Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il teatro gay in Italia

 | 
Antonio Pizzo

Testi

Madonna di Pompei

di Ciro Cascina (1980)

Ciro Cascina

Texte intégral

Il testo e lo spettacolo

1Lo spettacolo non ha un debutto specifico ma nasce sul finire degli anni Settanta. Prende una forma più consolidata in due storiche manifestazioni del movimento omosessuale: il 24 novembre 1979 a Pisa, in occasione della prima marcia contro le violenze omofobe; poi nelle giornate dell’orgoglio omosessuale organizzate dal LAMBDA a Bologna dal 27 al 29 giugno del 1980. Si tratta sempre di performance svolte in luoghi non deputati al teatro, in strada, in piazza, modificando la parti del racconto e aggiungendo personaggi a seconda del tipo di pubblico e del contesto. Nel tempo, il testo diviene iconico del teatro di Cascina e ritorna in numerosissime occasioni durante gli anni Ottanta e Novanta. Nell’aprile del 1981 vince il primo premio nella “Sei giorni del monologo”, organizzata dall’Associazione Culturale Out-Off al Teatro Cristallo di Milano; nel luglio di quello stesso anno viene presentato al Festival di Santarcangelo di Romagna.

2Ancor più che in altri casi, questo copione è solo una parziale e incompleta testimonianza dello spettacolo che l’attore presenta nel corso della sua carriera. Lo stesso Cascina descrive La Madonna di Pompei come l’assemblaggio di diversi tasselli elaborati nel tempo e poi coagulati in una forma precisa ma sempre libera ed elastica. La recensione di una serata alla discoteca Fire di Torino nel 1982 descrive Cascina impegnato nella rappresentazione di vari racconti: un finto eterosessuale rinnega con violenza la propria omosessualità; una signora borghese descrive la propria verginità in termini di condanna più che di scelta. Però, nella testimonianza del recensore, risulta che l’episodio che qui pubblichiamo è il più rilevante perché meglio compiuto.

3Bisogna dunque intendere questo breve copione come il nucleo di un evento teatrale che eccede i confini della storia narrata ma che, pure nelle varie e differenti edizioni, fa perno sulla storia principale di donna Maria, una madre popolana napoletana alla quale maligne comari pettegole rinfacciano l’omosessualità del figlio. La paura e l’avvilimento assalgono la donna spingendola a trovar conforto nella veneranda immagine della Madonna di Pompei. Qui si trova il fulcro del monologo. La devozione verso la Madonna assume i tratti comici di un colloquio impossibile ma anche i toni commossi e partecipati di un dialogo tra madri, che condividono le pene per un figlio “diverso”. Al centro di tutto, resta salda un’umanità sincera e profonda di stampo antico, nella quale le storie personali funzionano come ponti tra realtà diverse. Man mano, donna Maria si pacifica e incorpora la realtà del figlio nel proprio mondo, non come un atto di tolleranza bensì di partecipazione. Quando si accorgerà che lì accanto è sopraggiunta una terza madre a cercare il conforto della preghiera, il primo istinto è quello di rassicurarla mediante la condivisione delle proprie esperienze. Anche se quest’altra donna è tanto diversa, anche se viene dal nord, da Milano, si scopre che è lì per la stessa ragione: ha un figlio omosessuale. Nella reazione scomposta di donna Maria, che riassume l’idea di condivisione delle differenze e nello stesso tempo di timore per un mondo che avanza verso l’ignoto, il testo suggerisce la propria intrinseca apertura con la frase «non finisce qui».

