Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il teatro gay in Italia

 | 
Antonio Pizzo

Testi

Mammagrassa

di Alfredo Cohen (1981)

Alfredo Cohen

Texte intégral

Il testo e lo spettacolo

1Mammagrassa debutta a Roma il 5 maggio 1981 al Teatro in Trastevere di Roma, accolto con favore non solo da quel pubblico che ormai seguiva da alcuni anni l’attività di Cohen, ma anche dalla critica che legge questo testo come la tappa finale di un percorso (tra ricerca artistica, indagine antropologica e psicoanalitica) svolto nei precedenti lavori sul personaggio di Mezzafemmena. Quest’ultima era diventata una sorta di nuova maschera popolare e Cohen l’aveva utilizzata come chiave per collegare le istanze politiche del movimento alla cultura omosessuale di tradizione meridionale. Il personaggio di Mammagrassa volge lo sguardo dell’autore verso un più ampio insieme di memorie personali e sociali ed è infatti letto dalla critica come una sorta di villica Giocasta, ovvero come una grande madre mediterranea, nel segno di una ibridazione tra rituali devozionali paganeggianti e tensioni erotiche surrealistiche. Se, in generale, la carica espressiva dell’interprete attrae l’attenzione dei più, è “Paese Sera” a spingersi più avanti nell’apprezzare in modo specifico la drammaturgia dello spettacolo, arrivando a indicare un collegamento tra Mammagrassa e Padre Ubu.

2L’opera è in un solo atto diviso in quattordici episodi di lunghezza molto varia: dall’ampio racconto (ad esempio, il secondo e il terzo), ad azioni di soli pochi minuti, (l’undicesimo). Il testo inizia con un’estasi erotica in adorazione mistica del Cristo. Subito dopo racconta di un prete che perde la vita nel tentativo di recuperare i gioielli della Madonna che Mammagrassa ha trafugato e portato in Cina. Poi, ascoltiamo Mammagrassa che rivive l’estatica sodomizzazione del figlio. Dopo due episodi dedicati a un innamorato distratto e traditore c’è il racconto della vecchia Teresina che, vistasi rifiutare il permesso di dir messa, fonda la propria dottrina extra ecclesiam. Segue una breve adorazione del panno (nel testo, le mutande) del Cristo e poi iniziano più serratamente le imprese di Mammagrassa: recupera i libretti bancari delle vecchine del paese, fa miracoli all’incontrario, si lancia in una sorta di esperimento alchemico friggendo le ostie della comunione e infine viene fatta a pezzi dai notabili del paese perché masturbava i bambini, ma riesce a tornare rediviva e più fiera di prima. L’ultima parte è tutta dedicata al binomio madre-figlio, fino al rito funebre (il funerale di Mammagrassa) in cui l’attore (figlio) è occupato in un rito macabro di sembramento della carcassa di un coniglio scuoiato (il cadavere della madre).

3In scena, Cohen veste una tunica nera, è pesantemente truccato da donna ma porta calzini maschili. Spostandosi tra vari luoghi deputati della scena e utilizzando oggetti specifici per ogni episodio, l’attore è impegnato in un lungo racconto in cui sono trasfigurati i personaggi del suo paese (Lanciano) ma in cui domina Mammagrassa, in dialogo con il figlio o con altre figure.

4Nel suo complesso, l’opera ha il tono di un delirio erotico religioso su memorie familiari e paesane, ma l’obiettivo è quello della riappropriazione del vissuto. La storia di Teresina e delle vecchine ultracentenarie è una rielaborazione fantastica a partire da una sagrestana che l’autore ha effettivamente conosciuto; i viaggi in Cina e in America sono talmente assurdi da indicare, per contrasto, quel destino locale che imprigiona l’universo paesano. Il mondo al di là di Lanciano è pura metafora, costruita sempre e solo sul piano fantastico, illogico, impossibile. In particolare, la navigazione dell’oceano nella pancia di un pescecane cita direttamente Collodi e il rituale gnostico della rinascita. L’insieme delle vicende popolari narrate ricorda i testi di Rabelais mentre la scrittura si muove tra la poesia beat e il flusso di coscienza. Della protagonista potremmo dire che è una e trina (donna, madre e travestito, nello stesso tempo); non ha il profilo di un personaggio drammatico ma funge da contenitore narrativo delle memorie e dell’autocoscienza dell’autore. La matrice movimentista delle prime esperienze artistiche di Cohen qui è tradotta in una rivoluzione della forma; la piana articolazione dei concetti, la logica successione di cause ed effetti, qui sono totalmente sopraffatte dal delirio. Le storie e i personaggi nello spettacolo fanno del proprio eccesso l’orgoglioso segnale della rivoluzione culturale e morale postulata dal movimento omosessuale.

5Poiché la vicenda affonda le radici nella realtà locale del paese di nascita di Cohen, il linguaggio è fortemente connotato dal dialetto abruzzese (e in parte napoletano). In alcuni casi, come nel settimo episodio, la stessa didascalia ribadisce il tono dialettale per la scena. Nelle battute, l’ortografia utilizzata dall’autore intende soprattutto restituire la sintassi e i suoni della parlata locale, ma altre volte è fedele all’italiano così da costruire una stratificazione tra il vernacolo e la lingua, in una dialettica tra basso e alto, che da colorate locuzioni dialettali giunge a toni marcatamente aulici («ricordati di Fleba il fenicio di Eliot che navigò per acque e sotto le acque scoprì le incriminazioni parziali che gli erano dovute», decimo episodio). Se ciò può costituire un oggettivo ostacolo alla lettura del testo, d’altra parte riproduce efficacemente la particolarità della drammaturgia scenica di Cohen e permette di ricostruire la ricchezza di colori e toni delle sue performance sulla base di una partitura di suoni prima che di parole.

L’autore

6Alfredo Cohen (8 ottobre 1942 – 18 novembre 2014) è il nome d’arte di Alfredo D’Aloisio. Dopo aver conseguito la Laurea in Lettere ad Urbino nel 1968, lascia la natia Lanciano e si trasferisce subito a Torino, dove insegna alle scuole medie, prima aVerolengo, e poi nel quartiere Le Vallette. Insieme a Loredana Perissinotto del Teatro Stabile di Torino anima un gruppo di teatro per ragazzi, partecipando anche ad alcune manifestazioni della Biennale di Venezia del 1971 e 1972. Nel frattempo, si lega sentimentalmente ad Angelo Pezzana, con il quale partecipa alla fondazione del FUORI e alla redazione dell’omonima rivista, dove pubblica articoli teorici e poesie. Nel 1974 il FUORI si federa con il Partito Radicale, al quale Alfredo si avvicina, prendendo parte alle loro manifestazioni politiche e culturali. I suoi primi passi nel mondo dello spettacolo saranno sempre orientati a trasferire sul piano artistico i temi della sua militanza, in qualità di cabarettista e cantautore. Debutta a Torino nel 1974 con il monologo Dove vai stasera, amico?; l’anno successivo presenta il collage di canzoni e monologhi Oggi sul giornale; nel 1976 è la volta di Salve signori, sono anormale, che porta in tournée anche a Roma. Dopo le elezioni politiche del 20 giugno 1976, Cohen si trasferisce nella capitale, seguendo Angelo Pezzana che inizia a collaborare al gruppo parlamenare radicale. Nel 1977 porta in scena Il Signor Pudore e realizza – con la produzione di Franco Battiato e di Paolo Scarnecchia, per l’etichetta IT di Vincenzo Micocci – Come barchette dentro un tram, il primo LP italiano interamente a tematica omosessuale. La discografia di Cohen si completa nel 1979, quando esce con il singolo in cui compare la sua canzone più famosa, Valery, dedicata alla giovanissima transessuale Valérie Taccarelli, e arrangiata da Franco Battiato e Giusto Pio. Nel 1982 Valery viene riadattata per Milva come Alexanderplatz, destinata ad un grande successo internazionale.

7A Roma, nel 1978, inizia a collaborare con Antonella Pinto e propone il personaggio di Mezzafemmena che gli apre le porte dei teatri in tutta Italia. Il primo spettacolo è Mezzafemmena e Za’ Camilla (1978) ai quali seguono Mezzafemmena e munachella (1979), Unadonna (1980), Mammagrassa (1981), Dillo a mamma té (1983), Mezzafemmena’s lovers (1985), Filomena l’Africana (1986). Appare anche in tre film di Mario Monicelli; come “castrato” ne Il Marchese del Grillo (1981), come “baritono” in Rossini,Rossini! (1991) e nel ruolo di Osvaldo “la fendessa” in Parenti serpenti (1992)..

