Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La meglio Italia

 | 
Maddalena Tirabassi
, 
Alvise del Pra’

4. La voce dei protagonisti

Texte intégral

4.1. Le testimonianze: blog e memorie

1Una delle grandi differenze rispetto alle migrazioni del passato è data dalla capacità dei nuovi mobili di analizzare la propria esperienza, le loro posizioni, di interrogarsi sulle identità plurime, sulle motivazioni alla base della decisione di lasciare l’Italia. Molto spesso i protagonisti delle nuove mobilità sentono anche il bisogno di discutere della loro esperienza, sia sulla carta che nei vari blog o social network. Da quando, una decina di anni fa abbiamo iniziato a esplorare il fenomeno si sono moltiplicate le iniziative1. Sergio Nava (2009; 2011), Claudia Cucchiarato, e Enzo Riboni, giornalisti rispettivamente di «Radio 24», «la Repubblica» e «Il Corriere della Sera», per citare i più famosi, hanno blog che raccolgono quotidianamente decine di testimonianze di giovani che hanno lasciato il paese e sono desiderosi di descrivere la loro esperienza. Anche «Il Fatto quotidiano» ha un suo blog, «Cervelli in fuga», in cui vengono raccolte le storie di vita delle nuove mobilità2.

  • 3 http://racconta.repubblica.it/italiani-estero/risultatitotali2.php e www.vivoaltrove.it, cfr. Cucch (...)

2Claudia Cucchiarato ha creato il blog Vivoaltrove con la rubrica «La tua storia» che recita: «Se fai parte di questa comunità in costante aumento, o hai intenzione di farlo, raccontaci la tua storia, i motivi che ti hanno spinto all’espatrio, i luoghi in cui hai vissuto, le ragioni per cui hai deciso di rimanere o le motivazioni grazie alle quali faresti possibilmente ritorno in Italia». Questa iniziativa, replicata su sito de «la Repubblica» allo scopo di «censire» gli italiani all’estero, ha ottenuto ben 25.000 risposte alcune corredate da un ministoria3.

  • 4 http://nuvola.corriere.it/2012/12/22/giovani-allestero-ecco-il-curriculum-per-leuropa/ , Riboni, 20 (...)

3Enzo Riboni in Addio per sempre. Storie di giovani all’estero (2013) riporta le storie di 71 laureati, raccolte attraverso il blog La nuvola del lavoro, organizzate per aree di emigrazione dandoci un ritratto di giovani intraprendenti, tutti laureati e plurilingue, provenienti da famiglie che fin dall’infanzia, li hanno incoraggiati a studiare le lingue con soggiorni all’estero, o iscrizioni a scuole straniere. Oggi, ancora ventenni, hanno soggiornato spesso in più continenti4. Questi giovani sono andati all’estero scoraggiati dal sistema italiano e disposti a lavorare duramente per realizzare le loro aspettative. Tutti rilevano che all’estero hanno trovato rispetto e considerazione nonostante la giovane età. Colpisce la storia di una giovane donna che in Svizzera si vede promuovere mentre è in aspettativa per maternità. Le storie di vita raccolte da Riboni mostrano anche che per molti giovani la vera scelta è stata quella di trasferirsi in un’altra città per studiare. Da lì il passo verso l’estero è stato poi breve, come nel caso di Francesco Tronci, emigrato dalla Sardegna alla Lombardia per poi approdare a New York, via Canada, (Riboni, 2013, p. 87), o quello di Serena Speroni: «Sono di Varese e il mio primo passo coraggioso, almeno per una ragazza di 18 anni, è stato quello di trasferirmi a Milano per frequentare Lingue e tecniche della comunicazione all’Università Cattolica» (Ibid., p. 135) Cercano la possibilità di scegliere, a volte lasciano posizioni prestigiose per lavorare nel no profit.

4Come ha osservato Andrea Cammelli, direttore di Almalaurea: «i nostri cervelli in fuga non cercano tanto stipendi più alti […] all’estero si realizzano prima le loro capacità, viene utilizzato di più e meglio il nostro capitale umano»5. Ne La nuvola del lavoro, con il titolo «Macché laureati» leggiamo:

Per esperienza personale, ormai partiamo tutti: diplomati, laureati, masterizzati, artigiani, idraulici ecc. Io alzo definitivamente i tacchi a marzo dopo 15 anni di precariato, stage alternati a lunghi periodi di disoccupazione, getto la spugna. Una famiglia ed una casa me li voglio guadagnare onestamente senza arrivare alla terza settimana con l’acqua alla gola. Italia bye bye (Riboni, lettore 333).

  • 6 I racconti che qui presentiamo sono stati inviati all’viii Edizione del Premio Pietro Conti, Scrive (...)

5L’ultima edizione del Premio Conti6, che raccoglie, premia e pubblica saggi, racconti e memorie sulle migrazioni in Italia, ha visto arrivare accanto agli elaborati sulle migrazioni storiche e alle immigrazioni, una decina circa di testimonianze dei nuovi mobili. La globalizzazione ha portato nuova linfa alle identità locali, i nuovi migranti sono consapevoli delle pluridentità create dalla scelta migratoria. Nuove tecnologie e antico spaesamento, il displacement della globalizzazione che trova conforto nelle «piccole identità», ovvero nella prospettiva del glocalism (Appadurai, 1998), si mischiano nei loro racconti:

Sono un’emigrata tecnologica: ho cellulare e computer che adesso mi sembrano indispensabili per mantenere i ricordi nei fili che mi legano a quel che sono stata fino a questo momento […]

Ecco, già qui in aereo non so più chi sono: una donna, capelli neri, occhi verdi e marroni… alta uno e sessanta cinque, numero 38 di scarpe, 62 chili… quando non si sa più chi si è, si ricomincia dal visibile dal corpo, dove abitiamo, partiamo da noi. Poi il giochino si amplia: sono una della mia valle, una piemontese, un’italiana, un’europea, una bianca, una figlia di contadini, una maestra… Sono ormai una spaesata, –  una spaesana? –  una, in poche parole, ormai senza paese. Il paese è solo dentro di me (Peyrot, in corso di stampa).

6In questo estratto troviamo una graduatoria in cui si ripetono le stesse priorità identitarie dei migranti del passato: per quello che riguarda le appartenenze geografiche privilegiano il luogo natio, la Valle, la regione, il Piemonte, mentre il Paese con la P maiuscola, l’Italia, resta sempre al terzo posto. Rispetto alle migrazioni storiche vengono poi introdotte l’Europa e il colore della pelle, una delle grandi variabili che continuano a dividere l’umanità in epoca globale.

7È poi interessante notare come si definiscono i migranti della globalizzazione. Alcuni si identificano come emigranti tout court, mentre altri sono consapevoli di uno status privilegiato dettato dalla possibilità di scelta. Il riconoscimento che alla base della decisione di partire sia la ricerca di una migliore qualità della vita è un elemento ricorrente:

sono partita con l’idea di non tornare mai più, non una fuga, ma prendere tutto, e andare, salutare tutti, arrivederci, è stato più che sufficiente. La mia qualità della vita è notevolmente aumentata, anche se da un punto di vista economico, si è sempre nella precarietà. All’inizio è stata difficilissima, ci sono stati dei momenti in cui volevo tornare, cioè, tornavo per cercare qualcuno che mi trasmettesse un calore, volevo tornare per trovare un legame e questo legame non c’era qui, fu una fase abbastanza faticosa, di tristezza… chiaramente (S.A., 2012b)

8Nel racconto «Quando a partire siamo ancora noi» (S.A., 2012c) l’autrice «espatriata» in Germania si confronta con i suoi connazionali emigrati da più antica data. Si autodefinisce «emigrante privilegiata a tempo determinato» confrontandosi con «loro», i «veri emigranti», espatriati per motivi economici. E si domanda:

proprio vera questa ineccepibile differenza? Non tanto, non proprio, dicono questi incontri […] in Germania, per esempio, ho scoperto che mi sentivo emigrata per necessità e bisogno almeno quanto loro e che tutti eravamo accomunati dal sentirci lì per un destino avverso, un caso, una pirateria, un malessere, o altri segnali di un progetto mancato.

9Racconta poi le vicende di una coppia di Brindisi, temporaneamente in Germania, incontrata sul treno sulla via del rimpatrio:

Sono loro ad aver deciso di andare via, anche se la paga era buona (detratto il viaggio, in due hanno guadagnato circa 1.000 euro): il lavoro era troppo ed in condizioni troppo estreme, anche fino alle tre di notte senza mai vedere la luce. Lui non è nuovo a questo tipo di esperienza e sa già che si ripeterà il prossimo anno. È spinto anche da un senso di avventura e dalla voglia di conoscere altri paesi e altri giovani.

10Il suo commento sottolinea ancora un’altra analogia con una diversa migrazione, contemporanea questa volta, e che si riferisce all’Italia:

Beh, mi sembra anche da quel che sento in giro, che fare le pizze qui in Germania sia come fare la raccolta dei pomodori in Italia: un lavoro che nessuno ormai vuole più fare, che nel nostro paese vengono a fare i marocchini […] Non solo i marocchini però, mi correggono prontamente loro, i ragazzi della coppia, quello è il nostro lavoro principale e ci piace molto perché si svolge in campagna […] è un lavoro duro, ma lo facciamo volentieri perché così restiamo in paese […] sotto il sole…

11In un racconto ambientato a Zurigo, «Pavoni e Camaleonti», vediamo come una svizzera italiana di seconda generazione vede i nuovi arrivati. Il titolo stesso è una metafora con cui l’autrice indica rispettivamente gli expat e le seconde generazioni di immigrati italiani, da lei chiamati anche secondos. Riflettendo sul lessico traccia un profilo degli expat: «trentenne, laureato, formazione culturale medio alta, conoscenza di almeno tre lingue e single». Un quadro tuttosommato piuttosto vicino alla realtà, pervaso da una certa invidia che traspare dalle parole della protagonista: «la loro caratteristica, una volta riservata solo a chi svolgeva attività diplomatiche, è quella di giramondo in cerca di crescita professionale: un anno a Londra, due a Berlino, uno a Zurigo e tre a Parigi» (Ibid.).

12«Uscita d’emergenza  –  storia di una giovane migrante in volo a mezz’aria» (Sabatini, 2012) compie un parallelo con lo stereotipo delle vecchie emigrazioni:

C’era una volta la Terra Promessa. Si emigrava all’estero in cerca di fortuna e, il più delle volte, si tornava a casa col bottino. La storia della mia zona d’origine, la Valle di Comino, è un’enciclopedia di casi esemplari, di storie di migranti che partivano con la valigia di cartone e tornavano al paese, decenni dopo, a bordo, come minimo, di una Ferrari Testarossa. La storia, ora, è cambiata. Torno a casa e di rosso ho solo il conto in banca. Guadagno appena quel che mi permette di sopravvivere, pur lavorando tutto il giorno. Il precariato è la schiavitù moderna, è sfruttamento legalizzato della prostituzione lavorativa. Laureata da 3 anni, ho cambiato 5 lavori e, paradossalmente, la mia situazione è andata peggiorando col tempo.

13Il tratto che sembra comunque più accomunare vecchie e nuove mobilità è la nostalgia:

Niente barconi per me, niente deserto, fame o miseria. Una migrante di lusso, per libertà di scelta, per un lavoro e un posto fisso. Dall’Italia adesso si va via così, non sui battelli a vapore in terza classe, con la valigia legata con lo spago. Si va via con skype, internet, la posta elettronica, la webcam i voli low cost che ti permettono di tornare quando la nostalgia morde un po’ più del solito. Eppure fa fatica lo stesso, eppure vedere mio padre di spalle che mi saluta prima del metal detector dell’aeroporto di Pisa mi stringe il cuore (S.A., 2012d).

4.2. Le interviste

  • 7 Le interviste sono state condotte da Alvise Del Pra’. Indichiamo la data in cui sono state effettua (...)

14Le quarantacinque interviste in profondità, che qui analizziamo, hanno seguto una traccia che lasciava libertà all’intervistato di narrare la propria esperienza. Sono state raccolte in un arco di tempo che va dal 2006 al 2013  –  la maggioranza tra il 2012 e il 2013, prevalentemente via Skype 7.

4.2.1. Perché partire

15Gli attori delle nuove mobilità sembrano partire tutti per scelta, ed è questo forse che non li fa sentire emigranti secondo i canoni dell’immaginario legato alla grande emigrazione. I fattori di espulsione sembrano in molti casi lasciare il passo a quelli di attrazione. Si parte nella ricerca di una migliore qualità della vita, per realizzare le proprie aspirazioni, per imparare una lingua, per curiosità, anche se le ombre della crisi cominciano ad assumere un peso sempre più rilevante nel determinare la scelta.

  • 8 04.03.2014, Londra, Regno Unito.

16MDM8, 23 anni, nato Moncalieri (TO), studente e cameriere a Londra, dopo il liceo si è chiesto:

e adesso […] cosa faccio nella mia vita? Avevo deciso inizialmente di prendermi il classico anno sabbatico e di andarmene fuori dall’Italia: non sapevo dove, Londra è la meta che è venuta fuori dopo. Diciamo che ho iniziato a prendere in considerazione diverse mete, parlando con gli amici e cercando comunque qualcuno con cui andare, cercando un appoggio, così. Un anno sabbatico più che altro per imparare una lingua, perché come tu sai, e avendo io fatto il liceo linguistico te lo posso dire, che il livello delle lingue insegnate a livello scolastico è abbastanza basso, secondo me, in Italia. Cioè, io venivo fuori da un liceo linguistico dove l’inglese ovviamente era considerata la prima lingua e mi trovavo alla fine della quinta, dopo l’esame di maturità, con un livello d’inglese decisamente scarso, cosa che ho potuto riscontrare con i miei primi mesi qua a Londra: avevo difficoltà a comunicare per cercare lavoro, per aprirmi un conto in banca, fare contratti per la casa e così via. […]

mi piaceva l’indipendenza, non vivere più con i miei, avere un’indipendenza economica, poter fare coi miei soldi quello che volevo, quindi comprare, fare viaggi così. Mi piaceva il fatto che stavo migliorando, che stavo imparando una nuova lingua e sentivo che man mano che passavano i mesi, grazie anche al contatto con altra gente straniera, la lingua migliorava, e quindi ho deciso comunque di proseguire. Ho detto: «vabbè l’università in Italia ormai salta, se è, verrà nel futuro». Fino a che son passati ormai quattro anni e tre mesi da quando sono venuto a Londra, nell’ottobre del 2008.

  • 9 Dicembre 2006, Berlino, Germania.

17MAX9, 22 anni, di Napoli, cameriere, diplomato, conoscenza di tre lingue è partito spinto dalla voglia di andare via, grazie a un amico.

Non sapevo niente di Berlino. Sono andato all’avventura come poi credo facciano in molti. Per motivi di studio non poteva essere. Dopo la maturità credo che tutti abbiano un po’ quel momento che o vai a studiare, in Italia intendo, o intraprendi la strada del lavoro. Ero in un momento, probabilmente lo sono ancora adesso, un momento di confusione, quindi ho deciso di andare via. Volevo comunque andare all’estero. E mi sono detto «imparo il tedesco», perché non lo sapevo così bene come l’inglese. Avevo anche l’opportunità di andare a Londra. Però Londra poi l’ho scartata… avevo molti conoscenti che ci erano già stati e mi avevano detto che era molto cara. Federico mi disse: «Guarda Berlino è economicissima… vieni qua che si sta bene» e via… e quindi sono partito. E adesso sono a Berlino dal settembre 2004. Tra tre mesi sono due anni.

  • 10 16.1.2013, Tucson, Arizona.

18FLC10, 28 anni, Milano, dottoranda in studi internazionali, Fulbright a Tucson in Arizona, ci espone le motivazioni della sua partenza:

Sicuramente c’era una grande curiosità di andare all’estero, di fare comunque un’esperienza lontano. Però, secondo me nel mio caso questo non si è molto realizzato, nel senso che la curiosità di andare all’estero ci sta nel momento in cui vuoi farti un viaggio; mentre nel momento in cui ti impegni per un periodo di 5 anni ad andare dall’altra parte del mondo a fare un dottorato, lo fai perché vuoi fare il dottorato, studiare. Questo è il mio caso. Comunque è un impegno talmente sovrastante che la priorità per me è quella professionale, quindi io ho fatto questa cosa perché in Italia non avrei avuto la possibilità di farla […] dopo la specialistica ho fatto uno stage, poi ho iniziato a lavorare per un’ong, dove però non mi trovavo per niente bene, quindi questo disagio mi ha spinto a recuperare un vecchio sogno che avevo da quando ho iniziato l’università praticamente, cioè quello di studiare negli Stati Uniti e di provare a entrare in un programma di dottorato. Mi ha sempre affascinato un po’ l’estremo approfondimento delle cose che un dottorato prometteva e quindi mi sono candidata per una borsa di studio che si chiama Fulbright, […] adesso sono al mio secondo anno di dottorato. Il dottorato è in area studies, che è un programma che non c’è in Italia: praticamente, ci si focalizza su un’area del mondo e la si studia sotto vari punti di vista come veri esperti, antropologico, linguistico, ecc. […] Da quest’anno lavoro in università, sono assistente, e questo mi copre le spese universitarie, che sono rilevanti perché sono 25.000 dollari pur trattandosi di un’università pubblica. In più mi danno la possibilità di lavorare, in teoria 20 ore la settimana, anche se in realtà sono di più, e questo mi permette di avere uno stipendio mensile di 1.200 dollari.

  • 11 07.11.2012, Pechino, Cina.

19FOM11, 23 anni, di Padova, Erasmus a Copenaghen, studentessa di architettura a Pechino grazie a uno scambio del Politecnico e poi impiegata in uno studio cinese. Dopo l’Erasmus decide di darsi:

una seconda possibilità e ho detto «questa volta l’abbiamo fatto in Europa e la prossima facciamolo lontano». Io ero sempre stata molto interessata all’Asia, molto affascinata in un modo un po’ superficiale, per me l’Asia poteva essere il Giappone, l’India, la Cina, cioè l’idea dell’Asia. Non c’ero mai stata, però era una parte del mondo che esercitava su di me molto fascino perché poi sì, in generale, non sono una grande fan degli Stati Uniti e dell’America, e l’Asia per me rappresentava un po’ quel continente esotico, lontano, tutto da scoprire. E quindi sono finita in Cina un po’ per caso, perché il Politecnico in Asia offriva uno scambio buono solo con la Cina. […]

Vivere in Cina permette a me di avere delle aspettative lavorative, delle speranze di trovare un impiego con uno stipendio buono, umano, che mi permetta di pensare di diventare indipendente in tempi brevi dopo la mia laurea e quindi in questo senso mi permette una qualità della vita migliore dell’Italia, premettendo che vivere in Cina, in quanto la Cina è ancora un paese in via di sviluppo, ti costringe a scendere a compromessi con un certo tipo di comodità che in Italia invece avrei. Quindi diciamo che qualità della vita c’è, ma…, nel senso che qui banalmente uno si deve abituare, che la città è sporca, c’è un inquinamento pazzesco, ci sono delle cose che in un certo senso abbassano la qualità della vita, ma poi ce ne sono altre che in prospettiva la alzano. Riguardo alla famiglia, […] da un lato è ovvio che mi dispiace che la mia famiglia sia in Italia e che io sia qui, […] ma al tempo stesso ho avuto la fortuna qui di trovare delle bellissime persone, dei bellissimi amici e una relazione che mi rende contenta, per cui per me il concetto di famiglia inteso come affetti metà mi tira qui, metà mi tira lì.

  • 12 16.10.2010, Bruxelles, Belgio.

20FMM12, 31 anni, di Potenza, funzionario del Parlamento Europeo, laureata in Scienze Politiche a Napoli, ci dice che, durante un master in Studi Europei al Collegio di Parma, con docenti italiani e stranieri,

avevo bisogno di uno stage, e sono capitata nello studio di un parlamentare italiano, e ho collaborato un anno con lui non retribuita. Naturalmente la possibilità me l’hanno data i miei genitori che mi hanno detto: «meglio che stai un anno a Bruxelles non retribuita che in Italia». È quest’esperienza che mi ha dato la possibilità di trovare lavoro, che è quello che faccio attualmente: lavoro per l’Associazione Bancale [sic] Italiana. Cercavano persone italiane basate su Bruxelles, ho fatto la selezione in Italia e sono stata presa. Sono a Bruxelles da cinque anni: un anno ho lavorato in Parlamento e quattro per […] Quando sono venuta qui è stato amore a prima vista, mi è piaciuta come città anche non lavorativamente parlando. Però per una scelta di lunga vita al primo posto riguardo a Bruxelles c’è il lavoro, poi c’è la motivazione della qualità della vita. Faccio il paragone con Roma perché è la città che conosco meglio, vado spesso per lavoro: qui la qualità della vita è ineguagliabile perché è allo stesso tempo una capitale europea e una provincia, la definisco così; quando vado a Roma invece mi sento spaesata. Qui è tutto a portata di mano, la vita sociale è molto più semplice e dopo il lavoro hai molte cose da fare; culturalmente e come divertimento, è una città che offre tanto.

  • 13 15.10.010, Bruxelles, Belgio.

21MGM13, 37 anni, di Como, esperto in relazioni esterne e comunicazione aziendale, ci racconta come è arrivato a Bruxelles:

Il mio caso personale di emigrazione, che poi mi ha portato a mettere radici qui, è stato fortuito; però la vera motivazione è stato lo studio, perché sono partito che non sapevo francese e dovevo impararlo per motivi professionali, per il lavoro che avevo in Svizzera. E poi un caso tira l’altro: sono rimasto perché ho trovato una realtà professionale più stimolante e interessante di quella che potevo trovare in Italia o nella Svizzera italiana, che era il bacino a cui mi sarei orientato per trovare lavoro. Non mi sono mai sradicato dal posto da cui vengo, sono rimasto in contatto, ma ho fatto un’analisi approfondita di costi e benefici, mi son detto «preferisco stare a Bruxelles perché ci sono anche altri elementi che mi soddisfano di più», e fra essi c’è certamente la qualità della vita. E probabilmente Bruxelles è più interessante che Lugano, dove lavoravo. Poi sono entrati in gioco anche altri elementi.

  • 14 2010, Bruxelles, Belgio.

22MAA14 di Roma, giornalista, dopo la terza media in Inghilterra al seguito del padre diplomatico, liceo a Londra e università a Oxford, e poi un altro anno di master di Politica europea a Londra. La sua emigrazione ha origini familiari:

a ventitre anni sono tornato a Roma. Perché essendo stato emigrante volevo molto tornare in Italia. Il passaggio a Londra è stato non voluto, quindi all’inizio l’ho vissuto male. Sono partito dicendo sempre che sarei tornato il prima possibile, poi in realtà là sono stato sempre meglio e quindi questa cosa l’ho rinviata sempre più. Dovevo tornare alla fine del liceo, poi ho detto facciamo l’università, poi ho fatto il master. Sono tornato a Roma, mi sono trovato bene in realtà, lì ho fatto dei lavori saltuari all’inizio e poi ho iniziato a fare uno stage in un’agenzia di stampa, come giornalista, anche se avevo già fatto qualche collaborazione da Londra l’ultimo anno. E poi nella seconda metà di quell’anno a Roma è spuntata fuori questa cosa di Bruxelles, che era una domanda che avevo fatto prima, e quindi sono venuto qui, come succede a molti, con l’idea di stare per uno stage di cinque mesi […] al Parlamento. All’inizio non era con un deputato, ma era con il gruppo socialista, poi siccome facendo quel lavoro non facevo praticamente nulla, a metà di quello avevo iniziato a lavorare con un deputato per il quale facevo più o meno il lavoro di stampa, gli scrivevo comunicati, le newsletters, eccetera… finito lo stage mi ha preso lui e quindi son rimasto altri cinque o sei mesi e poi, arrivato a fare un anno qui, l’agenzia per cui lavoravo a Roma, mi ha detto che aveva un posto qua e quindi sono rimasto. Ho ricominciato il percorso da giornalista, quella cosa è finita a settembre, poi ho fatto un po’ di freelance e ho scritto su qualche giornale. A gennaio trovo lavoro invece in un’agenzia straniera, un’agenzia di stampa tedesca. Faccio i servizi in inglese, perché io non parlo tedesco.

  • 15 3.04.2009, Buenos Aires, Argentina.

23FVM15, 42 anni, di Milano, consulente aziendale, si trasferisce a Buenos Aires un po’ per caso:

a Milano ho lavorato sette anni in azienda, i capi erano tutti maschi e io capito che non avrei fatto mai carriera, mi dicevano: «hai 35 anni non vuoi fare dei figli? Avere una famiglia?» Poi era un ambiente molto competitivo e non avevo molti amici quindi, dal punto di vista professionale, ho avuto come una crisi di rigetto anche se guadagnavo bene. Poi, dopo la morte di mio padre, ho cominciato a farmi delle domande, ho capito che quando ti vengono a mancare i genitori ti cambia la vita per sempre e capisci che nasci e muori solo, forse circondato solo dagli affetti piú intimi. Lavoravo 15 ore al giorno, il lavoro é una droga nel momento in cui ti consente di non pensare a te stessa, é la scusa perfetta, é bellissimo, era il mio alibi perfetto e da lí ho pensato a un cambio. Mi sono licenziata e mi sono messa a collaborare con altri, ma continuavo a farmi la domanda se stavo facendo veramente quello che volevo; mio padre sempre mi diceva che «il piú bel regalo della vita é fare quello che ti rende felice se no non ha senso viverla». I soldi ti facilitano, sono uno strumento, ma non un fine. A quel punto mi sono presa tre mesi sabbatici, dopo la sua morte e ho deciso di fare un giro in America del Sud, perché non c’ero mai stata, perché era in inverno e volevo andare al caldo e perché non volevo passare il Natale in Italia e qui avevo un amico carissimo che si era trasferito con la famiglia per cui ho visitato il Brasile da sola e poi qui un mese in Argentina dove dopo dovevano raggiungermi anche degli amici dall’Italia per fare insieme un Natale diverso.

  • 16 2.05.2013, Bucarest, Romania.

24MMC16, Torino, 25 anni, sub-chef, MMR, Bergamo, 22 anni, chef:

Io me ne sono andato da Torino perché non trovavo niente che mi potesse dare la forza… non avevo stimoli, lavoravo un giovedì, un venerdì, a volte un sabato o una domenica, non avevo mai il contratto; e poi a Torino ci abito da 24 anni e non avevo mai buttato il naso fuori, a parte qualche vacanzina. […] O c’era qualcosa che non andava nel mio curriculum, o è il modo che hanno di assumere i dipendenti oggi in Italia: «ti faccio sapere, ti faccio sapere» e poi niente, a meno che non conosci degli amici, ma non è un cacchio bello lavorare così. È bello conoscere nuove città, nuovi metodi di lavoro, nuove mentalità. Tipo, vedi, noi ora siamo qui, e siamo partiti con la nostra mentalità: è brutto, ma poi è anche bello perché riesci a metterti in gioco, è una battaglia che se la perdi pazienza, te la metti in tasca e te la porti dietro.

E poi ho pensato di poter monetizzare un po’ di più, mi avevano parlato di mance, di stipendi, volevo imparare un po’ l’inglese andandomene fuori dall’Italia; e qualche cosina sto imparando di inglese. Ho fatto tutto grazie a MMR: mi ha chiamato e mi ha detto «io sto andando a Bucarest per questa nuova apertura, con la consulenza di [un noto chef italiano]. Noi siamo i suoi alunni e lui ci ha lasciato qui la cucina per farla andare avanti con le sue ricette e con il suo menù, anche se poi non è stato proprio così.

