Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La meglio Italia

 | 
Maddalena Tirabassi
, 
Alvise del Pra’

2. La guerra dei numeri

Texte intégral

  • 1 La creazione di un un’Anagrafe Civile Europea Integrata ecrn (European Civil Registry Network) è st (...)

1Il fenomeno delle nuove mobilità italiane nel mondo continua a essere difficile da quantificare. L’assenza di cifre attendibili è dovuta a un insieme di cause che possono essere riassunte come segue. Per ciò che riguarda le migrazioni verso paesi appartenenti alla cosiddetta Area di Schengen il problema nasce proprio dalla libertà di circolazione. L’assenza di frontiere, visti, e spesso anche permessi di residenza, crea un vacuum anagrafico accentuato anche dall’assenza di un registro di stato civile europeo unico, di un’anagrafe dell’Unione Europea, per dirla con altre parole1. Gli studi europei si concentrano sulle teorie politiche, legali, finanziarie ed economiche mentre si sa poco per quello che riguarda le conseguenze della libertà di movimento fra i paesi e l’effettivo ammontare della popolazione europea che oltrepassa i confini interni all’Unione.

2La difficoltà nel reperire dati attendibili è poi accentuata dal fatto che, con l’avvento della globalizzazione e l’incremento dei mezzi di trasporto – treni ad alta velocità, voli di linea low cost e così via – gli spostamenti si sono fatti sempre più facili e frequenti così come, in molti casi, il periodo di permanenza è diminuito. Vi sono poi gli esempi di individui dei quali è pressoché impossibile definire un paese di stanziamento e che di fatto conducono, perlopiù per motivi di lavoro, un nomadismo cosmopolita continuo, costituendo le cosiddette migrazioni multiple e fluide.

3Per ovviare all’assenza, o meglio incompletezza, di dati relativi al numero effettivo di italiani in uscita dal nostro paese – stime attendibili parlano di un italiano su due che si iscrive all’aire – abbiamo capovolto la questione andando a cercare i dati statistici dei vari istituti dei paesi di destinazione dei migranti italiani. Perché, se da un lato è vero che spesso si va all’estero senza abbandonare la residenza in Italia, dall’altro lato è assai difficile lavorare e stabilirsi in un paese straniero senza espletare un qualche iter burocratico. Nel caso di paesi extraeuropei, come ad esempio gli Stati Uniti, ciò avviene attraverso la richiesta di un visto d’immigrazione, per motivi di studio, per lavoro qualificato e così via. In alcuni paesi europei, è necessaria un’iscrizione all’anagrafe, in altri ancora, come ad esempio nel Regno Unito, non c’è obbligo di registrarsi, ma occorre fare richiesta per un codice fiscale e/o numero della tessera sanitaria, il National Health Insurance Number (nhl).

4I dati sono stati forniti da diversi enti, istituti nazionali di statistica, anagrafi, ministeri e così via, e sono stati raccolti con metodologie differenti, in alcuni casi sono disaggregati e spesso non coincidono nemmeno i periodi di riferimento. L’utilizzo di fonti tanto diverse necessita un approccio molto prudente. Le statistiche che seguono non possono, quindi, che dare delle indicazioni e segnalare delle tendenze e, solamente in alcuni casi, colmare quelle lacune dovute all’incompletezza dell’anagrafe italiana.

2.1. I dati italiani

5L’istat elabora annualmente i dati relativi al trasferimento di residenza dei comuni italiani. Quando viene registrato un cambio di residenza, le anagrafi trasmettono un modello di rilevazione per via cartacea o telematica all’istat, sia che si tratti di un trasferimento presso un altro comune, sia che vi sia una cancellazione verso l’estero, e quindi un’iscrizione all’aire. Il sistema rileva solo una parte di coloro che emigrano: nonostante l’obbligo di iscriversi all’anagrafe estera dopo un anno di permanenza nel paese straniero, si stima che solamente uno su due italiani all’estero compia questo passaggio.

6L’istat traccia quindi le dimensioni ufficiali del fenomeno con 106.216 trasferimenti verso l’estero nel solo 2012, un incremento di 24.000 unità (28,8%) rispetto all’anno precedente (istat, 2012, p. 2) e di 155 punti percentuali rispetto a dieci anni prima (censis, 2013, p. 33). Questo dati, occorre però notare, includono anche i cittadini stranieri presenti nel paese. 67.998 riguardano i soli cittadini italiani, con una crescita rispetto al 2011 del 36%. In concomitanza calano gli ingressi dei cittadini italiani (circa 2.000 unità in meno, -6,4% rispetto al 2011) generando un saldo migratorio negativo (-39.000) più che raddoppiato rispetto all’anno prima quando risultava pari a meno 19.000 (istat, 2014, p. 2).

Figura 1. Cancellazioni per l’estero totale e di cittadini italiani, 2007-2012 (valori assoluti)

Figura 1. Cancellazioni per l’estero totale e di cittadini italiani, 2007-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati istat

7Gran parte dei «nuovi migranti italiani» sceglie come mete paesi dell’Europa occidentale. La prima destinazione si conferma essere la Germania, seguita da Svizzera, Regno Unito e Francia. Questi quattro paesi da soli accolgono quasi la metà dei flussi. Indicativo è il fatto che, nonostante si tratti di mete migratorie del secondo dopoguerra, caratterizzate dai ritorni di pensionati italiani nel loro paese d’origine, il saldo tra uscite ed entrate dal 2000 resti negativo (Colaiacomo, 2012, p. 30).

Tabella 1. Cittadini italiani cancellati per paese di destinazione, 2012 (valori assoluti)

Paese di origine/destinazione

Emigrati

Immigrati

Saldo

Germania

10.352

4.453

-5.899

Svizzera

8.431

2.850

-5.581

Regno Unito

7.404

2.202

-5.202

Francia

6.639

2.106

-4.533

Stati Uniti d’America

4.429

2.030

-2.399

Spagna

3.636

1.561

-2.075

Belgio

2.165

673

-1.492

Brasile

2.758

1.415

-1.343

Austria

1.437

232

-1.205

Australia

1.339

457

-882

Argentina

1.549

690

-859

Paesi Bassi

1.139

336

-803

Irlanda

794

239

-555

Cina

921

476

-445

Canada

821

416

-405

Altri Paesi

14.184

9.331

-4.853

Totale

67.998

29.467

-38.531

Fonte: istat 2014

8Il 47° rapporto censis del 2013 presenta un capitolo dal titolo «I giovani, navigatori del nuovo mondo globale» nel quale, oltre a un riassunto delle dimensioni del fenomeno (basato su dati istat), presenta i primi risultati di un’indagine condotta nell’ottobre del 2013 riguardante in prevalenza giovani e persone sotto i 45 anni residenti all’estero. L’inchiesta segnala che le famiglie che hanno avuto una persona all’estero per più di tre mesi sono circa 1.130.000, il 4,4% del totale. Nel 29% dei casi il parente sarebbe tornato, il 71% (ca. 800.000 persone) invece si trovava ancora all’estero al momento dell’intervista e di questi il 30% vi si trovava da oltre un anno (censis, 2013, p. 33).

  • 2 L’aire, istituita con legge 27 ottobre 1988, n. 470, contiene i dati dei cittadini italiani che ris (...)
  • 3 A titolo di esempio citiamo il movimento di studenti Erasmus che chiesero anche attraverso una lett (...)

9Passando a esaminare i dati aire, la fonte più utilizzata per effettuare stime delle recenti migrazioni, occorre rilevare che costituisce uno strumento utile, ma insufficiente a fornire dati relativi alle migrazioni contemporanee poiché vi si possono iscrivere, oltre agli italiani all’estero, anche i discendenti degli italiani che hanno acquisito la cittadinanza2. D’altro canto i dati aire possono essere più utili nei paesi nuovi alle migrazioni italiane, come la Cina e la Norvegia. L’iscrizione all’aire è volontaria e implica la cancellazione anagrafica in Italia e quindi la rinuncia alla residenza italiana, la cancellazione dal sistema sanitario italiano e dalle liste elettorali della circoscrizione italiana. Ne consegue che spesso si tende a procrastinare l’iscrizione – obbligatoria a partire da un anno di residenza all’estero – e in molti casi si trascuri del tutto questo passaggio. Ciononostante il trend di crescita delle iscrizioni è particolarmente significativo e testimonia un cambiamento non solo nella composizione della popolazione italiana all’estero, ma forse anche nell’atteggiamento verso l’aire. Di fatto l’iscrizione consente di votare via posta attraverso le circoscrizioni elettorali all’estero e diversi indicatori segnalano un accresciuto interesse per questa modalità di voto3. Non è escluso, quindi, che cittadini italiani già residenti da periodi più o meno lunghi, senza cancellarsi dall’anagrafe d’origine, si siano iscritti «in ritardo» per esprimere il loro voto senza dover tornare in Italia.

10Il numero degli italiani all’estero, secondo l’aire, nel 2012 è cresciuto rispetto all’anno precedente del 3,1%, toccando le 4.341.156 unità e rappresentando quindi il 7,3% dei cittadini italiani.

Figura 2. Italiani iscritti all’aire, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 2. Italiani iscritti all’aire, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

Figura 3. Ripartizione per circoscrizione al 31 dicembre 2012 (valori assoluti)

Figura 3. Ripartizione per circoscrizione al 31 dicembre 2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

11Il 54,5% degli italiani all’estero si trova all’interno dell’Europa, mentre il 40,1% risiede nelle Americhe. Gli stati dove si riscontra la maggiore presenza di cittadini italiani sono l’Argentina, la Germania, la Svizzera, la Francia, il Brasile, il Belgio, gli Stati Uniti e il Regno Unito.

