Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il teatro gay in Italia

 | 
Antonio Pizzo

Testi

La Traviata Norma ovvero: vaffanculo… ebbene sì

di Collettivo Nostra Signora dei Fiori (1976)

Texte intégral

Il testo e lo spettacolo

1La Traviata Norma vede la luce il 9 marzo 1976 al Teatro il Quarto (oggi Teatro Arsenale) di Milano, in via Cesare Correnti. Resta in scena una settimana e ottiene un certo successo, tanto da essere replicata anche a Firenze e Roma (fino al giugno del 1976). Lo spettacolo non sarà più ripreso poiché il gruppo con il quale nasce si scioglie poco dopo. Ciononostante, è l’opera unanimamente intesa come momento fondativo del teatro gay in Italia: vale a dire un teatro militante, politicamente attivo, ideologicamente schierato, in cui il tema dell’omosessualità non è un accessorio della trama e dove l’omosessuale non è l’oggetto di scorno o compassione, bensì è un soggetto sociale e politico attivo. L’espediente drammatico, il cambiamento di prospettiva che istituisce una sorta di metateatro, è forse l’elemento più radicale in questo testo. L’azione presenta un gruppo di omosessuali che, variamente travestiti, va a curiosare in uno spettacolo di eterosessuali; ma fin dalle prime battute si capisce che questi ultimi sono considerati una compagine minoritaria ed eversiva dai primi che, a loro volta, si mostrano vagamente scandalizzati o ostentano atteggiamenti aperti e tolleranti. Così facendo, quella “inversione”, la stessa con la quale la società borghese etero-normata aveva marchiato i gay e le lesbiche negli anni precedenti, diventa un dispositivo, di potere prima che retorico, del quale gli omosessuali si riappropriano. Questa semplice azione contiene in se stessa la trama dell’intero spettacolo. Da un lato gli omosessuali salgono sul palco e assumono il controllo, e dall’altro ribaltano sul pubblico gli stereotipi dei quali sono stati oggetto.

2Ancor più rilevante è che questa soluzione drammaturgia non si esaurisce nel corso del testo ma riesce a reggere una complessa tematizzazione delle posizioni più radicali proposte da movimento. Se all’inizio l’azione scenica è volta a descrivere il gioco delle parti («Mi hanno detto che è uno spettacolo eterosessuale... una cosa d’avanguardia...»; «Il torbido mondo degli eterosessuali è ancora pieno di lati perversi, violenti, morbosi»), poco dopo si introducono questioni quali la psicoanalisi (il riferimento a Franco Fornari), la politica (il rapporto tra militanza omosessuale e militanza comunista), la religione (la forza repressiva della chiesa cattolica nei secoli). Il “finto” pubblico omosessuale dimostra una forza dialettica sempre più crescente, ed è proprio questa energia che anima lo spettacolo e impone una dinamica drammatica che ne accentua sempre più la radicalità delle affermazioni fino trasformarlo in un manifesto rivoluzionario. Difronte a uno spettacolo eterosessuale che non comincia mai, gli omosessuali assumono il controllo e si trasformano da pubblico (passivo) ad attori (attivi) fino a selezionare tra gli astanti coloro con i quali desiderano fare del sesso e pretendere risposte non elusive. È il momento in cui il vero oggetto di rappresentazione è svelato. Uno dei protagonisti prenderà atto che «il sesso è rimasto per noi lo spettacolo scadente della rimozione del vostro desiderio omosessuale. Quindi è per... pura convenzione che, a questo punto, applaudiamo la vostra rappresentazione». Le checche in scena non solo non si sono nascoste ma non si sono nemmeno raccontate, almeno non solo. L’operazione drammaticamente rilevante è la presentazione del conflitto tra i comportamenti repressivi della norma eterosessuale (assumendo i modi dello sguardo normativo) e i motivi di una liberazione radicale (discutendo i temi del movimento omosessuale). La dialettica tra questi due elementi (i modi e i temi) rivela una drammaturgia capace di materializzare, di esperire, le contraddizioni della società capitalista e borghese.

3Seppur nato probabilmente sulla base di un canovaccio e alcune improvvisazioni personali, il testo ha un impianto saldo che attinge innanzitutto al varietà, alternando momenti giocosi e parodie canore di pezzi famosi, tra i quali però inserisce con sapienza riflessioni filosofiche e modelli performativi aggiornati al gusto dei tempi.

4Soprattutto si nota un debito (o almeno una coincidenza) tematica con le posizioni che Mario Mieli pubblicherà l’anno successivo in Elementi di critica omosessuale per Einaudi, che a sua volta derivava in gran parte dalla tesi di filosofia morale con la quale si laureò il 27 febbraio del 1976. Mieli, che dopo aver frequentato il Gay Liberation Front di Londra e dopo aver esaurito la sua partecipazione al FUORI (Fronte Unitario Omosessuale Rivoluzionario Italiano), si avvicina ai COM (Collettivi Omosessuali Milanesi) e si dedica con maggiore foga alla pratica teatrale. In questo contesto, gli argomenti riassunti o elaborati nella sua tesi “trasudano” quasi naturalmente nelle battute dello spettacolo, dove sono puntualmente riconoscibili: dalla educastrazione al polimorfismo “perverso”, dalla rivoluzione omosessuale al gaio comunismo.