8Negli anni Novanta Cohen abbandona il teatro e lo spettacolo per tornare di nuovo a insegnare, questa volta a Nettuno, dove rimane fino alla pensione, per poi ritirarsi in Tunisia.

Fonti

9Il testo che pubblichiamo è la collazione di due dattiloscritti inediti gentilmente concessi dagli eredi Di Corinto. I due testi sono identici (l’uno la fotocopia dell’altro) ma ognuno contiene annotazioni, aggiunte o cancellature che abbiamo fatto confluire in questa edizione dando priorità a quelle che apparivano cronologicamente più recenti.

 

Sandro Avanzo, C’era una volta, in Stefano Casi (a cura di), Teatro in delirio, «Quaderni di critica omosessuale», n. 7, Il Cassero, Bologna 1989.

Gianni Rossi Barrili, Il movimento gay in Italia, Feltrinelli, Milano 1999.

Eleonora Bertolotto, Nasce in una “cantina” il cabaret omosessuale, “Stampa Sera”, 12 dicembre 1975.

Ernesto Bassignano, Con la Mamma grassa torna Alfredo Cohen, “Paese Sera”, 5 maggio 1981.

John Francis Lane, Theatre, “International Daily News, 7 maggio 1981.

MSP, Il tormento e l’estasi nella cucina di mammà, “L’Unità”, 7 maggio 1981.

Nico Garrone, L’assolo delirante di “Mezzafemmina”, “La Repubblica”, 9 maggio 1981.

US, Mostri come se piovesse, “Il Messaggero”, 11 maggio 1981.

Andrea Ciullo, Quella mamma grassa di Cohen è piuttosto un padre Ubu, “Paese Sera”, 12 maggio 1981.

Pietro Favari, Mammagrassa di Cohen, “Corriere della Sera”, 18 maggio 1981.

Paolo Bonacci, Sì, parlo di mia madre contadina abbruzzese, “Corriere della Sera”, 31 maggio 1981.

Ed. Ball., Alfredo vuol bene a mammà, “La Stampa”, 10 dicembre 1981.

Ed. Ball., La grassa mamma di Cohen, “La Stampa”, 12 dicembre 1981.

Nino Ferrero, «Mamma ti amo tanto che ti mangerei…», “L’Unità”, 16 dicembre 1981.

Giovanni Dall’Orto (a cura di), Alfredo Cohen voce in «Wikipink - L’enciclopedia LGBT italiana», http://www.wikipink.org/​index.php?title=Alfredo_Cohen&oldid=35812 (accesso il febbraio 15, 2019).

Atto unico

I Episodio

10Il sipario chiuso. In mancanza di sipario, il buio sul palcoscenico e in sala. Un riflettore punta al centro del sipario (o della scena).
Dal registratore, uno starnuto violentissimo, seguito da qualche parola, poi una canzoncina popolare.

Registratore Etcì,! Pronto prova. Pronto prova. Pronto. Prova.

11Canto al registratore:

Disse la vacca al mulo
quanto ti puzza il culo
disse il mulo alla vacca
forse sarà la cacca

12Sempre dal registratore, il motivo orchestrato di una marcia religiosa, di paese, malamente eseguita. È la marcia per il Cristo Morto del amestro organista Frascesco Paolo Masciangelo, di Lanciano.
Alla fine della marcia, una pausa, scandita da un colpo di tosse, sempre dal registratore. Quindi un motivo musicale, il coro del Miserere, del maestro Masciangelo, per voci ed orchestra. È un bellissimo motivo scopiazzato evidentemente da Verdi. Molto tragico e melodrammatico. Eseguito senza carica, in maniera maldestra.
Dopo alcune battute musicali, e mentre lentamente si apre il sipario (oppure mentre un faro rischiara il centro della scena), al centro del palcoscenico, immobile, sorridente, appare l’attore, che sorregge una buffa croce fatta di stracci, di legni colorati, di staffe “luccicanti”. Qualcuno, in maniera impropria, la definirebbe una croce “antropologica”, sicuramente è da cultura contadina e pagana, sempre cristiana.
La croce è sormontata da un ventaglio fatto con penne di gallina.
L’attore è vistosamente truccato “da donna”. Un trucco pesante, un po’ orientaleggiante. In testa ha una corona di foglie di plastica. Nella mano sinistra un giglio, sempre in plastica. Porta dei calzini maschili, tipo “mocassini”.
Indossa una tunica nera, molto larga, con ampi spacchi laterali. Durante la rappresentazione gli spacchi concederanno la visione delle gambe e di altre parti del corpo. La scollatura è pure ampia. Tenderà sempre a scivolare e a mostrare la spalla e i seni dell’attore.
La scena. Un fondale multicolore, “evidentemente” realizzato a mano, con cuciture etc., è un misto di più stoffe, con applicazioni in legno o in vernice che formano varie figure di animali e di persone. Comunque un qualcosa di agreste, ma molto stilizzato.
Due quinte, in stoffa. Quella a sinistra ha in cima un tondo di luna, sorridente, e bambinesco. Più sotto, un cuore, grande, rosso. Alla base della quinta c'è un recinto, una piccola staccionata con legni di falegnameria. All’interno, trucioli e stelle filanti svolte a formare una base molto variopinta.
L’altra quinta è una sagoma/vestito da donna che servirà all’attore per il decimo episodio. La sagoma ha tre fori, uno per il capo dell’attore, gli altri due per le braccia che l’attore, nel decimo episodio, vi infilerà.
A sinistra di questa seconda quinta, una piccola scala a forbice, con tre soli scalini. Al centro, e contro il fondale, una poltrona/sedia, che riprende i motivi “agresti” del fondale attraverso le stoffe e i legni che la “complicheranno” facendola diventare elemento vivo della scena.

Attore (Mentre continua il motivo del Miserere)

Quanta siè bbelle! Bbelle! Bbelle!
Bbelle! Bbelle! Bbelle! Bbelle! Bbelle!’
Beeeeeeeeeeeeeeeeeeelllleeeee!
Bbella! Bbella! Ggesù! Ggesù di Nazzarette! Bbello! Bbbelllooooooooo!
Gesù! Gesù Cristo! Bbella! Bbello!
In questa processione del venerdì
Ssante che si celebra pe’ tte!
Pe’ tte! Soltanto pe’ tte! Ggesù!
Ggesù! Ggesù! Quanto sei accaruscia!
E ddicono pure che ttu ti sei morta!
Che non ci stai ppiù qqua!
Vicino a mme! Che ti veda!
Ti adora! Oh! Le sopracciglia inarcuate!
Oh! Oh! Oh! Il disegno del naso!
La Naricia! Oh!
La forma soave de le labbra!
Che ttante e ttante volte ho sognato di abbasciare!
Oh! Le ciglia nere, nere, nere, nere, nere
Come il cielo di questa notte che
dicono che tu sei ammorto!
Tu sei viva!
Pe’ mme! Ggesù! Soltanto pe’ mme!
E le suore delle Confratelle del Dolore
ti hanno messo la nylonne
Sul corpo e sulle bbelle membra,
per non farti ascolorire dalla pioggia,
che lo hanno appena riverniciata!
Ma tu, non sei ammorta.
Parlami! Dimmi! Cuoruccio mia!
Dimmelo che mi ami!
E fammi aprire la porta dalla portiera della chiesa
anca a la domenica,
che il pomeriggio il portono è cchiuso
ed io non posso entrare perché non tengo la chiave!
Oh! Ggesù, amore! Oh Ggesucristomorto!
La senti la folla che piange al tuo passaggio!
La senti la musica che fanno per te!
Viva sei! Viva! Vivo per me che tanto ti amo
e tanto di addoneraje, d’amore di oro,
di seta, di turchini, di topazio,
di tutto quello che ci sta per te! Per te!
Soltanto per te! Ti amo! Ti amo!
Mittici ’stu core vicino al tuo,
perché tu sei vivvo! Sei vivo! Soltanto per mme!