12Solo il 3,1% si trova in Oceania, l’1,3% in Africa e l’1% in Asia. Tuttavia, è proprio verso il continente asiatico che si osserva un forte incremento della presenza italiana, che registra nel 2013 un aumento del 18,5% rispetto al 2011, e dell’8,6% rispetto al 2012. Una parte consistente si dirige in Cina, che è tra le mete asiatiche favorite da ormai sette anni, e che accoglie una percentuale di italiani residenti triplicata rispetto a quella del 2006. A seguire, l’aumento della presenza italiana più consistente si verifica nelle Americhe, nel 2013 si segnala un +6,8% rispetto al 2012, quindi in Africa (+5,7%), in Europa (+4,5%) e in Oceania (+3,6%).

13Il 52,8% (quasi 2.300.000) degli italiani residenti all’estero all’inizio del 2013 è partito dal Meridione, il 32% (circa 1.390.000) dal Nord e il 15% dal Centro Italia (poco più di 662.000).

Tabella 2. Iscritti all’aire divisi per nazioni scelte, sesso e fascia d’età (valori assoluti e in percentuale)

Tabella 2. Iscritti all’aire divisi per nazioni scelte, sesso e fascia d’età (valori assoluti e in percentuale)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire aggiornati al 31 dicembre 2012

14Il discorso cambia nel momento in cui si va a osservare l’emigrazione contemporanea dei 20-40enni. Secondo i dati aire elaborati da Sergio Nava, nel 2012 la prima regione per cancellazioni anagrafiche è stata la Lombardia, che ha visto partire 6.111 persone, seguita dal Veneto (3.277) e dalla Sicilia (3.110). Quarto il Piemonte (2.718), quinto il Lazio (2.542), seguono Campania (2.421), Emilia-Romagna (2.195), Puglia (2.036), Toscana (1.711), Calabria (1.693).

Tabella 3. Iscritti all’aire per principali paesi (2005-2012) (valori assoluti)

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

Francia

363.542

347.836

348.722

353.844

357.351

364.165

366.170

373.145

Svizzera

491.226

498.331

500.565

516.877

528.623

536.607

546.614

558.545

Germania

575.565

581.970

582.111

607.489

623.407

631.243

639.283

651.852

Belgio

239.374

234.095

235.673

242.222

246.967

248.070

252.257

254.741

Paesi Bassi

28.042

29.027

29.728

31.178

32.069

33.317

34.367

35.715

Lussemburgo

21.458

21.773

21.701

21.393

22.445

22.965

23.373

23.960

Spagna

62.986

72.806

83.924

95.700

104.945

113.584

118.690

124.013

Regno Unito

164.961

164.762

170.927

181.733

189.432

197.511

202.678

210.690

Irlanda

4.962

5.551

6.189

6.910

7.224

7.463

7.883

8.545

Danimarca

4.131

4.150

4.240

4.364

4.627

4.838

5.010

5.328

Norvegia

1.973

2.186

2.289

2.422

2.625

2.812

3.035

3.309

Svezia

7.416

7.459

7.672

8.054

8.410

8.701

9.149

9.666

Finlandia

1.545

1.740

1.853

2.067

2.289

2.447

2.575

2.747

Polonia

1.917

2.095

2.269

2.450

2.654

2.871

3.108

3.392

Romania

2.080

2.208

2.432

2.640

2.861

3.062

3.324

3.810

Ungheria

1.437

1.646

1.810

2.016

2.172

2.261

2.392

2.566

Stati Uniti d’America

228.234

199.106

200.534

207.166

209.855

215.528

217.122

223.429

Canada

151.114

131.277

131.775

133.122

132.734

134.617

135.070

137.045

Brasile

211.822

217.554

229.746

257.327

268.047

284.388

298.370

316.699

Argentina

451.755

491.229

527.570

575.855

619.173

648.333

664.387

691.481

Cina

1.275

1.989

2.521

3.129

3.790

4.746

5.088

5.841

Giappone

1.795

1.981

2.147

2.313

2.440

2.578

2.653

2.789

Australia

120.809

117.545

120.239

123.052

125.579

128.609

130.570

133.123

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire aggiornati al 31 dicembre 2012

Figura 4. Provenienza regionale degli italiani iscritti all’aire al 31 dicembre 2012 (valori assoluti)

Figura 4. Provenienza regionale degli italiani iscritti all’aire al 31 dicembre 2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

15Le mete invece in parte non si discostano molto dall’emigrazione per lavoro del secondo dopoguerra. A giudicare dai dati, la maggior parte (il 69,2%) dei 20-40enni rimane in Europa, dove le mete principali sembrano essere in primis la Germania, seguita da Gran Bretagna, Svizzera, Francia, Spagna e Belgio. Nella classifica generale vanno poi inseriti gli Stati Uniti al sesto posto, Argentina all’ottavo e il Brasile al nono.

2.2. Le mete: il vecchio continente (Francia, Svizzera, Germania, Benelux, Spagna, Regno Unito, Scandinavia e Paesi dell’Est)

Francia

16La Repubblica Francese ha vissuto un calo regolare della propria popolazione italiana a partire dagli anni sessanta fino alla metà degli anni zero a causa delle naturalizzazioni, dei ritorni e dei decessi (Toscano, 2011; Fassio, 2013; Corti, 2003). L’inversione del trend, osservabile dai dati aire a partire dal 2006, si spiega, oltre che per un riordino dell’anagrafe, e per l’iscrizione di italiani che da tempo vivevano in terra francese, con una crescita delle migrazioni contemporanee. Dagli ultimi dati disponibili, relativi al 2011, vi sarebbe un forte incremento nei flussi verso il paese transalpino. In quell’anno le partenze degli italiani verso la Francia sarebbero state 5.000 a fronte delle 4.000 dell’anno precedente, mentre dal 1995 al 2009 il loro numero si era sempre mantenuto sulle 2.000-3.000 unità (Fondazione ismu, 2013, p. 9).

Figura 5. Popolazione italiana iscritta all’aire in Francia, 2005-2012

Figura 5. Popolazione italiana iscritta all’aire in Francia, 2005-2012

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

17Ciononostante, la popolazione italiana in Francia continua a mantenere una struttura demografica sbilanciata verso le fasce d’età più anziane. Di fatto il 60% della popolazione attiva nata in Italia, nel 2008, aveva tra i 45 e 60 anni.

Tabella 4. Popolazione attiva nati in Italia in Francia, 2008 (valori assoluti)

20 a 24 anni

1.678

25 a 29 anni

4.409

30 a 34 anni

6.375

35 a 39 anni

7.616

40 a 44 anni

9.601

45 a 49 anni

14.168

50 a 54 anni

22.805

55 a 59 anni

18.347

60 a 64 anni

5.336

65 anni e oltre

2.785

Totale dai 15 anni in su

93.415

Fonte: insee, Recensement de la population 2008

18Purtroppo i dati francesi dell’Institut national de la statistique et des études économiques (insee) non permettono un paragone efficiente con le statistiche dell’aire, a causa dei diversi metodi di rilevazione e delle differenti categorie applicate nella raccolta dei dati. Secondo i dati dell’istituto statistico, sul totale della popolazione immigrata – in Francia la categoria «immigrato» include anche coloro che hanno la cittadinanza – gli italiani rappresentano il 4% (nel 2008 rappresentavano il 5,9%). In un confronto con i dati del censimento del 1999 e del 2008 si nota una decrescita della popolazione nata in Italia residente in Francia. Se alla fine degli anni novanta il loro numero ammontava a ca. 381.000, nel 2008 essi erano 317.260 per ridursi ulteriormente nel 2010 a 303.923 unità. L’assenza di dati relativi ai flussi d’ingresso annuali purtroppo non permette un’analisi accurata delle migrazioni contemporanee che vanno quindi a confondersi con i migranti di vecchia data che, tra ritorni e decessi, contribuiscono a far calare il numero totale della componente italiana.

Tabella 5. Immigrati in Francia nel 2010

%

valori assoluti

Europa

37,4

2.062.207

Europa a 27

33,0

1.820.983

Spagna

4,5

248.324

Italia

5,5

303.923

Portogallo

10,7

588.276

Regno Unito

2,8

153.598

Altri paesi dell’UE 27

9,6

526.864

Altri paesi dell’Europa

4,4

241.224

Africa

42,8

2.362.099

Algeria

13,2

729.814

Marocco

12,2

671.225

Tunisia

4,4

241.904

Altri paesi dell’Africa

13,0

719.157

Asia

14,3

791.231

Turchia

4,5

245.714

Cambogia, Laos e Vietnam

2,9

161.484

Altri paesi dell’Asia

7,0

384.033

America e Oceania

5,4

298.617

Totale

100

5.514.154

Fonte: insee, recensement 2010, exploitation principale

Svizzera

19Il movimento di popolazione italiana tra la Confederazione Elvetica e la penisola è un buon indicatore del fenomeno numerico delle nuove mobilità. Fino al 2006 il saldo migratorio con l’Italia era negativo a causa, probabilmente, dei numerosissimi italiani appartenenti alla generazione delle migrazioni per lavoro che tornavano in occasione della pensione. Indicativo sembra essere il fatto che il saldo torni a essere positivo in concomitanza con l’avvento della crisi finanziario-economica.

20Sorprendono, a prima vista, le discrepanze tra i dati dell’aire e le statistiche svizzere. Secondo la prima, i cittadini italiani nella Confederazione supererebbero di quasi 60.000 unità il mezzo milione, mentre secondo le autorità elvetiche il loro numero si attesterebbe ben al di sotto (poco meno di 300.000). La differenza nasce dal fatto che le fonti svizzere non tengono conto dei cittadini naturalizzati, cioè di coloro che hanno preso la cittadinanza elvetica mantenendo in parallelo il passaporto italiano e l’iscrizione all’aire.

