Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La meglio Italia

 | 
Maddalena Tirabassi
, 
Alvise del Pra’

5. Conclusioni

Texte intégral

1L’intreccio di fonti diverse – le statistiche, il questionario e le fonti orali – ci ha permesso di tracciare uno spaccato del nuovo e complesso fenomeno migratorio italiano seguendo procedimenti euristici per una sua prima interpretazione.

2La difficoltà principale è consistita nel distinguere un movimento che si innesta all’interno di dinamiche tipiche della globalizzazione, e numericamente simili agli altri paesi ocse, e una partenza dettata dalle condizioni socioeconomiche del paese, come testimonia il fatto che a partire non siano solo gli italiani, ma anche gli immigrati. A giudicare dalle mere cifre statistiche le motivazioni per lasciare l’Italia non sembrano mancare quindi né per i soggetti più qualificati in possesso di almeno una laurea, né in generale per i meno qualificati. Sarebbe però troppo semplice ragionare in termini di fattori push & pull e rilevare una relazione diretta tra i fattori economici ed emigrazione, tanto più che i dati statistici sulle dimensioni dei flussi non sono univoci. Già lo studio delle migrazioni del passato difficilmente si esauriva nella correlazione tra elementi economici e flussi migratori. In misura ancora maggiore questo vale per migrazioni contemporanee che, come abbiamo visto, non possono essere comprese attraverso i paradigmi tradizionali della migrazione per lavoro, in particolare per le nuove mobilità tra paesi con un economia avanzata. La moltitudine delle possibili motivazioni che spingono a partire, e gli infiniti possibili fattori d’attrazione dei diversi paesi all’estero, impongono una particolare cautela per evitare approssimativi rapporti di causa effetto. L’analisi delle mobilità studentesche, ad esempio, mostra che per molti l’esperienza all’estero rappresenta un primo passo verso nuove partenze.

3L’eterna questione del sistema di rilevamento dei dati si presenta anche nel monitoraggio dei nuovi flussi migratori (Marucco, 2001). In Italia i dati istat e aire, come abbiamo ampiamente illustrato, risultano inadeguati alla misurazione delle nuove forme migratorie fluide e multiple. Il problema non è naturalmente solo italiano. Le rilevazioni sulle immigrazioni effettuate all’estero spesso non tengono conto della nazionalità degli immigrati, ma si limitano a registrare il paese di provenienza, mettendo assieme, nel nostro caso, i cittadini italiani e gli immigrati che provengono dall’Italia, o non conteggiano più come italiani coloro che hanno la doppia cittadinanza. Ne consegue che nemmeno le statistiche ufficiali dei paesi di insediamento sono affidabili per misurare il fenomeno. I dati statistici italiani e dei paesi di insediamento confermano comunque un fenomeno in continua crescita e il loro confronto segnala l’inadeguatezza delle rilevazioni italiane e straniere nella sua misurazione. Per fare alcuni esempi, nel Regno Unito nel periodo marzo 2012-marzo 2013 vi sono state 32.800 richieste del codice fiscale/tessera sanitaria (National Health Insurance Number) a fronte di sole 7.404 cancellazioni verso il Regno Unito registrate dall’ istat nel 2012. In Spagna, nel 2012, sono stati 12.013 gli ingressi di italiani registrati dall’ufficio statistico spagnolo (ine), a fronte di 3.636 cancellazioni registrate dall’istat. Per Australia l’istat registra 1.339 cancellazioni anagrafiche. A distanza di sei mesi (settembre 2013) il Department of Immigration and Border Protection dell’Australia segnala la presenza di 18.610 cittadini italiani con visti di breve durata.

4In estrema sintesi, l’analisi relativa ai flussi in entrata svela, da un punto di vista numerico, un fenomeno ben più ampio rispetto alle poche statistiche disponibili in Italia, con un chiaro trend di crescita a partire dalla fine degli anni zero.

