Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il teatro gay in Italia

 | 
Antonio Pizzo

Testi

Ciò detto, passo oltre

di Mario Mieli (1981)

Mario Mieli

Texte intégral

Il testo e lo spettacolo

1Mario Mieli presenta questo spettacolo al Cinema Cristallo di Milano nella manifestazione Sei giorni del monologo organizzata da Out-Off tra il 31 marzo e il 5 aprile del 1981. Il lavoro si classificherà secondo, dopo quello di Ciro Cascina, e non ci sono testimonianze che sia stato rappresentato altre volte. È un breve testo che Mieli realizza probabilmente per l’occasione ma che è rilevante per due motivi. Da un lato, è l’ultimo suo monologo teatrale, collocato nel periodo in cui l’autore, abbandonata da qualche anno l’attività con i collettivi e i gruppi teatrali, ha già iniziato la propria attività autonoma di performer. In questo periodo, dunque, le sue apparizioni sono costruite come eventi non testuali privi di una drammaturgia scritta e più orientati all’esposizione del gesto anarchico e rivoluzionario (ad esempio, varie azioni di coprofagia). D’altro lato, è anche il testo in cui, con il titolo, annuncia il passaggio a una fase differente della propria esistenza. Se ciò significhi un nuovo modello di militanza, l’inizio di una nuova ricerca artistica, lo sviluppo teorico della critica omosessuale, o altro ancora, non è del tutto chiaro. Ciò che certo è che, nei passaggi finali del monologo, dichiara la sua intenzione di suicidarsi.

2In questo breve lavoro, quindi, l’autore ritorna alla parola come elemento cardine della sua drammaturgia ma nello stesso tempo la innesta su un modello eminentemente narrativo. È diviso in due parti distinte. Dalla singolare disavventura condominiale con un’altra inquilina, raccontata indossando un abito maschile, si passa repentinamente ai toni mistici di una elegia recitata in abiti femminili e rivolta a Piero, la figura che lo accompagna nella sua autobiografia fantastica Il risveglio dei Faraoni. Proprio in questo romanzo, Mieli, ricordando La Traviata Norma, descrive il teatro come «luogo ove si può dire il vero, l’unico ove non sia proibito esprimersi con una certa libertà in pubblico, nella “società dello spettacolo”». Ciò detto, passo oltre, quindi appare come una confessione al pubblico prima nei toni della condivisione quotidiana e poi in quella della rivelazione mistica, in cui domina sempre la programmatica necessità di esprimersi liberamente. L’agire, l’attuare questo desiderio di libertà espressiva assume, nell’ultima prassi artistica di Mieli, un’efficacia rivoluzionaria ancor maggiore del programma teorico. Non è tanto importante la vicenda narrata nel testo ma la dinamica tra le sue parti, tra il banale incidente quotidiano e la simbologia religiosa. In questo suo improvviso volgere lo sguardo, dalla signora bene milanese al dio incarnato, ritroviamo il paradigma alchemico del trascendente raggiunto attraverso la manipolazione del reale.

3Non ci sono notizie di altre repliche di questo lavoro ma possiamo supporre che sia sopravvissuto nelle sue performance successive ed ha certamente lasciato una sua eco in Il risveglio dei Faraoni. È qui che matureranno sia i deliri quotidiani e i toni sarcastici della prima parte del monologo, sia i riferimenti mistico religiosi della seconda.

4Come buona parte dei testi teatrali del periodo dei collettivi, è una drammaturgia che non può essere disgiunta dal proprio autore. Mario Mieli, o meglio ciò che egli faceva di sé in quegli anni, è il personaggio rappresentato da questa scrittura. Non si tratta di autobiografia o teatro di narrazione perché la presenza in scena di gay, checche, omosessuali, travestiti in quegli anni non è da intendersi come il palesamento di un rimosso o come la rivelazione di ciò che non poteva essere detto, ma come un’azione nel mondo. L’obiettivo non è descrivere una qualche realtà nascosta a coloro che non la conoscono, bensì assumere (montare sul palco) il proprio punto di vista, la propria capacità d’azione, per materializzare una realtà nuova a chi guarda, per manifestare la necessità di liberazione non degli attori ma del pubblico.

