Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il teatro gay in Italia

 | 
Antonio Pizzo

Testi

Fascistissima

di Alessandro Fullin e Rinaldo Luchini (1986-1989)

Alessandro Fullin et Rinaldo Luchini

Dedicato a Nanà, ispiratrice di questa avventura

Texte intégral

Il testo lo spettacolo

1Fascistissima è l’ultima produzione del Kassero Gay Band & Ballet (KGB&B). Il gruppo era nato dall’impegno di alcuni militanti del Cassero, il centro culturale LGBT, fondato a Bologna il 24 giugno 1982, al quale il Comune affidò una sede stabile alla storica Porta Saragozza. Quello spazio era subito stato utilizzato per attività di militanza, documentazione e informazione, ma anche come spazio aggregativo per la comunità. Tra i molti che avevano dato vita al centro, Stefano Casagrande si era assunto la responsabilità di programmare eventi culturali e spettacoli. Fin dagli inizi, era possibile imbattersi in feste a tema durante le quali, non di rado, gli organizzatori improvvisavano brevi eventi di animazione. A volte erano travestimenti estemporanei, a volte spettacoli più articolati che coinvolgevano il pubblico. Non ci volle molto perché alcuni di loro formassero una compagnia fissa, che intitolarono parodiando il famoso servizio segreto dell’Unione Sovietica. Da quel momento produssero spettacoli più lunghi e organizzati, fino a comporre un proprio repertorio. L’intento di fondo era di parodiare in chiave gay, o meglio camp, prodotti di intrattenimento di massa; il primo esperimento fu la rivisitazione di una soap opera, Dancing Days famosa in quegli anni, tramutandola in Denzing Gheis (1983). A seguire venne Le sodomiadi (1984) che prendeva spunto dai giochi olimpici di quell’anno e vedeva i componenti del gruppo, tutti in panni femminili, in una serie di prove ginniche deliranti: i cento metri con tacchi a spillo, il sollevamento del beauty case, il lancio del bocchino, ecc. Il travestimento comico era già ampiamente diffuso in quegli anni e sovente aveva come oggetto della parodia l’opera lirica, ricco tessuto per caricaturare atteggiamenti pomposi ed elitari. Ad esempio, Michael Aspinal (musicologo e baritono inglese) era conosciuto in Italia per le sue rivisitazioni en travesti del repertorio operistico (La Traviata, Tosca) cantato in falsetto. Nel 1985, il KGB&B presentò Laida che radicalizzava il gioco dissacrante e impegnava i componenti nella sgangherata rassegna di varie arie d’opera (in playback) guidati da una non meno improbabile presentatrice (sempre en travesti). La cifra di fondo era il contrasto tra l’origine nobile dell’aria operistica e l’inadeguatezza degli esecutori che, un po’ svogliati un po’ distratti, stravolgevano le trame originarie, fino all’ultimo quadro in cui i cigni del famoso balletto, catapultatisi d’improvviso in scena, erano abbattuti a forza di mitragliate da un cacciatore. Il gruppo ottenne successo tra un pubblico sempre più numeroso e iniziò anche a presentare i propri lavori non solo al Cassero ma anche nelle Feste dell’Unità o altrove, sempre in ambito regionale, e comunque svincolati dal circuito teatrale ufficiale. Su questa scia, nacque Anatema su di voi (1985), la trasposizione gay di alcune figure dei Vangeli in cui, oltre alla presentazione di quadri scenici dissacranti (Gesù frustato da un centurione in costume sadomaso, San Sebastiano «donnissima» che porta un cartello con la scritta “Gay Liberation”) si iniziarono ad apprezzare dialoghi più articolati.

2In quei pochi anni il gruppo era diventato più stabile e tra i componenti più costanti c’erano Alessandro Fullin e Rinaldo Luchini. Furono loro, nel 1986, insieme a Marco Barbieri, a creare Fascistissima, ultimo spettacolo del gruppo e anche il testo più compiuto, che debutterà a ottobre nella rassegna D’Art Room a Bologna. Il lavoro ebbe successo e fu riproposto più volte, in diverse sedi, ma poiché Barbieri non poteva impegnarsi in una tournée, fu sostituito da Mario Sucich. Con questo spettacolo, il gruppo si distanziò da quella forma di intrattenimento estemporaneo o animazione da discoteca con la quale aveva iniziato, e si indirizzò verso una drammaturgia accessibile anche a un pubblico che non condivideva immediatamente i codici e lo slang della comunità omosessuale.

3Fascistissima è ambientato nel ventennio fascista dove la conduttrice Edda, coadiuvata a due assistenti (Limona e Itala), cerca di mandare avanti una trasmissione radiofonica per un pubblico di donne. Anche qui il gioco comico nasce dalla contrapposizione tra le grandi ambizioni della presentatrice e i pochi mezzi con i quali lei e le assistenti devono arrangiarsi. Come era accaduto nelle passate esperienze, lo stile del “rusco” (spazzatura in dialetto bolognese) è alla base della messa in scena. Nei primi spettacoli, infatti, i vari numeri erano stati allestiti grazie alle cianfrusaglie, raccolte tra case di amici e mercatini dell’usato, trasformate velocemente in abiti e scene. In Fascistissima il “rusco” non è solo ciò che raccattano i componenti del KGB&B ma rappresenta anche gli inganni che la conduttrice propina alle sue ascoltatrici (l’inesistente studio radiofonico «tutto in marmo», le centinaia di ragazzine fasciste ridotte a una sola presenza, le corrispondenti estere mimate dalle assistenti). Lo spettacolo continua il gioco goliardico che aveva dato vita ai primi spettacoli e ribadisce la passione per un teatro gay non inteso in termini di rivendicazione militante.

