Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il teatro gay in Italia

 | 
Antonio Pizzo

Testi

Solo i froci vanno in Paradiso

di Massimo Consoli (1977)

Massimo Consoli

Texte intégral

Il testo e lo spettacolo

1L’opera nasce da un’idea di Anselmo Cadelli, esponente della cosiddetta seconda generazione del movimento gay, ma è firmata da Massimo Consoli che la presenta per la prima volta il 31 dicembre 1977 al Teatro dell’OMPO’s di Via Monte Testaccio 45, a Roma. Resta in scena, anche nell’anno successivo, per varie settimane, con un buon successo di pubblico.

2È una breve azione scenica con cinque personaggi (il Vescovo, il Poliziotto, il Giudice, la Marchetta, il Frocio) in attesa del giudizio divino (Dio è una voce fuori campo). Tutto l’insieme ha un carattere didascalico ed emblematico: il Giudice rappresenta l’autorità oppressiva della legge, il Poliziotto è il suo asservito esecutore, mentre il Vescovo garantisce la supremazia morale al loro operato. I tre ritraggono una gerarchia di mutuo supporto tanto salda e immobile da apparire ottusa. Ed è questo il senso dell’infantile gioco della palla in cui sono occupati nella prima scena. Il Frocio, dal canto suo è la vittima, prima di tutto di questi poteri e in secondo luogo della Marchetta che lo ha ucciso. Il giovane prostituto, infatti, è descritto come l’esecutore di una violenza che i primi tre legittimano implicitamente, anche se non possono eseguirla. La interdipendenza tra la paternalistica accondiscendenza dei rappresentanti del potere e l’asservimento della Marchetta è il modo per stigmatizzare la dinamica tra autorità e plebe.

3Il Giudice, il Vescovo e il Poliziotto sono occupati innanzitutto in un gioco di rappresentazione delle norme che regolano la loro azione; l’affettazione e la ritualità nel lanciarsi la palla simboleggiano il patto che li tiene insieme. Dal canto suo, il Frocio, quando chiede di unirsi al gioco, rappresenta la sincera ingenuità che non ha altro scopo se non quello di realizzare il proprio desiderio naturale. Non sorprende che i tre rifiutino di accettarlo nel gruppo, prima con toni scandalizzati e poi esplicitamente violenti Ma il manifestarsi di questa natura differente (il Frocio abbozzato con tratti quasi esageratamente innocenti), coincide con l’apparizione del personaggio di Dio che chiede perentoriamente spiegazioni. Alla fine, come annuncito dal titolo, solo al Frocio saranno aperte le porte del Paradiso mentre gli altri verranno gettati all’Inferno.

4Si risconoscono tre parti ben distinte: il compiacimento per lo stato delle cose durante l’attesa, la confutazione delle autorità costituite, e infine la richiesta di Dio di render conto del modo in cui i tre poteri hanno trattato il Frocio. È chiaro che il riferimento al Giudizio Universale non allude ad alcuna visione religiosa bensì a una decisa presa di posizione, morale oltre che politica. L’azione scenica è costruita per non avere altra fine possibile se non quella descritta; non intende articolare un intreccio drammatico bensì utilizzare i personaggi per dichiarare l’ingiustizia della situazione presente. È una drammaturgia in cui la scena non è utilizzata per dar vita a conflitti quanto per proclamarne la risoluzione; l’azione rivela, con toni evidentemente epici, le dinamiche del mondo reale. La situazione in cui il Dio non si riconosce nelle istituzioni che lo rappresentano funziona come una sorta di figura retorica di sapore anarchico e libertario. Più che un riferimento a un cattolicesimo pauperistico o degli ultimi, in questo testo agisce una sorta di revanscismo omosessuale che ambisce al ribaltamento delle sorti oppressive di cui la comunità ha sofferto. Non è l’omosessuale il protagonista dell’opera (perché ha pochissime azioni) bensì il suo destino. Il nodo è tutto nello sconfessamento del sistema da parte di un’autorità superiore che, se nel testo assume simbolicamente la voce di Dio, sul piano politico potrebbe essere la militanza.