Gli autori

5Nei primi mesi del 1976, un gruppo di militanti dell’area dell’autonomia, componenti o vicini ai COM, si riuniscono in un gruppo teatrale che chiameranno Nostra Signora dei Fiori con l’idea di presentare uno spettacolo che, ammiccando alle melochecche di arbasiniana memoria, intitoleranno La Traviata Norma. Lo spettacolo era interpretato da: Antonio Donato (Antonio), Pierangelo Zaninelli (Bambina), Fabio Razzini (Bambola), Corrado Levi (Corrado), Enzo Villa (Enzino), Francesco Partegato (Francesco), Gimmy Onano (Gimmy), Giovanni Brivio (Giovanni), Mario Mieli (Maria M.), Mario Rovere (Maria R.), Roberto Polce (Natalea), Nereo Rapetti (Nereo), Giuseppe Storelli (Pepys), Roberto Schena (Roberto), Gianni Stefanacci (Stefanacci). Hanno collaborato all’ideazione: Francesco Ascoli, Fulvio Girotto, Stefania Curzi.

Fonti

6L’edizione che pubblichiamo è quella edita nel 1977 da L’erba voglio (Milano).

Mario Mieli, Elementi di critica omosessuale, Feltrinelli, Milano,2002 (ed. orig. Einaudi, Torino 1977).

Daniela Quarta, La Traviata Norma. Espressioni formali di una minoranza nel movimento del ’77, «RIDS» (Romansk Instituts Duplikerede Småskrifter), no. 81, 1981.

Stefano Casi, Delirio diletto travestimenti e trasgressioni, e Sandro Avanzo, C’era una volta, in Stefano Casi (a cura di), Teatro in delirio, «Quaderni di critica omosessuale», n. 7, Il Cassero, Bologna 1989.

Stefano Casi, L’omosessualità e il suo doppio: Il teatro di Mario Mieli, «Rivista Sessuologia», vol. 16, n. 2, pp. 158–68, 1992.

Francesco Gnerre, L’eroe negato, Baldini&Castoldi, Milano 2000.

Gianni Rossi Barrili, Mario Mieli, in Daniele Del Pozzo, Luca Scarlini, Gay. La guida italiana in 150 voci, Mondadori, Milano 2006.

Gianni Rossi Barrili, Il movimento gay in Italia, Feltrinelli, Milano 1999.

Antonio Attisani, Atto secondo. Nel mare del teatro (1966-1993), Celid, Torino 2018.

R.P., Teatro Yddish, strano happening, «Pirandello», “Corriere della Sera”, 22 maggio 1976.

Mario Mieli, voce in Wikipink, L’enciclopedia LGBT italiana, http://www.wikipink.org/​index.php?title=Mario_Mieli&oldid=35164 (accesso il febbraio 1, 2019).

7Arie dalla Traviata e dalla Norma. Le checche entrano in scena una dopo l’altra e prendono posto su delle sedie rivolte verso il pubblico. Quando sono ormai tutte sedute, la musica finisce e calano le luci. Silenzio. Buio pesto. Colpi di tosse. A un tratto te checche prendono a batter le mani, come se reclamassero l’inizio di uno spettacolo. Di nuovo silenzio. Sempre buio.

Enzino Ma lo spettacolo non comincia?

Stefanacci Sapete che spettacolo è?

Antonio Mi hanno detto che è uno spettacolo eterosessuale… una cosa d’avanguardia…

Corrado Ma questi, che eterosessuali sono? Ho sentito dire che ce n’è di tanti gruppi.

Gimmy Credo che siano quelli del gruppo «Evviva la Norma » è il più forte, il meglio organizzato.

8Pausa. Gimmy si alza ed esce in silenzio.

Stefanacci Sapete, tra i miei amici c’è anche un eterosessuale. Da quando me l’ha detto non è cambiato niente tra noi. Io lo rispetto come prima. In fondo sono fatti suoi: ognuno è libero di pensarla come vuole…

Bambola Anch’io ho avuto un amico eterosessuale: una cara persona. Però quello era diverso…

Corrado Diverso in che senso?

Bambola Diverso… diverso dagli altri: faceva politica. Andava alle assemblee, alle riunioni, alle manifestazioni. Era un eterosessuale ma era serio, quasi normale…

Francesco E poi, scusate, non ci sono stati un casino di personaggi famosi che erano eterosessuali? Ettore Fieramosca, per esempio, e il petroliere Monti… e anche Lindberg, sì Lindberg, il famoso trasvolatore e poi, la Pompadour….

Maria M. Oh, no, cara, lascia dire a me che soffro come Santa Teresa e godo come la Pompadour. Di Madame de Pompadour dicono che fosse eterosessuale, ma, te lo garantisco, si tratta di una meschina calunnia!

9Attacca Paganini (concerto per violino n. 4 in re minore). Si accendono le luci in scena. Le checche scheccano. Entra Gimmy con una cassetta di cartone a tracolla piena di carote e lecca-lecca che distribuisce alle checche. Le checche leccano, succhiano ecc.

10Paganini finisce e Gimmy si siede fra le altre.

