Version classiqueVersion mobile

Il trauma di Caporetto

 | 
Francesca Belviso
, 
Maria Pia De Paulis
, 
Alessandro Giacone

Le conseguenze di Caporetto nel dibattito italiano

Crisi di coscienze

Intellettuali e politici davanti a Caporetto

Angelo d’Orsi

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

La storia delle forze armate italiane è uno stillicidio di sconfitte, talune onorevoli, ma pur sempre sconfitte. Come hanno reagito il ceto intellettuale e quello politico nel corso degli anni postunitari? Guardiamo, più precisamente, al lungo periodo che va dalla Terza Guerra di Indipendenza (1866) alla Grande guerra, e specificamente, è ovvio, a Caporetto.

Davanti a Custoza (giugno 1866, senza contare la precedente del 1848, protagonista-vittima l’Esercito sabaudo), davanti a Lissa (luglio 1866), davanti all’Amba Alagi (dicembre 1895), davanti ad Adua (marzo 1896), infine davanti a Caporetto (ottobre-novembre 1917), il sentimento prevalente negli ambienti politico-intellettuali italiani sembra essere la vergogna, che segue immediatamente allo stupore. In fondo a dispetto della notevole serie di sconfitte, in un caso almeno, quella africana di Adua, una disfatta, persisteva un senso comune autoconsolatorio, sul valore italico, che avrebbe dovuto, in qualche modo, essere la prosecuzi...

Auteur

Già Professore ordinario di Storia del pensiero politico all’Università di Torino, è direttore di «Historia Magistra. Rivista di storia critica». È membro della Commissione per l’Edizione nazionale degli Scritti di Antonio Gramsci e di quella per le Opere di Antonio Labriola. Collabora, oltre che a riviste scientifiche, al quotidiano «La Stampa», «il Manifesto», «Il Fatto Quotidiano» e a «MicroMega». Tra i suoi ultimi titoli: L’Italia delle idee. Il pensiero politico in un secolo e mezzo di storia (Bruno Mondadori, 2011); Gramsciana. Saggi su Antonio Gramsci (Mucchi Editore, 2014; ed. riv. e agg. ivi, 2015); Inchiesta su Gramsci. Quaderni scomparsi, abiure, conversioni, tradimenti: leggende o verità? (cura; Accademia University Press, 2014); 1917. L’anno della rivoluzione (Laterza, 2016); Gramsci. Una nuova biografia (Feltrinelli, 2017).

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search