, continuava Babel´, «si avverte la necessità di rinnovare il sangue. L’aria s’è fatta irrespirabile. Il Messia delle lettere, da così tanto tempo e inutilmente atteso, arriverà di laggiù, dalle steppe assolate, lambite dal mare» . È il finale del racconto Odessa, che conferma il carattere universale e non locale di questa immagine. Infatti Babel´ ribadiva che «se c’è qualcosa che vale la pena di essere cantato, ebbene, sappiatelo, questo è il sole»,15 e ciò anche in Italia, dove si era recato per incontrare Gor´kij e piangere insieme a lui nell’ascoltare, seduti al tavolo di un’osteria con il bicchiere sempre pieno e vuoto, le vibranti epopee dei cantanti di strada. Tanto è vero che in una lettera ai suoi Babel´ aveva scritto che il paradiso terrestre doveva somigliare a Sorrento. Il sud, dunque, come mito propulsivo, un sud dell’anima che a Napoli come a Odessa sembrava annunciare la venuta di un Messia rivoluzionario e promettere l’incontro felice tra la realtà di rango più basso ( «Le pipe dell’artigiano di Lincoln avevano il profumo della poesia. In ciascuna di esse era riposto un pensiero, una goccia di eternità») e le vette di una religiosità totale ( «… era una sinagoga chassidica e durante la pasqua ebraica si ballava forsennatamente, fino allo stremo, come dervisci»). Questa “fede del sud”, tuttavia, era destinata a produrre nella realtà storica l’effetto contrario a quello sperato perché il rigido fanatismo “nordico” dei rivoluzionari non poteva tollerare una situazione che si presentava con una infinità di sfumature, irriducibile allo schematismo dialettico della lotta di classe. Quando Babel´ affermava che «c’è più giustizia e speranza nel furore di una nobile passione che nelle squallide regole del mondo» evocava qualcosa di incomprensibile e di intollerabile per i tribunali sovietici.

Gor´kij e l’antisemitismo
Alexander Peškov, noto con lo pseudonimo di Maksim Gor´kij, vale a dire Massimo Amaro, originario di Nižnij Novgorod, orfano, fu allevato dalla nonna. All’età di undici anni cominciò a cercare di cavarsela da solo e lavorò come apprendista in varie situazioni, finché non diventò panettiere in un piccolo villaggio vicino a Kazan. Qui entrò in contatto con gli ambienti rivoluzionari del tempo. Dopo essere stato testimone di un violento pogrom nella propria città, Gor´kij divenne e restò sempre contrario a ogni forma di razzismo e di antisemitismo, definito «il più vergognoso aspetto del mondo d’oggi». Anche per questo fu uno scrittore amato e letto dagli ebrei, sia in lingua russa che in traduzione yiddish.
Nel 1892, da lavoratore delle ferrovie, Gor´kij pubblicò il suo primo racconto, con la fiducia e la speranza di contribuire alla rivoluzione sociale con la letteratura. Partecipò ai moti del 1905 e fu per questo arrestato per incitazione alla violenza. In prigione continuò a scrivere, fino a quando, anche sull’onda di una petizione pubblica, il regime zarista non se ne liberò mandandolo in esilio.
Nel 1912, intervistato da un giornale yiddish, Gor´kij ebbe a dichiarare: «La Russia appartiene a tutte le nazionalità e ai popoli che comprende nei propri confini e ognuno di questi popoli ha diritto alla propria esistenza, al pieno rispetto delle proprie avversioni e al proprio peculiare stile di vita. Nessuno ha il diritto di privare un popolo di questo diritto fondamentale! La cosa più importante, oggi, è fermare la diffusione del veleno antisemita, diffuso anche tra una parte degli intellettuali russi, e impedire che arrivi ai più giovani. Io non lo dimentico mai e metto sull’avviso i nostri lettori progressisti».
Dal 1906 a 1913 Gor´kij visse a Capri, rimanendo sempre in contatto con gli ambienti rivoluzionari. Gli fu possibile tornare in Russia nel 1914, dove l’anno seguente fondò il giornale «Cronaca». Fu anche tra i fondatori di una associazione per gli studi sulla vita degli ebrei. Nel 1917 fondò il giornale «Vita nuova», che tra l’altro criticava il nuovo governo bolscevico. Mentre la popolarità gli dava una certa protezione politica, la delusione per l’azione del governo sovietico lo spinse ad autoesiliarsi nuovamente in Italia. Lo convinsero a tornare in Unione Sovietica soltanto nel 1931, nominandolo presidente dell’Unione degli Scrittori Sovietici, il cui primo congresso fu aperto da un suo discorso. Morì improvvisamente nel giugno del 1936 e le voci circa il suo essere una delle prime vittime del terrore staliniano non hanno mai ricevuto conferme o smentite inoppugnabili.
Come s’è detto, Gor´kij fu probabilmente il più importante scrittore russo per gli ebrei orientali. Ebbe rapporti diretti con Sholem Aleichem, del quale ammirava i racconti, e compare nelle storie di Tevie il lattivendolo come autore amato dai giovani ebrei in polemica con la tradizione. Anche con Sholem Asch ebbe un rapporto cordiale e duraturo. Da non dimenticare sono gli allestimenti di alcuni suoi testi da parte delle compagnie yiddish, tra cui l’Artef di New York negli anni Trenta (episodi di cui si parla nel primo volume di questa serie).

Prima dell’Ottobre, inizio della fine, nelle ribollenti città del sud, tra cui Odessa, fu anche l’età dell’oro per il teatro:

  • 16 Per quanto riguarda la vita teatrale di Odessa è ancora Babel´ a offrirne un quadro assai vivido ne (...)

[…] nel vicolo del Teatro […] si snoda una lunga fila la gente che vuole acquistare un biglietto di galleria […] quando splende il nostro sole, che ha il profumo del mare del porto della Quarantena e dei fiori di via Ekaterinskaja, le finestre della Severnaja si spalancano e sui davanzali si affacciano le canzonettiste che si sono appena svegliate – è mezzogiorno e splende il sole – le canzonettiste con i capelli d’oro e le spalle bianche, sazie, amabili, straniere, calde dopo una notte d’amore passata con i figli di papà…16

  • 17 Nel giro di pochi mesi entrambi i registi girarono a Odessa: La corazzata Potëmkin (Urss, 1925), so (...)
  • 18 Cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://it.wikipedia.org/wiki/Eduard_Tisse>.
  • 19 Benya Krik (Urss, 1926), sceneggiatura di Isaak Babel´, regia di Vladimir Vilner, fotografia di A. (...)