25L’amico, che ha deciso di tornare all’estero dopo un’esperienza lavorativa a Londra e un rientro in Italia segnato dal fallimento dell’azienda in cui aveva trovato lavoro, conferma:

Sì, lavoravo, ho iniziato a lavorare relativamente presto, con la scuola, facevo qualche extra, qualche periodo in nero, poi ho iniziato una scuola di cucina. Perché ho deciso di andare all’estero? Mah, guarda, se penso al mio futuro, io mi vedo in Italia, mi piace molto Bergamo, e poi abbiamo Bergamo alta che è bellissima: non ho mai vissuto situazioni povertà o degrado, quindi sto bene in Italia. Andare all’estero è una cosa che decido di fare io, anche soffrendo, facendo fatica; però io voglio farlo, almeno fino ai trenta […] l’aveva detto anche uno famoso, che noi giovani non dobbiamo scappare, ma andare all’estero e cercare e rubare idee e poi rientrare in Italia e portare una nuova mentalità e cambiare i metodi di lavoro. Poi c’è sempre l’incognita, magari vai in America e incontri la donna della tua vita e ti innamori, chi lo sa. Dopo Londra sono tornato in Italia, e ho lavorato ancora l’anno scorso con un po’ di sfiga perché l’azienda per cui lavoravo è fallita, e poi ho lavoricchiato ancora fino a novembre, quand’è saltata fuori questa opportunità. Mi sono detto « vabbè riproviamoci», anche se con molti punti di domanda. Anche perché mi avessero detto, «vai in Francia o in Spagna, a Barcellona, o a Monaco», insomma capitali europee… ma, sai, quando ti dicono di andare a Bucarest! […] i miei amici dicevano «ma no, la Romania, ma perché?». Ci si prova, siamo giovani, è meglio farlo ora e prendersi le palate adesso che fra dieci anni, quando uno magari spera di avere una famiglia, dei figli. Dobbiamo farlo adesso.

  • 17 9.11.2012, Bahia, Brasile.

26MCM e FPB17, tour operator e cooperanti di ong in Brasile, si sono trasferiti a Bahia perché:

MCM: entrambi avevamo più o meno delle idee di vivere fuori dall’Italia. Io vivevo a New York e pensavo di stare qualche anno a New York, mentre FPB voleva andare a vivere a Rio de Janeiro. Quando ci siamo incontrati, abbiamo avuto la nostra vita insieme, è arrivata nostra figlia e da lì è iniziato tutto il processo di trasferimento, perché abbiamo visto che con la bambina di pochi mesi a Milano non ci piaceva assolutamente vivere, non era una città adatta a noi; lo era finché eravamo giovani, trentenni che potevamo sfruttare la città in un certo modo, ma con una bambina piccola abbiamo deciso di trasferirci in un posto più tranquillo e più in mezzo alla natura.

FPB: io ho vissuto e sono nata a Milano e sono milanese fin nelle ossa, però ti dico la verità, ho vissuto in città considerandomi sempre un po’ un outsider e quando ho ricevuto questa proposta di lavorare per una ong che lavora a sua volta in una favelas nel cuore di Rio de Janeiro ho colto l’occasione e mi sono trasferita, per cui poi al di là di questa mia storia personale è venuta quella familiare. Però diciamo che la spinta motivazionale più grande è stata quella di non riconoscersi intanto nei valori della città, ma poi allargando un po’, anche nel giro dei valori che oramai si respirano in Italia. È brutto da dire, guarda, io sono italianissima, e mi sono riscoperta molto più italiana all’estero che finché sono rimasta in Italia, ma di fatto ci sono alcune cose che proprio non sono più condivisibili, non ce la facevo più.

  • 18 16.04.2011, Torino, Italia.

27MFL18, 34 anni, nato a Torino, nella cooperazione internazionale, dopo una ricerca sul campo in Brasile durante l’Università, e un’esperienza lavorativa in Italia nel settore dell’editoria multimediale a cui associa il volontariato per una ong, nel 2004, accetta la proposta di coordinare un progetto di cooperazione e sviluppo in Amazzonia. Sceglie il Brasile perché interessato:

alla storia dell’agricoltura e a tutte queste tematiche che poi adesso vanno molto di moda, ma nel 2000 se ne parlava molto meno, la sostenibilità ambientale, la produzione del cibo ecc… e da un lato il Brasile era, e continua a essere, un paese con una vivace realtà rurale, nel senso che la popolazione agricola e la popolazione che vive in campagna è ancora molto abbondante, quindi mi sembra un posto interessante da studiare e poi era il luogo in cui esisteva e continua a esistere il movimento «Sem terra» che si propone proprio come cuore della sua mission quella di riportare le persone che non avevano la terra in campagna, quindi a quel tempo mi sembrava tutto quello che io volevo sapere su questa problematica ed è stato quindi questo a portarmi in Brasile.

  • 19 18.3.2013, Aberdeen, Scozia.

28FGB19, 41 anni, di Napoli, biologa, in Scozia ad Aberdeen ci dice che dopo il dottorato, per mancanza di sbocchi in Italia, ha:

iniziato a fare domande all’estero, anche perché ero abituata, ero già stata all’estero e a me sembrava normale andare a studiare all’estero. Intanto però avevo iniziato il tirocinio in un istituto di ricerca a Pomezia, e la persona con cui facevo il tirocinio ha deciso di trasferirsi in Scozia, a Dundee; qui avevano aperto un nuovo istituto di ricerca e l’avevano contattata offrendole una docenza e uno spazio di laboratorio. Lei si è trasferita e mi ha offerto di seguirla e fare il dottorato qui con lei; questo succedeva nel 1997. Il piano era di fare tre anni di dottorato sul tema della regolazione della trascrizione in cellule del sistema immunitario (i macrofagi), una ricerca molecolare di base.

  • 20 22.11.2012, Barcellona, Spagna.

29MZR20, 33 anni, di Torino, editor, a Barcellona, con un’esperienza di Erasmus e un master in Spagna nel 2006, e vari spostamenti di lavoro in Albania e Africa, decide di trasferirsi in Spagna al seguito della sua compagna:

Il motore principale direi che è personale: la mia compagna è spagnola, ci conoscemmo all’epoca del mio master nel 2006, lei si trasferì a Torino dove vivemmo assieme durante il periodo che trascorsi a Torino lavorando a questa ricerca, finita la quale sono coincise un po’ di cose. La mia compagna voleva rientrare in Spagna, la cosa non mi turbava di base perché era un paese in cui ero già stato, non mi sembra distante, non mi comportava un impegno particolare sul piano personale e poi è coinciso tutto con la fine di quel progetto di ricerca, col fatto che oltre a essere terminata quest’esperienza non si aprivano prospettive lì in Italia ulteriori, almeno non chiare. Non che in Spagna ne avessi di più concrete, però l’ho presa come invito sul piano personale all’idea di cercare in Spagna le prospettive che in Italia non mi stavano aprendo; mi trasferii nell’autunno del 2010.

  • 21 5.11.2012, Oslo, Norvegia.

30MRE21, 37 anni, nato a Genova, con un diploma di informatico sistemista, decide di partire per Oslo a causa un intreccio di motivi, personali ed economici, ma tutti legati alla fatica di vivere in Italia:

ero frustrato dalla situazione culturale e non vorrei dire politica, perché non è un fatto legato direttamente alla politica, però è legato comunque alla mentalità comune. Insomma, io ero frustrato a causa della mia situazione lavorativa, ma anche a causa di altre situazioni, ad esempio che l’appartamento in cui abitavo è stato venduto con regolare contratto anche se in teoria avrei avuto il diritto di vivere lì altri tre anni, e al compratore non è stato notificato che c’era un inquilino dentro, quindi quando è venuto a saperlo praticamente ha rivenduto immediatamente […]

Io in quel momento lì avevo bisogno di cambiamento: avevo una fidanzata con cui sono stato tipo sei anni e questa relazione viveva una fase di stanca da un po’ di tempo ormai, anche perché io ho conosciuto una ragazza norvegese lavorando, facendo non proprio volontariato, ma comunque delle attività volontarie […] Molto semplicemente, facevo il barista in un centro sociale dopo il lavoro, come attività più che altro per socializzare, per avere un contesto sociale attorno, perché gli amici venissero da me piuttosto che io andassi a cercare loro. […]

Ho conosciuto questa ragazza norvegese, ma in quel momento io ero ancora fidanzato, però ci siamo entrambi innamorati e abbiamo lasciato i rispettivi partner, perché anche lei aveva un fidanzato… in realtà però non è stato che io sono venuto qua per congiungermi a lei, nel senso che lei dopo che ci siamo innamorati è venuta a stare a Milano con me, solo che io avevo questa situazione lavorativa al Politecnico che era un po’ così, remunerativamente non era particolarmente interessante, e non lo era neanche dal punto di vista della carriera perché era un contratto appunto a progetto e non c’era più niente da imparare. Nonostante io cercassi di salire nella scala gerarchica e di imparare nuove cose, mi dicevano che non c’era niente da fare e quindi io praticamente perdevo le giornate lì. […] siccome convivevo con questa ragazza norvegese, un bel giorno le ho detto: «ma perché non andiamo in Norvegia?». Ed è stato così, un gesto molto impulsivo, nel senso che non ce n’era assolutamente la necessità; noi saremmo potuti benissimo vivere lì a Milano, io avevo un lavoro, una casa (anche se la situazione era problematica) eccetera […] Però io avevo bisogno di nuovi stimoli, c’era appunto questa situazione di stanca con la mentalità italiana. […]

in Italia la situazione è tale per cui non è tu puoi mandare un curriculum e trovare lavoro, non puoi contare sul fatto che i tuoi diritti vengano rispettati, o comunque che esista una forma di giustizia: c’è una situazione per cui o hai le spalle coperte perché provieni da una classe sociale tale per cui tu o la tua famiglia ha dei mezzi immobili o mobili, oppure ti trovi a subire delle angherie, perché i tuoi diritti non vengono rispettati.

  • 22 2010, Bruxelles, Belgio.

31FDS22, 42 anni, nata a Venaria Reale (TO), Erasmus a Berlino nel 1993, dopo essersi laureata a Torino in Lingue e Letterature Straniere, e una vana ricerca di lavoro in Italia, nel gennaio del 1994 sbarca a Bruxelles:

perché in Italia a cinque o sei mesi dalla laurea non si muoveva niente, nel senso che avevo mandato diversi cv e la mia era una preparazione linguistica, avevo studiato inglese e francese, però non si muoveva veramente niente. Quindi, dopo aver fatto i soliti lavoretti in nero per cercare di racimolare un po’ di soldi […] Io avevo già un fratello che era qui da molti più anni di me e mi aveva suggerito l’idea: «perché non vieni a vedere cosa si muove a Bruxelles?». Era maggio-giugno del ’94, al termine della legislatura 89-94. Quindi a luglio del ‘94 si sarebbero sicuramente presentati i nuovi europarlamentari. Tieni conto che all’epoca la figura dell’assistente del parlamentare non esisteva, i deputati eletti nelle liste di un partito appartenevano a un altro gruppo politico, era il primo anno in cui lo introdussero. Fino ad allora avevano usufruito del segretariato dei funzionari e pascolavano da soli […] L’occasione era ghiotta. Non avevo nessuna esperienza a livello di istituzioni europee e non avevo mai lavorato all’estero.

  • 23 21.06.2013, Montreal, Canada.

32Dall’Italia non partono solo giovani neolaureati, FVC23, insegnate, verso la fine della sua carriera lavorativa, decide di trasferirsi in Canada, a Montreal, per intraprendere, a 62 anni, un dottorato:

a un certo punto, eravamo nel 1995, e la mia irrequietezza non era affatto scomparsa: avevo il desiderio di andare a vivere all’estero, cosa che è un altro motivo ricorrente. Nel 1995 faccio il primo concorso per insegnare un anno all’estero con il Ministero degli Affari esteri, lo passo ed entro in graduatoria, ma poi non vengo chiamata. Lo rifaccio nel 2001, lo passo e questa volta, dopo alcuni anni, nel giugno 2004, ricevo un telegramma dal Ministero degli Affari esteri dove si dice: «cara signora, se vuole ha tre giorni di tempo per decidere se vuole andare a insegnare in Canada, in Russia, in Grecia, in Camerun, in Albania, insomma cinque o sei mete, lei ha tempo tre giorni per dirci sì o no». Ommiodio! [sospira e ride]. Io sono figlia unica, mio padre era morto nel 2001 e mia madre nel 2004, quindi quando io ricevetti questo telegramma ero una persona completamente libera: mi ero separata da mio marito, avevamo divorziato, quindi, assolutamente libera, con però… diciamo che mi sono risposata, a quel punto. Fatto sta che decido e scelgo il Canada, Montreal, anche perché di tutte queste mete… sono stata fortunata, perché di solito non puoi scegliere; se ti va, bene, sennò addio. […]

Quindi, nel gennaio 2005 parto con il mio secondo marito, che prende un’aspettativa dal lavoro, e atterriamo qui a Montreal. Tieni presente che ricevevo uno stipendio italiano proveniente dal Ministero degli Affari esteri. Diciamo che la fortuna mi assiste, perché all’Université de Montreal non c’era, e non c’è peraltro, un professore di italiano.

Quindi per tre anni godetti di questa situazione particolare di professeur invité, professore invitato; avevo tutti i vantaggi di questo ruolo, facevo progetti, collaboravo con altri insegnanti. Proprio grazie a questa posizione privilegiata conosco un gruppo di colleghi italiani, perché non sono pochi gli italiani che insegnano nelle università di Montreal, sia all’Université de Montreal che è francofona, sia a Concordia o a McGill che sono anglofone. Quindi conosco una serie di italiani, sempre a prevalenza femminile notevole [ride], che sono di fatto arrivati qui dagli anni novanta in poi, che han fatto questa scelta dopo essersi laureati in Italia: molti magari sono arrivati qui o negli Stati Uniti con un bac, poi hanno continuato con la metrise, le doctorat e adesso insegnano. Con alcuni di loro formuliamo un progetto che ho trovato veramente appassionante, creiamo un nuovo corso: «Italie-Quebec: parcour interculturel». In questo corso insegnavano diversi professori di differenti discipline, la questione focale dei rapporti fra Italia e Quebec veniva così affrontata da angoli diversi ed in modo interdisciplinare. Era un corso offerto in francese, io lo coordinavo e ho anche fatto due o tre seances, lezioni. Arriviamo nel 2007, quando ricevo una telefonata dal consolato in cui mi si dice: «cara signora, abbiamo deciso di cancellare il lettorato a Montreal». […]

Mi vengono proposte, visto che ero innocente [ride] e non avevo alcuna responsabilità in questa scelta, altre mete; scelgo Lubiana. Certo, a Lubiana non si parla italiano, non si parla francese, ma è più vicina e da lì potevo magari tornare a casa… perché allora, dal Canada tornavo una volta all’anno perché il viaggio costava caro. Così vado a Lubiana e il passaggio dal Canada alla Slovenia è un po’ traumatico, a parte che ogni volta devi ricominciare da capo; io te li ho dipinti così, ma anche i primi mesi a Montreal sono stati faticosissimi. Ormai ho capito che è faticoso e non c’è storia. […]

Ma, memori […], che è mio marito, e la sottoscritta, di quello che avevamo lasciato, decidiamo di fare domanda di residenza permanente in Canada. […]

Nel giugno 2009 riceviamo il permesso di residenza permanente e a quel punto si pone un grosso problema: mio marito nel frattempo era andato il pensione e quindi lui riesce a passare lunghi periodi qui a Montreal, diversamente dalla sottoscritta, il cui contratto a Lubiana finisce ad agosto 2009, quindi a settembre io torno in Italia e riprendo a lavorare, e di pensione neanche a parlarne. Riprendo a lavorare a scuola. L’idea era quella: «appena possibile vado in pensione e mi trasferisco a Montreal». Peccato che nel frattempo ci han pensato tutti, e il governo ha fatto slittare questi tempi in modo spaventoso, per cui io oggi come oggi potrei andare in pensione a 66-67 anni! E questo è stato un colpo non indifferente, perché ha cambiato tutti i piani, i progetti. Nel frattempo io non ho perso del tutto i contatti con Montreal e con il Canada, ho mantenuto qualche relazione e poi sono tornata spesso: tutte le estati, invece di viaggiare per il mondo, venivo qui. […]

non cercavo lavoro, tornavo per il piacere di tornare, avendo rinunciato a un trasferimento. Però c’era sempre una speranza, perché il prolungamento del pensionamento è stato graduale… c’è stato uno slittamento progressivo, per cui io avevo rinunciato alla possibile uscita dal mondo del lavoro, però solo fino a un certo punto. Dopodiché mi ero informata per il lavoro qui: all’università a Montreal avrei potuto insegnare non più come professeur invité ma come chargé de cours, insegnando la lingua, e potrei ancora adesso volendo, oppure potrei organizzare corsi di lingua privati come fanno alcuni italiani che conosco, perché qualcuno che vuole apprende l’italiano c’è sempre! Ma tieni conto che se io lavorassi qui, non potrei mai congiungere il lavoro qui con quello svolto in Italia ai fini del pensionamento, perché non ci sono accordi…? Mi sono resa conto, riprendendo a insegnare a scuola, che la mia passione per l’insegnamento si era sgretolata, con i ragazzi non riuscivo più a intrattenere lo stesso rapporto che avevo prima, perché il divario di età era diventato troppo consistente. Ho capito che avevo voglia di fare qualcos’altro. Mi sono interrogata sulle mie competenze, su quello che sapevo fare, leggere, studiare, scrivere, e allora ho pensato a un dottorato, ed ecco al motivo per cui siamo qui. Noi professori in Italia abbiamo delle fortune: abbiamo tante disgrazie, e una di queste sono i nostri stipendi, ma abbiamo anche dei piccoli privilegi, fra cui uno, poco conosciuto a dire la verità (lo elimineranno nel giro di poco!), è la possibilità di fare un dottorato se non lo si è già fatto e di avere un congedo pagato per questo. Normalmente il dottorato si fa in Europa o in Italia, ma io ho pensato di farlo in Canada, a Montreal.

33Le interviste confermano le risposte aperte alla domanda Perché partire? tra le motivazioni: nella Nuvola campeggiavano, oltre alla parola «Italia»: «vivere, futuro, imparare, fare, curiosità, conoscere».

4.2.2. Lavoro

  • 24 8.02.2013, Berlino, Germania.

34All’estero sembra più facile anche inventarsi un mestiere. È questo il caso di, MVB24 26 anni, nato Cesano Maderno (Brianza), con un master in giornalismo alla Cattolica di Milano, freelance, che decide di partire, dopo un’esperienza in Kosovo, con la ragazza, fotografa, musicista e videomaker, per la Germania:

Berlino ci sembrava la città giusta, sia perché ci piaceva e ci ispirava molto, sia perché avevamo in mente di fare appunto Il Mitte, questo progetto in lingua italiana per la comunità italiana di Berlino. […] sono sempre voglioso di sperimentare con i nuovi media. Oggi il giornalista deve essere in grado di reinventarsi ed essere un po’ imprenditore di se stesso visto che il giornalismo, almeno in Italia, è quello che è. Quindi ho iniziato a fare video, e ho fatto un corso di dizione, anche se non si sente [ride] per migliorare lo speakerato. Insomma, ho cercato di esser più completo. E in questo senso Il Mitte è una nuova possibilità. È simile a un blog; è partito da me, completamente autofinanziato e senza grosse spese. L’idea è derivata dal fatto di voler andare all’estero, e fare qualche esperienza editoriale pur non parlando il tedesco. Ho visto che c’erano dei blog italiani a Berlino, anche abbastanza seguiti, però mancava davvero un organo di informazione che raccontasse la città, e in questo senso, visto che ci sono tantissimi italiani senza sapere il tedesco, ho pensato a uno strumento che potesse aiutarli a immergersi nella città. Poi ho scoperto che mi era stata mossa la critica che Il Mitte potesse diventare un strumento facilitatore per gli italiani che arrivano: quindi arrivi qui, non sai il tedesco, ti trovi pure il giornale in italiano, e non ti invoglia a imparare il tedesco. In realtà ho notato che invoglia molto, e comunque gli italiani, come penso tutti nel mondo, preferiscono leggere nella loro lingua; preferiscono, poi non è che leggono noi e non leggono la «Berliner Zeitung» o il «Tagesspiegel». È uno strumento in più. […]

Quindi abbiamo questo duplice pubblico, sia gli italiani di Berlino che coloro che, in Italia, sono innamorati di Berlino per qualche ragione. Il giornale offre anche una sezione, che amo moltissimo, che si chiama «DidrittederMitte», che è una raccolta di articoli in italiano semplificati, con giochi di parole, grammaticali e lessicali, indirizzati ai tedeschi, quindi rivolta più ai tedeschi che vogliono imparare l’italiano o che lo sanno. Stiamo creando una sorta di accordo con una scuola d’italiano qui di Berlino per fornire questo genere di contenuti, da usare come esercizi durante le lezioni eccetera.

35Il successo arriva rapidamente:

I contatti giornalieri sono attorno ai 3.000, e in totale sui 45.000 mensili, contando anche i visitatori unici. La crescita è stata molto rapida nei ultimi 3 mesi, mentre ovviamente i primi 6 era a livello di start up. Da quando alcune testate giornalistiche hanno incominciato a interessarsi a noi, c’è stato un riscontro assoluto. Ci leggono soprattutto persone tra i 25 e i 35, questa è la fascia preponderante; la seconda fascia è quella dai 35 ai 45 e la terza fascia quella dai 35 ai 45. Quindi insomma: giovani, un po’ meno giovani e giovanissimi. Penso sia il target abbastanza normale di un giornale online. Il 50% della gente che ci legge, lo fa dall’Italia.

36Ne approfittiamo per chiedergli perché secondo lui tra mille e duemila giovani italiani all’anno scelgono di andare a Berlino:

Mah, diciamo che gli italiani che sono qui riescono tutti bene o male a fare qualcosa, anche se sì, ce ne sono alcuni che tornano a casa con le pive nel sacco: magari si aspettavano chissà che cosa e dopo 6 mesi qui in cui non sono riusciti a combinare niente, se non magari un lavoro da cameriere part-time a 300 euro al mese, se ne tornano a casa. Anche perché il tedesco è più lungo da imparare di quello che si pensa, quindi devi o arrivare qui con dei soldi tuoi, e stare qui due anni e imparare il tedesco bene per poi far fruttare la tua laurea italiana. Oppure, nell’ambito artistico soprattutto, c’è moltissima concorrenza non solo fra tedeschi ma anche fra tutte le varie comunità a cui gli artisti appartengono. È vero che ci sono molte gallerie d’arte, ma, ad esempio, se sei un fotografo o un pittore magari ti espongono le opere senza difficoltà e fai curriculum, però a livello economico non ti entra niente. Bisogna quindi bilanciare l’idealizzazione di Berlino con quella che è la realtà.

37Alla domanda se la scelta di Berlino fosse stata dettata da ragion economiche ci risponde:

Sicuramente sono state altre le motivazioni preponderanti, anche se devo ammettere che Londra o Parigi sarebbero state impossibili per le nostre tasche. C’entra anche questo fatto, sì, se affittarti un monolocale in una zona abbastanza decente di Parigi penso ti costi sugli 800 o 900 euro al mese, e qui trovi ancora a 400. Per il resto, la vita notturna e i ristoranti costano meno, i mezzi pubblici rispetto all’Italia costano di più però ovviamente è un servizio diverso, e per quanto riguarda i prodotti al supermercato, la spesa quotidiana o i costi del cellulare non cambia molto da quanto si spenderebbe in Italia. Costa un po’ meno la benzina, quello sì.

  • 25 12.3.2013, Barcellona, Spagna.

38FIB25, 31 anni, di Frosinone, psicologa, parte a 26 anni per Barcelona e dopo aver collaborato da volontaria con l’ospedale in cui ha fatto il dottorato, inventa una attività in proprio con una collega italiana:

abbiamo avuto l’idea di iniziare un servizio di psicologia, di assistenza clinica, inizialmente in italiano, visto che erano tanti gli italiani qui. […] abbiamo detto: «mo’ che facciamo?» (ride). Tutte e due volevamo chiaramente iniziare a lavorare. Io avevo già qualche contatto con dei clienti italiani. A queste persone avevano consigliato di venire da me perché parlavo italiano: abbiamo iniziato così, con un sito in cui mettevamo inizialmente quest’offerta di servizi in lingua italiana, e poi da lì abbiamo conosciuto colleghi di altre nazionalità. Abbiamo iniziato a parlarne ed è nato un gruppo dove si scambiavano esperienze sulla professione, ma anche sulla clinica. A un certo punto ci siamo detti: «noi siamo italiani, voi siete inglesi (c’erano anche dei francesi, c’erano dei tedeschi) e allora mettiamoci insieme e facciamo qualcosa». Qui comunque le realtà internazionali sono molto presenti. A parte la numerosa comunità di italiani, sono tanti gli stranieri a Barcellona, tante persone di lingua inglese, poi ci sono i francesi. E quindi ci siamo messi insieme, abbiamo fondato nel 2009 International Psycologist Project. Ci siamo messi in rete, abbiamo creato un network. Quindi, ognuno con la propria esperienza formativa e ognuno con degli spazi di lavoro propri, però con un sito comune, un’esperienza comune e uno spazio comune di lavoro a livello virtuale, ma non fisico perché non abbiamo un centro vero e proprio. Quindi l’abbiamo creato anche con pochissime risorse dal punto di vista materiale. Attualmente esiste il sito principale ed esistono dei siti associati, uno è lo Studio Italiano di Psicologia Barcellona. Riceviamo le domande nelle diverse lingue, che si riferisco ai servizi che già offriamo, che sono: assistenza prevalentemente clinica, consulenza psicologica, psicoterapie, psicoterapie individuali, di coppia e poi anche attività a livello di laboratori, per lo più esperienziali. Riceviamo queste domande e facciamo delle derivazioni a seconda delle lingue che ci richiedono e a seconda anche dei problemi specifici. Abbiamo diverse formazioni e siamo equipaggiati per poter rispondere a vari tipi di domande. Abbiamo diversi indirizzi, io ho una formazione psicodinamica come altri colleghi, ma ci sono anche i sistemici, ci sono anche i cognitivi. […]

Attualmente il settanta/ottanta per cento dei clienti sono italiani. Poi abbiamo gli inglesi, qualche francese e qualche tedesco. A livello di marketing si è molto diffusa la pubblicità tra le reti degli italiani, che sono tanti qui. […]

Gli italiani che cercano uno psicologo che parli la loro lingua di solito sono persone arrivate da poco. Ce n’è anche un’altra parte consistente, sono quelli che magari stanno da vent’anni qui però preferiscono comunque parlare di certe problematiche o di certi argomenti nella loro lingua; è sempre un’altra cosa da un punto di vista emozionale. I primi, che costituiscono la parte più significativa, sono persone arrivate da poco e le loro problematiche specifiche hanno a che fare con l’aspetto di crisi, dovuto al cambio. Molti arrivano qui con delle speranze e delle aspettative, e poi chiaramente si confrontano con la realtà. Questa è un’osservazione abbastanza personale che faccio sulla base della mia esperienza. Però si vede che le persone idealizzano di più il fatto di andare all’estero per trovare e cercare qualcosa che non hanno nella vita attuale e che formano speranze e aspettative di un certo tipo, sono poi quelle che più soffrono il contatto con la realtà, dura qui come altrove. Mentre ci sono delle persone che vivono più sul piano della realtà, e vengono con un progetto, un progetto più realistico, preparandosi in modo diverso. Sono quelle che reagiscono meglio, quelle che non vengono all’estero come «piano fuga», «scappo dall’Italia perché in Italia fa tutto schifo e invece là è tutto più bello». Però, direi che oltre che fuga dal proprio paese è una fuga dalla realtà, perché poi arrivano qui e qua è quello che è. Lo sappiamo tutti, si vede sui giornali. Poi, Barcellona è una città che è stata a lungo idealizzata. Quando c’è stato il boom economico, in dieci anni la città è cambiata. Per gli italiani era come una Mecca, con tanti locali e tutto; qua è pieno di ristoranti italiani. Tanta gente è venuta qui con tanti sogni. Li ha realizzati? Oggi non è più ieri e tanti aspetti son cambiati. Quello che posso dire è che, a parte le realtà problematiche legate all’adattamento al cambio, quelli che più vanno in crisi sono coloro che vengono con l’idea di scappare da una realtà brutta, insoddisfacente.

