Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La malattia dell’anima e il romanzo antropologico

 | 
Elisa Leonzio

Prefazione

Chiara Sandrin

Texte intégral

1Lo studio di Elisa Leonzio ripercorre, con costante riferimento alla vasta letteratura sull’argomento, il nesso che lega il problema pedagogico, il riferimento antropologico, il tema religioso allo sviluppo della forma narrativa tardo-settecentesca.

2Il lavoro si sviluppa intorno ad alcuni nodi tematici presenti nella Unsichtbare Loge di Jean Paul, osservato come uno dei migliori esempi di romanzo in cui sia possibile misurare la portata della svolta cruciale dei modi della narrazione in lingua tedesca dell’ultimo trentennio del XVIII secolo, interpretabile come “messa in questione”, come “dialettica”, dell’Illuminismo.

3Dopo aver affrontato nei primi capitoli il tema pedagogico, osservando la formazione del personaggio protagonista rispettivamente all’interno della zona oscura della coscienza e al cospetto dell’ampiezza del mondo, l’analisi riconduce questa polarità fondamentale all’impianto strutturale del romanzo stesso, che si svolge lungo costanti parallelismi stabiliti tra la grande Storia e la piccola storia, tra autore e narratore, tra narratore e protagonista, tra romanzo e metaromanzo, secondo quella strategia del Doppelgänger di cui Jean Paul è uno dei primi grandi interpreti.

4Il terzo capitolo tratta più precisamente il rapporto tra scrittura e patologia, prendendo in considerazione il vasto dibattito poetologico che si sviluppa a partire dalle premesse epistemologiche dell’estetica kantiana, i cui esiti più significativi riguardano la definizione di una poetica della crisi, di quella generale Sprachskepsis che si manifesta nella commistione dei generi e nella poetica del frammento.

5Elisa Leonzio ha svolto questo lavoro in modo ampio ed approfondito, cercando di affrontare con rigore critico non solo i nessi teoretici di volta in volta considerati, ma anche problemi del testo, in un confronto solidamente impiantato nella critica jeanpauliana più consolidata e attento alle valutazioni delle più recenti pubblicazioni delle fonti primarie.

6Il risultato scientifico di questa analisi, accompagnata da una meticolosa rassegna degli studi dedicati a Jean Paul, è particolarmente pregevole perché mette a disposizione degli studiosi una sintesi dell’evoluzione delle diverse posizioni critiche e contribuisce per molti aspetti alla precisazione del significato del romanzo antropologico.