Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Tutto era musica

 | 
Antonio Attisani

IX. Il teatro yiddish in America Latina

Luca Valenza

Texte intégral

  • 1 «Violando […] la logica aristotelica, l’antisemita dirà, in seguito, o addirittura simultaneamente, (...)

Violando […] la lógica aristotélica, el antisemita dirá sucesivamente – y aún simultáneamente – que el judío es banquero y bolchevique, avaro y dispendioso, limitado a su gueto y metido en todas partes. […] La judeofobia es de tal naturaleza que se alimenta de cualquier manera. El judío está en una situación tal que cualquier cosa que haga o diga, servirá para avivar el resentimiento infundado.
Ernesto Sabato1

  • 2 Per esempio una ricca collezione di manifesti è proposta dalla New York Public Library Digital Coll (...)

1Diverse strade permettono di avvicinarsi alla questione inerente il teatro yiddish (idish secondo la grafia ispanoame-ricana) in America Latina: processi storici, antropologici, linguistici, fra memoria del passato e tensioni del presente. Un continente doppio, che nella differenza permette a una memoria collettiva di mantenersi viva e in costante evoluzione. Nell’affrontare il caso del teatro faremo ricorso al lavoro di numerosi studiosi, alle raccolte di pubblicazioni e manifesti2 e, last but not least, alle testimonianze storiche, dirette o indirette, reperite nel corso della ricerca.

2Il teatro yiddish fu la parte essenziale di un tessuto vivo che proprio nell’incontro e nella contaminazione trovò un nuovo modo in essere, una lingua franca. Tenteremo pertanto in questa sintetica compilazione di tracciare alcune linee, incrociando la storia e le storie dei diversi paesi, per delineare un ordito complesso e diffuso capillarmente.

3Tra il 1881 e il 1948 oltre quattro milioni di ebrei abbandonarono i paesi d’origine e si trasferirono in America Latina alla ricerca di una terra promessa in cui stabilirsi.

  • 3 Haim Avni, Judíos en América. Cinco siglos de historia, Mapfre, Madrid 1992, p. 17.
  • 4 Il criptogiudaismo è l’adesione in segreto al giudaismo pur dichiarando pubblicamente di professare (...)
  • 5 Il Virreinato del Perú, creato nel 1542, era un distretto coloniale spagnolo situato in Sudamerica, (...)

4La presenza judia in America Latina cominciò con la sua scoperta. Come osserva lo storico Haim Avni, «il continente americano si vincolò con il destino del popolo ebraico dal momento stesso della sua scoperta».3 Fra i primi viaggiatori a giungere nel continente americano è attestata una discreta presenza di conversos (in maggior numero sefarditi) in fuga dall’inquisizione spagnola. I conversos (criptogiudei)4 rimasero per lo più ai margini della società divenendo, di frequente, oggetto di vessazioni. Queste comunità si diffusero in tutto il continente, dagli Stati Uniti, all’Argentina, al Brasile e al Virreinato del Perù,5 senza tuttavia creare un tessuto di relazioni organico e duraturo. Soltanto a partire dal 1880 le migrazioni massicce di askenaziti provenienti dall’Europa orientale interessarono in maniera numericamente più rilevante il nuovo mondo.

  • 6 Cfr. «La Nación», Buenos Aires, 26 agosto 1881.

5In Argentina nel 1881 fu promulgata per iniziativa del presidente Julio Argentino Roca la prima legge a favore dell’immigrazione giudaica nel continente americano. Il governo nominò un ufficiale con il compito di governare il processo dell’immigrazione israelita. José María Bustos, scelto per questo incarico doveva «dirigere per la Repubblica Argentina l’emigrazione israelita, iniziata attualmente nell’Impero Russo».6

  • 7 Wilhelm Lowenthal, medico di origine polacca, naturalizzato francese. Nel 1890 si recò in Argentina (...)
  • 8 Moritz von Hirsch auf Gereuth, impresario e banchiere, filantropo ebreo-tedesco. Attraverso i suoi (...)

6Il primo gruppo consistente, giunto con il vapore Weser, segnò l’inizio di alcune forti ondate migratorie che interessarono tutto il continente. Le disavventure di questi primi coloni, abbandonati ed emarginati, furono fedelmente riferite da Wilhelm Loewenthal,7 medico igienista incaricato di svolgere un’indagine sulle condizioni di vita degli immigrati. I suoi resoconti fecero ben presto il giro di tutti gli ambienti liberali europei e impressionarono il visionario barone e filantropo Maurice de Hirsch.8 Il barone lanciò un’azione coordinata al fine di aiutare gli emigranti cercando l’appoggio e la cooperazione tra il governo russo, il governo argentino e le associazioni israelitiche; Hirsch incaricò Loewenthal di cercare terreni adatti per favorire la nascita e lo sviluppo di una serie di insediamenti ebraici oltreoceano. Loewenthal riuscì nell’impresa, culminante con la fondazione nella provincia di Buenos Aires della Colonia Mauricio, la prima dell’Empresa Colonizadora Barón de Hirsch. Loewenthal tornò a Berlino nel 1891, si presume dopo dissapori con Hirsch. Nello stesso anno fu fondata, su uno dei terreni individuati da Lowenthal, una colonia chiamata Moïseie, la prima dell’jca (Jewish Colonisation Association).

  • 9 Theodor Herzl, il maggior artefice del sionismo politico, è stato un giornalista e scrittore, nato (...)

7Le risorse del barone gli consentirono di dedicarsi attivamente a varie imprese filantropiche, di cui, senza dubbio, la principale fu la fondazione della jca, associazione nata a seguito dei violenti pogrom in Russia con lo scopo specifico di organizzare l’immigrazione di tutti gli ebrei dell’impero russo (judios rusos) in aree rurali. Come si può dedurre da uno scritto programmatico di Theodor Herzl,9 da subito furono identificate due distinte aree in cui realizzare l’insediamento dell’agognato stato israelita:

  • 10 Theodor Herzl, Lo stato ebraico, Il Melangolo, Genova 1992, p. 42.

Due sono i territori da prendere in considerazione: la Palestina e l’Argentina. In entrambi sono stati intrapresi tentativi di colonizzazione degni di nota. A dire il vero secondo il principio sbagliato della progressiva infiltrazione degli ebrei. L’infiltrazione va sempre a finire male. Infatti, arriva regolarmente il momento in cui il governo, cedendo alle pressioni della popolazione che si sente minacciata, blocca l’ulteriore afflusso di ebrei […]. La Society of Jews tratterà con gli attuali stati sovrani e sotto la protezione delle potenze europee, se la cosa li convincerà fino in fondo. Noi possiamo garantire enormi vantaggi all’attuale stato sovrano, possiamo accollarci una parte del suo debito pubblico, costruire strade, di cui anche noi abbiamo bisogno, e molte altre cose. Ma gli stati confinanti avranno da guadagnare anche solo dal semplice costituirsi dello stato ebraico, perché sia su scala ridotta che su vasta scala, la cultura di un paese aumenta il valore del territorio circostante […]. L’Argentina è uno dei paesi più ricchi di risorse naturali della terra, dotata di enormi distese, scarsa popolazione e clima temperato. La repubblica argentina sarebbe molto interessata a cederci una parte del suo territorio. L’attuale infiltrazione ebraica ha prodotto solo irritazione; bisognerebbe informare l’Argentina sulla sostanziale differenza della nuova immigrazione ebraica.10

  • 11 Mordkhe (Marcos) Alperson nel 1891 si trasferì con moglie e figli in Argentina, insieme con il prim (...)

Si possono distinguere due linee generali nei movimenti migratori giudaici, una di matrice centroeuropea formata soprattutto da contadini e artigiani di ascendenza askenazita, e l’altra, sefardita, proveniente dall’Europa meridionale, soprattutto Spagna, Italia, Turchia e Africa settentrionale. Le diverse comunità, pur vivendo in situazioni sociali simili, per molti anni non trovarono una coesione; infatti, mentre gli askenaziti utilizzavano lo yiddish come lingua comunitaria, rimanendo maggiormente coesi tra loro, i sefarditi furono facilitati nell’assimilazione dall’uso dello spagnolo o di altre lingue neo-latine. Tracce della cultura e della lingua yiddish in America latina si possono trovare sin dai primi anni dell’immigrazione giudaica e sono più facilmente riscontrabili attraverso pubblicazioni come le famose riviste yiddish argentine «Di Idische Zeitung» e «Di presse». Queste pubblicazioni favorirono anche la diffusione di una letteratura e drammaturgia contestuale come nel caso, in Argentina, di Marcos Alperson.11

  • 12 Cfr. Susana Skura e Leonor Slavsky, El teatro ídish como patrimonio cultural judío argentino, in Ri (...)

8La forte spinta migratoria che si verificò in America Latina all’inizio del Novecento ebbe anche come conseguenza un interessante e documentato effetto culturale ai paesi interessati. È interessante rilevare come il fervore culturale e teatrale attorno alla lingua fosse di portata transcontinentale; ad esempio, fra il 1944 e il 1948 il teatro Idisher Folks Teater (ift) di Buenos Aires12 organizzò un concorso per opere inedite, promosso attraverso la stampa ebraica di tutto il mondo, il concorso Kasner, raccogliendo scritti e opere da molti paesi, Cina compresa.