39Approfittiamo dei suoi contatti per chiedere se ha notato delle evoluzioni nel corso degli anni.

Diciamo che negli ultimi due anni la situazione è abbastanza peggiorata anche per quello che riguarda il clima emozionale. Le persone sembrano più scoraggiate. C’è stata un’iniziativa di psicologi catalani un paio di mesi fa. Si è creata la piattaforma […], un’iniziativa volta a dare speranza alle persone. Si sono messi insieme gli psicologi del collegio ufficiale di psicologia della Catalunya e hanno pensato di creare una piattaforma dove fosse possibile dare anche dei messaggi di speranza alle persone. Perché il morale è realmente basso. E a volte viene proprio meno la speranza di poter costruire qualcosa. A parte le dinamiche personali di ognuno, ci sono coloro che riescono a strutturarsi meglio di fronte alla crisi e persone che reagiscono in altro modo. Sicuramente le cose sono molto cambiate, peggiorate.

40Ma, le domandiamo, di fronte a questa delusione a seguito della scoperta di non aver trovato il paese e le occasioni che ci si aspettava, c’è una propensione al ritorno? È il caso che insistano?

Non è possibile generalizzare. Ogni caso è a sé. Il ritorno viene vissuto con un tanto, come dire, di frustrazione, nel senso che ritornare è un fallimento e questa è un po’ l’esperienza che si vede. Anche perché molte delle persone che decidono per un cambio del genere, a parte venire con tante speranze e tante aspettative, vengono sbattendo un po’ la porta. E poi tornare non è facile. Ci sono le difficoltà oggettive: quando parti e stai all’estero per due o tre anni poi diventa difficile tornare indietro e non tutti hanno gli appoggi effettivi per ricominciare in Italia. È anche vero che nell’ultimo anno, o anno e mezzo, questo lo dico a livello personale, so di molti amici italiani che sono tornati indietro perché qui le cose non andavano bene. E tornare indietro porta con sé un senso di fallimento. Il «mi sono lanciato/lanciata in questa impresa e non andava bene» molti lo vivono come il tornare con la coda tra le gambe, con un senso di fallimento forte. Altri no. Torniamo però sul discorso di prima, su chi, fra loro, l’aveva messo in conto di dire: «vado, vedo quello che c’è, però intanto mi preparo una rete dietro perché se poi la cosa non va bene, tornerò».

  • 26 16.10.2010, Bruxelles, Belgio.

41MLN26 35 anni, Padova, ingegnere aerospaziale, va Bruxelles per realizzare il suo sogno di fare il musicista.

A Pisa ho studiato ingegneria aerospaziale, e a metà degli studi ho iniziato a studiare contrabbasso. Da lì è nata la voglia di studiare musica, ma in Italia ci sono poche scuole e la metà sono private. La possibilità di studiare seriamente musica jazz al conservatorio non c’è. O meglio, all’epoca c’era l’opportunità di fare il biennio dopo il settennale di classica. Quando hai venticinque anni è un po’ tardi e non entri da nessuna parte; quindi mi sono guardato in giro all’estero. Ho cercato un po’ di cose: volevo andare a Berlino, ma non avevo trovato niente di interessante, i conservatori lì sono veramente tosti e bisogna avere una preparazione fortissima. Avevo una ragazza che si è laureata nello stesso periodo mio e voleva venire a Bruxelles per lavorare al Parlamento europeo, così ci siamo detti «ok, perché non andare nel Nord Europa?». Io ho trovato il conservatorio dell’Aia, mi hanno preso e mi sono iscritto […] Tra una cosa e l’altra siamo venuti a vivere qui perché l’Olanda costava troppo e qui lei aveva una sorella per cui è stato un pochino più facile trovare una casa, cosa che soprattutto costava molto meno. In Olanda dovevi lasciare quattro o cinque mesi di anticipo all’agenzia, mentre qui se ne fregano. E quindi siamo finiti a Bruxelles. Io ho fatto un anno in Olanda, poi ho studiato qui per un paio d’anni e nel frattempo ho lavorato come insegnante alla scuola europea. Una specie di supplente, ma per le ore buche. Come insegnante di matematica, informatica, fisica. Ho lavorato in due scuole europee, una a Bruxelles e una fuori.

42Un elemento che ricorre in diverse interviste è la welfare migration (De Giorgi e Pellizzari, 2009; Giulietti e Wahba, 2012) è la scelta dettata dalle possibilità di trovare all’estero migliori opportunità di assistenza, come mostra l’esperienza di MLN che, alla domanda su cosa faccia attualmente, risponde:

Sono disoccupato con il sussidio di disoccupazione da artista. Sono riuscito a ottenerlo e quindi ora sono musicista a tempo pieno. […] Normalmente ogni anno risale al massimo. Se riesci ad avere il massimo, puoi avere 1.300 euro netti al mese, più o meno, che si basano su un conto di circa 55 euro al giorno; poi cala, ci sono due scaglioni annui e poi viene rifatto il conto alla fine dell’anno. Teoricamente è a vita.

43Quando gli chediamo quali sono per lui le cose importanti nella vita risponde:

Il lavoro […] Star bene, voglio dire non so se in Italia starei bene. […]

non credo che sia necessariamente una fuga dei cervelli, è una fuga di individui, voglio dire, non tutti sono cervelli: io sono fuggito, ma non è che l’Italia nel 2004, quando sarei potuto essere un ingegnere sul mercato, avrebbe giovato molto della mia presenza. Alcuni cervelli se ne vanno perché alcuni individui sono più cervelli di altri. La gente fugge perché non ha opportunità, lo sappiamo tutti: ci sono queste cose come i contratti di collaborazione, che qui non succedono. Qui il diritto del lavoro è sacrosanto.

  • 27 Bruxelles, Belgio cit.

44Anche FMM27, apprezza le migliori garanzie che il mercato del lavoro belga offre alle donne:

Ti parlo del contesto che conosco di più, che è quello dell’ […]: su ventidue dirigenti, solo tre sono donna, e già qui ti dà l’idea di come funziona in Italia; sei donna quindi fai dei bambini e non puoi dedicarti al lavoro, sei isterica, non puoi stare in ufficio fino alle dieci di sera perché hai la famiglia eccetera. Ti faccio un esempio per dirti com’è la situazione qui a Bruxelles: c’è stata un’amica mia che ha fatto il colloquio di lavoro e che era incinta di un mese, e l’hanno presa anche se il datore di lavoro sapeva benissimo che dopo cinque mesi avrebbe dovuto pagarle la maternità. In Italia questo non sarebbe mai avvenuto, perché tu sei incinta, e allora sei una risorsa sprecata. […] Perché vedono il potenziale che puoi dare, a prescindere dal fatto che tu sia donna e incinta, sei una persona valida, quindi io ti assumo in una prospettiva di lungo termine. A Bruxelles non esiste il tempo determinato, non è nella logica di qui: quindi se io ti assumo a tempo indeterminato e sei incinta, va bene ti assumo lo stesso e quando torni sei comunque una mia risorsa. In Italia dove il primo step è il tempo determinato, il fatto di esser incinta è un aggravio. Per dirti, una mia collega, quando ha fatto in Italia il colloquio in […], ha avuto l’azzardo di dire che era incinta e così l’hanno assunta ma con una grado inferiore, pagata di meno eccetera. Rispetto all’Italia, qui ci sono molte donne di potere; vedo nel mio ambito, io non sono la responsabile d’ufficio ma sono la referente, vedo nelle altre associazioni bancarie che hanno molte donne risponsabili degli uffici, non so se è una scelta perché le donne hanno una gran capacità nelle relazioni…

  • 28 Bruxelles, Belgio cit.

45MGM28:

Ho cominciato a lavorare in Svizzera presso un’organizzazione non governativa per una parte di un progetto più ampio che si occupava in particolar modo di aiuto alla prostituzione nella Svizzera italiana. Dopo sei mesi ho partecipato a un bando tra regioni europee, che si chiama Eurodissey, ed è un programma di scambio di lavoratori tra la regione italiana Ticino e la regione Vallonia. Quindi, visto che io non parlavo il francese, mi serviva perché si dialogava con la Federazione Svizzera; ho detto «vado a fare questo scambio di lavoratori così imparo anche il francese», e ho vinto questa borsa di studio. Quindi sono venuto a Bruxelles, ho fatto un mese di corso di francese per avere i primi rudimenti della lingua e dopo ho iniziato a fare uno stage presso una società di Luvain-la-Neuve, che è una cittadina universitaria vicino a Bruxelles, presso una società che si occupa di bandi per la commissione, in particolare si occupa di progetti di macroeconomia e sviluppo agricolo nei paesi del Terzo Mondo. Io mi occupavo un po’ della parte commerciale e quindi vedevo il mio arrivo in Belgio come intenzione di imparare il francese e poi tornare in Svizzera; trovandomi qua ho cominciato a frequentare un po’ la comunità italiana non tanto del Belgio quanto di Bruxelles. C’era una conoscente che lavorava al parlamento europeo perché era assistente di un deputato italiano e a un certo punto mi offrì uno stage presso un gruppo del parlamento europeo, nella fattispecie il gruppo uen del parlamento europeo dove ai tempi c’era Alleanza Nazionale e Patto Segni, il famoso elefantino. Caso vuole che durante il mio stage stavano per iniziare i lavori della convenzione europea, quella che poi ha scritto il progetto di trattato costituzionale diventato in seguito il trattato di Lisbona. Loro non avevano un funzionario che potesse occuparsene, perché era un lavoro in più, io ero lì e mi hanno detto «Vabbè, ti interesserebbe coprire i lavori della convenzione europea per due anni?». Per cui sono rimasto per due anni: ho lavorato sui lavori della convenzione europea come consulente per il gruppo ale e, finita questa, ho cominciato a lavorare come assistente per un deputato italiano, per cinque anni, fino al 2009. Finito il suo mandato, ho cominciato a lavorare come lobbista per un’organizzazione internazionale con sede a Parigi […] che nasce come progetto della fondazione Léopold Mayer per lo sviluppo dell’uomo e che poi si è costituita associazione. Adesso, da un anno, mi occupo dei loro rapporti con le istituzioni europee a Bruxelles.

  • 29 Aberdeen, Scozia cit.

46Negli ambienti elitari delle università si assiste a una segmentazione etnica del mercato del lavoro, la biologa FGB29 ci dice che ad Aberdeen l’ambiente di lavoro è formato da stranieri, perché gli autoctoni hanno migliori prospettive lavorative nel privato, perlomeno fino alla crisi:

C’erano moltissimi stranieri, italiani e spagnoli soprattutto, sia a Dundee che a Edimburgo: anche portoghesi, greci, francesi e tedeschi, poi c’erano inglesi e scozzesi, ma meno. Ora con la crisi le cose sono un po’ cambiate, ma nello scenario pre-crisi i britannici non erano tanti. C’era anche la possibilità di lavorare in industria, nel bio-tech, e i britannici lo preferivano; quindi a livello di ricerca accademica c’era un livello più alto di stranieri. Con la crisi, invece, anche i britannici, siccome è difficile trovare lavoro nelle compagnie, si sono buttati sull’università.

  • 30 12.12.2012, Lagos, Nigeria.

47MLF30, 31 anni, Napoli, account per aziende italiane, è giunto in Nigeria, a Lagos per motivi di lavoro da quasi quattro anni; ci spiega così le ragioni delle sue migrazioni multiple:

È successo che io lavoravo in una banca privata a Barcellona, nella situazione del 2008, dove diciamo che la crisi economica si faceva già abbastanza sentire e anche la crisi per una questione personale: lavoravo in una banca privata e non essendo sicuro al 100% di voler vivere tutta la mia vita a Barcellona, pensavo che se avessi iniziato a costruire qualcosa, se poi avessi voluto cambiare paese mi sarei portato con me questo mio progetto personale, mentre lavorando in una banca privata, chiaramente se cambi città o paese, i clienti che ti sei creato, te li devi ricreare da zero. Quindi ho deciso di cambiare, tramite un mio amico che faceva delle interviste di lavoro per una società che si occupa di fare reportage economici in paesi in via di sviluppo, mi ha incuriosito molto questa cosa. L’ho incontrato a Barcellona a settembre, a gennaio ho fatto un colloquio con questa società spagnola e, niente, mi hanno preso e a marzo mi hanno dato il primo incarico a Lagos, in Nigeria. Si parla di marzo 2009 […] la società ti manda a fare un reportage economico che può durare dai tre ai sei mesi e dopodiché finisci quel progetto e ti mandano in un paese nuovo, quindi comunque vivi con le valige in mano, diciamo, non hai una base fissa. Nel caso mio, io sono rimasto in Nigeria perché è stato un po’ deciso dal fato, io dico sempre così. Sono arrivato qui a marzo 2009, a luglio 2009 ho finito il progetto e mi hanno mandato a fare un mese a Malta. Finito il mese di agosto di lavoro a Malta, la mia direttrice mi ha richiamato in Nigeria, per finire il progetto che avevamo iniziato insieme: sono tornato in Nigeria il 18 settembre e ho lavorato a quel progetto Fortune Magazine fino al 18 ottobre, quando mi avrebbero dovuto mandare in un altro paese. La mia società però mi ha contattato dicendo che volevano fare un progetto in Nigeria con Der Spiegel in tedesco e, parlando io il tedesco, mi hanno chiesto di rimanere in Nigeria almeno fino a Natale, per iniziare questo progetto con almeno una persona che parlasse la lingua del magazine. Io ho accettato e mi sono trasferito ad Abuja con la stessa società, però con un progetto diverso, con un magazine diverso Der Spiegel; avevamo combinato che io rimanessi con loro fino a dicembre, però chiaramente, avendo iniziato il progetto, io lo volevo finire. Sarei dovuto rimanere in Nigeria fino a dicembre questo progetto si è allungato fino a marzo 2010, e quando è finito e la società mi ha chiesto di lasciare la Nigeria, io ho deciso di lasciare la società e di rimanere qui. […] qui, ho iniziato a valutare quali potessero essere le opzioni: la mia idea fin dall’inizio era quella di usare comunque i contatti che avevo creato facendo questo lavoro per facilitare gli investitori stranieri a entrare nel mercato nigeriano, però il problema è che la vita in Nigeria è molto cara e avevo bisogno di più contatti e più tempo. A questo punto, ad aprile, sono andato a Madrid e mi sono fatto assumere da un’altra società, che faceva praticamente la stessa cosa della società che mi aveva mandato in Nigeria, sfruttando il know how che io avevo acquisito in questo paese. Quindi ho fatto un progetto con questa società da aprile a settembre, stesso excursus, e quando a settembre è finito e questa società mi ha chiesto di continuare con loro, io ho fatto la stessa cosa che avevo fatto con l’altra, li ho lasciati e sono rimasto in Nigeria. Per una serie di coincidenze e di fortune mi ha contattato una società sudafricana, che ha un magazine africano (non più un magazine internazionale), per essere il loro regional manager per il West Africa con base a Lagos. […] da un punto di vista pratico il lavoro è questo: si crea un reportage su un paese e il reportage è combinato da una parte editoriale e una parte pubblicitaria chiaramente; il team di solito è formato da due o tre persone e di quelle, l’uomo si occupa della parte giornalistica-editoriale e le donne della parte advertising, delle pubblicità in relazione alla parte giornalistica che si sta sviluppando. Il mio lavoro era quello di andare nelle società di interesse e intervistare gli amministratori delegati, piuttosto che i ministri, piuttosto che i governatori: diciamo personaggi di rilievo economico per il paese.

48Ci descrive poi la complessità della realtà nigeriana

Diciamo che la Nigeria è un paese emergente, è un paese che a livello economico potrebbe essere tra le prime cinque o dieci economie al mondo, purtroppo ci sono dei problemi culturali e dei problemi di corruzione molto presenti. […]

A parte il livello petrolifero dove troviamo tutte le società mondiali, il paese si sta sviluppando anche molto nel settore dell’agricoltura, dell’energia alternativa, delle telecomunicazioni. La Nigeria comunque fa 160.000.000 di abitanti con una ricchezza chiaramente divisa in maniera completamente diseguale, però comunque 160.000.000 di abitanti sono una forza economica già solo di per sè. Quindi ci sono comunque interessi di tutto il mondo in questo paese, il problema è che se uno entra a lavorare qui, è molto complicato, uno perché è molto corrotto e due perché comunque è un paese che ha un modo di funzionare tutto suo. Ci sono più di 260 tribù messe insieme, più di 260 lingue diverse, e ci sono varie religioni a confronto, e insomma, diciamo che è una complessa situazione geopolitica. Per questo capitano anche vari scontri al nord tra musulmani e cristiani e si creano situazioni politiche complicate che di base si legano tutte quante a un sistema politico corrotto fino all’osso. […] Ho lavorato per questa società sudafricana da ottobre del 2010 fino a maggio del 2011. Poi mi sono messo in proprio. Da maggio 2011 fino a settembre 2011 ho fatto un po’ un riepilogo dei contatti e delle situazioni che si potevano creare, sono stato in Europa per tutta l’estate cercando società che potessi rappresentare per venire a lavorare qui e da dicembre 2011, quindi un anno a questa parte, ho aperto la mia società. […] non ho un guadagno netto al mese perché la maggior parte dei lavori che faccio sono su commissione. Ti posso dire più o meno in questo primo anno lavorativo, che comunque è un anno di start up per la società e tutto quanto, mediamente sono riuscito a guadagnare 50-60.000 dollari, e a livello di spesa ho superato gli 80-90.000 dollari.

49MLF si definisce «un expat,  –  non in senso economico  –  non godo dei privilegi degli expat […] Un expat che viene assunto per andare a lavorare in Nigeria, vive molto bene, nel senso che per una paga media di un expat in Nigeria si parla dagli 8.000 ai 15.000 euro al mese, casa, driver, spese pagate, spese di scuola per i figli; cioè insomma, c’è un pacchetto economico molto molto notevole».

50Gli chiediamo se nella sua decisione di lasciare Barcellona avesse influito la crisi:

Sì, sì: hanno fatto dei tagli nel periodo in cui stavo lavorando là, dei tagli lavorativi in banca e io ero appena arrivato e chiaramente, insomma, essendo uno dei nuovi e un non spagnolo in Catalogna, che comunque è una regione abbastanza chiusa di mentalità, diciamo che il «mio posto di lavoro sarebbe stato parecchio in pericolo», sarei stato tra quelli diciamo quotati. Ero riuscito a saltare il primo giro dei licenziati, mentre al secondo o al terzo sarei saltato pure io.

  • 31 31.10.2012, Copenaghen, Danimarca.

51MSB31, 35 anni nato a Crema, professore associato di economia, laurea presso la Bocconi di Milano, ha peregrinato per l’Europa: «2002-2003 Barcellona, 2003-2004 pendolare tra Milano e Roma, dal 2004 al 2007 Berlino, 2007 pendolare tra Berlino e Copenaghen. Dal 2008 al 2009 a Berlino e dal 2009 fino ad adesso a Copenaghen». Non ha fatto l’Erasmus perché:

Frequentando la Bocconi, molto spesso andare in Erasmus era visto come sinonimo di cercare esami facili, almeno i docenti che ho incontrato erano abbastanza negativi riguardo l’esperienza all’estero. Mi ricordo che c’era un esame, econometria, che era abbastanza difficile e tutti tentavano di scappare per evitare di fare quell’esame lì, quindi andare all’estero era un cattivo segnale. Per questo non ho mai avuto neanche l’idea di andare all’estero.

52Parte per fare un master su consiglio dal relatore e perché l’esperienza a Roma gli aveva fatto capire che forse era meglio andare all’estero.

col dottorato non è che puoi… A parte che ho sempre mantenuto anche un corso in Bocconi, che tengo tuttora, quindi ho sempre avuto l’opportunità di venire qualche settimana o in primavera a insegnare a Milano, però appunto… Diciamo questa è la prima motivazione, lo studio, e poi, la motivazione economica. Cioè, indipendentemente dal fatto di avere motivi personali, cioè la fidanzata qua, gli incentivi economici sono molto più elevati che in Italia.

In Danimarca guadagna sui 4.500 euro al mese e ci dice di non vedere al momento possibilità di ritorno: «con il lavoro che faccio come docente non ci sono posti disponibili, e anche il trattamento economico è molto basso, mi troverei a far la fame a essere onesto».

  • 32 18.12.2012, Filippine.

53MPB,32 37 anni, nato a Pinerolo (TO), rivela le complessità che possono insorgere nel lavoro di volontariato:

nel 2007, ho fatto una scelta che è un po’ stata, da una parte, quella di trovare un lavoro diverso, sempre nel mio campo però fuori dall’Italia, quindi all’estero. Questo non perché in Italia non mi trovassi bene, semplicemente perché il mio lavoro non mi ha mai permesso di fare, come dire, una vita normale e tranquilla. Nel senso che lo stipendio è sempre stato molto risicato. Non dico che avendo fatto la scelta di andare via le cose siano cambiate in meglio: sono cambiate nel senso che nei posti dove ho trovato lavoro e con le persone con le quali mi son trovato a lavorare mi è stato garantito un mantenimento base, cioè vitto e alloggio e uno stipendio […]

ero arrivato a un punto dove avevo tre lavori e non ce la facevo più, lavoravo e basta. Ho avuto la fortuna di fare un colloquio con una associazione che mi ha mandato a Capo Verde per un progetto che doveva in realtà sviluppare dei centri aggregativi giovanili con dei ragazzi capoverdiani nelle periferie di Mindelo, sull’isola di Sao Vicente, e fare a anche un’operazione di tipo educativo di strada.

Dopo Capo Verde sono tornato in Italia per un periodo perché avevo scazzato con questi frati, e mi son messo a lavorare come educatore di strada con immigrati stranieri per tre mesi. Però ero un po’ saturo, diciamo: prima di partire per Capo Verde mi ero fatto quegli otto-nove anni con disabili gravi, minori e tutta una serie di cose… Quindi son partito tre mesi con dei miei amici per fare l’artista di strada e poi ho trovato lavoro sempre in Italia, per un periodo: mettevo pannelli fotovoltaici. Dopo di che sono ripartito, ho trovato un’associazione di Milano che mi ha accolto per fare il volontario. Io volevo a tutti i costi partire, non c’avevo testa di stare in Italia e ho trovato la possibilità di fare l’educatore in Sud Africa in una casa per bambini rifugiati che arrivavano dall’Angola, dal Botswana, dal Congo e dal Rwanda. Così sono stato un anno e mezzo a Capetown. E lì la storia è stata un po’ diversa. Ho messo subito in chiaro delle cose a livello personale: l’associazione era cattolica di nuovo, quindi, ho dovuto accettare delle cose, ma anche loro hanno dovuto accettare delle cose di me. Loro si son trovati un po’ spiazzati per il fatto che non ero credente e non credevo nel ruolo della Chiesa, però gli erano piaciuti il curriculum e le esperienze, e mi hanno dato carta bianca. La cosa è stata molto interessante perché, anche se c’erano cose che non condividevo, mi hanno permesso di lavorare molto bene con i ragazzini della casa, venticinque tra maschi e femmine. […]

Io ho fatto una battaglia, diciamo che ho rotto un pochino le palle. Probabilmente loro hanno sempre avuto volontari giovanissimi. Quindi avevano la visione del volontario che arriva là pieno di energia e tutto quanto, e che finisce per essere un po’ schiavizzato, almeno secondo il mio punto di vista. […] [Lo stipendio] Diciamo, cos’era, 100 euro al mese. Avevo vitto e alloggio, lì in casa con i miei ragazzi. Lavoravo ventiquattr’ore su ventiquattro sostanzialmente. Poi, come ti dicevo, ho fatto una battaglia per la causa «dei volontari» perché noi, io e un’altra ragazza, lavoravamo in questa casa ventiquattr’ore su ventiquattro, e la cosa mi sembrava un po’ esagerata. In più, dovevi fare di tutto e, calcolando che c’erano degli operatori locali che lavoravano come da noi, stipendiati e tutto, mi son chiesto: come volontario devo venire qua e farmi il mazzo doppio di quelli che son pagati? Questa è stata la battaglia. Sei mesi dopo mi hanno concesso dei weekend liberi e dato delle mansioni un po’ diverse. Mi sono indirizzato a fare di più l’educatore, ho creato un progetto con i ragazzi e ho lasciato un po’ le altre faccende che sono, poi, quelle di routine in una casa. L’esperienza in Sud Africa è durata un anno e mezzo. Poi, prima del terremoto di Haiti, mi avevano chiesto, di andare a occuparmi di un progetto educativo per una missione a Haiti a Port au Prince. Quando ho finito in Sud Africa, a marzo, sono partito per Haiti. Cioè, sono tornato in Italia per un mesetto e poi son partito.

Ad Haiti ho trovato una situazione a dire poco indecente […] nel frattempo c’era stato il terremoto, ha fatto disastri. La missione a quanto pare aveva retto, in quanto le mura sarebbero state costruite a opera di personale italiano. Quindi, lo dico con tanto di orgoglio italiano, la struttura ha tenuto. Prima del terremoto penso ci siano state 5.000 ong a Haiti, dopo il terremoto ne sono arrivate il doppio: si è visto chiaramente come si sono accaniti sui soldi ed è stato molto deludente. Devo dire che è stata la prima volta in cui ho capito che cos’è davvero questo movimento di cooperazione all’interno dei posti come Haiti, che hanno avuto dei seri problemi come il terremoto e quindi morti, colera, eccetera. Mi sono trovato nella situazione in cui i soldi del mio progetto erano arrivati prima di me, circa 30.000 euro, che non è tantissimo ma per Haiti è già molto; però quando sono arrivato io non c’erano già più. Tutto questo perché la gestione di questa missione era in mano a una sola persona, che ha fatto un po’ il bello e il cattivo tempo, e quando io sono arrivato ho dovuto rincorrerla per tutto il tempo per chiedere i soldi del mio progetto. […]

Siamo partiti in due per Haiti, dell’associazione laica [dell’ente religioso], che organizza i progetti all’estero: abbiamo cercato di distaccarci un po’ dal potere dei religiosi e dare una visione diversa, cioè non fare com’è successo per anni a Haiti, dove come missione si considerava solo quella di evangelizzare. Questa è una cosa molto pesante. A me ha colpito molto, devo dire la verità perché mi sembrava di essere tornato indietro di quaranta o cinquant’anni: ‘sti poveracci, che l’unico modo che avevano di sopravvivere era quello di andare in seminario, sono arrivati a un numero di 500 e rotti seminaristi. Forse è il secondo più grande al mondo, come seminario. Ma al di là di questo, devo proprio dirti che mi son trovato male, visto che il progetto era partito con questi presupposti. Io ho cercato di fare del mio meglio, ho creato un’équipe di haitiani che potessero lavorare in strada, e questo mi è stato contestato tantissimo, perché il mio atteggiamento non era quello di evangelizzare, ma di far aprire un po’ le persone, di farle un po’ pensare e quindi di volgere il progetto all’esterno della missione. Per un anno sono state create équipe, fatte attività, e alla fine mi è stato detto che siccome non evangelizzavo i ragazzini, non ero abbastanza cattolico per poter rimanere lì. Non è stata una bella cosa, insomma. Ci sono rimasto malissimo perché non è stato detto chiaramente, è sempre stato un po’ come dire: «ti vogliamo mandare via, ma non te lo diciamo in faccia». È stato un po’ come fare mobbing, ecco, nonostante il progetto funzionasse.