Stiamo parlando di una città e di mondi che non esistono più. La Odessa di Jacob Adler e poi quella prerivoluzionaria della quale Babel´ cercava di riabilitare la memoria e il mito hanno comunque lasciato alcune tracce in un pugno di documenti – pagine, registrazioni sonore e film – che ne confermano il fascino e la peculiarità. Per esempio tutti o quasi conoscono la scalinata di Odessa per averla vista nella celebre scena del massacro operato dall’esercito zarista nel film La corazzata Potëmkin di Sergej Ejženstejn, ma pochi l’hanno vista in Fortuna ebraica di Aleksej Granovskij,17 dove, ripresa dallo stesso direttore della fotografia, il geniale Eduard Tisse,18 appare completamente diversa. Nel primo film è un’architettura che incornicia geometricamente (e ideologicamente) la violenza del potere e lo strazio della vita e dei corpi dei manifestanti, mentre nel secondo, sbrecciata e precaria, fa da sfondo a un incontro onirico tra l’ «uomo d’aria» (luftmensch) Menachem Mendel interpretato da Solomon Michoels e una donna tanto affascinante quanto irraggiungibile. I viali soleggiati della città e la sua costa semiselvaggia, le case a un piano dei benestanti e la “reggia” del capo dei malfattori locali, organizzata come una sorta di caserma dionisiaca, sempre in festa, insieme a diversi altri scorci, si ritrovano invece in Benya Krik,19 il controverso film anch’esso sceneggiato da Babelź. Sono film muti, purtroppo, comunque da non perdere. Una voce esemplare di quel tempo è stata registrata e si può tuttavia ascoltare, è quella di Isa Kremer, indicata da Babel´ come simbolo dell’ambiente culturale odessita:

  • 20 Cfr. Lois Barr, Isa Kremer, Jewish Women: A Comprehensive Historical Encyclopedia, 1 marzo 2009, Je (...)

[…] le cantanti odessite (parlo di Isa Kremer) con quella loro voce esile, ma così piena di gioia, una gioia espressa artisticamente con tutto il loro essere, piena di entusiasmo, di leggiadria e di un palpitante, triste e commovente senso della vita. Una gioia di vivere incantevole ma nello stesso tempo turpe e – quand même et malgré tout – straordinariamente affascinante.20

  • 21 Ibid.

Isa Kremer, di formazione operistica, soprano, dopo aver debuttato come Mimì con Tito Schipa in una Boheme, aveva lasciato la lirica per darsi alla musica popolare. Dell’opera diceva che era «stupidamente convenzionale» e aggiungeva: «per me la musica dev’essere genuina, deve esprimere un’idea in modo semplice e diretto […] deve essere arte per un grande pubblico».21 Kremer cantava in sette lingue, ma era soprattutto conosciuta per il repertorio yiddish, eseguendo il quale utilizzava anche alcuni accessori per accentuare la dimensione teatrale. Dopo il debutto americano alla Carnegie Hall nel 1922 fu trattenuta dagli impegni di lavoro in America del nord e del sud, e si trasferì infine in Argentina.

8Le sequenze di Benya Krik e Fortuna ebraica, scampate fortunosamente alla maledizione che circondava i nomi dei tre reietti del regime sovietico: Babel´, Granovskij e Michoels, film oggi restaurati, e quella voce, non più sepolta dal fanatismo di qualche collezionista o dalla impassibilità degli archivi, ci permettono di comprendere meglio questa mitica città-madre nella quale Jacob Adler nasce e matura la propria singolare vocazione teatrale.

 

  • 22 La principale fonte di informazioni su di lui è il libro che raccoglie le memorie dell’attore, Jaco (...)

Jacob (Yankev) Pavlovič Adler nacque a Odessa il 12 febbraio 1855 e morì a New York nel 1926, dopo una lunga e penosa malattia. Sarebbe diventato la Grande Aquila dopo essere riconosciuto unanimemente come grande attore, ma il soprannome rispecchia il suo carattere combattivo e l’enorme forza di volontà che lo distinguevano sino dall’infanzia.22 Adler è l’iniziatore di una vera e propria dinastia artistica che continua tutt’oggi. Prima di dedicarci alla biografia dell’artista, eccone un quadro sintetico.

  • 23 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia. org/wiki/Sonya_Adler>.un
  • 24 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia. org/wiki/Dinah_Shtettin> e Museum of Family History, (...)
  • 25 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia. org/wiki/Sara_Adler>.
  • 26 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/K/kaiser-jenny.htm>.
  • 27 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia. org/wiki/Celia_Adler>.
  • 28 Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/H/heine-chaimovich-morris.htm>. Heine e Levitskaya dopo il bando zarista del 1883 erano </http> (...)
  • 29 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://it.wikipedia. org/wiki/Luther_Adler>.
  • 30 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Judith Laikin Elkin, Stella Adler, in Jewish Women’s Archive (...)
  • 31 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia. org/wiki/Jay_Adler>.
  • 32 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. New York Times: <http://www.nytimes.com/1964/12/14/frances-adler-actress-was-73.html?_r=0>.
  • 33 Cfr.soprattuttolepaginecheLullaRosenfeld (TheYiddishTheatrecit.) dedicaatutti i membri della famigl (...)
  • 34 Cfr. Lulla Rosenfeld, Bright Star cit. pp. 299-300.
  • 35 «Quello del teatro yiddish era un mondo a parte, una fuga dalle asprezze della vita quotidiana e da (...)
  • 36 Cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia.org/wiki/Allen_Adler>.
  • 37 Cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia.org/wiki/Francine_Larri more>.
  • 38 Cfr. Stella Adler Studio of Acting: <http://www.stellaadler.com/profiles/tom
    - oppenheim/>.

Jacob Adler, figlio di Hessye e Feivel Abramovic Adler, si sposò tre volte, la prima con Sophia (Sonya) Oberlander (?-1886),23 poi con Dina Stettin (18??-19??)24 e infine con Sarah Levitskaya, poi Heine (1858-1953).25
La prima figlia avuta da Sonya, Rivkah (Rebecca) morì all’età di tre anni e la stessa Sonya morì per l’infezione contratta nel dare alla luce Abram nel 1886, a Londra. Negli Stati Uniti Abram ebbe poi una carriera come stage manager. Mentre era sposato con Sonya, Jacob ebbe una relazione con Jenny “Jennya” Kaiser,26 da cui nacque il futuro attore di teatro e cinema Charles Adler (1886-1966), attivo come attore e insegnante di coreografia soprattutto dagli anni Venti ai Quaranta.
Con Dina Stettin ebbe una figlia, Celia (1889-1979),27 che incontreremo ancora nella sua splendida carriera teatrale. Nonostante i disaccordi personali i due ex coniugi lavorarono assieme per molto tempo. Stettin sposò poi l’attore Sigmund Feinman e insieme fecero da genitori a Celia.
Sarah, nata Levitskaya, ovvero Levitsky, aveva sposato in Russia Maurice Heine,28 direttore di una troupe teatrale yiddish. Dopo il 1883 i due arrivarono a New York, passando da Londra (lei non parlava ancora lo yiddish e si esibiva cantando dinanzi al sipario canzoni russe), dove si erano uniti alla compagnia Adler. Ebbero due figli, Joseph e Max. Divorziarono nel 1890 e l’anno seguente Sarah sposò Jacob Adler, il quale nel frattempo aveva divorziato da Dina Stettin ed era entrato in compagnia con Finkel, Feinman e Mogulesko. Sarah, che sarebbe diventata divenne la prima starke yiddish americana debuttò ne Gli orfani di Shomer.
Jacob e Sarah ebbero sei figli: Luther (1903-1984),29 attore di teatro, cinema e televisione, oltre che talvolta regista a Broadway; Stella (1901-1992),30 l’attrice più nota della stirpe; Jay (1896-1978)31 attore di teatro, televisione e cinema; Frances, detta Nunia (1894- 1964),32 anch’essa attrice e moglie dell’attore Joseph Schoengold, figlio del famoso Abba Schoengold;33 Julia34 e Florence. Pearlie Schoengold35 (nota anche come Pearl Pearson), la seconda figlia di Frances e di Joseph dopo Rivke Vera, fu la nipote più amata da Jacob ed ebbe una interessante carriera, piena di alti e bassi, nella quale spiccano una partecipazione al Group Theatre e un Enrico iv di Pirandello con Buster Keaton protagonista.
Il figlio di Abram, Allen Adler (1916-1964),36 scrittore e drammaturgo, ricordato tra l’altro per la sceneggiatura del film Il pianeta proibito del 1956, tratto da La tempesta di Shakespeare, ebbe la carriera stroncata in quanto vittima dell’inquisizione anticomunista guidata dal senatore Joseph McCarthy.
Un altro Jacob Adler (1939-1987) ebbe vita breve: la sclerosi laterale amiotrofica gli impedì di lavorare. Era figlio di Luther e Sylvia Sidney (1910-1999), nota attrice teatrale e cinematografica attiva dagli anni Venti fino alla morte.
La sorella di Jacob, Sarah/Soore Adler era giunta a New York nel 1905: sua figlia Francine Larrimore (1898-1975)37 divenne un’attrice di Broadway e apparve in diversi film. Lulla Rosenfeld (1914- 1999), figlia di Frances, sceneggiatrice oltre che appassionata e minuziosa curatrice delle memorie di Jacob Adler, ne era la nipote. Tom Oppenheim (1960-),38 figlio di Ellen, la unica figlia di Stella e Horace Eliascheff, sposata con Dave Oppenheim, è l’attuale direttore artistico dello Stella Adler Studio of Acting.
Altri Adler non imparentati con Jacob hanno calcato la scena yiddish e preso parte a diversi film. Ricordiamo Esther Adler che è possibile vedere nello Yiddish King Lear e in Americaner Shadchen, Julius Adler (1880-?) e Julius Adler (1906-1994).