Figura 6. Saldo migratorio tra Svizzera e Italia per anno, 1991-2011 (valori assoluti)

Figura 6. Saldo migratorio tra Svizzera e Italia per anno, 1991-2011 (valori assoluti)

Fonte: Ufficio Federale di Statistica elaborazione Altreitalie

Figura 7. Popolazione italiana residente in Svizzera, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 7. Popolazione italiana residente in Svizzera, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

21Non è possibile parlare di flussi di mobilità tra l’Italia e la Svizzera senza accennare al fenomeno dei lavoratori frontalieri, fenomeno in continua crescita (Colucci, 2012, p. 53). I dati relativi al secondo trimestre del 2013 testimoniano la presenza 64.926 frontalieri, con un aumento rispetto al trimestre dell’anno precedente di oltre 6 punti percentuali4. Con ciò il paese elvetico conferma la sua attrattività in concomitanza con il periodo di crisi economica vissuto dall’Italia.

Tabella 6. Popolazione residente permanente straniera secondo la nazionalità, 2007-2011 (in migliaia)

 

2007

2008

2009

2010*

2011

Totale

1602.1

1669.7

1714.0

1766.3

1816.0

Paesi UE-27/AELS

971.9

1037.1

1077.6

1101.5

1145.0

Germania

203.2

234.6

251.9

263.3

275.3

Francia

79.3

87.4

92.5

95.6

99.9

Italia

291.2

291.6

290.6

287.1

288.0

Austria

34.2

35.7

36.7

37.0

37.9

Portogallo

183.0

196.8

206.0

212.6

223.7

Spagna

65.9

65.2

65.0

64.1

65.8

Altri Paesi europei

414.0

406.8

402.2

403.4

400.8

Serbia e Montenegro

188.1

184.4

181.3

Serbia

121.9

109.3

Turchia

73.2

72.2

71.6

71.8

71.4

Africa

51.9

54.8

57.7

71.5

74.8

America

66.1

69.8

72.7

74.5

76.6

Asia

94.5

96.9

99.3

110.5

113.6

Oceania

3.6

3.8

4.0

4.0

4.1

Apolidi, nazionalità sconosciuta

0.3

0.5

0.6

0.8

1.1

Fonte: Statistica della popolazione straniera (petra) e Statistica della popolazione e delle economie domestiche (statpop)

* Dal 2010 rientrano all’interno della popolazione residente i richiedenti asilo nel paese da più di un anno.

Figura 8. Flussi migratori dall’Italia alla Svizzera per anno, 1991-2011 (valori assoluti)

Figura 8. Flussi migratori dall’Italia alla Svizzera per anno, 1991-2011 (valori assoluti)

Fonte: Ufficio federale di Statistica elaborazione Altreitalie

Germania

22La Germania, oggi il secondo paese al mondo per cittadini italiani residenti sul proprio suolo, negli ultimi quindici anni è tornata a essere la prima meta per coloro che emigrano. Complice l’economia tedesca, che a oggi non sembra risentire della crisi mondiale, il mercato del lavoro della Repubblica federale continua a necessitare di manodopera e quindi ad attirare flussi migratori intraeuropei provenienti dal meridione dell’Unione. A differenza degli anni delle migrazioni per lavoro del dopoguerra, quando le aziende tedesche richiedevano un gran numero di operai non qualificati, la Germania contemporanea abbisogna di manodopera altamente qualificata, tipica di un paese del manifatturiero e terziario avanzato.

Figura 9. Cittadini italiani residenti in Germania, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 9. Cittadini italiani residenti in Germania, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

23La pubblicazione dei dati destatis (Deutsches Statistisches Bundesamt) nella primavera del 2013 ha stimolato un notevole eco mediatico in Italia. In questo, come in molti altri casi del recente passato, sembra che si sia data la priorità alla creazione di uno scoop giornalistico piuttosto che all’analisi dei dati nella loro completezza. Di fatto a oggi, per chi scrive, non sono ancora disponibili i dati sui flussi tra Italia e Germania ordinati per cittadinanza, perché le statistiche pubblicate dall’istituto statistico tedesco riportano soltanto i flussi totali. A suscitare il maggiore allarmismo è stato il dato che segnalava per il 2012 45.094 individui che dall’Italia si erano trasferiti in Germania. Un incremento rispetto all’anno precedente di quasi il 40%. Numerosi quotidiani –  «la Repubblica», «La Stampa», «Corriere della Sera» –  in quell’occasione riportarono solamente il dato parziale e in alcuni casi crearono anche confusione rispetto alla consistenza della popolazione italiana in Germania. Come già accennato, i dati erano disaggregati per cittadinanza, di conseguenza in quei circa 45.000 rientrano anche migranti tedeschi di ritorno, altre nazionalità europee e migranti extraeuropei che si muovono all’interno dell’area di Schengen.

Tabella 7. Flussi migratori in entrata in Germania nel 2012 e 2011 per paesi di provenienza (valori assoluti e differenza in %)

Paese di partenza

Immigrazione

totale individui

2012

2011

Differenza 2012 - 2011

Totale

differenza in %

 

 

 

 

 

 

Europa

 

838.002

726.389

111.613

15,4

 

 

 

 

 

 

Paesi OCSE

541.768

476.714

65.054

13,6

 

 

 

 

 

 

Belgio

 

5.568

5.219

349

6,7

Bulgaria

 

58.862

51.612

7.250

14,0

Danimarca

 

3.443

3.440

3

0,1

Estonia

 

1.369

1.515

- 146

-9,6

Finlandia

 

2.590

2.430

160

6,6

Francia

 

21.306

20.911

395

1,9

Grecia

 

35.811

25.264

10.547

41,7

Irlanda

 

2.954

2.794

160

5,7

Italia

 

45.094

32.870

12.224

37,2

Lettonia

 

9.332

10.177

- 845

-8,3

Lituania

 

10.075

9.975

100

1,0

Lussemburgo

 

3.146

3.039

107

3,5

Malta

 

222

330

- 108

-32,7

Paesi bassi

 

13.082

12.810

272

2,1

Austria

 

18.508

18.590

- 82

-0,4

Polonia

 

184.325

172.676

11.649

6,7

Portogallo

 

12.609

9.038

3.571

39,5

Romania

 

116.964

95.479

21.485

22,5

Svezia

 

4.090

3.829

261

6,8

Slovacchia

 

13.745

12.040

1.705

14,2

Slovenia

 

5.298

3.305

1.993

60,3

Spagna

 

37.683

28.140

9.543

33,9

Repubblica Ceca

10.701

9.728

973

10,0

Ungheria

 

54.827

41.982

12.845

30,6

Regno Unito

18.593

17.735

858

4,8

Cipro

 

740

562

178

31,7

EU15

 

224.477

186.109

38.368

20,6

Di questi Grecia e Spagna

73.494

53.404

20.090

37,6

Altri EU15

 

150.983

132.705

18.278

13,8

Allargamento 2004

 

290.634

262.290

28.344

10,8

Allargamento 2007

 

175.826

147.091

28.735

19,5

 

 

 

 

 

 

Paesi UE

 

690.937

595.490

95.447

16,0

Fonte: destatis 2013

24I dati relativi ai flussi di cittadini italiani in entrata in Germania confermano un trend in crescita. Nel 2011, 28.070 italiani si sono registrati presso le autorità tedesche con un incremento di 4.176 unità rispetto all’anno precedente.

Figura 10. Flussi di cittadini italiani in entrata in Germania, 1991-2011 (valori assoluti)

Figura 10. Flussi di cittadini italiani in entrata in Germania, 1991-2011 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati destatis

Benelux

Belgio

25Il Belgio ha vissuto uno dei primi grandi flussi migratori italiani dopo la Seconda guerra mondiale L’eredità del passato è ancora forte e circa 2/3 della popolazione della Vallonia è di origine italiana. La migrazione italiana contemporanea, al contrario, si concentra soprattutto nella regione di Bruxelles e nelle principali città fiamminghe (Comini, 2012, p. 391) e non segue, quindi, la distribuzione più generale degli italiani in Belgio. La capitale attrae giovani cittadini italiani laureati e altamente qualificati in cerca di nuove opportunità di lavoro e di esperienze professionali in un ambiente internazionale e cosmopolita all’interno di una città nella quale le principali istituzioni dell’ue si concentrano in un’area di pochi chilometri. Anche qui si riscontra un aumento della presenza italiana.

Figura 11. Cittadini italiani residenti in Belgio, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 11. Cittadini italiani residenti in Belgio, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

Paesi Bassi

26Nel 1995 il numero di italiani che partivano alla volta dei Paesi Bassi era pari a 890 individui mentre il dato più recente, relativo al 2011, rivela che in 2.768 hanno varcato la soglia del confine olandese (Central Bureau foor de Statistiek, [cbs], 2012). Interessante è anche l’entità dell’immigrazione italiana nel contesto dell’immigrazione totale nei Paesi Bassi. Nel 1995, gli Italiani costituivano l’1,9% del totale dell’immigrazione e hanno raggiunto il 4,2% nel 20125.

Figura 12. Flussi migratori in entrata di persone nate in Italia per anno, 1995-2011 (valori assoluti)

Figura 12. Flussi migratori in entrata di persone nate in Italia per anno, 1995-2011 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati cbs

Figura 13. Cittadini italiani residenti nei Paesi Bassi, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 13. Cittadini italiani residenti nei Paesi Bassi, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

27Anche i dati forniti dal cbs sul totale della popolazione italiana residente, pur essendo inferiori per l’assenza dei cittadini con doppia cittadinanza, denotano un chiaro trend di crescita della comunità italiana in Olanda in particolare con l’avvento della crisi economica.

Figura 14. Cittadini italiani residenti nei Paesi Bassi, 1996-2013 (valori assoluti)

Figura 14. Cittadini italiani residenti nei Paesi Bassi, 1996-2013 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati cbs

Lussemburgo

28Il piccolo paese incuneato tra Francia, Germania e Belgio rappresenta in termini percentuali un importante paese d’immigrazione. Si pensi che quasi il 44,5% della sua popolazione è formato da immigrati, la maggioranza dei quali provenienti dai paesi confinanti.

