Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il teatro gay in Italia

 | 
Antonio Pizzo

Testi

Pissi pissi bau bau

di Giuseppe Bovo e Mario Zanardi (1977)

Giuseppe Bovo et Mario Zanardi

Texte intégral

Il testo e lo spettacolo

1Lo spettacolo debutta il 3 aprile 1977, al Teatro Enal (oggi Teatro2) di Parma, ed è anche presentato a Milano, in primavera, tra le attività dei Collettivi Omosessuali Milanesi, nella casa occupata di Via Morigi. Sebbene il testo indichi due autori specifici, si tratta di una elaborazione nata dai Collettivi Omosessuali Padani (COP) all’interno dei quali si raccoglie il Kollettivo Teatrale Trousses, Merletti, Cappuccini e Cappelliere (KTTMCC). Il gruppo diventa uno dei più attivi e costanti della scena gay italiana, e ripropone lo spettacolo in vari eventi pubblici, tra i quali ricordiamo Facciamo Presente, il primo festival di cinema, musica e teatro gay, da loro stessi organizzato a Parma (sempre al Teatro Enal). È il 7 dicembre del 1977 e il testo ha già preso la sua forma definitiva, conseguente all’ingresso nel gruppo di alcuni componenti romani. Resta in repertorio fino ai primi anni Ottanta.

2Il significato del titolo è vago e allusivo. Richiama una sorta di espressione infantile elaborata componendo “pissi pissi” (zitto zitto) e “bau bau” che indica a una forma di pericolo o spavento. È anche vero che questa espressione appare come titolo di una canzone di Gianni Meccia degli anni Sessanta.

3Il testo si presenta come una sorta di cabaret politico dai toni surreali e provocatori. Gli attori, tutti protagonisti, si presentano al pubblico in abiti femminili ma con un gusto radicale del travestimento che non punta alla replica del modello femminile quanto all’esagerazione dei tratti, a un uso critico dei segni del vestiario. In sostanza, allestiscono una serie di numeri, recitati e cantati, che corrispondono ai toni e ai modi della militanza gay di quegli anni. È una struttura drammaturgica aperta, che si adatta alle situazioni e ai luoghi in cui viene presentata; può essere modificata a seconda delle esigenze e a volte può prevedere la presenza estemporanea di altri partecipanti.

4Non esiste una vera e propria narrazione se non quella degli stereotipi che colpiscono la comunità omosessuale. All’inizio dello spettacolo, gli attori si vestono in scena e uno di loro, nei panni di un domatore, si rivolge al pubblico: «Come vedete le frocie non sono tutte uguali, perché sì, sono diverse anche fra di loro... questo per confutare gli esperti che affermano che i diversi sono uguali... Non è vero...». In seguito, nello scorrere delle esibizioni, ognuno di loro recita un breve monologo nel quale la propria autobiografia è trasfigurata nei ruoli che assumono e diventa il terreno per una rivendicazione libertaria della sessualità e dei comportamenti in genere.

5Nel testo si può misurare il passaggio dalla militanza che utilizza il teatro come luogo per l’esposizione delle proprie istanze a un gusto per lo spettacolo che si fonda sull’esperienza politica. Sebbene lo spettacolo nasca adattandosi ai mezzi e agli strumenti a disposizione del gruppo,è evidente, ad esempio rispetto a La Traviata Norma, un utilizzo più elaborato della scenografia e dei movimenti scenici. Insomma, si nota che anche lo spettacolo in se stesso è l’obiettivo senza che ciò significhi una degradazione della prospettiva ideologica. È una drammaturgia che utilizza i codici del varietà e del cabaret in senso eminentemente politico. Ma soprattutto fa del “delirio”, il segno più evidente del proprio programma artistico. La libertà insita nel modello del cabaret è implicitamente un invito ad abbandonare i codici repressivi della società capitalista piccolo borghese. Nel finale dello spettacolo, infatti, viene srotolato uno striscione su cui è scritto: «Non sognatelo, siatelo. Non sognatelo, fatelo» (una citazione dal film The Rocky Horror Picture Show del 1975) mentre parte la musica di Fa’ qualcosa (1973) cantata da Mina.

6I temi proposti al pubblico non sono mai frivoli. Tra una battuta e l’altra, tra un gioco di travestimento e l’altro, gli attori introducono argomenti come la violenza, la discriminazione, la transessualità, l’infanzia, la mascolinità. In particolare, il monologo di Guglielmo su ciò che significa essere maschio, utilizza il metodo del capovolgimento per descrivere una mascolinità liberata da tutti gli stereotipi. Sulla stessa linea, Flavio, nel suo diario della superstar, descrive l’omosessualità come una critica radicale a tutti i tentativi di educastrazione, quindi come un percorso di liberazione dell’io. E non manca una sorta di teatro verbatim in cui il testo riproduce un evento reale, una testimonianza del quotidiano in cui gli attori mettono in scena la propria esperienza di cruising nei cessi pubblici della città in cui si svolge lo spettacolo.

7Il ritmo delle battute è sempre molto veloce in modo da non deviare mai l’azione verso il comizio. Il testo è l’incarnazione del camp italiano poiché sembra dichiarare che proprio questo gusto irrisorio è la chiave per interpretare e comprendere il mondo. È un gusto che colpisce anche la stessa militanza: le manifestazioni inscenate avanzano al ritmo di slogan che mescolano politica, pubblicità e divi dello spettacolo. E quando Attimo dice a Fabio, con tono di rimprovero, «non puoi portare avanti un discorso più serio nell’ambito del lavoro?», questi risponde: «no! Io preferisco portare un abito firmato».