5Proprio ciò rende questo testo tra quelli più storicamente connotati nel teatro gay degli anni Settanta. Attinge a sentimenti e punti di vista che appaiono più chiari se contestaualizzati nel clima culturale dell’epoca: si pensi ad esempio al giudice nano che non conosce la statura di Dio in Un giudice (1971) di Fabrizio De Andrè, oppure al rovesciamento della narrazione biblica in Mistero Buffo (1969) di Dario Fo. Il lavoro di Consoli trae spunto dalla natura emblematica delle figure di queste opere e afferma l’ambizione alla rivoluzione e all’affrancamento omosessuale, in una società in cui le sacche di resistenza destrorse ed omofobe erano ancora ben evidenti ed attive.

L’autore

6Luciano Massimo Consoli (12 dicembre 1945 - 4 novembre 2007) è stato uno dei più importanti militanti del movimento di liberazione omosessuale in Italia. La sua prolifica attività di giornalista e scrittore ha dato vita a numerosissime opere ma è stata soprattutto la base per la creazione di un fondo di documenti storici sull’omosessualità (attualmente custodito presso l’Archivio di Stato italiano a Roma). Attivista instancabile, è stato al centro di molte iniziative politiche e culturali, soprattutto in area romana. Ancora giovanissimo, nel 1963, organizzò il primo gruppo omosessuale semiclandestino nella propria scuola. Da allora è stato animatore di varie associazioni, spesso di orientamento anarchico, tra le quali “Rivoluzione Omosessuale”. Dopo un’esperienza di vita nei Paesi Bassi che lo allontanò per un breve tempo dalle sorti del movimento italiano, si impegno nella scrittura del Manifesto gay (20 novembre 1971). Nell’aprile 1975 fondò il bollettino «Ompo» (Organo del Movimento Politico degli Omosessuali), che resta tra le sue creature più famose e durature (s’interruppe solo poco prima della morte). Nel 1981 soggiornò a New York quando per la prima volta l’AIDS apparve sui media e, tornato in Italia, fu tra i primi a sollevare il problema nella comunità omosessuale e nelle istituzioni. Consoli fu amico dei più importanti poeti e intellettuali italiani (fra tutti Pier Paolo Pasolini) ed istigò importanti dibattiti culturali, a partire dalla denuncia dell’omofobia all’interno dei partiti comunisti (anche quello italiano), per finire al diritto di adozione degli omosessuali. È autore di un altro testo teatrale che però non ha avuto la stessa fortuna: Nonostante tutto... Viva l’omosessualità del 1979. La sua instancabile attività gli è valsa l’epiteto di “papà dei gay” che, per quanto improprio, raffigura efficacemente il fondamentale ruolo che Consoli ha avuto nella storia degli omosessuali in Italia.

Fonti

7Il testo che pubblichiamo è stato pubblicato nella rivista «OMPO» n. 57, anno V, dicembre 1979. Il fascicolo ci è stato messo gentilmente a disposizione dal Centro di documentazione Flavia Madaschi del Cassero di Bologna.

 

Massimo Consoli, «Rome Gay News» N. 79, novembre 1995.

Sandro Avanzo, C’era una volta, in Stefano Casi (a cura di), Teatro in delirio, «Quaderni di critica omosessuale», n. 7, Il Cassero, Bologna 1989.

Massimo Consoli, Anselmo Cadelli, «Culturagay.it», 3 settembre 2004, <http://www.culturagay.it/​biografia/​35>.

Giovanni Dall’Orto (a cura di), Massimo Consoli, voce in «Wikipink. L’enciclopedia LGBT italiana», http://www.wikipink.org/​index.php?title=Massimo_Consoli&oldid=29734 (accesso il 12 febbraio 2019).

I personaggi

Dio (voce fuori campo),

il Vescovo,

il Poliziotto,

il Giudice,

la Marchetta

il Frocio,

l’arcangelo Gabriele (che fa un’apparizione fugace alla fine).