II Episodio

13L’attore già stanco si è diretto al centro del palcoscenico. Si siede sulla poltroncina. Si sfila dal capo la corona e la lancia in un angolo.

Attore E mmò fammele ammagnà
ssu biscotto che sta ’llà.
Ca ci sta! La veda
arreta a lu bancone
dietro a la vetrina.
Ci sta lu biscotto. Per noi
orfanelle dell’Ospizio
della Carità del Dolore
che stiamo tanto bbene qui
e le suore ci assistono
e tutte quante
ci vogliono bbene.

Specialmente Suor Marcella:
è quella che
nei nostri confronti
mantiene un dolore veramente esatto. È lei
che viene ogni mattina.
ca ci viene… ca ci viene!
Ogni mateina!
E ci porta il cappuccejne
che noi siamo bbambine
bbambine piccoline
piccole piccole piccole piccole.
E lei ci viene
dentro a la nostra stanza
e ci dice: “Su bbambine!
Su bbambine: Ggesù,
Ggesù Criscte è risorto!

C’è qualche bbambina
di centoventi e forse
di centossanta anni
che si è ammorta?
Che la prendo per
la capella e l’aggira
per la stanza e la butta
al fiume che se la mangia
il topo grosso grosso?

Vi fa male la patana
che tenete in mezzo alle
cosse delle gambe
e ve la grattate
e vi ci escie il sangue
e ve la bbevete pure?

Ggesù! Ggesù è risorto!
Tu! Tu! Non senti
la campana che suona?
Ah! Già ca tu
siè sorda!
E tu non vedi
lu cielo che splende?
Ah! Già ca tu
siè cecata!

Correte! Correte!

Ma io non ci posso
andare che stengo
dentro a la carrozzella
e mi viene da fare
con la testa con la coccia
accossì! Con la testa con
la coccia accossì!

“E su la testa! E
tieni su la testa!”

E quant’è bbelle
quel biscotto che sta llà!
Sst! Silenzio! Che non
mi deve sentire
Suor Marcella. Suor Marcella
è cattiva, e ci fa
sopra la sputazza
nella biscotta.
E poi mi dice: “non c’è
il biscotto sul balcone…
La vedi? È una stella”.

E poi ci sta Mammagrassa
è tanto bbuona
pure lei. E viene
ogni giorno a trovarmi.

Ca ci viene. Ci viene…
Ma io la voglio
quel biscotto che sta llà
sotto al balcone mentre
piove.

Fammela jre a pijà!
Fammela jre a pijà!

Sst! Sctatte zitte!
Mammagrassa è peggio
di Suor Marcella!

“Mammagrassa è tua mamma
che tu tieni ottantatré anni
e devi arringrazijare
il signore Padreterno
Gesucristomorto totale
che ti ci ha fatto tenere
qui in attesa
della tua morte universale!”

Zitto! Mammagrassa
è cattiva. Ogni volta
è cattiva. E quando qualcuna
di noi non vuole mangiare
lei si mette a cantare:
“Andiamo! Su! Tutte
e quante bambine
a mangiare poi ci sarà
la passeggiatina!”

Lo voglio quel biscottino.
Tiene a ppiovere. Tiene a ppiovere.
È bbagnato. È più buono.
Non c’ho io denti. Lo voglio.
Fammelo pigliare.
Che Mammagrassa non ci sta…

E invece arriva Mammagrassa
è tanto bbuona. È
tanto cara. Che mi porta
pure i cioccolatini

ca se le freca le monache
e se le magnano isse
previti e monaci
quelle disgrazijate!

“Non potete
mangiare la cioccolatina
per via
della colesterola
che vi portate nel sangue
e dentro la pancia…!”

Essole! Le monache
dell’Asila e dell’Ospizio
dove tutte quante
noi siamo assistite
molto bbene.

E poi arriva Mammagrassa
ci dice: “giochiamo
al medico e
all’infermiera…”
Perché quella è una frociona!
Mammagrassa è una frociona!

“Venite bbambine
di centoventi anni
che aspettate di prendere
la prima communijone…

Venite dentro
alla mia cameretta
che giocheremo al
medico e all’infermiera
e alla puntura…”

E allora ci porta
dentro alla sua cameretta
e ci fa sentire
le scale con le spaghette
sotto a le ascelle.
“Salite… Salite…”

E poi ’nsi arrizza la gonna
fa la puntuta
a la cagnolina
e ci fa
vedere lu cello!
Perché Mammagrassa
tiene lu cello! È
una frociona!

Mi fa sentire
sempre la bbarba.
Ogni sera che ci vado
mi fa sentire la bbarba.
“Struscia! Struscia!
Sopra a questa bbarba!
Potrai avere alla
tua età una esperijenza
veramente inesatta!”

E ci porta
sempre a la prata
“Venite! Venite” Bambine! Che c’è
qualcheduna che oggi si ha fatta la piscia
addosso? Bbambine in coro
Pisciona! Pisciona!
Pisciona!”

E dopo ci porta
in mezzo a la prata
e in mezzo a la prata
c’è la fila della jerva
con la goccia de la sperma
e lei ce lo fa leccare…

“Leccate!
Così imparerete
alla vostra età
quello che vuol dire
una esperijenza del genere.”

E in mezzo a la prata
poi trova il preservativo
ci ficca dentro
il cellino del bambino
se lo mette
in mezzo al panino
e ce lo fa mangiare
a tutti quanti! Questa
è Mammagrassa…!
Ah! Ma’! Ah! Ma’! Ah! Ma’!
Ah! Maaaaaaaaaaaaaaaaa a a a…

Che l’ha incontrata una sociologa di pajese. “Sono una socioloka di pajese. Ho messo una consultoria psicasomatica vicina a la stalla di Sebbastijane per via di una vacca che gli era ammorta di una gravidanza fatua. Ho qualche cliente, una vacca, un porco, un majale, una gatta incirconcisa, qualche cane e cavallo: robba di bestie che non ci capiscono nienete, qualche capra, un’altra gatta. Non mi ci viene nessuno in questa mia consultoria. Sono una socioloka di pajese. Mi meraviglio di voi Mammagrassa che in fondo siete un prete, che in fondo siete un cardinale, un Papa in pectoris, che vi fate le seche e le fate fare alle bambine di ottantatré anni dell’ospizio dell’asilo che da voi forse aspettano qualche altra speranza per la loro morte.
Ma quella, Mammagrassa è cattiva e malamente e si traveste da Suor Marcella. “Sono io. Sono io, Mammagrassa, Suor Marcella.”

Ma io lo voglio
quel bbiscotto che sta llà
Lo voglio!: “bbiscottino
forse saresti salatino?
Forse saressi
un sabbatino? Forse
assaressi un venerdino…?”

Ca mia mamma si ha arrubbata appuro la tesora de la Madonna del pajese nostro. I caratteri giganteschi del giornale: “Chi ccazze se l’ha frecate il tesoro della Madonna nostra?”

Sono latri venuti da fuori…! Sicuramente qualcheduno ha cercato di sapere. Si è informato attraverso la banca locale…!

I titoli che possedeva la Madonna nostra: Madonna dell’Annunziata Vera! Madonna della Libera!!! Madonna delle Quattordici Spade e Novecento Dolori, molti più dolori di quell’altra che ne teneva soltanto sette!

Pia Mater genitrice generale della concezione sempre avuta e negata! Che al nostro pajese molte donne si chiamano Negatina; Madonna del Ponte! Che una statua è stata arritrovata cinquecentomila anni fa sotto il ponto della vallata, archeologi scientifici esatti, legati alla chiesa cattolica, questo bisogna dirlo, hanno asserito trattarsi vera Madonna autentica – l’altra di Loreto un falso storico – riparata ad Efeso dopo la morte del figlio, con Giovanni, di lì ascensione ascensione ascensione al cielo, ricaduta, troppo grassa, finita in mezzo alla monnezza ponte nostro paese abitudinario, ripulita incrostazioni, elevata onori altari, messa alla mattina, messa alla sera, la domenica anche la vespertina… Le grazie che faceva ad Umbertina la lattaia nel 200 avanti Cristo, gli ha fatto ritornare il figlio dall’America; a Vincenzo lu monnezzaro, grande scopritore di Madonna, gli ha guarita all’istante una unghia incarnita; a Tommasina la meretrice ricucita la vagina con filo d’oro, nessuno più entrato, l’amore ritrovato. Questo era la Madonna nostra, e Mammagrassa il tesoro gli si ha arrubbato… Chili e chili e chili e chili e chili di meraviglie, vasellame autentico cinese, dell’America settentrionale – gli emigrati; una noce d’argento per la grazia di Celestino che teneva una nocia di carne sopra la sopracciglia sinistra – un vita finita e dunque recuperata; a Violettina di Lallà il ritorno a casa del marito morto in guerra che gli hanno riportato le ceneri esatte, mentre l’altra Madonna del paese vicino si aveva sbagliato con le cenere di un altro, la prima moglie l’ha riconosciuto dal colore scuro della cenere perché il marito era di pelle roscia e non di pella nera, che era suo cuggino, parente di terzo grado, un brunetto che la moglie aveva ricevuto la cenere bionda…!