  • 13 Cfr. i siti Jewish-theatre: <http://www.jewish-theatre.com/visitor/article_display.aspx?articleID=2826> e Hemeroteca: <http://hemeroteca.abc.es/nav/Navigate.exe/hemeroteca/madrid/abc/1933/12/21/013.html>.
  • 14 Per la compilazione della parte inerente a queste note introduttive si è fatto riferimento a: Furio (...)

9Il recarsi a teatro divenne per la comunità un rito collettivo utilizzato per mantenere saldi alcuni momenti di condivisione e socialità. Sebbene non in tutti i paesi dell’America Latina sia stato possibile riscontrare tracce di un teatro yiddish, in molti di essi è accertata la presenza di compagnie teatrali amatoriali; queste tracce sono state rilevate soprattutto nei documenti di associazioni culturali e di mutuo soccorso.13 In molte città dell’America Latina si esibivano compagnie locali e girovaghe e il continente diventò in breve tempo una tappa obbligata per le compagnie professionali provenienti dagli Stati Uniti e dall’Europa.14

  • 15 Cfr. Marcos Rosenzvaig, El Teatro Idisch en Buenos Aires, «Cuadernos de Investigación Teatral del S (...)

10Agli inizi del xx secolo in Argentina risiedevano stabilmente numerose comunità provenienti da paesi differenti; i gruppi maggiormente chiusi e omogenei conservarono più a lungo usi e tradizioni dei paesi d’origine. Fra queste la comunità askenazita argentina mantenne viva una forte matrice culturale indipendente e il teatro yiddish fu un fenomeno esteso e socialmente rilevante. I primi spettacoli furono inizialmente realizzati a Buenos Aires presso i teatri Doria (in seguito il nome mutò in Marconi), Bataglia, Nacional del Norte (in seguito Grand Splendid), ma le rappresentazioni si tenevano anche in sale di fortuna o da ballo, dove teatro e prostituzione viaggiavano di pari passo. Molti artisti provenienti dall’Europa e dall’America settentrionale calcarono queste scene, come racconta Marco Rosenzvaig15 – «Il teatro yiddish non era autosufficiente, dipendeva dalle compagnie provenienti da Stati Uniti ed Europa» – rivelando come le prime comunità fossero caratterizzate da un forte legame con i luoghi d’origine.

  • 16 Jacob Silbert, cantante, attore, regista. Viaggiò in Europa, Stati Uniti, Canada, Argentina, mieten (...)
  • 17 Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/L/lager-aaron.htm>. Aaron Lager è anche autore di una serie di articoli inti</http> (...)
  • 18 Samuel Glasserman ha anche tradotto in yiddish l’opera cardine dell’epica argentina, il Martín Fier (...)

11Nel 1902 la stagione yiddish iniziò a manifestare tutto il suo valore culturale ed economico con la visita del famoso attore Jacob Silbert16 e della compagnia del drammaturgo Avrom Goldfaden, con spettacoli quali La strega (in spagnolo, La bruja), La nonna e il nipotino (spa. La abuela con el nieto), e I due Kuni-Leml (spa. El Tartamudo). Sempre nel 1902 arrivarono le compagnie di Aaron Lager17 e di Carlos Gutentak. L’arrivo dei più noti interpreti yiddish a Buenos Aires segnò il momento di maggiore splendore del teatro nella capitale rioplatense e diede inizio a una stagione culturale del tutto peculiare che culminò con la rappresentazione di opere in yiddish su temi argentini tratti dai racconti e dai libri di Marcos Alperson come I figli della pampa e Goles — El cautiverio, lo Zisyie il goy di Samuel Glasserman18 e La principessa ebrea della Patagonia. Fino al termine della prima guerra mondiale le principali opere rappresentate furono di matrice comica e soprattutto di autori stranieri. Racconta l’attore David Zvilij:

  • 19 Il candombe è una modalità ritmica uruguaiana di discendenza africana. Gli strumenti musicali utili (...)
  • 20 Karina Wainschenker, Antecedentes, surgimiento y desarrollo del teatro IFT, VII Jornadas de Jóvenes (...)

Un giorno apparve Armando Discépolo con la proposta di dirigere Quando qui avevamo i re di González Pacheco. Questa opera aveva vinto il premio nazionale che consisteva in un allestimento al Teatro Cervantes che non si concretizzò mai. La realizzammo nel 1938 nelle sale di Unione e Benevolenza, dopo averla tradotta in yiddish: era una storia di schiavi all’epoca delle colonie, così vestimmo gli ebrei con costumi adatti e li dipingemmo di nero. Musica di candombe19 e testi in yiddish: riempimmo per due mesi la sala.20

  • 21 Bernardo Weisman, di origine rumena, fu in Turchia, Siria ed Egitto con la compagnia diretta da Fin (...)

Bernardo Weisman,21 uno dei primi attori yiddish argentini, ebbe un ruolo fondamentale per la nascita e il consolidamento del teatro rioplatense. Nel 1907 fondò la prima Asociasión de Actores Israelitas, nel 1915 organizzò la prima manifestazione di sostegno agli attori e nel 1922 promosse il primo sciopero documentato, contro il Teatro Olimpia, per ottenere migliori paghe e condizioni di vita. Alla sua morte vennero organizzate grandi manifestazioni in tutto il paese e una conseguenza fu l’istituzione della prima forma pensionistica per gli attori.

  • 22 Alcuni di questi teatri rimasero nella storia: Soleil, Mitre, Excelsior, Cristal, Lasalle, Odón, As (...)

12Buenos Aires era allora una delle quattro maggiori piazze del teatro yiddish nel mondo, preceduta soltanto da quelle russe, polacche e statunitensi; la città arrivò a contare più di ventisei teatri. Spesso compagnie differenti proponevano gli stessi titoli, scatenando il gusto del pubblico per la critica e la discussione.22 Racconta in proposito David Zvilij:

  • 23 M. Rosenzvaig, El Teatro Idisch en Buenos Aires cit., p. 58.

In questo primo gruppo si ebbero tre maestri: Flapan, Gripun e Vladimiro Acosta, che era uno scenografo. I tre cominciarono insegnando il teatro a un gruppo di operai polacchi e russi che frequentavano la mensa per immigrati. Quando i commensali si ritiravano, dopo le otto, cominciavamo a insegnare fino all’una e alle volte fino alle due. Le prime opere che studiammo furono: Mantengan el fuerte, copione che raccontava di uno sciopero negli Stati Uniti organizzato da afroamaricani ed ebrei contro un padrone ebreo. Altra opera che ricordo fu Los negros de Malek, spettacolo replicato per circa otto mesi. […] un attore di Max Reinhardt lavorò per due anni con la nostra compagnia. Durante questo periodo diresse Ruggisci, Cina! [di Sergej Tretjakov], tradotto dall’esperanto allo yiddish. Ricordo anche il polacco Jaim Brakaz che non era un grande regista ma scelse un’opera interessante, Motín en la casa correcional. Nel 1937, cominciò a dirigere il teatro una coppia arrivata direttamente dalla Polonia, già attori della Vilner Trupe. Fra le molte opere presentarono Notte al Mercato Vecchio (spa. Una noche en el Viejo Mercado) di Peretz. Questa è un’opera scritta in un periodo in cui in Polonia non si potevano dire esplicitamente molte cose, quindi i drammaturghi dovevano ricorrere alla metafore. Gli spettacoli si tenevano per lo più al Teatro Italia Unita, dove ora si trova una famosa sala da ballo. Il biglietto d’ingresso costava soltanto un peso e il teatro si riempiva…23

  • 24 David Licht, diresse lo ift per diciassette anni con un deciso piglio innovativo. Firmò la sua prim (...)
  • 25 Jordana Fain, attrice cinematografica e regista teatrale argentina, nel 1956 divenne direttrice del (...)
  • 26 Max Berliner attore e regista teatrale di origine polacca, debuttò a cinque anni in un’opera tratta (...)
  • 27 Salo Kulisevsky, noto come Salo Lisé, drammaturgo e attore. Originario di Praga, animatore cultural (...)
  • 28 Igniacio Finder, attore e regista dello ift, si formò alla scuola di David Licht.
  • 29 Cipe Lincovsky, attrice di cinema e teatro argentino, conosciuta per la sua lunga e costante attivi (...)

Erano anni di fervida vita culturale, nascevano molte compagnie e i teatri dovettero adeguarsi a una capienza maggiore, nacquero scuole di drammaturgia e recitazione. In questi anni mosse i primi passi una delle principali e più innovative compagnie dell’epoca, il gruppo Libertad, che cambiò il proprio nome in Idische Dramatishe Studio (idramas) e poi nel 1936 in Idisher Folks Teater e che contribuì alla raccolta e diffusione di un cospicuo materiale drammaturgico in lingua yiddish. A dirigere i lavori e le ricerche del gruppo era un famoso attore, David Licht,24 sotto la direzione del quale si formarono alcuni tra i più famosi attori argentini come Jordana Fain25 Max Berliner,26 Salo Kulisevsky,27 Ignacio Finder28 e Cipe Lincovsky.29 Quando David Licht abbandonò l’Argentina per trasferirsi negli Stati Uniti, la compagnia acquistò alcuni terreni per costruire un proprio teatro, ma la costruzione non ottenne per anni il permesso di procedere a causa degli ostacoli burocratici. Il clima iniziava a cambiare.