8Tuoni, lampi e fulmini (luce stroboscopica). Le cinque anime, in anticamera, stanno giocando e parlando tra di loro in attesa del giudizio divino. Solo il frocio viene continuamente sbeffeggiato, deriso ed evitato da tutti, quando non addirittura picchiato. Il Poliziotto sta giocando con il Giudice.

Poliziotto Posso tirarle la palla. Eccellenza?

Giudice (Accondiscendo con il capo, mieloso da superiore a inferiore) Naturalmente figliolo.

9La palla viene tirata, debolmente, con l’evidente determinazione, da parte del poliziotto, di far vincere il Giudice e di far capire a costui che la sua vittoria sarà dovuta al servilismo.

Vescovo Un punto per Eccellenza. Bravo Eccellenza… Veramente bravo. Di nuovo ora. Ancora.

Poliziotto Posso tirarle la palla un’altra volta, Eccellenza Illustrissima?

Giudice (Accondiscendendo in silenzio).

10La palla viene tirata con estrema delicatezza.

Vescovo Ma che bravo che è Eccellenza. Di nuovo.

Poliziotto Non ha nulla in contrario se Le tiro di nuovo la palla Eccellenza?

Giudice (Leggero movimento del capo del Giudice che non mostra affatto di essere disturbato da quelle continue richieste di permesso per un gioco così banale).

11La palla viene tirata, ma nonostante tutte le attenzioni, questa volta cade. Momento di panico… ma è veramente un momento, perché il Poliziotto prende subito in mano la situazione e recupera l’imbarazzo.

Poliziotto (Esclamando) È colpa mia Eccellenza, è colpa mia. Ho tirato troppo lungo. È colpa mia… non dubiti.

Vescovo (Sorridente e comprensivo per il buon comportamento del Poliziotto che, di certo, è un bravissimo cristiano) Ancora un punto per Eccellenza! Ma com’è bravo!!

12Cambia il gioco. Ora è il Giudice a tirare la palla.

Giudice Sei pronto, figliolo?

Poliziotto Sì, Eccellenza, sono pronto.

13La palla viene tirata, ma il Poliziotto, benché l’abbia presa facilmente, la lascia cadere.

Vescovo (Con aria, insieme, tra l’annoiato e l’ammirato) Ancora un punto per Eccellenza.

14La scena si ripete altre due volte, sempre sullo stesso tono, tra complimenti mielosi e leccamenti vari. Alla fine tutti si congratulano con il Giudice.

Vescovo Eccellenza ha vinto, ha vinto sei a zero! Ma com’è bravo, Eccellenza. Ma come fa ad essere così bravo? È bravissimo. Oh, com’è bravo!

Poliziotto Veramente è bravo, Eccellenza. È veramente molto bravo. Ma quant’è bravo, Eccellenza! È stato un onore per me poter giocare con un avversario così valido, così degno, così eccezionale come Lei.

15Il Giudice continua ad annuire in silenzio ed abbozza un sorriso di degnazione.

16A questo punto il Frocio, che era stato fino ad allora in disparte a questionare con la marchetta sporco di sangue e terra, con gli abiti stracciati, si avvicina.

Frocio Posso giocare anch’io a palla?

17Il Giudice, il Poliziotto e il Vescovo, meravigliati da tanta audacia, ma nel contempo indignati e scandalizzati, cambiano immediatamente linguaggio e, con tono schifato, lo redarguiscono.

Giudice Come osi, fetente. Ma è vergognoso…

Vescovo È incredibile tanta presunzione…

Poliziotto Va via, va via, sozzo invertito…

Giudice È una vergogna, questi degenerati, questi delinquenti…

VescovoQuesti peccatori…

Poliziotto Questi criminali…

Giudice Questi corruttori…

Vescovo E pensare che Nostro Signore si è fatto crocifiggere anche per loro…

Poliziotto Va via, va via ti dico, prima che ti prenda a calci… in qual posto…

18Il Frocio ruba la palla e scappa, allegramente giocando da solo, inseguito dai tre che, gli occhi ormai fuori dalle orbite, vogliono fargli pagare cara tanta audacia.