Quesse le grazie della Madonna nostra! E Mammagrassa tutto gli ha frecato. E ddove ha spedito la roba del tesoro per la ricettazione?

A Forcella di Napoli! Ah! Ah! Ah! Troppo comodo!

A San Francisco della Canada? Ah! Ah! Ah!
Troppo comodo!
A Pechino!!!

Tanto lì la religione oppio dei popoli, non potranno mai immaginare trattarsi di vero tesoro Madonna nostra d’Abruzzo…!

Che ci è andato in missione sacerdotale eterna il nostro vescovo concittadino di novantadue anni grazie all’associazione locale Italia/URSS. Che l’altro vescovo suo vicino conterraneo glielo aveva detto: “Alla nostra età! Tu ci hai duecentottancinque anni. Io ce n’ho tremilaottocentonovantanove… Non possiamo permetterci di affrontare un viaggio del genere…!

Invece, il nostro c’è voluto andare! “Voglio andare a Pechino… Come si può dimenticare un popolo del genere…! Pechino! Pechino!… Quanta persone ci sta? Un miliardo? Un miliardo? All’inferno non ci capa! Bisognerà portarla qualcuno in paradiso, la Madonna precipitata, la mamma della precipitata ci pensarà, e poi mi sono fatta una sonna, un songo, che mi è venuta un’alapa, un apa dentro alla casa nel sonno e me lo ha detto”. Ed è partito, se ne andato, senza salutare nessuno. “Non mi voglio fare assapere, vado a fare il miracolo a Pechino… Sono un Vescovo della Carità Morale e Materiale.”

È arrivato a Pechino, nella quinta strada Fifthy Avenue, si è agguardato a una vetrina e che cosa ha visto? Il tesoro nostro del la Madonna… La corona de la Madonna sopra a una fotografia di Ciang Cing! Si è bbuttato sopra la vetrina: “Miracolo! Miracolo!” Strillava! “Miracolo! La Madonna mi ha fatto la grazia! Dovevo venire! In fondo, non potevo, in fondo non dovevo… La Madonna nostra mi ha fatto la grazia! La corona della Madonna mia!”

E le bbotte che dava sopra a quella vetrina! E come tempestava la vetrina! Non si rompeva!

“Fermatevi pechinesi! Raccogliamoci in preghiera adesso – un rosario – in ginocchio – tutti quanti.”

Ma quelli, i pechinesi, non lo capivano, non lo capé! “Chi è cussu? In fondo è un travestito occidentale che si è vestito da donna che sta tempestando la vetrina con la fotografia di Ciang Cing! Chi vvo’? Chi vvo’?” e lui a strillare: “Venite! Venite! Correte!” E pum! Pum! Pum! Pum! con la pistola contro la vetrina. “Tutto ho rotto” e non si rompeva niente che ci hanno i vetri antiproiettili. E poi strillava: “Venite correte. La Madonna me’! Ggesù! Ggesù! è bbnuono! Preghiamo! Preghiamo! Preghiamo!”

“Fruscione” – gli ha detto un pechinese che era stato in occidente ed aveva capito tutto: “Tu vieni qui vestito da donna e noi sia tutti vestiti alla mascolina!”

“A me fruscione?” “Sì a tte!” Pumt! La sputazza sulla faccia del pechinese!

“Non è vero! Non est modum! Io sono un vescovo della società occidentale di occidente che si trova qui in vacanza associazione Italia /URSS…”

“Allora sei un servo della CIA?”
“Io della CIA, e chi li conosce?”

Tutti addosso e le bbotte che gli davano! Tutti a menargli! Tutti! “Prendetelo! Uccidetelo!…” che poi si ha mmorto.

Veramente per le botte abbiamo perso il nostro vescovo. Che è arrivato l’archiatra pontificio vescovo canadese del Gabon.

Il vescovo ha protestato: “Mi meraviglio di voi pia rivoluzione orientale. Non date ascolto istanze di pluralità di scelte! Però un vescovo me lo trattate così? La pia religione rivoluzionaria allora non esiste?”

“Che ccazze vuoi tu?” E le calce a esso lui riparato il vescovo del Gabon sua ambasciata mai più uscito…

Il nostro vescovo era morto per le ferite riportate che quando hanno visto che era morto – con la corona di Ciang Cing sopra la testa – si è riunito il Politbburo, hanno detto: “Che ne facciamo adesso? Non possiamo ottenere un incidente diplomatico. Gli facciamo un piccolo maquillage. Lo mettiamo sul treno con due chiodi qui attaccati alle spalle. Gli mettiamo due occhiali scuri che sembrano due occhi veri… e lo spediamo in occidente…”

E così è stato. E tutta la ggente che saliva sul treno diceva: “Che bbravo questo vescovo occidentale oppure una signora d’America di vasellame autentico. Che sta lì tutto seduto. Tutto composto… non risponde… non parla…

Fa ‘nu poco la puzza… Ma non fa niente. Si vede che da loro si ausa accossì…”

Ed è andato il vescovo… è andato…
L’inculata…!

III Episodio (dell’inculata)

14Mentre cala il buio sul punto centrale occupato dall’attore, costui si dirige al lato destro del proscenio. C’è una specie di recinto in legno, molto colorato, tipo staccionata. Il luogo è pieno di stelle filanti, carte colorate, stoffe molto luccicanti. È sovrastato da un enorme cuore rosso, con su una faccina che sarebbe il volto della luna. Una luna sorridente. L’attore si sistema dentro il recinto mentre cresce una luce rossastra. Subito, c’è l’attacco del registratore con un nastro su cui è registrato un pezzo dei Pink Floyd. Insieme alla voce stessa dell’attore che recita, con la sua stessa voce, timbro e modulazioni, un testo che è di Mammagrassa.
Mentre si udranno le parole al registratore, l’attore risponderà con gesti e qualche parola, fingendo interesse al colloqui con la madre.
Voce al registratore

Mamma sé… fije sé… Fije mé
fije de madonna
Fije de la casa mé…
Tuo padre scta bbene
Nonnò ha ’scito da l’uspedale
gli hanno fatta a tutti gli analisi
Io gli voglio bbene ai miei figli
– che il Signore la possa abbenedicere…

Coma succede?…
Ti li dà un vero pensiero approibbito
un vero pensiero-poetico…
Ti fa sentire unito? Unito?
Almeno quattro o cinque volte
Come succede…?
Ti fa ’mbbazzi’ di paura? e di sudore?

Ah ma io non ci stengo da soule…
ci sta n’atru fiore dentro a lu letto.
“E ttu ti mitte a piagne…?”
“Scì! Scì! Mi mett’a ppiagne…”
“E ti piace?”
“Tanto”
“E dopo sctai bbene?
E mi chiami per dirmelo?
per raccontarmelo…?
Me l’ha da dice: a gnà succede?
Ti esce lu sangue?
E nascondi le mutandine sotto a l’armadio…?
Come a ddù risate… come a ddù paure…
E io la ritrova… le mutandine…
Dopo quattro cinque anni – sotto a l’armadio…
Io la ritrova…!
Le papavere ci stanno a l’armadio…
e quanta soule… quanta soula… quanta sole…!

Fije mé… come succede?”