54Gli chiediamo se a Haiti percepiva uno stipendio:

Più o meno, 970 euro al mese. Sì era un buon stipendio per… Oddio, noi in un anno che siamo rimasti a Haiti, ci siamo confrontati con le varie ong che erano lì, onu, Croce Rossa, eccetera… e sono scandalosi, cioè prendono stipendi da 4.000 euro al mese, con i macchinoni e tutto.

Il progetto era un progetto che funzionava: abbiamo iniziato con l’educativa di strada usando una macchina che andava in giro per la città, poi io ho cercato di formare sei ragazzi haitiani abbastanza giovani e con loro abbiamo iniziato ad «agganciare» i ragazzini poveri del quartiere attorno alla missione. Si stava iniziando a capire il potenziale del lavoro in strada, cosa che non era mai stata fatta prima, quindi io ero contento e i ragazzi con cui lavoravo anche, perché stavano facendo per la loro comunità. Ma proprio questa cosa non è piaciuta.

  • 33 9.11.2012, Bahia, Brasile cit.

55MCM33, anche lei nel volontariato e il suo compagno FPB, operatore turistico:

FPB: Io guadagno intorno a 800 reais al mese che corrisponde più o meno a 300 euro, ti devo però dare un dato, che qui il salario cosiddetto minimo è di 620 reais, per cui ecco per farti capire una donna delle pulizie, un muratore, un imbianchino, meno di 620 non si prende e io ne prendo 850 lavorando 8 ore al giorno, eccetera…

MCM: Io dipende, perché, a parte che ho cambiato un’infinità di lavori, qua bisogna mettersi in gioco sempre. Diciamo che in questo momento ho un lavoro fisso con uno stipendio fisso di 1.200 reais, che è intorno a 750 euro.

56Senti ma mi parlavate prima di questi italiani che ci sono lì a Bahia dove si è creata una piccola comunità, sono singole persone che investono, sono tutti legati al turismo, o anche ad altre industrie?

MCM: La prima immigrazione nuova è avvenuta poco prima del 2000 e gli italiani compravano terreni, posadas [taverne], hotel o ristoranti, infatti adesso la maggior parte degli hotel o dei ristoranti è a gestione italiana. Poi col passare del tempo, soprattutto qui a Bahia, ormai le strutture turistiche erano tantissime, noi a Porto Seguro siamo la terza destinazione del Brasile per numero di posti letto, quindi siamo già pieni come hotel e posadas, allora gli italiani costruiscono residence, comprano terreni e costruiscono. Devo dire che costruiscono con le tecniche nostre occidentali, quindi bene, però diciamo che vengono qui a investire nel mattone, cosa che ormai in Italia non si può più fare, e per questo ci sono molti veneti, molti italiani del Nord-Est. Ultimamente è nata un’associazione di italiani, anche se devo dire che ognuno è un po’ per sé; magari poi mia moglie ti vuole spiegare che tipo di italiani ci sono anche qua.

FPB: Secondo me vale la pena di sottolineare che in realtà si ci sono questi palazzinari di cui ti diceva MCM, persone molto in gamba, molto serie, molto preparate che vengono e che impiantano dei business quasi sempre appunto legati all’imprenditoria edilizia, eccetera… però bisogna assolutamente sottolineare che, soprattutto in queste zone (ma come qui ne ho visto tanti nel mondo), ci sono degli italiani che io definisco in modo un po’ brutto, i famosi scappati di casa, che vengono qui, non imparano la lingua, non si integrano minimamente nel tessuto sociale, trafficano sostanze stupefacenti, si fanno le ragazzine per strada e sono dei personaggi veramente da evitare. Lo dico perché purtroppo questa è anche la comunità italiana con cui questo paese tratta.

  • 34 16.07.2013, Pechino, Cina.

57A MAP34, nato a Torino, 26 anni, dottorando in architettura, che ha concluso la specialistica a Pechino, domandiamo se la situazione lavorativa per gli architetti in Cina sia così rosea come la descrivono:

Sì, anche se a mio parere la Cina ha già visto il suo grande periodo di espansione dal punto di vista architettonico e delle costruzioni. Il periodo d’oro dell’architettura in Cina possiamo dire che sia già passato, negli ultimi quindici o dieci anni c’è stato il vero boom e adesso la situazione si sta un po’ assestando e credo sia una cosa positiva perché il ritmo di crescita che ha avuto e le modalità utilizzate e dettate dai tempi strettissimi non erano le migliori sia dal punto di vista della qualità architettonica, sia da quello dell’impatto ambientale, sia proprio per il risultato a cui portavano nel contesto urbano. Durante la mia permanenza lì ho avuto contatti con diverse persone che cercavano lavoro in questo campo e non riuscivano a trovarlo così facilmente come ci si sarebbe aspettato. Spesso si accontentavano di cose che non erano quello che volevano. Il settore in cui ci sono ancora margini di crescita è quello dei beni di esportazione di lusso nel quale possiamo sfruttare il «made in Italy» come leverage per un mercato che in Cina si sta ancora sviluppando in maniera forte, perché c’è tutta una classe alta economicamente molto abbiente che richiede prodotti di origine italiana, dagli alimenti alla moda ai trasporti. In quei campo lì c’è ancora margine di crescita. Però nel campo dell’architettura…

58Gli chiediamo un’impressione sugli italiani che lavorano in Cina:

C’è una maggiore sicurezza, vieni assunto e sei tranquillo che, finché non succedono eventi spiacevoli, quel posto sarà il tuo posto di lavoro a lungo. Questo porta a due conseguenze: la prima è che a volte le persone si siedono sugli allori, anche se sono giovani tra i 23 e i 27 anni, e una volta ottenuto questo posto smettono di darsi da fare sul lavoro perché si sentono sicuri, grazie a dei salari che sono giusti, anche generosi, rispetto all’Italia sicuramente generosi, ma rispetto a quanto dovrebbe essere la retribuzione di un mercato di lavoro bilanciato sono giusti. Poi con il fatto che in Cina la vita costa relativamente poco, si possono mettere da parte dei soldi. E interessante notare come la Cina può esser vissuta in molti modi […]

Per un architetto che ha già passato un periodo di prova ed è inserito in uno studio lo stipendio varia da 1.500 a 2.500 euro al mese però ci sono due particolarità: una il fatto che a Pechino, perché i prezzi di Shanghai sono diversi, con questi soldi si possa vivere bene… poi dipende molto da come uno vive: se in stile cinese, comprando prodotti cinesi ed andando in ristoranti cinesi, questi sono stipendi molto buoni, ma vista la grande quantità di expats e di immigrati in Cina si è creato tutto un mercato di beni e ristoranti per occidentali che hanno dei prezzi proibitivi per il cinese medio e, direi, simili a quelli che abbiamo qui in Europa. Per farti un esempio, mentre in Cina si può fare una cena completa in un ristorante cinese con 2 o 3 euro, se uno decide di andare a mangiare la pizza, scattano subito i prezzi fra 15 e 20 euro. E poi, la seconda cosa che va detta, è che c’è la possibilità di fare carriera in questi studi: mi è capitato di conoscere ragazzi brillanti fra i 25 e i 30 si trovavano già a ricoprire posizioni di rilievo in studi anche importanti in Cina grazie al loro spirito e alla loro capacità. È la situazione opposta a quella di coloro che non si impegnano perché hanno il posto sicuro.

59Com’eri assicurato contro le malattie?

Avevo un’assicurazione privata che si è rivelata essere fondamentale, nel senso che lì la sanità pubblica esiste e funziona bene però le strutture  –  e non tanto le capacità del personale  –  sono carenti. A Pechino stanno facendo passi da gigante, ma comunque sono ancora indietro; devo dire che ho ringraziato il cielo di aver avuto un’assicurazione privata che mi ha permesso di farmi curare in cliniche private e non nell’ospedale pubblico. L’università dà accesso a un’assicurazione pubblica e all’interno dell’università c’è anche un ospedale, buono e tutto, che per cose minori va benissimo; ma se dovessi dare un consiglio a chi va in Cina per periodi lunghi, consiglierei di fare un’assicurazione.

I «pizzaioli»

  • 35 Londra, Regno Unito cit.

60Il settore della ristorazione merita un discorso a parte. Talvolta vi si va a cercare lavoro durante i primi soggiorni di studio all’estero per mantenersi mentre si impara la lingua del paese, come nel caso di MDM35, che inizialmente ha trovato lavoro, dopo aver distribuito decine di curricola, in un ristorante italiano, come aiuto barista, anche se più che altro lavava piatti e faceva le pulizie.

L’ho trovato però son durato due settimane perché la paga era veramente bassa e non mi trovavo bene con il manager del posto, finché è arrivato un giorno che ho conosciuto una ragazza che poi è venuta a vivere nella casa dove io e Lorenzo abitavamo e mi ha dato il contatto di questo altro ristorante italiano, ristorante un po’ più serio perché fa parte di una compagnia di ristoranti londinesi: hanno tre ristoranti qua a Londra, più uno a Bray, in una località a cinquanta minuti di treno da Londra. Ho iniziato a lavorare lì e quello è stato il mio lavoro per un anno, anno e mezzo: ho iniziato come cameriere finché gli ultimi sei mesi ricoprivo la carica di supervisor, diciamo responsabile quando la manager e l’assistant manager erano assenti, off. Dovevo controllare la sala. […]

lavoravo come cameriere, son stato qua un anno e mezzo e ho imparato tantissime cose, calcola io non avevo mai lavorato come cameriere in Italia quindi è stato per me una cosa nuova, una cosa assolutamente positiva, ho imparato tante cose riguardanti il cibo e il vino, stando soprattutto in sala. E poi con la lingua il rapporto coi clienti in lingua inglese mi ha risolto tantissimo, fino a che dopo questa esperienza di un anno e mezzo in cui mi sono divertito e ho messo dei soldi da parte, sono arrivato al punto di domandarmi: «e adesso cosa voglio fare? Perché sinceramente il cameriere non è il lavoro che vorrei fare da grande». Quindi sono arrivato a ‘sto punto e mi son detto: «ok, bella esperienza, stai imparando l’inglese…». Però volevo fare qualcosa di più concreto, perché comunque più il tempo passava, più nella mia testa l’idea di ritornare in Italia si allontanava; quindi ho iniziato a cercare, tramite siti o anche andando a parlare con vari istituti, di iniziare un corso universitario qua a Londra, dello stesso ramo che avrei voluto fare in Italia, il ramo turistico. È quello che tuttora sto facendo: sono al mio secondo anno, studio alla Greenwich School of Management, in un corso che si chiama Business and Management with Travel and Tourism, in italiano sarebbe forse Gestione dell’impresa sul ramo turistico… Mi sto trovando bene, sono convintissimo della scelta che ho fatto, soprattutto quella di aver iniziato a studiare qui invece che in Italia: penso che in futuro questa scelta mi possa portare parecchie soddisfazioni soprattutto a livello lavorativo.

  • 36 Bucarest, Romania cit.

61La ristorazione può anche essere una scelta lavorativa primaria, come testimoniano gli chef MMC e MMR36, che vanno a Bucarest, Romania, per la start up di un ristorante italiano, anche se scoprono ben presto che a volte le condizioni lavorative non sono dissimili da quelle italiane:

gli manca forse questa mentalità europea […] io a Londra ho trovato un’organizzazione quasi maniacale, iperburocratica: ognuno ha i suoi compiti e le sue mansioni. Qui invece è un po’ all’italiana, ognuno deve fare un po’ di tutto, e poi hanno dei ritmi completamente… e zero fiscalità: quando è una cosa di famiglia ancora uno dice «va bene», è il ritmo mediterraneo, ma quando si tratta di un’azienda di profitti, di soldi, non dico che l’imprenditore debba essere dalle sei di mattina sul pezzo, però quando hai 10 o 12 persone sotto, soprattutto in uno start-up, l’imprenditore deve essere un po’ più presente, mentre qui fanno un po’ tutto, come si dice a Bergamo, «alla carlona», come succede succede. Mancano le cose, ci si arrangia, non è un problema. Idem con il salario, non c’è niente di prestabilito, il giorno di paga non è fisso, è tutto un po’ così. Poi forse nelle grandi catene è un po’ diverso…

  • 37 25.11.2009, Dubai, Emirati Arabi.

62Nell’ambiente esotico emerge la funzione dei ristoranti e locali a gestione italiana per affrontare lo spaesamento che spesso coglie i glomigrants, secondo la testimonianza di MMB37, 30 anni, di Milano, responsabile estero d’azienda che ci dice che in Cina:

Quando sono andato io, supermercati che avessero cibi occidentali ce n’erano pochi, ma per fortuna c’erano dei ristoranti italiani, per cui dal punto di vista culinario alla fine mi ha salvato. Considera che comunque io sono abbastanza aperto per cui ho provato tutti i cibi possibili cinesi e tutto il resto, certo dopo 2 o 3 mesi uno è anche stufo di provare involtini piuttosto che altri cibi loro, ecco. Io poi tra l’altro non stavo solo a Shangai, ma giravo parecchio per cui poter tornare in un ambiente un po’ più familiare la sera o magari dopo 2 o 3 giorni di viaggio era sicuramente un po’ più rassicurante.

  • 38 Berlino, Germania cit.

63MAX38:

Ho due lavori, tutti e due in nero. Sto lavorando in un ristorante su Kurfuerstendamm e sto aiutando un ragazzo disabile tipo servizio civile… vado da lui quattro volte la settimana, mi curo di lui. Un mio amico, un ragazzo tedesco che aveva fatto servizio civile mi disse, io avevo bisogno di lavoro, di soldi: «guarda abbiamo bisogno di assistenti, in particolare per questo ragazzo». Io mi sono presentato e adesso sono con lui da due mesi. […] al ristorante lavoro in nero perché sono come sono… io non chiedo neanche di essere messo in regola perché fondamentalmente non vogliono che io sia in regola. Come ho detto, non gli conviene. Quando posso lavoro in regola perché conviene a me prima di tutto, però sai uno piglia quello che piglia, si deve arrangiare. Io adesso sto cercando di tirare su un pochino di soldi… avevo questa bella idea di iscrivermi all’università con Federico a luglio, però non ha funzionato e adesso a settembre l’idea è quella di iscriversi. Però devo mettere da parte un po’ di soldi. […] Lavoro lì in media quattro volte la settimana e mi pagano quotidianamente. Piglio cinquanta, sessanta euro scarsi al giorno… al mese guadagnerò in nero 700-750 euro al mese. Calcolando solo il ristorante. Calcolando anche l’altro lavoro arrivo a mille euro al mese… solamente però da un mese e mezzo a questa parte. Lavoro in questo ristorante da due mesi e lavoro con il disabile da un mese e mezzo.

  • 39 Sui rapporti tra vecchi en nuovi migranti si veda «Pavoni e camaleonti», cit.

64I ristoranti, le pizzerie, e i locali italiani costituiscono uno dei pochi luoghi di contatto tra vecchie e nuove migrazioni39. MAX lavora in un ambiente italiano e commenta:

Purtroppo lì c’è quella mentalità dove se tu non sei il cosiddetto cameriere, sei un ragazzo fresco che non ha molte esperienze, tendono a sfruttarti, a pagarti il meno possibile. Inoltre le persone con le quali lavoro non sono nemmeno miei pari. Hanno un’età molto avanzata rispetto alla mia. Vivono qua a Berlino da una vita, sono i cosiddetti Gastarbeiter classici.

  • 40 Il testo riportato non ha subito interventi redazionali, ma per salvaguardare la privacy, abbiamo t (...)

65Uno stralcio preso da «Italiani a Monaco», un gruppo di discussione su Facebook (giugno 2013)40 può servire a illustrare le dinamiche «etniche» all’interno del settore della ristorazione «italiana» all’estero:

MAC: Che tristezza! Ora posso parlare per esperienza personale: x un lavoro STATE LONTANI DALLE CUCINE DEi RISTORANTI ITALIANI. totalmente sottopagati.tante pretese per nulla in cambio. Ultima offerta (come spuler, anche se poi ti fan fare tutto,compreso tagliare le piante del giardino) 1000 euro per 252 ore mensili. 6 giorni lavorativi a settimana,10 ore e mezzo al giorno..3,90 euro all’ora!!!!!! Uno schifo inaudito -.-

FMK: Scusate x gli errori..grrr

MAC: Nessun problema […] E si avevo bisogbo di scriverlo e di sfogarmi..è proprio una vergogna..

MGG: MAC. tieni duro.. e spera di trovare occupazione presso tedeschi, anche alcuni turchi o greci sono molto più onesti degli italiani

MAC: Grazie g.. . La mia ragazza lavora per un turco e quantomeno la paga base la prende..

MGG: guarda i turchi sono meglio degli italiani,ti danno tutto quello che dice la legge!

MGG io vorrei venire sù,ma ho rifiutato molti lavori in ristoranti italiani,preferisco in una menza azientale ma tedeschi

MAC: Ti capisco.. Da domani riprendo a cercare lavoro..vediamo cosa salta fuori..

MGG: parli tedeso?

MAC: Un pochino.. Ho fatto il corso A1 presso la scuola pubblica..quello è il mio problema..la lingua non la padroneggio bene… . Parlo inglese pero..

FMB: Grazie MAC […].lo sospettavo ma non sapevo se fosse davvero così[…].che schifo, che vergogna […].

MVR: Italiani a Monaco

Ciao ragazzi sono MVR un ragazzo siciliano che vive a monaco da 4 mesi.

Lavoro in un ristorante Italiano gestito da tedeschi e vi posso dire che mi trovo magnificamente bene[…] gli italiani ci sono ovviamente e sono molto simpatici.

Il consiglio che vi posso dare è di cercare ristoranti Italiani ma di fare bene attenzione a che gestisce l’impresa[…] se è tedesco è molto meglio

MAC: Eh si.. Lo dicono in molti che sia meglio.. Ma orari/paga?te li posso chiedere??

MGG: non sò esattamente quanto,mà un ragazzo e andato a lavorare da A: Hotel in scutzenstrasse,tramite agenzia,e lavora 8 ore per 6 giorni a settimana e guadagna 2200 euro al mese!

MVR: Io lavoro 8 ore al giorno 5 giorni su 7 […] la paga va oltre i mille ma non voglio sbilancirmi[…]ma considerando che sono nuovo del settore e che l’ambiente di lavoro è stupendo,va piú che bene

MGG: io parlavo di un cuoco con esperienza! io infatti voglio venire a monaco ma non voglio lavorare per italiani,io faccio il cuoco da 20anni

MAC: Uoooo 2200 mi sembra tanto!!anke troppo!! Io intendo un classico contratto spuler.. No ecco MVR secondo me parla di un contratto corretto come rapporto ore lavorate/guadagno..

MGG: 2200 si parla di un vero cuoco,spuler intorno 1300,1400 incluso il vitto

MGG: chi lavora a NORDSEE prende intorno ai 1500

MAC: ok ok!!!! Scusa non mi si era ancora aggiornato..si si sono guadagni che mi risultano corretti!! Cuoco oltre i 2000 è più che giusto!! E infatti..1300 andrebbero più che bene.. Il problema è trovare chi ti da quei soldi[…]gli italiani neanche alla lontana proprio.. O se ci arrivi è perche fai il doppio delle ore..

MGG: ma tu non andare dai italiani,chiedi in birrerie, imbiss, ristoranti teddeschi,vedrai trovi

FM.L: Buono Nordsee!!!!!!

4.2.3. Plurilinguismo e intraprendenza

66I glomigrants hanno una conoscenza di più lingue straniere che spesso parte dal periodo scolastico, incoraggiata dalle famiglie, ma anche frutto di scelte personali autonome durante la maggior età. La maggioranza ha avuto esperienze all’estero attraverso Erasmus, altri o hanno avuto esperienze migratorie familiari, o sono stati aiutati dalla famiglia a passare periodi di studio all’estero durante il liceo, o a studiare in scuole straniere per apprendere bene una lingua: sostegno familiare quindi o per esperienza di mobilità o per incoraggiamento.

  • 41 Lagos, Nigeria, cit.

67MLF41 ha vissuto in Austria e Germania, dove ha fatto l’Erasmus, poi in Spagna e in Nigeria per motivi di lavoro. Ha fatto la seconda liceo a Vienna: «una scelta dei miei genitori che mi hanno voluto far approfondire lo studio della lingua tedesca, facendo la seconda liceo in Austria».

  • 42 Dubai, Emirati Arabi cit.

68Anche MMB42 è stato incoraggiato dalla famiglia:

la mamma però ha sempre avuto la passione delle lingue da quando era bambina, per cui era andata, mi sembra quando aveva 15-14 anni, in un collegio in cui aveva studiato lingue e, avendo trovato poi lavoro quasi sempre grazie alle conoscenze linguistiche, pensava fosse importante. In realtà, dal punto di vista strettamente pratico, a Milano c’erano pochi asili, per cui tra scegliere un asilo privato convenzionale o uno come poteva essere quello della scuola tedesca, ha fatto un sacrificio in più e mi ha mandato alla scuola tedesca.

[…] dove ho frequentato dall’asilo alla maturità, per cui da lì in poi è sempre stato molto forte il desiderio di vivere esperienze all’estero, non tanto magari quello di lavorare, ma quello di andare all’estero spesso. Finita l’università Bocconi, ho fatto 2 stage a Francoforte,

  • 43 Pechino, Cina, cit.

69MAP43 parla correntemente inglese e francese, ha una conoscenza superficiale dello spagnolo parlato e alcuni rudimenti del tedesco, studiato a scuola, ma mai praticato, e di mandarino. Ci racconta il suo iter:

Ho sempre vissuto a Torino, a parte un periodo brevissimo in Canada di qualche mese quando avevo otto anni, e poi ho frequentato un liceo linguistico che mi ha permesso di entrare in contatto con diverse realtà a livello europeo. Infatti all’età di 17 anni ho trascorso sei mesi a Bruxelles in un liceo europeo, esperienza da cui è nata la mia passione per le lingue. Dopodiché mi sono iscritto alla Facoltà di Architettura, durante la quale nei primi anni non ho fatto nessuna esperienza all’estero, né Erasmus né niente, ma ho deciso di svolgere la mia tesi triennale in Africa Subsahariana, dove sono andato un mese in maniera autonoma, in Burkina Faso, nella città di Ouagadougou, per studiare quali fossero le caratteristiche dell’architettura e dello sviluppo urbano in quel contesto. Poi sono tornato, mi sono iscritto alla magistrale e il primo anno della magistrale mi si è presentata questa opportunità di andare in Cina grazie a una borsa di studio offerta dall’Università cinese per due anni per svolgere un master che mi avrebbe consentito di avere un titolo di doppia laurea tra Politecnico di Torino e la Tsinghua University di Pechino, che è la principale università cinese per quanto riguarda le materie scientifico-tecnologiche e quindi anche per l’architettura. Quest’esperienza si è conclusa con sei mesi di anticipo, quindi dopo un anno e mezzo, perché sono riuscito a restringere i tempi, cosa che volevo ottenere per avere la possibilità di accedere al dottorato qui in Italia. […]

Durante la mia permanenza in Cina ho avuto modo di imparare le basi del mandarino, una lingua estremamente interessante, che però non ho potuto studiare per raggiungere un livello soddisfacente. Ho frequentato dei corsi di poche ore alla settimana durante i quali ho perfezionato la lingua parlata, utile nelle conversazione di base, di tutti i giorni, quindi per lo shopping, i ristoranti, i trasporti, fondamentale per potersi muovere nel paese. Ma onestamente non saprei sostenere una conversazione in cinese.

  • 44 2010, Belgio, Bruxelles.

70FSB44 32 anni, Mongrando (Biella), funzionario del parlamento Europeo e un master in politiche internazionali a Bruxelles, ci dice di essere stata, dopo la la laurea in giurisprudenza a Pavia:

un po’ in Spagna e negli Stati Uniti, e poi ho vinto uno stage qui. Una volta laureata, sono andata subito in Spagna per imparare lo spagnolo, tre mesi, perché stavo aspettando una risposta dagli Stati Uniti per andare a fare uno stage per cui mia mamma mi ha detto: « Per stare a casa e andare a fare la commessa, vai a impararti lo spagnolo che ti serve di più». E così ho fatto, sono andata a Pamplona per tre mesi, poi sono partita per gli Stati Uniti per sette mesi e poi sono tornata e due mesi dopo ero a Bruxelles. Proprio due settimane prima di tornare dagli Stati Uniti, ho ricevuto la risposta che mi avevano accettato allo stage qua in Parlamento… Volevo lavorare in un’organizzazione internazionale e qui ho avuto fortuna e sono rimasta. Ho appena vinto un concorso e ho iniziato una settimana fa a lavorare alla commissione industria del Parlamento europeo come giurista linguista con un contratto a tempo indeterminato.

  • 45 25.06.2013, Bruxelles, Belgio.

71MMG45 24 anni, nato a Pescara, dopo il diploma si prende un anno sabbatico e va in Inghilterra a fare il cameriere «per muovere i primi passi all’estero» e intanto impara l’inglese. Al ritorno si iscrive alla Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Bologna. Va ad Amsterdam per l’Erasmus e dopo la laurea triennale, nel novembre del 2012, si trasferisce a Bruxelles per un Master in Scienze del lavoro.

  • 46 Tucson, Arizona cit.

72I tratti che accomunano i glomigrant sono l’intraprendenza e il coraggio. FCL46, 28 anni, di Milano, dottoranda in studi internazionali, con esperienze all’estero autofinanziate attraverso «lavoretti», prima della Fulbright a Tucson era andata a studiare arabo in Siria, presso l’università di Damasco, poi nel 2007, nel 2009 e nel 2011 era stata a Il Cairo per studiare sia l’arabo classico che l’arabo dialettale.

Ho iniziato a studiare arabo nel 2003, nella triennale. Nel 2005 sono andata in Siria, presso l’università di Damasco, e ho studiato lì per un mese in estate ed è stata un’esperienza molto bella, perché il paese è molto interessante, poi da Damasco ti puoi facilmente spostare verso il Libano e la Giordania, quindi ho viaggiato anche molto, con delle mie compagne di università, delle mie amiche. Poi nel 2007, nel 2009 e nel 2011 sono andata invece a Il Cairo, dove ho studiato sia l’arabo classico che l’arabo dialettale, perché nel mondo arabofono c’è una forte diglossia, quindi non è sufficiente studiare l’uno o l’altro, devi conoscere entrambe le varietà della lingua.

  • 47 22.02.2013, Montreal, Canada.

73FLM47, 34 anni, nata a Torino, cooperante e psicologa, emigrata in Canada a Montreal. Un’esperienza Erasmus in Olanda le svela un nuovo mondo che descrive con ironia:

Tanto per cominciare, il primo giorno entro nella mia prima classe, ci saranno state circa quaranta persone, e io e altri quattro o cinque, esagerando potrei dire dieci, eravamo Erasmus: il prof. entra e dice agli studenti che questo corso si sarebbe tenuto in inglese perché c’erano degli studenti Erasmus. Nessuno fa una piega, e da quel giorno in poi il corso si è tenuto in inglese per tre mesi. In Olanda ho scoperto delle cose incredibili: che non è normale studiare sul libro che ha scritto il tuo professore […]; che non è normale fare un esame di psicologia e studiare solo Freud, perché si sa che Torino è una facoltà un po’ conservatrice come molte altre in Italia, e non studiavamo neanche Freud ma le interpretazioni di Freud scritte da questo o quest’altro professore, tutti di Torino, tutti amici fra loro e che abitano a due passi dall’Università e fuori dall’Ateneo non credo si interfaccino in maniera profonda con la comunità scientifica. Così a ventitre o ventiquattro anni mi trovo a scoprire l’acqua calda, e non che non fossi mai stata all’estero prima, anche se è vero che l’Olanda è un caso un po’ speciale.