L’autore

5Mario Mieli (21 maggio 1952 - 12 marzo 1983) nasce a Milano in una famiglia della ricca borghesia industriale. Terminato il liceo (studia al Parini), nel 1971 si trasferisce a Londra dove conosce il Gay Liberation Front (GLF) e le attività culturali e artistiche del movimento di liberazione omosessuale. Nello stesso anno partecipa alla formazione del FUORI, dell’omonima rivista, e si iscrive alla Università di Milano. In questo periodo sviluppa il proprio attivismo politico che univa opposizione al capitalismo con l’affrancamento dalla repressione sessuale, e dà forma anche alla sua particolare figura pubblica, iniziando a vestire abiti maschili demodé insieme a capi femminili. Negli anni successivi soggiorna in diverse capitali europee e matura una propria critica omosessuale della società, che a volte lo porrà in contrasto con altre frange del movimento. Infatti nella primavera del 1974 quando il FUORI si confedera con il Partito Radicale, Mieli guida la scissione del gruppo milanese dando praticamente vita a quella complessa aria dissidente che, nel 1976, si coagula nei Collettivi Omosessuali Milanesi. Nel frattempo, però, l’uso di droghe, i dissidi con la famiglia e alcuni sintomi di disagio psichico complicano la sua vita. Ciò però non interrompe l’attivismo che anzi aumenta e si traduce sempre più spesso in attività performative. Nel marzo del 1976 fonda il collettivo Teatrale Nostra Signora dei Fiori ed è uno dei protagonisti de La Traviata Norma, ovvero: Vaffanculo... ebbene si!. Il 27 febbraio 1976 si laurea con una tesi di filosofia morale che poi rielabora nel famoso Elementi di critica omosessuale, pubblicato da Einaudi nell’estate 1977. Da questo momento Mieli s’impone come il principale teorico del movimento gay italiano. In estate il gruppo teatrale si scioglie e Mieli dà vita, con altri, alla compagnia Immondella e gli Elusivi che produce Questo spettacolo non s’ha da fare: andate all’inferno!, presentato in varie città (tra cui: nell’estate 1977 al Teatro Arsenale di Milano, il 10 novembre al Cabaret Voltaire di Torino, l’11, 12 e 13 novembre al Banana Moon di Firenze, il 6 dicembre, nel festival di cinema e teatro gay a Parma). Sebbene lo spettacolo non riscuota il successo del precedente, la pubblicazione del suo volume lo porta all’attenzione dei media. Da questo momento in poi, Mieli è intervistato in TV e dalla stampa, e sviluppa un’attività teatrale autonoma con serate in locali, circoli, teatri che spesso vengono annunciate al pubblico, in modo generico, come “performance”, indicando implicitamente che la stessa presenza di Mieli, le sue affermazioni radicali, le sue azioni estreme, sono gli elementi chiave dell’evento (come la sua partecipazione al cortometraggio in Super8 di Franco Di Matteo Non è mai troppo ovvio, del 1980). Ed è così anche quando l’autore presenta monologhi compiuti come Krakatoa, il 27 e 28 febbraio e 1 marzo 1979 al teatro Out-Off di Milano nella rassegna Sex Poerty, oppure Ciò detto passo oltre del 1981. Lavora a un romanzo, Il risveglio dei faraoni, che però ritira quando era già in bozze da Einaudi, poco prima del suicidio, e che verrà pubblicato solo nel 1994.

Fonti

6Il testo che pubblichiamo è tratto da Sei giorni del monologo, fascicolo pubblicato a Milano da Out-Off nel 1981 in occasione della omonima manifestazione al Cinema Cristallo di Milano tenutasi dal 31 marzo al 5 aprile 1981. Il fascicolo contiene testi di: Vincenzo Bonazza, Ciro Cascina, Giuliano Corti, Michelangelo Coviello, Gabriele Frasca, Marica Larocchi, Mario Mieli, Laura Noulian, Tommaso Ottonieri. Il fascicolo ci è stato messo gentilmente a disposizione dal Centro di documentazione Flavia Madaschi del Cassero di Bologna.

Mario Mieli, Elementi di critica omosessuale, Feltrinelli, Milano 2002 (ed. orig. Torino, Einaudi 1977).

Mario Mieli, Il risveglio dei faraoni, Colibrì, Milano 1994.

Stefano Casi, Delirio diletto travestimenti e trasgressioni, e

Sandro Avanzo, C’era una volta, in Stefano Casi (a cura di), Teatro in delirio, «Quaderni di critica omosessuale», n. 7, Il Cassero, Bologna 1989.

Stefano Casi, L’omosessualità e il suo doppio: Il teatro di Mario Mieli, «Rivista Sessuologia», vol. 16, n. 2, pp. 158–68, 1992.