4Lo spettacolo vede la luce all’interno del periodo storico in cui si afferma il movimento di liberazione omosessuale del quale l’autore è protagonista; ma è anche un’opera che mantiene una certa distanza dalle forme che i collettivi teatrali stavano elaborando e si radica nelle tradizioni napoletane. Potrebbe essere letto come trait d’union tra le istanze politiche del movimento del nord Italia e la tradizione del femminiello meridionale. Questa figura, cara all’antropologia culturale, è implicitamente un elemento ponte e diventa in se stessa uno spazio performativo e politico nell’attività di Cascina. In questo spazio, dunque, sono possibili alcuni importanti, anche se sottili, cambiamenti nella prassi scenica. Nelle performance di Cascina i dati esteriori del travestimento non sono orientati ad alcun glamour ma individuano pochi segni per una partecipazione tutta interiore tra femminile e maschile. L’attitudine rivoluzionaria non è esperita nell’atto di “scheccare” bensì nell’interpretare, con sincerità e partecipazione, la donna in un corpo di uomo; la performance non mette in scena l’omosessuale bensì una figura feminile interpretata da un maschio. La delicata differenza tra mettere in scena il travestimento e assumere un ruolo femminile segna un confine che, oltre ad indicare due approcci diversi (anche se non contrapposti) alla lotta di liberazione omosessuale, designa anche la frontiera tra nord e sud, in cui il primo condivide i modelli d’azione dell’Europa nord occidentale mentre il secondo elabora un originale sincretismo tra le istanze del proletariato urbano e quelle della cultura popolare. Il confronto tra la madre della Milano borghese e la madre della Napoli popolare rende plasticamente il confronto tra l’omosessuale inurbato del nord industriale e il femminiello del sud agricolo e pastorale: un confronto che non si sviluppa sulla linea della opposizione bensì della comunanza, della reciprocità, in quello che potremmo definire un umanesimo radicale che reclama la propria libertà da qualsiasi dogma politico, identitario o sociale.

L’autore

5Ciro Cascina è nato a Portici (Napoli) nel 1951. A cinque anni si trasferisce a Torre Annunziata dove, negli anni Settanta, inizia la sua carriera collaborando con la cooperativa “L’Altra Cultura” (con gli spettacoli La signora cristiana e Tesi.. Antitesi.. Sintesi). Nel 1977 entra nella compagnia sperimentale Majakowskj di Torre del Greco e organizza rassegne ed incontri per il movimento omosessuale. Sul finire degli anni Settanta elabora il monologo Madonna di Pompei che presenta in varie manifestazioni del movimento tra Pisa, Bologna, Pistoia e Firenze. È tra gli animatori del famoso campeggio gay di Capo Rizzuto. Il suo monologo diventa un appuntamento riconosciuto in tutta Italia, nelle situazioni più diverse, dalla discoteca gay Il Bagatto di Napoli alla manifestazione degli operai ai cancelli della FIAT negli scioperi del 1980 a Torino. Agli inizi del Duemila collabora ad alcuni spettacoli (tra cui Migranti del 2003) della Compagnia delle Palline creata a Roma dal magistrato in pensione Gabriele Cerminara. Nel 2009 è tra i fondatori insieme a Gino Di Cristo dell’AFAN (Associazione Femminelle Antiche Napoletane) per la quale elabora un monologo intitolato Sciò Sciò Ciucciuvé, entrato da alcuni anni nel suo repertorio. Al 1984 risale la sua prima esperienza cinematografica in una pellicola semi amatoriale, Er Moretto - Von Liebe leben, firmata da Simon Bischoff; nel 1988 ha un piccolo ruolo in L’ultima scena, una commedia diretta da Nino Russo; nel 2002 ha un altro ruolo nel cortometraggio La scarpa rossa di Fabrizio Ancillai e nel 2003 recita il ruolo di Ciretta a fianco di Antonio Catania in Ribelli per caso diretto da Vincenzo Terracciano. Partecipa ad alcuni documentari tra cui Cerasella: ovvero l’estinzione della femminella realizzato nel 2007 da Massimo Andrei in collaborazione con l’Università degli Studi Federico II, e Felice chi è diverso di Gianni Amelio del 2014. Nell’ultimo decennio è apparso in alcuni video disponibili on line dove interpreta alcuni suoi componimenti originali, tra cui ricordiamo Salvatore detto Samantha del 2009.

Fonti

6Il testo che pubblichiamo è tratto da “Sei giorni del monologo”, fascicolo pubblicato a Milano da Out-Off nel 1981 in occasione della omonima manifestazione al Cinema Cristallo di Milano tenutasi dal 31 marzo al 5 aprile 1981. Il fascicolo contiene testi di: Vincenzo Bonazza, Ciro Cascina, Giuliano Corti, Michelangelo Coviello, Gabriele Frasca, Marica Larocchi, Mario Mieli, Laura Noulian, Tommaso Ottonieri. Il fascicolo ci è stato messo gentilmente a disposizione dal Centro di documentazione Flavia Madaschi del Cassero di Bologna.

 

Sandro Avanzo, C’era una volta, in Stefano Casi (a cura di), Teatro in delirio, «Quaderni di critica omosessuale», n. 7, Il Cassero, Bologna 1989.

Francesco Gnerre, La poesia e il teatro di Ciro Cascina, «Testo e senso» n. 9, 2008.