74Torna a Torino e due mesi dopo la laurea si iscrive all’Istituto di Studi Politici Internazionali (ispi), perché interessata al mondo della cooperazione internazionale, da lì riesce a trovare un lavoro in Palestina al Torture Rehabilitation Centre.

In Palestina sto tre mesi, poi non mi rinnovano il visto, quindi mi trovo più o meno in esilio in Giordania, dove sto un mese cercando di rientrare in Palestina, ma non c’è stato verso. […]

Al che rimasi in Giordania un mese, cercando lavoro, ma non riuscii a infilarmi; la mia organizzazione nel frattempo, era il 2006 ed era finita la guerra in Libano, aveva messo su una piccola missione di distribuzione di relief items, e così mi proposi di andare io in Libano ed occuparmene. Feci questo viaggio assurdo, da sola, da Hamman attraverso Damasco fino a Beirut, dove stetti due settimane partecipando alla distribuzione di questi elementi di base per la sopravvivenza a circa 300 famiglie, come le bombole del gas eccetera. Poi torno in Italia, con la disperazione più totale perché non sapevo come trovare lavoro; pensavo che questa esperienza mi avesse dato qualche punto in più, ma facevo dei colloqui e non succedeva niente, o perché non avevo abbastanza esperienza o perché arrivavo nei posti in cui mi dicevano che non avevano abbastanza finanziamenti. Insomma…

75Tornata in Italia riesce a partire con una ong per il Mali dove resta due anni. Finito anche quel lavoro fa un’application per un Master alla McGill University di Montreal.

  • 48 Dubai, Emirati Arabi cit.

76MMB48, stanco di un lavoro che non gli piace e malpagato coglie l’occasione di un Master per andare in Cina, che accetta più che per il Paese, per fare un’esperienza di lavoro all’estero.

Devo dire che in modo abbastanza imbarazzante non avevo idea di cosa fosse la Cina in quel momento, cioè nel 2006 penso che chiunque volesse andare in Cina perché c’era un forte richiamo e un grosso boom. Sono atterrato un po’ con l’idea di trovare delle risaie con dei contadini con il cappello, mentre invece sono atterrato in una città con una quantità di grattacieli e una quantità di persone veramente pazzesca. La Cina stava cambiando molto per cui ho iniziato a capire subito quanto mi dicevano, «la gente che va in Cina dopo tre mesi non la riconosce», è una frase assolutamente vera, in 3-4 mesi venivano rasi al suolo dei quartieri e iniziati a ricostruire nuovi, quindi l’impatto è stato molto forte.

4.2.4. Identità e integrazione

77La domanda sull’integrazione, intesa come sociale, economica, culturale, trova risposte diverse a seconda dei lavori svolti e dei paesi di insediamento.

  • 49 Lagos, Nigeria cit.

78MLF49 riguardo alle sue frequentazioni ci dice:

Bè, diciamo che ultimamente frequento molto nigeriani. È andata per fasi: il primo anno che lavoravo comunque per una società internazionale, c’erano parecchi colleghi internazionali qua, eravamo tutto un gruppo di appunto brasiliani, tedeschi, spagnoli, italiani, americani, eccetera; il secondo anno, ho frequentato molto un gruppo di libanesi e siriani, il mio migliore amico era libanese e mi ha aiutato parecchio durante il secondo anno. Ho lavorato un po’ anche per lui, insomma bazzicavo un po’ con questa minoranza, che è una delle minoranze più rilevanti del paese, libanesi e siriani. Da quando mi sono messo in proprio devo dire che ormai mi sono trovato un gruppo di amici locali, nigeriani, sia amici che clienti perché comunque, alla fine, sono loro quelli che muovono l’economia. Li frequento quindi sia per interessi economici, sia comunque perché, per come sono fatto io, a me piace conoscere il paese dall’interno. Quindi sì, mi reputo un espatriato, ma gli amici miei nigeriani mi reputano un «nigeriano come loro». […]

Mi sento integrato, non direi culturalmente perché comunque la cultura nigeriana ha dei lati che non condivido, però sì, sicuramente, io mi sento integrato in Nigeria, cioè per ora è la mia casa, ci ho passato tre anni e «ci tengo molto a questo paese». Credo molto nella Nigeria anche se purtroppo, come ti dicevo, per la questione della corruzione è molto difficile che le cose cambino a breve.

79Riflette poi sulle sue pluridentità:

Io sono napoletano, napoletano dentro, sempre stato e sempre sarò. Però sono una persona che ovunque sia stata nel mondo mi sono sempre riuscito ad ambientare, in qualunque situazione mi sono trovato. In Spagna mi dicevano che ero l’italiano più spagnolo che c’era, qui mi dicono che sono più nigeriano che italiano, più nigeriano di loro, insomma… cosmopolita. […] sicuramente europeo.

80Berlino viene spesso citata, alla pari di Barcellona e Londra, come una delle mete predilette dei flussi contemporanei. In effetti Berlino ha incominciato ad attirare giovani italiani fin dagli anni novanta cioè ben prima dell’avvento della crisi, dello «spread» e delle difficoltà del mercato del lavoro italiano a fronte di una Germania campionessa d’esportazione con necessità di manodopera straniera.

  • 50 30.08.2006, Berlino, Germania.

81Ad attrarre gli italiani, allora come oggi, era la qualità della vita, ma anche le occasioni formative come spiegava MAZ50, 28 anni nel 2006, citando come motivazione per il suo trasferimento:

studio, ma anche qualità della vita. Conoscevo già un poco Berlino. Quando ho deciso di fare il dottorato all’estero non ho spedito il curriculum a qualsiasi città, ovviamente. Mi sono cercato città dove sapevo che avrei potuto avere una qualità della vita abbastanza buona. Berlino ha prezzi bassi, è una città molto aperta dove uno può vivere senza farsi problemi rispetto alla gente che gli rompe le scatole e vi sono tantissime culture diverse. Penso che la qualità della vita abbia influito per il cinquanta per cento.

  • 51 3.10.2006, Berlino, Germania.

82Anche MPV51, 34 anni, si era avvicinato già negli anni novanta alla capitale per motivi legati alla suo corso di laurea in Architettura per poi ritornarci a distanza di cinque anni con un lavoro.

Ho 34 anni, essendo nato nel 1972. Ho studiato architettura a Milano fino a quando avevo 21 anni… poi avevo voglia di andare via da Milano e avevo già identificato in Berlino la mia città ideale; allora ho trovato il modo di andare a studiare a Berlino e poi mi sono fermato qua per motivi legati anche alla possibilità di lavorare e di non fare il servizio militare in Italia. Sono rimasto 5 anni qui… fino al 2001. Poi nel 2001 mi sono spostato e sono andato in America per due anni per lavoro e poi sono tornato a Milano per diverso tempo. E adesso dopo diversi anni che continuavo a venire su e giù  –  anche perché avevo mantenuto la casa in affitto  –  ho trovato un lavoro. Io sono un architetto. Ho trovato un committente molto magnanimo che ha pensato di incaricarmi di un progetto di architettura a Berlino.

  • 52 2006, Berlino, Germania.

83In quegli anni Berlino nonostante la vita culturale vivace e le molte opportunità presentava un mercato del lavoro in condizioni drammatiche con un tasso di disoccupazione del 17% che nel caso degli italiani superava anche il 30% (Del Pra’, 2006, p. 104). FVD52, 27 anni, aveva scelto Berlino per la qualità della vita:

Lavoro sicuramente no, perché c’è un sacco di disoccupazione pari quasi a Napoli. Famiglia, amori? No, non conoscevo nessuno tranne una mia amica italiana che viveva qui già da molto tempo. Ma… più piacere e qualità della vita.

84Nonostante le difficoltà, gli intervistati mostravano quindi di apprezzare la capitale tedesca che sembrava offrire tutta una serie di vantaggi che l’Italia non era in grado di fornire. Sempre FVD:

Contando che io vengo da una piccola cittadina di provincia, mi dà molto di più a livello culturale, nel senso che ci sono molte manifestazioni, teatro, cinema, mostre. Io in Italia non andavo mai a visitare musei. Qui invece ci vado fisso una o due volte al mese. Poi anche per uscire offre molto, molto di più, puoi veramente essere impegnato dal lunedì alla domenica. Anche se non dovessi lavorare saresti felicissima perché la tua giornata sarebbe piena. E questo anche rispetto a Napoli. Poi la gente è meno provinciale.

Nel senso che puoi andare in giro vestito come vuoi. Qua la gente se ne sbatte, magari non ti vedono neanche per strada. Forse questa cosa mi dà anche un po’ fastidio. L’altro giorno sono caduta in bicicletta e nessuno si è fermato per chiedermi: «oh, ma come stai?». Questo è un po’ negativo, è una grande città quindi la gente è un po’ chiusa nella propria vita. Però in realtà ho vissuto anche a Dusseldorf e non era una città provinciale; però lì le persone erano un po’ più snob mentre qua a Berlino sono un po’ più amichevoli, ti vengono incontro. Sarà per la storia che ha avuto la città, forse. C’è questo Zusammenleben [convivenza]… mi devi scusare ma mi mancano le parole in italiano.

  • 53 30.08.2006, Berlino, Germania

85Numerose sono anche le storie di insuccesso, o le esperienze che testimoniano una grande difficoltà nell’integrarsi nella vita economica e sociale di Berlino. MFZ53, ventiseienne aspirante artista, ma cameriere di professione, ad esempio, non si sentiva culturalmente integrato nella vita della città proprio a causa della precarietà del suo impiego.

Non mi sento «culturalmente integrato». Il fatto è che ho come la sensazione che la categoria degli italiani che lavorano nella gastronomia, nei ristoranti italiani ecc. ti porta ad un altro stile di vita, una cosa parallela. Le persone che ho visto che lavorano nei ristoranti a tempo pieno non hanno tempo, per altro. La maggior parte di queste persone lavora sei, sette giorni la settimana. Orari impossibili… nel senso… io cerco di coltivare i miei interessi e mi accorgo che perdo comunque sempre tantissime cose che so che potrebbero interessarmi, parlo di mostre e altre cose, anche per motivi economici. Il mio è un lavoro spesso precario, lavori per un mese e poi non si sa e quindi non ti sento integrato. È una categoria sfruttata e rimane così.

[…] ho lavorato a Charlottenburg in un ristorante italiano in nero, quaranta euro, dieci ore, tutti i giorni, sette giorni su sette come aiuto cuoco/lavapiatti. Poi diciamo «finto cuoco», riscaldatore a Mitte, in nero, 5,50 euro l’ora… comunque lavorando quasi come cuoco per sei mesi. Poi lavapiatti in un ristorante in nero, solo nei weekend sempre a Mitte per un paio di mesi. Poi consegna a domicilio di giornali per due mesi con contratto mini-job, 5 centesimi a giornale. Ho lavorato per la biennale d’arte come «guardia», anche quello contratto mini-job a 6,50 all’ora. Poi per tre settimane ho lavorato in quattro ristoranti diversi. Stavo cercando lavoro. Lì le paghe erano un pochino migliori, con la promessa di un contratto, cercavano un cuoco ed erano tedeschi.

86Il caso berlinese evidenzia la complessità e molteplicità dei fattori che influenzano il fenomeno delle nuove mobilità: il fatto che la capitale attirasse italiani anche prima della crisi e nonostante l’altissima disoccupazione permette di ragionare sui flussi escludendo fattori di spinta economici.

  • 54 Berlino, Germania cit.

87MAX54, cameriere, alla domanda su chi frequenta, risponde:

La maggior parte tedeschi. Poi ho una amica italiana, ma perlopiù tedeschi. Ho sempre preferito stare con persone del luogo. L’anno scorso quando ho fatto la Volkshochschule ho avuto molti contatti con spagnoli… anche troppi. Comunque, voglio stare con la gente del posto, avere contatto con quelli che ci vivono o che sanno come vanno le cose qui. Non avendo ancora idea di come va in Germania, credo che sia importante avere contatto con i tedeschi. Con i berlinesi no, perché non ne incontro tanti e quelli che incontro con me hanno un rapporto un po’ così. In generale credo che il berlinese sia un po’ schivo, una persona con cui difficilmente puoi avere contatto a lungo termine. I tedeschi che conosco, vivono qua ma non sono berlinesi.

  • 55 Buenos Aires, Argentina cit.

88Le affinità culturali tra Italia e Argentina, dovute a una forte tradizione di migrazioni italiane nel paese, fanno sì che sia facile ambientarvisi, come testimonia FVM55:

Qui in Argentina ho subito capito che era un posto dove si poteva vivere, immediatamente: il cibo mi ha fatto sentire questo. Quando ero stata in Palestina, il cibo era quello che mi aveva fatto soffrire di più, mi ero sentita un’estranea, un’espatriata che mai si può integrare: gli odori della colazione diversa, l’odore del caffé che non era la moca, il cibo completamente diverso, tradizioni completamente diverse, per esempio il fatto che quando dopo una cena servi il caffè è come un segnale e tutti vanno via. All’inizio non lo sapevo e quando gli amici palestinesi mi venivano a trovare io, orgogliosa della moka e del mio caffè che mi portavo in valigia, gli offrivo subito un caffè per cui loro andavano subito via ed io pensavo di essergli antipatica finché ho capito, lá prima si offre il té, se offri il caffè é un segnale per andarsene. Il novanta per cento degli espatriati che io ho conosciuto fuggono dalla noia, hanno una vita che a raccontarla é splendida ma mentre te la raccontano hanno sugli occhi un velo di noia che avevo il terrore di avere anch’io. Qui non mi sento espatriata, faccio la vita di un italiano senza sentirmi estranea, mi sento che vivo in una mescolanza tra Madrid e Milano, piú Milano che Madrid, in un posto dove riconosco gli odori e i sapori e le abitudini sono simili. Qui culturalmente non ho problemi, c’é la brioche al mattino, c’é il «Corriere della Sera», se chiedi un cappuccino o un caffè macchiato non ti guardano male.

  • 56 26.06.2013, Santa Fé, Argentina.

89FCT56, nata Torino, laureanda in Economia, 25 anni, Socrates a Santa Fé, ma prima in Gran Bretagna dove ha lavorato in un fish and chips per imparare l’inglese e in Australia per un mese. A Santa Fe incontra Facundo, un discendente di italiani, che sposerà in Italia qualche anno dopo, sull’integrazione ci dice:

più che altro ho sentito una non integrazione dovuta al fatto di non sapere la lingua oppure dall’avere mille lacune culturali, quindi se uno si mette a parlare anche solo di un telefilm o di un luogo comune io mi sentivo tagliata fuori, e poi, con il mio soprannome… la mia italianità si faceva e si fa sempre sentire. […] la «tana», l’italiana. In realtà era discriminativo al tempo delle grosse immigrazioni, «el tano» deriva da napoletano; adesso è diventato amichevole. Non mi sono mai sentita discriminata, soprattutto grazie alla somiglianza culturale; anche il gergo argentino spesso e volentieri usa delle parole italiane, dal cibo al modo di ridere, di scherzare ed incontrarsi con le persone. C’è una somiglianza proprio nelle relazioni, nel modo di comportarsi, nel parlare, nella logica quotidiana. Mi sono sentita molto più straniera in Australia, a Londra, o in Francia. A volte in Argentina era troppa l’attenzione nei miei confronti, che mi faceva sentire non a mio agio perché volevo esser considerata una persona comune, invece ero sempre l’italiana: «ah l’italiana come sta? Dov’è? Come si trova?». […] All’inizio mi identificavo del tutto come italiana, poi quando uno inizia a parlare un’altra lingua non superficialmente e ci si adatta a un contesto, ci si crea un’altra identità dovuta ai termini che si usano e che sono particolari di quel contesto, quindi dal bagaglio culturale e politico e di istruzione. Inizialmente mi sentivo sicuramente europea e torinese, non ho mai abbandonato né parlato male della mia cultura, sono italiana, è la mia nazionalità, e sono molto affezionata al mio luogo d’origine. Con il tempo, non avendo contatti con italiani lì in Argentina, ho iniziato a crearmi una mia identità argentina, a usare delle terminologie piuttosto che a comportarmi in un altro modo, a usare certe espressioni facciali e fare una battuta come una argentina. Quando torno in Italia, le prime settimane c’è un attimo di shock, nel senso che devo riacquisite i miei comportamenti italiani. […] alcuni miei atteggiamenti sono cambiati, dal modo di vestire, al modo di giudicare gli altri, all’essere più socievole. Della cultura argentina ho cercato di prendere gli aspetti che a me piacevano di più e che io consideravo positivi, cercando di metterli in atto anche qui, e lo stesso con gli atteggiamenti italiani, che non ho abbandonato.

90Ci dice poi di sentirsi più:

Torinese, anche perché ho sempre vissuto a Torino e non ho girato molto in Italia, se non per amicizie in vacanza, e non ho vissuto nelle città universitarie per eccellenza, come Bologna; sono andata al Sud solo una volta in un campeggio. Sono torinese e metà veneta; sono del Nord Italia, anche come comportamenti, come modo di pensare, quindi sono anche un po’ chiusa, non urlo, non sono troppo socievole, sto sulle mie. Un’italiana torinese.

  • 57 Bruxelles, Belgio cit.

91FDS57 sull’integrazione afferma:

c’è un rifiuto da parte mia a identificarmi con la realtà belga, ma non perché la disprezzi, figurati. Non ti so dire se Parigi o Londra sarebbero la stessa cosa, perché non le sto vivendo. Poi sì magari uno dice « il fascino di Parigi, la Ville Lumiere, certo non è quello di Bruxelles», ma io qui ho visto talmente tante persone passare e andarsene nel corso di sedici anni, che mi metto nell’ottica che la stessa cosa potrebbe succedere anche a me. Chissà dove mi porta il destino. Anche se poi, oggettivamente, il fatto di lavorare in un ambiente così internazionale come il Parlamento europeo ti fa sentire un po’ a casa, perché se io devo pensare a un’altra realtà, non riesco a pensarla, e non mi posso sentire a casa dove la casa fisica non ce l’ho, come in Italia. Qui ho una figlia e una vista quotidiana e va bene così, però forse, in fondo a me stessa, non sono pronta ad accettare al 100% che sono un’emigrata a tutti gli effetti, e quindi c’è sempre quella parte di me che dice «ma no, in Italia ci torno, ci torno eccome». È una sorta di autoconvinzione forse perché è inconsciamente difficile accettare questa condizione di emigrata, anche se non ha niente a che vedere con l’emigrazione di cinquanta anni fa, su questo siamo tutti d’accordo. Però sei sempre lontano dalla tua terra e dalle tue origini; per questo quando posso difendo a spada tratta il paese da cui vengo e la mia stessa città. Se vieni di fronte al mio ufficio, c’è un poster gigante di Venaria Reale. Rivendico l’orgoglio […] anche se non sono piemontese al cento per cento: sono nata e cresciuta a Venaria Reale, ma tutta la parte materna della mia famiglia è veneta e per la parte paterna, il nonno paterno è umbro e la nonna paterna piemontese. […] È una sorta di matriosca, un livello dentro l’altro, non c’è uno se non c’è l’altro: io non posso dire io sono piemontese, sono nata in Piemonte, ho vissuto a Torino, ma poi la mia crescita personale e professionale è dovuta al fatto che da lì mi sono spostata, e fossi rimasta sicuramente non avrei una visione europeista, nel senso di sentirmi parte dell’Europa. Mi accontenterei perché forse non avrei visto nient’altro se non la realtà piemontese o venariese. La possibilità di stare all’estero ti dà la possibilità di vivere esperienze che ti arricchiscono e di acquisire una coscienza maggiore di chi sei, da dove arrivi, e dell’opportunità che ti è stata data e che ti sei creata facendo il percorso da dove sei nata fino a qua.

  • 58 Bruxelles, Belgio cit.

92MMG58, Come ti identifichi maggiormente, come italiano, europeo, pescarese, belga? Qual è il tuo rapporto rispetto all’Italia o all’Europa?

Lontano da ogni forma di nazionalismo ti direi italiano, così come europeo: io sinceramente mi trovo meglio con una persona di sinistra belga che con una persona di destra italiana. La mia appartenenza non è territoriale. Se con le istituzioni intendiamo le politiche economiche che stanno perpetrando, ti dico, mi sento distante, però mi rendo conto che c’è l’esigenza di un’unità quanto meno sovranazionale, di tipo un po’ federale, che ci sia un’azione politica comune e non solo monetaria fra paesi.

  • 59 Pechino, Cina cit.

93MAP59 alla domanda sulle identità risponde:

Intanto il fatto di stare in Cina mi ha permesso di riflettere sulle mie radici, sulla mia italianità; ho un’idea ben più definita di prima. Per esempio, nella prima unità di progetto su cui abbiamo lavorato all’università, ci veniva chiesto di proporre una fusione tra un edificio del proprio paese d’appartenenza e un edificio in studio lì a Pechino. Questo ha dato a ognuno la possibilità di riflettere sulle sue radici e confrontarci tra di noi: ho capito cos’è un edificio birmano e uno equadoreño e, proponendo questo edificio italiano ai professori e ai miei compagni, ho capito cosa vuol dire essere italiano e che cos’è l’architettura italiana e mi sono appassionato a temi dell’architettura italiana che non avevo mai pensato di approfondire in Italia, come il rinascimento italiano. Temi interessanti in cui non mi ero mai riconosciuto, mentre stando lì è scattata questa molla. Se dovessi scegliere fra le categorie che hai detto prima, sceglierei decisamente «italiano», più che «piemontese» e «torinese», anche perché i miei genitori non sono piemontesi e ho viaggiato molto in Italia.

Le differenze culturali sono molto diverse all’interno della stessa Europa, fra noi, gli olandesi o gli spagnoli, ci sono differenze evidenti nei modi di approcciare il lavoro o nei rapporti personali. Secondo me, una della caratteristiche che può costituire un vanto per gli italiani, è che tendiamo a sdrammatizzare abbastanza le difficoltà in cui incorriamo, e ce ne sono tantissime, ma allo stesso tempo riusciamo a cavarcela sempre, proprio perché abituati alle cose che non funzionano. All’università in Italia ero abituato alle biblioteche che non avevano i libri o alle strutture senza servizi; mentre alcuni i compagni americani o del Nord Europa, una volta scontratesi con queste carenze, erano molto meno pronti a scendere a compromessi rispetto a noi. E questo aiuta, sempre che si sia consci del fatto che si sta scendendo a compromessi e che si vorrebbe qualcosa di più.

  • 60 Dubai, Emirati Arabi cit.

94MMB60 confronta la sua esperienza cinese con quella dei paesi arabi. In Cina ha frequentato la comunità italiana composta da giovani che studiavano la lingua provenienti dalla Ca’ Foscari, laureati della Bocconi, ingegneri del Politecnico di Milano, giovani business men «mandati un po’ lì a caso da aziende italiane che decidevano di fare una prova. Il professionista esperto costava troppo e allora mandavano da 24 ai 30 anni». La sua esperienza cinese dura due anni e mezzo, interrotta da soggiorni in Italia. Sempre per la stessa ditta italiana si reca poi a Dubai, dove trova un ambiente difficile:

Diciamo che non mi era piaciuta tantissimo però l’occasione lavorativa era sicuramente più interessante e quindi ho accettato questa cosa, fa molto… come dire fa un po’ impressione dire «sei stato a Shangai, sei stato a Dubai». Dubai era una tappa quasi forzata, se ne hai fatto una vuoi provare anche l’altra, perché erano 2 città che 2 o 3 anni fa andavano molto a livello economico. Arrivato qui ho trovato nel giro di 2-3 settimane un ambiente di una noia veramente pazzesca, perché ci sono insiemi di regole e di leggi giuste dal punto di vista della regolamentazione sociale, perché ci sono talmente tante nazionalità qui che se ognuno seguisse le proprie tradizioni, questo posto sarebbe sicuramente esplosivo; però dal punto di vista di un occidentale giovane, magari un attimino alternativo, sicuramente ci sono poche occasioni di divertimento. I locali costano parecchio e non danno quella qualità di intrattenimento che abbiamo in Italia, e lo straniero generalmente che lavora qui ha tra i 30 e i 45 se non addirittura di più, cioè questo è più un posto dove la gente che ha già dei soldi da parte può comprare casa, macchina e fare una vita diversa insomma…

In Cina tutto questo non c’era, era più rustico. Dal punto di vista delle persone mi trovavo meglio in Cina, ecco.

95Rispetto all’integrazione economica ci dice:

Un tedesco guadagna di più, ma anche perché il tedesco fa un lavoro più definito, quindi la ricerca che viene fatta di personale di provenienza tedesca rispetto a quella italiana è molto più forte, cioè la ricerca viene fatta, viene ragionata, la persona riceve un training di un certo tipo in azienda e quando poi finisce all’estero, intanto ha una struttura su cui fare affidamento, ha un ruolo definito ed è un ruolo che si può valutare anche dal punto di vista quantitativo, cioè quanto mi porta questa persona in più o in meno negli affari. L’italiano è veramente più alla «speriamo di far qualcosa», per cui da un lato si può capire che percepisca meno perché non si riesce a quantificare il suo lavoro, magari non è capace, però dall’altro lato il rischio che corre l’azienda italiana è che dopo sei mesi questa persona se ne vada a lavorare per qualcun altro, perché dice «bene, io guadagno talmente poco e ho un’esperienza talmente ampia che cambio». Comunque più che lo stipendio l’importante è contrattare dei benefit: un italiano che risiede all’estero dopo 183 giorni perde l’assistenza medica in Italia, quindi se ti fai male son cavoli tuoi, ed è importante avere l’azienda che paghi l’assistenza medica, sono 6-700 euro, non è un impegno così gravoso per un’azienda, però molte aziende non lo pagano, oppure l’appartamento… a Dubai un appartamento in affitto costava, quando sono arrivato nel 2008, 1.500 euro al mese, e se uno queste cose non le sa e se non è l’azienda a pagargli l’affitto praticamente ci rimette a venire qua. […]

conosco casi di persone che in Cina hanno lavorato, intanto il 90, facciamo l’80 % per essere onesti e tranquilli, lavoravano senza visto; già noi ci lamentiamo dei nostri immigrati clandestini, ma noi italiani all’estero non siamo praticamente mai regolarizzati. […]

In Cina funziona così: se sei italiano tu compri un biglietto aereo e hai un visto da turista di 6 mesi, può capitarti che te lo diano, anche da 1 o da 2 mesi per un’entrata, comunque lo standard era sei da mesi, un visto turistico, questo si otteneva a Milano presentando il biglietto aereo. Oppure si passava Hong Kong dove facevano dei traffici loro per cui uno poteva avere il visto business per 6 mesi. Non era un visto regolare diciamo, non c’era scritto che io lavoravo per l’azienda italiana a […]

Chi aveva il visto lavorativo da Hong Kong, lavorava per una ditta fantasma di Hong Kong in Cina e in realtà lavorava per un’azienda italiana. Io personalmente penso che l’assistenza data dai consolati e dalle ambasciate è minima.

  • 61 Barcellona, Spagna cit.