“Ah mà!… mi mette la mano
chillu atru fiore… a lu coule…
e l’atra mano sopra a chill’atru coule…
e me le aunisce… tutte e ddue le mani
e tutte e ddue li coule me le aunisce…
Quanta papavere… ah mà!
Ah… Mà! Quanta soule…!
E dopo ci mette le dite… le doite… le doite…
e une… ddu… tre… quattro… cinche… sei…
quanta deite… cente mane… cente deite…
Me l’allarga… e ccoma l’allarga…
ah mà…è lu pozzo… lu pozzo… lu pozzo…
È lu pozzo, mà!
E tutto ci entra… tutto… tutto… tutto quanto…
tutto ci entra… tutto lu monne, ci entra…

IV Episodio (il moscone)

15Si sente al registratore, nitido e chiaro, ed insistente, il ronzio di un moscone, prima tenue, poi quasi assordante. Nel frattempo l’attore, uscito dal recinto dell’“inculata”, rincorre, al centro del palcoscenico, con fasci di stelle volanti il “moscone”.

Attore
Il moscone! Il moscone! Lu muscone!
Mamma, il moscone è arrivato
mamma, il moscone è entrato,
lo sposo fidanzato mio
mi ha portato… a mme… non a tte!
Lu muscone… Acchiappalo… Acchiappalo!
Piglia la coccia del moscone
e fammelo avvedere, e fammelo addorare…
Lu muscone a la casa nostra!
Da la finestra è entrato!
E tutta la vita mi si ha pigliato!
Accidilo! Calpestalo! Accidi! Accidi!
Che vva facenne ’ssa lengua serpendine!
Sembra de mè tu va’ dicenne male?
Oppuremende va dicenne bbene?
Ah mà! Lu muscone! Accidilo! Accidilo!

V Episodio (l’innamorato)

16L’attore è a sinistra del palcoscenico, su una piccola scala. Al registratore, una risata continua, sarcastica, accompagnerà le parole dell’attore, amareggiato.

Attore
Essele, lu sposo che mi ha portato il moscone
a mme! Reide! Ridi pure! Reide!… Arriva dentro
a la casa… e nemmeno mi guarda… se ne diriggia
addirettamende al bagno,
che tanto che è emozionato…
E quando ritorna lui mi dice: ti amo, ti amo
tanto… e scappa da la finestra… e si nasconde
dentro a la scatola del vaso della gerania, e
sta nascosta e non si fa avvedere… Eccolo lo
sposo mio… Reide! Reide! Rida!… E se tutti
gli innammorati fossero accossì… e se tutti
gli innamorati fossero accossì…? Arriva
dentro la casa, sbatto le mani, e scappa come
una hatta! Zompa da la finestra… Dove siè
sctato… eh?… domani mattina… a provare le tue
emozioni… “Devo provare certe emozioni…
Voglio andare fino all’edicola, al giornalaio,
a vedere le copertine dei giornaletti”. E allora
ci sono arrivata io fino alla vetrina del giornalaio
e ci sono trovato il ragazzo che ti dà
la mezijone… Reide! Reide! Reide!

Dimme! Uocchia fragrante, che ppenzijere sci fatte?
De mandener’ a mme ’nghe le parole? Reide!
Bello lo sposo mio. E dopo va dentro a la cantina…
“Vado a telefonare…
Io sono forastiero e devo telefonare”…
E si nasconde dentro la cabbeina telefonica
e stà lì anche un’ora e forse mezz’ora
e beve… finge di telefonare… e bbeve…
Essolo lo sposo mio…! Carofano piandato fra la terra
co’ jj’ atri fa l’amore e l’emozijone, co mmè la cuerra…
“Voglio ripartire” ha detto domani, “e voglio tornare
a Roma” ha detto dopodomani…”
E va ieri sera… e va l’altro ieri sera! Va… Va…
che mi metto sotto la pullmanna di Roma e non la faccio arripartire…
Va, a incendiare il giorno che sta
morendo! Vaaaa ad incendiare la notta che sta
nascendo! Eccolo, amor mio, vjen’a ccavalle…
Me pare ’nu San Giorge cavaljièere…
Da lundane me pare ’na duchesse, e dda vicine
’na bbruttta vajasse… Ah mamma! Se tu la vera
innamorato mia…

VI Episodio (la culla)

17L’attore scende dalla scaletta e si dirige verso il centro del palcoscenico. C’è una piccola sedia da cucina sulla quale siede. Comincia a dondolare producendo, con le gambe del sediolino il ritmo sonoro di una ninna nanna, di un cullare.

Attore
Fije me! Fijo! Con quanta passijone e devozijone
ti scto scrivendo questa lettera, chiusa nella
casa che ha visto la nostra solitudine riparata
da sguardi indiscreti e dall’amore che ti
ho sempre voluta. E ti faccio sapere che tuo
patre sta tanto male, sta veramente male, e non
gli abbasta la medicina che io gli dò ’ngo ccura.
Sta male male male per via della sua asma
bronchiale inesausta che attraversata la
sua vita, e pure quella mia, per i patimenti che
ne ho avuta, fina dalla ggioventù e questi
ggiorni-amen-il signore ci possa abbenedire
che un male a nessuno mai glielo abbiamo
fatto, e me vuojje faje ’na catena d’oro
per tutte le persone che bbene me vola.

Con quanto amore e passione ho preparato e
sto preparando la sua morte. Che pure il vestito
pronto gli ho messo dentro a l’armadio
e lui mi ha chiesto: “che, per caso, mi avessi
messo quel tale vestito dentro a l’armadio per
preparare la mia morte.” “No! No! No! curuccio mio,
no… no! Piglia il latte, bevi, curuccio!” Ed ogni
sera gli metto l’ossiggeno nella sua cameretta.
Ma che ccosa ha addiventato tuo patre! E lo posso
avvedere dentro a la stessa palma de la mana
mia. E ogni giorno diventa sempre più piccolo.
Sempre di più. Sempre di più.
Che la guarda con la lenda,
con la lenda di ingrandimento e gli dico
– non posso facere troppo forte, sennò vola – 
trattengo il fiato e gli dico: “coruccio mi, che siè fatte?”
Me lo appendo qui, all’orecchio, come una arecchina
quando vado a fare la spesa, me la nasconda
nella orecchia, legata con un piccolo filo, e se
mi arrabbia lo minaccia: “guarda che ti faccio
volare, e poi non ti arritrova, e tu dove vai a finire?
se ti faccio volare?”. “Non mi fare volare” mi
dice. “Portami con te – ma senza volare. Che ti ricordi
quella volta che mi sono avvolata, per due ggiorni
non mi hai arritrovata!” Ed io me lo porta al
mercato. Mi faccio dire dentro l’orecchio
“Cosa ti faccio da mangiare per oggi?
che, vuoi una bistecca di cavallo?
un pollo intero?” “No! No!”, mi dice lui,
“perché mi prendi in giro?
Un grammo di insalatina mi
abbasterà, mi farà bbene. Faccia di lune
quanda sieè ’ttonne! Spécchie d’amore,
arbere di manne. Quess’occhie tue me pare due
pernicie. Se ije muress’, e jasse ’mbaridise,
se nnen ’nge trov’ a ttè, nemmeno ci trasce”.
“Che stiè dicere, sposo mio… non ti senta!
non ti muori… vicino… vicino a me…”

E sopra la casa nostra ci sta Teresina, te
la ricordi? Teresina, la sacrestana bbambina
di 83 anni! Anche lei si sta a morire, ed
ogni ggiorno diventa sempre più piccina.