Gianni Rossi Barrili, Il movimento gay in Italia, Feltrinelli, Milano 1999.

Gianni Rossi Barrili, Mario Mieli, in Daniele Del Pozzo, Luca Scarlini, Gay. La guida italiana in 150 voci, Mondadori, Milano 2006.

Massimo Prearo, Le radici rimosse della queer theory. Una genealogia da ricostruire, in «Genesis», XI, 1-2, 2012, pp. 95-114.

Silvia De Laude (a cura di), Mario Mieli. E adesso, Edizioni Clichy, Firenze, 2016.

Piero Perona, Senza tentazioni con Mario Mieli, “La Stampa Sera”, 11 novembre 1977.

Piero Perona, Mieli provocatore, “La Stampa”, 15 novembre 1977.

O.R., L’erotismo e la poesia, “La Stampa”, 9 gennaio 1979.

Laura Schettini, Mario Mieli, voce in Dizionario Biografico degli Italiani, Treccani (2015), http://www.treccani.it/​enciclopedia/​mario-mieli_(Dizionario-Biografico) (accesso marzo 2019).

Mario Mieli, voce in Wikipink, L’enciclopedia LGBT italiana, http://www.wikipink.org/​index.php?title=Mario_Mieli&oldid=35164 (accesso il febbraio 1, 2019).

Parte prima. L’interprete è in abito maschile.

7A casa, poi, mentre suonavo anzi fumavo, con le orecchie che mi fischiano e il mio bel rospo sotto il naso, suona il campanello ed è la mia inquilina del terzo piano, da me precedentemente mai vista e derubata l’altra notte dai soliti ignoti chella paranoicamente ha chissà come associato ai miei amanti, anzi la mia coinquilina del terzo piano, ché io, lungi dall’esser padrona dell’intero stabile, vivo a pianterreno in due locali arredati di proprietà della gentile signora R., che abita al secondo piano. La mia coinquilina del terzo è stata di quelli, tra i condomini che hanno chiesto lo scorso inverno alla mia padrona di casa, donna giusta ed equa, di sfrattarmi. La padrona di casa m’ha sfrattato, ma su preghiera di mio padre che, come ella dice, è adorabile ha poi ritirato lo sfratto, dopo aver fatto scrivere dal proprio avvocato all’amministratore dello stabile affinché chiedesse, agli inquilini che volevano che mi sfrattasse, per quali motivi e, per piacere, di firmare la loro così motivata richiesta. Naturalmente nessuna risposta è giunta all’avvocato della signora R. mia padrona di casa, la quale così, devo dire molto prontamente, ha potuto revocare lo sfratto. Ed eccomi ancora suo ospite, pagante. Che sorpresa dunque, aperta la porta, vedere la coinquilina del terzo piano, riccamente abbigliata, che senza presentarsi mi diceva: “Lei permette, adesso! Vedo chi si nasconde in casa sua… Perché è entrato un ragazzo, la custode non sa chi sia!” – Guardi pure signora”, le ho subito ceduto il passo, e chiesto scusa perché la mia stanza era in disordine, mentr’ella vi sbirciava. Volevo aggiungere, ma mi son trattenuta: “Se vuol dare un’occhiata anche sotto il letto…”.

8Quando è uscita, poi, dicendo: “Chiamo il 113!”, le ho chiesto se voleva che lasciassi la porta aperta. “Sì”, m’ha risposto un tantinello imperiosa, lei che si ritiene parte del giusto, “anzi, la chiuda!”. Io, che non accetto ordini, soprattutto se poco sexy, ho lasciato la porta spalancata, e mi son messa a fumare il mio joint, in attesa dei carabinieri... “Mes hommes”, cantava Barbara, “je me soumette à leur loi, ils se soumettent à moi loi”. Poi m’ha fatto morir dal ridere la custode mia fedele amica che m’ha gridato dentro: “Chiuda, chiuda! Il ragazzo, l’intruso, non era mica un ragazzo e neanche un intruso… Era il signor P. P. del quinto piano… È che aveva un berretto (alla Gigi Peste) e non l’ho riconosciuto… Passava quella del terzo, le ho detto che era entrato un ignoto…”.