96MZR61 ci dice di non sentirsi integrato, almeno economicamente, a Madrid:

ancora sopravvivo discretamente con rinunce, l’affitto è caro, anche se in generale la città non è cara per essere una capitale europea, è un po’ più cara di Torino. Però direi «integrato» no, perché le mie scelte sono ancora un po’ limitate, le mie possibilità […] non ho esigenze di benessere, non le ho mai avute, però non reputo di essere ancora a un livello minimo per poter fare dei progetti familiari, eccetera. Quindi no.

97Quando gli chiediamo di fare un raffronto sull’impatto della crisi in Spagna e in Italia osserva:

In Spagna non c’è il risparmio delle famiglie, non c’è una ricchezza accumulata, è molto più giovane la democrazia, la ricchezza, il benessere, quindi la bolla era davvero una bolla, ed è davvero scoppiata. In Italia non c’è mai stata questa bolla, c’è sempre stata una difficoltà anche di più lunga data, però contemporaneamente c’è un benessere che ha una durata più lunga, quindi nonostante in Italia si stia cominciando a intaccare anche il risparmio delle famiglie, che è un serbatoio importante, l’Italia è un po’ più sana, mentre la Spagna davvero ha vissuto su dei guadagni illusori. Io ad esempio, ti dicevo, ho una casa di proprietà in Italia e penso che sia una cosa non così diffusa, però c’è tutto un settore sociale di gente della mia età che ha delle proprietà anche dalle famiglie, eccetera… in Spagna no, i miei coetanei in Spagna non hanno una casa, è veramente raro. Quindi l’Italia può uscirne prima proprio basandosi su un sistema più solido, più forte. Però la Spagna può uscirne meglio, dal momento che la società civile è meno abbattuta su un piano morale-psicologico; l’Italia secondo me è una società civile che davvero è stata compressa, brutalizzata da anni di malgoverno. In Spagna hanno ancora quest’illusione o comunque freschezza di una democrazia più giovane, quindi ci credono ancora nella possibilità di auto organizzarsi, di proporre… appunto può essere un’illusione, però è un’energia che trovo attorno a me, che fa piacere e che trovavo meno in Italia, devo dire.

  • 62 Filippine cit.

98MPB62, emigrato in Brasile, momentaneamente nelle Filippine in attesa della documentazione per sposare la compagna brasiliana, proviene da una famiglia con un’importante tradizione migratoria e riflette sulla sua condizione:

il fatto di vivere da un’altra parte […] non è una scelta […] cioè in qualche modo mi sono dovuto adattare alla mia famiglia: mio padre in passato è emigrato in Inghilterra, poi là ha conosciuto mia madre, quindi si è sposato con lei e poi sono purtroppo tornati in Italia, in Piemonte, e da lì sono iniziati, secondo me, i loro casini. Questo sbaglio ci starò bene attento a rifarlo, ecco, o comunque pondererò meglio se è il caso di ritornare in Italia o meno. Non ti dico che il Brasile, soprattutto San Paolo, sia il posto adatto per me, perché… sono 19.000.000 di persone e la città non è a misura d’uomo, è a misura di macchina, quindi non credo che sia il posto per me. Devo ancora capire dove andare a vivere, non l’ho ancora scoperto. Però per ora non mi preoccupo per il lavoro, perché sono arrivato alla conclusione che in un qualche modo me la cavo dovunque. Un po’ alla vecchia maniera dell’immigrato italiano, che parte e se la cava sempre. […]

fino al 2007 neanche ci pensavo a partire, avevo trovato bene o male un mio «equilibrio» come educatore, quindi riuscivo a sopravvivere e neanche ci pensavo. Poi però, quando mi è stata fatta la proposta: «ma guarda che bello, parto adesso, vado in giro, conosco nuove situazioni con un lavoro per di più, chi se lo aspettava». E poi guardando la mia famiglia, mi sono detto: «i miei genitori sono immigrati, dall’Inghilterra, dalla Svizzera, e la famiglia di mia madre anche, lei ha dei parenti in Argentina. Forse è scritto nel dna, per cui anche dei miei cugini che comunque sono cresciuti e nati in Inghilterra, uno ha iniziato a emigrare, dall’Inghilterra si è spostato in America e adesso vive in Francia».

4.2.5. Le mobilità dei nuovi italiani

  • 63 22.07.2013, Torino, Italia.

99Un fenomeno emergente è quello delle mobilità dei nuovi italiani. I secondos che decidono di lasciare il nostro paese per le scarse opportunità lavorative che offre, ma anche perchè è un paese in cui non sono riusciti a sentirsi a casa a causa delle discriminazioni subite. Riportamo per esteso l’intervista a FMU63, poiché tocca molti punti: guarda agli expat italiani in Cina, agli italiani di origine cinese che sono tornati in Cina, è attiva nell’associazionismo, ci racconta il disagio delle seconde generazioni in Italia ma, più che altro, mette in discussione alcune delle categorie di analisi delle migrazioni contemporanee grazie alle sue competenze, si è laureata con una tesi sulle seconde generazioni cinesi in Italia, e alle sue esperienze personali.

100FMU è una giovane donna di 26 anni, nata a Hu, un paese intorno a Wen Tang, nella provincia di Wen Thou, regione di Zei Chang, Shanghai, e giunta in Italia attraverso un ricongiungimento familiare col padre, in Italia da diversi anni. La prima domanda che le poniamo è se ha la cittadinanza italiana.

No, non la possiedo: avevo iniziato a fare la procedura e, anche se era tutto pronto, all’ultimo l’ho ritirata e non l’ho più richiesta per una questione personale. Anche se, il problema del permesso di soggiorno è pesante, è sempre più un incubo ripetitivo e le cose non migliorano, anzi peggiorano. Alcuni miei amici scelgono di prendersi la cittadinanza italiana, non solo cinesi, ma anche marocchini o peruviani, per togliersi il calvario del rinnovo oppure… come si chiama? La carta di soggiorno… cos’è che si fa? Non il rinnovo, ma… la dichiarazione di aggiornamento, mentre il permesso di soggiorno si rinnova a seconda del contratto di lavoro. Anche se tutti i miei amici mi hanno consigliato di prendere la cittadinanza italiana, anche in Cina, ancora adesso sono incerta di volerla prendere. Uno perché non penso, tra virgolette, di essere italiana, più che altro perché non credo che gli altri mi considerino italiana, per quanto io sia brava a parlare cinese o a conoscere alcuni elementi storici e culturali cinesi. Credo che comunque io non possa essere integralmente un’italiana. E poi anche perché per il momento la Repubblica Popolare Cinese non permette la seconda cittadinanza. Questo è un altro dei crucci dei cittadini cinesi. Ad esempio, i cittadini peruviani o marocchini possono avere la doppia cittadinanza, quindi per loro non è una questione di scelta, ma di levarsi via il problema burocratico e smettere di andare in questura a 28 anni.

101Visto che ne stiamo parlando, volevo toccare la questione identitaria, di come ti senti, come ti identifichi.

Ah sì, mi sono arrivate spesso queste domande, ma io non ho voluto rispondere perché mi sembrano veramente banali, che si sia sempre fossilizzati lì a farti decidere di scegliere chi vuoi essere, invece di chiederti cosa vorresti essere! «Da che parte vuoi stare? Tifi per il Milan o…?» [ride]. Non so nulla del calcio, e pensa che a Shanghai vivevo vicino al grande stadio, vabbé. Fammi altre domande.

102Ti faccio queste domande perché negli studi migratori c’è questo «stare di mezzo», per cui una volta gli italiani che vivevano in Germania dicevano: «ah, quando torno in Italia sono il tedesco, mentre quando sto in Germania sono l’italiano». È chiaro che si fa fatica, che non è molto facile vivere in un altro contesto, lo so perché anche io sono cresciuto in Germania…

Secondo me è proprio questo che continua a bloccare una prospettiva diversa, perché continuano sempre a chiederti chi sei, chi sei oltre a quello che sei qua, e questo non ti permette di evitare di dire «io non sono né italiano, né cinese, né…tedesco», per dire.

103C’è anche chi parla di identità multiple… che potrebbe essere anche quella una soluzione, se ci si sente un po’ italiano, un po’ cinese, un po’ tedesco. Poi chiaramente sta a ciascuno dire «io mi voglio rispecchiare in queste cose».

Sì, però quando ti fanno un’intervista una delle domande principali è sempre quella, quindi proprio il fatto che questa domanda continui a persistere non ti permette di fare un ragionamento diverso. Perché, alla fine, per rispondere a questa domanda ragioni e ti dici: «mi devo dividere in due parti, quanto sono in percentuale italiana e quanto sono cinese?». Io stessa che mi interrogo rimango bloccata in questa idea di dovermi dire «a cena sono italiana e a mezzogiorno sono cinese». E questo non mi permette di pensare a me stessa con altre prospettive, ma devo per forza rintanarmi nella scelta di dividermi a metà. C’è sempre una divisione alla fine… in qualche maniera ti ricomponi, ma ti senti come tagliata in due e non mi sembra giusto.

104Infatti una risposta possibile può esser quella di allargarsi a un’ottica cosmopolita…

Io trovo che questa domanda effettivamente sia proprio brutta.

105Quindi, procediamo: mi hai detto che hai sempre vissuto a Torino tranne un periodo in cui sei stata a Shanghai, giusto?

Sì, sono tornata in Cina non con l’obiettivo di stare a Shanghai. Sicuramente Shanghai è un porto, un incrocio di molte nazionalità, di persone di tutti gli strati sociali e di tutte le diverse culture perché la città, dagli inizi del Novecento, da quando c’è stato il colonialismo, è diventata una zona neutrale, rispetto alle altre città come Pechino, che è molto più cinese nonostante il fatto che sia capitale e che quindi dovrebbe essere una città che accoglie. Shanghai è una porta di ingresso per gli occidentali, se vogliamo dividere il mondo in due, e una porta di uscita per i cinesi.

106Per quanto tempo sei rimasta a Shanghai e per quale motivo?

Cinque mesi, per riprendere a studiare la lingua cinese. Mi sono iscritta all’università di lingue e letterature straniere, la Sisu di Shanghai, che a quanto pare è una delle migliori per quanto riguarda le lingue, anche perché, come qui, ogni università ha la sua specializzazione. L’università era strutturata molto bene, nel senso che in Cina ci sono dei criteri: a partire dalle elementari fino all’università, per dichiararsi scuola, una struttura deve avere certi elementi, come ad esempio la palestra, il campo, la biblioteca, la mensa, lo spazio libero per lo studio, le aule e il dormitorio. Senza queste componenti, il governo cinese non ti permette di definirti scuola, puoi solo essere una agenzia privata. All’interno del corso mi è capito di incontrare diversi italiani.

107Ci sono delle tipologie particolari di italiani che vengono a Shanghai? Riusciresti a categorizzare quelli che hai conosciuto a Shanghai?

Sono un po’ dispersivi. Ho conosciuto un italiano che stava lì da un po’; quando gli ho chiesto se la sua intenzione era quella di tornare in Italia, non mi ha detto esplicitamente di no, ma ha fatto una faccia come per dire: «preferirei andare da un’altra parte. Piuttosto Argentina o Brasile». Non aveva voglia di tornare in Italia troppo presto. Però mi dava la sensazione che la sua vita in Cina fosse abbastanza precaria. Poi ho conosciuto un’altra persona molto in gamba per quanto riguarda l’imprenditoria, perché ha aperto diverse attività tra cui un pronto pizza e un negozio di abbigliamento. Si dà molto da fare ma non riesce, secondo me, ad inserirsi bene nel mercato e a fare bene il marketing secondo una prospettiva di cosa vorrebbe l’utente locale. Tende a offrire la pizza italiana in quanto tale, come valore, pensando che si venda bene di per sé solo perché è italiana.

108Invece no?

Sì, da una parte è vero, ma è un effetto di passaggio. Se uno vuole che la sua attività abbia un profitto, che stia sul territorio lunghi anni e che piaccia agli acquirenti, bisogna farsi la propria fedeltà di clienti, altrimenti dopo due anni chiudono. Questo succede spesso, che dopo due anni si chiuda. I cinesi vedono una pizzeria italiana e pensano «ah, guarda, è italiana», ma il giorno dopo se ne sono dimenticati. Non c’è un approccio nel capire cosa vogliono gli utenti cinesi.

109Quindi il made in Italy andrebbe annacquato con elementi locali? O non funziona comunque?

Il made in Italy non scende a compromessi con quello che chiede il mercato locale. Alcune marche piacciono, e vabbé, come Gucci e Prada, però la pizza no; la pizza la vendi anche se hai un ristorante che richiama qualcosa di locale, e di per sé non si vende, costa venti o trenta euro, per un cinese è carissima! A meno che non si voglia fare bella figura con gli amici e li si porti in pizzeria, ma questo non succede tutti i giorni. Nonostante questo ragazzo fosse dinamico e intraprendente, secondo me rimane un po’ rigido con la propria identità culturale e sociale, perché la pensa come schermo di protezione; per altri brand in altri campi non è così, si trova una sintesi.

Poi c’era un altro signore italiano che fa educazione in Cina e ha aperto un’agenzia e un ristorante in cui sfrutta al massimo i camerieri cinesi; in sei mesi non ho mai capito cosa facciano.

110Questi italiani li cercavi? Come li hai incontrati?

Non li cercavo. Ho conosciuto prima i miei amici che sono a Shanghai e che sono italiani come me, di seconda generazione, e loro che sono in città da più tempo conoscendo l’italiano, iniziano a lavorare con gli italiani che vanno a fare imprenditoria in Cina, come intermediari, traduttori o segretari. A questo mio amico Fabio che lavora a Shanghai è capitato anche di andare a lavorare per un italiano, ma faceva traduzione da inglese a italiano, non usava neanche il cinese! Cioè, un italiano che arriva in Cina e vuole fare imprenditoria senza neanche sapersi muovere con l’inglese! […]

111Che prospettive hai per il futuro?

Non rimanere ferma in Italia.

112Non rimanere in Italia.

No, non rimanere ferma in Italia. Mi rendo conto che non devo negare il pezzo della mia vita vissuto qui, quindi posso ritornare in Italia e vederla come un luogo familiare, in cui ritornare e fare delle cose, ma non riesco a vederla come un luogo fisso in cui stare, perché ho desiderio di esplorare ancora non solo la Cina ma anche altri paesi. Ho progettato con un’amica che ho conosciuto a Shanghai di andare in America fra due anni, però, sai, queste sono cose che si dicono. Io cercherò di fare quello che mi è possibile, di avere una vita con spazi più aperti, a me oggi l’Italia mi sembra chiusa, immobile, che non riesce a uscire dai suoi confini. E mi sono resa conto che la lingua italiana all’estero non è utile, c’è il fascino di Roma o del cibo italiano, ma per interagire nel mercato lavorativo…

113Il tuo desiderio quindi verte verso un paese terzo, quindi.

Sì.

114E la Cina?

La Cina è sempre il mio paese.

115E dove ti piacerebbe vivere nei prossimi anni?

Magari in America.

116E la Cina?

La Cina è casa mia, io tornerei anche, ma per ora so che la Cina c’è, è lì; è come la casa di mamma e papà, sai che c’è, è lì, ma non è che devi tornare per forza. Vorrei esplorare altre cose e quando avrò perso la voglia di esplorare potrò tornare. Anche l’Italia è un posto dove posso tornare perché la conosco e la sento familiare, ma non la considero casa mia, più che altro perché mi fanno sentire così, estranea. L’Italia è come essere a casa di amici per me.

117Interessante. La Cina invece è casa tua nonostante tu abbia vissuto solo i primi nove anni. Hai parte della famiglia in Cina?

Sì. I miei zii, che però non stanno a Shanghai.

118Quando vivevi qui, sei tornata spesso in Cina?

Solo tre volte: una nel 2007, una nel 2009 e una adesso, tutte le volte per una tappa scolastica, diciamo. La prima volta mi sono fermata un mese, la seconda due mesi e questa volta cinque mesi. Io in Cina ci tornerei anche subito, ma sono curiosa di vedere altre cose.

119Rifiuti questo discorso dell’identità, ma ti senti molto cinese pur essendoci rimasta molto poco, e molto meno italiana pur essendoci stata molto.

Però sentirsi cinese non vuol dire vivere in Cina, il cinese guarda in modo strano anche me, perché vengo dall’estero, immagina che io conosca più cose, abbia più competenze di un cinese che non è mai stata all’estero. Però mi vede sempre come cinese, ecco. Ci sono ragazzi di origini cinesi che non sono nati in Cina e che hanno una vita completamente europea e dei progetti, ma non si dimenticano di esser cinesi.

120Spesso la community si crea all’estero e si portano avanti le tradizioni. Si può esser cinesi vivendo in Canada o a Milano.

Sì, quando torni in Cina, dici «io sono italiano, sono peruviano, sono canadese», però ho i genitori cinesi. A me è capitato di conoscere una ragazza che diceva «quando sono in Cina mi sento italiana e quando sono in Italia cinese», ma capita anche il contrario: quando sono in Italia io mi sento italiana e quando sono in Cina cinese. È individuale come percezione. […]

121Secondo te cosa dovrebbe cambiare qua in Italia perché tu possa accettare di rimanere?

Ma no! [ride] Non puoi chiedermi queste cose, ci vorrebbero due ore di risposta! Ci vorrebbe una bacchetta magica per rivoluzionare tutto, e io non ce l’ho. In questo momento vivere in Italia è difficile, e penso che sarà sempre più difficile; se vivrò qui, sarò sempre la straniera.

122Se l’Italia divenisse un paese multiculturale potresti pensare di restare?

Perché si parla ancora di multiculturale se quella ministra che viene tanto criticata [Cecile Kyenge] non è considerata italiana?! Non è forse italiana?

Mi è capitato di dire, scherzando, a un signore peruviano con cittadinanza italiana, «Ma lei non è italiano!» e lui mi ha risposto, «dov’è che mi vedi che non sono italiano?». Aveva preso la cittadinanza da molti anni, ma nell’aspetto e nell’accento si capiva che non era di qui. Però giustamente la sua retorica… cos’è che gli manca per esser italiano?

123Ma non pensi che nel futuro possa cambiare questo?

No.

124Però tu sai che l’Italia ha conosciuto l’immigrazione da poco, credi che in futuro ci sia una speranza di cambiamento, in venti o trent’anni?

Se penso a quel bambino che mi ha visto in treno e si è spaventato, non penso che fra trent’anni cambierà idea.

125Non credi nell’integrazione?

In Italia c’è la Chiesa che pesa. […] separa ciò che è «loro» e ciò che è «fuori da loro».

126Però la chiesa è una delle poche associazioni multietniche. È globale.

All’estero non è forte come qui.

127Beh, in America Latina è fortissima. Avrai studiato anche tu i rapporti Caritas; gli unici a fare rapporti sull’immigrazione sono dentro la chiesa.

Sì, però lo fanno con una prospettiva di carità, non di parità. Fanno le cose necessarie, l’assistenza, senza pensare di cambiare le cose.

128Dici che la Chiesa separa e non si auspica una società multiculturale?

Una cosa che vedo in Cina è che lo straniero è quello che ha più soldi, che è meglio considerato; non vedi uno straniero trattato male in quanto straniero, puoi esser insultato se sei cretino, ma non se sei straniero.

129Non c’è razzismo in Cina?

Non è che non c’è razzismo, ma c’è un rapporto diverso, una prospettiva della diversità: in Cina ho scoperto cos’è la diversità, qui ho fatto fatica. In Cina lo straniero è visto come diverso, ma non viene negato in quanto non fa parte della comunità, invece in Italia sì, se sei diverso, spesso non piaci. In Cina, se sei diverso, sono curiosi, ti vogliono capire, anche se rimangono loro con le loro usanze e tu con le tue. […] C’è convivenza, c’è un confronto: io sono curiosa, magari non riuscirò mai a capire certi valori o modo di fare, ma accetto che tu sia il mio vicino di casa. Qui, se hai un vicino di casa straniero, la prima cosa che dici è: «guardi che l’ascensore si è rotto», e io dico, «ma sono arrivata l’altro ieri, non è che l’ho rotto io!».

4.2.6. aire e voto degli italiani all’estero

130Come abbiamo visto, i dati sulle iscrizioni all’aire non sono particolarmente significativi da un punto di vista statistico per le ragioni che abbiamo illustrato poiché molti migranti della globalizzazione non riescono, o non vogliono iscriversi. Le interviste ci consentono di comprenderne le difficoltà e le motivi.

  • 64 Tucson, Arizona cit

131FCL64 ci dice di non essersi iscritta «perché il nostro visto, essendo derivato da una borsa di studio, ci obbliga in realtà a tornare nel nostro paese d’origine per 2 anni, dopo il completamento del dottorato. Questo implica parecchie cose, cioè io devo risultare come residente in Italia, non mi fanno spostare la residenza, ricordo che c’era un problema legato a questo».

  • 65 Londra, regno Unito cit.

132MDM65, facilitato dalla vicinanza, tornerà in Italia per votare perché:

amici che sono iscritti mi han detto che è una procedura molto, ma molto lunga, forse perché è una roba italiana, ha i suoi tempi di burocrazia e così; però penso di farlo a breve. Anche se dovessi iniziare a mandare la richiesta adesso, non farei comunque in tempo a ricevere le tessere per votare, quindi penso proprio che scenderò in Italia per il periodo delle elezioni. Tra l’altro quand’è che sono state fissate?

  • 66 Bruxelles, Belgio cit

133FMM66:

Ecco, semplicemente non sono iscritta all’aire sempre perché uno non sa mai se il futuro sarà a Bruxelles o meno, per cui, stando a quello che mi hanno raccontato alcune persone che erano iscritte all’aire e poi sono tornate in Italia, tu perdi la residenza in Italia, ed è poi un problema amministrativo tornare, devi rifare tutte le carte eccetera.

  • 67 Pechino, Cina cit.

134MAP67, in Cina per quasi due anni per studiare, non si è iscritto:

Non esiste una ragione specifica, è che l’ho visto un po’ come una trafila burocratica che non mi andava di fare, in più io sapevo che in un anno e mezzo o due sarei tornato in Italia. Mi sentivo uno studente all’estero, più che un italiano all’estero. Non l’ho vista come una cosa necessaria. In più, per una serie di coincidenze, ero sempre in Italia al momento delle elezioni e sono sempre riuscito a votare.

  • 68 Dubai, Emirati Arabi cit.

135La burocrazia italiana non riesce a seguire i frequenti cambiamenti di sede dei glomigrants. MMB68 ci racconta che nei suoi spostamenti tra Emirati Arabi e Cina le sue schede elettorali si trovavano nel posto sbagliato:

Due-tre anni fa avevo votato ed era andata al potere al sinistra con Prodi, poi le scorse ero già partito per la Cina, erano arrivate le schede a casa in Cina, ma ero già partito e tra l’altro avevo anche il problema di riscrivermi all’aire qui a Dubai, per cui ero in un limbo. […]

Per l’ultimo referendum dell’anno scorso erano arrivate le schede, ma ero impossibilitato ad andarle a prendere. C’è un periodo dentro il quale bisogna dire se si è in Italia o meno, si può comunque votare anche se si è iscritti all’estero con un determinato preavviso, o si può venire in Italia e votare in Italia, ma io ero in un limbo per cui non riuscivo a fare tutto questo. […] Se uno va in Cina e fa le cose regolari, arriva, si iscrive all’associazione residenti italiani estero, aire, dopodiché gli viene detto che iscrivendosi potrà votare in Italia. In realtà l’aire non è fondamentale per risiedere legalmente all’estero; uno che lavora all’estero perde, intanto come dicevo prima, l’assistenza sanitaria in Italia, quindi anche se mi faccio male, se sto male non è che prendo un aereo torno a casa e sto bene o vengo curato, in più ad esempio in Cina, io avrei dovuto pagare le tasse lì, ma contemporaneamente non le devo pagare in Italia perché c’è un accordo tra Cina e Italia. […] risulta che io ho pagato le tasse come se fossi stato in Italia, perché ho dimostrato di averle pagate in Cina, dove viene comunque preso il tuo salario lordo e poi tradotto in tasse. A Dubai, questo ad esempio non c’è, per cui le tasse le pago in Italia, cioè sul mio netto viene calcolato il lordo che pago in Italia come un dipendente normale italiano anche se non risiedo in Italia e tutte queste cose. L’aire non è che te le dica subito, come sempre se conosci, se fai, se conosci qualcuno che lavora in una ditta più internazionalizzata, per cui ha più esperienza coi lavoratori all’estero, va avanti così e scopri pian piano le cose. Manca quel servizio che invece hanno i tedeschi, perché io ho fatto finta di essere tedesco per riuscire a capire queste cose, dove uno va allo sportello e dice «Buongiorno, io lavoro qui per una ditta tedesca, cosa devo fare per registrarmi in questo paese?»; questo manca e secondo me sarebbe utile. […] ho avuto parecchie difficoltà. Ci sono anche delle regole, delle leggi dal punto di vista contrattuale per le aziende italiane per mandare la gente all’estero e tutte queste regole per un’azienda magari media, diciamo sulle 50 persone, sono difficili da reperire perché costano e perché mandare una persona in Cina, magari può costare 20.000 euro l’anno. Se devo pagare anche una consulenza di 12.000 euro a una un’agenzia di consulenza sto fresco, ecco. Comunque l’80% degli italiani che conoscevo era lì con visto turistico o fasullo di Hong Kong. […]

A Dubai invece siccome la gente non resta proprio a vivere, uno arriva in aeroporto e ottiene un visto per un mese, faccia bianca, passaporto italiano non ci sono problemi di sorta, né code per rinnovare il visto, non bisogna dire niente. Ho rinnovato il visto giusto ieri sono andato al centro visti locale, dove dopo aver pagato mi sembra un 120 euro per un foglio di traduzione, non ci sono i moduli e praticamente uno deve andare in questi typing office e prendere un modulo e nello stesso ufficio si paga il visto. Io sono entrato negli uffici e nel giro di 40 minuti ho fatto tutto. […]

non so se si può tranquillamente lavorare col visto turistico, fatto sta che non c’è scritto su nessun visto se io sono turista o lavoratore. Ad esempio, però, abbiamo scoperto, e questo sarebbe stato utile qualche mese fa, ma poi son dovuto tornare in Italia per mettere insieme quest’avventura di Dubai, che un lavoratore che in Italia è regolarmente assunto, che viene inviato dalla ditta negli Emirati a lavorare, può tranquillamente chiedere un visto regolare, attraverso lo sponsor, che poi sarebbe il locale che… perché la prima volta a Dubai bisogna avere il contributo di una figura locale, questa persona stila un particolare invito e con questo si può andare a chiedere un regolarissimo visto da lavoratore, insomma. Tra l’altro il consolato diceva che questo non era possibile per cui…

136MMB spiega, inoltre, quello che accadeva in Cina prima che rivedessero la legge sui visti nell’estate del 2013:

In Cina funziona così: se sei italiano tu compri un biglietto aereo e hai un visto da turista di 6 mesi, può capitarti che te lo diano, anche da uno o da due mesi per un’entrata, comunque lo standard era sei mesi, un visto turistico, questo si otteneva a Milano presentando il biglietto aereo. Oppure si passava da Hong Kong dove facevano dei traffici loro per cui uno poteva avere il visto business per sei mesi. Non era un visto regolare diciamo, non c’era scritto che io lavoravo per l’azienda italiana a…

137Ci sarà pure una differenza tra un permesso di lavoro e un visto turistico.

  • 69 L’intervista risale a 2010, Il 22 Luglio la legge è stata riformata secondo la «Normativa Amministr (...)

Chi aveva il visto lavorativo da Hong Kong, lavorava per una ditta fantasma di Hong Kong in Cina e in realtà lavorava per un’azienda italiana. Io personalmente penso che l’assistenza data dai consolati e dalle ambasciate è minima69.

  • 70 Torino, Italia cit.