4Il KGB&B è stato uno degli ultimi gruppi di teatro omosessuale ad apparire sulla scena italiana e ha potuto far fruttare gli esempi precedenti in una prospettiva più teatrale e meno politica; sebbene abbiano seguito il filone del radical drag, in cui il travestimento non imitava il comportamento o l’aspetto femminile bensì si riappropriava di stereotipi omosessuali a mezzo di una forte estremizzazione, la drammaturgia dei loro spettacoli si è mossa verso la sedimentazione di codici e stili (nati nei movimenti LGBT) in strutture più stabili, in cui l’effetto comico prende il sopravvento. In questo testo, il gioco parodistico si tramuta in una satira politica che prende in giro il potere e i suoi strumenti di persuasione utilizzando gli strumenti messi a punto da quella che era ormai una tradizione del teatro gay.

Gli autori

5Alessandro Fullin nasce a Trieste il 19 giugno 1964 e si trasferisce a Bologna nel 1984 per studiare al DAMS. L’anno successivo inizia a frequentare il Cassero ed entra nel KGB&B. Insieme a Casagrande collabora alla programmazione delle attività culturali, e organizza diverse feste a tema. Poco prima che il Cassero si trasferisca alla Salara, Fullin si allontana dal gruppo e prosegue la carriera professionale allestendo il suo secondo testo originale: Un delitto senza importanza: chi ha ucciso Oscar Wilde? insieme a Mario Sucich. A questo spettacolo deve la prima apparizione televisiva, nel 1988 per la trasmissione Buona fortuna su Rai 1. Negli anni successivi continua a presentare i suoi spettacoli al Cassero (Salomé, Tempesta, Piccole gonne) collaborando con l’attrice Emanuela Grimalda. Dopo aver conseguito la laurea, allestisce lo spettacolo Varie età con due ballerini (Mauro Guadalupi e Tony Inguì) e un’attrice (Clelia Sedda). In occasione di una replica a Milano, nella serata Zelig Gay, viene notato dai produttori televisivi di Canale 5 che lo chiamano a Zelig Off nel 2004. La sua apparizione ha successo e Fullin diventa ospite fisso con il ruolo dell’insegnante di lingua tuscolana. Negli stessi anni torna a lavorare in teatro, come autore e interprete, e pubblica diversi libri in cui riprende i propri personaggi di successo. È anche autore di diverse opere di narrativa tra cui Ho molto tempo dopo di te (Kowalski, 2011) e Panico botanico (Cairo, 2014).

 

6Rinaldo Luchini nizia a militare nel circolo omosessuale 28 giugno per poi partecipare alla fondazione del Cassero del quale è animatore per molti anni. Ha un ruolo centrale nel KGB&B e vi resta fino allo scioglimento del gruppo.

Fonti

7Il testo che pubblichiamo è tratto da quello edito in Teatro in delirio nei «Quaderni di Critica Omosessuale» del Cassero. Nella versione che segue, però, abbiamo apportato, con il consenso degli autori, alcune modifiche. Innanzitutto sono state integrate le didascalie e aggiunte alcune scene, confrontandole con un video dello spettacolo messo a disposizione dal Centro di documentazione Flavia Madaschi del Cassero di Bologna. Abbiamo inoltre utilizzato sempre i nomi dei personaggi (Elda, Limona e Itala) al posto dei numerosi ruoli che assumono nel corso dello spettacolo. Le didascalie indicano di volta in volta quale personaggio fingono di essere davanti ai microfoni. Riteniamo che il continuo avvicendarsi delle tre protagoniste restituisca il loro comico armeggiare per portar a termine la trasmissione radiofonica, quale struttura portante dello spettacolo.

 

Stefano Casi (a cura di), Teatro in delirio, «Quaderni di critica omosessuale», n. 7, Il Cassero, Bologna 1989.

Beppe Ramina, Cassero, in Daniele Del Pozzo, Luca Scarlini, Gay. La guida italiana in 150 voci, Mondadori, Milano 2006.

Monica Dragone, Esperienze del teatro sociale in Italia, in Claudio Bernardi, Benvenuto Cuminetti, Sisto Dalla Palma (a cura di), I Fuoriscena. Esperienze riflessioni sulla drammaturgia nel sociale, Euresis Edizioni Milano, 2000.

«Cassero Magazine», anno VI, n. 2, 2007, fascicolo del periodico dedicato al venticinquesimo anniversario della fondazione del Cassero.

Personaggi e interpreti

Edda Peluzzi (presentatrice) - Mario Sucich
Limona Sligoviz (prima assistente) - Alessandro Fullin
Itala Marmo (seconda assistente) - Rinaldo Luchini

8Nel corso della trasmissione la presentatrice insieme alle sue assistenti, ma soprattutto queste ultime, interpreteranno diversi ruoli al fine di garantire la presenza di ospiti dal vivo al programma radiofonica. Il pubblico assisterà a tutti i maldestri escamotage che le tre arrangeranno al fine di convincere il pubblico dei potenti mezzi della radio fascista.