Dalle memorie di Jacob Adler apprendiamo che la madre era una donna molto bella, alta, che aveva lasciato un marito e un figlio per sposare Feivel (Pavel) Abramovič Adler, un uomo piccolo e brutto, però estroso e molto intelligente, sfortunatamente assai poco dotato come commerciante di granaglie. La prima immagine formativa che Adler propone è quella dello spettacolo della morte: i suoi genitori lo portarono a vedere il corpicino straziato di un bambino che era stato travolto e ucciso da un carro e poi esposto come ammonimento a fare attenzione per strada. Questo e altri episodi relativi alla sua condizione di ebreo gli fecero pensare che per vivere occorre prima di tutto attrezzarsi per resistere alle avversità, ai pogrom e a minacce più sottili e insidiose. A Jacob toccò di essere testimone di tre pogrom nel corso della propria vita: il primo, quando aveva circa dodici anni, fu un attacco dei greci, i quali festosamente massacrarono per strada, uscendo dalla loro chiesa ortodossa, diversi poveri ebrei. Jacob e i suoi assistettero terrorizzati all’episodio dal cancello di casa dietro il quale si erano rifugiati e che li aveva salvati.

9La lingua parlata in famiglia era lo yiddish, ma il padre, molto colto e ospitale, frequentava e dialogava con gente di diversi paesi. Il nonno Reb Avremele Fridkus Adler, che visse per diversi anni con loro, e lo zio Arke furono figure importanti nella formazione del piccolo Jacob; gli insegnavano molte cose e lo ammonivano di continuo sui comportamenti da tenere, senza mai censurare le sue curiosità e le sue avventure. La sua vita era dunque un misto di delizie e di orrori, anche all’interno della stessa comunità ebraica: per esempio era stato segnato da un rabbino-insegnante che utilizzava continuamente una dolorosa frusta ed era il terrore della classe. Non c’era da stupirsi, quindi, che il ragazzo saltasse la scuola il più possibile, frequentando la strada e i passatempi occasionali come le giostre o persino le pubbliche esecuzioni dei condannati a morte, in genere per crimini politici. Adler si riferisse a quegli anni come a un «tempo di barbarie». Ecco come descrive un episodio significativo:

Un contadino si era “venduto” all’esercito al posto di un giovane più ricco, come accadeva spesso a quei tempi. Questo contadino, un uomo pacato e gentile, si era trovato nei guai perché non accettava gli insulti dei suoi superiori, che di conseguenza lo avevano ferito, torturato e infine messo nel più stretto isolamento. Tutto ciò era stato accettato da lui in assoluto silenzio. Non contenti, questi raffinati ufficiali andavano ogni giorno nella sua cella per maltrattarlo e provocarlo. Un giorno, quando uno di loro aveva sputato nella sua zuppa di grano, il prigioniero gli aveva tirato il proprio piatto di ferro in testa.
Era stato processato per il suo crimine ed era stato condannato a morte.
Avendo saputo di questa vicenda, uscii di corsa per andare a vedere.
Una grande folla si era radunata nei pressi delle baracche militari, in un’attesa sempre più eccitata. All’improvviso un tremito percorse la folla. Eccolo venire giù da via Scizzor, circondato da una folta scorta. Era alto, un bel contadino dalla barba russa. Quando fu collocato sull’impalcatura dei condannati si sentì un grido spaventoso e una vecchia donna uscì dalla folla slanciandosi verso di lui e abbracciandolo disperatamente. Era sua madre, e un mormorio di simpatia si levò dalla folla.
Per qualche istante gli ufficiali consentirono alla donna di abbracciare e baciare il figlio, poi la staccarono da lui e la spinsero indietro. Le sue urla si spensero in un lamento basso e continuo. [da qui Adler scrive al presente]
Il condannato sale sul piano più alto e attende. Non un tremito, non un segno di paura; il suo volto non mostra altro che una risoluzione inflessibile. I suoi occhi vengono bendati. Un ufficiale dà l’ordine. Diversi fucili risuonano in un colpo solo. Nell’aria si avverte una increspatura. Il corpo oscilla e ha un tremito, poi cade attraverso una botola dell’impalcatura nella fossa preparata di sotto, che lo sta aspettando. Subito un piccolo gruppo di soldati si mette al lavoro con i badili, riempie di terra la fossa, ma sopra di essa resta un piccolo tumulo. A questo punto i soldati ci saltano sopra come molle, schiacciando la terra, danzano come demoni fino a quando il terreno è livellato e nessuno può dire quale sia un pezzo di terra innocente, sotto il quale non si cela una tale violenza.

  • 39 Cfr. Benjamin Nathans, Saint Petersburg, Yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 14 ottobre 20 (...)

Pur non essendo particolarmente colto, Adler dimostra di essere un grande attore anche attraverso la scrittura. Questa e altre descrizioni degli eventi dei quali fu testimone sono del tutto prive di metafore e povere di aggettivi, ma assai accurate nel delineare le azioni. Adler possiede una grande capacità di “montaggio”: le azioni dei vari personaggi sono osservate e riproposte secondo precise sequenze che evidenziano l’inizio dell’evento, poi il suo acme e infine lo scioglimento con il relativo effetto “catartico”, tanto sui protagonisti che sul giovane osservatore. Molte sono le pagine delle sue memorie che si potrebbero citare in tal senso, a partire dal racconto del primo pogrom e dall’esecuzione citata. Erano spettacoli da cui il giovane usciva «esausto e disgustato» e al tempo stesso incancellabili esperienze formative per l’individuo e il futuro attore. La Russia zarista era un regime politico feroce, ma era anche il paese di un’economia capitalistica emergente di cui Odessa era una delle sedi principali e ciò rendeva la città ricca di ogni tipo di proposte, anche artistiche e culturali, per alcuni decenni seconda soltanto a Pietrogrado e a Mosca.39

  • 40 Cfr., su tale questione, i relativi paragrafi del volume v di questa serie, Solomon Michoels e Benj (...)