29Il granducato di Lussemburgo è da fine Ottocento una meta prediletta delle migrazioni italiane. Il rapido sviluppo della sua industria mineraria e metallurgica ha attratto migranti da tutte le regioni italiane. Con il progressivo trasferimento del focus economico dal settore industriale a quello dei servizi (soprattutto bancario e finanziario) e l’accresciuta importanza delle sedi istituzionali dell’Unione Europea, cambia anche la composizione sociale dei migranti italiani. A una popolazione residente da lunga data composta da operai metalmeccanici, minerari edili e artigiani, si aggiungono professionisti del settore bancario e impiegati presso le istituzioni europee. Come si osserva nella figura 15 il numero degli italiani residenti è molto calato rispetto al 1981. L’assottigliarsi della popolazione dei migranti per lavoro del dopoguerra, dovuto ai decessi o ai rientri in patria (in particolare i pensionati), rappresenta molto probabilmente il fattore predominante di un trend negativo che «nasconde» statisticamente i nuovi arrivi. Si nota però come a partire dal 2008 vi sia una sostanziale stabilizzazione della componente italiana con una leggera crescita negli ultimi anni.

Figura 15. Popolazione italiana in Lussemburgo, 1981; 1991; 2001-2013 (in migliaia)

Figura 15. Popolazione italiana in Lussemburgo, 1981; 1991; 2001-2013 (in migliaia)

Fonte: Statistic Portal Grand Duchy of Luxembourg

30Come nel caso della Svizzera, anche nel Lussemburgo si nota la differenza numerica rispetto ai dati dell’aire della componente italiana dovuta ai «naturalizzati» che hanno mantenuto in parallelo la cittadinanza italiana.

Figura 16. Popolazione italiana residente in Lussemburgo (valori assoluti)

Figura 16. Popolazione italiana residente in Lussemburgo (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

31Di fatto, osservando i flussi in ingresso si nota un leggero ma stabile aumento a partire dal 2000 quando il numero degli ingressi annui era di 617 unità a fronte delle 1.137 nel 2012.

Figura 17. Flussi migratori italiani in entrata per anno, 1967-2012 (valori assoluti)

Figura 17. Flussi migratori italiani in entrata per anno, 1967-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Statistic Portal Grand Duchy of Luxembourg

Figura 18. Saldo migratorio tra entrate e uscite, 2000-2012 (valori assoluti)

Figura 18. Saldo migratorio tra entrate e uscite, 2000-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Statistic Portal Grand Duchy of Luxembourg

Spagna

32La Spagna è un paese anomalo nel contesto dell’emigrazione italiana in Europa e non è mai stata una meta classica dell’emigrazione europea per molteplici ragioni legate perlopiù al regime franchista e a una economia che ne faceva un paese di emigrazione alla pari dell’Italia. La vera svolta arriva a metà degli anni novanta, quando il numero degli italiani in Spagna inizia a crescere in maniera vertiginosa. In particolare la capitale catalana, in seguito ai giochi olimpici del 1992, si trasforma in un polo d’attrazione per il turismo internazionale e soprattutto per quello italiano.

33Il dato che impressiona maggiormente è l’incredibile afflusso di italiani a partire dagli anni novanta che scelgono la capitale catalana come luogo per studiare, specializzarsi e lavorare. In generale, il trend investe tutta la Spagna: in un’intervista del 2007, il Console Generale italiano Madrid, Sergio Barbanti, poneva l’accento sulla fortissima crescita della comunità italiana, aumentata del 550% negli anni a partire dal 1997 (Inform, 2007). Di questi il 50% è in gran parte italoargentina e in parte minore italouruguayana. La crisi argentina del 2001 aveva dato un forte impulso all’acquisto di cittadinanza jure sanguinis da parte dei discendenti italiani che, più che a un «ritorno» in Italia, ambivano a ottenere la cittadinanza europea scegliendo come destinazione la Spagna (del Pra’ e Tirabassi, 2007, p. 361).

34In concomitanza all’avvento della crisi economica assistiamo per la prima volta a un calo consistente di ingressi di cittadini italiani: se nel 2008 arrivavano 15.882 italiani, l’anno dopo il loro numero si riduce a 11.763 denotando un calo di 26 punti percentuali. Mentre diminuisce leggermente anche la percentuale di italiani nati all’estero sul totale della popolazione italiana. Difficile non vedere in questi dati un indicatore della percezione che si ha in Italia della crisi del mercato del lavoro spagnolo con un tasso di disoccupazione che in quegli anni si avvicina al 20% per poi superarlo abbondantemente (all’incirca il 26% nel 2013).

Figura 19. Flussi migratori di cittadini italiani in Spagna per anno, 2008-2012 (valori assoluti)

Figura 19. Flussi migratori di cittadini italiani in Spagna per anno, 2008-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Instituto Nacional de Éstadistica (ine)

35Ciononostante, il numero degli ingressi cala leggermente l’anno successivo per poi stabilizzarsi e ricominciare a crescere a partire dal 2011. I dati relativi al primo semestre 2013 confermano il trend in crescita con oltre 6.000 ingressi da gennaio a giugno.

Figura 20. Flussi in entrata di cittadini italiani e nati in Italia per anno, 2008-2009 (valori assoluti)

Figura 20. Flussi in entrata di cittadini italiani e nati in Italia per anno, 2008-2009 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati ine

36Dall’altra parte il calo nei flussi in arrivo non si riflette, se non marginalmente, sul numero totale della collettività italiana residente in Spagna che, nonostante la crisi, continua a crescere in maniera imperterrita. I dati dell’aire aggiornati al 31 dicembre 2012 riportano per la Spagna un numero di 124.013 cittadini italiani residenti. I dati dell’istituto statistico spagnolo segnalano una realtà molto più consistente: i cittadini con il passaporto italiano in Spagna sarebbero ben 192.147 (al 1° gennaio 2013).

37In Spagna gli italiani da 0 a 35 anni rappresentano il 70% sul totale. L’elevata quota di giovani italiani è dovuta soprattutto alla presenza di 25-34enni, ossia di connazionali in età di specializzazione post laurea o inserimento lavorativo che, da soli, compongono il 29% di tutta la popolazione residente in Spagna.

38Tra le motivazioni è facile rilevare elementi come il clima favorevole, il mare, la «movida», l’offerta culturale e così via come fattori di sicura attrazione. Non vanno però messi in secondo piano nemmeno fattori come la semplicità burocratica per accedere al mercato del lavoro locale e l’accesso agli ammortizzatori sociali. Di fatto, per esempio, basta una visita all’Administracion General del Estero, l’«Ellis Island» di Barcellona, come l’ha definita una giornalista de «La Stampa», per ottenere l’empadronimiento, il domicilio, il numero di securidad social e il Nie, il numero di identificazione stranieri necessario per aprire, ad esempio, un conto in banca, per potere iniziare l’«avventura» spagnola (Zonca, 2009).

Figura 21. Italiani residenti in Spagna, 1998-2012 (valori assoluti)

Figura 21. Italiani residenti in Spagna, 1998-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati ine

Figura 22. Popolazione italiana residente in Spagna, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 22. Popolazione italiana residente in Spagna, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

39Barcellona si conferma una delle mete più ambite per i giovani migranti italiani. Secondo l’istituto statistico catalano (idescat), gli italiani residenti nel comune di Barcellona nel 2012 sono 22.899 e rappresentano, caso unico tra le metropoli europee, la seconda comunità di stranieri, superati solamente dalla collettività del Pakistan. Dal 2000 al 2012, nonostante una leggera flessione nel 2011, la comunità italiana nella provincia di Barcellona è cresciuta del 940%.

Figura 23. Presenza italiana nel comune di Barcellona, 2000-2011 (valori assoluti)

Figura 23. Presenza italiana nel comune di Barcellona, 2000-2011 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati idescat

  • 6 La circoscrizione consolare di Barcellona comprende Catalogna, Alicante, Andorra La Vella, Cartagen (...)

40I dati forniti direttamente dal Consolato generale di Barcellona6 confermano la crescita senza interruzioni della componente italiana all’interno della circoscrizione. Come accennato precedentemente, anche nel caso di Barcellona e delle province annesse al consolato, diminuisce la percentuale di italiani originari dell’America Latina sul totale e in particolare in concomitanza con la crisi economica. È ipotizzabile che la flessione sia dovuta a un calo d’interesse nei confronti della Spagna dovuta alla particolarità della migrazione proveniente dall’America Latina; probabilmente una mobilità decisamente più legata alla ricerca di lavoro in senso «classico» a differenza delle nuove mobilità intraeuropee.

Figura 24. Iscrizioni a Barcellona dei nati in America Latina e nati in Italia o resto del mondo, 1995-21.11.2013 (valori assoluti)

Figura 24. Iscrizioni a Barcellona dei nati in America Latina e nati in Italia o resto del mondo, 1995-21.11.2013 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire del Consolato generale di Barcellona

Regno Unito

  • 7 In Scozia l’equivalente del nhi-number si chiama Community Health Index-Number.

41Per quanto riguarda la Gran Bretagna, invece, disponiamo di dati molto attendibili che vengono forniti direttamente dal sistema sanitario inglese. Di fatto il National Health Insurance Number inglese è una conditio sine qua non per immigrare in Inghilterra, Galles e nell’isola di Man, senza il quale non si può aprire un conto bancario, affittare una casa, né tantomeno lavorare7. Il numero degli italiani che ogni anno fanno richiesta del «codice fiscale» britannico è in continua crescita.