138MFL70, ricorda di aver votato solo una volta,

è arrivata a casa una busta, e fra l’altro io non ero neanche a casa, quindi una persona qualunque avrebbe potuto votare e rimandarla indietro. Invece poi nel 2008 non sono riuscito perché ero a San Paolo, ma la mia iscrizione aire era ancora a Santa Rem e pertanto non mi è arrivato niente.

  • 71 Barcellona, Spagna, cit.

139MZR71 non si è iscritto all’aire per «Pigrizia, di base, e poi sono qui da due anni, quindi non era così chiaro che mi sarei fermato. Adesso sta diventando di più e quindi sarà poi una cosa che penso di fare a breve, ma finora non mi sono posto il problema, diciamo».

  • 72 Copenhagen, Danimarca cit.

140L’economista MSB72 è iscritto solo dal 2009 e spiega così la ragione: «A Barcellona mi han detto che il periodo era troppo corto, a Berlino avevo fatto domanda e poi era stata completata dall’ambasciata, quindi se vai qua in ambasciata a Copenaghen risulta che ero residente a Berlino, però la pratica non era mai stata completata per volontà mia».

  • 73 Montreal, Canada cit.

141FLM73 alla domanda se è iscritta all’aire risponde:

No. Sempre una ragione emotiva: stupidamente uno vuole mantenere ancora un po’ di attaccamento, c’è questa cosa per cui uno dice se ti iscrivi all’aire perdi diritti in Italia.

142Ci dà poi una spiegazione molto articolata sulle motivazioni che l’hanno portata a non richiedere il permesso di soggiorno permanente in Canada:

Insomma, sono venuta qua tre mesi, ho scoperto com’era il Canada, poi mi ci sono trasferita… Avrei potuto farlo un anno prima di finire il mio master, ma non l’ho fatto un po’ per ragioni economiche, costa 2000 dollari, e un po’ anche per ragioni emotive, di ambivalenza terribile. Anche se i miei amici che sono qui mi hanno tutti consigliato di farlo al di là della mia decisione di rimanere qui o no, per me l’idea di fare questo passo sembra a livello emotivo come decidere di stare qui. […] uno vuole mantenere ancora un po’ di attaccamento

143Questa situazione genera irregolarità di tutti i tipi: per le statistiche italiane non risulta all’estero, ma in Canada risulta residente. Quando glielo facciamo notare risponde:

E, come me, la maggior parte degli italiani che io conosco, che non sono iscritti all’aire. Per cui non so cosa calcolano quando fanno questi calcoli sulla fuga dei cervelli, mi viene da ridere a sentirmi chiamare così, molti italiani che conosco non sono iscritti all’aire.

144Per di più aggiunge:

quando io ho capito che non avrei potuto votare, mi sono detta: «non posso accettare questa cosa». Quindi ho cercato di venire in Italia, cercando tutte le informazioni necessarie su rimborsi eccetera, che non esistono. Ci sono rimborsi solo per gli italiani in Europa, ma noi che stiamo fuori dall’Europa siamo per caso meno italiani di loro? Comunque… a quel punto il mio cervello italiano è entrato in moto e mi sono detta sempre scherzando: intercetto qualcuno della comunità italiana che non vota perché non sa chi votare o perché non legge neanche in Italiano, e voto io al suo posto. Del tipo, il diritto non me lo danno, e io me lo prendo. Così un giorno al lavoro con una delle ragazze faccio questo discorso per scherzare e vedo che lei diventa seria, e allora anche io divento seria e le dico: «se tu decidi di non votare e butteresti comunque la tua scheda, dammela e voto io».

145Quando le facciamo notare che è un reato risponde:

Lo so. È andata così comunque. Spesso e volentieri ci si rende conto dei propri diritti solo quando vengono negati o quando le condizioni non permettono di esercitarli. Curiosamente negli scambi attivi grazie alle comunicazioni virtuali che caratterizzano la vita di così tanti oggi, trasversalmente e in maniera intergenerazionale (quanti genitori si sono «auto-educati» rispetto all’uso della tecnologia di base per comunicare con i figli in giro per mondo?) anche i diritti possono per così dire essere interscambiabili o riciclati (d’altra parte siamo in crisi no? dunque ricicliamo! ri-usiamo!). Per esempio, una persona nauseata può decidere di rinunciare ai suoi diritti di voto, e un’altra che non ce li ha può «raccoglierli»! Questo è stato lo stato lo scambio tra me e mio padre (tendenzialmente elettore di centro-destra, anche se almeno mi ha sempre giurato di non aver direttamente votato Berlusconi…): lui ha deciso non andare a votare, per cui io raccoglierò «per procura e conto terzi» il diritto a me burocraticamente negato e lui voterà per me! La cosa divertente è che per la prima volta voterà, seppur come dicevo per conto terzi, molto, molto a sinistra! [Vota due volte, sostanzialmente]

  • 74 Pechino, Cina cit.
  • 75 8.03.2013, Londra, Regno Unito.

146La questione merita di essere approfondita e le chiediamo informazioni sul la persona che le ha dato la scheda elettorale: «Era una seconda generazione, tra l’altro l’italiano lo parla, è andata in vacanza in Italia eccetera. Cioè, è diversa da altri che non parlano proprio l’italiano e non vogliono sapere nulla dell’Italia». Poi ci racconta di sue conoscenze che hanno votato più volte: un’italiana con doppia cittadinanza che ha votato sei volte […] Ma per la maggioranza probabilmente è la burocrazia che fa da freno all’iscrizione. FOM74 non si è iscritta: «Perché molti mi hanno detto che se sposti la residenza all’estero riportarla in Italia è un’odissea burocratica e non sono convinta che ne valga la pena». Mentre FGS75, 35 anni, Lecce, docente universitaria di network analysis, grazie a circostanze fortunate riesce a votare:

Non mi è arrivato nulla, né la pubblicità né la scheda elettorale. Se devo esser sincera, ho cambiato casa e mi sono dimenticata di comunicarlo all’aire. Quando ho realizzato che era un cosa fondamentale per il voto, ho temuto che se l’avessi comunicato all’aire, la scheda non mi sarebbe arrivata in tempo. Così ho chiesto all’agenzia che affittava l’appartamento dove stavo precedentemente se potevano darmi tutta la posta che ricevevano perché non l’avevano ancora riaffittato ad altri. […] sono potuta andare e votare e lasciare lì [al Consolato] la scheda senza doverla inviare per posta. Mi sono accorta che c’era un sacco di gente nelle mie condizioni, che o non aveva ricevuto la scheda o aveva cambiato casa e non l’aveva comunicato per paura che la scheda non arrivasse in tempo e temendo le inefficienze del consolato. Però alla fine tutto è stato veloce e ha funzionato.

  • 76 Bruxelles, Belgio cit.

147MDS76, funzionario del parlamento Europeo, dal suo osservatorio di Bruxelles ci rivela tutto il suo scetticismo sulle modalità del voto all’estero:

Io non credo molto al voto degli italiani all’estero perché ritengo che sia un diritto sì, ma è anche un modo per fare delle campagne pubblicitarie, delle campagne elettorali che servono a poco. Lascia perdere noi che siamo particolarmente vicini all’Italia, almeno io la sento molto vicina, e pensa a un emigrato argentino, brasiliano o statunitense che sta quasi definitivamente, dico «quasi» perché io continuo a sentirmi precaria anche se sto a Bruxelles da sedici anni, all’estero, mi immagino quali riflessi possa avere il fatto di votare per la politica italiana stando a chilometri e chilometri di distanza. E poi c’è un altro problema, di ordine pratico, che è quello delle truffe e dei brogli elettorali, e ne abbiamo avuto un esempio alle ultime elezioni: già è difficile gestire un collegio per le elezioni europee così vasto com’è in Italia, immaginati circoscrizioni che sono estese migliaia di chilometri, tipo la circoscrizione in America del Sud. Ora tu mi vuoi dire che un rappresentante di quella circoscrizione è in grado di mantenere i rapporti con il territorio? Già è difficile per un eurodeputato eletto in Italia pensare alla circoscrizione Nord-Ovest, che è quella da cui vengo io, che è quattro volte il Belgio, già solo la Lombardia è grande come il Belgio. Credo che il voto sia un palliativo, un illusione che si vuole dare agli emigrati, e soprattutto a quelli più lontani, per mantenere un rapporto con la terra d’origine; ma secondo me ci sono altri metodi, quello del voto non mi sembra il metodo più limpido e chiaro.

148Mancanza di informazioni, riluttanza a rinunciare alla residenza in Italia, progetti di nuovi trasferimenti, ma soprattutto un iter burocratico non al passo con le esigenze dei glomigrants fanno sì che la maggior parte non si registri all’aire.

4.2.7. Ritorno e ritornati

149Quando abbiamo chiesto ai nostri intervistati se avessero intenzione di tornare in Italia sono riemerse tutte le perplessità sul paese che avevano portato alla decisione di fuggirne. Gli studenti e i ricercatori hanno ribadito le carenze del sistema universitario, i lavoratori la mancanza di prospettive di carriera, quasi tutti però rientrerebbero per motivi legati alla sfera personale. Emerge anche dalle interviste un’acquisita cultura della mobilità, che porta a prospettare migrazioni fluide, da un paese all’altro o con rientri periodici in Italia.

  • 77 Bruxelles, Belgio cit.

150FMM77 ci spiega che non intende tornare a causa della cecità degli amministratori locali del suo paese che non si rendono conto delle potenzialità delle risorse che i giovani hanno acquisito all’estero:

Pensa che io ho avuto un fondo sociale europeo, soldi dati dalla comunità europea alla Basilicata, per fare un master in Studi Europei. Nella mia logica, se uno investe su di te, dev’esserci un ritorno per la tua regione, cioè se ti faccio studiare poi ti devo sfruttare come risorsa perché ti ho formato. Naturalmente non è stato così; ho parlato anche con dei funzionari della Regione Basilicata, dicendo «voi mi avete dato 13.000 euro di borsa di studio, mi state facendo studiare e io ho fatto uno stage, poi però non mi date la possibilità di lavorare in Basilicata!». Non so, non mi reputo un cervello, considero cervelli i ricercatori che fanno del bene al nostro paese, io mi reputo una risorsa in fuga. Ma della mia regione, siccome abbiamo avuto tanti soldi ed eravamo l’obbiettivo numero uno dei soldi del fondo sociale europeo, io ho amici che stanno in Francia e hanno fatto la London School of Economics, che hanno sfruttato questo fondo della Basilicata, ma non lavorano li perché non ci consentono di ritornare.

151Ci dice poi che si considera una risorsa per il suo paese poiché attraverso le esperienze acquisite potrebbe lavorare:

per migliorare la Basilicata a farla crescere in qualche modo; […] molte regioni hanno un Ufficio Europa, noi non ce l’abbiamo. Allora io ho detto «ma scusate come vi rapportate con Bruxelles?» e loro «no vabbè, qualche volta con qualche funzionario…». Mi hanno detto «ma lei vada a Bruxelles, entri in Commissione e poi noi la prendiamo a lavorare qui». Ma io dico, secondo lei, io entro in commissione e poi torno in Basilicata a lavorare? […]

Guarda, io a oggi vorrei tornare, però non ci sono le condizioni per farlo, io ad esempio non andrei neanche a lavorare per la mia organizzazione nella sede italiana. Io definisco Bruxelles un’isola felice per il mio lavoro, perché non sono sottoposta alle logiche italiane di burocrazia, di livelli; per mandare una mail in Italia devi passare dal tuo capo, dal capo del tuo capo! Qui invece io sono molto libera di agire; siccome il mio lavoro è basato sull’efficacia, posso fare molte cose che in Italia non mi verrebbe permesso di fare, e poi non è un momento ideale per la mia associazione, è un periodo di crisi.

  • 78 Bruxelles, Belgio cit.

152Anche FMM78 vede difficile un rientro in Italia:

Faccio relazioni istituzionali, quindi curo i rapporti con il Parlamento, le commissioni e i consigli, faccio lobby, la lobbista. Quindi la difficoltà del tornare in Italia sarebbero legate al fatto che non potrei fare il mio lavoro, dovrei iniziare da zero, anche perché le dinamiche lì sono diverse da quelle europee sulla lobby, non c’è un registro e poi un lobbista è visto con una valenza negativa e non positiva, mentre a Bruxelles ha iniziato adesso ad avere una valenza positiva. Quindi gli stessi deputati si avvalgono del tuo aiuto perché sanno che da te possono avere anche un supporto tecnico, perché uno dà anche quello oltre ad appoggiare la posizione dell’associazione. In Italia tornerei se avessi un lavoro che mi consentisse di fare una vita decente, credo che in Italia con 2.000 euro non ce la farei; qui vivo discretamente, anche se rispetto alle medie degli stipendi dei funzionari delle istituzioni è la metà, perché ci sono persone che arrivano a guadagnare anche molto, molto più di me; però io ho fatto questa scelta, mi dà comunque una prospettiva. […] Io mi trovo a confronto con persone che fanno lo stesso lavoro per associazioni o società italiane e la pensano come me: perché noi qui siamo distaccati, io in realtà non sono distaccata perché sono basata su Bruxelles ed è un po’ diverso, proprio perché hanno capito che il nostro lavoro è basato sull’urgenza e se io magari dico «mi devi mandare questa cosa oppure io ti faccio una nota informativa e tu mi devi rispondere entro un giorno», la mia informativa non può passare dal mio capo, dal capo del mio capo eccetera, altrimenti io perdo d’efficacia. Io quindi qui ho la possibilità di rapportarmi direttamente con i direttori, cosa che in Italia è impensabile perché in teoria non possiamo scrivere loro direttamente, c’è sempre questa struttura gerarchica che incombe. Qui non è così: sono da sola, il mio capo mi dà libertà, e inoltre in Italia non tutti sanno come funziona il lavoro a Bruxelles e quindi si devono fidare di quello che dico io. In Italia non potrei fare lo stesso lavoro e non mi potrei occupare di Bruxelles, perché qui devi starci, anche una semplice birra è importante, magari conosci qualcuno che ti può aiutare sul lavoro. Se tornassi a lavorare in Italia, dovrei riciclarmi.

  • 79 Lagos, Nigeria cit.

153MLF79, come molti, non esclude la possibilità di rientrare in Italia:

Forse a breve o forse tra un po’, ancora non lo so. Sicuramente l’idea di tornare in Italia sì: non so se lavorativamente parlando, però a livello personale vorrei tornare in Italia a un certo punto. […] il desiderio c’è, l’idea mia è sempre stata quella di creare una situazione lavorativa in Nigeria tale che io possa passare tre-quattro mesi in Italia e poi venire giù, magari un mese, per chiudere determinate cose, questa è l’idea mia. Se dovessi descrivere la mia vita ottimale in questo momento sarebbe tre-quattro mesi in Italia e uno in Nigeria e così via.

  • 80 Pechino, Cina cit.

154MAP80 adesso rientrato in Italia dalla Cina, non nasconde di aver pensato di restarci:

Non ero mai stato appassionato di Cina prima di ricevere questa opportunità. Durante il mio soggiorno lì ho pensato alle varie possibilità che mi si proponevano, anche perché dal punto di vista del mercato del lavoro la Cina, seppure non sia ai livelli di una volta, è comunque un posto stimolante. Però non mi interessava tanto il settore, ho preferito tornare a occuparmi di Africa come nella mia laurea triennale. E poi, devo dire che la qualità della vita in una città come Pechino non è sufficiente, è troppo diversa da quella che voglio per me, soprattutto per quanto riguarda la natura, l’inquinamento e la possibilità di spostarsi. In una città come Pechino, che ha più di 22 milioni di abitanti, per spostarti dal tuo piccolo quartiere, ogni volta ci vogliono 40 minuti; 40 minuti di metro o di taxi per andare in qualsiasi altra zona della città! In più ci sono pochi parchi dove andare nel weekend, per cui anche lì, se uno vuole fare una passeggiata, o un giro in bici, deve farsi ore di macchina per uscire fuori dalla città. E durante il periodo invernale c’è il problema dell’inquinamento, perché quando non c’è vento tutto l’inquinamento delle fabbriche e delle centrali di riscaldamento, che sono a carbone e sono in mezzo alla città, ogni quartiere ne ha almeno un paio, rendono l’aria irrespirabile. Infatti sia io che gli altri che erano lì abbiamo avuto la tosse per sei mesi, da ottobre a febbraio, e così non ci si può sentire bene. A volte ci è capitato addirittura di non andare a fare un giro per la città o a cena fuori quando avevamo appuntamento con qualcuno per l’eccessivo inquinamento. Veniva mal di gola e il mal di testa immediatamente. […]

Ho appena iniziato il dottorato e ci sono già delle proposte di progetti in ballo e sicuramente, visto il tema del dottorato, i miei studi mi portano a spostarmi verso il West Africa Subsahariano, come Ghana o Nigeria. Poi continuiamo a tenere i rapporti con la Cina per costruire un programma di doppia laurea più consolidato. Ci sono altri progetti di ricerca che potrebbero portarmi a passare qualche mese il prossimo anno di nuovo a Pechino. Per quanto riguarda il dopo dottorato, il settore che a me interessa è quello dell’Africa quindi non mi dispiacerebbe trovare un lavoro da quelle parti e  –  questi sono i sogni e non so fra tre anni se saranno ancora validi. Mi piacerebbe continuare a mantenere i contatti con l’Università in modo non esclusivo, non ambisco a fare il docente, e restare all’interno dell’ambiente universitario e organizzare workshop, eventi; questo mi interessa molto, sono 5 anni che faccio da assistente a diversi corsi e mi piacerebbe molto continuare anche oltre il dottorato […] mi piacerebbe tenere l’Italia come base e poi lavorare in altri paese per tot mesi all’anno. Non me la sento di abbandonare del tutto l’Italia, ma sicuramente vorrei lavorare anche in altri posti.

  • 81 Pechino, Cina cit.

155FOM81, finita la triennale, sta pensando di finire la specialistica in Cina. Nel frattempo lavora in uno studio cinese. Le chiediamo cosa dovrebbe cambiare in Italia per convincerla a tornare

Ma tantissime cose, nel senso che a me diciamo che i due fattori principali che mi tengono in questo momento lontano dall’Italia sono da un lato la sensazione che in Italia non stia succedendo niente, cioè che l’Italia sia un paese immobile che sta sul letto di un torrente, dove non ci sono soldi. Ma non è solo un problema economico e proprio un problema di mancanza di iniziativa: le cose non stanno accadendo in Italia e in un mestiere come quello dell’architetto e del designer questo è piuttosto fondamentale, cioè vivere in un luogo dove le cose accadono e dove ti senti al centro di un movimento per me è molto importante come individua al di là del fatto che sono o sarò un architetto. Purtroppo questo in Italia non sta accadendo per varie ragioni. E poi non solo appunto per un discorso economico, ma è un discorso anche culturale e sociale e secondo me in questo momento l’Italia è una società anestetizzata non solo nei confronti della politica, ma nei confronti di tutto, di qualsiasi genere di iniziativa, di cambiamento, di proposta, di progetto; per me questo è un grossissimo handicap. Poi dall’altro lato, banalmente io tornerei in Italia se l’Italia potesse offrirmi delle condizioni di vita e lavorative decenti e corrisposte al fatto che penso di essere una persona intelligente con voglia di lavorare, con voglia di farsi il mazzo, che ha sempre studiato tanto e che vuole anche a un certo punto, giustamente, cominciare ad avere un ritorno per quest’impegno che ci ha sempre messo e che continuerò a metterci. Io, detta proprio in parole povere, non ho nessuna intenzione di trovarmi in Italia a trentacinque anni a rincorrere stage gratuiti pagati 200 euro al mese, penso di meritarmi qualcosa di meglio. […] penso che sia abbastanza possibile, in caso restassi in Cina per un periodo lungo, che poi io faccia delle altre esperienze in Asia. Penso che sia abbastanza possibile che un domani io possa accettare un posto di lavoro a Singapore, piuttosto che a Hong Kong, piuttosto che a Shangai, piuttosto che in Malesia, anche solo per un periodo chissà. In termini di trasferimento anche di continente, cioè andare in Australia, in America o tornare in Europa, non lo so. Cioè non lo escludo, ma non posso neanche dirlo con certezza.

  • 82 16.10.2010, Bruxelles, Belgio.

156MLN82 è pessimista rispetto a un eventuale ritorno:

Nel senso, io potrei anche immaginare di farlo per una questione climatica, per una questione di paesaggio […] di qualità della vita in senso lato. Ma a me gli italiani piacciono poco, tendenzialmente, e credo che in Italia si uscirà malissimo dalla situazione in cui si è ora. Il problema vero è che l’ignoranza becera degli italiani non guarirà mai, dell’italiano medio che sta davanti alla televisione, intendo. Io qui li riconosco gli italiani, non perché parlano, ma da come si pongono nei confronti del resto del mondo, e non so se è una cosa bella. Ogni volta che torno in Italia sono abbastanza combattuto, anche se da una parte c’è il piacere di ritrovare alcune cose, che però sono sottigliezze, perché non è che dal punto di vista umano l’Italia mi faccia stare bene. Poi se conti che molto spesso io torno in Veneto, rimango abbastanza agghiacciato da quello che succede, che sia la famiglia o siano gli sconosciuti.

  • 83 Bruxelles, Belgio cit.

157MGM83 a Bruxelles da dieci anni tornerebbe:

Sì, ma non adesso. Anche perché il cerchio più stretto di amici, del liceo e dell’università, è rimasto lì, e anche la mia famiglia, che si trova parte in Svizzera e parte sul lago di Como. Quindi gli affetti in parte sono lì, e lì la qualità della vita non è bassa, quindi non è una realtà che ripudio.

Ti spiego le ragioni storiche di una possibile risposta. Sono nato a Como ma non ho nessuna origine lombarda: mio nonno era d’Isernia, in Molise, e mia nonna astigiana; anche mio padre è nato ad Asti. Mio nonno era un ufficiale di fanteria, per cui dopo l’accademia di Modena fu mandato ad Asti e lì si sposò. Mio padre è mezzo isernino e mezzo astigiano; si è spostato per motivi lavorativi in Lombardia, nel comasco, e poi in Svizzera, dove conobbe mia madre. Mia madre stessa è nata a Stoccolma e ci ha vissuto dieci anni; è figlia di una tedesca di Danzica. Suo padre era Ministro degli Interni della città stato di Danzica, nazista. Sua madre, polacca, è morta quando aveva quattro anni, e suo padre si è risposato con un tedesca. Durante l’invasione nazista il padre di mia madre, nazista anch’egli, rimane a Danzica, mentre il fratello comunista scappa in Danimarca e mia nonna (la madre di mia madre) lo segue, e poi insieme vanno in Svezia. Mio nonno materno invece è piemontese, di un paese non lontano da Saluzzo, e ha vissuto a Torino; dopo la guerra emigra a Stoccolma per cercare lavoro e lì incontra mia nonna materna e hanno mia madre. Dopo dieci anni in Svezia rientrarono in Italia per motivi professionali di mio nonno, che aveva iniziato a lavorare per una azienda che produceva pezzi per una società svedese, visto che ormai era diventato bilingue italiano-svedese.

  • 84 Bahia, Brasile cit.

158MCM e FPB84 alla domanda sull’intenzione di rientro rispondono all’unisono:

MCM: No! A meno che Grillo non spacchi tutto, non demolisca tutto e non nasca un nuovo sistema, vediamo.

FPB: Questo no secco non è perché sono scappata dall’Italia, io amo l’Italia e credo che sia uno dei posti più meravigliosi del pianeta.

MCM: Io ti posso assicurare che è il più bel paese del pianeta, avendone visti 80 almeno.

159E poi spiegano cosa dovrebbe cambiare per convincerli a tornare:

Sicuramente recuperare questi ultimi vent’anni disastrosi dal punto di vista sociale, culturale, economico, quindi ripartire da almeno 20 anni fa. Dopodiché ce n’è di strada da fare, però un po’ mi dispiace non poter vivere come vorrei in Italia, anche se io adesso non recrimino e mai tornerei indietro. Però di sicuro non sarebbe male tornare, anzi.

  • 85 Bruxelles, Belgio cit.

160FDS85 torna spesso in Italia:

In genere scendo tre o quattro volte l’anno in Italia, le mie vacanze estive le faccio lì e ci sto tre o quattro settimane. L’ultima volta era un anno che non andavo e mi sono sentita male, mi son detta «devo assolutamente ritornare», e infatti sono tornata a Torino da poco. […]

mio fratello vuole mantenere le origini e vorrebbe metter su una casetta, anche perché sarebbe angosciante, quando andiamo a Torino, dover andare in albergo. Quindi è capitata l’occasione di una casa a Castigliole d’Asti, fra le Langhe e il Monferrato. Quando sarà finita ci torneremo più spesso.

161E per il futuro:

Dipende da molti fattori, io personalmente non mi vedo finire a Bruxelles, e allo stesso tempo mi sento una precaria da sedici anni. Sono a Bruxelles ma non mi sento «definitiva» qui: la gente mi dice «eh, ma ci sei da sedici anni, non tornerai più», ma io questa affermazione non l’accetto perché in un futuro non so quanto prossimo la mia prospettiva sarebbe quella di rientrare in Italia. Adesso come adesso ti direi di no, perché non saprei a fare cosa, nel senso che ho una figlia che ha iniziato a frequentare la scuola, che ha il suo ambiente qui; comunque tu dici «i bambini dove li metti stanno e va bene», ma io da punto di vista professionale io non saprei proprio cosa fare in Italia ora. Anche se avessi un a proposta di lavoro irrinunciabile, starei ancora a pensarci bene, non sarei così certa di voler tornare in Italia. Ci torno molto volentieri perché forse inconsciamente so di essere di passaggio, e posso viverla con la leggerezza e il lusso con cui la possono vivere un turista o uno straniero che viene per mangiare, bene, ammirare i paesaggi e incontrare gli amici. Adesso però mi spaventerebbe un po’ rientrare definitivamente, e non so se sarebbe quello che vorrei.

  • 86 Bruxelles, Belgio cit.

162FSB86 fatica a vedere l’Italia come un posto in cui tornare:

In Italia non lo so… come dire, a livello lavorativo. Quando hai la fortuna[…] beh, la fortuna, diciamo che me lo sono anche sudato il concorso perché ho studiato per due anni, non è che un concorso che ti regalano. Comunque quando entri in questo circuito fai fatica a uscirne: io fatico a vedere Bruxelles come casa mia, cioè per me casa mia rimane Biella. Non so come dire, son qua da sette anni, a febbraio faranno otto, ho comprato casa, con il mio fidanzato spagnolo ci siamo conosciuti qui e tutto quello che vuoi, però casa mia è Biella […] quando torno a casa e vedo le mie montagne sto bene! Ma proprio per il fatto che lì il lavoro non c’è, fatico a vedere l’Italia come un posto in cui tornare. Gli unici due posti dove potrei tornare perchè ci sono sedi della commissione sono Roma o Milano. Milano non mi interessa, Roma mi interesserebbe anche, però è difficile, caotica eccetera. Per un futuro sono forse più proiettata verso la Spagna, se devo essere sincera; oppure vorrei andare in giro, cosa che a me non dispiacerebbe per niente, con le delegazioni della Commissione e lavorare in quelle che si chiameranno ambasciate (le ex delegazioni)… Fare questo tipo di esperienza all’estero. Però sai è difficile: anche il mio fidanzato lavora qui nelle istituzioni. Muoverne uno è un discorso, muoverne due […] Poi sai, con la crisi e tutte le varie cose, non è che tu riesca a trovare dei lavori buoni facilmente e quindi non so neanche quanto sia fattibile. Sicuramente quando andrò in pensione, a Bruxelles non rimango (ride)! Questo è sicuro: Italia o Spagna, dove vuoi. Ma più che altro per il clima.