13Molti furono i registi che lavorarono con lo Idisher Folks Teater, tra essi Carlos Gorostiza, anche drammaturgo, romanziere e cineasta; Armando Discépolo, drammaturgo e romanziere argentino, creatore del «grottesco criollo» e autore di varie opere ritenute classici del teatro argentino, tra le quali Stéfano e Mustafá. Oscar Ferrigno, attore e drammaturgo, direttore e fondatore del Teatro Escuela Fray Mocho (dal 1950 al 1960), importante centro teatrale indipendente; Ricardo Passano, attore di teatro e cinema di notevole fama, conosciuto principalmente per il duo formato con Lolita Torres nei film Ritmo, sal y pimienta (1951) e La niña de fuego (1952). A partire dal 1957 Oscar Fessler, autorevole attore e regista, formò i principali attori della nuova stagione teatrale del paese. Fessler, ricordato per l’innovativa direzione dello ift e del teatro tnt del Costarica, diede inizio a un lungo e spesso aspro dibattito sulla lingua yiddish e sull’opportunità di continuare a utilizzarla, tanto che la compagnia a un certo punto decise di lavorare in castellano e Fessler inaugurò il nuovo corso un nuovo allestimento del Diario de Ana Frank su testo degli americani Goodrich e Hackett.

  • 30 I. B. Singer, Ricerca e perdizione cit., p. 20.

La letteratura yiddish ignorava la malavita ebraica, le migliaia e decine di migliaia di ladri, ruffiani, prostitute e trafficanti nella tratta delle bianche a Buenos Aires, Rio de Janeiro e persino a Varsavia.30

Tracce della presenza della malavita ebraica sono riscontrabili in diversi ambiti culturali, dalla musica, al cinema, al teatro. Questa eccentrica presenza fu un fattore fortemente caratterizzante per tutta la vita culturale della nazione.

14Le prime compagnie a calcare le scene in Argentina erano tutte, o quasi, straniere, provenienti dall’America settentrionale e dall’Europa. I costi per il viaggio e gli spostamenti erano quindi molto alti. Prima di definire una organizzazione stabile, la zona d’ombra venne occupata dalla malavita soprattutto per la tratta delle bianche: lo Zwi Migdal, rete mondiale che operò fra il 1906 e il 1930 da Buenos Aires. Emarginati dalla comunità, questi ebrei fondarono la propria sinagoga, il proprio cimitero e le proprie sale teatrali:

  • 31 Albert Londres, Tierras de rufianes, Editorial Claridad, Buenos Aires 1927, p. 48.

La tratta delle bianche, per la verità, sono i polacchi [ebrei] che la praticano. […] Non c’è un solo polacco di Buenos Aires che non abbia cinque o sei donne. O sette o otto. Queste donne sono sottoposte a una dura disciplina, peraltro accettata.31

Chiamati tmeiim, impuri, gestirono l’attività malavitosa di pari passo con quella teatrale, lucrando sul prezzo dei biglietti, dato il pubblico era disposto a pagare una forte maggiorazione per vedere gli spettacoli provenienti dall’estero o dai propri paesi d’origine. Comunque sia, l’organizzazione favorì un forte afflusso di capitali nel teatro argentino. Il teatro, luogo d’incontri, divenne così uno degli snodi principali della socializzazione: qui si potevano incontrare dal contadino al banchiere, dal ruffiano alla prostituta, tutti attenti spettatori, come ricorda lo scrittore e giornalista Albert Londres:

  • 32 «The Jewish Chron», 25 ottobre 1901.

Si potevano contare una multitudine di ruffiani di pessimo aspetto, e i palchi erano per la maggiore popolati da bellissime donne, vestite in maniera provocante e cariche di gioielli. A ogni battuta o frase arguta in yiddish seguivano ululati di risa, i più prolungati e stentorei dei quali erano proprio quelli che uscivano da quelle labbra dipinte. Era penoso ascoltarli, ma nonostante questo rimasi ad ascoltare, poiché ero proprio venuto ad ascoltare e a vedere cosa fosse quel fenomeno.32

  • 33 Per la sitografia di riferimento cfr. New York Public Library Digital Collection: <http://digitalgallery.nypl.org/nypldigital/dgkeysearchresult.cfm?word=buenos+aires&x=-691&y=-184>; Monografias: <http://www.monografias.com/trabajos96/teatro-idish/teatro-idish2.shtml#ixzz37XjIZEkJ>; </http></http> (...)

Gli impuri, separati dalla vita comunitaria, trovarono il modo per rimanere in contatto con questa dal territorio della marginalità e di rappresentare così il proprio peso culturale. Ciò comportava, tra l’altro, una carnevalizzazione dei testi, un constante ricorso al tono buffonesco, satirico e postribolare. La parte più tradizionalista della comunità iniziò una vera e propria lotta contro gli impuri, cercando di allontanarli e di isolarli. Dopo scontri anche violenti, essi vennero esclusi dalle sinagoghe e dai cimiteri. Nel 1908 nacquero diverse associazioni per contrastare il fenomeno; nella reazione contro la tratta delle bianche la comunità reagì trovando una propria struttura più stabile e organizzata. Nel 1926 León (Leib) Malach, scrittore polacco stabilitosi in Argentina, scrisse un’opera in yiddish intitolata Straripamento sulla lotta delle prostitute brasiliane che desideravano salvarsi. Un certo Botoyansky, critico e impresario teatrale, la offrì all’amministratore del Teatro Ombú, Adolf Mide. Questi la rifiutò provocando una furente polemica: venne accusato di vendere i biglietti ai ruffiani. Mide replicò che aveva scelto Esclavas blancas, altra opera che trattava della prostituzione. La rivista «Di Presse» attaccò Mide, ma «Di Idische Zeitung» difese il diritto di scegliere il proprio repertorio. Dal 1916, nel contesto di queste lotte sorsero a Buenos Aires i primi due teatri non controllati dalla malavita, dove si proponevano opere diverse. Nel 1926 ai temiim fu proibito l’ingresso nei teatri; sulle porte di tutti i teatri e di molti esercizi commerciali erano affissi cartelli che recitavano «Se prohibe l’entrada a los impuros». Nel 1930 si arrivò alla soppressione della Zwi Migdal e alla messa al bando dei suoi appartenenti.33

 

15La prossimità con la città di Buenos Aires, favorì la presenza in Uruguay di numerose compagnie, per ospitare le quali Montevideo poteva contare su diverse sale teatrali. Il cartello degli impuri favorì l’arrivo di compagnie professionali europee nella capitale. Il teatro judìo in Uruguay cominciò nel 1923 con il primo spettacolo di un attore che recitava in yiddish. Nel dicembre del 1924 venne fondata la prima associazione teatrale uruguayana, Dramatisher Farain Di Bine (anche: Grupo de Teatro El Escenario), che propose la prima del dramma La giovane sposa e uno spettacolo dell’attrice Berta Singerman in spagnolo. L’anno successivo una grande eco ebbe la rappresentazione del Re Lear yiddish al teatro Colón. Altro importante polo per lo sviluppo della drammaturgia in yiddish divenne il Teatro Proletario Colectivo, nato nel 1925 presso il Centro Cultural Obrero Moris Wintchevsky. L’ultima opera in yiddish rappresentata in una sala di Montevideo fu, nel 1944, La commedia della compagnia Agrupación Teatral.

  • 34 I testi di riferimento per quanto riguarda il teatro argentino e uruguayano sono: Sara Aijeneboim, (...)

16I teatri di Montevideo divennero punti di ritrovo per tutta la comunità diffusa sul territorio uruguayano: il Teatro Colón, la Victoria Hall, il Teatro Albeniz, la Casa del Pueblo, sede del Partito Socialista, il Teatro Artigas, il Teatro Solis, l’Ateneo Popular, il Salón de Blandengues, l’Instituto Verdi, il Teatro Mitre e il Teatro Sodre.34

  • 35 Abhram Stemperl, pedagogo e direttore del collegio Colomb-Hebreo di Bogotà, fervente sionista e app (...)
  • 36 Cfr. il sito Crónicas de San Bernardino (Caracas): <http://sanbernardinoccs.blogspot.it/2010/11/60-aniversario-de-la-union-israelita-de.html>.

17Nel 1921 venne fondata la Sociedad Israelita Askenazit, la prima associazione di mutuo soccorso con lo scopo di riunire e sostenere la piccola comunità askenazita del Venezuela. Numerose furono le associazioni ricreative, sportive e di beneficenza attive sul territorio. È interessante rilevare come molte di queste furono il reale punto d’incontro fra la comunità sefardita e quella askenazita; altro punto d’interesse erano le molte associazioni femminili attive nella comunità. Il primo degli spettacoli di questa nuova fase, a parte quelli delle compagnie nordamericane ed europee, è segnalato soltanto nel 1959 a seguito della nuova ondata migratoria proveniente dall’Europa dopo la seconda guerra mondiale. Lo spettacolo rappresentato era I tre doni di Yitskhok Leybus Peretz, diretto da Abraham Stemperl;35 nello stesso anno fu realizzato da alcuni membri della compagnia Il diario di Anna Frank. Nel 1978 venne rappresentata, davanti a un pubblico di più di seicento persone, l’opera Un grande sostegno, antologia di dieci scene topiche del teatro yiddish tradizionale.36

 

  • 37 Cfr. Y de Teatro Judío ¿… qué?, in Intelecto Hebreo: <http://www.intelectohebreo.com.mx/y-de-teatro-judio…-que-.html>.
  • 38 Cfr. il sito pagine della comunità messicana, http://diariojudio.com/comunidad-judia-mexico/leon-zu (...)

