Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La meglio Italia

 | 
Maddalena Tirabassi
, 
Alvise del Pra’

Introduzione

Texte intégral

  • 1 Come si evince dai dati relativi allo spostamento di residenza anagrafica di cittadini italiani che (...)

1Negli ultimi anni l’attenzione dell’opinione pubblica italiana si è focalizzata sul fenomeno delle «migrazioni» dei giovani. Nel tentativo di denunciare i tagli alla ricerca, le cattive condizioni del mercato del lavoro giovanile e la mancanza di meritocrazia diffusa nel paese, i media si sono occupati della perdita di talenti verso l’estero e hanno svelato l’esistenza di un fenomeno migratorio contemporaneo che tra gli studiosi viene definito con il termine di «nuove mobilità». Quello che fino a qualche anno fa era letto con curiosità come il segno della sprovincializzazione della società italiana – ci si trovava di fronte alla prima generazione in grado di parlare inglese e di muoversi con disinvoltura nel mondo – o, quasi con orgoglio, come il riconoscimento del genio italico all’estero, esemplificato nella sua stessa denominazione «la fuga dei cervelli», negli ultimi anni ha cominciato a suscitare allarme. Che non si trattasse più di un fenomeno tutto sommato di élite hanno iniziato a denunciarlo i meridionalisti parlando delle «partenze» verso l’Europa e verso il nord Italia della loro «meglio gioventù». Adesso dobbiamo però prendere atto che siamo di nuovo entrati in una nuova fase migratoria che tocca più fasce d’età. Il numero degli espatri, che secondo diverse stime si aggirava dalle 30.000 alle 50.000 unità annue almeno fino agli anni più recenti, sfiora oggi le 70.000/100.000 unità a seconda delle fonti1.

  • 2 La cittadinanza europea, istituita con il trattato di Maastricht, costituisce un complemento alla c (...)

2Ma le cifre, come vedremo, sono solo indicative, le nuove mobilità, infatti, risultano spesso «nascoste» nelle statistiche ufficiali poiché molte volte per andare all’estero non occorrono più permessi di soggiorno, di lavoro e visti; molti nuovi mobili non effettuano la cancellazione anagrafica in Italia e non si iscrivono all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero, si muovono liberamente e si recano oltreconfine con pendolarità difficilmente tracciabili, grazie a una serie di mutamenti strutturali nei rapporti tra gli stati – la nascita dell’Unione Europea con il trattato di Maastricht nel 1992, e gli accordi di Schengen, che riguardano l’Italia a partire dal 19902.

3A lasciare l’Italia non sono più solo lavoratori non specializzati, o cervelli in fuga, ma anche studenti, professionisti, tecnici, imprenditori, ricercatori, pensionati, cooperanti e altre figure, qualificate e non, che partono da ogni regione.

4Le mobilità contemporanee pongono così una serie di domande nuove rispetto alle migrazioni del passato, ben sintetizzate alcuni anni fa dal giurista e storico Russell King:

In the new global and European map of migration, the old dichotomies of migration study – internal versus international, forced versus voluntary, temporary versus permanent, legal versus illegal – blur as both the motivations and modalities of migration become much more diverse… including migrations of crisis, independent female migration, migration of skilled and professional people, student migration, retirement migration and hybrid tourism-migration. These relatively new forms of migration derive from new motivations (the retreat from labour migrations linked to production), new space-time flexibilities, globalisation forces, and migrations of consumption and personal self-realisation (King, 2002).

5Rispetto alle migrazioni del passato cambiano quindi le motivazioni, e non sempre la ricerca di lavoro risulta essere il fattore dominante, si emigra anche per cercare una migliore qualità della vita, per amore, o per studiare (Santacreu, Baldoni e Albert, 2006, p. 15). Questa nuova forma di migrazione è resa possibile da una serie di processi che «avvicinano» i paesi d’immigrazione e favoriscono la mobilità: voli di linea cosidetti low cost, treni ad alta velocità, internet. Il web facilita la creazione di reti professionali e permette di trovare lavoro a distanza, agevola la ricerca di un’abitazione e consente anche di fare nuove conoscenze nel paese di destinazione. Nel contempo, grazie all’ausilio di strumenti che permettono telefonate gratuite, lettura di quotidiani a distanza e così via, si mantengono saldi anche i legami con il paese d’origine.