S.P., Ciro, il più grande attore gay…, “Stampa Sera”, 3 marzo 1982.

Fascicolo programma del XI Festival Internazionale di Teatro in Piazza Santarcangelo di Romagna, 1981.

Ciro Cascina, voce in IMDb, https://www.imdb.com/​name/​nm0143135/​?ref_=tt_cl_t5 (accesso il 20 febbraio 2019).

Autori Vari, Ciro Cascina, voce in «Wikipink. L’enciclopedia LGBT italiana», http://www.wikipink.org/​index.php?title=Ciro_Cascina&oldid=42202 (accesso il 20 febbraio 2019).

 

7Una luce soffusa illumina il palco, al centro una oscura immagine di una donna. Fuori, voci di comari che parlano fra di loro.

Prima comare È proprio vero che viviamo in un mondo sporco, corrotto, pieno di vizi! Io non mi spavento se il Padre Eterno, vedendo le nostre fetenzie ci vomita addosso però quello che mi fa innervosire, con tutto il rispetto per il Padre Eterno, è che vomita sempre da queste parti.

Seconda comare Siete proprio una donna spiritosa, donna Concetta, ma vi è successo qualcosa? Stamattina sembrate quella che sa e non vuole dire: avete sognato qualcosa, qualche anima del purgatorio vi ha preannunciato qualcosa? Ditelo!

Terza comare Donna Concetta, ha spesso di queste visioni del Padre Eterno che vomita, ma se è proprio tanto sensibile di stomaco perché non guarda da un’altra parte, l’universo è così grande, pure a me certe cose non vanno a genio eppure… un po’ di pazienza, come dice il proverbio, “ride bene chi ride ultimo”.

Prima comare Qui le cose stanno precipitando.

Seconda comare Gesù, un’altra scossa? Aiutoooo!!!

Prima comare Donna Filumena, non c’è nessuna scossa, venite qua volevo dire che ieri sera in casa di donna Maria è successo il finimondo: piatti che volavano, voci che sembravano pazzi che gridavano parole sporche, poi… quel coso curioso del figlio lo sentivi gridare “il melone è uscito bianco e con chi te la vuoi prendere”… il padre con la pistola in mano che gridava “ricchione ricchione!”, e quella povera donna Maria, una madre disgraziata, che correva avanti e indietro come una dannata…

Seconda comare E, poi, una puzza per la scala. Penso proprio che la mezzafemmina del figlio si sia cacato sotto.

Terza comare Se ho sentito bene, il padre non lo vuole vedere più in casa e se lo trova a mangiare nel piatto suo fa succedere il quarantotto: manda all’ospedale sia la mamma che il figlio.

Prima comare Ma facciamoci i fatti nostri! Cummà ho visto il vostro figlio con une bella signorina, è la sua fidanzata?

8Le luci sulla scena si accendono e la figura scura è donna Maria Albano madre del ricchione che parla tra sé e sé.

Donna Maria Gira e rigira e o citrullo va a finire sempre in culo all’ortolano! Già lo so che stanno parlando di me, e che devono fare, ormai sono diventata lo zimbello del vicolo. (Si alza e nervosamente gira per la stanza, si ferma, medita poi si dice) Io non mi devo mangiare il fegato per mezzo di quello tre ianare adesso ce ne canto due.

9La donna pone le mani chiuse a pugni sui fianchi, petto in fuori sguardo da belva che sta lì a difendere il suo cucciolo da chi come lupi affamati vorrebbero sbranarlo. La voce è un grido di battaglia.

Donna Maria Ma di sera non tenete niente da fare? I mariti vostri già vi hanno schifate a tutte e tre? E tu, Concettina, stammi bene a sentire: mettete una cucchiara di cemento in bocca. Sì, proprio tu, io ti tengo sullo stomaco, sei la schiuma delle femmine, tieni una bocca ch’è una latrina e se San gennaro esiste ti devo vedere morta, stesa a terra con un tumore in bocca! Invece tu, Filomena a nasona, guardati tuo figlio che va a rubbare per drogarsi. Tu, ti devi mettere la lingua in culo quando parli di mio figlio. E tu Conziglia tieni pure il coraggio di parlare? Io se fossi te già sarei andata in coppa al Vesuvio e mi sarria jttata dentro! Ma pensa un poco ai bucchini che hai fatto per cinquecento lire. Pensa a maritare tua figlia se ci riesci, che qualcuno cecato non si trova più facilmente perché l’unico che c’era in giro te lo sei preso tu facciammerda! E mo non mi scassate più u cazz! Fatevi le corna vostre guardatevi le fetenzie vostre! Perché io non vi vomito addosso ma vi prendo tutte e tre per i capelli e vi strascino per tutte le scalinate e vi do una sputazzata in faccia accussi grossa che ci affogate dentro.