9Pensa un po’! L’inquilina del terzo piano! Una bella maleducata paranoica! Ben le sta aver subito un furto l’altra notte! E se mi crede colpevole, complice e capessa di tutti i furfanti che ci sono in giro, magari! Le rispondo, così con le sue ex pellicce ci faccio una passeggiatina in pieno agosto al parco, quando lei è in vacanza a Bordighera e non mi vede. E se non dico parolacce è perché non voglio urtare la sua suscettibilità, cara la mia signora Tumistuffi! Ma le dirò due cose: 1) già nel 1977, in parecchi teatri italiano il mio amico Gran Visir Francesco d’Ascoli ed io si cantava: “La paranoia est démodée, Schreber et Freud sont obsolétes”, quindi si aggiorni; 2) forse non si sarà accorta, ma guardi che quando lei è entrata in casa mia c’era in bella vista sul divano la foto d’un uomo nudo e nerboruto per giunta. E sappia che siccome io son maghessa, ogni tanto faccio giochi di prestigio, e i cazzi, pardon, i ragazzi, li trasformo, se mi pare, in foto di sé medesimi – e viceversa. La prego, non le prende un colpo, altrimenti non mi sentirei in colpa… Ah! Ah! A proposito, lo sa che c’è una deliziosa mostra di Topor in via del Gesù al 17? Galleria Graphic Club? Davanti alla casa delle mie amiche Gerli di Villa Gaeta? E che Topor era pure l’autore del romanzo da cui Polansky ha tratto il film L’Inquilino del Terzo Piano? Un film sulla paranoia, ma sì, son sicura che l’ha visto. Or si dà il caso però che io abiti al pianterreno, mentre lei al terzo, cara la mia coinquilina, e che la custode sia mia amica, non sia nemica, come mio amico è, se posso onorarmi apertamente della loro amicizia, il signor custode suo marito. E se nel film, a causa della stupidaggine dei suoi coinquilini, Polansky, travestendosi come me, e come me ritenendosi donna nonché “reincarnazione” d’una donna, finì col suicidarsi, gettandosi per ben due volte consecutive dalla finestra del terzo piano, nel nostro caso, invece, io abito come ripeto al piano terra e se ogni tanto, raramente, romanticamente, ho permesso a San Giovanni d’entrarmi in casa dalla finestra, è perché io, Maria, sono innamorata dei miei Apostoli nonché degli Arcangeli stupendi con l’indice verso di me teso, come in quell’annunciazione del Beato Angelico conservata al Museo Diocesano di Cortona. L’ha vista, signora? Se il film di Polansky invece non l’ha visto, poco importa, è un film pessimista, faccia solo attenzione a non cascare dalla finestra, soprattutto nei panni di suo marito, o, peggio, d’un blouson noir. Vada piuttosto a vedere la mostra di Topor, che lo merita. C’è un quadro che m’ha così divertito! Mostra una donna che si copre il volto esterrefatta, pudica! Ma in luogo del volto ha un culeo roseo; e il quadro s’intitola Gesumaria.

Lettera alla coinquilina del Terzo Piano

Gentile Signora,

devo riconoscere che la sua visita inattesa m’ha stupito, né cessa di stupirmi a distanza d’ore. Non ho ben capito chi fosse il ragazzo ch’Ella cercava in casa mia, e La pregherei di farmelo al più presto sapere, giacché non ritengo che le apprensioni ed i sospetti altrui possano trasformarsi in immotivata intrusione senza offendere. Dal canto mio contatterò in giornata il mio avvocato, la dottoressa Lia Cigarini, per chiederLe come ci si debba comportare in simili casi: non m’era mai capitato, Glielo garantisco, d’esser trattato così “brutalmente”.