18Nonostante la nutrita comunità presente in Messico siamo riusciti a trovare soltanto poche tracce di un’attività teatrale. Il Centro Deportivo Israelita è stato il più attivo promotore culturale. Alcune delle opere qui rappresentate furono: Il decimo uomo con la regia di Seki Sano; Señor Fuga di Julio Castillo; I re della commedia di Javier Marc; L’uomo nella cabina di cristallo di Luis Geller e Sono una spia di Rafael Banquells, oltre a Diario di Anna Frank diretto da Banquells.37 Un panorama curiosamente povero per una presenza radicata culturalmente e storicamente sul territorio. È interessante rilevare come i rappresentanti delle maggiori comunità, la Kehilá de Bet-El, Maguén David, Monte Sinaí o la Comunidad Sefaradí si stiano interrogando sul senso della non esistenza di un teatro in lingua yiddish in Messico.38 Tracce di questo teatro sono riscontrabili in alcuni spettacoli di Leon Zuckerberg, attore di origine galiziana che operò fra Europa, Stati Uniti e Messico, considerato il pioniere del teatro yiddish in Messico.

  • 39 Morris Brown si esibì per la prima volta con una compagnia professionale a Odessa nel 1916. Viaggiò (...)
  • 40 Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/Z/zuckerberg-leon.htm>.
  • 41 Citato in Yiddish players successfully suit the tastes of all, «San Francisco Call», 98, 41, 11 Jul (...)
  • 42 Ida Goldstein nacque nel 1887 a Kovno, Lituania. All’età di diciassette anni debuttò con alcune com (...)
  • 43 Julia Varadi era originaria di Budapest. Da bambina cominciò a recitare e cantare in vari spettacol (...)
  • 44 Abraham Littman, nato nel 1880 a Borisov, Minsk Gubernia, nella Bielorussia. Nel 1885 emigrò in Ame (...)
  • 45 Louis Birnbaum, nato nel 1884 a Łódź, interessato al teatro e alla danza, fuggì in America dove per (...)
  • 46 Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/D/dorf-ethel.htm>.

19Leon Zuckerberg nel 1926 emigrò in Argentina, dove si esibì come comico, in seguito emigrò in Uruguay con un gruppo di attori argentini. Nel 1928 si recò in Texas con diversi membri della sua compagnia lavorando a El Paso, Dallas, Houston e Galveston. Da lì si trasferì a New York, e nel 1929 fu assunto dal Moshe Schorr Theatre a Baltimora. La compagnia – composta da Clara e Boaz Young, dei quali si è già detto, Morris Brown39 e Rose Brown, Celia Zuckerberg e Leon Zuckerberg,40 David Shoenholtz,41 Abraham Ostroff, Ida Goldstein,42 Julia Varadi,43 Alexander Amasye – recitò a Boston per un breve periodo, poi però si sciolse. Leon e Celia si spostarono nuovamente a Detroit, dove lavorarono sotto la direzione del famoso regista e organizzatore Abraham Littman44 (con Louis e Minnie Birnbaum,45 Ethel46 e Moshe Dorf). A causa di una legge degli Stati Uniti dovettero nuovamente emigrare e si spostarono verso il Messico, dove fondarono un teatro stabile con attori e artisti locali. G. Yud scrive a questo proposito:

  • 47 Cit. in Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/Z/zuckerberg-leon.htm>

Zuckerberg fu tra i primi a venire a costruire un completo teatro yiddish in Messico, soprattutto all’inizio ci furono molte difficoltà, che Zuckerberg affrontava con il sorriso. Era un uomo di grande talento e amava la sua professione. Durante il suo soggiorno, acquisì molti amici e ammiratori.47

Scarse sono le tracce di teatro yiddish in Perù, non perché non ce ne sia mai stato ma perché è stato fondamentalmente un’attività amatoriale. Le poche informazioni disponibili indicano come data principale un episodio saliente del 1932, anno in cui Isaac Rotstain fondò il Círculo Cultural de Jóvenes Israelitas del Perú. I giovani del circolo erano i più attivi nella creazione di spettacoli e altre attività ricreative, principalmente ma non solo in yiddish. Nel 1938 fu messo in scena Tevi el Lechero.

 

  • 48 Cfr., nel sito Memoria chilena: <http://www.memoriachilena.cl/archivos2/pdfs/MC0039771.pdf>.

20In Cile, soltanto nel 1909 fu concesso lo status legale a una Unione Israelita, ma constatate le limitate possibilità d’azione nel 1911 fu fondata una nuova istituzione, anch’essa dalla breve vita, con l’insolito nome di Filarmonica Russa, ripreso da un’istituzione cilena esistente e frequentata dalla classe operaia. Qui furono rappresentate commedie amatoriali in yiddish da parte delle compagnie locali.48 Durante il secondo governo del presidente Arturo Alessandri (1932- 1938) l’immigrazione ebraica dall’Europa fu legalmente limitata, ciononostante prima della seconda guerra mondiale numerosi ebrei si stabilirono in alcune città del Cile. Un gran numero di cileni di origine tedesca sono anche di origine ebraica e alcuni di loro si schierarono sciaguratamente con i nazisti.

 

21La storia degli ebrei a Cuba è legata a quella dell’isola e alla sua scoperta nel 1492 da parte di Cristoforo Colombo. Assieme alla prima ondata di colonizzatori spagnoli arrivarono i primi ebrei in fuga dalla Spagna dei re cattolicissimi e dell’Inquisizione. Gruppi di ebrei sefarditi e askenaziti si stabilirono a Cuba, spesso rinnegando o praticando il proprio culto e le proprie tradizioni in segreto. L’attuale comunità ebraica, tuttavia, non rappresenta una linea di continuità diretta con questi primi coloni. Le origini di questa comunità ebraica cubana sono piuttosto legate alla guerra d’indipendenza del 1868 e alla guerra ispano-cubano-americana del 1898.

  • 49 Cfr. il sito della Comunidad Hebrea de Cuba: <http://www.chcuba.org/espanol/comunidad/historia.htm>.

22Nel 1904 fu fondata la United Hebrew Congregation con una sinagoga riformata. Negli anni precedenti la prima guerra mondiale altri immigrati sefarditi cominciarono ad arrivare nel paese dalla Turchia e dal Medio Oriente e nel 1914 istituirono un’organizzazione chiamata Chevet Ahim. L’immigrazione askenazita dall’Est Europa iniziò invece nel 1920-1921. Per la maggior parte degli ebrei, Cuba era solo un luogo di transito verso per gli Stati Uniti. A causa della rigida legge sull’immigrazione statunitense del 1924 migliaia di essi furono costretti a rimanere a Cuba. Nel 1925 il Centro israeliano di Cuba trasformò la sua struttura centrale per procedere a varie attività: oltre ad aiutare gli immigrati, creò una biblioteca, una scuola serale, una scuola elementare e una compagnia teatrale. La storia degli ebrei di Cuba è molto particolare, fatta di ospitalità, integrazione e al tempo stesso di rifiuto ed emarginazione, come nel caso del transatlantico St. Louis che arrivò da Amburgo nel maggio del 1939, trasportando novecentotrenta rifugiati ebrei (principalmente askenaziti) in fuga dalle persecuzioni naziste. All’arrivo della nave, il governo cubano, con l’allora capo del governo Federico Laredo Brú, rifiutò ai passeggeri il permesso di sbarco sia come turisti sia come rifugiati politici.49 Come riportano Sarah A. Ogilvie e Scott Miller:

  • 50 S. A. Ogilvie, S. Miller, The St. Louis Passengers and the Holocaust, United States Holocaust Memor (...)