Nereo Beh… credo che anche gli eterosessuali abbiano ben poco di nuovo da proporre. Si sa già tutto, ormai, di loro non fanno più colpo!

Roberto E poi adesso siamo in clima democratico, di grande apertura, neanche la perversione eterosessuale suscita più scandalo; come quegli altri che usano la figa… come si chiamano? Ho letto su Frocia 2000 che si presenteranno addirittura alle elezioni.

Giovanni Certo però che all’inizio avevano una bella carica dirompente. Pensate ad Adamo ed Eva… Poi, è arrivato il compromesso storico e ha compromesso pure loro…

Nereo Si mormora che anche Berlinguer sia eterosessuale. E anche alcuni onorevoli DC. È ormai una cosa in famiglia…

11Attacca la canzone dei divi, sull’aria di Macheath. Le checche cantano ad una ad una, Bambola e Pepys accompagnano con la chitarra:

Andreotti

Rita Hayworth,

Zaccagnini

Franck Sinatra

Aldo Moro

Sammy Davis

Donat Cattin…

Jacques Lacan (an, an)

La Pagliuca

Corvisieri

Montessori

Lea Melandri

Humphrey Bogart

Sergio Finzi

and Crepax (ax, ax)

Le Corhusier…

Indira Gandi

Paolo Sesto…

Maria R. (Interrompendo bruscamente): NOOOO!!! Il Santo Padre NON è eterosessuale. Lo ha dichiarato alle folle in Piazza San Pietro: «Nuntio vobis gaudium magnum, gratia Dei, habemus papam GAY!!!»

12Pausa.

Bambola Ma questo spettacolo comincia o no?

Antonio Vi dirò che io comincio a essere stufo di questi spettacoli etero. Basta! Sono anni che ce la menano col loro vittimismo. Non ci interessano più.

Enzino Per me ti sbagli. Il torbido mondo degli eterosessuali è ancora pieno di lati perversi, violenti, morbosi…

Nereo La mia amica ha ragione: prendiamo i giornali di oggi e vedrete che qualcosa di interessante si trova ancora…

13Vengono letti due o tre articoli dai giornali (il «Corriere», per esempio, «La Repubblica», «Il Quotidiano dei lavoratori»). Titoli tipo: Padre snaturato violenta la figlia e getta la suocera dal quinto piano.

14Pausa. Esce Gimmy.

Pepys Io recentemente ho letto un manuale molto interessante. Citava Freud e lui, Freud, definisce l’eterosessualità come «la tendenza erotica verso le persone di sesso opposto».

15Mimica di sorpresa.

Nereo Sì, ma è un parere da prendere con le pinze perché, secondo me, anche Freud era eterosessuale, magari represso.

Maria M. Certo: ed è per questo che ha rotto i rapporti con Jung.

Natalea Tutte queste cose bisognerebbe chiederle a Fornari. Lui si che se ne intende. E poi è un uomo coraggioso. Pensate che ha avuto il coraggio di scrivere sul «Corriere della Sera» che l’eterosessualità è una forma di sessualità «immatura e confusiva».

Pepys Scusate, ma non vi seguo. Se ho ben capito gli eterosessuali sono quelli che scopano tra loro?

Bambina Sì, proprio!

Pepys Cioè? Gli uomini con le donne?

Bambina Appunto!

Pepys Nooo, non dirmelo!…

Bambina E invece te lo dico, le cose, a una certa età, bisogna avere il coraggio di guardarle in faccia.

Giovanni Ma come fanno???… E il culo? Cosa se ne fanno??

Natalea Chiedilo a Fornari. Ha scritto un bellissimo libro intitolato, appunto, Genitalità e Cul-tura.

Maria R. Scusate. Qui non si tiene nel debito conto il diritto canonico. Sul sesso i Padri ci hanno perso la Chiesa… pardon, la testa! «l’incontinentia contra naturam consiste nel coitus libidinosus vel cum persona indebita (vedi Fornari) vel in vase indebito».

Giovanni Vaffanculo!

In coro Ebbene sì!!!!!

16Attacca Fratelli d’Italia. Entra Gimmy con la fascia tricolore intorno al petto e la cassetta a tracolla con su scritto: lubrificanti anali. Li distribuisce.

Bambina Ma lo sapete che ogni volta che i maschi fanno l’amore la donna corre il rischio di restare incinta… e molto spesso senza neppure godere???

Corrado Ma allora l’eterosessualità è la sessualità del maschio per il maschio…

Antonio Sicuro. E per di più è abietta e assurda: infatti i maschi etero vogliono fare alle donne ciò che non tollererebbero mai fosse fatto a loro. Per esempio: vogliono scoparle, e non si farebbero mai scopare; vogliono sbarrare in faccia alle donne e troverebbero sommamente disgustoso che qualcun altro sborrasse in faccia a loro.

Maria R. Ma il Vangelo non dice: «Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te?»

Corrado E Kant non dice nella Critica della Ragion Pratica: «Agisci (agita una sega) secondo una massima tale che implichi contemporaneamente in sé la sua validità universale per ogni essere razionale» (cosa che il popolo ha capito benissimo, parafrasando: il mondo è fatto a scale, chi scende chi sale, purché sia universale).