10Chiude energicamente la finestra, il viso è soddisfatto come di quella che ha rovesciato dopo un pranzo fatto in un ristorante di cattivo gusto. Gli occhi sono ancora furenti ma la voce è pacata.

Donna Maria Ah! Mi sono sfogata mi sento lo stomaco più leggero. Ah! (Riprende a parlare questa volta con voce di rancore) Io gli avrei, sì, fatti parlare ma per invidia, invece… in questa casa ormai non ci può più stare, se ne deve andare per il suo bene, se no il padre me lo uccide davanti agli occhi e dobbiamo ancora fare di più parlare la gente, ed io come potrei aiutarlo dalle mani di quel toro sfuriato del padre che quello non ci mette niente a buttare pure me dal balcone e poi, cosa ne so, un alto spavento io penso che possa far diventare la malattia ancora più… quello è già sfortunato! Eppure io non gli ho fatto mai mancare niente: gli ho curato gli orecchioni e pure il morbillo, il male di stomaco, gli ho dato da mangiare come agli altri e quando era piccolo in casa mia non esisteva nessun “plasmon”. Chissà… forse sarà stato quando ebbe quella febbre altissima… oppure perché cadde nel braciere… o quando il padre invece di colpire me che gli avevo tolto la bottiglia di vino da tavola, colpì a isso con una sedia in testa… oppure perché giocava spesso con le sorelle e voleva fare sempre la “principessa” e con gli altri piccirilli giocava solo a nascondino e una sera lo trovai proprio io che stava con quello scimpanzé del figlio di donna Candida… oppure qualche malocchio… sono state le cattive amicizie, quel Carlo il sarto, Michele il parrucchiere, sempre a casa di questi che non avevano neanche una buona nomina… Neanche il dottore della mutua non potette fare niente mi disse solo: faccia come se avesse un figlio mongospastico! Il prete del quartiere mi disse: “signora è bene che suo figlio non lo mandi al catechismo ma lo porti a benedire da padre Pio perché una mela fradicia corrompe le mele buone! Io mi ricordo che gli diedi una rascata in faccia e gli dissi di guardarsi le corna sue perché con donna Flora il zozzuso lo faceva. La maestra elementare gli disse che era un ragazzo intelligente ma non era fatto per la scuola che si trovassi un mestiere.

11Donna Maria scura nel viso nel ricordare l’infanzia e l’adolescenza del figlio ha una sola speranza.

Donna Maria Andrò, a Pompei, a piedi, dalla Madonna!

12Donna Maria prende il velo e, gridando a squarciagola un inno alla Madonna, si reca al Santuario. Le luci diventano tenui, sul palco cadono delle immagini sacre ai lati, mentre al centro il quadro della Madonna di Pompei, La donna si inginocchia e dopo aver recitato un “Ave Maria” sui generis si guarda i Santi Minori ai suoi lati mandando sonori baci ad ognuno di essi.

Donna Maria San Ciro protettore delle anime malate pensaci tu (bacio), Santa Lucia dacci la vista (bacio), Sant’Antonio non ci fare mai mancare il pane (bacio), santa Rita a te niente perché ha detto mio figlio che non sei una santa ma un’attrice di varietà perché una santa seria non si mette a tirare rose, che poi io non ho mai visto, e seppure fosse, sarebbe uno sfregio alla miseria! Uè (alzando la voce e con tono estremamente familiare) faccia gialla cos’è qualcosa ti è andata storta? Perché ci stai mandando tanti guai? (niente bacio) San… (è perplessa) ma quello non è un santo ma la fotografia del papa (con tono disgustato) questo lo trovi ovunque anche quando non ci azzecca. Tiene la faccia di chi mangia nel tuo piatto e poi ti tradisce (e con gesto di chi si protegge da una figura jettatoria) sciò sciò! San Francesco (triplo bacio) quanto sei bellillo, tu sì che hai avuto tanti guai lo so e sono sicura che se tu fossi vivo avresti senz’altro fatto amicizia con mio figlio, guarda come gli somiglia sembra mio figlio il giorno della prima comunione (con viso radioso gli manda altri tre baci). San Tommaso d’Arquino e tu (il suo viso è crucciato) se pure un Santo serio!?