9Tra i personaggi improvvisati in scena ci saranno (in ordine di apparizione): il Trio Lescano; Tostapane e Locomotiva le due donne futuriste, la Rondinella (giovane italiana), la cantante lirica Bruta Scorfen, Helga corrispondente da Berlino, Novella Canguris atleta Italiana e Culaka Trichecova atleta Bulgara, Le Cammelle di Gibuti cantanti; la Direttrice del Sanatorio “Cime Tempestose”, Leni Riefensthal regista nazista, Amelia la zingara, Umbertina la bambina, Ubaldo il cavallo, Pinuccia Capo Squadriglia.

Dagli studi dell’EIAR: FASCISTISSIMA trasmissione radiofonica di lavoro – disciplina – sacrificio delle donne italiane di sicura fede fascista.

10Al centro di un piccolo palcoscenico un microfono ad asta “tipo EIAR” che sarà usato principalmente dalla presentatrice Edda. A destra in avanti, un tavolino e alcune sedie. Sul tavolino sono disposti vari oggetti di scena. In fondo sulla sinistra, un baule, una valigia e qualche sedia. In fondo a destra, un enorme tricolore forma una quinta dalla quale entreranno i vari personaggi.

Prologo

11Anno XIII della Rivoluzione Fascista. In un’oscura ed umida cantina romana, collegata via cavo con le stazioni dell’ElAR, fervono i preparativi per la puntata radiofonica. Sul pavimento sconnesso dello scantinato, al debole chiarore di lampade all’olio di ricino, brillano pozze del sudore versato dalle attrici. Edda Peluzzi e le sue due collaboratrici spingono un enorme baule pieno di effetti speciali. Mentre la gracile Limona Sligoviz ricopre pietosamente di Tricolori le crepe più ampie dei muri e la florida Itala Marmo fissa il ritratto del Duce dagli occhi dardeggianti ad un’instabile parete, Edda si trucca pesantemente gli occhi con il nerofumo di una candela. Sono in grave ritardo. Tuona la voce dell’Ispettrice Radiofonica.

 

Voce fuori campo dell’Ispettrice Radiofonica Edda Peluzzi in studio, Edda Peluzzi in studio!!!

Edda (Avvicinandosi al microfono) Sono pronta eccomi… AHHHH! (Zoppicando)… Mi sono spezzata la rotula!

Voce fuori campo dell’Ispettrice Radiofonica (Indifferente) Chi si ferma è perduto! Avanti con la sigla!

12La voce registrata di donna canta su un jingle allegro e veloce.

Fascistissima è ancor qui con voi.
Fascistissima da noi, da noi, per voi.
Fascistissima, ma cosa ci farà?
Fascistissi… missi… missi… missi… missi… missi… ma!

Edda (Si lamenta massaggiandosi l’arto offeso)… Ahi, Ahi… Aaah. (Al microfono, con impeto ed entusiasmo, leggendo il copione) Care ascoltatrici, sono io, la vostra… Edda Peluzzi che vi parla dai microfoni dell’EIAR per una nuova puntata di “Fascistissima”: questa trasmissione fatta dalle donne per le donne, dalle fasciste alle fasciste! Una trasmissione voluta da Lui! Mamme italiane, spose abissine, intrepide aviatrici, sottomesse casalinghe, abbruttite muratrici, ladre di biciclette, analfabete… e ardite intellettuali… tutte donne, tutte fasciste, tutte unite in una sola guida, in una sola luce, in lui, il Duce. (Seria) Alcuni insinuano che la figura della donna nell’Italia Fascista sia tenuta in poco conto, che a noi non sia concesso spazio… Voci nemiche sostengono che lo stivale fascista ci calpesta, ci massacra, ci umilia… (Entusiasta) È vero! Ma a noi piace! Del resto non è vero che non ci è concesso spazio: il Duce ci ha regalato tutte le settimane 15 minuti!… E questo sfavillante studio! È un peccato, care ascoltatrici, che non possiate ammirare tutta la magnificenza di questa sala dell’EIAR!…

13La descrizione che segue sarà eseguita con fervore, ma in comico contrasto con la realtà della povera scena piena di cianfrusaglie.

Edda I pavimenti sono di marmo, le pareti sono di marmo, anche le lampadine sono di marmo! (Pausa) E per cominciare subito in bellezza, una sorpresa! Erano nello studio qui accanto a registrare il loro ultimo successo ed io le ho invitate subito qui a Fascistissima. Sono loro, le tre sorelle olandesi, il Trio Lescano!!

14Irrompe Itala Marmo, incastrata in una sagoma di cartone dipinto su cui sono fedelmente riprodotte le due sorelle mancanti. Itala improvvisa una danza. Intanto Edda esce.

15Parte la registrazione del Trio Lescano che canta “La gelosia non è più di moda”

16La gelosia non è più di moda
è una follia che non s’usa più
devi avere il cuor contento, stile Novecento
per goder la gioventù

17Con piglio marziale rientra Edda con in capo un elmetto militare e un abito con al collo spezzoni di pellicola che, come lunghe frange nere, pendono fino al ginocchio. A seguire entra con simile ma ancor più grottesco piglio marziale Limona, vestita da donna, e con un elmo in testa. Interpretano le donne futuriste Locomotiva e Tostapane. Limona prende un microfono dal tavolo. Entrambe leggono dal copione.

Edda Oh, dove siete, donne futuriste?