6Ci troviamo quindi di fronte a un fenomeno complesso che include un amplissimo spettro di soggetti diversi le cui esperienze variano a seconda della formazione e dei contesti di insediamento. Rispetto al passato saltano agli occhi alcuni tratti che diversificano le vecchie e le nuove migrazioni: si tratta di migrazioni prevalentemente istruite, individuali, in cui la componente femminile quasi eguaglia quella maschile. Non compare mai tra le motivazioni che portano alla decisione di lasciare il paese quella di mandare i soldi a casa, la parola rimessa, non figura in questa migrazione, anzi i nuovi migranti a volte partono e si mantengono all’estero grazie all’aiuto economico di chi è rimasto in Italia.

7In generale siamo al cospetto di una generazione migratoria convinta di muoversi per scelta, che effettua migrazioni multiple – fenomeno contemporaneo che riguarda tutti i migranti della globalizzazione – e fluide, si spostano infatti con facilità da un paese all’altro e tornano spesso in Italia. Ci troviamo di fronte a una popolazione spesso già familiare con la mobilità grazie alle esperienze di studio all’estero, con una buona conoscenza delle lingue straniere, con maggiori possibilità di scelta grazie all’istruzione e che, generalmente, non incontra esperienze di discriminazione, poiché la formazione ne facilita l’inserimento. Come sostengono Simona Barolini e Cristina Morga per il caso australiano, i nuovi migranti «non si inseriscono in contesti sociali predefiniti, ma in circuiti diversificati, eliminando, il più delle volte, quelle distanze e barriere sociali che contraddistinguevano, invece, le prime migrazioni» (Bartolini e Morga, 2008, p.  360). Una generazione migratoria di individui che alle vecchie forme di associazionismo predilige quelle virtuali e che è consapevole delle proprie multiappartenenze. Ma, c’è un ma: se andiamo a scavare nelle loro testimonianze emerge che i fattori espulsivi, la crisi economica e sociale dell’Italia, la paura del futuro, la nostalgia, l’attaccamento al paese d’origine, li accomunano ai migranti del passato.

8I migranti dell’epoca globale costituiscono un nuovo soggetto sociale ancora in cerca di definizione. Non abbiamo infatti nemmeno una parola per definirli. Come chiamare i protagonisti delle nuove mobilità? Nuovi mobili? Terribile neologismo che risulta per di più intraducibile in inglese. Cervelli in fuga? Termine oramai obsoleto che rimanda a un’immagine di migrazione elitaria all’interno di prestigiose università e centri di ricerca stranieri che mal si adatta alla fuga odierna. Gli stessi protagonisti si interrogano su chi sono, alcuni riconoscendosi nel termine migrante, a volte con ironia si definiscono emigranti di lusso perché non spinti dalla fame, ma dalla ricerca di una miglior qualità della vita. Possiamo includerli nel novero degli oltre 214 milioni di migranti calcolati oggi nel mondo? Alcuni nuovi migranti usano il termine expat, ma anch’esso non è scevro da ambiguità; come nota Peter Carravetta, gli expat sono:

i più borghesi di tutti i viaggiatori, né nobili come gli esuli, né disgraziati come i profughi e i rifugiati, né romantici come i nomadi, né intraprendenti come esploratori, né spiriti liberi come studenti, ma categoria amorfa e ambivalente ancora da comprendere, descrivere, mappare.

Gli espatriati costituiscono un gruppo particolare di «viaggiatori/migranti», ma in genere non chiedono né pretendono solidarietà alla società ospitante dal momento che vivono volontariamente in un paese straniero, spesso per ragioni personali in vista di una personale idea di status sociale (Carravetta, 2012, pp. 93-94).

9L’inglese peraltro consentirebbe il conio di un’altra parola che più rappresenta i nuovi soggetti, global migrants, i migranti della globalizzazione che potrebbero divenire i glomigrants per brevità. Nel corso di questo lavoro compariranno probabilmente più termini, assecondando anche le scelte lessicali dei protagonisti.

