Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il teatro gay in Italia

 | 
Antonio Pizzo

Documenti

Teatro gay in Italia (cronistoria e pettegolezzi)

Intervento per "Di che sesso è il teatro", in «Scena» Anno II, Numero 1 - febbraio 1978

Roberto Polce

Texte intégral

1La nascita del teatro gay in Italia è datata marzo 1976, Milano, teatro CTH. A quell’epoca e in quel luogo, per la prima volta, un gruppo di attori dilettanti interni al movimento presentava al pubblico uno spettacolo “politico” sulla condizione e sulla lotta di liberazione omosessuale. Il nome del collettivo, un omaggio a Genet, era Nostra Signora dei Fiori, mentre il titolo provvisorio dello spettacolo era Nostra Signora dei Normali, cambiato poi, per le repliche del teatro Il Quarto (oggi Arsenale), in La Traviata Norma, ovvero: Vaffanculo... ebbene sì! Incredibilmente lo spettacolo ebbe un successo notevole, e fu replicato a Firenze e a Roma. Di questa esperienza resta un libro, con testo e foto della rappresentazione, edito da L’Erba Voglio nel 1977. Nell’estate 1976 Nostra Signora dei Fiori si sciolse e la sua eredità fu raccolta da altri gruppi gay dell’area padano- lombarda.

2Caramella al mughetto, con lo spettacolo recitato e cantato Al maschio non far sapere…, presentato a Milano e Firenze nella primavera del ’77; anche questo gruppo si è sciolto e dello spettacolo resteranno le canzoni incise dal suo cantante-attore Gimmi Onano in un L. P. di prossima uscita per l’Ultima Spiaggia. Immondella Elusivi, che fa capo a Mario Mieli, comincia i suoi spettacoli nella primavera 1977, e replica in varie città italiane, sempre con molto successo di critica e di pubblico. Infine Trousses Merletti Cappuccini e Cappelliere di Parma, nato nell'autunno 1976 e a tutt’oggi operante, ormai conosciuto in tutta la penisola. in città grandi e piccole, per il suo spettacolo Pissi pissi, bau bau. Da ricordare inoltre lo spettacolo Io sono lesbica. E tu?, del collettivo Donne Omosessuali, e lo spettacolo delle Gaye, entrambi nati e andati in scena a Milano nella stagione ’76- ‘77.

3Come si può dedurre da queste poche notizie di nascita e scioglimenti, il teatro gay di movimento in Italia non si è ancora stabilizzato e non ha ancora raggiunto i livelli tecnici che ha raggiunto nelle altre nazioni occidentali (ricordiamo Hot Peaches di New York, il gruppo più famoso nel mondo attualmente in tournèe in Europa, Brixton Gay Group, Bloolips e Gay Sweatshop a Londra, Brühwarm di Amburgo, ecc.), dove peraltro ha ormai alle spalle parecchi anni di attività.

4Accanto a questo teatro gay “politico” esiste però un'area estremamente interessante di compagnie e collettivi che operano in modo più professionale sui “classici” del teatro e della letteratura, o su situazioni e personaggi storici, usando l’arma sottile dell’ironia e dello stravolgimento, o a volte semplicemente della reinterpretazione. Il lavoro costruttivo o de-costruttivo di questi gruppi che costellano, senza un senso geografico ben definito, tutto il panorama dell’avanguardia teatrale italiana può avere – e, secondo me, ha – un’importanza e un significato “politico” altrettanto rilevante del teatro di provocazione e denuncia legato al movimento gay.

5È il caso del Proust di Giuliano Vasilicò; è il caso dei Metavirtuali di Pippo Di Marca con il Santo Genét commediantee martire, e con il precedente I canti di Maldoror; è il caso degli Esauriti di Leo Pantaleo con La Dame aux camélias. È il caso del Teatro Aperto di Bologna (Erio Masina, Renzo Dotti, Graziella Mangiotti) con il vero e proprio spettacolo gay Duse Duse Duce Duce che a Roma è stato recentemente censurato e tolto dalla circolazione e nessuno – dico nessuno – del cosiddetto “movimento gay” ha sprecato una parola per denunciare questa provocazione.

6Eh, sì! Succede che chi operi ai margini del movimento gay, istituzionalizzato alla corte di Panorama e L’Espresso, faccia questa fine! Come, d’altronde, succede che qualcuno, non essendo affatto né culo né lesbica, si sia servito della sigla C.O.M. (Collettivi Omosessuali Milanesi) per garantirsi una maggiore affluenza di pubblico, benché i COM fossero già sciolti da qualche tempo. Come succede che andando a vedere I Legnanesi mi capita di sentire per caso un dialogo fra una signora impellicciata e ingioiellata e suo marito vestito da Gucci e calzato “L.V.”, entrambi un po’ avanti negli anni:

7Lei – “Caro, ci sarà anche Mario Mieli”

8Lui – “Ma no, cara, che non ci sarà!”

9Lei – “Perchè non ci sarà? Non sono questi?”

10Lui – “Ma no, cara, i gay sono quelli abbiamo visto all’Arsenale, questi travestiti…”

11Eh sì! Pare anche che il gay “a denominazione d’origine controllata” facciano molto radical-chic, oltre ad avere un’ottima quotazione sul mercato!

12Lo diceva sempre quella santa donna di Hocquenghem (e io che non ho mai voluto crederci)!

Auteur

Lire

Accès exclusif

open access

Offert par L’éditeur de ce site