Limona (Chiamando) Futuriste! Futuriste!

Edda (Con fervore) Eccoci sul promontorio dei secoli. Siamo noi, vestite di solo coraggio. Gagliardi i nostri nomi. Io Locomotiva.

Limona Io Tostapane.

Edda Noi canteremo la guerra. Noi canteremo…

Limona (Ingenua)… e balleremo.

Edda (Allegra) Saremo famose. (Seria) Canteremo il militarismo...

Limona Il patriottismo...

Edda Il gesto distruttore e libertario...

Limona Le belle idee per cui si muore...

Edda E… il disprezzo della donna!

Limona (Invasata, ripetendo più volte) E il disprezzo della donna! (Esce ripetendo e marcando il passo).

Edda (Mentre si libera dal travestimento da donna futurista) Ecco, le nostre amiche stanno allontanandosi dallo studio. Addio care, ciao Locomotiva, ciao anche tu Tostapane.

18Edda adesso è ritornata nei suoi panni di presentatrice.

Edda Mie care amiche, le futuriste ci hanno dato queste rinfrancanti parole, ma anche io ricevo sempre belle parole. Sono le vostre lettere che ricevo quotidianamente da voi, care ascoltatrici; lettere tutte piene di elogi per me e per la mia trasmissione. Grazie Italiane, grazie Fasciste! Vorrei mandare un saluto a Filomena che mi scrive “Edda cara, com’è eccitante ascoltare la tua voce così piena di fascino e di autorità e come è triste voltarsi a guardare quella sciocca scatola che è la mia radio. Chissà come sei bella Edda, come mi piacerebbe incontrarti…”. In verità, cara Filomena, non hai torto… In effetti io sono bellissima! Oggi sono bionda e indosso un bellissimo vestito di rayon autarchico! Comunque, non preoccuparti Filomena, un giorno o l’altro ci incontreremo e vedrai, avrai una bella sorpresa! Ma ora care amiche, un altro inatteso ospite…

19Parte di nuovo il coretto del Trio Lescano e riappare Itala Marmo nell’abito a tre figure.

Edda (Infastidita, rivolta a Itala) Ma basta, togliti dai piedi. (Ricomponendosi, al microfono) Eh… che simpatiche… sono tornate a trovarci… sono le olandesi…. (con intenzione) che ora però se ne vanno. Ma è giunto il fatidico momento del nostro grande incontro con loro! Sono fuori dallo studio e scalpitano per entrare! Non facciamole attendere oltre. Sono le Piccole Italiane, le Giovani Fasciste, le Rondinelle d’Italia!!!

20Musica di fanfara militare.

21Entra Limona vestita con camicetta bianca, gonna e un cravattino nero, in capo un cappellino sul quale svetta un falco di plastica. Si aggira come sfilando sul palco.

Edda È meraviglioso: il nostro pur grande studio è stato letteralmente invaso da uno stormo di Rondinelle! Entrano perfettamente inquadrate in gruppi di coorti, centurie, manipoli e squadre. Rondinelle, quante siete?

Limona (Prende il microfono dal tavolo) Tante!

Edda E come siete?

Limona Fascistissime!

Edda Ardite! Ma chiamiamo qui a caso una di queste Rondinelle. Una a caso… (A Limona) Vieni tu!

Limona Chi, io?

Edda Sì, proprio tu!

Limona Ha scelto me?!

Edda Vieni carina. Come ti chiami Rondinella?

Limona Condor.

Edda Bene, la nostra… Condor ci presenterà una poesia dal titolo...

Limona Condor.

Edda Certo. Con questa poesia ella ha vinto il Premio… (leggendo sulla scaletta)…

Limona (Anticipandola) Condor!?…

Edda La nostra Rondinella ci eseguirà una poesia dal titolo… Condor! (Va a sedersi sul fondo).

Limona (Declamando)

22Le rondinelle amano le piccole creature.
Eccomi nella boscaglia
sola e selvaggia
curiosa di natura
ora scruto la verzura

23Come se avvistasse qualcosa sul pavimento.

24e tu chi sei? La laboriosa formichina?

25La Rondinella spiaccica la formica al pavimento con un preciso colpo di tacco.

26Si avvicina timido un bruco…

27Non paga, la Condor assegna al bruco la medesima fine.

28Ma ecco una tenera farfalla mi si posa sopra una mano
una ritrosa libellula plana sull’altra
bestioline di Dio…

29Distratta ma implacabile, la Rondinella batte le mani congiungendole al seno, facendo marmellata dei poveri imenotteri.

30… quanto vi amo!
Grazie, grazie.

31Si inchina ripulendosi alla meglio le mani omicide sulla nera sottanella. Esce.

Edda Bravissima Rondinella: sono certa che avrai un sicuro avviamento professionale.

32Limona rientra con in mano un grande cerchio di cartone. Inizia mimare ridicoli esercizi di ginnastica artistica.

Edda Ma Condor cosa fai?… Amiche, è incredibile, la nostra Rondinella non riesce stare un attimo ferma. È sempre lì a fare allenamenti per il Duce.

33Edda descrive con esagerato entusiasmo i modesti sforzi ginnici della Rondinella.