“Lo so che mi sto restringendo, povera a
mme Teresina, sacrestana bbambina…
Lo so che mi sto a per morire. Che? Ci vuole
tanto a capirlo? Immaginarselo a saperlo
a concepirlo? Dentro una mente come
la mia! Ca ije mi sono appreparata ggià
la bbara. Ce l’ho ppronta una bbaretta
perché anch’io mi restringo. Ogni
giorno sempre di più. E devo portare la
barettina con le mie manine al falegnamino
che tiene centoventi anni e pure lui si restringe,
che ci restringiamo tutti e due.
Nemmeno ci vediamo, io non vedo la mia
bbarettina. Ma io la voglio, la voglio bbianca,
perché io sono vergine peccatrice
de la Madonna, sono vergine! La voglio bbianca,
non mi sono sposata. E voglio vedere
quando mi ci metteranno dentro, voglio vedere
se sarà la stessa bara che io mi sono
accomprata… O suonno di ’nu suonno! La mia
manuccia è ppiene di ’nelle; a lu colle
ddu cullane d’ore. Nisciuno mi si ha arrubbata
a mme donna bbella e mi ha lehata
con un filo d’oro… Venti anni di sacrestanesimo
dentro a quella chiesa! Quante ne
ho fatte per cchiesa, ija, i sacrifici che
ho fatte ija, li posso dire, manco la Madonna
l’ha fatto, che pure ha partorito senza
dolore e senza concezzijone, ha fatto i macelli
che ho fatto io, per la chiesa. Chi
ci stava a pulire? La Madonna? Quella sta
’ncielo! Senza rispetto e senza bestemmia! Chi
ci stava da la matina a la sera a lavare
per terra: io Teresina!! Chi ci stava a
sostituire il prete dentro a lu confessionale
a ffare la vocia sua, e a ffarmi
crescere la bbarba, a mettersi comunque
nei posti di ddio: io Teresina! E ccurre
Teresina! E llave Teresi’! E sservi Teresi’!
E Teresina correva. E Teresina era pronta. Sembre!
Che glielo ho detto un giorno a parroco:
“Papa?” “Non sono un Papa” “Per me poteresseto
esserlo. Papa ti prego, in questa mia consolazzijone
di settantacinque anni di cchiesa vera, facetemelo
arricordare almeno una volta nella mia
vita che sto morendo, di dire una messa.”
Si è messo a strillare: “Una messa? Tu, una donna,
vuoi dire una messa? L’ha ditta la Madonna?
Rispondi: l’ha ditta la Madonna?” “Non l’ha detto
– devo riconoscerlo” . “Embè! vorresti dirlo tu?
e vaffanculo da ssa cchiesa! Vattene via.”
“Troppo comodo!
Dopo settantacinque anni dentro a ’sta
cchiesa! Troppo comodo!”
“Ti possa venire un’epistassi! Un’epistassi”
“A me un’epistassi?” “Sì, a tte! A tte!”

Che poi questo prete, era un prete buono,
novello. Non era quella cosa molto violenta,
molto capace di parlare. Quando diceva l’omelia
si faceva la faccia roscia. Continuamente.
A qualsiasi parola, si faceva la faccia roscia.
Si abbergognava. E tutta la ggente diceva che
era uno gnoccone. E mentre diceva l’omelia gli
sussurravano “gnoccone! Vedi che stai a fare
la faccia roscia? Che ccazzo di prevete sei,
gnoccone!” Alla comunione poi si inciampava
con la gonna. Gli cascava sempre le particole
per l’emozione. Ma lui era un prete novello.
Doveva ancora farsi. Ma quell’altro che c’era
prima, quello era della fascista… Sì della
fascista… che pure a lui gli ho chiesto: “signore
cardinale papa monsignore”, “non sono
niente di tutto questo.” “Sei una prete?” “Sì.”
“E allora fammelo dicere – una messa intera no – 
ma un introibo altare dei, che ti costa? ci mettiamo
quattro o cinque vecchiarelle. Chiudiamo
la chiesa, facciamo pure un bello pollastro
arrosto, che ce lo mangiamo…” “Non est datum!»
“Ah ggià, non est datum…» Ca esso lui, il
prevete era della fascista; quando si ha votato,
mi ha detto di votare per la fascista,
a me Teresina, che ho sempre votato per la libbertà,
e per la democrazia di Cristo. E mi ha detto di
dire alle vecchierelle del confessionale che
sono sorde e quindi pure cieche e non
possono parlare, di votare per la fascista.
Essolo il prevete!
E io me ne sono andata. Ho creato una cchiesa
per conto mio, a casa mia. Con le altre vecchierelle!
Mi sono fatta evangelista! A ottantatrè anni!
Ci siamo riunite nove vecchierelle.
Stiamo a casa mia, nessuno ci comanda. Stiamo
bbene. L’abbiamo chiamata Chiesa, perché
sempre cchiesa jè, Evangelista, il vangelo
lo leggiamo, l’adoperiamo, beh! Chi
non sa leggere che è troppo vecchia se
lo fa raccontare, dei Signori, perché il
Signore sempre esiste e sempre sarà,
Perduti, per far capire a loro che erano
perduti, e Ritrovati, che siamo noi che
ci siamo capita la vera verità. Chiesa
Evangelista dei Signori Perduti e Ritrovati.
Che ci riuniamo nove vecchierelle. Beh chi si
ha fatto papa, chi antipapa, vescovo,
menzignore e canadà, prete e arciprete,
scisma d’oriente e scisma d’occidente a
seconda della finestra che una si va ad
affacciare. Facciamo il battesimo quello
integrale dentro a la vasca da bbagno
che una volta una vecchia stava per
morire perché non aveva affunzionato lo
scaldabagno. Diciamo la messa, una alla
volta. Dentro una giornata anche sessantacinque
volte che l’abbiamo contato, prendiamo
la comunione, ma non come fanno loro!
Chiesa dei Signori Perduti e Ritrovati!
che noi bagniamo il biscottino nel vino,
che qualcuna si umbriaca pure dopo tre o
quattro messe. A Natale facciamo il bambiniello
di cioccolata che ce lo mangiamo pure
Alla sera facciamo l’elenco degli scismi.
Ogni tanto un’enciclica, ce la leggiamo
fra di noi. Abbiamo pure una santa vivende.
La cambiamo ogni ggiorno così siamo tutte
contente. Qualcuna gioca a saltare alla corda
sull’altare. C’è una che la sera si rinchiude
dentro il tabernacolo e noi cantiamo
t’adoriamo ostia divina. Lei ci fa cucù
dallo sportellino e ci tira addosso il
coriandoli consacrati. Stiamo bbene. Siamo
felici tutte. Cantiamo “Questa è la cchiesa
de le nove segge. Chi ci si assetta Ddije
la prutegge”. Amen.

E poi io tengo un secreto. Stà llà. Llà!

VII Episodio (la reliquia)

18L’attore, ripetendo “tengo un secreto”, si alza dalla sediolina e si dirige verso una quinta. Torna con in mano un paio di mutande o slip che lancia in aria a farle ricadere al centro del palcoscenico. Dall’inizio dell’episodio, si sentirà, come un accompagnamento del tutto, Nina Simone in Strange Fruit, un disco di facile reperibilità. Altrimenti un ottimo blues anni quaranta/cinquanta.
Sul motivo della melodia, l’attore girerà su se stesso con le mutandine. Le lancerà per aria, le raccoglierà. Si rotolerà dalla gioia con quelle. Ripetendo ed intercalando a Nina Simone il testo che segue.
In questo episodio l’attore renderà ancora più ostiche e difficili alla comprensione le parole che verrà dicendo. Il tutto gira, comunque, attorno a queste reliquie, che poi sarebbero le mutande che teneva Gesù sulla croce. Calcare le consonanti. Parlare un po’ – ma sempre con marcato segno dialettale – come quelle persone che hanno avuto una operazione alle corde vocali, e si aiutano con lo sforzo a tirare fuori le parole. Molto importante questa tecnica di emissione del testo. Il tutto accompagnato da una mimica buffa ed impacciata. Pochi movimenti delle braccia e della faccia. Restare sempre un po’ sull’impalato. Quasi un robot, ma senza darlo a capire.

Attore (Sottovoce)
Tenco quescte. Le mutande.
Le brachette. Di Lui. So’
bbelle. Troppo bbelle.
Io le ho arritrovate. La relicquia!
Vola! Vola! Vola! Vola brachette!
Ha volato… Fa lu miracolo!
Le brachette di Gesù Cristo!
Le ho comprato. Alla Upimm!
So bbelle! Sono Mieie! Mieie!
Nun tuccare! Alto là! Guardia!
Soltanto a gguardare! Esci!
Esci Gesu Cristo da le brachette!
Cammina brachette! Ti sbatto per
tterra! Cammina! Lu miraculo!
Lui lo sa… Ah! Ah! Ah! Ah!
Buon ggiorno eccellenza!
Buon giorno signor ambasciatore
de le brachette di nostro Signore!
Gesuccriste! Cesuccriste morto!
Ecco! La cacca! La cacca di Gesù
Criste! La cacca sua! Addora!
Mettici lu nasu dentro! Fai uscire
lo stronzo! Fallo apparire!
Ohhhhhhhh! Ohhhhhhhh! Ohhhhh!
Lu cazzo di Gesucriste! Sta
qua! Tre cazzi! Padre, Fijo, e
Spirido Sande! Ohhhhhhhhhhhhhhh!