In coro Prendetelo, fermati, degenerato, acchiappalo, tenetelo, non fatelo scappare, non puoi giocare, è un peccato, è un delitto, è un criminale, bloccatelo, c’è scritto sui codici, l’ha detto Gesù, l’ha scritto Rocco, è la legge, fermatelo, acchiappatelo, impeditelo, arrestatelo, bruciatelo, checca, finocchio, recchione, culo rotto, bocchinaro, invertito, pervertito, anormale, corrotto, corruttore, frocio, buco, buchetto, bucone, bucato…

19La Marchetta intanto viene avanti, capta la situazione, fa lo sgambetto al Frocio. Il Frocio cade, si fa male. La Marchetta prende la palla e la consegna al Poliziotto. Il Poliziotto la consegna al Vescovo, il Vescovo la rende al Giudice.

Poliziotto Bravo!

Vescovo Bravo figliolo!

Giudice Sei un bravo figliolo!

Vescovo Ti dò l’assoluzione!

Giudice Ti dò l’amministia!

Poliziotto Ti dò… la busta gialla!

20Tutti e tre si avventano di nuovo contro il Frocio, ma prima di riuscire a prenderlo… Tuoni, lampi e fulmini (luce stroboscopica). Fuori scena si ode la voce assonnata e adirata di Dio, svegliato bruscamente da tutta quella confusione.

Dio Che c’è? Cos’è tanto fracasso? Che succede? Chi e che fa casino dentro la casa mia, dentro la casa di Dio e ne fa lupanare e mercato e stadio e comizio radicale. Qui, nella magione mia che ben pochi hanno il diritto di conoscere?

21I cinque, spaventati, si sparpagliano ai quattro angoli della scena, coprendosi il volto, chiedendo pietà, gettandosi a terra, piangendo, implorando, scusandosi… E intanto continuano a far casino.

Dio Insomma, BASTA! Piantatela uomini degenerati! Piantatela di far tremare l’eterne mura che non conoscono paura. Tacete, dannati. TACETE! (Si fa silenzio). Infine, ora va meglio. E meglio voglio conoscervi, a voi che avete avuto l’ardire e l’alterigia di svegliarmi dal mio divino sonno e che con tanta e cotale presunzione vi siete presentati al mio cospetto… Allora, chi siete? Chi siete voi dunque, e che volete? Chi sei tu, che con funebre sottana e violacei paludamenti innanzi a me ti prosti quale querulo sciacallo? Perché t’abbigli in simil guisa? E che vuoi?

Vescovo (Imbarazzato dapprima, poi, prendendo coraggio, altezzoso e superbo) Io? Ma, come chi sono io? Io sono il Vescovo. Io sono il Pastore delle tue pecorelle. Non mi riconosci? Non ti ricordi di me? Questo abito, sei tu che me l’hai dato, ed è per meglio servirTi che io, ora, lo indosso. Tu mi hai incaricato di vegliare sulle anime delle tue creature. Tu mi hai detto di andare tra le genti a sceverare il Bene dal Male, a dire cos’è giusto e cos’è ingiusto, a battezzare, a cresimare, a comunicare, a confessare, a sposare, a salutare nel tuo nome le anime prima del loro ultimo viaggio… Nel tuo nome sono stato sempre presente in tutte le occasioni della Vita e dalla Morte. E quando Satana si è presentato a riscuotere La sua mercede, ebbene, non ho esitato a bruciarlo nel fuoco purificatore, lui e tutti i suoi accoliti. E tutto ciò, sempre nel tuo Santo, Riverito e Rispettato Nome.

Dio E allora tu mi vorresti tuo complice? Io avrei detto ciò di cui tu, ora, ti scarichi? Io sarei come tu mi dipingi? Staremo a vedere. Va via! Vattene e non presentarti più a me fin quando non mi aggradirà rivederti!… E tu, tu che ti nascondi bilioso dietro quella nera cappa come l’avvoltoio che, spaventato dalle sue medesime scelleratezze cercò rifugio nel buio e nel silenzio, tu, il cui collo si perde nel pelo di vittime sgozzate, tu, le cui mani lorde di sangue io indovino seppur celate ad ogni vista da guanti raffinati, tu che tremi al solo suono della mia voce… tu, chi sei?