Edda Ma che cosa succede? È incredibile! La nostra Rondinella si è improvvisamente cimentata in difficilissimi esercizi ginnici con il cerchio di fuoco. Ecco, lo fa girare su un braccio… Ora sull’altro. Ci mette la testa dentro?! Grazie ad una ferrea disciplina ella perfeziona ed irrobustisce il corpo e lo spirito. Ama l’ardimento, sprezza il pericolo e sprezza la pigrizia: noi siamo contro la vita comoda. Ma che cosa fa ora? Si concentra per eseguire il salto nel cerchio: ma è un esercizio difficilissimo!

34Limona, impacciata e sonnolenta, appoggia il cerchio a terra e con un balzello ci mette dentro i piedi alzando contemporaneamente le braccia al cielo.

Edda È saltata! Brava Rondinella! Ti hanno giovato i campi e le colonie estive nonché invernali. Vieni qui Giovane Italiana. Hai fatto tanto per il Duce. Anche lui ti è grato. E ora in cambio (con fervore entusiasta) assisterai ad un grande avvenimento. Mettiti comoda.

35Limona va sul fondo, batte i tacchi e si ferma rigida, alzando il braccio teso nel romano saluto.

Edda Ora, amiche ascoltatrici, stiamo per collegarci con la Staatsoper di Bayreuth, da dove ascolteremo le melodiose note wagneriane, e una mirabile interpretazione della grande cantante soprano Bruta Scorfen.

36Musica d’opera di sottofondo
Con un enorme scolapasta cornuto da cui si dipartono due stopposissime trecce a tortiglione, Itala Marmo investe la scena urlando. Una tunichetta trasparente rivela purtroppo le sue abbondanti forme. È visibilmente inferocita e aggredisce senza motivo la sparuta Figlia della Lupa che viene ghermita dalla soprano e sbattuta sullo sconnesso impiantito. Neppure allora la Condor rinuncia alla statuaria posa di saluto. Edda le sorride. Terminato il massacro, la Scorfen trascina i resti impettiti della Rondinella fuori scena.

Edda Mirabile questa interpretazione della Bruta: la nostra Rondinella è stata letteralmente rapita dalla musica e con lei sono volate via tutte le altre Rondinelle che si sono gustate lo spettacolo succhiando un manganello di liquirizia. (Cinguettando al microfono)… Cip… Cip… Cip… L’uccellino ci avvisa che è giunto il momento di un nuovo collegamento con la nostra alleata, la grande Germania! Proviamo ora a collegarci con l’Olimpia Stadium di Berlino, dove la nostra corrispondente Helga è ansiosa di esaltarvi con le atletiche gare delle atlete olimpiche dell’Asse… Helga, Helga mi senti? Il difficilissimo collegamento non è stato ancora attivato… C’è qualche disturbo…

37Entra Limona infagottata in una gabardina grigioverde. Interpreta Helga, la corrispondente da Berlino. Dal tavolo prende il copione e si pone al fianco della presentatrice.
Sottofondo registrato di rumori e disturbi da collegamento radio.

Edda (In un crescendo di apprensione) Helga mi senti?… Helga!… Helga mi senti? Mi senti, Helga? Mi senti?

Limona (Gridando) Che so’ sorda?

Edda Il collegamento è stato attivato! Helga devo dirti una cosa!… mi senti?

Limona Sì ti sento!

Edda Sai che alcune voci anti-nazionalistiche affermano che i nostri collegamenti sarebbero una truffa ai danni delle fasciste che ci ascoltano, che le nostre corrispondenti la Germania non l’hanno vista neanche in cartolina. Mai sentito niente di più ridicolo. Helga: dicci dove ti trovi?

Limona A Berlino!

Edda Avete sentito? Ma ora Helga descrivici le meraviglie dello stadio Olimpia.

Limona Peccato che non possiate vedermi. Questo stadio è un monumento alla maschia e virile giovinezza delle donne ariane. Tutto lo stadio è scolpito in un unico blocco di marmo. Sulla balaustra che circonda la pista tredici cariatidi sorreggono la mano del Führer che stringe quella del Duce. Dietro, un’enorme gradinata in granito accoglie una folla esultante ma disciplinata! E su nel cielo terso… le frecce tricolori! Le frecce tricolori! Le frecce tricolori?????

38Il suo sguardo segue perplesso la squadriglia italiana che, invisibile a tutti, si conficca spietata sulla folla urlante.

Edda Come vorrei essere lì con te, Helga. Ma le gare… le gare… Dicci delle gare.

Limona Edda, ti sei collegata giusto in tempo. Stanno per iniziare le gare femminili. È il momento dei 100 metri a farfalla.

Edda Ah che combinazione!

39Limona dismette i panni della radiocronista e rivela un improbabile divisa da atleta composta da pantaloncini e maglietta bianca con sopra stampato il numero uno.

Edda Helga, cosa ci dici di queste gare… dove sono le atlete.

40Limona indossa una fascia elastica da cui pendono due lunghe orecchie da bassotto. Intanto entra Itala Marmo, vestita come Limona ma con il numero 2 sulla maglietta. Mentre le due atlete si riscaldano, Edda prende il ruolo di Helga mimando un forte accento tedesco.

Helga (Assumendo il ruolo di Helga. Verso Itala) Prima concorrente Culaka Trichecova, bulgara: com’è florida grazie allo yogurt e al muesli! (Verso Limona) Ma ecco anche la nostra concorrente italiana che entra in questo momento… È lei! La nostra Novella Canguris… Ja, stanno per partire. Pronti, Posto, VIA!… Sono partite!