Gli autori

8Il gruppo di autori inizia a lavorare insieme nel maggio 1976 all’interno dei Collettivi Omosessuali Padani (COP) organizzando una serie di performance estemporanee. I fondatori sono Silvio Malacarne (la Silvia), Attimo Azzoni (l’Azzotti), Guglielmo Aschieri (la Gulli), Fabio Saccani (la Fabiesse), Mario Zanardi (il Kiwi), Giuseppe Bovo, (la Giusi). Il 3 aprile 1977, in occasione della prima di Pissi pissi bau bau, fondano il KTTMCC. Nel giugno 1977, dopo un’esperienza nella Capitale, al gruppo si uniscono tre attivisti romani: Flavio Merkel (la Faga), Paolo Belluso (la Queebah), Claudio Valentini (la Ufa).

9Nel luglio del 1978 si costituiscono ufficialmente come compagnia teatrale e saranno il gruppo italiano di cabaret omosessuale più attivo, allestendo diversi spettacoli. Il 28 giugno 1978, al teatro la Ribalta di Bologna inaugurano Olè olè inizia il défilé (una parodia di una sfilata haute couture) che diventerà poi Sentiere selvagge in panavision. Nella stessa serata presentano anche una propria versione di L’omosessuale o la difficoltà di esprimersi, di Copì con il titolo Crisco o la difficoltà di essere omosessuale in Siberia ovvero sul concetto di Trinità, un riadattamento, replicato in diverse città, con un convinto placet dallo stesso autore argentino. Il 29 dicembre dello stesso anno, al Banana Moon di Firenze, propongono una sorta di perfomance d’artista intitolata La signora di lusso.

10Nel 1979, cambiano il nome in Pumitrozzole (acronimo di PUttane, MIgnotte, TROie, ZOccole, LEsbiche). Nelle loro performance acquista sempre più importanza il travestimento e il playback di cantanti famose: Maurizio Millenotti, costumista cinematografico, fornisce loro numerosi costumi e Mauro Coruzzi, detto la Cicciona, poi conosciuto come Platinette, interviene come presentatrice. Nel corso degli anni, il gruppo continua a girare l’Italia con il proprio repertorio e raccoglie successi principalmente in discoteche e rassegne gay. Nel 1983 si arricchisce di nuovi ingressi: Eddy Palescandolo (la Paleo), Claudio Grimaldi (la Nana), Raffaello Mitti (la Raffa). Si scioglieranno nel 1986.

Fonti

11Il testo che pubblichiamo è inedito. Il dattiloscritto è depositato presso il Centro studi movimenti di Parma che lo ha messo cortesemente a disposizione.

KTTMCC, intervista in Di che sesso è il teatro in «Scena» Anno II, Numero 1 - febbraio 1978.

Fascicolo programma del X Festival Internazionale di Teatro in Piazza Santarcangelo di Romagna, 1980.

Stefano Casi, Delirio diletto travestimenti e trasgressioni, e Sandro Avanzo, C’era una volta, in Stefano Casi (a cura di), Teatro in delirio, «Quaderni di critica omosessuale», n. 7, Il Cassero, Bologna 1989.

Gianni Rossi Barrili, Il movimento gay in Italia, Feltrinelli, Milano 1999.

Sandro Avanzo, Raùl che ama la mamma, in arte Copì, in Stefano Casi (a cura di), Il teatro inopportuno di Copì, Corazzano, Titivillus 2008.

M. V., Confusione di sessi nella gelida Siberia, “La Stampa”, 8 marzo 1979

Ironia sulle Kessler, “”Stampa Sera”, 9 marzo 1979.

Pumitrozzole, voce in, Wikipedia, L’enciclopedia libera, <//it.wikipedia.org/w/index.php?title=Pumitrozzole&oldid=97784327> [in data 3 febbraio 2019].

Primo tempo

12Attori sul palcoscenico seduti rivolti al pubblico in vestaglia da camera. (Musica: E ti avrò) Buio in sala, luci sul palco. (Musica: Sarà una notte, canta Wanda Osiris) Buio totale. Luce sul fondale di carta che nasconde gli attori; c'è disegnata una grande caramella con la scritta “Dolce mughetto” (Musica: Cincillà).
Luce sugli attori che sfondano il fondale di carta e avanzano verso il proscenio.

Fabio E 123

Silvio E 15

Guglielmo E 220, la meno cancerogena

Attimo E 81

Flavio E 328

Giuseppe E 2002, la più cancerogena.

Tutti (Rivolti a Mario) E tu? Non sei colorata?

Mario No, io sono naturale, come mamma mi fece, sono macrobiotica.

13Gli attori cominciano a vestirsi e a truccarsi col materiale che già era tutto disposto sulla scena.

Mario (Vestito da domatore da circo, con frusta in mano, parla al megafono) Attenzione, attenzione! Frocie colorate che stanno per iniziare uno spettacolo.

Guglielmo No, cara, voglio che tu dica gli ultimi maschi.

Giuseppe Sì, gli ultimi maschi.

Silvio Ma gli ultimi maschi ha un altro signifcato.

Fabio Basta con questi significati!

14Musica di sottofondo: Moonlight Serenade, Georgia on my mind.

15Il domatore, a frustate, porta gli attori ad uno ad uno sul proscenio presentandoli al pubblico con nome e cognome, segno zodiacale e professione.

16Il domatore descrive gli attori come bestie da zoo (improvvisazione personale).

Domatore Come vedete le frocie non sono tutte uguali, perché sì, sono diverse anche fra di loro… questo per confutare gli esperti che affermano che i diversi sono uguali… Non è vero… i diversi sono diversi… anche tra di loro. Questi qui poi sono ancora più speciali… Sono sì finocchi come gli altri che battono nei cessi, ecc., ecc. insomma tutte le altre cose che di solito fanno i finocchi, adesso non ho voglia di spiegare dettagliatamente… Comunque questi sono speciali, migliori… (Rivolgendosi agli attori) Su da brave, fate sentire ai signori… dai, tutte insieme…

Tutti Viva Marx, viva Lenin, viva Mao-Tse-Tung.