Cordiali saluti Mario Mieli

Queste giornate milanesi si susseguono ricche d’avvenimenti incalzanti eppure m’annoio. L’inquilina del Terzo Piano, ricevuta la lettera che costituisce il testo della precedente parabola, è venuta a chiedermi scusa. Apprezzo l’atto d’umiltà, ma non apprezzo quanto m’ha detto: “Ormai, voglio morire”: perché non ritengo affatto ch’ella sia colpevole, né tanto meno l’autrice del furto…Perdonerà, Signora, se scherzo; ma trovo eccessivo ch’Ella si condanni alla pena capitale semplicemente perché il suo appartamento è stato svaligiato l’altra notte dai Soliti Ignoti miei mandanti. Il casino, vede Signora, è che essi non soltanto imperano nei profondi delle carceri, pozzi o non pozzi, ma perfino in libertà Chez Maxim, nonché dirigono, alquanto marziali, polizie e palazzi di tutti il mondo. Il mondo Signora, è stato creato per Me, nonché, giacché Noi lo vogliamo, per Lei. E le auguro, Cortese Ispiratrice, di vivere in pace per sempre, riconoscendo, fra l’altro, che le mie visite notturne, intendo quelle dei miei Mandanti che, benché tali, agiscono al mio servizio, non sono furti veri e propri bensì giochi di prestigio. Le sue pellicce le verranno restituite e gli ori anch’essi, giacché Ella, come ormai sa, non ha affatto da temere quella mia zia, la Faraona N.G., la quale, le dicevo, ha certe aderenze in Questura. Non tema: soltanto mi scusi, non ho ancora stabilito la data del Giudizio Universale, perché, per il gusto di tenere la suspence, stanotte non mi va d’indovinare. E perdoni se talvolta oblio l’etichetta massonica e invece d’Ella dico te vacca, ma come già scrissi – incompresa, credo – all’Ingegner Francesco Siniscalchi, nel marzo del ’78, la formal forma non m’è molto familiar. Noi siamo, infatti, dei volgari Faraoni d’Egitto. Ciò detto, passo oltre.

Parte seconda. L’interprete è in abito femminile.

E tu Piero, Padre, Madre celeste, Ma(s)ter, sai bene che se per un motivo qualunque dovessi tradirmi e lasciarmi qui a sguazzare nella scomodità della Resurrezione, invece d’accelerare la mia corsa al Soglio, io mi suiciderò. Se tu, Padre Amante, non mi vuoi presto felice Sposa, sputando su di te, Dio del cazzo, io diverrò eroina e morirò piena d’odio. Poi, nell’aldilà, potrai pure farmi riammazzare di botte: ma io, per Sempre, ti rifiuterò le mie grazie, dovessi tu assassinarmi, dopo morte, un miliardo di volte, dovessi tu violentarmi e farmi violentare da tutti gli Angeli e i Demoni al tuo servizio. Potrai incularmi, sventrarmi, castrarmi, praticarmi una figa, penetrarmi ovunque, martellarmi il cuore, cavarmi gli occhi, strapparmi ad uno ad uno i denti, a ciocche i capelli etc…: no, Padre mio, se senza soddisfare il mio desiderio di pace e libertà per tutti, in Terra, tu darai invece il tuo consenso alla noia e alla guerra, io mi suiciderò e tra le tue braccia, in cielo, oh Signore della Morte, ti disprezzerò per sempre, per sempre, per sempre. Da me riceverai solo odio: anzi ancor peggio, indifferenza. Per l’eternità, offesa, Maria ti farà la guerra in ciel, ti schiferà orgogliosa della propria impotenza. Tu Dio, voi, morti suoi agenti, tu Piero, mi dovete anzitutto restituire al più presto il mio capolavoro, Souvenir de la Croix, che io, fidandomi di voi, ho lasciato al Dewa Losmen di Kuta Beach a Bali, con la preghiera di spedirmelo; e mi dovete restituire i cento dollari che m’avete sottratto a Bangkok promettendomi il doppio grammo d’eroina che io non ho mai visto. Io sono a posto con la coscienza, del tutto e lo urlo! Voi, Signori dell’Invisibile che io, privilegiata, ho ormai ben visti, mi dovete cento dollari nonché restituire un libro ch’è il frutto di quattro, anzi duemila anni di riflessione e ripensamenti. Voi, dèi, siete in debito verso l’umanità. Se voi, dèi, se voi, defunti, se voi, UFO, se tu, Piero non mi renderete al più presto il dovuto, mi suiciderò seguendo la via più comoda, memore della delizia della croce: mi suiciderò come un drogato qualunque, iniettandomi un grammo d’eroina. Ma stavolta in cielo, o Dio, padre gay stronzissimo, Madre cazzuta, stavolta in cielo tua figlia Maria, il Cristo, il Cristo ti odierà per sempre. Troverà modo d’odiarti al di sopra delle proprie forze. Tu mi devi la felicità. Tu la devi a tutti. Ah, come ti disprezzo! Né mi stancherei di ripeterlo! Se non temessi d’annoiare il cortese pubblico, che certo ne ha piene le balle d’ogni misticismo, anche imprecativo.

Auteur

Lire

Accès ouvert
Mode lecture ePub PDF du livre
Chargement PDF du chapitre

Accès exclusif

open access

Offert par L’éditeur de ce site