41Limona e Itala mimano una corsa. Come rincorrendosi, si scontrano e lottano più volte mentre Edda esegue la telecronaca. Alla fine con un salto della cavallina, Limona scavalca Itala ed esulta.

Helga La nostra Canguris ce l’ha fatta…. con la sua mossa segreta, il santo del canguro. Fantastico, favoloso, brava Novella.

42Limona e Itala escono. Edda riprende il ruolo di presentatrice in studio.

Edda Che momento emozionante. L’Italia ce l’ha fatta. Abbiamo vinto, amiche. Grazie Helga, ti lasciamo e ritorniamo nel nostro studio. Dopo questa sfolgorante Vittoria Italiana è giunto il momento di nuove sorprese radiofoniche… Da Roma ora ci collegheremo con le province più lontane dell’Impero, dove le nostre Truppe Civilizzatrici sono state massacrate senza battere ciglio, ad Adua, Makalè e Addis Abeba. Abbiamo donato le nostre fedi alla patria: saranno acciaio per i nostri cannoni! Gli altri popoli invidiano la nazione italiana, prolifica e intelligente, saggia e laboriosa, fino a ieri serrata in una piccola ma divina penisola troppo angusta oramai per la nostra razza che oggi si è finalmente conquista un posto al sole. Ci colleghiamo ora con un pittoresco locale dell’entroterra abissino “Aspetta & Spera”, per trasmettervi in diretta il concerto del famoso gruppo “Le Cammelle di Gibuti”.

43Entrano implacabili Limona ed Itala hanno rimediato due tibie che decorano i radi capelli e due bizzarre chitarre che altro non sono se non due tarlati coccodrilli imbalsamati. Senza pietà le due attrici intonano stancamente un lamentoso motivetto folkloristico. Edda, pur disgustata, si unisce al coro.
Terminato il numero Limona e Itala escono.

Edda Grazie Cammelle! Grazie Gibuti! Grazie Negre! Questo brano era dedicato all’Associazione Fascista delle famiglie dei caduti, mutilati, semplicemente contusi, delle guerre africane. E dalle rive del lago Tana e del Tigrai voliamo alle vette alpine!

44Limona entra nelle vesti della Direttrice del Sanatorio.

Limona Sì, Edda, sono io, la Direttrice del Sanatorio “Cime Tempestose”. Oggi nell’ampia corsia è entrata la Regina, la gentile Regina d’Italia, Elena di Savoia, che è venuta a trovare le piccole malate.

Edda Che regale conforto! E dimmi cara, quali sono i morbi più diffusi nel vostro bel sanatorio?

Limona Tutte le nostre bambine sono affette da Malaria, Tubercolosi, Lue e Pellagra.

Edda Complimenti! E come le curate?

Limona Immersioni in vasche di tintura di iodio ed esposizione ai cocenti raggi solari.

Edda Complimenti! Ma che cosa fa la nostra adorata Regina?

Limona Ella si è avvicinata al candido lettino di una piccola ospite che la guarda sorpresa e lieta… Ora si china a baciarla… la bimba la ricambia generosamente… La cura funziona! I bronchi della piccola sono già più liberi: sarà merito anche del bacio di Sua Maestà?

Edda Complimenti Può la bambina salutare con il famoso motto del sanatorio le nostre ascoltatrici?

Limona Certo! (Poi, con un’altra voce) Credere – Espettorare - Combattere! COMBATTERE

 

Edda Care amiche, per voi che non amate lo sport, lo so che state aspettando. È giunto il momento del nostro Radiodramma. So che il vostro cuore scalpita nell’attesa di ascoltare… “L’eroina padana”: 154a ed ultima puntata. Riassunto delle puntate precedenti: (Legge) “La zingara Amelia ha rapito la piccola e dolce Umbertina, strappandola al seno della sua affettuosa madre Agnese. La perfida zingara avvia la bimba su una triste china, ma pur rubando, mentendo e circuendo, la buona Umbertina non perde il suo buonumore e canta la canzone che tutte Voi, care Amiche, conoscete: “la cicala canta canta / tutto il giorno sulla pianta / e disprezza la formica / che lavora e s’affatica…”

45Mentre Edda legge al microfono, Itala e Limona si precipitano al baule degli effetti speciali. Portano il necessario sul proscenio vicino al microfono. Non solo sono pronte a dare viva voce alle eroine del radiodramma, ma si cimentano scandalosamente come rumoriste al fine di sottolineare i momenti più incresciosi della storia con i rumori meno opportuni.

Edda (Mimando con la voce una sigla dai toni tragici e dando il tempo alle due compagne di prepararsi) “L’eroina padana”: 154a ed ultima puntata… Il carrozzone di Amelia avanza a fatica nella bassa padana…

46Effetto zoccoli: Limona, ferrata ai piedi, corre imbizzarrita nello scantinato.

Edda La zingara frusta il cavallo…

47Effetto frusta: Itala Marmo incita nella corsa Limona con precisi colpi di scudiscio.

Limona (come Amelia) Avanti, ronzino!

Itala (come Ubaldo) Hi, Hiiiiiii!

Edda E frustò anche la bambina…

48Effetto frusta: Limona Sligoviz ricambia con astio la collega.

Itala (come Umbertina) Uè, Uè.

Edda Improvvisamente cominciò a piovere…

49Effetto pioggia: Itala strizza una spugna zeppa d’acqua gelida sul capo di Edda.