Domatore Brave! Su, adesso tornate al posto… (Rivolgendosi al pubblico) Brave, eh, le mie ragazze? È un anno che le porto in giro da un salotto alternativo all’altro e devo dire veramente che mi riempiono di soddisfazioni; quasi quasi tra un po’ tento il colpo grosso e me le porto alla Biennale ed a Spoleto…Perché sì, insomma, meritano, queste brave ragazze.

17Gli attori ritornano sul fondo del palcoscenico, mentre due di loro restano al centro.

Silvio Josephine, Josephine!

Giuseppe Cara, da dove vieni?

Silvio Oh, Josephine, Josephine

Giuseppe Cara, come stai?

Silvio Eravamo assieme a scuola, Josephine…

Giuseppe Ciao cara, io abito sempre sulla Cassia, sempre là, il solito numero di telefono… ciao cara… telefonami, eh?, telefonami… Cara, cara, aaahhh… (Rivolgendosi al pubblico) Ah, queste vecchie, noiose, insopportabili amiche che ti propongono sempre e solo noie e problemi di ogni genere… e mi imitano… senza vivere se stesse in prima persona… imitano me, che sono una grande diva. sì, e in quanto tale trascendo la dialettica tra le classi sociali, ohhh, come sono contradittoria, ehhh, ebbene si, sono grande, e contengo moltitudini… e quindi sono contradittoria… Ma nel contesto di quest’ambito, o nell’ambito di questo contesto, ahimè le parole, che voglio cantarvi lo sconforto che giace nel profondo del mio cuore e cioè quello di non essere mai appartenuta alla classe sociale delle imperatrici.

18Inizia a cantare

Giuseppe Nel duemila, noi non mangeremo più
Né bistecche né spaghetti col ragù
prenderemo quattro pillole con gran semplicità
e la fame sparirà…

Flavio Razzi di qua…

Fabio Razzi di là…

Flavio e Fabio Andremo sulla luna con il razzo delle tre…

Flavio Vola di qua…

Fabio Vola di là…

Flavio e Fabio Andremo poi su Venere per prendere il caffé…

Tutti Nel duemila (Ripete strofa precedente)
Baba Yaga Rock Rock Show

19Musica in scena, gli attori tornano sul fondo. Viene illuminato Silvio.

Silvio A me mi chiamano la baraccona. Non sono riuscita a produrre mai niente che non fosse kitsch. Pensa che per me faranno un articolo, o addirittura una rivista, Baraccona Vogue. Non so, credo che sia perché ho la provincia nelle vene, la libidine stallatica della provincia è il mio senso motorio. Quando mi prende il raptus nessuno mi ferma più nel cattivo gusto. Ora è l’oro il mio raptus, faccio tutto per l’oro, e non sopporto l’argento, per l’argento ci vuole il Sidol e a me il Sidol mi fa svenire. Beh, in questi giorni di odio per l’argento ho saputo di bottiglie che bruciano tutto. C’era su Tiffany, il mio fotoromanzo preferito. Ne ho fatta qualcuna, perché non sopporto l’argento, je hais l’argent, odio l’argento, capite, così lo distruggo, lo brucio, anziché sputtanarlo a livello provinciale. Ieri ero in via Cavour ed ho visto ben tre Rolls-Royce silver blue, you know: silver, argento, tre bottiglie e Puaf… Puaf… Puaf…, ah, quei tre fuochi, così simili all’oro. Soddisfatta, orgiastica, sì, in provincia si sta approfondendo l’orgia, me ne ritornavo a casa quando vedo all’altezza di via Abbeveratoia una cinquecento uso silver blue guidata da un baffo in tuta. Ho abbacinato lui con l’oro, per i maschi, si sa, basta il feticcio, ebbene sì, sono una provinciale aggiornata, pare che esista un rapporto di scambio fra metropoli e provincia, e proprio l’altro ieri ho comprato Totem und Tabu di Freud per cui conosco il feticcio,… l’ho abbacinato, mi ha sorriso, è sceso, accecato dal mio oro, e… Puaf, anche la cinquecento uso silver blue è diventata fuoco, ah ah ah.

Voce fuori campo La baraccona ha colpito ancora.

20Riappare il domatore che comincia un’operazione di trasformazione, tagliandosi i baffi, radendosi, e cambiandosi l’abito (rivolto al pubblico) e diventando una star scalcinata di provincia.

21(Musica sigla 20th Century Fox ripetuta tre volte)
L’ex domatore ormai diva scalcinata esce di scena mentre inizia la musica
Appare, dietro un manichino da sarta, Attimo in calzamaglia che esegue una danza figurata.

22Cambia musica (Venceremos) e tutti gli attori riappaiono danzando al ritmo mixato di Venceremos / L’internazionale.

Voce fuori campo Adesso facciamo le danze esotiche…

23Mentre ballano, alcuni scendono tra il pubblico con ciprie, lacche e rossetti cercando di truccare chiunque capiti a tiro. Quelli che sul palco continuano a danzare, inneggiano a personaggi famosi, rivoluzionari e non (esempio: Ginna Lollobrigida, Vittoria Leone, Bokassa, Abbe Lane, Edda Ollari, Eugenio Scalfari…)
Finisce la musica, appare Mario vestito da bambina, saltando la corda.

Mario (Improvvisazione ironica sulla condizione omosessuale).

24Poi Mario scende in mezzo al pubblico e chiede ad uno spettatore maschio un bacino. Si ode un urlo lancinante in platea ed appare Fabio come madre.

Fabio Ah! La mia bambina, cosa le fanno?

Mario Aiuto, la mamma ci ha visto! (Puntando il dito sullo spettatore) È stato lui, è stato lui!