Dei seicentoventi passeggeri della St. Louis che tornarono nel continente Europeo, ottantasette furono in grado di emigrare prima che la Germania iniziasse l’invasione dell’Europa occidentale il 10 maggio1940. Duecentocinquantaquattro passeggeri in Belgio, Francia e Paesi Bassi morirono dopo quella data, nella Shoah. Molte di queste persone furono assassinate nei campi di sterminio di Auschwitz e Sobibór; i restanti morirono in campi di internamento o nel tentativo di nascondersi e sfuggire ai nazisti. Trecentosessantacinque dei seicentoventi passeggeri che ritornarono nel continente Europeo, sopravvissero alla guerra.50

Durante gli anni Trenta del xx secolo la Repubblica Dominicana fu l’unica nazione latinoamericana disponibile a ricevere i rifugiati ebrei provenienti dai paesi europei. Tra il 1940 e il 1942, però, soltanto seicento persone riuscirono effettivamente a stabilirvisi. A queste si aggiunsero dopo la guerra alcune centinaia di famiglie arrivate da Shanghai, ciò perché il console cinese in Austria aveva distribuito, disobbedendo agli ordini del suo governo, diverse migliaia di visti agli ebrei. Nel 1947, un totale di settecentocinque persone arrivarono a Sosúa, la regione nord del paese della quale il presidente Trujillo aveva ceduto un vasto territorio per l’insediamento. Tuttavia è importante sottolineare che tra il 1939 e il 1942 la Repubblica Dominicana concesse più di cinquemila visti agli ebrei in fuga dal continente europeo. Il governo garantì ai coloni libertà di religione, strutture di accoglienza e alcune agevolazioni fiscali. Questo è il testo dell’articolo uno dell’accordo stipulato tra il Governo Dominicano e la Dorsa (Dominican Republic Settlement Association):

La Repubblica Dominicana, conformemente alla sua costituzione e alle sue leggi, per mezzo di quest’accordo attribuisce ai coloni ebrei e ai loro discendenti l’opportunità di continuare la loro vita e le loro occupazioni, gratuitamente e senza interferenze, discriminazione o persecuzione, con pieni diritti di libertà di religione e di liturgia, con i diritti civili, giuridici ed economici uguali e tutti gli altri diritti inerenti agli esseri umani.

Ecco dunque che a Sosúa si insediarono i nuovi immigrati, la cui età media era di venticinque anni. A poco a poco i coloni svilupparono un villaggio autosufficiente che aveva una propria fornitura di acqua, un sistema sanitario, l’ambulatorio, la farmacia, una scuola, una sinagoga e naturalmente un teatro.

 

  • 51 Cfr.ilsitodellacomunità ebraicadell’Ecuador: <http://search.archives.jdc.org/ multimedia/Documents/NY_AR_45-54/NY_AR45-54_Count/NY_AR45 54_00100 /NY_AR45-54_00100_00602.pdf>.

23L’immigrazione ebraica in Ecuador ebbe inizio nel 1934. Poco rilevanti furono gli apporti culturali. Fra questi si ricordano la nascita, nella Città di Quito e per opera di un regista, di un teatro in lingua tedesca e la fondazione dell’Associazione Teatro Moderno. La compagnia era principalmente composta d’immigrati di ascendenza askenazita ed ecuadoregna.51

 

24La maggior parte degli ebrei arrivò in Guatemala alla fine del xviii secolo. I nuovi arrivati si stabilirono a Quetzaltenango, centro della regione sud-occidentale la cui economia era in piena espansione a causa della forte domanda internazionale di caffè. Nel 1913 fu fondata la Sociedad Israelita del Guatemala, che contava cinquantuno membri. Gli obiettivi principali di questa associazione erano, secondo il suo statuto, la tutela della morale e lo sviluppo culturale. Nel secondo decennio del xx secolo, a causa della precaria situazione economica dell’Impero Turco, molti ebrei sefarditi cominciano a emigrare verso le due Americhe. È da questo momento che si può parlare dell’esistenza di una comunità ebraica sefardita in Guatemala. Nel 1923 fu fondata la Societad Israelita Maguèen David del Guatemala. Nel 1938 venne creato un sodalizio denominato Dame del comitato di Sion con lo scopo di organizzare eventi culturali e di beneficenza. Nel 1942 fu costituito il primo movimento giovanile ebraico nel paese, il Maccabi. Nel 1941 gli ebrei di ascendenza askenazita si separarono dalla Sociedad Israelita Maguén David e fondarono l’Asociación Centro Hebreo. Motivo di questa separazione era il desiderio di avere un luogo dove potersi manifestare in termini religiosi e culturali e attivare una sala teatrale, quindi utilizzando lo yiddish.

 

  • 52 Cfr. Bernardo Baruch Schiffman, Judíos costarricenses, Génesis S. A, San José 2000; Guzmán-Stein, L (...)

25A cavallo tra il 1929 e il 1939 circa seicento ebrei polacchi di ascendenza askenazita giunsero in Costa Rica; dopo la fine del secondo conflitto mondiale si registrò l’arrivo di altri migranti, per la maggior parte con l’intenzione dichiarata di partire nuovamente verso Argentina, Uruguay e Brasile. Quelli stabilitisi nel paese aprirono locande, negozi o si diedero al commercio ambulante, suscitando l’avversità di parte della popolazione locale che li chiamava con sprezzo «polacchi». Il termine «polacco» entrò nel linguaggio comune e ancora oggi è attestato come sinonimo di povero ambulante. Additati dall’opinione pubblica anche come comunisti, da loro prese le distanze persino l’organo ufficiale del partito con un editoriale del 1933 che recitava: «Vogliamo affermare che non abbiamo nessun contatto con i polacchi». La comunità si difese dagli attacchi dell’opinione pubblica attraverso il ricorso a pubblicità a pagamento pubblicate sulle principali testate del paese. Alcune delle accuse più frequenti erano quelle di entrare illegalmente nel paese, di inquinare la cultura locale con l’utilizzo della loro lingua, dei loro commerci e last but not least del loro teatro.52

 

  • 53 Cfr. Azriel Bibliowicz, Intermitencia, ambivalencia y discrepancia: historia de la presencia judía (...)

26La situazione degli immigrati ebrei in Colombia fu ambivalente. Nel corso del xvii secolo la presenza ebraica era manifesta, come risulta dai registri dell’Inquisizione di Cartagena che li identificava come una comunità di portoghesi criptogiudei. Questa piccola comunità ebbe anche un rabbino capo di nome Don Blas de Paz Pinto, che fu torturato a morte dall’Inquisizione con l’accusa di essere “capo dei giudei”. Alla fine degli anni Venti del Novecento la popolazione ebraica in Colombia non superava le duecento persone, per la maggior parte arrivate da Russia e Polonia, ma il loro numero crebbe e si consolidò al punto che oggi vi sono oltre quindicimila famiglie. Un nucleo di coloni nel maggio del 1929 fondò la prima associazione per immigrati di fede ebraica, il Centro Israelita de Bogotá, e la società di mutuo soccorso Jevra Kadisha. Nel 1930 venne anche fondata la prima scuola ebraica, il Colegio Yardeni e due anni dopo fu acquistato un terreno per il cimitero, dichiarato Monumento Nazionale colombiano nel 1998.53

 

27I primi ebrei giunti in Bolivia furono marrani di origine spagnola e siciliana. Alcuni di loro lavorarono nelle miniere d’argento di Potosí e altri furono tra i pionieri che fondarono la città di Santa Cruz de la Sierra, nel 1557. Gli unici documenti concernenti quel periodo e giunti fino a noi appartengono all’Inquisizione, che nel 1570 decretò la fine di questa piccola e fiorente comunità. Soltanto nel Novecento una nuova immigrazione riguardò questo paese latinoamericano. Nel 1905 arrivarono alcuni ebrei dalla Russia, seguiti poi da un gruppo proveniente dall’Argentina e diverse famiglie sefardite provenienti dalla Turchia e dal Medio Oriente. Tuttavia la comunità ebraica fu poco numerosa fino ai primi anni Trenta. Nel 1939, la politica dell’immigrazione libera fu modificata e nel maggio 1940 tutti i visti per gli ebrei furono sospesi a tempo indeterminato. Dopo il 1935, sotto gli auspici del Comitato ebraico centrale della Bolivia furono creati vari servizi per la comunità, tra cui il Chevra Kedusha, il Cimitero Ebraico, la Bikur Holim, una casa di cura, e un teatro. Nei primi anni Novanta era attestata una presenza di soli settecento ebrei, poi quel numero è ancora diminuito.

28Dopo l’espulsione degli ebrei dalla Spagna molti cosiddetti marrani o criptogiudei migrarono anche verso le coste settentrionali dell’Honduras e vi si stabilirono finendo poi per essere assorbiti dalle popolazioni locali. Solo sul finire del xix secolo è attestata una presenza ebraica di un certo rilievo e ciò a causa delle vicissitudini europee che crearono nuove ondate migratorie provenienti dall’Europa centrale, Russia, Germania, Polonia, Ungheria, Romania, nonché da Grecia, Turchia, Africa settentrionale, Tunisia e Marocco per quanto riguarda i sefarditi. Questa comunità era culturalmente molto attiva e, tra l’altro, allestì molti spettacoli.

 

  • 54 Joseph Landa era giunto dalla Bessarabia nel 1937 per visitare i parenti della moglie. Non gli fu p (...)

29Il Brasile è il secondo grande paese dell’America Latina nel quale il teatro yiddish (ídiche in portoghese) ha trovato un fertile terreno di sviluppo. Diceva Joseph Landa, attore e scenografo: «Ogni luogo diventa un palcoscenico per un attore ebreo» ( «Qualquer pedaço de lugar vira um palco para um artista judeu»).54 La grande massa migratoria del paese ben presto sviluppò solide basi economiche e sociali. Sorsero in tutta la nazione numerose associazioni d’immigrati e luoghi deputati allo svago e alla socialità. Fra questi particolare importanza ebbe il teatro. Quando si considera la storia delle prime comunità stabilitesi a San Paolo o in altre città del Brasile è possibile notare come il teatro rappresenti un tassello fondamentale.

  • 55 Cfr. Jewish Virtual Library, ad vocem: <https://www.jewishvirtuallibrary.org/jsource/judaica/ejud_0002_0013_0_13076.html>.