Limona (come Amelia) Tempo di merda, pisciatoio della valle…

Edda Il cavallo Ubaldo sprofondò nel fango fino alle narici… della zingara, che inveì…

Limona (come Amelia) Maledetto ronzino, maledetta padana! Sei tu, gufa, che mi porti sfiga! Attaccherò te, bambina tarata, al carrozzone…

Edda E attaccò Umbertina alle briglie, mentre Ubaldo saliva sul carrozzone al posto della bambina… Malgrado le zolle che le impiastricciavano il volto, le sanguisughe che le martirizzavano gli stinchi, Umbertina non perdeva il suo buonumore e intonava il suo cavallo di battaglia…

Itala (come Umbertina, cantando la filastrocca)

50La cicala canta canta
tutto il giorno sulla pianta
e disprezza la formica
che lavora e s’affatica.
Ma l’inverno presto viene,
muor di fame chi cantò,
viva lei che visse bene,
che all’estate lavorò.

Edda Il tempo peggiorò ulteriormente, un vento furioso squassava la verzura…

51Effetto verzura: Limona agita alcune pallide foglie di plastica, nonché se stessa.

Edda Lampi e tuoni lampeggiavano e tuonavano…

52Effetto lampi e tuoni: Itala agita una lamiera.

Edda La pioggia si fece sferzante…

53Effetto pioggia sferzante: Itala e Limona agitano la lamiera mentre con un vaso le versano dell’acqua sopra.

Edda E crebbe a tal punto da tramutarsi in un uragano.

54Effetto uragano sferzante: Itala e Limona agitano la lamiera mentre con una grossa teiera le versano dell’acqua sopra.

Edda La diga si ruppe e un orribile gorgo si formò nella piena…

55Effetto gorgo: Itala abbeveratasi dalla teiera, modula al microfono esagerati gargarismi, sputando poi volentieri l’acqua su Edda.

Edda La piena raggiunse i fuggiaschi. Alla vista del gorgo Amelia, con un guizzo, gettò Umbertina alla potenza delle acque…

Limona (come Amelia) Che veggo? Un orribile gorgo! Umbertina, è l’ora del bagnetto!

Edda Sempre alla ricerca della sua bambina, la madre Agnese su un dragamine del valoroso esercito italiano, scruta l’orizzonte, masticando nervosamente una testa d’aglio.

56Effetto testa d’aglio: Itala e Limona sgranocchiano soddisfatte gli odorosi spicchi, alitando su Edda.

Edda E alfine ode il canto a lei caro…

Itala (come Umbertina) La cicala canta, canta… (Affogando) glu, glu…

Edda Pazza di felicità, Agnese issa a bordo Umbertina per le trecce, causandole danni irreparabili al cuoio capelluto; frattanto la Zingara, tirando essa stessa il carrozzone…

57Effetto zoccoli di Limona

Edda … e incitata dal cavallo Ubaldo seduto in cassetta, tenta di sfuggire alla furia degli elementi.

Limona (come Amelia) Già vedo Comacchio, la mia salvezza è vicina…

Edda Ma la mano di Dio la raggiunse alla periferia della città. L’asse del carrozzone si spezzò…

58Effetto asse del carrozzone che si spezza: Itala si avvicina al microfono:

Itala Crack.

Edda E il gorgo la sommerse. Ormai inghiottita dalla melma, la perfida Amelia udì per l’ultima volta il canto di Umbertina e sua madre, ormai felicemente riunite…

Edda e Itala La cicala canta, canta… (morendo).

59Itala e Limona ripongono tutti i loro attrezzi ed escono.

Edda Un anno dopo il Duce bonificava la valle e questa tragedia non sarebbe mai avvenuta… (Mima con la voce una trionfante sigla finale). Amiche ascoltatrici dopo questa emozionate avventura dell’Umbertina, una grande sorpresa. È venuta a trovarci una piacevolissima cantante, che tutte voi conoscete. È lei, la simpatica, la burlona, la grande facetona: Itala Stella.

60Intanto Edda ha indossato un cappello. Impersona Itala Stella. Cambiando voce simulerà un dialogo tra Edda e Itala.

Edda  Ciao, ciao Edda, sono venuta a trovarvi... Grazie, so che i tuoi impegni canori ti chiamano. Cosa ci canti?... Vi canterò “Il pinguino innamorato”.

61Parte il sottofondo musicale de Il pinguino innamorato del Trio Lescano.

62Edda canta.

63Guarda, guarda, guarda
il bel Pinguino innamorato
col colletto duro e con il petto inamidato…
Va passeggiando per il pack
con un’aria molto chick
molleggiando dolcemente il frac.

Edda (Terminata la canzone, ripone il cappello) Grazie Itala, grazie. Adesso amiche devo dirvi che a volte essere la presentatrice di Fascistissima è stato difficile, a volte ho avuto momenti molto duri come ieri ad esempio… quando mi si è smagliata una calza. Però credetemi amiche fasciste, io sono felice e orgogliosa perché questa trasmissione mi dà la possibilità ora di avere un momento eccezionale, un onore incredibile… Io avrò oggi l’onore di incontrare una donna famosissima. Sarà per me un grandissimo onore parlare con Lei, io, una fascista parlerò con una nazista, la grande regista del Fuhrer Leni Riefensthal…

64Edda si mette sull’attenti, marziale, su un lato, mentre parte la marcia Gloria all’Egitto dall’Aida. Entra Limona con un tailleur nero e in capo un cappello sul quale è attaccata una svastica che ruota come una girandola. In mano ha una borsa con alcuni oggetti di scena. Limona attende il finale della musica e poi va a prendere il microfono.