Fabio Cretina, eccoti qua, finalmente ti ho trovato! È tutta mattina che sono in giro. Sono uscita così in fretta di casa che ho dimenticato perfino i guanti di antilope e adesso, brrr, ho le mani così fredde che non riesco neanche a fare s-nap con le dita. Ma cosa ti stava facendo quel bruto? (Dà una borsata allo spettatore) Povera la mia bambina! Vieni qui.

Mario No, io non sono tua!

Fabio Ah! Certe cose non si devono neanche pensare! (Scopre un pacco di giornali che spuntano dall’abito della bimba, li prende) Ah, ecco! Ho capito finalmente! perché sei così traviata. (Strappando i giornalialcuni quotidiani di varie tendenze politichedalle mani della bimba) Sono queste letture che ti rovinano. Questi fumetti pornografici! Senz’altro Piccole Donne l’avrai venduto per comprare queste cosacce! Belle cose insegnano negli asili autogestiti, in Svizzera dovevo mandarti, in collegio, lì sì avresti avuto delle buone occasioni … Povera, povera la mia bambina, vieni qui da mamma tua…

Mario No, tu non sei mia!

Fabio Ma come, è questo il ringraziamento? Io, che mi sono sacrificata per te. Io, che ti ho comprato balocchi e profumi, io, che ti ho comprato il primo paio di collant, guarda che lo dico a tuo padre! Attimo, Attimo! Vieni, senti, ascolta… cosa dice nostra figlia, io non so più cosa fare, sono disperata…

Mario Papà, papà…

Attimo Cosa succede? È possibile che non si riesca mai a battere in pace? O c’è la polizia, o ci sono i maschi che ti picchiano, o qualcos’altro. Cosa c’è questa volta? Racconta tutto al tuo papà.

Mario È stato lui che mi voleva baciare, e poi la mamma mi sgrida sempre e mi ruba i giornalini.

Fabio Sono questi i giornalini di tua figlia, guarda!

Attimo Cattiva! (Alla bimba) Ma su vieni qui, chi è che ti voleva baciare? Fammelo vedere quel bruto.

Mario Lui, lui!

Attimo Ma perché sei così poco disponibile? Devi mostrarti carina coi signori… lo sai, l’educazione innanzitutto. E poi, il signore non mi sembra un cattivaccio come dici. Si può appurare… io quasi quasi glielo chiedo…

25Si siede in braccio allo spettatore-cavia e comincia a toccarlo. La bambina si avvia al palco cantando: “… io son contadinella, io son carina e bella…” ecc…

Fabio Ah! Il cuore di una moglie e di una madre non può reggere a tanto sfacelo. Mi sento mancare, mi sento venire meno.

26Cercando fra il pubblico uno che gli piace, Fabio, gli sviene addosso. (Musica: Te Deum).

27Dal fondo della sala avanza, illuminato da un riflettore, Flavio vestito da Frocia Gotica. Giunto sul palco, alla fine della musica, dice:

Flavio Io sono la frocia gotica, sono venuta da Roma così, in autostop, per portarvi dei messaggi. Il primo riguarda me ed è che io sono contenta di essere nata nello stesso secolo in cui è stato fatto Via col vento. Il secondo è che noi frocie vogliamo la pensione sì, perché svolgiamo un servizio sociale: offriamo ad uomini che non valgono nulla la possibilità di disprezzare qualcuno… anzi, offriamo ad uomini che non valgono nulla la possibilità di invidiare qualcuno.

28Fabio e Guglielmo appaiono vestiti uguali cantando

Fabio e Guglielmo E voilà,
e le frocie son venute qua
Son venute sol per voi
Son sul palco, son per voi
Per ballare il Dada-Umpa, Dada- Umpa…

29Attacca musica Dada-Umpa delle Kessler
Fabio e Guglielmo ballano, a loro si unisce Silvio come Don Lurio.
Durante il ballo una voce fuori campo:

Voce fuori campo Per chi non lo sapesse. questo è il Dada-Umpa… che cos’è il Dada-Umpa? Il Dada-Umpa è il superamento del Dada… questa è una nota di cultura per gli intellettuali presenti in sala….

30Durante il ballo le false Kessler vanno fra il pubblico lanciando coriandoli e stelle filanti,
Alla fine del ballo rimane in scena Fabio che comincia fra il pubblico un monologo.

Fabio Adesso voglio raccontarvi del mio ultimo viaggio, che ho fatto alcuni mesi fa. Mi sono decisa a fare questo viaggio perché ero molto esaurita e confusa a causa dei discorsi che facevo con i maschi, che mi dicevano sempre che loro avevano dei cazzi enormi, spropositati… ma io cadevo lì confusa e svanita perché al contrario di loro tendevo sempre a sminuire le misure del mio e non riuscivo più a capacitarmi di questo fatto e allora …sì, mi sono decisa, stanca di questo conflitto, mi sono decisa a prendermi una vacanza premio e così una sera esco frivola e stupida… si perché io la sera divento frivola e stupida … e mi dirigo distrattamente per le vie della città in cerca di un’agenzia di viaggio. Il caso volle che entrando per caso in una di queste agenzie, ho trovato un depliant occasionissima che con duecentomila lire mi offriva un viaggio a Casablanca andata e ritorno… mi sono detta: cosa faccio? Ci vado, così unisco l’utile al dilettevole. Mi sono precipitata a casa, ho raccolto qualche abituccio, un cappellino, e via verso le spiagge del Marocco. Sì, insomma… avete capito, appena arrivata, vado in clinica, mi fanno tutti gli esami del caso e dopo dieci giorni…. ZAC!… Il pisello non c’è più…. Aahh finalmente… basta con i collettivi omosessuali, quelli padani, quelli milanesi, quelli veneziani, basta con tutte queste storie, finalmente sono donna, finalmente sono libera, finalmente sono eterosessuale anche io… certo devo dire che ho cambiato problematica, ma ho saputo affrontare con gioia e serenità questa mia nuovo condizione… ed ho scoperto che in fondo…donna… è bello.

