Desktop versionMobile version

La parata dei fantasmi

 | 
Alessandro Cappabianca

7. Le notti bianche del fantastico

The HTML, PDF, ePub formats of this book are available to the users of libraries and institutions subscribing to the OpenEdition Freemium program for Books. The book can also be purchased on the sites of partner bookstores, in PDF and ePub formats, if the publisher has opted for commercial distribution. If a print edition of the book is available, links to bookstores will be displayed on this page.

Excerpt

7.1

Un tempo si usava anche chiamare le immagini cinematografiche “immagini viventi”. Perché “viventi”? In parte, perché immagini di natura fotografica, delle quali era dunque assicurata una corrispondenza quasi naturale con gli originali (il che valeva malgrado l’assenza del colore, per esempio, alla quale comunque si suppliva spesso con la colorazione a mano o l’imbibizione della pellicola), in parte (e soprattutto) perché erano immagini dotate di movimento, e niente come il movimento, apparentemente autonomo, dà l’idea della vita, come insegna la sottile inquietudine trasmessaci da automi e robot. Oltre che Spettri, in effetti, potremmo chiamare le creature cinematografiche Automi, Automi senza spessore, le cause dei cui movimenti, appartenenti all’universo della tecnica, ci sfuggono. Così si spiegano certe leggende, come quella degli spettatori impressionati dall’arrivo del treno dei Lumière, e anche l’idea geniale di Orson Welles, che faceva distruggere lo schermo a colpi di spa...

© Accademia University Press, 2018

Terms of use: http://www.openedition.org/6540

Buy

Print version

amazon.fr
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search