10Per quanto riguarda la sua vocazione teatrale, il dato strettamente biografico dice della sua scoperta del teatro nell’adolescenza e di una scelta professionale compiuta a oltre vent’anni di età, in apparenza contraddicendo l’assunto che essa si manifesta sempre durante l’infanzia.40 Ebbene, il brano citato dimostra quale fosse il modo di osservare del piccolo Yankele e quale protocollo di composizione guidasse il suo racconto: al lettore, in questo caso, si propone una rievocazione assolutamente teatrale dell’evento, vale a dire non il giudizio etico e l’atmosfera, tuttavia chiaramente deducibili, ma le cose che accadono, che configurano una sintesi e una rappresentazione dell’evento. Se ne può dedurre pertanto che se il suo riconoscimento della vocazione è stato tardivo, questo e altri esempi provano la sua predisposizione per così dire organica e naturale, oltre che precoce, per il lavoro dell’attore.

11Le alterne fortune commerciali del padre dapprima gli consentirono di liberarsi del rabbino sadico e di frequentare un istitutore privato che gli fece sognare il liceo e l’università, e poi lo costrinsero, a quattordici anni di età, a diventare operaio tessile. In queste circostanze l’adolescente Jacob cominciò a compiere le prime scelte autonome. La gran moda di Odessa era la boxe, sport che anche simbolicamente sembrava esprimere il senso della vita in quegli anni. Le arene della Moldavanka, regno della malavita, erano traboccanti di spettatori e scommettitori, e il robusto sedicenne Jacob Adler divenne presto un campione, guadagnandosi il soprannome di Yankele Kulačnik (Yankele il Numero Uno). Nel frattempo da operaio era diventato un impiegato. Un certo benessere e la noia (si badi: noia, non rifiuto etico) subentrante per l’ambiente boxistico, uniti a una giovanile inappagabile “ricerca della felicità”, in gran parte allora identificata con la seduzione delle giovani odessite, spinsero Jacob verso il ballo da sala. Anche in quel caso divenne presto un numero uno, addirittura inventore di un personale Cancan che lo rese un modello per i suoi coetanei. A tutto ciò si accompagnavano, naturalmente, altre attività trasgressive come la frequentazione delle taverne, con mangiate e bevute pantagrueliche. Da questa vita dissoluta e senza sbocco, che inclinava fatalmente verso la malavita, Jacob fu distolto dalla madre e dallo zio, non con appelli moralistici bensì ricordandogli l’esistenza di piaceri più alti, la possibilità di avere differenti ambizioni. A questo punto si aprì per lui il passaggio per “divenire se stesso” come attore, cosa che però concretamente avvenne dopo alcune ulteriori significative peripezie.

 

12Lo zio Arke era un appassionato di teatro, andava due o tre volte la settimana al teatro russo. Applaudiva e chiamava alla ribalta i suoi attori preferiti, discuteva vivacemente con gli altri spettatori e conosceva personalmente artisti e direttori. Coinvolse il nipote in questo mondo di emozioni e di colori, di bellezza sensuale e di riflessioni profonde che da subito colpirono anche quel giovanotto piuttosto ignorante. Jacob trovò presto il modo per praticare in autonomia la sua passione e, senza dapprima rendersene conto, svilupparla: a diciassette anni diventò il capo-claque della sua attrice preferita, Olga Glebova, dunque il “regista” degli applausi e dei silenzi, dei lanci di fiori e persino dei pettegolezzi e delle notizie che si volevano far circolare. Seduto al centro della balconata, nel punto più alto, vestito come un damerino, orchestrava acclamazioni che facevano impallidire d’invidia le attrici rivali, soprattutto Madame Kozlova, la diva dell’altro partito teatrale cittadino. Ciò gli valeva molti regali della Glebova, spartiti equamente con i membri della sua squadra.

13A Odessa giungevano compagnie da tutta la Russia, oltre che dalla Francia e dall’Italia, e la frequentazione del teatro gli rese familiari sia il repertorio, soprattutto i testi di Aleksandr Ostrovskij, considerato il fondatore del teatro russo moderno e definito da Turgenev «lo Shakespeare della classe mercantile russa», sia i differenti modi di recitare degli attori. In questa fase Adler maturò una predilezione per il realismo, istanza di cui si sarebbe fatto portatore nel teatro yiddish, seppure inclinando verso il tragico-grottesco.

14La familiarità con il repertorio realistico e gli attori “moderni” dell’ultimo Ottocento, esponenti di un teatro capocomicale e di complesso, costituì la base della sua cultura teatrale e formò il suo gusto. Da ebrei yiddish e progressisti, Adler e un gruppo di suoi coetanei vedevano nel teatro uno strumento di emancipazione comunitario e una straordinaria nuova opportunità personale, una sfida che consisteva nel realizzare un’arte popolare, da cui trarre piacere, fama e denaro. Tutto ciò avveniva in un contesto storico e sociale molto turbolento, però. La sua famiglia riuscì a salvarsi da un successivo pogrom, ma ne uscì definitivamente rovinata, malconcia, con la casa distrutta e tutti i risparmi depredati.

  • 41 Cfr. nel primo volume di questa serie i vari passaggi a lui dedicati e comunque Nahma Sandrow, Vaga (...)

15Il teatro che questi giovani volevano e potevano fare non era però quello russo. Quale allora? Adler ammirava il grande broderzinger e attore popolare Ysrol (Israel) Gradner (o Grodner),41 il quale commuoveva il pubblico con un repertorio e uno stile performativo che possono far pensare alla Commedia dell’Arte o meglio ancora alla “canzone sceneggiata” napoletana. Gradner, già principale collaboratore e ispiratore di Goldfaden, era stato il primo attore a distaccarsene, dando così l’esempio a molti altri e iniziando una guerra tra compagnie che sarebbe durata a lungo, senza esclusione di colpi. Quando lo conobbe Adler, Gradner faceva teatro in un modo molto personale: stava seduto tra i clienti dei locali in cui si esibiva ed eseguiva le sue scene soltanto quando gli sembrava il momento giusto, cambiando spesso trucco e costume, cioè personaggio, e alternando le canzoni a scene strutturate e improvvisazioni. Gradner, essendosi formato come broderzinger, era un eccellente cantante, mentre Adler per sua stessa ammissione non sapeva cantare: «Non avevo voce. Ero debole come cantante. Non avevo né una buona voce né, lo confesso, un grande orecchio. Ma è davvero questo il motivo per cui sono passato dall’operetta ai lavori drammatici? Penso di no. Fino dai miei primi anni ho imparato a recitare negli spettacoli comici e leggeri, però secondo i principi dell’arte; non solo per divertire facilmente il pubblico, ma per risvegliare in loro le emozioni più profonde e potenti» afferma nelle sue memorie. Ma ne aveva eccome, di voce: non saper cantare è un’altra cosa. Da qui la sua inclinazione per il tragico

  • 42 Su Goldfaden, il «Padre del teatro yiddish» si vedano il primo volume di questa serie e le indicazi (...)
  • 43 Liviu Rotman, Bucharest, Yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 29 luglio 2010: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Bucharest>.
  • 44 Per Rosenberg cfr. anche Wikipedia, ad vocem: <http://en.wikipedia.org/wiki/Israel_Rosenberg>.
  • 45 Cfr. anche Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia.org/wiki/Jacob_Spiva kofsky>.