Giudice (Letteralmente terrorizzato, anche lui, man mano che procede nella sua presentazione acquista coraggio e diventa pieno di superbia e di alterigia)Io? Mio Dio… Mio Signore. Io sono il Giudice. Io sono il realizzatore della tua volontà e dei tuoi disegni celesti. Secondo quanto i tuoi sacerdoti mi hanno detto, io ho messo sulla carta le leggi che gli uomini devono rispettare per volontà di Dio e della Nazione. Ho fatto i codici, gli statuti e le costituzioni, e nel tuo nome santo e adorato ho previsto le pene che i trasgressori avrebbero dovuto pagare, in soldi, in carcere, o in vite umane, per soddisfare la sete di giustizia che da Te arde su tutto l’Universo. La toga che tu ora mi indichi con sovrano disprezzo, sei Tu che le l’hai data, affinché tutti sapessero che da Te, o Sommo, proveniva la Legge.

Dio (Questa volta veramente incazzato)Falso! Falso! Falso e traditore! Falso e infingardo! Falso e assassino! Falso e ipocrita! Io non misi mai l’uomo contro l’uomo e tanto meno l’uomo sull’uomo. Non dissi mai “più” e non dissi mai “meno”. Non parlai mai di “bello” o di “brutto”. Non feci salire nessuno e nessuno feci scendere. Non furono inventati da me gli ordini, i comandi o le leggi, ed a nessuno prescrissi di mutilarsi, o violentarsi, od offendersi per meglio servirmi. Anzi, mai imposi la servitù, sia pure diretta verso di me. Ciò ch’io solo ordinai fu l’amore tra tutti gli esseri e tra tutte le cose. Ma non ti preoccupare, avrai anche tu ciò che ti meriti, disgraziato, e verrai misurato secondo il tuo medesimo metro… Ma vedo un altro che si aggira nervoso e pallido in quest’anticamera di eterne deliberazioni… Anch’egli copre il suo volto, con strani vestimenti. Anch’egli si nasconde dietro abiti curiosi. Anch’egli sembra brutto nell’animo come il suo volto oscuro sembra presagire… Vieni avanti, uomo, vieni avanti a me, e dimmi chi tu sei…

Poliziotto (Anche lui tremebondo e servile, poi, guardando verso il Giudice ed il Vescovo, si fa coraggio)Io? Come chi sono io! Io sono il Poliziotto. Io sono il custode delle leggi morali, civili, politiche, economiche e religiose che Tu… o mio Signore, mi hai incaricato di difendere, che la Chiesa mi ha insegnato, che la Legge mi ha affidato. Io sono il braccio secolare che ha individuato e perseguitato i tuoi oppositori, che ha difeso la tua onestà contro i malfattori, i ladri, i perversi, gli assassini, gli anarchici, i comunisti, i violentatori, gli eretici, gli scismatici e gli islamici… Io ho acceso i fuochi sacri che hanno bruciato all’aria e disperso al vento i tuoi nemici dell’Inferno. Io ho arrestato, ho custodito, ho giustiziato tutti coloro che contro di Te tramavano, contro di Te parlavano, contro di Te agivano. E Tu, ora, mi chiedi chi son io? Non mi riconosci più, dunque, come tuo fedele servitore?

Dio Chi è servo, resterà tra i servi per tutta l’Eternità. Io ho creato uomini liberi e coscienti, uomini tutti eguali tra di loro, appunto perché diversi, con diverse idee, con diversi corpi, con diversi spiriti, con diverse aspirazioni, coi diversi desideri. Non ho creato io l’uniformità. Io ho parlato di pecorelle e voi l’avete trasformate in gregge. Io ho plasmato i corpi e voi li avete ricoperti di divise, di medaglie, di gradi. Portare la stessa veste significa sfruttare meglio gli altri… Ma chi c’è ancora tra di voi? Chi è che io stento a vedere come massa informe e contorta rattrappirsi ai vostri piedi sporchi al sangue e melma? Chi è che si nasconde vergognosamente agli occhi miei e senza presunzione alcuna si copre il volto e si nega pudica alla mia vi sta? Ordunque, chi sei tu, anima misteriosa e sofferente?