30Le comunità più consistenti e importanti si svilupparono a Rio de Janeiro, Santos, Recife e Salvador. Per tutti i provenienti dall’Europa orientale la lingua d’uso rimase lo yiddish. Molte furono le compagnie europee e nordamericane che passando dall’Argentina nei primi anni Venti del Novecento arrivarono anche in Brasile portando nuovi testi e modalità rappresentative. Presto nuovi autori influenzati dalle istanze locali produssero un numero considerevole di copioni. Fra questi bisogna ricordare il poeta e drammaturgo Leib Malach.55 Nato a Zwolen, in Polonia, ebbe una formazione classica. Visse a Varsavia tra il 1907 e il 1922, dove fece vari mestieri fino all’affermazione come scrittore. Dal 1922 fino alla sua morte avvenuta a Parigi visse in molti paesi, fermandosi più a lungo in Brasile e in Argentina. Iniziò la sua carriera letteraria componendo canti e ballate, poi si volse verso la prosa e il dramma. I suoi bozzetti di viaggio erano molto letti e il suo dramma, il citato Straripamento (1926) sul traffico di schiave bianche, contribuì alla campagna contro questa piaga sociale. Il suo romanzo più conosciuto, Crociata di Don Domingo (1930), descrive l’avventurosa vita ebraica nell’America Latina del tempo.

31Da notare ancora come le opere maggiormente gradite dal pubblico fossero riproposte in forma di raffazzonati collage delle scene più famose unite tra loro da intermezzi di musica e danza. A partire dal 1960, quando l’ondata migratoria aveva perso d’intensità anche per la nascita del nuovo stato d’Israele, il teatro a sua volta perse forza e vigore; le nuove generazioni progressivamente si disaffezionarono alla lingua e alla cultura yiddish. Attualmente, però, si nota come nei centri maggiori, attorno alle comunità d’origine, si stia manifestando un forte spirito di rinascita culturale e linguistico.

32Il teatro yiddish in Brasile si sviluppò velocemente, assumendo una grande importanza. I teatri diventarono presto centri di promozione sociale e culturale, favorendo presso le prime comunità la nascita di un teatro autoctono caratterizzato da forti istanze sociali, come ricorda Anete Hulak:

  • 56 Anete Hulak abitante di origine ebraica del Recife, era arrivata nella piccola città nordorientale (...)

Gli immigrati erano tutti persone molto semplici, ma ben presto cercarono di costruire un teatro e una biblioteca, per ottenere un libro, per svolgere un’attività culturale. Quando sono arrivati dagli shtetl non avevano nemmeno una palestra. Ma volevano un teatro. Così è stata creata una compagnia con la gente del posto.56

Nel 1930 nacque il Grupo de Arte Dramática, orientato verso un teatro realistico, ma soltanto sette anni dopo riuscì ad affittare una sala per l’attività teatrale e culturale a Pernambuco, dove venne fondato il Círculo Israelita (Centro Israelita de Pernambuco, Centro Cultural Israelita de Pernambuco e, infine, Federação Israelita de Pernambuco). Dopo la seconda guerra mondiale il centro cambiò strategia e si dedicò a una serie di opere tradotte in portoghese, come ricorda Germano Haiut, figlio d’immigrati e primo nato in Brasile:

  • 57 S. Worcman e P. Ribeiro, Drama & Humour — Yiddish Theater in Brazil, Editora Aeroplano, Rio de Jane (...)

Una cosa che ha fatto una grande impressione su di me è stata quando le navi arrivavano, portando le persone che erano state nei campi di concentramento. Non so esattamente dove stavano andando, ma arrivavano dall’Europa. Le comunità si sono riunite e hanno dato loro vestiti e hanno offerto loro un pasto. Ricordo quelle figure così deperite. È stata una testimonianza vivente della realtà e della tragedia.57

Nell’aprile del 1956, dopo dissapori fra sionisti e progressisti, la Sociedade Israelita Dr. Chaim Jitlovsky, il Centro Cultural Israelita de Pernambuco e la Associação Feminina Israelita Brasileira promossero una cerimonia di commemorazione in onore della rivolta del ghetto di Varsavia. In questa occasione venne rappresentata un dramma di Abraam Hulack, O Remorso de um Traidor. Fu l’ultimo spettacolo.

33Una menzione a parte merita Rio de Janeiro, la città che divenne ben presto la capitale culturale di tutto il Brasile. Qui si riunirono numerose famiglie di origine askenazita che vi trovarono una nuova possibilità di vita e di espressione culturale. La Cittadella, così chiamata per il suo intricato sistema di viuzze e la sua folla eterogenea, rappresentava un mondo in cui lo yiddish divenne la lingua d’uso comune. Ben presto sorsero una biblioteca, una sinagoga e nel 1943 il Dram Krais (Círculo Dramático). Ricorda Joseph Landa:

Prima di salire sul palcoscenico, il nostro cuore batte. Prima di scrivere qualcosa di teatro, la mano vacilla e trema. Il teatro è una parte integrante della nostra vita. Per vivere avete bisogno di respirare. Per vivere è necessario mangiare. Il teatro è necessario alla vita culturale di un popolo come il pane quotidiano, ovunque, e non ha alcuna importanza la lingua in cui è fatto.

  • 58 Per il teatro yiddish in Brasile i testi di riferimento sono: Jacó Guinsburg, Aventuras de uma líng (...)

Il Círculo Dramático rappresentò alcune delle più importanti opere del repertorio yiddish, ospitando compagnie provenienti da altre località e introducendo numerosissime innovazioni a livello linguistico e stilistico. Divenne così la principale struttura amatoriale attiva sul territorio fino al 1960. Rio era una delle tappe obbligate per le compagnie che fra il 1940 e il 1960 si recavano in America del sud. Artisti argentini e nordamericani ed europei erano accolti da un pubblico educato e partecipe. La Companhia de Artistas Israelitas Unidos, formata da artisti locali, fungeva da accompagnatore dei professionisti in tournée nel paese. Questi spettacoli erano molto attesi e venivano pubblicizzati da tutti i giornali della comunità, dalla radio Hora Israelita e attraverso il ricorso a una capillare affissione murale. L’elemento sempre presente e fondamentale in questi spettacoli era la musica.58

Notes

1 «Violando […] la logica aristotelica, l’antisemita dirà, in seguito, o addirittura simultaneamente, che l’ebreo è un usuraio e un bolscevico, avaro e dissipatore, che sta richiuso nel suo ghetto e che si insinua dappertutto. […] L’antisemitismo è di una natura tale che si alimenta in qualsiasi modo. L’ebreo si trova in una situazione nella quale qualsiasi cosa faccia o dica verrà utilizzata per ravvivare l’infondato rancore»: E. Sabato, Judíos y antisemitas, «Comentario», 39, IJACI, Buenos Aires, p. 8. Da qui in poi tutte le traduzioni, a cura dell’autore, saranno date direttamente nel testo.

2 Per esempio una ricca collezione di manifesti è proposta dalla New York Public Library Digital Collection: <http://digitalgallery.nypl.org/nypldigital/dgkeysearchresult.cfm?word=buenos+aires&x=-691&y=-184>.

3 Haim Avni, Judíos en América. Cinco siglos de historia, Mapfre, Madrid 1992, p. 17.

4 Il criptogiudaismo è l’adesione in segreto al giudaismo pur dichiarando pubblicamente di professare un’altra fede. Il termine marrani è utilizzato anche per indicare i discendenti di ebrei che rispettano in segreto la tradizione ebraica.

5 Il Virreinato del Perú, creato nel 1542, era un distretto coloniale spagnolo situato in Sudamerica, con il proprio centro a Lima. Il viceregno del Perù fu il più importante delle due principali suddivisioni coloniali dell’America spagnola dal sedicesimo al xviii secolo.

6 Cfr. «La Nación», Buenos Aires, 26 agosto 1881.

7 Wilhelm Lowenthal, medico di origine polacca, naturalizzato francese. Nel 1890 si recò in Argentina per organizzare la colonia, sotto il controllo dell’JCA del barone Moritz Hirsch. Hirsch scelse Lowenthal, presidente della Universal Israelit Alliance di Parigi. Il loro obiettivo era quello di nominare Lowenthal rabbino nella colonia, sottoposto al Gran Rabbino Zadok Kahn di Parigi.

8 Moritz von Hirsch auf Gereuth, impresario e banchiere, filantropo ebreo-tedesco. Attraverso i suoi interventi diede il massimo impulso alla fondazione delle colonie in Argentina, Canada e Stati Uniti.

9 Theodor Herzl, il maggior artefice del sionismo politico, è stato un giornalista e scrittore, nato a Budapest da una famiglia di ebrei assimilati. La sua opera cardine fu il Der Judenstaat. Versuch einer Moderner Losung der Judenfrage (Lo Stato degli Ebrei. Saggio per una soluzione moderna della questione ebraica, (1896), Carabba, Lanciano 1918), dove sosteneva che perdurando l’odio verso gli ebrei anche dopo un’eventuale assimilazione, l’unica soluzione per la questione ebraica dovesse essere cercata nella costituzione di uno stato nazionale ebraico. Le sue teorie ebbero una grande risonanza negli ambienti sionisti europei e americani.