42Secondo l’Office for National Statistics (ons) gli italiani che hanno richiesto la tessera sanitaria nel 2011 sono stati 24.900, piazzandosi in questo modo tra le prime sette nazionalità, prima di Francia e Germania e dopo la Polonia e la Spagna. Ben l’83% di questi italiani è compreso nella fascia d’età tra i 18 e i 34 anni. Il trend continua a crescere: il bollettino statistico ons di marzo 2013 registra oltre 32.800 nuove emissioni a cittadini italiani per il periodo marzo 2012-marzo 20138. Con un incremento del 35% rispetto all’anno precedente, gli italiani balzano in terza posizione dopo polacchi e spagnoli nel ranking dei flussi migratori in Gran Bretagna. Confrontando questi numeri con le stime dei trasferimenti totali dall’Italia (all’incirca 100.000 per il 2012) parrebbe che quasi un terzo venga assorbito solamente dal Regno Unito. Potrebbe trattarsi quindi di un indicatore di come il numero reale dei flussi in uscita in Italia sia ben più consistente rispetto ai dati «ufficiali» italiani.

43Londra è una delle principali mete delle migrazioni italiane. Secondo stime attendibili, la comunità italiana a Londra conterebbe più di 100.000 individui attestandosi tra le prime circoscrizioni per numero di italiani con cifre simili a quelle di Stoccarda o Zurigo e seconda solo a Buenos Aires (Scotto, 2010, p. 399). Molto probabilmente, per ciò che riguarda le migrazioni degli ultimi vent’anni la capitale inglese è al primo posto. A parte Londra ormai assunta come la «classica» meta per gli italiani che scelgono la Gran Bretagna e che è stata oggetto di diversi approfondimenti (Cucchiarato, 2010 e Seganti, 2010; Scotto, 2010), i flussi si orientano anche verso Edimburgo, Glasgow, Birmingham e altre, oltre che verso le classiche mete universitarie come Oxford e Cambridge.

Figura 25. Emissione del numero di assicurazione sanitaria (National Health Insurance Number) a cittadini italiani per anno, 2002-2011 (valori assoluti)

Figura 25. Emissione del numero di assicurazione sanitaria (National Health Insurance Number) a cittadini italiani per anno, 2002-2011 (valori assoluti)

Fonte: ons, elaborazione Altreitalie

44Anche i dati dell’aire sembrano confermare i risultati precedenti: il numero degli italiani nel Regno Unito è in crescita costante.

Figura 26. Cittadini italiani residenti nel Regno Unito 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 26. Cittadini italiani residenti nel Regno Unito 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

Irlanda

45L’Irlanda, storico paese di emigrazione, ha conosciuto una rapida espansione economica a partire dagli anni novanta, rallentatasi la prima volta nel 2001 per poi riprendersi nel 2003 e rallentarsi nuovamente nel 20069. In concomitanza con la crescita economica, in particolare grazie allo sviluppo del settore terziario, l’Irlanda è divenuta una delle «nuove» mete dell’emigrazione italiana. Il Censimento del 2011 segnala la presenza di 7.656 italiani senza cittadinanza irlandese, di questi il 4.405 (il 58% sul totale) vive a Dublino. Osservando il numero rilevato nei precedenti censimenti vediamo un forte incremento tra il 2002 e il 2006 con la collettività italiana che cresce all’incirca del 60%, per poi rallentare negli anni successivi senza però diminuire. I dati aire invece fotografano una crescita lineare dal 2005 al 2008. Essi però sono sfasati temporalmente dato che l’iscrizione può avvenire anche in periodi successivi.

46Un dato interessante emerge dal censimento irlandese secondo cui gli italiani avrebbero la percentuale più alta di imprenditori e manager tra gli stranieri (20,8%), il doppio della media straniera e perfino più alta di quella irlandese del 16,2%. Si tratta di un chiaro indicatore per una tipologia di migranti altamente qualificati.

Tabella 8. Popolazione italiana in Irlanda, 2002, 2006, 2011 (valori assoluti e in percentuale)

2002

2006

2011

variazione 2002-2011

crescita in %

3770

6190

7656

3886

103,1

Fonte: Central Statistics Office Ireland, Census 2011

Figura 27. Cittadini italiani residenti in Irlanda, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 27. Cittadini italiani residenti in Irlanda, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

I paesi scandinavi

47I paesi scandinavi, con l’eccezione della Svezia che ha conosciuto un’emigrazione per lavoro negli anni sessanta, rappresentano una meta «nuova» per i migranti in partenza dall’Italia. Anche in questo caso osserviamo una decisa crescita della componente migratoria italiana.

Figura 28. Popolazione italiana in Danimarca, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 28. Popolazione italiana in Danimarca, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

Figura 29. Flussi migratori italiani in entrata in Danimarca, 2007-2011 (valori assoluti)

Figura 29. Flussi migratori italiani in entrata in Danimarca, 2007-2011 (valori assoluti)

Fonte: Statistics Denmark

Figura 30. Popolazione italiana in Norvegia, 1970, 1980, 1986-2013 (valori assoluti e in percentuale)

Figura 30. Popolazione italiana in Norvegia, 1970, 1980, 1986-2013 (valori assoluti e in percentuale)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Statistics Norway

Figura 31. Popolazione italiana in Norvegia, 2005-2012

Figura 31. Popolazione italiana in Norvegia, 2005-2012

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

Figura 32. Migrazione italiana in Svezia, 2000-2011 (valori assoluti)

Figura 32. Migrazione italiana in Svezia, 2000-2011 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Statistics Sweden

Figura 33. Popolazione italiana in Svezia, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 33. Popolazione italiana in Svezia, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

48La migrazione nei paesi scandinavi generalmente si caratterizza per essere un movimento che coinvolge in maggioranza i maschi. A titolo di esempio vediamo che la struttura della comunità italiana in Finlandia presenta una fortissima prevalenza maschile.

Figura 34. Il rapporto maschi vs femmine nell’emigrazione italiana in Finlandia, 1990-2009

Figura 34. Il rapporto maschi vs femmine nell’emigrazione italiana in Finlandia, 1990-2009

Fonte: elaborazione su dati Statistics Finland (Guerra, 2011, p. 10)

Figura 35. Popolazione italiana in Finlandia, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 35. Popolazione italiana in Finlandia, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

L’Europa dell’est

49Tra le nuove mete dell’emigrazione contemporanea degli italiani vanno sicuramente annoverati i paesi dell’Est europeo. Nel passato alcuni paesi orientali erano stati meta di migrazioni, provenienti in particolare dal Triveneto, che si spostavano all’interno dell’allora Impero austro-ungarico. In seguito con le guerre mondiali e i successivi regimi del socialismo reale, di fatto si chiusero all’immigrazione proveniente dall’Occidente e, a parte qualche rara eccezione composta da diplomatici, funzionari politici e qualche esponente dell’industria – si pensi alla Fiat e gli accordi con i paesi socialisti – non vi furono praticamente italiani che risiedevano nei paesi del Patto di Varsavia, o nei cosiddetti paesi «non allineati» come Romania e Albania, eccezione fatta per le minoranze italiane nell’ex Jugoslavia. Con il crollo del muro di Berlino nel 1989, e l’apertura dei mercati dei paesi ex socialisti, in breve tempo numerosi imprenditori, in particolare del Nord-Est, sfruttarono le possibilità del basso costo di manodopera per delocalizzare la produzione verso paesi come la Polonia o la Romania. Si aprì così la strada per nuovi flussi di italiani nel paese.

Polonia

50Da paese che inviava manodopera in Italia, la Polonia, negli ultimi anni, attira un flusso migratorio di giovani italiani in cerca di lavoro. Un mercato del lavoro con buone possibilità carrieristiche e quindi una maggiore mobilità sociale, un buon rapporto tra qualità della vita e prezzi, e una vivace scena culturale sono alcune delle motivazioni che spingono gli italiani a optare per un trasferimento nonostante i salari più bassi, lo stipendio medio in Polonia si aggira intorno ai 3.000 zloty, ca. 700€. In Polonia risiedono 3.392 italiani, ai quali si devono aggiungere tutti quelli che non si iscrivono all’anagrafe dei residenti all’estero. Stime non ufficiali parlano di un numero che oscilla tra le 10 e le 15.000 persone. Le mete principali scelte da questi italiani, perlopiù giovani, sono le città di Varsavia, Cracovia, Katowice, Poznan, Lodz e Wrozlaw.

Figura 36. Entrate annuali di cittadini italiani in Polonia, 1989-2009 (valori assoluti)

Figura 36. Entrate annuali di cittadini italiani in Polonia, 1989-2009 (valori assoluti)

Figura 37. Cittadini italiani residenti in Polonia, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 37. Cittadini italiani residenti in Polonia, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

Tabella 9. Flussi in entrata, uscita e saldo migratorio, 1973-2008 (valori assoluti)

anno

emigrazione

immigrazione

saldo

1973

186

10

-176

1974

201

16

-185

1975

216

15

-201

1976

151

21

-130

1977

176

10

-166

1978

250

11

-239

1979

314

14

-300

1980

276

21

-255

1981

237

16

-221

1982

586

17

-569

1983

464

6

-458

1984

386

32

-354

1985

1082

20

-1062

1986

2010

24

-1986

1987

2700

27

-2673

1988

1375

35

-1340

1989

351

50

-301

1990

179

53

-126

1991

223

110

-113

1992

88

130

42

1993

141

177

36

1994

172

160

-12

1995

199

211

12

1996

160

191

31

1997

155

212

57

1998

211

198

-13

1999

223

226

3

2000

273

254

-19

2001

307

251

-56

2002

302

251

-51

2003

311

229

-82

2004

300

253

-47

2005

413

331

-82

2006

891

377

-514

2007

813

412

-401

2008

922

428

-494

Fonte: Central Statistical Office of Poland, elaborazione Altreitalie

Romania

51Anche se pressoché sconosciuta, o meglio dimenticata, vi fu in passato una discreta migrazione proveniente perlopiù dall’Italia nordorientale verso la Romania. Numerosi furono i migranti provenienti dal Triveneto che si trasferirono (Ricci, 2005, p. 657) nell’odierna Romania, territorio che ai tempi apparteneva all’Impero austroungarico.