Frocio Pietà mio Signore, pietà. Io non ho mai interpretato le tue Leggi, non ho mai ascoltato i tuoi divini servitori, non ho mai creduto al Vescovo, ne dato retta al Giudice, né mi san mai sottomesso al Poliziotto. Io mi son trovato un corpo ed un’anima e di tutt’e due ho fatto l’uso che ho creduto migliore, senza offendere nessuno o far del male a chicchessia. Io sono il FROCIO! Con l’anima ho cercato solidarietà nelle altre anime. Con il corpo ho cercato l’unione con gli altri corpi. Ho amato, ho sofferto, non ho mai giudicato, non ho mai comandato, non ho mai insegnato. Il Vescovo, il Giudice ed il Poliziotto mi hanno insegnato, mi hanno comandato, mi hanno giudicato, e poiché a loro non ho mai dato ascolto, alla fine sono stato ucciso e mi trovo, ora, pieno di peccati ad ascoltare e il tuo Giudizio.

Marchetta (Entrando in scena all’improvviso, urlando)Io l’ho ucciso, quello zozzo frocione che m’aveva fatto delle proposte sconce e non me voleva manco paga’ pe’ quanto c’eravamo messi d’accordo. M’aveva parlato d’amore, sto deggenerato. Come se io non lo sapessi che l’amore esiste solo tra l’ommini e le donne, e che li froci so’ tutti viziosi e pervertiti. Il prete m’ha detto che puro Dio l’aveva condannati, puro Tu. Il Giudice m’ha assolto perché m’ha detto che c’era la provocazione grave e li motivi abbietti. Il Poliziotto m’ha detto che me capiva perché puro lui c’aveva ’n figlio, e m’ha trattato bbene. E su li giornali puro li psichiatri e li psicanalisti c’hanno scritto su’ ch’é ’na cosa contro natura e contro l’istinti della razza umana. E tutti m’hanno detto ch’avevo fatto bene e che l’onore mio l’avevo saputo difenne bbene…

Dio (Sornione, come chi prepara l’uragano)E voi, voi cosa facevate mentre questa creatura mia soffriva il suo calvario? Tu, Vescovo, immerso nei tuoi problemi, facevi?

Vescovo Io ho spiegato che questo atto immondo che gli uomini chiamano omosessualità era contrario ai tuoi voleri, alla tua Legge Divina, ho ricordato Sodoma e Gomorra, ho commentato Sant’Agostino ed i Padri della Chiesa, ho raccomandato la continenza ed ho consigliato la verginità, ho letto le Epistole di San Paolo ai Romani ed ai Corinti, là dov’è detto che: “né i fornicatori, né gli idolatri, né gli adulteri, né gli effeminati, né i sodomiti, né i ladri, né gli avari, né gli ubriaconi, né i maldicenti, né i rapitori saranno eredi del regno di Dio”, e più avanti: “Per questo Dio li ha abbandonati a passioni ignominiose: le loro donne cambiarono le relazioni naturali con quelle contro natura; e gli uomini pure, abbandonata la relazione naturale con la donna, si accesero di mutua concupiscenza, commettendo turpitudini maschi con maschi, ricevendo in se stessi la mercede meritata dal loro pervertimento. E siccome non si preoccuparono di approfondire la conoscenza di Dio, Egli li abbandonò in balìa di una mente insipiente, in modo da compiere ciò che non conviene, pieni di ogni iniquità, perversione, cupidigia e malizia. Pieni d’invidia, di omicidio, di discordia, di frode, di malignità. Calunniatori, maldicenti, odiatori di Dio, arroganti, altezzosi, millantatori, inventori del male, ribelli ai loro genitori, privi di senno, di lealtà, di affetto, di misericordia. E pur conoscendo il decreto di dio che condanna a morte chi commette tali cose, non solo essi le fanno, ma approvano chi le fa”… Ebbene mio Signore, nonostante tutto, il peccatore non ha voluto ascoltarmi. Egli ha preferito indulgere nel suo peccato, sguazzare nella melma della sua orribile perversione, imputridire nel marcio del suo vizio orrendo… Alla fine non ho potuto far altro che assolvere il suo assassino che, giustamente, non si è voluto render complice di quel crimine vergognoso.