VIII Episodio

19L’attore già a terra sul palcoscenico, si trascina verso il fondale centrale. E resta lì seduto per terra.

Attore
Mammagrassa è una curnuta! Catteiva!
Che va sembra a la poteca negozio
di Rosalina di Palermo che è cecata
e non ci può vedere. “Tu! Tu! che
non ci puoi vedere e fai finta di
vedere!” “No! No! Ca ije nen ci veda!
Ca ije non ci ho mai veduta! Un male
non me lo fare! Una malamentizia
non me la dare! Povera a mme
Rosalina di Palermo che mi è capitata
tua mamma dentro al negozio che ci
sono le vecchierelle anche cinquanta
che mi portano la libbretta de
la pensione e loro mi mettono la
deleca ed io gliela vado a ritirare a
la posta. È venuta Mammagrassa
tutta avvelenata.’Nu cultellaccio in
mano. Minacciando di scannarmi.
“Ssacola doppia lengua che te fa
scuprije la mahagna sott’a lu
cappelle ci tieni la tigna, e ti
arrubbi le pensioni de le vecchierelle!
Io taccijade! Che lo so quello
che succede dentro a la tua poteca
che fai venire le vecchierelle,
gli dai la mortatella e poi le rimandi a ccasa e
gli arrubbi la pensijone!” Il coltello mi
ha piantato alla cola: “Fuori le
cinquanta libbrette sennò ti scanna!
Che ci hai qui pure il covo de
la CIA ed il kontrollo politico
delle vecchierelle.” Povera a
maije, Rosalina di Palermo, che teneva
una paresi affaciale al lato
destro ed ho incontrato Mammagrassa.
Gli ho detto: “Fammi la miracola.
Fammi ascomparire la paresa!”
E lei mi ha fatto la miracola
all’incontraria. E mi ha venuta la
paresi anche all’atra parte e
adesso tengo la faccia quadrata che
nemmeno posso mangiare o bbere
o inghiottire! Oh! Mammagrassa!
Mamma sèje de nom’ e nno dde fatte!
Tu séje come le mele tra le fratte!
Mandi mal’addore e ttriste frutte a
ttutte!” “Che ha ttutte! Fuora le libbrette!”
E glielie ho addovuto acconsegnare,
acconsentendo alla minaccia. Che
mi è avvenuto mio fratello Aldo. Quello
ha tenuto una operazijone alle corde
vocale e non può parlare e si è messo
a strillare: “Perché hai dato le libbrette
a Mammagrassa?” E urlava e strillava.
“Sono fatte tando tembe lu guardijane
a queste porte! È mmenute ’na
frastijere da lundane, ’nghe lo suo cande
cattaive ti ha sfrastornate!” Misera
maije, mia di me, Rosalina di Palermo,
che sono io che controlla le maree!
Le faccio alzare ed abbassare, con il
gesto della mia mano. E controllo ppure
i mestrui delle stelle. Questa sera
è la Pola Nord che ci ha le sue
mestruazioni: la veda! da londano!
Domani toccherà a Sirio: la veda! Il
suo chiarore si sta tingendo di rosso.

IX Episodio (il figlio totale)

Attore
Mia mamma Mammagrassa va dentro
a la caffè cittadina il circolo
dei signori e delle signure, e prima
di andare lancia la maledizzijone
a tutte quande. “E cche sci ‘ccise,
mammet’ e ttu pure! Cocce di
morte, ‘mbeè ti sci recagnate? S’é
’mmaretate la curnacchia cecate!
E nnen gandare cchiù, pecura cioppe.
Voglio candare io, rosa de l’orte!”
Fa la puzza dentro a la circola
cittadina e scappa a gguardare
da la fenestrella cancelletta.

I signorine le signori che tutti
si agguardano fra di loro. “E chi
l’ha fatta la puzza. Voi siete
state signora Marchesa?” “Io!
come vi permettete?” “Siete stato voi
signore del Tribbunale” “A mme mai
una parola o sproposito del genere!”
E tutti abbandonano il caffè
del circolo e schiamazzano e
fanno sogni vari. Chi sogna la montagna.
Chi la marina. Chi si stupisce
che non si possa mangiare
l’inzalata senza l’acete! E
Mammmagrassa ride dietro la
cancelletta. E fa l’atra scorreggia! E
canta da londano: “fiore di serpi:
che passi sta tre anne ’mmezz’ a’
ll’acque: puzza pijà lu cande
de le ranocchie!”

E va in chiesa tutte le matine.
Le sette cchiese si fa – sempre –
ed ogni volta si piglia l’ostia
bendetta e se la metta sotto a la
palata e se la trattiene ed è capace
di attrattenerla e corre a ccasa
con le sette ostie e le mette a
friggere sopra a la padella.
“Voglio vvedere che ccosa ci escie!
Una frittata con le uove.
Non voglio dire una reliquia intera.
Il salvatore stesso in persona!
Ma un dito. Una mana! Una occhia!
Una qualcheccosa che sia del regno
del Signore”. E frigge! E frigge!
Il sangue che debordava dalla
padella frizzola. Tutta la casa se ne
inebbriava. Il sangue di Cristo che
fuoriusciva dalla padella. “Oh
Ddijo! La mia vita è finita. Se
Torna mio marito. Se mi trova in
questa situazione.” “Ggesù! Perdono!”
Vado a sotterrare questa frizzola
sotto a la cantina, nella stalla,
in mezzo alla paglia. Soffocare!
Sarà soffocata! Mio marito non deve
assapere nijente! La soffoco nella
paglia!” E pscscscscs! Il Sangue di
Criscto che debordava! pscscscscs!”

Che è arrivato il marito mio
patre con l’asinello, ha visto
il rosso per la stalla, l’ha assaggiato:
“Questo non è vino nostrano
uguale, questo è vino bbuono,
vinsanto, l’ha bevuto e si ha umbriacato.

L’asinello invece che tutto aveva
compreso: “Non entro in questa stalla.
Questo essere vero sangue di
Cristo Nostro Signore! Io parlo! Io
parlo! Miracolo!” Ha alzato le zampe
al cielo. Ha stramazzato. È morto.
Miracolo! Miracolo! Miracolo!

X Episodio

20L’attore si dirige alla sinistra del palcoscenico. C’è una sagoma di donna dentro la quale potrà infilare le mani e la testa. Una sagoma molto scintillante. Fatta in seta e “stoffe brillanti”. Una specie di vestito teso sulla platea.

Attore E poi Mammagrassa va sempre al cinematografo la domenica mattina quando si fanno i film per i bambini che sono usciti dalla messa del fanciullo e qualcuno ha pure fatto la prima comunione e Mammagrassa gli fa pss pss dall’ultima fila e gli dice al bambinetto che si ha fatto la prima comunione, che ti sei fatta la prima comunione stamattina, sì, e allora vieni qua che ti faccio la sega, e poi quando c’è il bambino appena nato gli fa la sega pure a lui, a chi gli dà dieci lire a chi gli regala pure cinquanta lire, che l’hanno mandata a chiamare i maggiorenti del pajese, il maestro elementare il sindaco il macellaio il capo dell’artiggianata, senti Mammagrassa è vero ca si dicesse che tu sei una frosciona e vai a fare le seghe a la mattina dentro la matiné del fanciullo al cinematografo, scine è vero perché? perché allora noi ti portiamo stasera a dodici chilometri fino al mare sulla spiaggia e ti facciamo fare le seche alla luna al cielo al mare, scine ha detto Mammagrassa tutta contenta e la sera è andata Mammagrassa in mezzo a questa spiaggia che il mare era tutto in tempesta e c’erano le stelle si sentivano in lontananza le canzoni dei jubboxe impazziti nella notte di questi cavalli che scalpitavano sulla spiaggia mentre antichi radici distorte contorte poesie mai scritte sempre pensate cassetti di noia imperversano solenni e naufraghi d’amore alla deriva, e gli hanno detto a Mammagrassa fai la seca alla luna guarda per aria osserva i ghiacci i cristalli che imperlano il dolce profilo di Selene le vene i mari e allora Mammagrassa ha guardato in alto e allora le bbotte, le bbotte che gli hanno dato l’hanno uccisa hanno preso la sua cadavera e l’hanno schiacciata sotto a lu pullman che passava i passeggeri impazziti la notte fuoriuscì da sostanze universali eterne nelle quali costituire un sogno prematura e allora hanno preso il suo corpo e l’hanno fatto a ppezzettini e l’hanno dato in pasto ai pesci ricordati di Fleba il fenicio di Eliot che navigò per acque e sotto le acque scoprì le incriminazioni parziali che gli erano dovute e allora i pesci se l’hanno mangiata a Mammagrassa e pure il pescecane se l’ha inghiottita e il pescecane andava in America e andava all’America dell’Arizona, una sua cugina di Mammagrassa che stava là, le mia mamma è arrivata a l’America gli ha detto al pescecane, pescecane che mi fai uscire, esci esci gli ha detto il pescecane che ci stai a ffare dentro la pancia di un pescecane e allora è uscita da mmezzo ai denti del pescecane che si è fatto male gli è venuta un ascesso è andata dal medico dell’Arizona, gli ha curato l’ascesso ha ricomposto i pezzetini di una protesi dentaria e poi è arrivata a Huston, a Huston e lì scoppiata la bomba atomica che l’hanno messa a lei Mammagrassa dentro a la bbomba atomica, è volata Mammagrassa che poi ha preso l’apparecchio l’aereo è tornata sopra a l’oceano, l’oceano indignato che l’ha sentito il dio del mare il Grande Padre Oceano che diceva, che potessa campà che potessa campà che potessa campà, è ritornata sulla spiaggia, ricomposta con un maremoto una marea sulla spiaggia dove c’erano ancora i maggiorenti del paese, per la forza della marea è cascata la montagna tutti i maggiorenti sono morti e Mammagrassa è tornata in pajese a fare le seche dentro al cinematografo, schifusaccia schifosa di Mammagrassa. Che mi stai mandando? Eh? Cosa mi mandi?