13Da un bacio conclusivo a tutti evitando Santa Rita, il Papa, San Gennaro e San Tommaso. Scatta in piedi, fissa attentamente l’immagine della Madonna, abbassa il capo e lo alza lentamente, più volte, e con gesto tipicamente popolano.

Donna Maria Madonna, (ha uno scoppio di crisi emotiva: piange, si tratta i capelli, si dà schiaffi sul viso; si alza da terra, si dà un’aggiustatina al vestito e ai capelli e riprende) Madonna io sono venuta qui, a piedi, e non coll’elicottero. Maro’ voglio parlarti da donna a donna, da mamma a mamma e non da fedele a Madonna! Madonna mia quanto sei bella! Che bella faccia tonda hai e quelle due schiocche rosse mi sembrano due mele mature. E gli occhi due brillanti! Le tue mani e i tuoi piedi gloriosi sembrano due raciole! Il tuo petto che allattò o bambiniello mi sembrano due meloni di fuoco. E con questo vestito rosso sembrate proprio quelle belle cafone che venivano a portare uova fresche e il pane casareccio di una volta! Siete la più migliore delle Madonne, la più famosa, siete più famosa di Pertini con la sola differenza che lui si è fatto conoscere anche in Russia, ma voi cosa v’importa a farvi conoscere in quel paese che hanno quelle Madonne che mi sembrano schiacciate dalla miseria. Qua dovete stare perché senza di voi è come se non ci fosse il Vesuvio, il mare. Qua diventerete sempre più bella e chiatta! Voi, ci insegnate a ridere sui guai che vengono.

14Il volto di donna Maria diventa una maschera tragica con un sorriso che fa paura. La donna fa un lungo sospiro, il suo volto è supplichevole poi confuso di una confusione più grande di lei.

Donna Maria Madonna io non ce la faccio più! Quella casa mi sembra una barca ’mbriacata, come devo fare solo tu puoi capirmi perché su come me hai avuto un figlio e hai sofferto, ti chiamano l’addolorata per mezzo di tuo figlio che non era ben visto né dal Padre né dalla gente, né dai preti e dottori! Solo una santa donna come te poteva sopportare ’nu piccirillo che quando nacque non volle né salviettine né cucchiaini d’argento, ma oro, incenso e mirra che un può capire l’oro ma l’incenso e la mirra che dovevi fare nella miseria che ti trovavi e poi già immagino la gente che ti diceva che tuo figlio certamente aveva qualcosa di rotto per salvarsi dalla salmonella cioè dai soldati di Erode… E poi tu che avevi questo unico figlio maschio che non giocava a pallone, ma a nascondino, non sfotteva le signorine quando tu uscivi per la spesa con i tuoi vestiti si metteva a fare l’immacolata concezione come mio figlio che un giorno lo trovai con il mio abito da sposa su un tavolo che faceva l’assunta in cielo. Lo so che tu, per il suo bene speravi che si sposasse e mettesse su famiglia e invece se ne andò con dodici ragazzi di cui uno si chiamava “Janette” e invece di fare l’onesto lavoro di quel bravo uomo di Giuseppe se ne andava in giro a fare comizi. Non conosceva neanche una persona perbene. Giustamente il “padre vero” si rese conto di questo figlio sbagliato e pagando e promettendo a quel chiochero di Giuda detto Janette la spiona perché lui non poteva scendere, lo fece arrestare dalla buon costume che lo trovò insieme ai suoi amici in parco e fu così che, poi, lo ammazzarono perché non voleva essere come gli altri e diceva che era la regina di tutto il mondo. Però, cara Madonna, tuo figlio era sempre il figlio del Padreterno che, sì, l’ha fatto morire ma poi è risuscitato mettendo a tacere tutto quello che aveva fatto riportandoselo in paradiso. Ma mio figlio ha un padre che è uno scornacchiato e a me non me lo risuscita nessuno e nessuno lo fa andare in paradiso, perciò Madonna io adesso vado dal Volto Santo che sarebbe tuo figlio e gli vado a dire che i figli dei potenti non fanno nessuna rivoluzione.

