Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Crescere nell’Assurdo

 | 
Lorenzo Donati
, 
Rossella Mazzaglia

Premessa

Progetto

Lorenzo Donati et Rossella Mazzaglia

Texte intégral

1La peculiare forma dell’assurdo messinese ci ha condotto, tra il 14 e il 17 novembre 2016, a un’esplorazione multipla dal pieno al vuoto della città: dai grovigli urbani alle rovine marittime, dagli orizzonti occupati da insediamenti ferroviari a quelli aperti ma che comunque guardano alla sponda calabrese, dalla densità delle pagine scritte fra teatro e letteratura alla rarefazione dei silenzi dei corpi in scena. Nelle pagine che seguono tracciamo i contorni di tale percorso, reso concretamente peripatetico grazie all’accompagnamento di una sociologia che racconta sul campo (insieme a Pier Paolo Zampieri e Pier Luca Marzo, con le fotografie degli studenti guidati da Francesco Parisi). Si tratta di un andare cadenzato dal ritmo stesso del passo, camminando per la città e osservando nella trama architettonica del presente ciò che ancora traluce dai mutamenti del passato: dalla ricostruzione urbanistica successiva alla devastazione di terremoto e guerra al mare della zona falcata; dal degrado di edifici e aree urbane dismesse all’immaginario che rinasce grazie all’intervento di artisti che osano costruire frammenti di bellezza critica nei crocicchi, nel deserto urbano lasciato dal tramonto di un’industrializzazione drogata.

2Dai vuoti ai pieni, nel mezzo, s’insinua la trasfigurazione del teatro, che ci accompagna attraverso il cimitero monumentale con le sue identità che chiedono di diventare storie, verso il Teatro dei Naviganti di Domenico Cucinotta e Mariapia Rizzo, esperienza ventennale che ridona cittadinanza a ciò che si considera periferico, escluso, emarginato, accorgendoci, con la biografia dell’attore Pippo Venuto (ex detenuto e attore della Compagnia della Fortezza) e con le parole di Jean Genet, dell’assoluta necessità culturale dei discorsi che provengono dai margini, capaci di descrivere le mutazione del reale spesso con molta più pregnanza di chi opera nei centri culturali e geografici del nostro paese. Si può dunque Scrivere nell’assurdo, titolo della tavola rotonda con scrittori e drammaturghi che qui documentiamo, e da lì insegnare un valore per l’assurdo quotidiano che viviamo tutti, ma le cui conseguenze vengono pagate soprattutto da chi, oggi, sta crescendo?

3Mentre gli incontri di parola sono stati aperti alla cittadinanza e condotti sia all’Università, sia nel territorio (alla sede del Teatro dei Naviganti e alla Multisala Apollo di Messina), le passeggiate hanno portato gli studenti del Dams e della magistrale in Turismo e Spettacolo dell’Università di Messina dal “centro” di Piazza Cairoli verso una periferia a molti ignota. Tanto la scelta del tragitto più efficace e spiazzante, quanto la costruzione di tappe performative hanno insistito sui meccanismi percettivi dello spazio urbano, di cui morfologia e struttura sono serviti da punti di partenza per rivelarne valenza simbolica e potenzialità mnestica ed evocativa, e così produrre un incantamento inaspettato nei partecipanti.

4Lo ricerchiamo ancora, adesso, componendo scritti e immagini; ripensando e “rifacendo” Crescere nell’Assurdo. Uno sguardo sullo Stretto sulla carta. La concezione del volume perlustra, infatti, la spazialità astratta della pagina, per ricrearla secondo una drammaturgia verticale che, mentre segue il dipanarsi cronologico dell’esperienza narrata, nell’intreccio tra fotografie, illustrazioni, testimonianze-inserti e scrittura saggistica, chiede al lettore di lasciarsi andare alla propria immaginazione, al piacere e al disagio, oltre che alla riflessione. Le stesse fotografie, realizzate dagli studenti nella seconda e nella terza fase del laboratorio “Ti vedo” (e che ora compongono un dossier a cura di Parisi), sono, infatti, inserite sia con la finalità di sostenere lo scritto con complicità, sia di ingenerare aperture di senso e collisioni rispetto al testo. Coerentemente con quest’impostazione del volume, il registro linguistico è discorsivo. Suggerisce anch’esso un andare cadenzato da soste e curvature che chiedono di essere dispiegate. Poche, dunque, anche le note.

  • 1 R. Barthes, Il piacere del testo, Einaudi, Torino 1999, p. 11.