52Con la caduta di Ceaucescu e l’apertura del mercato rumeno iniziò il periodo della delocalizzazione da parte di numerose imprese italiane attratte dalla bassa manodopera romena. Secondo i dati del Ministero degli Esteri (2010) sono registrate in Romania 29.536 imprese italiane, di cui attive 19.659 con un capitale di circa 994 milioni di euro. Sempre secondo questi dati, nel primo semestre del 2010 risultano registrate 1.386 nuove aziende a partecipazione italiana, circa il 43% del totale delle 3.150 nuove aziende a partecipazione estera registrate (De Santis e Ciarini, 2012).

Figura 38. Cittadini italiani residenti in Romania (2005-2012) (valori assoluti)

Figura 38. Cittadini italiani residenti in Romania (2005-2012) (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

Ungheria

53I dati sui flussi in entrata nel paese non differiscono di molto da quelli registrati dall’aire.

Figura 39. Flussi migratori italiani in entrata in Ungheria, 1995-2012 (valori assoluti)

Figura 39. Flussi migratori italiani in entrata in Ungheria, 1995-2012 (valori assoluti)

Fonte. Hungarian Central Statistical Office 2012

Figura 40. Popolazione italiana in Ungheria, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 40. Popolazione italiana in Ungheria, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

2.3. Le mete: oltreoceano (Stati Uniti, Canada, Brasile, Argentina, Cina, Giappone e Australia)

Stati Uniti d’America

54Secondo i dati aire nel 2012 gli italiani residenti negli Stati Uniti sarebbero 223.429 di cui il 52%, di sesso maschile, ma trattandosi di un paese con una componente migratoria di antica data, risulta complesso distinguere i nuovi arrivati da coloro che hanno mantenuto la cittadinanza o l’hanno ereditata per discendenza.

55Una certa tracciabilità degli italiani viene garantita dai numeri dei visti che vengono emessi dal dipartimento di sicurezza nazionale (Department Of Homeland Security, d’ora in poi dhs) e raggruppati nelle statistiche pubblicate annualmente dall’Office of Immigration Statistics. Nel 2011 sono stati 2.443 gli italiani a ricevere il Legal Permanent Resident Status, la cosiddetta Green Card. Un altro modo per entrare negli Stati Uniti è attraverso il visto che può essere concesso per diverse tipologie particolari d’immigrazione: tralasciando i visti di chi si reca per turismo, o brevi permanenze per lavoro (oltre 500.000 l’anno), tra le cosiddette Non Immigrant Admissions si registrano le tipologie Students and Exchange Visitors, Temporary workers and families e Diplomates and other represantatives.

56Da un punto di vista burocratico occorre dividere i cosiddetti visti non d’immigrazione da quelli di «legal permanent status». Il visto d’immigrazione permanente, una volta assegnato non necessita di rinnovo, mentre i visti «non immigrant», emessi anche in caso di motivi di studio, di lavoro e così via devono essere rinnovati con scadenze variabili. Di conseguenza non sono un indicatore in grado di tracciare in maniera precisa i flussi annuali in entrata. Ciononostante possono risultare utili per delineare tendenze e motivazioni dei cittadini italiani che si trasferiscono negli Stati Uniti.

57I dati del dhs riportano che in totale nel 2011 sono stati rilasciati oltre 1.200.000 visti non immigrant che includono anche tutti i visti per turismo e altro.

Figura 41. Italiani che hanno ottenuto la residenza permanente, 2002-2011 anni valori (valori assoluti)

Figura 41. Italiani che hanno ottenuto la residenza permanente, 2002-2011 anni valori (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Yearbook of Immigration Statistics, Office of Immigration Statistics, dhs

Figura 42. Non Immigrant Visas, 2002-2001 (valori assoluti)

Figura 42. Non Immigrant Visas, 2002-2001 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Yearbook of Immigration Statistics, Office of Immigration Statistics, dhs

58Interessanti sono i dati relativi alle immissioni di visti per studio e interscambio scolastico, o universitario, in costante ascesa dal 2004 con una lieve flessione nel 2011.

Figura 43. Non Immigrant visas. Students and Exchange visitors, 2004-2011 (valori assoluti)

Figura 43. Non Immigrant visas. Students and Exchange visitors, 2004-2011 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Yearbook of Immigration Statistics, Office of Immigration Statistics, dhs

59In ascesa negli ultimi anni l’emissione di visti per lavoratori temporanei e le loro famiglie. Cala invece il numero dei visti diplomatici (vedi figura 45).

Figura 44. Non Immigrant visas, temporary workers and families, 2005-2011 (valori assoluti)

Figura 44. Non Immigrant visas, temporary workers and families, 2005-2011 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Yearbook of Immigration Statistics, Office of Immigration Statistics, dhs

Figura 45. Non Immigrant visas, diplomats and representatives, 2005-2011 (valori assoluti)

Figura 45. Non Immigrant visas, diplomats and representatives, 2005-2011 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Yearbook of Immigration Statistics, Office of Immigration Statistics, dhs

Figura 46. Cittadini italiani residenti negli Stati Uniti, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 46. Cittadini italiani residenti negli Stati Uniti, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

Canada

60Secondo il National Statistics Canada, nel 2011 le persone nate in Italia erano 260.250. Di queste 210.590 possedevano solamente la cittadinanza canadese, 23.285 la doppia cittadinanza mentre 26.370 non avevano la cittadinanza canadese. Presumibilmente nell’ultimo caso si tratta di italiani esponenti delle nuove mobilità che risiedono nel paese nordamericano da meno di quattro anni dal momento che in Canada sono richiesti 3 anni (1.095 giorni) di residenza permanente sul territorio nei 4 anni precedenti alla richiesta di naturalizzazione.

61L’istituto statistico canadese segnala poi per il 2012 l’ingresso di 613 individui che indicavano come paese di residenza precedente l’Italia. Nel primo quadrimestre 2013 sono stati registrati 195 nuovi arrivi.

Figura 47. Italiani residenti in Canada, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 47. Italiani residenti in Canada, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire

Brasile e Argentina

62Entrambi i paesi latinoamericani hanno alle spalle una lunga storia d’immigrazione proveniente dall’Italia. In assenza di dati di precisi sui flussi in ingresso annuali diventa assai complesso individuare gli esponenti delle nuove mobilità poiché le statistiche comprendono le acquisizioni di cittadinanza da parte dei discendenti degli immigrati (Tirabassi e del Pra’, 2007).

63I dati del censimento brasiliano del 2010 segnalano la presenza di 10.655 soggetti che dichiaravano di aver avuto nel 2005 la residenza in Italia. Di questi «nuovi immigrati», 5.687 sono maschi a fronte di 4.967 femmine e si concentrano in particolare negli stati di San Paolo, Minas Gerais Santa Catarina, Paraná (Instituto Brasilerio de Geografia e Estatística, ibge, Censo 2010).

Figura 48. Italiani residenti in Brasile, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 48. Italiani residenti in Brasile, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione su dati aire

64In Argentina il censimento del 2010 evidenzia la presenza di 147.499 persone nate in Italia con una predominanza maschile e un’età anagrafica avanzata.

Tabella 10. Popolazione nata in Italia residente in Argentina suddivisa per sesso e fasce d’età, 2010 (valori assoluti)

 

Maschi

Femmine

Popolazione totale nata in Italia

Totale

0 - 14

15 - 64

65 e più

Totale

0 - 14

15 - 64

65 e più

147.499

65.021

966

20.226

43.829

82.478

1.011

21.597

59.870

Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Censo Nacional de Población, Hogares y Viviendas 2010

Figura 49. Italiani residenti in Argentina, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 49. Italiani residenti in Argentina, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: elaborazione su dati aire

Cina

65La Cina, con la sua vigorosa crescita economica e l’espansione frenetica delle sue città, è diventata sempre più meta delle nuove migrazioni italiane. Attualmente la Repubblica Popolare Cinese è il primo paese asiatico per presenza di cittadini italiani (44.797), seguita dalla Thailandia e dal Giappone (Di Vincenzo, Marcelli e Staiano, 2013, p. 433). Ai classici expat, imprenditori o manager impiegati nelle filiali estere o negli impianti produttivi di aziende italiane, o multinazionali negli ultimi anni si sono affiancati sempre più studenti, professionisti, architetti, avvocati, ingegneri e così via (Varriale, 2010, p. 410). In generale il tempo di permanenza nella Repubblica popolare è abbastanza breve, ma negli ultimi anni si assiste a un progressivo allungamento dovuto appunto a un cambio di tipologia degli italiani che vi si trasferiscono. Riprendendo in parte una serie di categorie da Alessandro Arduino e Maria Cristina Bombelli (2009, pp. 22-24) i «nuovi mobili» in Cina si suddividono tra i «classici expat» il cui soggiorno è di breve durata, massimo un anno, terminato il quale, senza cambiare azienda, riprendono l’attività precedente alla trasferta. In alternativa si viene direttamente inviati dall’Italia a supportare i lavoratori locali il tempo necessario per passargli il know how, in questo caso il tempo di permanenza è ancora più ridotto. La forma prediletta dalle multinazionali, invece, prevede un trasferimento di tre o quattro anni con a seguito la famiglia e tutti i benefici del caso (appartamento, scuole per i figli, una serie di viaggi pagati e così via). Vanno poi citati coloro che più che trasferirsi praticano una specie di «pendolarismo internazionale», lavorando come coordinatori e supervisori con frequenti ritorni in Italia, o in qualche altro paese occidentale

66Da alcuni anni è in crescita il numero di coloro che vengono assunti direttamente da imprese cinesi o multinazionali in loco. La forma contrattuale, in questo caso, permette al datore di lavoro di risparmiare su trasferte e benefit.