Stefanacci E il famoso detto democratico: «tutti gli uomini sono uguali »?

Francesco Certo: sono tutti uguali… gli uomini, appunto!

Pepys E noi?

Maria M. Eh cara, non facciamo confusione: c’è uomo e omo…

Maria R. Ecce homo: e lasciate che i pargoli vengano a me.

17Di colpo le checche si alzano tutte in piedi cantando:

Jesus Christ, superstar
prenderlo in culo è bello assai
Jesus Christ, superstar
prendilo in culo che è bello assai.

18Si risiedono. Pausa.

Enzino Pare che gli eterosessuali vivano a coppie. Quasi sempre lui lavora e lei sta a casa. E lo serve per tutta la vita…

Bambola Ma perché, i maschi restano bambini per tutta la vita?

Antonio Magari! Il fatto è che ai maschi piace essere serviti. Ti dirò di più: alcuni, al colmo della loro abiezione, pensano addirittura che sia un loro diritto essere serviti!

Gimmy Io ho saputo però che le donne hanno cominciato a ribellarsi. Ma i maschi non vogliono mollare il loro potere.

Bambola Dio che guerra fratricida!

Francesco Questo qualunquismo mi infastidisce. La divisione di classe passa anche attraverso la condizione eterosessuale. Non possiamo mica mettere tutti sullo stesso piano: i borghesi, i proletari e i compagni.

Pepys Vuoi dire che i maschi proletari e i compagni non scopano le donne?

Francesco Beh, questo non potrei giurarlo.

19Pausa.

Stefanacci Io ne ho saputa un’altra: pare che abbiano i loro locali particolari per eterosessuali, dove possono fare tutto quello che vogliono: bere un drink, ascoltar musica, ballare, baciarsi, fare all’amore, al limite…

Maria M. Lascia dire a me, cara amica, che ho avuto la chance di capitare, qualche volta, in questi locali per eteromaniaci. Ebbene, sai quale impressione ne ho cavato? Che si tratta pur sempre di un ghetto; anzi, direi, quello eterosessuale è il ghetto più esteso del mondo.

20Franccsc:o: Ma certo, cara, non può che essere così: non vorrai mica che diventiamo tutti come loro…

Giovanni E poi, cos’hanno da lamentarsi. Hanno le loro scuole, i loro negozi, le loro chiese, le loro fabbriche, i loro padroni…

Corrado Ma allora, se hanno i loro padroni, vuoi dire che sono sottilmente masochisti?

Maria M. No, povero Corrado, questo non è che il masochismo quale si presenta oggi in forma alienata nella società a dominio reale del capitale. Ma v’è masochismo e masochismo: lascia dire a me, che sono un’autentica masochista. Ebbene, in quanto tale, io non posso che essere per la rivoluzione palpitante e libertina.

Francesco A proposito di alienazione, corrono delle voci incredibili. Pare che gli uomini abbiano delle terribili regressioni adulte. Pensate che non sanno che si può godere anche con il culo…

In coro NOOOO!!!

Francesco E non fanno mai all’amore con i bambini…

In coro EHHHHH?!!!

Francesco E neanche vogliono che i bambini facciano all’amore tra loro…

In coro AHHHHH!

Bambina E i bambini?

Francesco Eh… i bambini vengono su repressi. Cosi la repressione si tramanda di padre in figlio, e nessuno impara mai a usare il culo.

Bambola Davvero hanno il culo frigido? Pensa che rimozione… devono aver subito dei traumi…

Roberto Forse. Non credete che qualcuno dovrebbe dirglielo?

Pepys E tu pensi che capirebbero?

Francesco Credo proprio di no. I maschi sono così abitudinari. Pensate che non si truccano mai, neanche gli occhi … e non portano gioielli, di nessun tipo… e poi, vanno sempre in giro vestiti da uomo…

In coro OOOHHHH!!!

21Pausa.

Natalea Sentite, visto che continua a non succedere niente, che ne direste se cantassimo noi una canzone?

In coro SUU!!

22Le checche cantano in coro EBBEN SON FROCIA (di Natalea-Pepys) sull’aria di «Dio è morto». Pepys e Bambola accompagnano con la chitarra, Maria R., Enzino, Gimmy e Stefanacci ballano.

A casa

tutti i parenti che mi dicono: è osceno

avere un figlio invertito e anormale

ma che ne dite di mandarlo in ospedale

dicono tutti sbraitando al disonore

perché schecco un pochettino

e mi trucco e mi metto l’orecchino

e parlo di liberazione omosessuale

perché sculetto qualche volta, e dico forse troppo forte che baffo bbono quello lì, che barba giusta quello là

ebben son frocia

vicino ai vespasiani,

son io la frocia

son io la frocia

nei parchi e nelle strade

nei cinema e tranvai

son io la frocia!!!

Filippo

il mio più caro amico eterosessuale

che ho conosciuto quando ancora andavo a scuola

mi raccontava le sue eteroavventure

dicendo ch’era molto aperto e femminista

ma quando all’atto pratico

gli chiedo di lasciarsi spompinare

dice di no perché non gli è istintuale

dice che sono un caro amico, però scopare non si fa per il momento ha bisogno di parlare ancora un po’

son solo scuse

vuoi sempre rimandare

perché ha paura

di perdere il suo trono

lui ha paura

oggi domani sempre

avrà paura!!!