Edda (Ritornando al microfono) Amiche fasciste io sono molto emozionata per quello che sta accadendo. La nostra Leni è venuta qui con un trionfo di tecnologia in testa. Ha un copricapo che sembra un carro armato. Leni permettimi di dirti una sola parola: “Heil”.

Limona (Con decisione germanica) Heil!

Edda  Leni, posso abbracciarti?

Limona Nein!

Edda  Siamo come due sorelle. Accomodati cara nel mio salotto.

65Limona si siede al tavolino subito seguita da Edda.

Limona (Con accento tedesco) Cara Edda io ti ho portato un regalo dalla Germania: un’asse. (Trae dalla borsa un’asse di legno).

Edda Ma cara non dovevi disturbarti. È un’asse da stiro?

Limona Nein! È l’asse Roma Berlino (Così facendo, mostra al pubblico i nomi delle città scritti sulle due facce dell’asse)

Edda (Lodando esageratamente l’oggetto) Ma è fantastico… ne farò un’altalena. Cara Leni, permettimi di offrirti un po’ di sano caffè di cicoria.

Limona Schöne, Schöne, eine gute cafè.

66Edda prende un termos e una tazza dalla borsa, versa il caffè a Limona.

Edda Mie care amiche mi dispiace che non possiate gustare con noi questo meraviglioso caffè di cicoria.

Limona Eine moment! (Prendendo un’enorme brioche dalla borsa) Eine cafè, eine krapfen! Und zuppetta. (Restituisce il caffè prosciugato dal krapfen. Inizia a pettinarsi).

Edda Adesso parleremo del tuo ultimo film. Dicci qualcosa.

Limona Il titolo del mio ultimo film, fatto in Germania è Greta la cuoca delle SS. Ho utilizzato per la parte di Greta una delle mie attrici preferite: Ursula!

Edda Ma che notizie sensazionali che ci porti. È vero che il protagonista maschile è lui… il nerboruto Hans Zipzen? Vorrei chiederti dello scandalo del fotogramma incriminato in cu si vede per tre frazioni di secondo le cosce di Hans al tramonto…

Limona Schöne, Schöne.

Edda Cara dacci qualche anticipazione sulla trama.

Limona Nella taverna dei Sette Sorrisi, Greta dispensa crauti e amore agli uzbeki in fuga. (Impersonando Greta) Questo piatto di crauti è per te bello uzbeko.

Edda (Con profonda voce maschile) Grazie (sputa).

Limona Conquistato dai crauti, l’ufficiale Hans s’innamora di Greta

Edda (C.s.) Sono innamorato di te Greta e dei tuoi crauti alla bavarese.

Limona (Impersonando Greta) Grazie, ma li so fare anche alla Bella Kappler. (Riprende la narrazione) Hans parte per il fronte.

Edda (Impersonando Hans) Addio Greta devo partire

Limona (C.s.) Ti ho messo un po’ di crauti in valigia, riscaldali a bagnomaria. (Riprende la narrazione) Hans è in prima linea. A questo punto venticinque minuti di parate militari. Causa i furiosi combattimenti i viveri scarseggiano nel reggimento di Hans. (Impersonando un militare) Ufficiale Hans, non ci sono più viveri!

Edda (C.s.) Non vi preoccupate, scriverò a Greta.

Limona (Narrando) Greta invia un’enorme partita di crauti che risulta avariata.

Edda (C.s.) Oh, sono arrivati i crauti di Greta… mi fanno morire (Mima di mangiare, poi muore stecchito).

Limona Hans muore. Nel finale del film vediamo il Führer davanti la cattedrale di Monaco consegnare a Greta una medaglia alla memoria di Hans mentre Greta canta le sue ricette più belle.

Edda (Canticchia).

67Edda ritorna al microfono mentre Limona ripone gli oggetti nella borsa che poi sistema al fondo, sui bauli.

Edda Grazie Leni, che bel film, andremo tutte a vederlo. Adesso Leni deve lasciarci e tornare a Berlino immediatamente, e ci arriverà via aerea. Infatti avremo qui la nostra aviatrice Pinuccia che verrà a prenderla.

68Limona, sul fondo, sale su una sedia. Parte la musica di Tripoli bel suo d’amore.

69Entra Itala in un attillato vestito rosso e verde dotato di ali rigide sulle maniche e un’elica all’altezza della vita.

Edda Ecco che Pinuccia è venuta con il suo bombardiere a caricare Leni per volare insieme nel nostro bel cielo blu.

70Limona scende dalla sedia e si china dietro Itala agganciandosi ai suoi fianchi con le mani.

Edda Ma care ascoltatrici io ho una sorpresa per voi… anche io vado a Berlino. Addio amiche ascoltatrici, addio, vado a Berlino con la Leni… Un saluto.

71Edda sale in groppa a Itala e tutte e tre escono.

Parte la musica iniziale di Fascistissima.

Fine.

Lire

Accès ouvert
Mode lecture ePub PDF du livre
Chargement PDF du chapitre

Accès exclusif

open access

Offert par L’éditeur de ce site