XI Episodio (gli sputi)

21Questo episodio consiste in una serie di sputi (le sputazze) che si sentono dal registratore. L’attore, abbandonata la sagoma al primo sputo, si dirige e rimane al centro del palcoscenico. Offrendosi, e a volte rifiutandosi, agli sputi che verranno da Mammagrassa. L’episodio sarà brevissimo, circa due minuti, di sputi e di risposte, ora di disprezzo ora di piacere da parte dell’attore.

Attore
Sputa!
Sputi pure?
Sputaaaaaaaaaaaaaaaa!
Sputa! Sputa! Sputa!
Quà, fammela arrivare
quà, sulla faccia una
sputazza. Qua fammela
arrivare qua sotto
l’ascella una sputazza.
Qua fammela arrivare
in bocca, un’arancia,
la tua sputazza! E adesso
un mandarino sulla pancia,
la tua sputazza, dentro
l’ombelico. Un’altra qui
sull’orecchio sinistro.
Un’altra qui sull’orecchio
destro. Due orecchini, le tue
sputazze. Sputa! Sputa! Sputa!

XII Episodio

22L’attore è al centro del palcoscenico allungato per terra, esausto dai tanti sputi ricevuti dalla madre. Si guarda stanco intorno, mentre si sente al registratore un canto religioso del Venerdì Santo a Lanciano, in Abruzzo. Il titolo della romanza è “Munda Me” evidentemente diretta al Salvatore. La musica del pezzo è del maestro Masciangelo. Il pezzo è facilmente reperibile a Lanciano. Mentre va avanti il pezzo l’attore è come preso dalla musica.

Attore
Ah ma! parla! parla!
Ah ma! la tua vaccina!
Lavami! Lavami!
Lavami tutto il corpo.
Toglimi ugnie ppeccato
Voglio rientrare
rientrare! Dentro la
vaggina! Lava! Lava ! Lava
Ahhhhhrhhiihhhhhhhhhhhhh!
Ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh!
Mammaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!
Perdono! perdono!
Voglio stare sempre con te.
Con Te! Con Te!
Solo con te! Sempre con te!
Ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh!

XIII Episodio (il funerale di Mammagrassa)

23L’attore sempre al centro del palcoscenico. Al registratore la voce di Mammagrassa, che è poi la stessa voce dell’attore.

Voce di Mammagrassa (molto dolce) Fije! Fije mé! Caro figlio! Io mi ammoro e ti allascio in aredità la mia purchiacca!

24A questo punto un brano, prima sommesso poi molto violento dei Pink Floyd accompagnerà tutto l’episodio. I movimenti scenici dell’attore (quello di alzarsi stupito nel sentire della morte della madre, poi di avvicinarsi ad una quinta, uscirne con la “bara” di Mammgrassa etc.) saranno da “tragedia greca”. L’attore, con la tunica nera liberata dalla cintura, si muoverà in maniera folle, dissennata, ma solenne e tragica. Dunque l’attore porterà alla vista del pubblico la “bara” di Mammagrassa, che è poi un cesto ovale o rotondo, ricoperto e rivestito con stoffe molto colorate. Si tratta di un funerale molto pagano. Il corpo di Mammagrassa sarà costituito da coniglio di macelleria. È chiaro che la farsa, il grottesco, il drammatico, lo schifoso, il tragico, il comico, l’assurdo, il vomitevole, l’incantamento, comporranno come “generi teatrali” lo spirito di tutto l’episodio.
(Nota personale dell’autore: qualcuno del pubblico, alla vista del coniglio spennato abbasserà gli occhi dal ribrezzo, altri seguiranno divertiti, altri ancora sconcertati).
L’attore leverà in alto il coniglio, lo bacerà, lo amerà; lo rifiuterà, lo sbatterà per terra, lo pesterà, poi di nuovo lo raccoglierà amorosamente, lo laverà in un catino apposito, lo inciprierà, gli verserà dei sali profumati, e di nuovo il rifiuto, il tentativo di fare a pezzi il coniglio, la volontà di distruggerlo ulteriormente.
(Altra nota dell’autore: si consiglia di cospargere il coniglio con schiuma da barba, con concentrato di pomodoro, con del borotalco. Ne verrà fuori una scena deliziosa: fumi di cipria mista a sali profumati a pomodoro, a schiuma da barba…).
L’attore ha appena sentito l’annuncio di morte della madre e, mentre eseguirà come sopra, ad intervalli, dirà quanto segue.

Attore 
Sié morta? Morta? Morta!
Nooooooooooooooooooooo!
Non è vero! Ditemi che
non è vvero. Cristo, se esisti
falla risorgere.
Mamma mia, mammaina bbella
mia. Dolce dolce dolce!
Brutta sei! Catteiva! Vattene
via da me. No,
resta vicino a me. Ti bacio,
lo vedi? Ti stringo, lo vedi?
Stretta a me. Mammaamaaaaa!
Ti lavo ti lavo ti lavo.
Ti dò il sapone. Eccoti la
cipria. L’acqua! Quanta acqua!
Per te! Per te! Per te!
E mmuori un’altra volta!
Ti faccio a pezzettini
e ti mangio! Ije tenghe
‘nu vaccile d’acqua calle,
p’areschiararte a ‘tte
‘ssa faccia ‘ggialle!
Di morta! Di morta! Di morta!
E ije tenghe ‘nu vaccile
d’acqua ‘ngnelite,
p’arischiararte a tte, ‘ssa
faccia fredìte. Di morta!
Di morta! Di morta! Ed allora
mi ti magne. Mi ti mangio!

XIX Episodio

25L’attore riverso sul palcoscenico è sporco per il lavoro di lavaggio, fatto prima al coniglio. La scena è piena di pezzettini di coniglio rovinati dai denti e dalle mani dell’attore, che finisce il suo rito impasticciando sul pavimento pezzettini di coniglio, borotalco, acqua, profumi, concentrato di pomodoro. Alzerà, in alto la bottiglia dell’acqua e se ne verserà addosso direttamente dai capelli in giù come da una doccia.

Canto al registratore
Chiagneti! Chiagneti! Guagliune!
Ca mo se more lu ciucce.
La voce chi tti dice:
è sempre ’nu tesore.
E cciuccia bbelle e bbone
chiachille di ’stu core
ti l’ha purtata via!
E ciuccia bbelle e bbone
chiachille di ’stu core
ti l’ha purtata via!

FINE

Auteur

Lire

Accès ouvert
Mode lecture ePub PDF du livre
Chargement PDF du chapitre

Accès exclusif

open access

Offert par L’éditeur de ce site