Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il teatro gay in Italia

 | 
Antonio Pizzo

Testi

La Traviata Norma ovvero: vaffanculo… ebbene sì

di Collettivo Nostra Signora dei Fiori (1976)

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Il testo e lo spettacolo

La Traviata Norma vede la luce il 9 marzo 1976 al Teatro il Quarto (oggi Teatro Arsenale) di Milano, in via Cesare Correnti. Resta in scena una settimana e ottiene un certo successo, tanto da essere replicata anche a Firenze e Roma (fino al giugno del 1976). Lo spettacolo non sarà più ripreso poiché il gruppo con il quale nasce si scioglie poco dopo. Ciononostante, è l’opera unanimamente intesa come momento fondativo del teatro gay in Italia: vale a dire un teatro militante, politicamente attivo, ideologicamente schierato, in cui il tema dell’omosessualità non è un accessorio della trama e dove l’omosessuale non è l’oggetto di scorno o compassione, bensì è un soggetto sociale e politico attivo. L’espediente drammatico, il cambiamento di prospettiva che istituisce una sorta di metateatro, è forse l’elemento più radicale in questo testo. L’azione presenta un gruppo di omosessuali che, variamente travestiti, va a curiosare in uno spettacolo di eterosessuali; ma ...