67Recentemente, complice la crisi economica in Italia, si assiste a un fenomeno nuovo, consistente nella partenza di immigrati cinesi di seconda generazione (con o senza la cittadinanza italiana) che lasciano il paese per tornare nella terra d’origine. Spesso questi giovani sono anche qualificati e, sfruttando le loro capacità linguistiche tornano nel paese d’origine diventati nel frattempo economie emergenti (Varriale e De Pretto, 2013).

Tabella 11. Cittadini italiani residenti in Asia e in Cina, 2006-2013 (valori assoluti)

Anno

Totale italiani in Asia

Totale italiani in Cina

2006¹

21.045

1.989

2007²

26.670

2.521

2008²

29.511

3.129

2009²

32.936

3.790

2010²

35.686

4.746

2011³

37.808

5.088

2012³

41.253

5.841

2013³

44.797

6.746

¹ dato relativo al mese di maggio

² dato relativo al mese di aprile

³ dato relativo al mese di gennaio

Fonte: Migrantes-Rapporto Italiani nel Mondo, 2013, elaborazione su dati aire in https://www.chiesacattolica.it/​pls/​cci_new_v3/​v3_s2ew_consultazione.mostra_paginat0?id_pagina=47029&limite_id_sezione=0&limite_id_sito=0

Figura 50. Cittadini italiani residenti in Cina, 2006-2013 (valori assoluti)

Figura 50. Cittadini italiani residenti in Cina, 2006-2013 (valori assoluti)

Fonte: Elaborazione Altreitalie su dati aire

Giappone

68In Giappone la presenza italiana registra un costante aumento, a parte la flessione nel 2011, probabile conseguenza dell’impatto del terremoto, dello tsunami e relativi incidenti alle centrali nucleari. In questo caso i dati statistici italiani e giapponesi coincidono.

Figura 51. Presenza italiana in Giappone, 2006-2011 (valori assoluti)

Figura 51. Presenza italiana in Giappone, 2006-2011 (valori assoluti)

Fonte: Statistics Bureau of Japan 2012, elaborazione Altreitalie

Figura 52. Cittadini italiani residenti in Giappone, 2006-2013 (valori assoluti)

Figura 52. Cittadini italiani residenti in Giappone, 2006-2013 (valori assoluti)

Fonte: Elaborazione Altreitalie su dati aire

Australia

69L’Australia appartiene certamente alle mete tradizionali dell’emigrazione italiana del dopoguerra. Ancora oggi sono oltre 130.000 gli italiani iscritti all’aire e il loro numero continua a crescere.

70I dati del censimento australiano del 2011 riportano una popolazione di 185.400 soggetti «nati in Italia» la cui maggioranza è in età avanzata. Da un’analisi effettuata dal Comitato Assistenza agli Italiani (co.as.it), sempre sui dati del censimento, nel sud del paese dove si concentra gran parte della popolazione, il numero dei nati in Italia si è ridotto del 7,8% rispetto al 2006 e il 65% ha superato il sessantacinue anni di età.

71Il discorso cambia notevolmente se analizziamo i dati relativi ai visti temporanei. Al 30 settembre 2013, erano ben 18.610 i cittadini italiani in Australia con un visto di residenza temporaneo, così suddivisi: 9.660 (51,91%) giovani, tra i 18 e 30 anni, titolari di visto vacanza-lavoro; 2.670 (14,35%) lavoratori specializzati con un visto temporaneo per lavoratori qualificati; 2.610 (14,02%) turisti e visitatori; 2.510 (13,49%) studenti; 810 (4,35%) titolari di visto «ponte» in attesa di regolarizzare la loro posizione; 310 (1,67%) titolari di altri visti temporanei; 50 (0,27%) titolari di visto per laureati.

72La cifra del 30 settembre 2013 rappresenta un incremento del 116% rispetto al 30 settembre 2011 e un incremento del 36% rispetto al 30 settembre 2012 (Dalla Bernardina, Grigoletti e Pianelli, 2013, p. 5). Tutte queste tipologie di visti e in particolare il visto Working Holiday (lavoro e vacanze) della durata di un anno, sono validi strumenti che permettono un primo ingresso nel paese.

Tabella 12. Cittadini italiani temporaneamente residenti in Australia al 30 settembre 2013, suddivisi per tipologia di visto (valori assoluti)

Visitor

Student

Working Holiday

Temp Skilled

Temp Graduate

Other Temp

Bridging

Totale

2.610

2.510

9.660

2.670

50

310

810

18.610

Fonte: Australian Government, Department of Immigration and Border Protection, Temporary Entrants at 30 September 2013 tratto da 2012 (Ibid.)

73A fronte di questi numeri che testimoniano l’ingresso di numerosissimi giovani si spiega anche la crescita sostenuta e lineare degli iscritti all’aire a partire dal 2006. I dati italiani segnalano la presenza di 133.123 cittadini italiani iscritti nel 2012 aumentati dell’12% rispetto al 2006.

Figura 53. Cittadini italiani residenti in Australia, 2005-2012 (valori assoluti)

Figura 53. Cittadini italiani residenti in Australia, 2005-2012 (valori assoluti)

Fonte: Elaborazione Altreitalie su dati aire

74L’elenco parziale dei diversi dati provenienti da enti statistici e dalle diverse istituzioni dei paesi d’immigrazione, pur nella sua incompletezza, offre comunque un quadro complesso e assai sfaccettato del movimento migratorio italiano contemporaneo e fornisce numerosi spunti d’analisi che non possono naturalmente esaurirsi nel presente lavoro.

75Osserviamo innanzitutto che le mete classiche dell’emigrazione italiana del secondo dopoguerra come la Germania, la Svizzera e anche il Benelux continuano rappresentare forti poli d’attrazione per i giovani che lasciano il paese. La crescita dei flussi di oltre il 20% tra il 2011 e il 2012 in Germania, o il forte incremento dei migranti italiani in Svizzera, così come dei loro connazionali frontalieri, sono indicatori di un trend in crescita in concomitanza con l’accentuarsi della crisi. Appena però si sposta lo sguardo da mete con economie e mercati del lavoro in controtendenza rispetto all’Italia, si nota come anche in paesi duramente colpiti dalla crisi, pur non mostrando impennate nella crescita dei flussi, non vi sia un calo nei numeri in entrata. La Spagna, ad esempio, a parte una decrescita del numero di cittadini italiani provenienti dall’America Latina, è rimasta una meta ambita per i giovani italiani nonostante l’altissimo tasso di disoccupazione che ha accompagnato la crisi economica. Lo stesso dicasi anche per l’Irlanda colpita dalla recessione del 2009 dopo una fase di fortissima espansione durante la quale era stata soprannominata la «tigre celtica». Anche in questo caso a giudicare dai dati in nostro possesso, il flusso in ingresso di italiani non ha conosciuto flessioni particolari.

76Ove disponibili, i dati relativi all’ammontare delle entrate annue sono in continua crescita e cresce anche, a parte poche eccezioni, il numero totale degli italiani in tutti i paesi. Si conferma quindi il cambio di paradigma nell’emigrazione italiana: si è ormai definitivamente invertito il trend che ancora negli anni novanta riportava una graduale decrescita del numero degli italiani all’estero dovuta all’invecchiamento della comunità e all’«assorbimento» dei discendenti nella cittadinanza dei paesi d’immigrazione. L’inversione del trend si è manifestata inizialmente con un aumento delle cosiddette «riacquisizioni di cittadinanza» da parte perlopiù dei discendenti di italiani in America Latina interessati al passaporto europeo (Del Pra’ e Tirabassi, 2007; Zincone, 2006) e in seguito si è stabilizzata con i nuovi flussi di migranti contemporanei.

77Purtroppo resta l’annosa questione di un sistema di rilevamento dei dati totalmente insufficiente a monitorare i nuovi flussi migratori. Il sistema dell’aire è pensato per forme migratorie molto più strutturate e permanenti rispetto alle mobilità contemporanee. Infatti, l’iscrizione all’aire si rivela efficace per migranti di lunga data o i loro discendenti che non hanno più un comune italiano di riferimento, dall’altro lato è inadatto alle nuove forme migratorie caratterizzate da un’altissima mobilità. Sovente i «nuovi mobili» si stabilizzano per periodi limitati nel tempo e non è raro che successivamente si trasferiscano in un terzo paese. In alcuni casi lavorano anche tra più paesi mentre frequenti visite in Italia sono quasi la norma. Diventa difficile in un’ottica di questo genere sfruttare i vantaggi di un iscrizione all’aire che, tra l’altro, può avvenire solamente dopo un anno di residenza all’estero e rimane molto più semplice evitare di cancellarsi presso l’anagrafe d’origine. Una riforma dell’Anagrafe capace di renderla più elastica e flessibile probabilmente faciliterebbe l’iscrizione da parte dei nuovi migranti permettendogli di usufruire dei vantaggi connessi. Altresì permetterebbe al ricercatore e al legislatore di disporre di dati attendibili in grado di comprendere la vera entità del fenomeno.

Notes

1 La creazione di un un’Anagrafe Civile Europea Integrata ecrn (European Civil Registry Network) è stata soltanto abbozzata.