16Il teatro yiddish, al tempo, era innanzitutto quello realizzato dalla compagnia del rumeno Avrom Goldfaden,42 figura divenuta nel giro di pochi anni quasi mitica e noto agli odessiti per la sua fama di «padre del teatro yiddish» per qualche spettacolo visto in altre città, soprattutto a Bucarest,43 polo commerciale e culturale collegato a Odessa dalla ferrovia. Allora? Adler sostiene con buoni argomenti che il fondatore del teatro yiddish russo sia stato in realtà Israel Rosenberg,44 uno pseudo-avvocato, in realtà un fantasioso truffatore che allo scoppio della guerra russo-turca del 1877-1878 si era trasferito in Romania in cerca di fortuna, come molti altri. Rosenberg non era riuscito ad arricchirsi, però era stato reclutato come attore assieme a un amico, Jacob Spivakofsky,45 proprio da Goldfaden. Questi cercava di gestire più compagnie contemporaneamente, vista la crescente domanda del pubblico, ma in Romania operavano anche altre cinque-sei formazioni di attori che avevano lavorato con il primo capocomico yiddish e poi lo avevano abbandonato per mettersi in proprio. Goldfaden era furioso per questa concorrenza anche perché essa gli veniva fatta utilizzando i suoi testi, dei quali quasi mai riusciva a percepire i diritti. Per le compagnie “scissioniste” si poneva invece un altro problema, quello di cercare nuovi copioni per rispondere al mercato. E anche nel loro caso la partenogenesi era frequentissima.

17Il giovane Adler era stato coscritto nel personale sanitario, ma dopo soli quattro mesi era riuscito a tornare a casa congedato con una medaglia d’oro al merito patriottico. Aveva ripreso a lavorare dapprima come distributore di giornali, poi come ispettore del mercato cittadino, sempre pensando al teatro e a come migliorare la propria posizione: «Mi mancava qualcosa. Cercavo un luogo in cui la mia anima potesse trovare pace».

  • 46 Cfr. Jewish Musica Research Center, ad vocem: <http://www.jewish-music.huji.ac.il/content/sigmund-mogulesko> e Wikipedia, (...)

18Prima di continuare con l’avvicinamento di Jacob Adler al teatro e la nascita del vero e proprio teatro yiddish russo è bene richiamare ciò che nel frattempo era successo in Romania, terra d’origine di Avrom Goldfaden e di moltissimi altri attori del teatro yiddish, tra i quali spicca la singolare figura di Sigmund Mogulesko.46 Questo brillante attore, uno dei protagonisti della vicenda che stiamo raccontando, veniva dalla Bessarabia, dove fin da bambino aveva cantato nel coro della propria sinagoga, incontrando alcuni tra i migliori maestri chazzanim del tempo e guadagnandosi la fama di enfant prodige del canto sinagogale. Adolescente si trasferì a Bucarest, dove si diplomò al Conservatorio e, subito famoso, divenne il capo del celebre coro del cantore Israel Kupfer, esibendosi al tempo stesso in apprezzate imitazioni dei più noti comici rumeni. Goldfaden in quel momento stava cercando di formare la propria prima compagnia e lo volle conoscere. Fu subito conquistato da quel fragile diciassettenne che nel corso del provino si era proposto nell’esilarante personaggio di un giovane ebreo sciocco e arguto al tempo stesso. Questo personaggio, chiamato Shmendrik, impressionò il capocomico-drammaturgo a tal punto da indurlo a scrivere un copione (ispirandosi a una farsa che trionfava in un teatro di Bucarest) che lo proponeva come protagonista. Entusiasticamente convertito al teatro, Mogulesko-Shmendrik divenne in poco tempo, sia per gli attori che per il pubblico, l’archetipo del comico yiddish, caratterizzandosi in modo diverso dagli altri grandi di quegli anni.

  • 47 Per la biografia e la carriera di Zuckerman si deve fare riferimento alle ricorrenze del suo nome s (...)
  • 48 Cfr. il primo volume di questa serie e Wikipedia, ad vocem: <https:// en.wikipedia.org/wiki/Joseph_Lateiner>.

19Mogulesko aveva a sua volta reclutato altri attori, incontrati alle feste nelle case ebraiche che erano chiamati ad allietare, e tra essi un altro diciassettenne, il gigante biondo Abba Schoengold, che incontreremo ancora, e che fu però rifiutato da Goldfaden a causa di una timidezza scambiata per superbia. Tra i nuovi arrivati vi era Laizer Zuckerman,47 anch’egli destinato a lunga e fortunata carriera nel teatro yiddish. Ma Israel Gradner, geloso del successo di Mogulesko, chiese e ottenne che Goldfaden scrivesse per lui una tragedia nella quale, però, fu Mogulesko a prendersi tutti gli applausi interpretando un piccolo ruolo comico. Ciò indusse Gradner ad allontanarsi da Goldfaden e tornarsene a Iaşi, dove formò una propria compagnia insieme a Moishe, poi Morris o Maurice, Finkel, fino allora cantante popolare; ma ebbe molte difficoltà per la mancanza di copioni, dato che Goldfaden non gli concedeva i propri. Ciò fino a quando non incontrò l’intellettuale maskil ( “illuminista”) Joseph Lateiner.48 Questi s’improvvisò drammaturgo e con la stessa disinvoltura di Goldfaden trasse un copione da una storiella comica tedesca, ricavandone I due Schmil Schmelkes. Lo spettacolo ebbe un buon esito e ciò allarmò Goldfaden, il quale si precipitò a ingaggiare Lateiner con lucrose promesse e questi, abbandonando la compagnia di Iaşi, ne determinò la fine. I due Schmil Schmelkes nelle mani di Goldfaden diventò I due Kuni-Leml, destinato a diventare uno del maggiori successi comico-grotteschi della scena yiddish in tutto il mondo. Lateiner reagì alla prepotenza di Goldfaden tornando da Gradner, il quale a sua volta offrì allettanti contratti ad alcuni attori di Goldfaden, tra i quali vi era Mogulesko, che accettò, diventando socio di Gradner e (temporaneamente) nemico di Goldfaden. Zuckerman rimase invece a Bucarest. Goldfaden, che non si dava mai per vinto, reagì con una mossa che segnò una nuova tappa nella “invenzione” del teatro yiddish: scritturò una ragazza dal carattere selvaggio, una certa Golditza, che interpretava benissimo il ruolo maschile di Shmendrick imitando sfacciatamente Mogulesko e mandando in delirio gli spettatori. L’episodio mise fine comunque alla supremazia assoluta di Goldfaden e inaugurò una nuova stagione di libertà per gli attori, che ora avevano diverse compagnie alle quali offrirsi.

  • 49 Cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia.org/wiki/Sokher_Goldstein>.
  • 50 Cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia.org/wiki/Sophia_Karp>.