23Applausi in scena. Le checche decidono di cantare un’altra canzone. Cantano: STORNELLI MUGELLANI OMOSESSUALI (di Natalea-Pepys) sull’aria degli stornelli mugellani.

Quando nacque quel baffo nacque perverso

poteva far l’amore con maschi e donne

ma fu in famiglia poi così represso

che sol parlar di fighe gli era permesso…

L’amore è come l’edera

dove s’attacca muore

così così il mio cuore

mi si è attaccato a te

vien vien vien

bel maschietto d’amore

bada ben che la mamma non veda

bada ben che la mamma non senta

vien vien vien

bel maschiaccio d’amore

bada ben che la mamma non veda

o bell’angelo del mio cuor

Vieni qui bel maschiaccio si gioca a scopa

s’ha da giocar nel modo che so io

le tue difese e scuse metti da parte

vedi di ricordare che anche tu hai un culo

e non pretender troppi buchi dagli altri

omosessuali e donne si son stufate…

L’amore è come l’edera… (segue ritornello).

24Applausi in scena. Pausa.

Roberto Per me, i maschi son TUTTI da bruciare: «Maschi al rogo, MASCHI AL ROGO, MASCHI AL ROGO!!!» (prima da solo, poi tutte).

Giovanni Stai zitto tu, fascista! Non siamo mica nel ’67. Possibile, proprio tu che sembri uno di loro. In fondo io ho avuto sempre il sospetto che anche tu sei eterosessuale.

Roberto (Sconvolto): Io?

Enzino Basta, non negarlo. Quelli almeno hanno il coraggio di dirlo apertamente…

Maria M. Su, non cominciate, non confondiamo il pubblico con il privato…

Nereo Ehi, ehi, voialtri, un po’ di serietà. Pensate che l’eterosessualità sia una perversione o una malattia? O tutte e due le cose insieme?

Stefanacci Certo però che, di qualsiasi cosa si tratti è comunque un disturbo che provoca sofferenza. È occorre indagare con molta onestà per capire se tra questa sofferenza e l’eterofilia esiste un rapporto diretto di causa ed effetto, oppure se questa sofferenza è invece la conseguenza di sopraggiunte complicazioni. Può non essere l’eterofilia in sé che provoca sofferenza ma solo l’eterofilia rifiutata dalla società.

Enzino La Chiesa dice che è una malattia e, quando è cronica, bisogna avere molta comprensione.

Maria R. Dio mio che approssimazione. Lascia dire a me che sono tutta casa, chiesa e vespasiani. Mi sono documentata proprio in questi giorni. Santa Madre Chiesa dice: «l’eterofilia, tra i reati contro i buoni costumi, riveste una particolare malizia, per il fatto che l’atto lussurioso di libidine carnale è perpetrato addirittura sovvertendo l’ordine della natura, istituito da Dio, e violando quella «societas quae cum Deo nobis esse debet».

Giovanni Taci, perpetua! cosa c’entrano le perversioni religiose? Proprio la Chiesa che, nel medioevo, gli eterosessuali li bruciava per quanti ce n’erano.

Antonio Su su, taci tu con la tua Santa Giovanna dei Roghi! Cantiamo un’altra canzone?

25Le checche, d’accordo, cantano il TANGO DELLE FROCIE VERE (di Pepys-Natalea), sull’aria del «Tango delle capinere». Pepys e Bambola accompagnano con la chitarra mentre Stefanacci. Gimmy, Enzino e Maria R. ballano il tango.

Laggiù a piazza Martini, luogo di stupri e di abbordaggi,

viene di tanto in tanto l’eteromaschio marchettaro

volendovi trovare sfogo e felicità

ma è un’aspirante frocia e questo lui lo sa.

Ma … a mezzanotte va la frocia del piacere e nell’oscurità

(voce: che cosa mai farà?)

cercherà di godere.

Son cazzi di passion che il cul non sa tacere

e questa è la canzon di frocie e checche vere.

(voce: state attenti! ci sono troppe imitazioni in giro oggigiorno! Esigete il marchio di garanzia «vera frocia»!)

La frocia è criticata perché non prova sentimenti e brama solo i crudi corpi di queste maschie qui

presenti;

l’affetto che chiedete

(voce: affetto o a pezzi?)

è solamente rimozion

del corpo desiato vissuto sempre con timor.

Ma… a mezzanotte va la ronda dei maschiacci

e nell’oscurità cercano di abbordare.

Son cazzi di passion che vogliono sfoggiare.

Ma chi vve vole ppiù? fra noi sappiam godere.

26Le checche ora cantano STORNELLI ROMANI (di Corrado.Natalea-Pepys).

Noi siamo froci e checche, paura non abbiamo
le unghie lunghe e i denti per difenderci usiamo
quando qualcuno troppo ci provoca non sa
che questo è desiderio che lui dentro per noi ha.

Represso il padre, represso il nonno
represso il fratello della sorella
era represso pure quello, era represso pure quello;
frocio il padre, frocio il nonno
frocio il fratello della sorella
era frocio pure quello, quando si libererà?