31Entra in scena Guglielmo che avanza fra il pubblico.

Guglielmo Se vuoi essere un vero maschio, devi saper scegliere la pettinatura che più si addice al tuo volto; devi saperla cambiare, col colore dei capelli, secondo le situazioni e le stagioni…
Se vuoi essere un vero maschio devi saper scegliere il colore dell’ombretto e del rossetto che meglio si adatta al maquillage del momento, che più si adatta alla pettinatura del momento nell’ambito dei colori di moda del momento…
Se vuoi essere un vero maschio devi saperti laccare le unghie del colore simile a quello del rossetto, non devi portare barba e baffi perché coprono le labbra tumide, carnose e sensuali…
Se vuoi essere un vero maschio devi ricordarti di non scendere MAI il mattino a fare la spesa dal fruttivendolo “in lungo”… a meno che il ritorno da una festa non coincida con gli orari d’apertura dei negozi…
Se vuoi essere un vero maschio non devi dimenticarti mai di leggere le riviste specializzate in fatto di moda, non devi mai perdere le sfilate di moda più importanti e soprattutto non dimenticare mai le “personali” dei grossi sarti del momento…
Essere un vero maschio vuol dire anche non farsi trovare mai in disordine e impreparato all’arrivo di ospiti inattesi.
Essere un vero maschio vuol dire non trascurare nessun particolare della propria persona e delle cose che vestono questa persona in casa e fuori…
Essere un vero maschio vuol dire ricordarsi che nel modo di vestire a di arredare la casa, per esempio, non è sufficiente la presenza delle cose di ultimo grido, ma deve esserci sempre un tocco personale di classe. Se questo tocco non vi riesce, visto che purtroppo ancor oggi in Italia la classe è una dura lotta chiedete consigli ad amici fidati…
Se vuoi essere un vero maschio devi sapere, o meglio lo si sa ma lo si dimentica sempre, che si può godere con uno, due, tre… e anche quattro… dita nel sedere, perché, mia cara… MASCHIO è bello!!!

32Buio. Mentre Suzette (serva di scena) apre un fondale a tenda, la scena illumina Attimo semicoricato su un divano, un plaid sulle gambe.

Suzette Ha dormito bene, Madame?

Attimo Non dormivo, pensavo. (Poi, ricomponendosi, prende la corona dal tavolino) Credo di non essere mai stata così stanca in vita mia.

33Buio.

Voci di tutti che urlano A palazzo… a palazzo… a morte le regine… prendiamo il palazzo…

34Il faro illumina di nuovo la regina (Attimo) che blocca una delle rivoltose (Silvio).

Attimo Che mestiere faceva tuo padre?

Silvio Il fabbro, maestà!

Attimo E il padre di tuo padre?

Silvio Il fabbro, maestà!

Attimo E allora… Lascia fare a me la regina.

35Buio. Ancora faro sulla regina.

Attimo E… pensare… che più ti sputtani e più… resti solo.

Secondo tempo

36Luci in sala e buio sul palco. Gli attori sono tutti seduti in fila e parlano come se fossero il pubblico.

Silvio Qui a (la città dove si fa lo spettacolo)… una cosa del genere non si era mai vista.

Mario Io li trovo divertenti

Fabio Sì… non molto.

Silvio A me ne è venuto vicino uno e mi ha detto delle cose e gli ho detto: “guarda…”

Giuseppe Ma cosa ti ha detto?

Silvio Ma non lo so… voleva toccarmi… insomma gli ho detto… non mi interessa, io sono dell’avanguardia e non mi metto in discussione…

Attimo Ma dai, più o meno sono le solite cose, travestiti…

Guglielmo Trucchi… gonne…

Fabio Cose che ormai sono già state rifiutate…

Silvio E poi ripetono lo stereotipo della donna oggetto.

Mario Ma si, va bene… guarda io li accetto, però loro stanno là ed io sto qua.

Flavio E poi secondo me non si divertono nemmeno.

Giuseppe E poi si vede anche che sono uomini.

Guglielmo Da che cosa?

Silvio Ma dalle spalle

Attimo È vero!

Flavio E dal pomo d’Adamo.

Flavio Io li trovo divertenti.

Silvio Beh non sarai mica finocchio anche tu?

Mario Non devo mica essere finocchio per ritenere una cosa simpatica, mi sono simpatici e basta.

Fabio Io però voglio vedere cosa fanno adesso…

Giuseppe Ma c’è una cosa che io non ho capito… Queste cose si possono anche capire, l’emarginazione in cui si trovano… però una cosa che non sono riuscito a capire, chissà se salta fuori nel secondo tempo, è dove vanno politicamente a parare… proprio non l’ho capito…

Silvio Proprio noi che certe cose le abbiamo già superate, rifiutate…noi della sinistra…

Giuseppe Da tempo… sono già diventate luogo comune…

Mario Non capisco tutti questi discorsi… io li trovo divertenti!

Silvio Beh, facciamo così… se dopo li inviti a cena veniamo anche noi.

Mario Beh, guarda… a me in fin dei conti non interessa neanche tanto, per me tutto è uguale, maschio o femmina è la stessa cosa… per me tutto fa brodo…

Tutti (Alzandosi puntando l’indice contro Mario) Non è vero che tutto fa brodo, è Lombardi il vero buon brodo, dalla sera alla mattina, una mano in cucina ti dà… Lombardi! Xe bon!

37Luci sul palco, buio in platea. Gli attori in piedi commentando.

Silvio Guardate, ci sono dei bboni giù di là… mi ricordo di averli già visti tutti a Bologna.

Fabio Ci seguono.

Giuseppe Sì, sono le nostre groupies…

Attimo È proprio un pubblico che partecipa.

