Version classiqueVersion mobile

Il teatro gay in Italia

 | 
Antonio Pizzo

Introduzione

Antonio Pizzo

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

L’apparizione il 9 marzo 1976 a Milano de La Traviata Norma diede il via alla breve stagione del teatro gay in Italia o, come allora si usava dire, «teatro frocio».1 Lo snodo principale di quell’inizio fu l’affermazione di una prospettiva che utilizzava l’omosessualità come punto di vista critico sulla società e le sue norme, mettendo al centro la figura dell’omosessuale e producendo sia una inedita visibilità politica sia una tematizzazione aggiornata al clima culturale di quegli anni.

Non era però la prima volta, in Italia, che personaggi omosessuali apparivano in testi teatrali. La novità di quel nuovo fenomeno, infatti, appare con maggior rilievo proprio se confrontiamo i nuovi protagonisti della scena con i loro predecessori. Questa introduzione cercherà di fornire alcuni spunti per mettere in luce in che modo alcuni testi, tra gli anni Cinquanta e Settanta, grazie alla loro prepotente visibilità e alle controversie che scatenarono, hanno giocato un ruolo incisivo nell’emersione...

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search