20La nuova fase di aperta concorrenza ebbe molti effetti, tra i più vistosi la ricerca da parte di Gradner di una primadonna, individuata nella moglie di Sokher Goldstein,49 Soore Siegel, rinominata Sophie Goldstein.50 Sophie, già dal giorno del proprio arrivo, sostituì il marito nel ruolo della eroina di La nonna e la nipotina. Gradner aveva però convocato anche la propria moglie, Annetta, che arrivò poco dopo l’insediamento di Sophie, la protetta di Mogulesko, il quale a sua volta era forte soprattutto grazie al proprio esercito di sostenitori. Da questo intreccio di gelosie e rivalità derivò l’ennesima rottura: la nuova compagnia di Mogulesko comprendeva tra gli altri Rosa Friedman, Moishe Finkel e sua moglie Annetta Schwartz.

21Siamo qui all’altezza del 1877. Con lo scoppio della guerra russo-turca e la mobilitazione degli uomini, per le compagnie teatrali fu la crisi, ma per poco. A Bucarest e in altre località lontane dal fronte si svolgevano lucrose attività commerciali legate alla guerra e la vita artistica ne beneficiava. Le pagine di Lulla Rosenfeld riportano diversi episodi interessanti di questo periodo. Nella capitale rumena Goldfaden intraprese una redditizia attività confezionando spettacoli di varietà per un pubblico numeroso, benestante e intellettuale, e ciò permetteva agli attori di condurre un’esistenza felice e sregolata. In questo clima Finkel tornò con Goldfaden, Jacob Spivakovsky, giornalista rumeno, si riciclò come attore e lo stesso fece Rosenberg, mentre Goldfaden poté permettersi addirittura due primedonne, le sorelle Annetta e Margaretta Schwartz, molto avvenenti e dotate di una gran voce, elegantissime e beneducate, e riaccolse Rosa Friedman, per la quale scrisse un altro dei propri “capolavori”, Breindele Cossack, ispirato al Barbablù di Offenbach.

  • 51 Cfr. Jewish Encyclopedia, ad vocem: <http://www.jewishencyclopedia.com/articles/7879-horowitz-moses-ha-levi> e Wikipedia, (...)

22Il flusso di denaro spingeva gli attori a una vita da debosciati (tutta Bucarest rideva della storia di un attore che si era recato dal dottore perché stava male per aver bevuto da alcuni mesi a quella parte soltanto champagne) e gli organizzatori a imbrogli di ogni genere, al punto da costringere Goldfaden a non apparire più in scena per occuparsi esclusivamente degli aspetti economici. La concorrenza riguardava anche la drammaturgia: sono questi i giorni del debutto come autore di Moyshe Isaac Halevy-Hurwitz, figura di spregiudicato mestierante che incontreremo spesso.51 Hurwitz aveva prima abbandonato l’ebraismo per fame e ora vi ritornava per far soldi. Gli spettacoli della sua prima compagnia si tenevano nel cortile di un ristorante che offriva un boccale di birra con il biglietto d’ingresso e il primattore era l’affascinante e bravo Abba Schoengold, che Goldfaden aveva respinto e ora richiamò a sé con una buona paga, costringendo Hurwitz a rifugiarsi in provincia con una compagnia ridotta. Goldfaden però aveva il vizio di trascurare gli attori una volta che li aveva strappati alla concorrenza e bastò poco perché Schoengold, rendendosene conto, tornasse da Hurwitz.

23Nel marzo del 1878 la guerra ebbe fine con la vittoria della Russia e la felice stagione che il teatro aveva conosciuto si chiuse da un giorno all’altro, creando ogni sorta di nuovi problemi. Rosa Friedman se ne tornò a Iaşi, Rosenberg e Spivakovsky tentarono di cavarsela battendo la provincia e Mogulesko, con un pugno di colleghi, si ridusse a cantare per strada raccogliendo le offerte dei passanti. In Romania non c’era quasi più un pubblico, non quello numeroso e ricco degli affaristi di guerra in ogni caso, e tutti gli artisti yiddish guardavano altrove, soprattutto alla Russia.

24A causa di questo riflusso, negli anni seguenti, tra il 1880 e il 1883, Odessa si trovò a essere la nuova capitale del teatro yiddish e i suoi dintorni un interessante mercato per una dozzina almeno di compagnie, alcune delle quali semi-professionali. Le sale erano sempre gremite di pubblico, la drammaturgia si arricchiva di generi e di testi e gli attori, sempre più esperti, sviluppavano l’offerta teatrale in diverse direzioni. Non deve stupire perciò che Mogulesko nel 1880 tornasse a Odessa per riprendere la propria carriera di attore e debuttasse, l’anno successivo, anche pubblicando una raccolta in versi di Kupleten Komishe un Humoristishe.

Notes

1 Per una prima conoscenza delle località importanti per l’ebraismo orientale si vedano le relative voci della Encyclopedia of Jews in Eastern Europe citate qui e nel primo volume di questa serie, a cominciare da Steven J. Zipperstein, Odessa, yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 13 settembre 2010: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Odessa>.

2 Mentre questo libro era in preparazione si è tenuta al Museum of the City of New York la grande mostra New York’s Yiddish Theatre: From the Bowery to Broadway (9 marzo-31 luglio 2016). La curatrice Edna Nahshon ha pubblicato un ricco e accurato volume dallo stesso titolo per la Columbia University Press composto dai seguenti contributi: Susan Henshaw Jones, Introduzione; E. Nahshon, Overture: From the Bowery to Broadway; Hasia Diner, Yiddish New York; Nahmha Sandrow, Popular Yiddish Theater: Music, Melodrama, and Operetta; Barbara Henry, Jacob Gordin: The Great Reformer; E. Nahshon, Jacob P. Adler and the Formation of a Theatrical Dinasty; Stefanie Halpern, Boris Thomashefsky: Matinée Idol of the Yiddish Stage; Joshua S. Walden, Molly Picon: Darling of Second Avenue; E. Nahshon, Maurice Schwartz and the Yiddish Art Theatre Movement; E. Nahshon, Yiddish Political Theatre: The Artef; Arnold Aronson, Yiddish Theatre and the Transformation of American Design; Eddy Portnoy, Modicut: The Yiddish Puppet Theatre of Yosl Cutler and Zuni Maud; E. Nahshon, Entertaining the Crowd; Judith Tissen, Early Yiddish Vaudeville in New York City; E. Nahshon, Borscht Belt Entertainment; Alisa Solomon, Tevye’s Travels: From Yiddish Everyman to American Icon; S. Halpern, E. Nahshon, Finale: A Gallery of Stars of the American Yiddish Stage.

3 Natan Meir, Kiev, yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 5 maggio 2011: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Kiev>.

4 ChaeRan Freeze, Khar’kiv, yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 18 agosto 2010: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Kharkiv>.

5 Cfr. Enciclopedia dell’Olocausto, ad vocem: <http://www.ushmm.org/wlc/it/article.php?ModuleId=10005183> e John Klier, Pogroms, Yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 11 ottobre 2010: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Pogroms>.

6 Mendele Moykher-Sforim ( “Mendele il venditore ambulante di libri”) era il nome di penna scelto da Sholem Yankev Abramovič, primo grande esponente della letteratura yiddish moderna. Cfr. Dan Miron, Abramovitsh, Sholem Yankev, Yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 19 agosto 2010: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Abramovitsh_Sholem_Yankev>; Tales of Mendele the Book Peddler, a cura di Dan Miron e Ken Frieden, Schocken Books, New York 1996; Classic Yiddish Stories of S. Y. Abramovitsh, Sholem Aleichem, and I. L. Peretz, a cura di Ken Frieden, Syracuse University Press, Syracuse-New York 2004. Questo volume, oltre a raccogliere alcuni racconti inediti da tempo e ritradotti per l’occasione dei tre scrittori, ne propone i rispettivi accurati profili biografici stilati da loro contemporanei. Mendele Moykher-Sforim non scriveva per il teatro, ma i suoi personaggi come Mendele (l’ebreo formatosi in una yeshiva dell’Europa Orientale), Alter (l’uomo medio che cerca di trasformarsi in un moderno commerciante) e Fishke (che occupa il gradino più basso della scala sociale) hanno ispirato molti allestimenti del teatro yiddish.