10 Theodor Herzl, Lo stato ebraico, Il Melangolo, Genova 1992, p. 42.

11 Mordkhe (Marcos) Alperson nel 1891 si trasferì con moglie e figli in Argentina, insieme con il primo gruppo yiko. Utilizzando lo pseudonimo di «Echad haikarim» (Uno degli agricoltori), nel 1911 pubblicò un opuscolo intitolato Harishonim Chalutsim (I primi pionieri), un manifesto contro l’amministrazione yiko in Argentina. La storia della colonizzazione argentina è da lui raccontata in tre volumi, Draysik yor in Argentina: memuarn un Kolonist yidishn (Trent’anni in Argentina: memorie di un colono ebreo). Alperson è considerato il decano della letteratura yiddish del paese.

12 Cfr. Susana Skura e Leonor Slavsky, El teatro ídish como patrimonio cultural judío argentino, in Ricardo Feierstein e Stephen Sadow, eds., Recreando la cultura judeoargentina: literatura y artes plásticas, Editorial Milá, Buenos Aires 2004, pp. 41-50; S. Skura e L. Slavsky, 1901-2001. 100 años de teatro en ídish en Buenos Aires, in R. Feierstein e S. Sadow, eds., Recreando la cultura judeoargentina. 1894-2001 cit., pp. 294- 308.

13 Cfr. i siti Jewish-theatre: <http://www.jewish-theatre.com/visitor/article_display.aspx?articleID=2826> e Hemeroteca: <http://hemeroteca.abc.es/nav/Navigate.exe/hemeroteca/madrid/abc/1933/12/21/013.html>.

14 Per la compilazione della parte inerente a queste note introduttive si è fatto riferimento a: Furio Biagini, Il ballo proibito. Storie di ebrei e di tango, Le Lettere, Firenze 2004; Natalio Botana, Orden Político, Heraldo de Madrid, in Fernando Ferreira, Una historia de la censura, Editorial Norma, Buenos Aires 2000, pp. 103-104, 107; Sergio Campailla, Ebraismo e letteratura, in Quirino Principe, a cura di, Ebrei e mitteleuropea. Cultura letteratura società, Shakespeare & Company, Brescia 1984; Dario Rubens, Obras completas, vol. V, Afrodisio Aguado, Madrid 1953; Anna Foa, Ebrei in Europa. Dalla Peste Nera all’emancipazione, Laterza, Bari 2004; Georges Didi-Huberman, Immagini malgrado tutto, Raffaello Cortina, Milano 2005; Giulio Busi, Simboli del pensiero ebraico. Lessico ragionato in settanta voci, Einaudi, Torino 1999; Isaac Bashevis Singer, Ricerca e perdizione cit.; Ernesto Sabato, Judíos y antisemitas cit.

15 Cfr. Marcos Rosenzvaig, El Teatro Idisch en Buenos Aires, «Cuadernos de Investigación Teatral del San Martín», I, 1, primo semestre 1991, pp. 54-64. Marcos Rosenzvaig è drammaturgo, saggista, regista teatrale e professore. Alcune delle sue opere: Nijinsky, Regreso a casa, Ya se hizo usted su fotografía?, Matadero Capital Federal, Qué dificil es decir te quiero y El Sacrificio, El teatro de Tadeusz Kantor.

16 Jacob Silbert, cantante, attore, regista. Viaggiò in Europa, Stati Uniti, Canada, Argentina, mietendo successi nei maggiori teatri. Conosciuto per l’opera cinematografica The Winged Idol. Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/S/silbert-jacob.htm>.

17 Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/L/lager-aaron.htm>. Aaron Lager è anche autore di una serie di articoli intitolati Memorie di un attore di Buenos Aires apparsi sullo «Idishe tseytung» tra il 1 gennaio del 1930 e il 16 gennaio 1931.

18 Samuel Glasserman ha anche tradotto in yiddish l’opera cardine dell’epica argentina, il Martín Fierro di José Hernandez. Zizye il goy è una delle prime opere in yiddish a tema argentino, rappresentata per la prima volta al Teatro Excelsior di Buenos Aires.

19 Il candombe è una modalità ritmica uruguaiana di discendenza africana. Gli strumenti musicali utilizzati sono tre tamburi: Chico (il più piccolo), Repique (medio) e Piano (grande). Il ritmo in quattro tempi ha le stesse origini di altre due generi musicali tipici del Rio de la Plata, il tango e la milonga. Cfr. What is Condombe?: <http://www.candombe.com/html_eng/whatis.html>.

20 Karina Wainschenker, Antecedentes, surgimiento y desarrollo del teatro IFT, VII Jornadas de Jóvenes Investigadores, Instituto de Investigaciones Gino Germani, Facultad de Ciencias Sociales, Universidad de Buenos Aires, Buenos Aires 2013, pp. 193-216: 208.

21 Bernardo Weisman, di origine rumena, fu in Turchia, Siria ed Egitto con la compagnia diretta da Finkelstein. Nel 1901 si trasferì definitivamente in Argentina dove iniziò un importante lavoro teatrale. La prima delle opere realizzate fu I due Kuni Leml di Avrom Goldfaden al Teatro Doria (poi Marconi) di Buenos Aires. Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/W/weisman-bernardo.htm>.

22 Alcuni di questi teatri rimasero nella storia: Soleil, Mitre, Excelsior, Cristal, Lasalle, Odón, Astral, Coliseo, San Martín.

23 M. Rosenzvaig, El Teatro Idisch en Buenos Aires cit., p. 58.

24 David Licht, diresse lo ift per diciassette anni con un deciso piglio innovativo. Firmò la sua prima regia, Boytre il bandito di Moyshe Kulbak, nel 1938 a Parigi per il Pyat. In Argentina fu il regista di ventisei opere, ma anche un pedagogo estremamente rigoroso. Lascio il teatro ift una prima volta per quattro anni per recarsi con una compagnia da lui fondata negli Stati Uniti. Richiamato a dirigere il teatro, dopo ulteriori quattro anni lo lasciò definitivamente per trasferirsi negli Stati Uniti, cedendo la direzione all’italiano D’Averza, il quale, nonostante non conoscesse la lingua, continuò a guidare il teatro e diversificò il repertorio. Cfr. M. Rosenzvaig, El Teatro Idisch en Buenos Aires cit.

25 Jordana Fain, attrice cinematografica e regista teatrale argentina, nel 1956 divenne direttrice dello ift.

26 Max Berliner attore e regista teatrale di origine polacca, debuttò a cinque anni in un’opera tratta dai racconti di Sholem Aleichem. Insegnante di teatro e di yiddish, ha lavorato anche per la televisione e il cinema riscuotendo notevoli riconoscimenti. Nel 2009, all’età di novant’anni, ha ottenuto una nuova fama per le sue performance teatrali riprese dalla televisione, facendosi conoscere da un nuovo pubblico giovane che per le sue prodezze lessicali e fisiche lo ha eletto «eroe urbano».

27 Salo Kulisevsky, noto come Salo Lisé, drammaturgo e attore. Originario di Praga, animatore culturale e padre dell’attrice argentina Gloria Lisé.

28 Igniacio Finder, attore e regista dello ift, si formò alla scuola di David Licht.

29 Cipe Lincovsky, attrice di cinema e teatro argentino, conosciuta per la sua lunga e costante attività nella promozione della cultura yiddish in Argentina.

30 I. B. Singer, Ricerca e perdizione cit., p. 20.

31 Albert Londres, Tierras de rufianes, Editorial Claridad, Buenos Aires 1927, p. 48.

32 «The Jewish Chron», 25 ottobre 1901.

33 Per la sitografia di riferimento cfr. New York Public Library Digital Collection: <http://digitalgallery.nypl.org/nypldigital/dgkeysearchresult.cfm?word=buenos+aires&x=-691&y=-184>; Monografias: <http://www.monografias.com/trabajos96/teatro-idish/teatro-idish2.shtml#ixzz37XjIZEkJ>; Martignoni: <http://martignoni.wordpress.com/2007/11/22/teatro-judio-en-argentina>.