L’altra sera rimorchiando, c’era un bbono di mio gusto,
c’ho parlato, c’ho scopato, era stupido era fusto
la mattina l’ho rivisto alla manifestazion
e con mia grande sorpresa ci menava con ardor.

Represso il questore, represso il pretore
represso il sindaco e l’assessore
ci reprimono con furore, ci perseguono con amore;
represso il questore, represso il pretore
represso il sindaco e l’assessore
solo quando spariranno liberarsi si potrà
solo quando spariranno liberarsi si potrà!

27Applausi. Pausa.

Nereo Torniamo alle cose serie. Pare che Freud, in uno dei suoi ultimi scritti – ma doveva essere già un po’ fatto – sostenga, non si sa bene con quali cavilli psicanalitici, che l’eterosessualità è una forma di sessualità come tante, né più né meno.

Roberto Piano, piano: non facciamoci prendere la mano dalla tolleranza. Vi ricordate quel famoso direttore di circo: era eterosessuale e ha ucciso una prostituta!

Bambina Io ho sentito dire che in America li curano con l’elettroshock, se vogliono. Perché, se non vogliono, li curano con la lobotomia.

Pepys Eh, piantala maggioranza silenziosa. Il fenomeno è da interpretarsi piuttosto come un sintomo della decadenza della società borghese, tipica delle situazioni di sviluppo avanzato…

Francesco Sì, cara, ma sono ancora tutti da scoprire i nessi politici che legano a livello storico e sociale la contraddizione primaria, intendo dire il rapporto di sfruttamento in fabbrica, e anche nel territorio che si realizza con l’estrazione del plusvalore; dicevo i nessi che legano la contraddizione primaria con quella secondaria che si esprime invece attraverso l’assoggettamento ideologico e che attiene, per sua natura, alla sovrastruttura propriamente detta. Insomma, bisogna scoprire cosa mai c’entrano questi qui con la lotta di classe. Ci sono delle priorità da rispettare… le masse non sono ancora preparate… Il proletariato non ci ha ancora pensato.

Bambola E quando ci penserà?

Giovanni Più avanti, più avanti. Adesso non c’è tempo. Non vedi il casino della crisi, la cassa integrazione, le fabbriche occupate, le campagne deserte. C’è già da occuparsi del salario e dell’autoriduzione, vuoi anche che ci preoccupiamo della felicità?

Natalea Però, al di là delle contraddizioni e delle priorità io credo che anche i maschi siano recuperabili. Il vizio sta nel fatto che non si rendono conto che, se volessero, in fondo sarebbero normali anche loro. Basterebbe che aprissero gli occhi. E magari anche qualcos’altro.

Enzino Vuoi dire… il culo?

Natalea Certo (sagace la mia amica). Non andate a dirlo in giro, ma io sono andato a letto con molti di questi maschi eterosessuali e non mi hanno contaminato affatto: sono qui frocia come prima, anzi, più frocia di prima…

In coro BRAVAAA!!!

Bambina A me hanno detto che in Olanda non tentano più di guarire gli eterosessuali… Ecco, leggo qui sull’ «Almanacco di Topolino»: «cercano di fare in modo che gli eterosessuali si accettino e li aiutano a presentarsi agli altri manifestando apertamente il loro particolare modo di essere. In diverse città olandesi sono sorti dei consultori per gli eterosessuali e le persone del loro ambiente. Il fine che si vuole raggiungere è l’integrazione sociale dell’eterosessualità, in modo che anche quello eterosessuale possa diventare un modo di esistere umano e rispettato. In questi consultori si fa un lavoro interdisciplinare molto avanzato: lavorano in équipe un assistente spirituale, un assistente sociale e uno psichiatra»

Natalea Bisogna stare attenti, però, che questo recupero non sfugga al controllo del movimento. C’è il pericolo che prevalgano le soluzioni di tipo individualistico, di tipo radical-borghese. Il trattamento psicoanalitico, per esempio. Nel mondo eterofilo c’è stato un allarmante incremento di questa pericolosa pratica isolazionista, soprattutto negli ultimi tempi.

Bambola Beh, insomma, staremo a vedere. Purché non venga la solita avanguardia eterosessuale a dirci che per essere rivoluzionari bisogna per forza avere avuto almeno un rapporto eterosessuale.

In coro MAI!

Roberto Sì, e poi, quando vanno al potere loro ci mandano in Siberia.

Maria R. Per cosa credete che mi stia facendo questa coperta: per la Siberia, non si sa mai.

Giovanni Sì, perché a noi Mussolini e Pacelli ci hanno portato in palmo di ano.

Maria R. Vade retro, Satana!

Giovanni Noi vinceremo!

Maria R. E noi andremo in Paradiso!

Giovanni Macché Paradiso, finirete di nuovo nelle catacombe.

Maria R. Così voi resterete senza metropolitana!

Maria M. Su, su, basta con la preistoria. Ma non vi rendete conto che stiamo andando verso il gaio, diabolico, divino COMUNISMO?