10Per di più questo soggetto che non ha ancora un nome non ha nemmeno una dimensione precisa. Come calcolare il numero di chi si muove nell’Europa schengeniana, o che attraversa frontiere con un visto turistico o di studio e che poi decide di fermarsi, col visto scaduto, rasentando l’illegalità?

11La complessità del fenomeno si manifesta quindi in tutti i suoi aspetti legati alla varietà dei soggetti, ma ci viene in aiuto il fatto che si tratta di una migrazione che si racconta e si interroga. I migranti dell’epoca globale offrono infatti agli osservatori sociali la possibilità di intervistarli, ascoltare le loro voci e ragioni. La differenza rispetto al passato, in cui guerre e migrazioni avevano fatto scattare la molla del racconto nelle classi subalterne, è costituita dai numeri: a fronte delle poche autobiografie che ci sono state tramandate, oggi, potenzialmente, grazie alla tecnologia, potremmo avere la storia di ogni singolo migrante. Ma su questo torneremo.

12Partendo da queste considerazioni si è deciso di avviare la ricerca che qui presentiamo. Non si parlerà di casi eclatanti di emigrazione, che già trovano un loro spazio nei media ma, secondo le categorie della vecchia storia sociale, di soggetti anonimi, uomini e donne che hanno condiviso con noi l’esperienza che li ha portati a stabilirsi in ogni parte del mondo con occupazioni che vanno dal pizzaiolo al ricercatore. La «meglio Italia» del titolo si riferisce quindi a donne e uomini qualunque che non hanno perso la speranza, che hanno ancora aspettative e voglia di realizzarle, disposte a sacrifici e a impegnarsi perché queste si realizzino, anche se questo comporta lasciare un paese che tutto sommato amano, ma che hanno anche saputo cogliere le possibilità di movimento nel mondo globalizzato.

13La ricerca è stata condotta intrecciando varie tipologie di fonti: raccolta di dati statistici italiani e dei principali paesi di immigrazione, un questionario on line, interviste in profondità. Nel primo capitolo viene delineato un quadro dell’Italia da cui si parte in numero sempre crescente. In particolare viene analizzata la situazione dei giovani, prime vittime della disoccupazione, ma viene anche compiuta un’analisi delle mobilità studentesche che, come vedremo, costituiscono un primo passo verso migrazioni successive.

14Nel secondo capitolo si è cercato di quantificare il numero di coloro che hanno lasciato il paese mettendo a confronto i dati italiani e quelli dei principali paesi di migrazione.

15Nel terzo presentiamo i risultati del questionario a cui hanno risposto i soggetti protagonisti del fenomeno, 1.500 italiani all’estero dal 2000, nel tentativo di creare una base anche quantitativa che integrasse i pochi dati statistici disponibili e le numerose indagini di stampo prettamente qualitativo pubblicate negli ultimi anni. Le domande poste mirano a tracciare un profilo anagrafico, comprendere le motivazioni all’espatrio, ricostruire l’esperienza all’estero in vari settori, studio, lavoro, cultura, «inserimento/integrazione».

16L’ultima parte riporta le interviste in profondità in cui si esplora l’individualità dei nuovi attori delle migrazioni. È possibile così avere un quadro della soggettività dei glomigrants e di indagare approfonditamente sulle motivazioni che li hanno portato alla decisione di lasciare l’Italia. Oggi le nuove generazioni di migranti, a differenza dei loro predecessori, sono istruite, portate all’introspezione e non esitano a lasciare testimonianze delle loro esperienze, talvolta col desiderio di denuncia. Brevi autobiografie si possono trovare ovunque nei media vecchi e nuovi dalla radio, ai libri, ai blog. Con la possibilità per tutti di raccontare la propria storia il problema diventa l’overinformation, la difficoltà per lo studioso questa volta non è tanto la ricerca delle fonti, ma la raccolta e la sistematizzazione di un materiale vasto ed eterogeneo.

17Molte interviste sono delle vere biografie della lunghezza di un saggio. I migranti della globalizzazione non corrono il rischio di essere invisibili, «gente senza storia», o di svanire «nelle narrazioni ufficiali» come è accaduto alle migrazioni del passato (Carravetta, 2012, pp.  57, 96). Si realizza oggi il sogno dello studioso di migrazioni: per la prima volta è possibile raccogliere le testimonianze dei protagonisti che gettano luce sulle loro scelte, ed espongono le loro pluriappartenze e aspirazioni.