Mario Sì, effettivamente ci vorrebbero più gabinetti…

Guglielmo Speriamo che almeno ci invitino a cena più tardi…

38Luci spente. Faro su Silvio, mentre si sentono sirene della polizia.
Al suo fianco c’è Fabio che gli suggerisce vistosamente leggendo da un foglio.

Silvio Aiuto! / Sono inseguita da una macchina della polizia / Mi hanno vista aggirare per strada / sono senza documenti / cosa penseranno di me? / Quei buoni padri di famiglia / Quei sani figli del popolo / sono sfatta / Ecco, lo so / cosa penseranno di me / che sono vecchia e sfatta / un checcone puttanone vecchio e sfatto / io, che ho sacrificato anni alla causa della rivoluzione / io, ormai vecchio e riconosciuto leader dell’ultrasinistra / WOW / IO / io. Ecco lo so / al massimo penseranno che sono un vecchio checcone / travestito e rimbambito / che gira di notte / per le strade di Parma con una tunica viola / Ma io lo so che sono invidiosi della mia parrucca / troppo bella, troppo! / È per quello che mi inseguono / Aiuto! / Sono inseguita da una macchina della polizia / Compagni, aprite! / … E così, ho letto tutti i libri di Castaneda, Fritz Nietzsche e Hermann Hesse. Ho scoperto tutti i luoghi di potere. Tutto di tutto. Sono riuscito perfino a diventare un uomo di conoscenza, ma… d’improvviso mi sono scoperto… finocchia. AAhhh! Che fare?

39Buio. Luce su Flavio che avanza verso una sedia al centro del palco.

Flavio Sono una superstar. Adesso vi spiego come si diventa superstar. (Prendendo un foglio dalla borsetta) L’ho scritto io ma non me lo ricordo mai…
Volevano che fossi il primo della classe, preferivo ripetere.
Volevano facessi sport, preferivo film e fumetti.
Volevano che vedessi la TV dei ragazzi preferivo i western di serie B.
Volevano che studiassi nozioni, preferivo imparare giochi.
Volevano che ascoltassi Nilla Pizzi, preferivo Marilyn.
Volevano che tenessi per i cowboys, preferivo gli indiani.
Volevano che rispettassi i vecchi, ho riso ai funerali di mia nonna.
Volevano che temessi mio padre, amavo solo mia madre.
Volevano che mi sposassi, preferivo lasciarli sposare.
Volevano che mi impiegassi, preferivo tentare.
Volevano farmi accettare, preferivo essere rifiutato.
Volevano che restassi con loro, preferivo restare solo.
Volevano la mia stabilità, mi hanno proposto solo insicurezze.
Volevano che amassi le donne, preferivo gli uomini.
Volevano che pensassi al futuro, preferivo il presente.
Volevano che crescessi, ho preferito restare adolescente.
Volevano che sognassi il loro mondo, ho preferito sognare il mio.
Volevano che fossi ‘felice’, ho preferito essere infelice.
Volevano che fossi buono, ho preferito essere isterico.
Volevano che mettessi la cravatta ho preferito i tacchi alti.
Volevano che fossi serio e rispettabile, ho preferito sputtanarmi…

40Buio. Luce su Guglielmo, vestito da puttana.

Guglielmo Io, se non avete capito, sono una di quelle… una di quelle tante lucciole… però io sono una lucciola super… Non solo per come mi vesto, ma perché compongo delle poesie, compongo versi e rime, e per l’occasione ne leggerò qualche pezzo.
Ricordo il camionista, ricordo il suo furgone per il trasporto dei cavalli, mancava solo l’odore della stalla per farmi sentire veramente… vacca. (Riprende a passeggiare).
Pochi clienti stasera… La crisi, purtroppo, si fa sentire anche sul marciapiede… Beh! Nell’attesa mi darò una controllata…

Voce fuori campo Si prega il gentile pubblico di prendere cortesi appunti.

Guglielmo Specchio, specchio delle mie brame, dì che son sempre la più puttana del reame.

41Entra in scena Fabio. Dialogo a due intercalato con le musiche della quinta di Beethoven

Fabio Sì sì, del reame sei sempre la più puttana, però sappilo tua figlia è più culana.

Guglielmo Lo sanno tutti che sei più culana. Sei entrata perfino in L.C., Lotta Culana.

Fabio Ma stupida cosa dici, lo sai che voto pici

e da quando mi han tolto il metadone

ho ricominciato con la televisione

Guglielmo Figlia, figlia mia, io scappo in Ungheria.

Fabio Invece io preferisco sempre battere nella mia via.

Guglielmo Invece a me da quando s’è rotto il dito

Ho cominciato a fare il travestito.

Fabio Uhnf! Figurati, io da quando mi son rifatta il naso

Mi sono affidata completamente al caso!

42Nel frattempo Attimo e Silvio si aggirano fra il pubblico per distrarlo.

Guglielmo Ma mia cara, insignificanti son le tue narici

al confronto di Santangela Merici.

Fabio Sei la solita bigotta

ma lo sanno tutti che sei una mignotta

Guglielmo Senza offese per le mignotte

che lo sanno tutti, non son per niente bigotte.

Fabio Glielo diciamo allora… il terzo mistero di Fatima?

Guglielmo Ma sì, diciamoglielo…

Fabio e Guglielmo (Cantando):

Il maschio si morde la coda
si morde la coda il maschio
il maschio si morde la coda
e non sa che la coda è sua

Guglielmo Che stupidi, questi maschi! Bisogna sempre dirgli tutto!

43Buio. Luce su Mario vestito da fantasma.

Mario Io non credo ai miracoli, ne ho visti anche troppi!