28Si spengono le luci mentre attacca l’Internazionale. Le luci si riaccendono di lì a poco mentre le checche si danno all’orgia sulla scena. Riprendono i loro posti quando la musica sta per finire. Le luci si spengono daccapo. Si accende soltanto uno spot su Bambola che, accompagnandosi con la chitarra, canta FILA LA NORMA (sull’aria di «Fila la lana». di De André). Le parole sono di Bambola.

Fila la norma, fila il tuo ruolo
illuditi ancora di esser «normale»
così facendo non farai altro
che fare il gioco del capitale.

Questa sera al Teatro Quarto un casino ci sarà
dai che andiamo un po’ a vederle queste checche in libertà.
La tua frocia misteriosa già reprimi nel parlare
or che sei qua dentro maschio, smetti un po’ di recitare.

Conta i tuoi giorni, maschio padrone
perché noi faremo rivoluzione
Fuori dai ghetti, omosessuale
affina le unghie contro il patriarcale.

È passata già mezz’ora e ancor tutto buio sta
or son stufa di aspettare che cominci il varietà
ma la nonna vanitosa più vedere non si fa
sembra quasi che a teatro non ci sia più oscenità.

Fila la norma, fila il tuo ruolo
illuditi ancora di esser «normale»
così facendo non farai altro
che fare il gioco del capitale.

Ecco forse un po’ di luci fan vedere qualche cosa
la traviata norma è varia ed alquanto numerosa.
Ma le frocie che ci fanno! su venite qua con noi
la comparsa non si addice a delle gaje come voi.

Conta le ore, maschio padrone
perché noi facciamo rivoluzione
Tutti i devianti scesero in piazza, ad ammazzare
la norma pazza
Tutti i devianti scesero in piazza, ed ammazzarono
la norma pazza

29Si accende una luce sul pubblico.
Le luci ormai sono accese sul pubblico. In fondo alla sala si vedono dei cartelli appesi al muro.

Roberto Guardate, guardate, ci sono degli eterosessuali! (col dito indica la gente in sala).

Gimmy Hanno dei cartelli. Li riconosco: sono proprio quelli del gruppo «Evviva la Norma».

Nereo Su un cartello c’è scritto: PIÙ GRAVIDANZE MENO DEVIANZE!

Pepys E là, cosa leggo? L’AMORE NON È BELLO SE NON È LITIGARELLO.

Bambola SI LAVORA E SI FATICA PER IL PANE E PER LA… EFFE.

Corrado Io non ci vedo bene: per la EFFE o per la ESSE?

Bambola Io ci vedo benissimo: è proprio la EFFE. Sarà per la frutta?

Antonio Nooo … per la fama; oppure: per la FIAT. Sì, suona bene: SI LAVORA E SI FATICA PER IL PANE E PER LA FIAT. Chissà cosa vorrà dire…

Natalea Ce n’è un altro, deve essere la linea. Dice: EVVIVA L’OPPRESSIONE DEL MASCHIO SULLA DONNA!

Stefanacci Ma questi sono gli attori!

Enzino Sentite: io voglio guardarli da vicino per cavarmi la voglia di vedere come sono fatti questi eterosessuali…

Nereo Anch’io. Va bene che lo spettacolo era gratis, però così è troppo poco.

Roberto Sentite: scendiamo sul palcoscenico e vediamo se ci sono dei maschi che ci piacciono. Se ci stanno… si potrebbe almeno fare un po’ di sesso.

Giovanni Il solito destro che non vede altro che l’uomo-oggetto!!!

Maria R. Macché uomo-oggetto e uomo-oggetto. Qui noi facciamo opera missionaria!

Bambina Qui bisogna organizzare una protesta, magari un’aggressione. Dai tu che non hai paura… (dice rivolgendosi a Antonio).

30Antonio si alza e si piazza davanti al pubblico in mezzo alla scena. Canta la prima parte della CANZONE DI JENNY (di Francesco P.) sull’aria di Jenny dei Pirati. Mentre canta lo raggiunge Maria M., che si colloca alla sua sinistra e canta la seconda strofa. Mentre Maria M. canta, li raggiunge Francesco, che si mette alla destra di Antonio e canta la terza strofa. Lo spot illumina le tre divine.

O signori voi ci guardate
e la vostra pietà ci gettate in faccia.
E scrutate i nostri gesti e la voce
e questi stracci pronti a colpire
perché siamo così.
Ma ignorate chi noi siam davvero.
Ma ignorate chi noi siam davvero.
Ma una sera al porto grideranno
e ci si domanderà che succede mai laggiù.
Si vedrà che sculettiamo sorridendo.
Si dirà: da ridere che c’è?
Tutta vele e cannoni
una nave di froci
raderà la città.

O signori quando vedrete
crollare la città vi farete smorti.
Solo noi staremo in piedi
in mezzo a un mucchio di sporche rovine e di macerie,
ci si chiederà il perché,
il perché di questo strano caso,
il perché di questo strano caso.
Poi si udranno grida vicino a noi
e ci si domanderà
come mai non sparan qui.
Verso l’alba ci vedranno uscire in strada.
Si dirà: chi sono quelle li?
Tutto vele e velette
il vascello dei froci
le mutande isserà.