[…] secondo me l’Italia è un paese fantastico. Per certi versi, io ero molto più contro l’Italia quando ci vivevo che quando sono andata all’estero. Quando vai via ti viene fuori questo patriottismo molto strano che non sapevo di avere, dalla cucina, al modo di divertirsi, alla simpatia della gente. Queste son cose bellissime e sono delle caratteristiche del nostro paese. Anche la genialità degli italiani, il fatto che siamo flessibili. Poi magari, per carità, ci sono anche quelli che ti fregano, però… siamo «colorati», mettiamola così. E questa è una cosa che qui mi manca. Il cibo mi manca, è inutile parlarne: il cibo italiano è il cibo italiano. Ma anche gli amici, perché in Italia ho ancora un sacco di amici.

  • 87 Tucson, Arizona cit.

163FCL87 confronta la vita in Italia e negli Stati Uniti:

Credo che sicuramente in Italia, e in generale in Europa, si viva meglio: c’è un altro modo di vivere le relazioni sociali e c’è un altro modo di vivere il «tempo libero». Qui il tempo libero non esiste, c’è un’etica del lavoro pervasiva, l’individuo è annullato nel lavoro e c’è molto più individualismo, forse anche legato all’ambiente universitario, dove comunque le persone si spostano. C’è molta mobilità, per quanto ho potuto vedere, quindi la mia prospettiva è molto arbitraria, se vuoi. […] Secondo me, in Italia quantomeno (parlo dell’Italia perché non ho mai vissuto in altri paesi d’Europa), l’individuo è più inserito in una serie di reti sociali, la rete familiare e la rete amicale, e le persone sono più integrate in gruppi e anche la socialità quindi è diversa, nel senso che c’è più spirito di condivisione, c’è più spirito di collettività, ed è più normale trovarsi attorno a un tavolo a fare una cena o coltivare dei rapporti continuativi per anni. Qui c’è molta più mobilità, cioè le persone si spostano con molta più facilità sia per studiare che per lavorare, quindi sono molto più scollegati dalle loro famiglie d’origine, nonché dalle reti di amici. Quindi le persone sono molto molto cordiali, è molto piacevole andare al supermercato e avere tutti che ti sorridono, però poi in realtà quando si tratta di costruire delle relazioni più profonde, c’è più difficoltà nelle persone ad aprirsi agli altri perché la priorità è sempre quella del lavoro, dell’interesse individuale. Quindi qua secondo me si inserisce un po’ il discorso dell’etica del lavoro. Che da un lato permette di realizzare grandi cose, come dicevo prima rispetto all’accademia americana: credo che sia comunque la migliore al mondo perché è meritocratica, perché permette agli individui di realizzare effettivamente delle cose, però d’altro canto li obbliga anche ad annullarsi completamente nel loro lavoro perché per poter raggiungere quegli obiettivi devi lavorare giorno e notte.

164Ci spiega che in Italia dovrebbe:

cambiare il sistema universitario, come anche gli altri campi professionali. Mi riferisco all’esperienza di professori che io ho avuto in più di un posto: credo che l’Italia debba scrollarsi di dosso una gerontocrazia che soffoca le nuove generazioni, cioè una prevalenza di individui che negli anni mettono davanti i loro privilegi di casta, invece di un’apertura, di una flessibilità maggiore che permetterebbe ai giovani che si sono formati, che hanno studiato, che sono andati all’estero a fare esperienza, di mettere in pratica quello che hanno imparato. Invece, purtroppo, secondo me c’è questa tendenza delle generazioni più vecchie a soffocare questo dinamismo. Cioè, hanno dei privilegi conquistati e legittimi, che però creano una rigidità tale che le nuove generazioni sono destinate a contratti a progetto eterni: con un contratto a progetto non puoi farti un mutuo, non puoi uscire dalla casa dei tuoi genitori, non puoi sposarti, non puoi fare una serie di cose e rimani eternamente precario. Non ci sono possibilità. Io sono andata a parlare con dei professori, con cui sono rimasta in contatto, e loro mi hanno detto «non tornare, stai via, che comunque qua puoi essere Gesù Cristo, ma non hai opportunità». Quindi è frustrante, perché io sono qua che lavoro 20 ore al giorno e spero, un domani, di poter comunque fare qualcosa di meglio, cioè dici «mi sacrifico oggi e un domani magari farò qualcosa di…». Non lo so, gli Stati Uniti sono belli e interessanti, però, ti assicuro, New York è molto bella, però fuori da New York, ragazzi, non è poi così affascinante, anzi.

  • 88 Montreal, Canada cit.

165FVC88 ci dice che non è facile vivere in Canada, però.

Io so che per quanto mi riguarda sono stanchissima [ride], un dottorato qui al dipartimento di storia è qualcosa di delirante! Sto terminando le prime 12.000 pagine in francese e in inglese e poi qualcosa in italiano, perché fortunatamente per quanto riguarda la storia orale noi in Italia abbiamo Passerini e Portelli. So leggendo questo malloppo di 4.000 pagine sulla storia orale, Thompson e tutta sta gente qui! Il dottorato è un lavoro e non so se riuscirò mai a terminarlo. […] Certo che fatto all’estero diventa più interessante e più spendibile anche![ride]. E questo è quanto, non so cosa sarà di me. Venendo qui per la seconda volta ho fatto molto più fatica perché gli anni sono passati e questi inverni lunghi li reggo con meno piacere, li ho amati tanto mentre adesso mi pesano, come queste casette a tre piani da cui in inverno esci e devi spalare la neve [ride], se vuoi condurre un’esistenza normale, al mattino, al pomeriggio e alla sera, almeno tre volte al giorno sennò non esci fuori! Nel frattempo la rete di amicizie si è un po’ perduta, anche perché io non sono più professeur invité ma sono etudiante, immigrata, e cambia un po’ la cosa. Quindi non so se rimarrò qui o tornerò in Italia, e non so se riuscirò a terminare questo dottorato; mi piacerebbe tanto, ce la sto mettendo tutta, ogni giorno vado in biblioteca le mie sei o sette ore ogni giorno compresi il sabato e la domenica; ho una serie di tappe, esami e seminari, e li ho passati e tutto, però non lo so…

[…] Ecco [ride], è quello che io e mio marito ci diciamo: «ma proprio qui dovevamo finire, dove per sei mesi all’anno ci sono 20 gradi sotto zero, e un giorno non saremo più in grado di spalare tutta questa neve!». Però è anche vero che qui… tornare a vivere in Italia, è un paese di cui mi sono proprio disamorata… la mia italianità non l’ho mai riconosciuta davvero, piuttosto la mia torinesità, questo sì: in Torino io mi ritrovo, anche per come è cambiata, anzi mi piacciono i cambiamenti che hanno coinvolto la città e la sua popolazione, soprattutto dagli anni novanta in poi. Mi ritrovo nella città… ma nel paese molto meno.

  • 89 Montreal, Canada, cit.

166FLM89:

Credo che i miei sentimenti riguardo allo stare qui siano cambiati fortemente negli ultimi sei mesi: sono venuta in Italia quest’estate e per la prima volta da tre anni (sono sempre tornata tantissimo in Italia, due volte l’anno) ero contenta di ritornare a casa mia, e per me questo significava tornare qui. Tornare in Italia è difficile, mi rende emotiva, anche perché è un po’ complicato trovare l’equilibrio tra il vedere parenti, amici ed eventuali relazioni che si mantengono anche a distanza, il desiderio di vacanza e il bisogno di tempo per me. Perché io che ho sempre amato molto viaggiare, da quando sono qui ho sostanzialmente smesso, perché ogni tempo libero e ogni soldo viene investito per tornare in Italia, dove tra l’altro è tutt’altro che una vacanza perché, come dice un’amica di qui, anche lei italiana, è come essere in missione diplomatica, devi aver un’agenda per amici e parenti eccetera.

Sì, allora. Passati i primi sei mesi dal mio arrivo qui, dall’ultima volta che sono stata in Italia… A me non è che piacesse poi tanto stare qui i primi due anni. Il primo anno è stato terribile, il secondo difficile ma meglio, e con il terzo, adesso, inizio a sentirmi più a mio agio. Per tante cose: la vita in Nord America è molto distante da me come personalità, interessi, ritmi, tipi di interazione sociale, sia come clima. Non dimentichiamoci che in questo momento mi trovo a meno venti gradi e ho passato due settimane a meno quaranta. Ti giuro, quelli di qua escono a fare jogging a meno quaranta, e fanno sci di fondo e sono felici, mentre io a malapena vado a prendere il pane, per quanto mi sia abituata con il tempo a uscire e mi sia comprata delle scarpe terribili con le quali mai verrei in Italia, e la giacca da spedizione nordica. Ci sono anche questi aspetti un po’ frivoli di perdita dell’identità…

Saranno delle cazzate, cioè certamente tu dici: «non saranno mica un paio di scarpe e una giacca a costruire la mia identità», però questa situazione fa anche sì che ti guardi allo specchio e ti vedi diversa da come ti sei sempre vista o fai delle cose che non avresti mai fatto. Non ti senti a tuo agio a presentarti al mondo con una certa immagine perché non sei abituato, però anche il criterio di scelta della tua immagine a un certo punto sei costretto a cambiarlo.

  • 90 Londra, Regno Unito cit.

167MDM90:

Io sono uno di quegli italiani all’estero che non disprezza tanto il suo paese natale, sento molta gente che dice:« ah, l’Italia fa schifo, è una merda». Magari lo è, sicuramente lo è, però io in Italia sto bene, dell’Italia mi piace lo stile di vita, che non ha paragoni con lo stile di vita che puoi avere qua a Londra. Una cosa che so di sicuro è che non passerò il resto della mia vita in Inghilterra, specialmente a Londra, perché è una città che secondo me, per esperienza personale, dopo un po’ ti stanca, forse ti deprime anche, non so: forse la mancanza di sole, la gente stressata, pensano tutti al lavoro, così. Però, quello che mi manca, è veramente lo stile di vita, ed è una delle motivazioni che forse mi spingerebbe a tornare a vivere e a lavorare in Italia. Principalmente però per tornare a vivere in Italia dovrei avere delle buone sicurezze diciamo a livello lavorativo.

  • 91 15.10.2010, Bruxelles, Belgio.

168FGT91, Bruxelles, funzionario del Parlamento Europeo, alla domanda sull’intenzione di tornare risponde:

Beh, sì, anche perché ho gli affetti lì: i miei genitori, sono figlia unica, diventeranno anziani quindi io ho dei doveri e delle responsabilità nei loro confronti; e poi un futuro marito; quindi io non posso ragionare egoisticamente, perché ho la mia vita qui, sono soddisfatta dal punto professionale e tutto, ma sono sempre a metà. Sono felice, mi piace quello che faccio qui, ma i miei affetti sono in Italia, quindi arriverà il momento, che può esser più o meno vicino o lontano, di fare una scelta: la farò in tutta serenità e consapevole di farla, perché voglio conciliare la soddisfazione personale con la famiglia, che per me è al primo posto su tutto. Anche perché se uno dice «voglio pensare esclusivamente alla carriera», va benissimo, però stai da solo o hai affianco una persona che fa una vita simile alla tua e vi incontrate in aeroporto perché magari tu devi andare a Cipro e lui deve andare a New York. Vite così si possono fare, ma nel mio caso non è cosi, sono sempre io che mi muovo. Proprio perché sono una donna, se dovessi decidere di avere un figlio, a lui non vorrei far far la vita del pacco postale.

  • 92 Aberdeen, Scozia cit.

169FGB92 come molti altri ci dice: «A vivere non mi dispiacerebbe, ma a lavorare no; quando potrò non lavorare, magari verrò in Italia volentieri (ride)».

  • 93 Bahia, Brasile cit.

170MCM e FPB93, alla domanda su «Cosa deve cambiare in Italia», rispondono:

Per me deve cambiare la priorità dei valori, per cui finché in Italia la cosa più importante sarà avere l’ultimo cellulare, la macchina e il be cool, ecco proprio quella cosa lì non mi interessa più (FPB).

Sicuramente per me bisogna vivere in un modo più sostenibile e la cosa più importante non dev’essere la finanza, ma dev’essere la natura, il mondo, la nostra terra e quindi dobbiamo salvaguardarla: è difficile, un po’ utopico, però ci sono già dei paesi nordeuropei, o il Canada e la Nuova Zelanda, dove l’ambiente è posto in primo luogo. Dev’essere così, non abbiamo altre alternative (MCM).

  • 94 Londra, Regno Unito cit.

171FGS94

Il fatto che c’è la nostalgia: io sono felice qua ma ho quella sensazione che ha chiunque emigri di sentirsi diviso; sono grata a Londra e mi sono sentita molto bene accolta, sono stata fortunata, però è chiaro che il fatto di farlo perché uno sente di non avere altre opzioni… L’Italia non era per me un’opzione credibile: non mi e pesato andare via perché ho sempre avuto un’esperienza internazionale, sono curiosa e l’accademia britannica mi è sempre piaciuta, ma io poi mi sento profondamente italiana, mi mancano i miei amici e la mia famiglia e tutta una serie di cose. Quando torno qui penso alle cose che mi mancano dell’Italia, anche se poi quando sono in Italia ci sono delle cose che mi fanno arrabbiare e delle cose che mi mancano della Gran Bretagna.

  • 95 Santa Fé, Argentina, cit.

172FCT95, è tornata in Italia e alla domanda «Dove preferiresti vivere, in Argentina o in Italia» risponde:

Eh…[sospira] a me l’Argentina piace molto, ma io sono molto legata alla mia famiglia, quindi quando sono là c’è sempre qualcosa che manca. Dall’altra parte, anche quando sono qua c’è sempre qualcosa che manca. Ormai, avendo due famiglie, due mondi, non è neanche facile. L’Italia ha tanti aspetti positivi: la formazione territoriale in cui le distanze sono molto più brevi, gli affetti, la sicurezza, perché qui non è che non ci siano rischi, ma uno si sente anche un po’ più sicuro in determinati contesti.

L’Argentina è molto bella perché c’è un capitale sociale ancora maggiore. L’importanza che si dà alle relazioni e al tempo libero è molta, e quello si riflette nell’ambito lavorativo, perché spesso e volentieri il clima in cui uno lavora è giovanile, anche se è professionale fino a un certo punto, nel senso che contano molto i rapporti sociali. Quindi non so, dipende dalla mia adattabilità. Qui a volte non è che mi senta più limitata, però vedendo anche la situazione delle persone che mi circondano, i miei coetanei, che sono persone con delle competenze molto alte o che potrebbero imparare tanto e mettersi alla prova […] Il contesto lavorativo qui limita tanto. Magari una persona con tantissime competenze finisce a fare un lavoro dove queste non si sfruttano, per cui il suo percorsi di studi è come se fosse stato inutile. Io qui sento come una pressione sociale.

  • 96 Bahia, Brasile cit.

173C’è anche chi sostiene che ci vuole più coraggio a decidere di rimanere in Italia, come ci dicono MCM e FPB96 da Bahia:

A noi ci dicono sempre che siamo stati coraggiosi a fare la scelta che abbiamo fatto e noi diciamo sempre «il coraggio è di chi continua a rimanere in quella situazione», io li ammiro molto quelli che riescono a vivere in Italia in questo momento (MCM).

Io invece mi sento di dire per tutti coloro i quali sono spinti dal desiderio di fare il grande salto che è molto più facile da fare che da dire (FPB).

  • 97 Torino, Italia cit.

174Si può decidere di tornare in Italia per portare le proprie esperienze nell’ambito della cooperazione internazionale per far fronte alla drammatica situazione che sta attraversando l’Italia in questi ultimi anni: MFL97, sposato a San Paolo con una brasiliana, decide di tornare in Italia nel 2010, a lavorare per Action Aid perché a un certo punto si è chiesto:

Action Aid è un’organizzazione che lavora molto nel Sud del mondo… che senso ha discutere di governance e di empowerment delle comunità in India, se non ci si preoccupa della governance delle comunità italiane e delle città italiane? […] durante la mia esperienza di lavoro in Brasile ritornava spesso questo pensiero: l’Italia va a rotoli e quindi siccome io ho sempre avuto una visione politica in questo senso mi sembra importante il fatto di potersi impegnare anche in Italia per l’Italia, o per l’Europa o per Torino, insomma. Perché l’idea è che tutti i paesi sono uguali, che buone pratiche di là possono funzionare anche qua, quindi io ho anche un po’ questa speranza, che fino adesso non sono riuscito ancora necessariamente a mettere in pratica, però… io penso che buone pratiche brasiliane e forme che la cooperazione si possano attuare sul nostro territorio. Faccio un esempio, la cooperazione allo sviluppo proprio perché, come dire, a un certo punto si è resa conto che «dare il pesce non serviva a niente» […], si è molto impegnata negli strumenti per insegnare a pescare. Quando vieni in Italia e vedi le nuove povertà che vengono affrontate dallo stato sociale che diminuisce sempre, nella logica di dare il pesce […]: ad esempio tu non hai la casa, magari la casa tu hai gli strumenti per costruirla o per ristrutturarla, se non hai un lavoro e non riesci a inserirti nel mercato formale magari puoi fare altre cose, questa è una cosa su cui ci si è giocato molto di più all’estero. Quindi è un po’ questa l’idea di Action Aid, tentare di lavorare sul territorio non sostituendosi a organizzazioni che già lo stanno facendo, ma contribuire a processi che sono già in corso e quindi a me è sembrata una sfida interessante.

175Nel 2011, durante i lavori della Summer Academy del Centro Altreitalie che aveva riunito giovani studosi di migrazioni sparsi in ogni parte del mondo, abbiamo fatto circolare un questionario/intervista sulle loro esperienze di mobilità. Si tratta di una decina di giovani laureati, dalla specialistica in su, che si trovavano, o erano stati all’estero per motivi di studio. Le risposte più interessanti sono state quelle che si riferivano alla domanda sull’intenzione di tornare in Italia alla fine del periodo di studi lontano da casa. Da notare come, anche in questo caso, vengano considerate migrazioni gli spostamenti in altre città italiane per motivi di studio.

176XX ventiseienne di Udine risponde: «resterò in Italia se troverò progetti di studio-lavoro altrimenti all’estero».

177XX di Lecce, dopo aver studiato in Spagna, si è trasferita a Torino «Purtroppo sono tornata perché all’epoca studiavo e non avevo valutato bene le opportunità lavorative».

178XX 28 anni di Napoli in Francia per Erasmus poi, per svolgere un dottorato è tornata a Napoli, ma è pronta a ripartire «perché credo che per chi faccia ricerca sia indispensabile viaggiare e conoscere altri contesti lavorativi, ma anche perché a Napoli siamo lontani da qualsiasi forma di vivere civile. Molto spesso è umiliante. Per questo motivo, anche se per varie ragioni non dovessi continuare la strada della ricerca, proverei comunque a lasciare la mia città modellando le mie conoscenze e le mie passioni su altre esigenze lavorative».

179XX 29 anni, Catania, Erasmus in Francia, dottoranda vive con la famiglia e resterebbe in Italia alla fine del dottorato ma si dichiara disponibile a partire…

180XX, 38 anni, due anni e mezzo a Parigi come ricercatore, tornato in Italia «non disdegnerebbe di tornare a emigrare».

181XX 30 anni, di Napoli, borsista, include nel suo passato migratorio le migrazioni interne, a Roma, a Cambridge per 3-4 mesi all’anno per motivi di ricerca, vorrebbe continuare il suo pendolarismo.

182XX 33 anni, ricercatore, nato in provincia di Avellino, 14 anni a Zurigo, poi 5 ad Avellino, poi di nuovo a Ginevra. Alla domanda «Torneresti in Italia?» risponde: «Vorrei, vorrei, vorrei, ma non so. Penso che si difficile».

183XX 30 anni di Oristano, Erasmus e lavoro a Parigi, poi a Aix-en Provence. È tornata in Italia ma non esclude «la possibilità di spostarsi all’estero».

184XX 27 anni, dottoranda con soggiorni di un anno a Madrid, Torino, Siena, dichiara: «Sono in Italia, ma non mi dispiacerebbe tornare all’estero, non come emigrante definitiva, ma per periodi di un anno o vari mesi, anche in città diverse».

185XX 32 anni, dottore di ricerca, nato in Svizzera da famiglia di origine italiane, ha vissuto in Italia, Stati Uniti e Inghilterra e risiede attualmente in Svizzera dove fa l’insegnante. Verrebbe a vivere in Italia se trovasse un lavoro interessante.

186Se andiamo a vedere le risposte aperte del questionario alla voce «Perché tornare», i motivi principali che si evincono dalle risposte per il ritorno sono: la famiglia, l’Italia, intesa in senso positivo, si menzionano infatti arte paesaggio, ma anche cibo e sole, gli amici:

amo la gente Italiana, il cibo, il clima, il paesaggio, l’arte. ogni cosa in Italia è il top. quello che manca è la buona amministrazione, e una mano d’aiuto sostanziosa per i giovani che non ce la fanno a mantenersi economicamente, soprattutto.

in paesi in via di sviluppo in asia da più di 5 anni per ragioni di lavoro, non e’ facile, mi mancano molte cose, dalle più basilari come il cibo, andare a cinema o a teatro, o essere libera di passeggiare senza rischiare di essere aggredita.

  • 98 Risposte anonime riprese dal questionario.

è il mio paese, amo la mia cultura, la mia città e le mie radici, la gente, le abitudini, ho piacere sempre di rivedere amici, parenti e conoscenti98.

187Un’analisi di genere delle risposte mostra poi che agli uomini manca più l’Italia, mentre alle donne tutto ciò che è legato alla sfera familiare e affettiva: Italia/italiano sono citati da 163 maschi e 83 femmine, mentre famiglia, genitori, parenti sono menzionati dal 65,2% delle donne.

Notes

1 Si veda il n. monografico di Altreitalie 2006, «Germania. Vecchie e nuove mobilità».

2 http://www.ilfattoquotidiano.it/category/cervelli-in-fuga

3 http://racconta.repubblica.it/italiani-estero/risultatitotali2.php e www.vivoaltrove.it, cfr. Cucchiarato, 2011, pp. 64-72; Id., 2010.

4 http://nuvola.corriere.it/2012/12/22/giovani-allestero-ecco-il-curriculum-per-leuropa/ , Riboni, 2013.

5 http://fugadeitalenti.wordpress.com/2013/08/02/, ultima consultazione 7.1.2014.

6 I racconti che qui presentiamo sono stati inviati all’viii Edizione del Premio Pietro Conti, Scrivere le migrazioni, nel 2012. I racconti di Bruna Peyrot, «Migrante nel cuore» e Francesca Sabatini, «Uscita d’emergenza. Storia di una giovane migrante in volo a mezz’aria» sono in corso di stampa.

7 Le interviste sono state condotte da Alvise Del Pra’. Indichiamo la data in cui sono state effettuate e il paese in cui si trovava l’intervistato al momento. Per rispettare la privacy sono stati sostituiti i nomi con una sigla, la prima lettera indica il sesso. Gli estratti delle interviste non hanno subito interventi redazionali, salvo la cancellazione di alcuni riferimenti che avrebbero compromesso l’anonimato.

8 04.03.2014, Londra, Regno Unito.

9 Dicembre 2006, Berlino, Germania.

10 16.1.2013, Tucson, Arizona.

11 07.11.2012, Pechino, Cina.

12 16.10.2010, Bruxelles, Belgio.

13 15.10.010, Bruxelles, Belgio.

14 2010, Bruxelles, Belgio.

15 3.04.2009, Buenos Aires, Argentina.

16 2.05.2013, Bucarest, Romania.

17 9.11.2012, Bahia, Brasile.

18 16.04.2011, Torino, Italia.

19 18.3.2013, Aberdeen, Scozia.

20 22.11.2012, Barcellona, Spagna.

21 5.11.2012, Oslo, Norvegia.

22 2010, Bruxelles, Belgio.

23 21.06.2013, Montreal, Canada.

24 8.02.2013, Berlino, Germania.

25 12.3.2013, Barcellona, Spagna.

26 16.10.2010, Bruxelles, Belgio.

27 Bruxelles, Belgio cit.

28 Bruxelles, Belgio cit.

29 Aberdeen, Scozia cit.

30 12.12.2012, Lagos, Nigeria.

31 31.10.2012, Copenaghen, Danimarca.

32 18.12.2012, Filippine.

33 9.11.2012, Bahia, Brasile cit.

34 16.07.2013, Pechino, Cina.

35 Londra, Regno Unito cit.

36 Bucarest, Romania cit.

37 25.11.2009, Dubai, Emirati Arabi.

38 Berlino, Germania cit.

39 Sui rapporti tra vecchi en nuovi migranti si veda «Pavoni e camaleonti», cit.

40 Il testo riportato non ha subito interventi redazionali, ma per salvaguardare la privacy, abbiamo tolto i nomi e altri riferimenti che avrebbero consentito l’identificazione dei soggetti. 3.7.2013 «Italiani a Monaco».

41 Lagos, Nigeria, cit.

42 Dubai, Emirati Arabi cit.

43 Pechino, Cina, cit.

44 2010, Belgio, Bruxelles.

45 25.06.2013, Bruxelles, Belgio.

46 Tucson, Arizona cit.

47 22.02.2013, Montreal, Canada.

48 Dubai, Emirati Arabi cit.

49 Lagos, Nigeria cit.

50 30.08.2006, Berlino, Germania.

51 3.10.2006, Berlino, Germania.

52 2006, Berlino, Germania.

53 30.08.2006, Berlino, Germania

54 Berlino, Germania cit.

55 Buenos Aires, Argentina cit.

56 26.06.2013, Santa Fé, Argentina.

57 Bruxelles, Belgio cit.

58 Bruxelles, Belgio cit.

59 Pechino, Cina cit.

60 Dubai, Emirati Arabi cit.

61 Barcellona, Spagna cit.

62 Filippine cit.

63 22.07.2013, Torino, Italia.

64 Tucson, Arizona cit

65 Londra, regno Unito cit.

66 Bruxelles, Belgio cit

67 Pechino, Cina cit.

68 Dubai, Emirati Arabi cit.

69 L’intervista risale a 2010, Il 22 Luglio la legge è stata riformata secondo la «Normativa Amministrativa della Repubblica Popolare Cinese sull’entrata e l’uscita di cittadini Stranieri (Ordine N 637 del Consiglio di Stato)», che aggiorna l’attuale sistema dei visti e introduce sostanziali cambiamenti nel processo di richiesta del permesso di soggiorno.

70 Torino, Italia cit.

71 Barcellona, Spagna, cit.

72 Copenhagen, Danimarca cit.

73 Montreal, Canada cit.

74 Pechino, Cina cit.

75 8.03.2013, Londra, Regno Unito.

76 Bruxelles, Belgio cit.

77 Bruxelles, Belgio cit.

78 Bruxelles, Belgio cit.

79 Lagos, Nigeria cit.

80 Pechino, Cina cit.

81 Pechino, Cina cit.

82 16.10.2010, Bruxelles, Belgio.

83 Bruxelles, Belgio cit.

84 Bahia, Brasile cit.

85 Bruxelles, Belgio cit.

86 Bruxelles, Belgio cit.

87 Tucson, Arizona cit.

88 Montreal, Canada cit.

89 Montreal, Canada, cit.

90 Londra, Regno Unito cit.

91 15.10.2010, Bruxelles, Belgio.

92 Aberdeen, Scozia cit.

93 Bahia, Brasile cit.

94 Londra, Regno Unito cit.

95 Santa Fé, Argentina, cit.

96 Bahia, Brasile cit.

97 Torino, Italia cit.

98 Risposte anonime riprese dal questionario.