Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La malattia dell’anima e il romanzo antropologico

 | 
Elisa Leonzio

Ringraziamenti

Texte intégral

1I miei primi e più profondi ringraziamenti vanno alla professoressa Chiara Sandrin dell’Università di Torino, che ha accompagnato il mio lavoro con pazienza e sollecitudine, fornendomi consigli e spunti di riflessione fondamentali e trasmettendomi il suo rigore scientifico e morale. A lei devo la mia passione per la letteratura tedesca e la scoperta di un nuovo modo di intendere e affrontare gli straordinari intrecci filosofico-letterari che la Germania, nel Settecento e non solo, ci regala.

2Desidero anche ringraziare il professor Roberto Gilodi dell’Università di Torino per la sua disponibilità e i suoi preziosi suggerimenti.

3Ringrazio altresì il professor Alessandro Klein (Università di Torino), che ha guidato i miei primi studi sulla filosofia settecentesca e il cui sostegno non è mai venuto meno.

4Sono particolarmente grata alla professoressa -Sabine -Eickenrodt (Freie Universität Berlin/Univerzita Komen-skéno di Bratislava) e alla dottoressa Monika Meier (fino al 2006 direttrice dell’Arbeitsstelle Jean-Paul-Edition der Berlin-Brandenburgischen Akademie der Wissenschaften) per essersi confrontate con me sui piaceri e sulle fatiche degli studi jeanpauliani.

5Un sentito ringraziamento per le interessanti conversazioni e gli incoraggiamenti ricevuti va alle professoresse Jutta Müller-Tamm (Freie Universität Berlin), Ulrike Vedder (Humboldt Universität zu Berlin), Rosa Maria Piccione (Università di Torino), Germana Pareti (Università di Torino), Giuliana Ferreccio (Università di Torino) e Christine Lehleiter (University of Toronto), ai professori Alessandro Bargoni (Università di Torino) e Federico Vercellone (Università di Torino), e ai dottori Willi Ohm (University of Toronto), Eva Krivanec (Universität Wien), Grazyna Jurewicz (Goethe-Universität Frankfurt), Agata Mergler (York University), Fausto Capponi (Freie Universität Berlin) e Guglielmo Lucchese (Universität Greifswald).

6Per i tanti stimoli di cui ho potuto beneficiare in questi anni desidero inoltre ringraziare i collaboratori del gruppo di ricerca sulle Metamorfosi dei Lumi dell’Università di Torino.

7Ringrazio infine il dottor Maurizio D’Alessandro per l’attenta e partecipe lettura del mio lavoro e per l’affetto dimostratomi, e Sabine, Paola, Stefania, Alexandra, Sonja e Sebastian per la loro amicizia e i preziosi consigli linguistici.

8Impossibile elencare uno a uno gli altri amici e colleghi che mi hanno supportato (e sopportato) in questi anni tra Italia, Germania e Canada, e ai quali rivolgo quindi un ringraziamento collettivo. Un grazie speciale va però a Claudia, senza la quale molto di tutto questo non sarebbe stato possibile.

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site