15Donna Maria convinta di questa sua verità e messasi l’anima in pace di fronte all’immagine della Madre del Salvatore lascia il Santuario e adesso inneggiando, con tono sfottorio a Gesù, si reca alla Chiesa del Volto Santo. Qui le luci diventano ovattate, un’unica immagine, quella del Volto Santo. I gesti e le parole di donna Maria adesso sono agguerrite. Il suo aspetto è di fierezza al cospetto della immagine che apostrofa così:

Donna Maria Volto Santo, sono stata proprio adesso da quella povera donna di tua madre. Volto Santo, prima che venivi tu, tutto era normale: le femmine erano femmine e gli uomini erano uomini, la famiglia era la famiglia e nessuno si sognava di voltare l’altra guancia e nessuno amava l’un l’altro che poi sono le orge. Hai scombinato tutto, ma tu te lo potevi anche permettere tanto tuo padre avrebbe risolto tutto.

16Donna Maria è tutta presa dalla sua preghiera con il volto santo. Si gira e vede una donna molto ben vestita che piange, scambiandola per una delle comari pettegole del suo vicolo, cambia espressione che passa da feroce a mansueto e con voce pacata e soddisfatta dice:

Donna Maria Volto Santo, sono venuta qui per ringraziarti di avermi dato un figlio maschio e ti chiedo perdono, per lui, se non è un tuo seguace ma va togliendo l’onore alle donne, ma tu lo devi capire: i maschi sono cacciatori, sono le donne che devono stare attente.

17Donna Maria chiedendo consenso all’altra donna per la verità che ha detto, si accorge che l’altra non la conosce per niente, quindi tranquillizzandosi chiede:

Donna Maria Di dove siete? Avete detto di Milano? Proprio di Milano ah, adesso mi spiego perché avete questa faccia pallida pallida (sottovoce) sembrate la morte! Siete venuta a prendere un po’ di sole? Ma avete sbagliato tempo qua il sole non è più come una volta. Come mai vi trovate in questa chiesa? Ah! Dovete chiedere un miracolo, avete scelto proprio il santo giusto perché dovete sapere che il Volto Santo è uscito da poco: è un santo novellino e ha tanto bisogno di farsi anche lui una posizione, una clientela. Però, signora mia, come vi chiamate? Avete detto Eufemia? (Sottovoce) che nome strano, Dunque però lasciatevi consigliare da me se avete male all’utero… dovete andare da Sant’Anna delle paludi, quella è bravissima! Non avete male all’utero… allora forse avete paura di viaggiare, ma se è questo, c’è San Cristoforo! Non avete paura di viaggiare… ma che scema che sono, dovevo capirlo subito, voi siete muta, allora dovete andare da San Biagio, eccovi una figurella del santo, c’è tutto, anche l’indirizzo! Non siete muta… (Spazientita) signò, ma che sfaccimma di malattia tenete perché lo devo sapere se no da chi vi mando, ma se non me lo volete dire perché non lo sapete neanche voi, perché voi siente milanese, ed io lo so che non sapete, voi milanesi che cosa volete, però potete andare dalla Madonna di Pompei quella è esperta di tutto. (Si accosta di più alla signora) Alzate un pochino la voce cosa avete detto? Vostro figlio è un culaton? (Donna Maria non capisce questo termine ma pur di continuare a vendersi come esperta in materia di miracoli dice:) Culaton? Ah! Ho capito, quella è una malattia tropicale io la conosco, pure mio marito la ha avuta: quattro novene a San Pasquale e vedrete che le cose andranno meglio. Frocia, buson, checca, cacchinero, puppo (continuando a non capire) e che c’è da preoccuparsi tutti l’hanno questa malattia e lei per così poco piange, ma voi siete proprio pazza! Alzatevi signora mia e che cos’è questo,… vi ripeto è una cosa bella pensate, voi adesso non ci crederete (le elenca una serie di prestigiosi nomi della chiesa, della politica, dell’economia) come vede tutti ce l’hanno e nessuno si preoccupa, quella è come la nebbia c’è ma non si vede come disse Totò. Signora, ma ho capito bene avete detto “ricchione”?! (Un attimo di pesante silenzio). Volto Santo qua le cose stanno proprio male io mi credevo che solo a Napoli succedevano queste cose, perché i mali non vengono mai soli, ma qui c’è l’alta Italia dove si deve produrre, dove devono andare a lavorare gli operai uomini! Volto Santo dal nord al sud siamo inguaiati (gridando) Volto Santo…

18Sopraggiunge un sacrestano che manda via le due donne. La scena è deserta, ma si sente la voce di donna Maria.

Donna Maria Non finisce qui.

19Le luci si spengono.

Auteur

Lire

Accès exclusif

open access

Offert par L’éditeur de ce site