E più tardi cento froci incazzati
verranno avanti e tenderanno agguati.
Faranno prigionieri tutti i maschi
li porteranno legati davanti a noi
ci diranno: chi dobbiamo denudare?
Ci diranno: chi dobbiamo denudare?
E il cannone allora tacerà
e ci si domanderà
chi dovrà godere
e allora ci udranno dire: TUTTI!
E ad ogni maschio fatto io dirò: oplà!
E la nave dei froci
tutta vele e violette
lascerà la città.

31Antonio e Francesco si siedono. Maria M. resta in piedi in mezzo alla scena.

Maria M. Allora, siete pronti? (rivolgendosi alle checche; poi, rivolgendosi al pubblico, aggiunge:) Abbiamo deciso di venire a vedere il vostro spettacolo per divertirci. Adesso basta con le chiacchiere, ne abbiamo sentite fin troppe. E. giunto il momento di passare ai fotti! (Poi, rivolgendosi di nuovo alle checche, dice:) Sentite, ho un idea…

32Le checche si riuniscono come a confabulare in crocchio attorno a lei mentre attacca la «Cavalcata delle Walkirie» di Wagner. Poi, allineate lungo il proscenio davanti al pubblico, scrutano la gente in sala con atteggiamento quasi-guerresco. Ma quando la «Cavalcata delle Walkirie» finisce, attacca l’Ave Maria di Schubert.
Allora le checche, con fare più delicato, scendono in sala e si mischiano agli spettatori, elargendo baci, carezze e sorrisi. La luce si spegne a tratti e, nel buio più assoluto, le checche cacciano strilli portentosi (pochi ma buoni). Finita l’Ave Maria, attacca «Lola» cantata da Marlene Dietrich e le checche tornano ballando sul proscenio. Finita «Lola», sono allineate di fronte al pubblico.

Maria M. Gentlemen and butchmen, the performance is going to start.

Antonio Vieilles tantes et grandes folles, le spectacle va commencer.

Natalea Signore e signori, lo spettacolo va finalmente a cominciare. Per quanto il campionario dei maschi in sala non sia questa sera particolarmente allettante, qualcuno di noi ha individuato dei partners possibili per un’esperienza sessuale. Adesso manifesteremo i nostri desideri. Gli oggetti di desiderio interpellati sono pregati di non dare risposte ambigue, evasive o negative. Non sono ammesse incertezze, scuse o tentennamenti. Gli accordi sul dove, come e quando, si prenderanno più tardi, nel modo che a ciascuno più aggrada.

33Le checche, una dopo l’altra, esprimono le scelte, motivando e rispondendo per le rime agli interpellati. Poi si seggono. Solo Francesco resta in piedi, illuminato da uno spot.

Francesco Finale piuttosto brechtiano, previa richiesta di scuse alle donne e ai finocchi presenti. Cari i miei maschi, nonostante tutta la nostra comprensione per la vostra perversione, ancora una volta, grazie alla vostra totale e incorreggibile adesione alla Norma della divisione tra i sessi e dell’oppressione maschile sulla donna che ne consegue, ancora una volta – dicevo – il sesso è rimasto per noi lo spettacolo scadente della rimozione del vostro desiderio omosessuale. Quindi è per… pura convenzione che, a questo punto, applaudiamo la vostra rappresentazione.

34Le checche applaudono stancamente e con parsimonia. Gimmy e Bambola, sedute in mezzo alla scena, cantano VEDI CARO (di Bambola, sull’aria musicale di «Vedi cara» di Guccini). Bambola accompagna con la chitarra. Le altre checche danzano.

Vedi caro, è difficile capire, è difficile spiegare,
se non hai provato mai
vedi maschio, certi ruoli son soltanto segno di un patriarcalismo
che ti porti ancora dentro
vedi caro, certe crisi son soltanto segno di una frocia dentro
che sta urlando per uscire
vedi maschio, è difficile parlare, è difficile accettare, se non hai provato mai.
Vedi caro, certe volte tu sublimi altre volte tu
rimuovi quel ch’è solo dolce sesso
vedi maschio, certe volte mi reprimi, altre volte mi violenti
con la tua fallocrazia
vedi caro, il tuo è solo un brutto gioco, il tuo ruolo dura poco
se la frocia nasce in te
vedi maschio, è difficile parlare, è difficile accettare, se non hai provato mai.

Gimmy Adesso ci sarà un po’ di musica. Potremo ballare tutti insieme. Poi ci sarà il dibattito.

Maria M. Devo fare una comunicazione importante. Riprendete i vostri posti dopo aver ballato perché verrà a trovarci un personaggio importantissimo, ancora più importante della comunicazione che sto facendo, e bisogna che tutti lo possano vedere. Sedetevi dunque dopo la musica.

35Attacca un ballabile black soul. Le checche ballano con la gente del pubblico. Poi un altro ballabile. Finito questo, le checche si allineano di nuovo lungo il proscenio, mentre attacca «God save the Queen» Entra Fulvio, il regista, vestito da Regina d’Inghilterra, e passa in rassegna le checche, che si inchinano, offrendo loro la mano da baciare. Finito 1’inno, saluta regalmente il pubblico mentre le checche gridano: DIO SALVI LA REGISTA!!!
Segue, ahinoi, il dibattito.

Lire

Accès exclusif

open access

Offert par L’éditeur de ce site