44Rimane impietrito, viene portato via da altri due.
Luci rosastre e verdastre in modo da creare un’atmosfera di malsano disagio e di putrescente disgusto sulla scena. Una struttura di polistirolo riproducente una latrina pubblica, sottofondo musicale registrato ai gabinetti pubblici alla stazione FF SS di Parma il 31 marzo 1977 ore 16:00. Attimo e Silvio passeggiano nel modo tipico degli omosessuali quando si cercano nei cessi pubblici delle stazioni e con aria falsamente assente ma vorace e attenta ad ogni aprir di patta. Il testo della scena è basato sull’improvvisazione che cambia a seconda del vissuto degli attori nel luogo della rappresentazione.
Solitamente gli attori hanno un’esperienza diretta nei gabinetti pubblici della città in cui viene rappresentato lo spettacolo. Buio totale.

Voce registrata In una città di provincia, una città tanto carina, c’era un asilo con maestre e tantissimi bambini, e il consiglio dei genitori c’era anche, e c’era anche uno a cui piacevano tanto i bambini, e c’era anche uno che voleva stare coi bambini, e c’era anche il consiglio dei genitori che un giorno ha detto: Aiuto! Un uomo! Aiuto! Un maschio omosessuale! E c’è stato anche un giorno in cui qualcuno ha capito che non avrebbe mai potuto essere quello che era e stare coi bambini. Forse che qualcuno ha deciso che solo la femmina eterosessuale è in grado di educare i bambini?

45Luce sul palco. Entrano in scena gli attori, urlando: “Viva le mamme!” e facendo un girotondo. Cantano: “Son tutte belle le mamme del mondo”…

Silvio (Vestito da mamma, entra) Ciao bambine!

Tutti Oh, la mamma! Ciao mamma!

Silvio Vi piace la mia tenuta casual?

Flavio È molto elegante.

Silvio Dio, come siete belle, bambine, questa sera. Beh, bambine, adesso è ora di andare a letto.

Tutti Ci fai vedere carosello, prima?

Silvio Sì, visto che siete così belle e brave.

Gli attori in coro Lei… Cadonet, Lei… Cadonet… fissa morbido, morbido… / Ora un discorso globale e complessivo sul movimento…

Flavio Movimento… movimento… Movil.

Mario Poliziotti, Guardie Giurate, Vigili Urbani, Etruschi, Autonomi, non tenete le mani libere, impegnatele in una P38. Chi P38 mangia la mela…

Tutti … e ti viene voglia di fare…

Non sporchiamo… non facciamo fili… attacchiamo tutto… Uhuhuhu…

46Palcoscenico completamente illuminato.
Tutti meno Silvio. Si preparano per una manifestazione, commentando l’uso dei foulard che prendono, dei limoni, ecc., cominciano a marciare a due a due in tondo sul palco, lanciando slogan come: “Rita / Hayworth / Bette Davis / Sono queste / le first ladies” (due volte).
La manifestazione viene interrotta dalle urla di Giuseppe che entra in scena coperta da veli.

Giuseppe (Intercalando il monologo con continue risate isteriche) Delirio… Caro, ho cercato le tue ciglia finte ovunque… e mi sono trovata sola… in uno spazio senza tempo… tra specchi infiniti… e veli leggeri… che coprivano senza peso… le mia membra estasiate… Nei riflessi lontani… dentro gli oscuri presagi… ho visto la tua immagine avvinta da una guepiere (bustino in italiano)… rideva di me… ha osato ridere di me… tra piume e belletti… ho penetrato lo specchio… con mani rabbiose… e stridendo l’ho presa… ma come l’acqua in vapore… lei si è dissolta… tra dita intossicate di vertigine fuggente…

47Giuseppe si allontana e riprende la manifestazione con altri slogan:

Lotta / dura / con la verdura
Ginger / Rogers / Ginger / Rogers / Un minuto di silenzio in onore del compagno Fred Astaire…

Coca / cola / Coca / cola
Swanson / libera
Su su su / i cazzi vanno su / ma con le nostre bocche / li tireremo giù
Viva Dior / Viva Chanel / Viva Dario Fo
Come mai / come mai / sempre in culo agli operai / d’ora in poi / d’ora in poi / lo vogliamo pure noi

Siamo belle / siamo brave / siamo intelligenti
L’omosessuale / non è malato / il comunismo / lo guarirà

48Da un lato appare Silvio coperto di bigiotteria, veli e cianfrusaglie, come il manichino di una boutique.

Fabio Vedete anche voi quello che vedo io?

Tutti Sì, una boutique!”

Guglielmo La espropriamo?

Tutti Sì, esproprio, esproprio!

49Sull’attacco della musica La Gàieté Parisienne, tutti si lanciano addosso a Silvio, strappandogli, uno per volta, tutti gli oggetti di cui è ricoperto, sino ad un filo di perle che ha negli slip che lo fanno urlare.

Silvio No! Le perle no! Le perle della Regina Margherita! Quelle che mi ha regalato Umberto! E poi voglio i miei veli… dove sono i veli’? Mi ridate i veli…

Flavio Nemmeno se mi fai uno sbocco di sangue

Silvio Ma no, ti regalo la pellicola originale di Via col Vento.

Flavio Ecco i tuoi veli.

Silvio E tu cosa vuoi che ti regali per i veli?

Guglielmo Non so, cosa mi dai?

Silvio Ti regalo un viaggio a Manhattan?

Guglielmo Va bene, to’ i tuoi stracci.

Silvio E tu? Che cosa vuoi in cambio dei veli?

Fabio Voglio un abito originale anni ’50 Coco Chanel.

Silvio Oh sì, sono molto amica di Coco! Vedete che brave le mie bambine?

50Silvio scende fra il pubblico coi veli e sceglie uno spettatore che porta sul palco.

Silvio Come ti chiami?

Spettatore: (Il suo nome)

Silvio Oh,… (nome spettatore) piccolo idolo di bambù, chissà se esiste il dolore nel mondo? Pensaci, mentre io mi spoglierò per te come le baiadere nei sacri templi di Giava.