Dio E tu, Giudice, cos’hai fatto in quell’occasione?

Giudice Nei Codici era scritto che quell’oscena pratica era indegna della razza da Te eletta a dominare il mondo, e pene adeguate erano previste per chi se ne fosse macchiato. In altri tempi, altri giuristi previdero per loro il rogo. La decapitazione, la mutilazione, la fustigazione e la tortura. Oggi che i tempi si sono rammolliti e che perfino tra i medici molti son diventati accomodanti, questi degenerati ne hanno approfittato per esibire in pubblico il loro squallido vizio, e male gliene è incolto, ché la giusta reazione degli uomini normali non può mai essere superiore alla vetrina dei loro difetti. I1 giovane che in tal modo ha inteso difendere il suo onore, la sua purezza e la sua virtù, è stato da me assolto perché agente in stato di necessità e di legittima difesa!

Dio E tu. Poliziotto, mentre questo figlio mio soffriva la sua esistenza e moriva la sua vita, cosa facevi?

Poliziotto Io, ricordando quanto mi avevano insegnato al catechismo, e quanto mi avevano rinfrescato durante il corso di preparazione, sapevo bene in che abisso morale si trovasse costui, e quale fonte di contagio e corruzione dei giovani potesse costituire. Sapevo bene come egli si trovasse fuori dalla Legge di Dio e da quella degli Uomini. Sapevo bene che il Vescovo l’aveva cacciato dalla sua Chiesa ed il Giudice aveva detto che era al di fuori della società umana. Per il suo stesso bene l’avevo picchiato, arrestato, interdetto da tutti gli uffici pubblici… affinché si ravvedesse e tornasse sulla retta via… ma così non è stato. E quando, conscio di commettere un reato di una gravità estrema, ha esercitato la sua capacità corruttrice su di un giovane indifeso, ben ha meritato la punizione che il giovane medesimo gli ha inflitto per difendere il suo onore e l’onore del suo nome.

Dio (Incazzatissimo più che mai) Ebbene, io vi dico che tutti voi, con premeditazione avete frainteso il pensiero mio e la mia parola per i vostri interessi più squallidi e sudici, perch’io non mi peritai a vietare, a condannare, a giudicare ciò che voi avete vietato, condannato, giudicato. E voi, che del vostro corpo avete fatte una sentina di tutti i vizi, sepolcri imbiancati, non meritate, né oggi né mai, di entrare nella casa mia che io per le anime pure e belle ho edificato, per le anime alla continua ricerca dell’Amore. Per le anime che attraverso il corpo hanno cercato e cercano l’unione in me. Per voi, mai e poi mai ed ancora mai spalancherò le porte del mio Paradiso ma quelle dell’Inferno sono già ben pronte a ricevervi, e che Belzebù con allegria vi arrostisca sulle sue graticole, simili ai porci immondi… Mentre tu, anima mia, anima bella, anima pura, anima viva tra mille corpi morti, tu, vieni qui, figlio mio diletto e adorato, vieni qui da me e con me per l’eternità di tutti i tempi, vieni, vieni, vieni da Dio!

22Terrore e fughe dappertutto mentre una voce frocesca fuoricampo esclama:

Voce Gabriele, accompagnalo…!

23Hallelujah di Händel, mentre il Frocio sale verso il Paradiso e tutte le altre anime precipitano tra le fiamme dell’Inferno

Lire

Accès exclusif

open access

Offert par L’éditeur de ce site