2 L’aire, istituita con legge 27 ottobre 1988, n. 470, contiene i dati dei cittadini italiani che risiedono all’estero per un periodo superiore ai dodici mesi. Essa è gestita dai Comuni sulla base dei dati e delle informazioni provenienti dalle Rappresentanze consolari all’estero. L’iscrizione aire è un diritto-dovere del cittadino (art. 6 legge 470/1988) e costituisce il presupposto per usufruire di una serie di servizi forniti dalle Rappresentanze consolari all’estero, nonché per l’esercizio di importanti diritti, quali per esempio: la possibilità di votare per elezioni politiche e referendum per corrispondenza nel Paese di residenza, e per l’elezione dei rappresentanti italiani al Parlamento Europeo nei seggi istituiti dalla rete diplomatico-consolare nei Paesi appartenenti all’ue; la possibilità di ottenere il rilascio o rinnovo di documenti di identità e di viaggio, nonché certificazioni; la possibilità di rinnovare la patente di guida (solo in Paesi extra ue) (http://www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari/AIRE.htm). La legge del 27 dicembre 2001 n. 459 (disciplina del voto degli italiani all’estero ha sancito l’allineamento dei dati tra gli schedari consolari (a cura dei consolati) e l’ aire. La percentuale di allineamento dei dati nel 2012 viene calcolata intorno al 92% (Licata e Manni, 2013, p. 45)

3 A titolo di esempio citiamo il movimento di studenti Erasmus che chiesero anche attraverso una lettera aperta al presidente Giorgio Napolitano di partecipare alle elezioni di febbraio 2013 votando per posta (S.A. 2013c). Essendo la durata della loro permanenza inferiore all’anno essi non potevano iscriversi all’aire rimanendo quindi esclusi dal voto per posta.

4 http://www.bfs.admin.ch/bfs/portal/it/index/themen/03/02/blank/key/erwerbstaetige0/grenzgaenger.html

5 Italiansinfuga, 3 maggio 2013, http://www.italiansinfuga.com/2013/05/03/gli-italiani-stanno-invadendo-lolanda-o-quasi/

6 La circoscrizione consolare di Barcellona comprende Catalogna, Alicante, Andorra La Vella, Cartagena, Castellón de la Plana, Gerona, Palma de Mallorca, Ibiza, Valencia e Saragozza.

7 In Scozia l’equivalente del nhi-number si chiama Community Health Index-Number.

8 https://www.gov.uk/government/uploads/system/uploads/attachment_data/file/271415/nino-statistical-bulletin-aug-13.pdf

9 «La tigre celtica nel frattempo è diventata un gattino spelacchiato»: http://www.altrairlanda.it/cms/

Table des illustrations

Titre Figura 1. Cancellazioni per l’estero totale e di cittadini italiani, 2007-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati istat
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-1.jpg
Fichier image/, 40k
Titre Figura 2. Italiani iscritti all’aire, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-2.jpg
Fichier image/, 16k
Titre Figura 3. Ripartizione per circoscrizione al 31 dicembre 2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-3.jpg
Fichier image/, 16k
Titre Tabella 2. Iscritti all’aire divisi per nazioni scelte, sesso e fascia d’età (valori assoluti e in percentuale)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire aggiornati al 31 dicembre 2012
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-4.jpg
Fichier image/, 56k
Titre Figura 4. Provenienza regionale degli italiani iscritti all’aire al 31 dicembre 2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-5.jpg
Fichier image/, 28k
Titre Figura 5. Popolazione italiana iscritta all’aire in Francia, 2005-2012
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-6.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 6. Saldo migratorio tra Svizzera e Italia per anno, 1991-2011 (valori assoluti)
Crédits Fonte: Ufficio Federale di Statistica elaborazione Altreitalie
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-7.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 7. Popolazione italiana residente in Svizzera, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-8.jpg
Fichier image/, 24k
Titre Figura 8. Flussi migratori dall’Italia alla Svizzera per anno, 1991-2011 (valori assoluti)
Crédits Fonte: Ufficio federale di Statistica elaborazione Altreitalie
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-9.jpg
Fichier image/, 40k
Titre Figura 9. Cittadini italiani residenti in Germania, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-10.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 10. Flussi di cittadini italiani in entrata in Germania, 1991-2011 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati destatis
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-11.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 11. Cittadini italiani residenti in Belgio, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-12.jpg
Fichier image/, 16k
Titre Figura 12. Flussi migratori in entrata di persone nate in Italia per anno, 1995-2011 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati cbs
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-13.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 13. Cittadini italiani residenti nei Paesi Bassi, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-14.jpg
Fichier image/, 16k
Titre Figura 14. Cittadini italiani residenti nei Paesi Bassi, 1996-2013 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati cbs
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-15.jpg
Fichier image/, 24k
Titre Figura 15. Popolazione italiana in Lussemburgo, 1981; 1991; 2001-2013 (in migliaia)
Crédits Fonte: Statistic Portal Grand Duchy of Luxembourg
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-16.png
Fichier image/, 82k
Titre Figura 16. Popolazione italiana residente in Lussemburgo (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-17.png
Fichier image/, 48k
Titre Figura 17. Flussi migratori italiani in entrata per anno, 1967-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Statistic Portal Grand Duchy of Luxembourg
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-18.jpg
Fichier image/, 28k
Titre Figura 18. Saldo migratorio tra entrate e uscite, 2000-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Statistic Portal Grand Duchy of Luxembourg
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-19.jpg
Fichier image/, 24k
Titre Figura 19. Flussi migratori di cittadini italiani in Spagna per anno, 2008-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Instituto Nacional de Éstadistica (ine)
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-20.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 20. Flussi in entrata di cittadini italiani e nati in Italia per anno, 2008-2009 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati ine
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-21.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 21. Italiani residenti in Spagna, 1998-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati ine
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-22.jpg
Fichier image/, 16k
Titre Figura 22. Popolazione italiana residente in Spagna, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-23.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 23. Presenza italiana nel comune di Barcellona, 2000-2011 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati idescat
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-24.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 24. Iscrizioni a Barcellona dei nati in America Latina e nati in Italia o resto del mondo, 1995-21.11.2013 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire del Consolato generale di Barcellona
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-25.jpg
Fichier image/, 36k
Titre Figura 25. Emissione del numero di assicurazione sanitaria (National Health Insurance Number) a cittadini italiani per anno, 2002-2011 (valori assoluti)
Crédits Fonte: ons, elaborazione Altreitalie
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-26.jpg
Fichier image/, 24k
Titre Figura 26. Cittadini italiani residenti nel Regno Unito 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-27.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 27. Cittadini italiani residenti in Irlanda, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-28.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 28. Popolazione italiana in Danimarca, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-29.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 29. Flussi migratori italiani in entrata in Danimarca, 2007-2011 (valori assoluti)
Crédits Fonte: Statistics Denmark
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-30.jpg
Fichier image/, 24k
Titre Figura 30. Popolazione italiana in Norvegia, 1970, 1980, 1986-2013 (valori assoluti e in percentuale)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Statistics Norway
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-31.jpg
Fichier image/, 52k
Titre Figura 31. Popolazione italiana in Norvegia, 2005-2012
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-32.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 32. Migrazione italiana in Svezia, 2000-2011 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Statistics Sweden
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-33.jpg
Fichier image/, 28k
Titre Figura 33. Popolazione italiana in Svezia, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-34.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 34. Il rapporto maschi vs femmine nell’emigrazione italiana in Finlandia, 1990-2009
Crédits Fonte: elaborazione su dati Statistics Finland (Guerra, 2011, p. 10)
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-35.jpg
Fichier image/, 28k
Titre Figura 35. Popolazione italiana in Finlandia, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-36.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 36. Entrate annuali di cittadini italiani in Polonia, 1989-2009 (valori assoluti)
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-37.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 37. Cittadini italiani residenti in Polonia, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-38.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 38. Cittadini italiani residenti in Romania (2005-2012) (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-39.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 39. Flussi migratori italiani in entrata in Ungheria, 1995-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte. Hungarian Central Statistical Office 2012
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-40.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 40. Popolazione italiana in Ungheria, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-41.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 41. Italiani che hanno ottenuto la residenza permanente, 2002-2011 anni valori (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Yearbook of Immigration Statistics, Office of Immigration Statistics, dhs
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-42.jpg
Fichier image/, 16k
Titre Figura 42. Non Immigrant Visas, 2002-2001 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Yearbook of Immigration Statistics, Office of Immigration Statistics, dhs
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-43.jpg
Fichier image/, 40k
Titre Figura 43. Non Immigrant visas. Students and Exchange visitors, 2004-2011 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Yearbook of Immigration Statistics, Office of Immigration Statistics, dhs
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-44.jpg
Fichier image/, 32k
Titre Figura 44. Non Immigrant visas, temporary workers and families, 2005-2011 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Yearbook of Immigration Statistics, Office of Immigration Statistics, dhs
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-45.jpg
Fichier image/, 24k
Titre Figura 45. Non Immigrant visas, diplomats and representatives, 2005-2011 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati Yearbook of Immigration Statistics, Office of Immigration Statistics, dhs
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-46.jpg
Fichier image/, 36k
Titre Figura 46. Cittadini italiani residenti negli Stati Uniti, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-47.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 47. Italiani residenti in Canada, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-48.jpg
Fichier image/, 16k
Titre Figura 48. Italiani residenti in Brasile, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-49.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 49. Italiani residenti in Argentina, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: elaborazione su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-50.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 50. Cittadini italiani residenti in Cina, 2006-2013 (valori assoluti)
Crédits Fonte: Elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-51.jpg
Fichier image/, 24k
Titre Figura 51. Presenza italiana in Giappone, 2006-2011 (valori assoluti)
Crédits Fonte: Statistics Bureau of Japan 2012, elaborazione Altreitalie
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-52.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 52. Cittadini italiani residenti in Giappone, 2006-2013 (valori assoluti)
Crédits Fonte: Elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-53.jpg
Fichier image/, 20k
Titre Figura 53. Cittadini italiani residenti in Australia, 2005-2012 (valori assoluti)
Crédits Fonte: Elaborazione Altreitalie su dati aire
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/511/img-54.jpg
Fichier image/, 19k