51Silvio si leva ad uno ad uno i veli gettandoli sullo spettatore e restando alla fine in slip.

Silvio Vedete questo neo?… Ecco!

52Silvio se ne va. Sopraggiunge Mario vestito da americana alle spalle dell’ignaro spettatore cavia.

Mario Oh, io non capisco. Io venuta in Italia per vedere Vesuvio, e io trovo grande casino, in teatro, per le strade. Io ricordo venuta in Italia in Rinascimento, in mia prima incarnazione, e trovato maschi italiani, I like maschi italiani, che cambiavano tutto… change… in Rinascimento, maschi italiani… change.… And after, in other reincarnazione, io ritorna in Italia per turismo, in Risorgimento, e trovo maschi italiani che change another time… and now ritorno in Italy… per visita Vesuvio, Faraglioni, where is Faraglioni? I found maschi italiani change another time… in Rivoluzione … I like maschi italiani because always change… Rinascimento, Risorgimento, Rivoluzione… I like maschi italiani because they have so much… peli… pelosi.

53Dario se ne va e lo spettatore ritorna in platea. Tutti gli attori sul palco riprendono a ballare sulle note della Gaieté Parisienne. Can-Can.
Alla fine del ballo appare dalla platea Attimo con una rosa in mano.

Attimo Basta! Con questi spettacoli che gettano discredito sugli omosessuali e fanno indietreggiare il discorso per le libertà sessuali. In questo modo non sarete mai capiti né accettati! (Rivolto a Fabio) Ad esempio tu non puoi portare avanti un discorso più serio nell’ambito del lavoro?

Fabio No! Io preferisco portare un abito firmato.

Attimo Va bene scheccare ma non ricadiamo nel gioco di chi ci vuole opprimere.

Mario Oh, ma senti! Perché non vieni a ballare con noi?

Giuseppe Perché ci rovini sempre i giochi? Vieni a ballare con noi!

Fabio Non ti fidi di noi? Non sai che siamo noi i serpenti?

Tutti Ihsss, Ihsss, sogna noi, segui noi, Ihss, ihsss! Beh, se non vieni noi balliamo.

54Tutti riprendono a ballare sulla musica del Nilo blu.
Fine musica, riappare Attimo che sale sul palcoscenico.

Attimo Io non penso che la loro sia una felicità autentica… D’altra parte la felicità la puoi acquistare a fette sul banco del macellaio per pochi soldi… La felicità. Ah la felicità! Com’è bella la felicità! Ma che dico!? (Sulla musica dei Pink Floyd si accende uno spinello finto e comincia a sballare coricandosi sul palcoscenico) Giù di testa! Oh che sballo!

55Arriva Giuseppe vestito da giornalista russa.

Giuseppe Quello che sta succedendo mi confonde paurosamente. Non ci capisco nulla. Succedono cose senza senso. Queste ragazze non vivono secondo le statistiche e desiderano fare figli con uomini che non sposano o che addirittura non amano e che gettano subito dopo irriverentemente. Poveri maschi, io li recupero tutti. Io penso che una ragazza possa fare a meno di qualsiasi cosa tranne dell’amore di un maschio. E poi il tasso di mortalità dei maschi è più alto del nostro. Oh, cacciatrici di facili piaceri immorali ed irresponsabili inventati dal capitale! Oh, Lenin, Lenin! Devo scrivere grande articolo per grande popolo russo! Ma che scrivere? Che fare?! Di queste debosciate e diaboliche creature che pretendono di uscire dalla preistoria per entrare nella storia affermata su bisogni radicali e non su quelli alienati. (Prende in mano lo spinello finto, fa una tirata, e si chiede) Che cosa è questo in nome di Stalin? (Cade svenuta).

56Buio totale. Voci registrate in italiano, francese, tedesco, inglese, annunciano che lo spettacolo volge al termine. Luce totale sul palco. Gli attori cominciano a struccarsi ed a rimettersi i loro indumenti maschili. Musica di “Uomo” di Wanda Osiris. Alcuni attori scendono in platea fra il pubblico, chi portando specchi in cui far specchiare gli spettatori, chi distribuendo volantini bianchi, mentre dal palco uno degli attori col megafono dice: “Il volantino di spiegazione dello spettacolo. Leggete fra le righe…”.
Intanto viene srotolato uno striscione su cui è scritto:

Non sognatelo, siatelo. Non sognatelo, fatelo.

57Musica di “Fa’ qualcosa” di Mina.
Si lascia all’improvvisazione degli attori e alla disponibilità del pubblico la conclusione dello spettacolo e l’eventuale dibattito che solitamente si verifica.

F I N E

Elenco musiche dello spettacolo

E ti avrò (Girl don’t come), Andrews-Testa, 1966.

Sarà una notte, Limiti-Beretta-Suligoj, 1974

Cin ci là, Ranzato-Lombardo, 1977.

Moonlight serenade, Glen Miller, 1939.

Georgia on my mind, Gorrell-Carmichael, 1930.

You’d be surprised, Irving Berlin, 1919.

Venceremos, Ortega-Iturra , 1970.

L’Internazionale, XIX sec.

Music reincarnate (parte 1: The Warning), R. Wakeman , 1976.

Te Deum, Marc-Antoine Charpentier, XVII sec.

Da Da Umpa, Verde-Canfora, 1961.

Sinfonia n. 5 in do minore Op. 67 (primo movimento, ouverture), L. Van Beethoven, 1807-8.

Gaitè parisienne, (can can) J. Offenbach), XIX sec.

Il Nilo blu, Ripp (Luigi Miaglia), 1925.

Shine on you crazy diamond, Right-Waters-Gilmour (Pink Floyd), 1974.

Talmente Uomo, Limiti-Beretta-Suligoj, 1974.

Fa’ qualcosa, Testa-Malgoni, 1973.

Lire

Accès exclusif

open access

Offert par L’éditeur de ce site