7 Il cinema yiddish è l’oggetto del secondo volume di questa serie. Cfr. Fortuna ebraica (Yidishe Glikn, Urss, 1925, rus. Evreyskoe sčast’e, ing. Jewish Luck, muto, 95’, didascalie in inglese, copia restaurata da The National Center For Jewish Film, 1991). Regia: Aleksej Granovskij; regista assistente Grigori Gritscher-Čerikover. Sceneggiatura e didascalie di Isaak Babel´ ispirata al racconto Menachem Mendel di Sholom Aleichem; collaboratori alle sceneggiatura: Grigori Gritscher-čerikover, Boris Leonidov, Isaak Teneromo. Fotografia: Eduard Tisse, con Vasili Khvatov e N. Strukov. Musiche originali: Lev Pulver. Scenografie: Nathan Altman. Attori: Solomon Mikhoels (Menachem Mendel), Saša Epstein (Yosele, suo figlio), Moisei Goldblat (Zalman), Tevye Khazak (Kimbach), Ida Abraham (sua moglie), Tamara Adelheim (Belya, sua figlia), S. Epstein (servo), G. Shidlo (Tashrats), Rakhil Imenitova (sua moglie), I. Rogaler (Oosher). Zuskin dimostra di essere un grande attore soprattutto nel film Cercatori di felicità (Iskateli sčastja, Urss, 1936, ing. Seekers of Happiness). Sceneggiatura: Grigori Kobets, Iogan Zeltser, 84’, russo con sottotitoli in inglese (copia restaurata da The National Center For Jewish Film, 2007). Regia: Vladimir Korsh-Sablin, Iosif Shapiro. Attori: Veniamin Zuskin (Pinja Kopman), Mariya Blyumental-Tamarina (Dvoira), S. K. Yarov (Korney), L. A. Shmidt (Rosa), A. M. Karev (Natan), N. K. Valyano (Lyova), L.M. Taits (Basya Kopman), Iona Byi-Brodsky (Shlyoma), Boris Zhukovbsky (il padre di Korney).

8 Cfr. Charles King, Odessa. Splendore e tragedia di una città di sogno, Einaudi, Torino 2013.

9 Per Brody cfr. Antony Polonsky, Brody, yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 13 dicembre 2010: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Brody>). Brody è considerata dagli storici il principale luogo-matrice del teatro yiddish, ma nella genesi del teatro yiddish russo è Odessa a svolgere un ruolo decisivo. Cfr. anche Robert A. Rothstein, Songs and Songwriters, yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 18 febbraio 2011: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Songs_and_Songwriters>.

10 Ancora da segnalare, tuttavia, che nella capitale della Crimea si registrano alcuni dei primi passi della scena e della drammaturgia yiddish. Nel 1864 una compagnia yiddish aveva rappresentato i drammi Esther e Athalia. Non si hanno molte notizie di quella e altre attività teatrali, ma non è privo di significato il fatto che Shloyme Ettinger, l’autore di Serkele, avesse vissuto per qualche tempo a Odessa, dove è probabile che fossero conosciuti anche alcuni antesignani della drammaturgia yiddish come Avrom Ben Gottlober, Israel Aksenfeld e Joel Ben, autore di Reb Chaimele der Koẓin, pubblicato a Odessa nel 1866, e Rochel die Singerin, pubblicato a Zhytomyr nel 1868.

11 Cfr. Isaak Babel´, Tutte le opere, a cura e con un saggio di Adriano Dell’Asta e uno scritto di Serena Vitale, Mondadori, Milano 2006. Il volume, provvisto di un ricco apparato critico, comprende numerosi scritti personali, frammenti e inediti che gettano luce sull’autore e su tutto quanto non aveva potuto pubblicare per motivi politici.

12 Questa edizione dei racconti di Babel´ cui si fa qui riferimento: I. Babel´, Odessa, trad. e cura di Costantino Di Paola (anche autore della prefazione Le parole del sole, ovvero le leggende del grande mistificatore), Marsilio, Venezia 1998. Da qui sono tratte, salvo indicazione diversa, tutte le citazioni babeliane che seguono.

13 Benjamin Nathans, Saint Petersburg, yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 14 ottobre 2010: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Saint_Petersburg>.

14 J. Roth, Ebrei erranti, Adelphi, Milano 2012, p. 109.

15 Citato da Giovanni Maccari, Gli occhiali sul naso: vita romanzesca dello scrittore Isaak Babel´ e dei suoi anni tempestosi, Sellerio, Palermo 2011, p. 23. Né romanzo né biografia, il libro di Maccari è una fantasia molto documentata sulla vicenda umana, artistica e politica di Babel´.

16 Per quanto riguarda la vita teatrale di Odessa è ancora Babel´ a offrirne un quadro assai vivido nel racconto Di Grasso (riproposto e analizzato in A. Attisani, Actoris Studium. Album # 1. Processo e composizione nella recitazione da Stanislavskij a Grotowski e oltre, Edizioni dell’Orso, Alessandria 2010, pp. 146-149, tratto dalla raccolta I. Babel´, Odessa cit.).

17 Nel giro di pochi mesi entrambi i registi girarono a Odessa: La corazzata Potëmkin (Urss, 1925), soggetto di Nina Agadžanova-Šutko, sceneggiatura e regia di Sergej M. Ejzenštejn, fotografia di Eduard Tisse, montaggio di Sergej M. Ejzenštejn e Grigorij Aleksandrov, musiche di Edmund Meisel, Nikolaj Kriukov, Dmitrij Dmitrievič Šostakovič, scenografie di Vasili Rachals. Muto, 75’. Attori: Vladimir Barskij (Capitano Golikov), Aleksandr Antonov (Grigorij Vakulinčuk), Grigorij Aleksandrov (Comandante Giljarovskij), Konstantin Feldman (studente sovversivo), Beatrice Vitoldi (donna con la carrozzina), Julia Ejzenštejn (donna con il cibo per i marinai), (cittadino di Odessa). Produzione: Goskino, Mosca. E poi: Fortuna ebraica cit.

18 Cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://it.wikipedia.org/wiki/Eduard_Tisse>.

19 Benya Krik (Urss, 1926), sceneggiatura di Isaak Babel´, regia di Vladimir Vilner, fotografia di A. Kalhuznyi, scenografie e costumi di G. Baizenhertz. Muto, 90’, didascalie in inglese (copia restaurata da The National Center For Jewish Film, 1996). Attori: Matvei Lyarov (Mendel Krik), Yuri Šumsky (Benya Krik, suo figlio), Nikolai Nademskij (Kolka Pakovski), Ivan Zamychkovskij (Gleczick, funzionario di polizia), N. Kučinskij (Sokovič, poliziotto), Sergei Minin (Sobkov, commissario di polizia), I. Sizov (Kočetkov, suo aiutante), L. čembarskij (banditore), A. Goričeva (Dvoira), A. Vabnik (il suo sposo), Teodor Brainin (Liovka Byk), Georgi Astafyev (Abdulla), A. Sashin (Savka), M. Smolensky (Marants), O. Maratti (Froim Grač), Ye. Lepkovsky (Tatarkovsky), Leonid Barbe (Muginstein, suo contabile), V. Koževnikova (zingara). Produzione: vufku.