18Le nuove mobilità stabiliscono anche nuove forme di cittadinanza e pongono sull’agenda la necessità di riesaminare le categorie di analisi e gestione delle migrazioni, dalle rilevazioni statistiche, alla legislazione.

19Per il suo carattere contemporaneo questo libro è nato più per dare una fotografia del fenomeno in fieri, formulare domande, denunciare carenze, porre le basi per ricerche future, piuttosto che fornire risposte definitive.

20Nei due anni in cui si è svolta l’inchiesta abbiamo avuto modi presentare i primi risultati nell’ambito di convegni italiani e internazionali (presso l’Italian Studies, School of Literatures Languages Cultures, Edinburgh University, nel convegno Diaspora theory and comparative perspectives 2013, alla Penn University di Filadelfia, in occasione della xxi aislli Conference Italicity; presso l’Università di Cassino, in occasione del convegno internazionale No-Where-NextWar-Diaspora-Origin, e a Barcellona nel convegno Nuove mobilità o nuove migrazioni italiane?, organizzato in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Barcellona.

21La ricerca è stata diretta da Maddalena Tirabassi, il questionario è stato messo on line da Metis ricerche, le interviste sono state condotte da Alvise del Pra’; per la redazione di testi, tabelle e grafici hanno inoltre collaborato Tiziana Troisi e Cecilia Allegra.

22Sono molte le persone che desideriamo ringraziare. In primo luogo tutti coloro che hanno offerto le loro testimonianze, sia rispondendo al questionario che alle interviste, e chi ci ha aiutato a diffonderlo, tra cui tanti colleghi e amici con figli all’estero. A loro è dedicato questo libro. Ringraziamo poi le numerose associazioni e i loro direttori: i membri dell’Association of European Migration Institutions (aemi), Bartolo Ciccardini presidente di Ciao Italia, René Manenti direttore del Centro Studi Emigrazione di Roma Cser, Gianfranco Cresciani per i dati australiani, Mauro Reginato e Aurelia Castiglioni per i dati sul Brasile, Vincent Milione per gli Stati Uniti, Maria Luisa Caldognetto per il Lussemburgo, la Multicultural Historical Society per il Canada, Roberta Ferrazza dell’Istituto Italiano di Cultura di Barcellona.

23La ricerca è stata effettuata grazie a un contributo della Compagnia di San Paolo al Centro Altreitalie, Globus et Locus; il questionario è stato presentato nelle sue fasi intermedie nella trasmissione «La fuga dei talenti» condotta da Sergio Nava a Radio 24 con cui abbiamo stabilito una partnership.

Notes

1 Come si evince dai dati relativi allo spostamento di residenza anagrafica di cittadini italiani che registravano 34.000 cancellazioni nel 2002, meno di 40.000 negli anni successivi per raggiungere quota 50.000 nel 2011 e 68.000 nel 2012 (Fondazione ismu, 2013, p. 8). I numeri forniti dal Censis si rivelano essere più consistenti. Il Centro Studi, includendo anche i trasferimenti di cittadini stranieri, riporta un numero di cancellazioni anagrafiche nell’ordine delle 50.000 unità già nel 2002, nel 2012 diventeranno ben 106.000 con un incremento del 115% tra il 2011 e il 2012 del 28,8% (Censis, 2013, pp. 31-32). Vedremo più avanti come la difficoltà nel reperire dati ufficiali univoci rispetto ai flussi in uscita in Italia sia un elemento costante nell’analisi del fenomeno. Il discorso poi si fa ancora più complesso nel momento in cui si cerca di abbozzare stime rispetto ai numeri reali di chi lascia il paese spesso senza notificano al comune di residenza. In questi casi la forbice può variare anche dai 100.000 ai 200.000 (si veda ad esempio Ricci, 2012).

2 La cittadinanza europea, istituita con il trattato di Maastricht, costituisce un complemento alla cittadinanza nazionale e ha uniformato, e in alcuni casi semplificato, i criteri per l’accesso ai visti e ai permessi di soggiorno nei paesi terzi da parte dei cittadini ue.