5«Corro, salto, alzo la testa, mi reimmergo»,1 penetro nelle faglie tra linea diegetica ed esperienza estetica evocata da illustrazioni, inserti e testimonianze, ricompongo l’ethos di un cammino polifonico, di una narrazione collettiva in cui inscrivermi con il mio sguardo: questa, dunque, la proposta che si rilancia al lettore nella sezione “Passeggiate e Visioni”, per concludere, in “Attraversamenti”, con la voce di scrittori e drammaturghi che dall’assurdo sono partiti per le loro elaborazioni artistiche e con un consuntivo teorico che lascia spazio, infine, alle domande aperte di un percorso di ricerca di cui Crescere nell’Assurdo. Uno sguardo dallo Stretto costituisce solo una tappa. Oltre agli autori, cui va un ringraziamento aggiuntivo per avere accolto la proposta di elaborare i propri interventi orali o di avere curato la selezione fotografica per la pubblicazione, per la partecipazione attiva nella realizzazione del progetto, per l’autorizzazione alla pubblicazione di estratti e citazioni dagli incontri e per il materiale iconografico fornito, si ringraziano: Monia Alfieri, Orazio Berenato, Peppe Carullo, Manuela Caruso, Tino Caspanello, Nunzio Croce, Domenico Cucinotta, Cristiana Minasi, Cinzia Muscolino, Guglielmo Pispisa, Mariapia Rizzo, Spiro Scimone, Saverio Tavano, Giuseppe Venuto, Federico Vitella. Il sociologo Pietro Saitta e lo storico dell’arte Mosé Previti, per il confronto iniziale e per la consulenza su parti specifiche del progetto. Similmente, Alex Giuzio e Serena Terranova di Altre Velocità per il sostegno nelle fasi ideative.

6Mariachiara Di Giorgio per la realizzazione di un’illustrazione originale. Graziano Graziani per la stesura della postfazione.

7Per avere acconsentito a incanalare Crescere nell’Assurdo. Uno sguardo dallo Stretto all’interno dei percorsi formativi del Dipartimento di Scienze Cognitive, Psicologiche, Pedagogiche e degli Studi Culturali, si ringrazia il Direttore, prof. Antonino Pennisi, e tutto il personale amministrativo che ha collaborato alla sua realizzazione. In particolare, Assunta Penna, per la preziosa consulenza nelle fasi ideative e per l’indispensabile supporto organizzativo nella gestione dei laboratori didattici e delle iniziative del progetto. Il liceo scientifico Seguenza e il liceo classico Maurolico, per la partecipazione al laboratorio “Crescere Spettatori” e, in particolare, la prof.ssa Palumbo per il coordinamento e l’accoglienza nella propria classe.

8Una menzione meritano, inoltre, i tutor che hanno affiancato l’organizzazione delle attività e contribuito alla trascrizione degli interventi: Mirabel Nicolosi, Santina Nibali, Venera Santoro, Adriana Faciano, Michele Rasi. Tutti gli studenti che hanno accolto con entusiasmo un’esperienza fuori dai consueti formati accademici e, particolarmente, i partecipanti del laboratorio di fotografia che hanno documentato il progetto: Grazia Alvaro, Alessandra Berenato, Alice Camardella, Enrico Calcagni, Rita Carbone, Martina De Luca, Gloria Di Bella, Antonio Di Perna Florulli, Marina Fulco, Stefania Mazzara, Mirabel Nicolosi, Sarah Signorino, Antonia Tripodi.

Notes

1 R. Barthes, Il piacere del testo, Einaudi, Torino 1999, p. 11.

Table des illustrations

Titre 5
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/3967/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 215k

Auteurs

Giornalista e critico teatrale, si laurea con una tesi sul teatro argentino di Buenos Aires e i suoi studi vertono in particolare sullo spettatore a teatro in ottica interdisciplinare. È tra i fondatori di Altre Velocità, gruppo attivo fra giornalismo, radiofonia ed educazione dello sguardo. Collabora e ha collaborato con riviste specialistiche a livello nazionale, settimanali e radio locali e fa parte della giuria dei Premi Ubu. Ha svolto attività di progettazione culturale per istituzioni pubbliche, come dal 2010 al 2014 quando ha lavorato per il Comune di Ravenna per la candidatura a Capitale Europea della Cultura. Si occupa sul campo di educazione allo sguardo attraverso laboratori per spettatori, percorsi di divulgazione e workshop di giornalismo critico presso scuole secondarie, università e teatri. È fra i coordinatori di Crescere spettatori, progetto di Altre Velocità che punta a creare un modello sperimentale di formazione del giovane pubblico. Dal novembre 2017 sta svolgendo un dottorato di ricerca in arti visive performative e mediali all’Università di Bologna attorno all’identità e all’avventura dello spettatore teatrale

insegna all’Università di Bologna e all’Università di Messina, dove è ricercatrice senior. È autrice dei seguenti libri: Virgilio Sieni. Archeologia di un pensiero coreografico, Spoleto, Editoria e Spettacolo, 2015; Danza e Spazio. Le metamorfosi dell’esperienza artistica contemporanea, Modena, Mucchi Editore, 2012 (Seconda edizione: 2015); Judson Dance Theater. Danza e controcultura nell’America degli anni Sessanta, Macerata, Ephemeria, 2010; (con Adriana Polveroni), Trisha Brown. L’invenzione dello spazio, Pistoia, Gli Ori (edizione bilingue: italiano/inglese); Trisha Brown, Palermo, L’Epos, 2007. Per il 2017 e il 2018, è co-direttrice del Bologna Social Practice Lab con l’artista visivo Pedro Lasch (Duke University) presso la Summer School in Global Studies and Critical Theory (Università di Bologna, Duke University, University of Virginia)

© Accademia University Press, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site