34 I testi di riferimento per quanto riguarda il teatro argentino e uruguayano sono: Sara Aijeneboim, Recordando el ayer, «Revista ift», 30° Aniversario, Buenos Aires; Mauricio Alpershone, Colonia Mauricio. Memorias de un colono judío, Carlos Casares, Editora del Archivo - Centro cultural “José Ingenieros”, 1991; Federico Finchestein, La Argentina fascista. Los orígenes ideológicos de la dictadura, Editorial Sudamericana, Buenos Aires 2008; Marta Gam, El actor frente al público, «Revista ift», 30° Aniversario, Buenos Aires; Alberto Gerchunoff, La jofaina maravillosa, Losada, Buenos Aires 1948, e Argentina, país de advenimiento, Losada, Buenos Aires, 1952; El pino y la palmera, Sociedad Hebraica Argentina, Buenos Aires 1952; Los gauchos judíos, Sefarad Editores, Madrid 2005; Manuel Iedvabne, La Escuela Dramática dello ift, «Revista NAI», Buenos Aires 1957; Elena Levin, Historias de una emigración (1933-1939). Alemanes judíos en la Argentina, Lumière, Buenos Aires 2006; Alan Leuterman, Dicionário Judaico de lendas e tradições, Jorge Zahar, Rio de Janeiro 1992; José Marial, El Teatro Independiente, Alpe, Buenos Aires 1955, pp. 142-146; Teresa Naios Najchaus, Conversaciones con el Teatro Argentino de Hoy, 2 (1981-1984), Agón, Buenos Aires 1999; Pablo Palant, El Teatro Judío «Revista Lyra», XVII, 174-176, Buenos Aires 1959; Osvaldo Pelletieri, Historia del teatro Argentino en Buenos Aires. Volúmen IV. La segunda modernidad (1949-1976), Galerna, Buenos Aires 2003; Marcos Rosenzvaig, El Teatro Idisch en Buenos Aires cit.; Beatriz Seibel, Historia del Teatro Argentino, II, 1930-1956: Crisis y cambios, Corregidora, Buenos Aires 2010; Karina Wainschenker, Antecedentes, surgimiento y desarrollo del teatro IFT cit.; Susana Skura, A por gauchos in chiripá. Expresiones criollistas en el teatro ídish argentino (1910-1930), «Iberoamericana. América Latina-España-Portugal. Ensayos sobre letras, historia y sociedad», VII, 27, Ibero-Amerikanisches Institut PK, Madrid-Frankfurt 2007.

35 Abhram Stemperl, pedagogo e direttore del collegio Colomb-Hebreo di Bogotà, fervente sionista e apprezzato divulgatore.

36 Cfr. il sito Crónicas de San Bernardino (Caracas): <http://sanbernardinoccs.blogspot.it/2010/11/60-aniversario-de-la-union-israelita-de.html>.

37 Cfr. Y de Teatro Judío ¿… qué?, in Intelecto Hebreo: <http://www.intelectohebreo.com.mx/y-de-teatro-judio…-que-.html>.

38 Cfr. il sito pagine della comunità messicana, http://diariojudio.com/comunidad-judia-mexico/leon-zuckerberg-pionero-del-primer-teatro-yiddish-en-mexico/26295/.

39 Morris Brown si esibì per la prima volta con una compagnia professionale a Odessa nel 1916. Viaggiò con diverse compagnie in Europa, Asia e Africa e nel 1925 si recò a Buenos Aires, dove lavorò ininterrottamente per due anni, poi con una compagnia visitò tutte le comunità ebraiche dell’Argentina; fu anche in Cile per sei mesi, un mese in Perù, sette mesi a Cuba e otto in Messico. Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/B/brown-morris.htm> .

40 Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/Z/zuckerberg-leon.htm>.

41 Citato in Yiddish players successfully suit the tastes of all, «San Francisco Call», 98, 41, 11 July 1905, nella collezione di riviste della California Digital Newspaper Collection: <http://cdnc.ucr.edu/cgi-bin/cdnc?a=d&d=SFC19050711.2.85>.

42 Ida Goldstein nacque nel 1887 a Kovno, Lituania. All’età di diciassette anni debuttò con alcune compagnie di dilettanti, in seguito fu scritturata per lavorare con una compagnia yiddish di Philadelphia sotto la direzione di Adolph Abramson. Lavorò con diverse compagnie esibendosi anche come cantante. Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/G/goldstein-ida.htm>.

43 Julia Varadi era originaria di Budapest. Da bambina cominciò a recitare e cantare in vari spettacoli, per poi assumere ruoli più importanti nell’operetta ungherese, dove lavorò per sette anni. La famiglia si trasferì dapprima a Vienna e nel 1920 in America, dove Varadi lavorò presso il Teatro Lenox, a Harlem, a Cleveland e per alcune stagioni a Los Angeles con Sam Auerbach, quindi a Toronto con Julius Adler, nel 1928-1929, a Winnipeg, e nel 1929-30 a Pittsburgh. Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/V/varadi-julia.htm>.

44 Abraham Littman, nato nel 1880 a Borisov, Minsk Gubernia, nella Bielorussia. Nel 1885 emigrò in America, dove frequentò scuole serali, lavorando come commesso in un negozio di abbigliamento, e dove entrò a far parte di alcune compagnie amatoriali yiddish. Viaggiò per gli Stati Uniti come attore con varie compagnie, sempre facendo altri lavori per mantenersi. All’inizio del 1900 fu assunto come impiegato e poi come segretario del sindacato degli attori. Continuando a viaggiare per l’America settentrionale si trasferì a Toronto, dove diresse lo Standard Theatre e fondò una cooperativa di teatro yiddish per bambini. Tornato negli Stati Uniti diresse alcune compagnie e spettacoli che gli assicurarono una grande fama. Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/L/littman-abraham.htm>.

45 Louis Birnbaum, nato nel 1884 a Łódź, interessato al teatro e alla danza, fuggì in America dove per un breve periodo recitò alla Golden Rule Vaudeville House. Cinque mesi più tardi si avvicinò al Music Hall e dopo aver sposato Minnie Pilpel, diventò direttore delle produzioni della compagnia dell’attore russo Pavel Orleniev, lavorando in seguito con i maggiori attori e registi della sua generazione. Minnie Pilpel nacque nel 1888 a Leopoli, dove iniziò a recitare da bambina con Gimpel e in Bucovina con Juvelier. Emigrò a Berlino e da lì si spostò in America. Qui si specializzò in numeri di vaudeville con Joseph Graper, con altri e come solista e infine fece coppia con il marito Louis Birnbaum. Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/B/birnbaum-louis.htm>.

46 Cfr. Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/D/dorf-ethel.htm>.

47 Cit. in Museum of Family History, ad vocem: <http://www.museumoffamilyhistory.com/yt/lex/Z/zuckerberg-leon.htm>

48 Cfr., nel sito Memoria chilena: <http://www.memoriachilena.cl/archivos2/pdfs/MC0039771.pdf>.

49 Cfr. il sito della Comunidad Hebrea de Cuba: <http://www.chcuba.org/espanol/comunidad/historia.htm>.

50 S. A. Ogilvie, S. Miller, The St. Louis Passengers and the Holocaust, United States Holocaust Memorial Museum, Madison, Wisconsin 2010, p. 174-175.

51 Cfr.ilsitodellacomunità ebraicadell’Ecuador: <http://search.archives.jdc.org/ multimedia/Documents/NY_AR_45-54/NY_AR45-54_Count/NY_AR45 54_00100 /NY_AR45-54_00100_00602.pdf>.

52 Cfr. Bernardo Baruch Schiffman, Judíos costarricenses, Génesis S. A, San José 2000; Guzmán-Stein, La lapidaria fúnebre-masónica en Costa Rica como fuente de investigación de una comunidad inédita, «Rehmlac», 1, 2, 2010, pp. 91-120.

53 Cfr. Azriel Bibliowicz, Intermitencia, ambivalencia y discrepancia: historia de la presencia judía en Colombia, Amerique Latine – Historie et Mémoire, «Les Cahiers Alhim», 2001: <http://alhim.revues.org/535>.

54 Joseph Landa era giunto dalla Bessarabia nel 1937 per visitare i parenti della moglie. Non gli fu possibile tornare in Europa a causa dello scoppio della seconda guerra mondiale. Landa era stato membro di un gruppo teatrale di lavoratori ebrei in Romania. A Rio fu attivo per circa venti anni come attore, aiuto regista e scenografo. Cfr. Susane Worcman e Paula Ribeiro, Drama & Humor Teatro Ỉdiche no Brasil nel sito dell’Instituto Cultural Judaico Marc Chagall: <http://www.chagall.org.br/arquivodoc/Drama%20e%20Humor%20-%20teatro%20idiche%20no%20Brasil.pdf>.

55 Cfr. Jewish Virtual Library, ad vocem: <https://www.jewishvirtuallibrary.org/jsource/judaica/ejud_0002_0013_0_13076.html>.

56 Anete Hulak abitante di origine ebraica del Recife, era arrivata nella piccola città nordorientale nel 1927 dalla Bessarabia (ora Moldova). Cfr. Debra Rubin, Strengths, challenges of tiny community like those of U.S. Jewry, Washington Jewish Week: <http://jewishwebsight.com/brazil.html>.

57 S. Worcman e P. Ribeiro, Drama & Humour — Yiddish Theater in Brazil, Editora Aeroplano, Rio de Janeiro 2013, consultabile in: <http://www.chagall.org.br/arquivodoc/Drama%20e%20Humor%20-%20teatro%20idiche%20no%20Brasil.pdf>.

58 Per il teatro yiddish in Brasile i testi di riferimento sono: Jacó Guinsburg, Aventuras de uma língua errante: Ensaios de literatura e teatro ídiche, Perspectiva, São Paolo 1996; Simão Buchlski, Memórias de minha juventude e do teatro ídiche no Brasil, Editora Perspectiva, São Paulo 1997; Scholem Aleichem, A Paz seja con vosco, Introdução de Otto Maria Carpeaux. Seleção e notas de Jacó Guinsburg, Perspectiva, São Paulo 1966.

Auteur

(1988), compie i suoi studi presso l’Università degli studi di Torino. Investigatore di iberistica e cultura yiddish, appassionato di avanguardia e teatro di ricerca, collabora con riviste d’arte e associazioni culturali.

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site