5Le testimonianze dirette ottenute attraverso il questionario e le interviste ci permettono di entrare nel merito, oltre che delle motivazioni delle scelte, della vita all’estero, aiutandoci così a cogliere gli elementi di novità dei migranti della globalizzazione. Per quello che riguarda il lavoro, a fronte di un generale miglioramento delle condizioni contrattuali, si ha una forbice molto ampia per quello che riguarda le retribuzioni dipendente da numerose variabili come la formazione, il paese di insediamento, ma anche dalle scelte individuali. Ad esempio lavorare per una ong, o perseguire la proprie aspirazioni artistiche vivendo con l’assegno di welfare, mettendo da parte una laurea da ingegnere aerospaziale. Si ha anche un’ampia serie di testimonianze sulle difficoltà e i sacrifici affrontati nei nuovi contesti: orari di lavoro lunghissimi, sia nelle università che nelle pizzerie, condizioni climatiche e ambientali estremamente dure, pericoli del lavoro o studio in zone di guerra. Una nota positiva è data dai livelli di integrazione che risultano buoni dal punto di vista sociale e culturale a testimonianza dell’emergere di una generazione di italiani non più provinciale, se non cosmopolita. Una generazione, anche, che è dovuta andare all’estero per cominciare ad apprezzare l’Italia.

6I risultati del questionario e le interviste consento inoltre di effettuare un raffronto tra mobilità contemporanee e migrazioni storiche. I migranti italiani della globalizzazione si muovono per scelta, o perlomeno ne sono quasi tutti convinti. La ricerca di una migliore qualità della vita figura spesso nelle motivazioni all’espatrio, e se andiamo a veder cosa si intende, vediamo che per lo più si riferisce a una maggior tutela dei diritti delle donne e delle minoranze in generale. Il risparmio non è presente tra le loro priorità, il concetto di rimessa, tanto importante nelle migrazioni del passato, di fatto non compare mai, partono per lo più da soli, sono egualmente divisi tra uomini e donne e hanno alti livelli di istruzione e professionalità. Il capitale sociale della catena migratoria è stato sostituito dalla formazione e dal plurilinguismo. Anche il loro tipo di socializzazione e inserimento all’estero è diverso grazie alla diffusa conoscenza delle lingue: arrivano da pari, frequentano autoctoni, o altri stranieri come loro, non creano piccole italie o associazioni, se si escludono quelle virtuali. Si muovono nei contesti transnazionali delle ditte e delle università. Hanno relazioni, se non matrimoni, spesso esogamiche. Sono rari i casi in cui si sentono discriminati. Professano identità in questo caso vecchie e nuove: quella glocal, che si manifesta col grande attaccamento al luogo d’origine, in combinazione con quella europea che surclassa l’italiana, probabilmente per protesta, alla stregua del garibaldino di De Amicis che inveiva contro l’Italia che lo aveva costretto a emigrare. Il tratto della giovane età non rappresenta, invece, un punto di rottura con il passato poiché anche allora i primi a emigrare erano i giovani in grado di lavorare a cui, va aggiunto, che si aveva un concetto di gioventù secondo cui i quarantenni erano considerati già vecchi.

7Alla luce di quanto detto, emerge come i glomigrants presentino nuove forme di cittadinanza che pongono sull’agenda la necessità di riesaminare le categorie di analisi e gestione delle migrazioni, dalle rilevazioni statistiche che non riescono a contarli, a quelle giuridiche che impediscono, o rendono difficile, l’esercizio del diritto di voto.

8Ma va detto anche che le nuove mobilità possono essere lette solo in parte come espressione del fallimento del paese, poiché sono rappresentative della nuova libertà di circolazione nella globalizzazione, e costituiscono un’occasione per acquisire esperienze da riportare eventualmente in Italia.

9Permane però il rischio per il paese che disoccupazione giovanile, e difficoltà d’inserimento professionale, diventino la prima forte motivazione emigratoria trasformando, quindi, un fenomeno caratterizzato dalla reversibilità della scelta e dal carattere transitorio, per ora ascrivibile alle dinamiche di globalizzazione e di internazionalizzazione dei percorsi formativi e professionali, in una vera e propria fuga della «meglio Italia».