20 Cfr. Lois Barr, Isa Kremer, Jewish Women: A Comprehensive Historical Encyclopedia, 1 marzo 2009, Jewish Women’s Archive: <http://jwa.org/encyclopedia/article/kremer-isa>. Basta digitarne il nome su Youtube e la si può ascoltare in un vasto repertorio di canzoni in yiddish e in russo.

21 Ibid.

22 La principale fonte di informazioni su di lui è il libro che raccoglie le memorie dell’attore, Jacob Adler: A Life on the Stage – A Memoir, trad. dallo yiddish e commento di Lulla Rosenfeld, intr. di Stella Adler, Applause, New York 2001 (la prima pubblicazione, per i tipi di Knopf, è apparsa soltanto nel 1999). Lulla Rosenfeld (1914-1999) ha dedicato tutta la vita all’eredità dell’attore, tra l’altro pubblicando una sua biografia e curando queste sue memorie che erano apparse sul quotidiano yiddish newyorchese «Di varhayt» tra il 1916 e il 1919 e concluse nel 1925. Rosenfeld arricchisce il racconto con il proprio puntuale commento, che illumina lo sfondo del teatro yiddish tra gli anni Ottanta dell’Ottocento e i Venti del Novecento. Preziosa è anche l’introduzione di Stella Adler. Ma si veda anche, sempre di Lulla Rosenfeld, la biografia Bright Star of Exile. Jacob Adler and the Yiddish Theatre, intr. by Harold Clurman, Barrie & Jenkins, London 1977 (poi in ed. rivista con il titolo The Yiddish Theatre and Jacob P. Adler, Shapolsky Publishers, New York 1988).

23 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia. org/wiki/Sonya_Adler>.un

24 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia. org/wiki/Dinah_Shtettin> e Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/F/feinman-sigmund.htm>.

25 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia. org/wiki/Sara_Adler>.

26 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/K/kaiser-jenny.htm>.

27 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia. org/wiki/Celia_Adler>.

28 Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/H/heine-chaimovich-morris.htm>. Heine e Levitskaya dopo il bando zarista del 1883 erano emigrati a New York passando da Londra, come vedremo. Heine fu attivo nel teatro yiddish in vari paesi per oltre vent’anni e come regista cinematografico fino al 1929-1930, quando diresse lo Yiddish Prospect Theatre nel Bronx.

29 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://it.wikipedia. org/wiki/Luther_Adler>.

30 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Judith Laikin Elkin, Stella Adler, in Jewish Women’s Archive: <http://jwa.org/encyclopedia/article/adler-stella> e Giulia Randone, Recitare per diventare esseri umani, in Aa Vv, Actoris Studium. Album # 2, Edizioni dell’Orso, Alessandria 2012, pp. 161-196.

31 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia. org/wiki/Jay_Adler>.

32 Oltre alle altre fonti qui citate cfr. New York Times: <http://www.nytimes.com/1964/12/14/frances-adler-actress-was-73.html?_r=0>.

33 Cfr.soprattuttolepaginecheLullaRosenfeld (TheYiddishTheatrecit.) dedicaatutti i membri della famiglia Schoengold, poi Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia. org/wiki/Abba_Schoengold>; Jewish Encyclopedia: <http://www.jewishencyclopedia.com/articles/7879-horowitz-moses-ha-levi>; Wikipedia: <http://en.wikipedia.org/wiki/Moses_Horowitz>.

34 Cfr. Lulla Rosenfeld, Bright Star cit. pp. 299-300.

35 «Quello del teatro yiddish era un mondo a parte, una fuga dalle asprezze della vita quotidiana e dal grigio mondo che gli immigrati cercavano di lasciarsi alle spalle. Più che a Broadway, il teatro yiddish somigliava al Kabuki giapponese, nel quale gli i bambini diventavano attori appena era in grado di entrare in scena. Lulla Rosenfeld, bisnipote di Jacob Adler e del suo collega e amico Abba Schoengold (i suoi genitori erano la figlia di Adler, Frances, e il figlio di Abba, Joseph), raccontava che sua sorella Pearlie aveva debuttato all’età di due anni «sollevando un tumulto di risate quando, dimenticandosi del ruolo, si era rivolta in scena a Jacob Adler chiamandolo zayde (nonno), errore che oltre alle risate fece precipitare sulla scena una pioggia di monetine». I pochi artisti yiddish che si sposavano al fuori del loro ambiente introducevano immediatamente i rispettivi coniugi nella professione (cfr. Rick on Theater: <http://rickontheater.blogspot.fr/2012/08/a-chorus-line-1976.html>).

36 Cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia.org/wiki/Allen_Adler>.

37 Cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia.org/wiki/Francine_Larri more>.

38 Cfr. Stella Adler Studio of Acting: <http://www.stellaadler.com/profiles/tom
- oppenheim/>.

39 Cfr. Benjamin Nathans, Saint Petersburg, Yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 14 ottobre 2010: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Saint_Petersburg> e Leonid Praisman, Moscow, Yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 3 settembre 2010: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Moscow>.

40 Cfr., su tale questione, i relativi paragrafi del volume v di questa serie, Solomon Michoels e Benjamin ZuskinVite parallele nell’arte e nella morte.

41 Cfr. nel primo volume di questa serie i vari passaggi a lui dedicati e comunque Nahma Sandrow, Vagabond Stars. A World History of Yiddish Theater, Syracuse University Press, Syracuse-New York 1996, pp. 42-43, nonché Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia.org/wiki/Israel_Grodner>.

42 Su Goldfaden, il «Padre del teatro yiddish» si vedano il primo volume di questa serie e le indicazioni bibliografiche relative.

43 Liviu Rotman, Bucharest, Yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 29 luglio 2010: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Bucharest>.

44 Per Rosenberg cfr. anche Wikipedia, ad vocem: <http://en.wikipedia.org/wiki/Israel_Rosenberg>.

45 Cfr. anche Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia.org/wiki/Jacob_Spiva kofsky>.

46 Cfr. Jewish Musica Research Center, ad vocem: <http://www.jewish-music.huji.ac.il/content/sigmund-mogulesko> e Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia. org/wiki/Sigmund_Mogulesko>.

47 Per la biografia e la carriera di Zuckerman si deve fare riferimento alle ricorrenze del suo nome soprattutto in Lulla Rosenfeld, The Yiddish Theatre cit.

48 Cfr. il primo volume di questa serie e Wikipedia, ad vocem: <https:// en.wikipedia.org/wiki/Joseph_Lateiner>.

49 Cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia.org/wiki/Sokher_Goldstein>.

50 Cfr. Wikipedia, ad vocem: <https://en.wikipedia.org/wiki/Sophia_Karp>.

51 Cfr. Jewish Encyclopedia, ad vocem: <http://www.jewishencyclopedia.com/articles/7879-horowitz-moses-ha-levi> e Wikipedia, ad vocem: <http://en.wikipedia.org/wiki/Moses_Horowitz>.

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site