Desktop versionMobile Version
OpenEdition Books

L’attore di fuoco

 | 
Marcella Scopelliti

Nota editoriale

Volltext

Questo libro è nato diversi anni fa, come tesi di laurea magistrale. Da allora molto è cambiato e dell’originaria prova accademica resta soltanto il disegno generale e un orgoglioso e spregiudicato sentimento d’amore per la materia. Sono molte le persone che per motivi diversi sento di dover ringraziare.

In primis grazie alla mia famiglia per avere supportato i miei studi e per molte altre cose.

Grazie a Charlotte Gschwandtner per i lunghi pomeriggi di traduzione e al professor Antonio Attisani per la paziente e attenta rilettura.

Grazie a Francesco Ferrari, vero e proprio fratello di studi e costante interlocutore.

Grazie ad Alessio Azeglio “polytropos”, non soltanto per le sue interminabili lezioni di storia ma perché senza di lui questo libro sarebbe ancora chiuso in un cassetto, grazie per le battaglie vinte e soprattutto per quelle perse, grazie per avermi tenuta per mano.

1I libri che sono materia viva di questa ricerca, testi soprattutto di Martin Buber e Jerzy Grotowski, non sono stati considerati semplicemente come tracce generiche ma come testimonianze. Se il loro compito a livelli diversi è quello di restituirci ciò che non è stato chiuso a chiave nel forziere del tempo, il compito di chi li riapre è quello di una interrogazione costante, di un dialogo che consenta di incontrarli – poiché i loro autori sono ormai “testi” – a notte fonda al lume di una candela, come quando si incontra qualcuno di speciale.

  • 1 M. Gallucci, Nostalgia di Orfeo, in Aa. Vv., Musicus discologus 2. Musiche e scritti per l’80° anno (...)
  • 2 I due testi, pubblicati in tempi e circostanze diversi (il primo nel programma di sala di uno spett (...)
  • 3 M. Buber, La Duse a Firenze e Tre ruoli di Ermete Novelli, in Antonio Attisani, Actoris Studium Alb (...)
  • 4 Cfr. A. Attisani, Actoris Studium Album # 1 cit., pp. 106-116.

2Questa ricerca prende le mosse da due importanti sollecitazioni. La prima proviene dal lavoro di Marcello Gallucci e in particolare da Nostalgia di Orfeo,1 un breve contributo pubblicato nel 2007. Lo studioso, oltre ad avere tematizzato l’influenza di Martin Buber su Jerzy Grotowski, ha iniziato a tracciare un percorso autonomo del filosofo all’interno del teatro del suo tempo, soffermandosi sull’importante esperienza presso la città-giardino di Hellerau e su due scritti, che qui pubblichiamo per la prima volta in italiano (insieme a un terzo che riguarda la compagnia Habima): Il problema dello spazio scenico del 1913 e Dramma e teatro del 1925.2 La seconda sollecitazione è legata al lavoro di Antonio Attisani, il quale ha recentemente pubblicato in Italia due altri brevi contributi di Martin Buber che qui riproponiamo: La Duse a Firenze del 1905 e Tre ruoli di Novelli del 1906.3 Nel suo Primo commento su Buber4 Attisani ha dimostrato come questi scritti del filosofo possano gettare nuova luce critica sui due attori italiani e lo studioso ha inoltre cominciato a riflettere sull’influenza del filosofo nella poetica di Jerzy Grotowski.

  • 5 B. Casper, Il pensiero dialogico. Franz Rosenzweig, Ferdinand Ebner e Martin Buber, Morcelliana, Br (...)
  • 6 Si tratta di un corpus di più di duecento scritti tutti pubblicati tra il 1897 e 1923 (cfr. Margot (...)

3Il nostro studio è un tentativo di unificare e sviluppare queste due indagini attraverso la stesura di un profilo organico di Martin Buber: un profilo che sia umano e biografico, quindi filosofico e tea-trale. Come già accennato, si è pensato inoltre di raccogliere, in una breve appendice antologica curata da Francesco Ferrari, i testi del filosofo che più direttamente affrontano la tematica tea-trale. Sebbene il più tardo di questi scritti, quello sul teatro Habima, risalga al 1929, lo studio qui proposto affronta solo un primissimo periodo della biografia di Martin Buber, all’incirca gli anni che vanno dalla nascita nel 1878 ai primi anni Dieci e cioè alla conclusione dell’esperienza presso l’istituto di Jaques-Dalcroze a Hellerau. Così, pur riferendoci direttamente al pensiero dialogico, nel modo in cui il filosofo lo andrà a formulare più compiutamente nel 1923 con Io-Tu [Ich und Du], ci concentreremo maggiormente sulla fase “predialogica” oggi in parte ancora sconosciuta. Come ricorda Bernhard Casper, la maggior parte degli studiosi è quasi sempre partita ragionevolmente da Io-Tu anche se questa prima opera «non è affatto un inizio» ma piuttosto «una conclusione», un «frutto maturo».5 Sebbene gli anni precedenti a Io-Tu rappresentino un impegno filosofico che Buber non riprenderà poi nella stesura delle sue Werke, occorre tuttavia avere ben presente che essi rappresentano un corpus bibliografico di centinaia di pubblicazioni6 con un’innegabile impronta più poetica che sistematica. Si tratta di scritti molto peculiari e distanti, per stile e metodo, dalla chiarezza e dall’equilibrio formale delle opere più mature. Come si avrà modo di vedere leggendo la breve antologia in appendice, lo stile del giovane filosofo è solenne e composito, d’ispirazione nietzschiana e con suggestioni dal primo Hofmannsthal.

4Il tentativo più esplicito di questa ricerca è volto a recuperare alcuni scritti predialogici caduti nel quasi completo oblio e a tessere nuovi intrecci tra la filosofia buberiana e il teatro (considerando per di più che esso resta un argomento praticamente inesplorato dalla critica), il tutto seguendo gli itinerari umani di un pensatore eclettico e atipico nel suo porsi “non senza contraddizioni” come crocevia paradigmatico tra Oriente e Occidente.

5Non deve stupire che l’ultima tappa di questo nostro viaggio sia interamente dedicata a Jerzy Grotowski, poiché sia il maestro polacco sia il filosofo viennese si sono fatti portatori di una visione del mondo al cui centro si muove e agisce il Performer (con l’iniziale maiuscola, come voleva Grotowski). Attore, attuante e performer sono soltanto nomi per chiamare in causa il compito etico, politico e insieme artistico dell’uomo comune che voglia, attraverso il lavoro su di sé, farsi intero. Perciò non ci si è posti alcun problema nell’usare anacronisticamente il termine performer anche per quegli attori che passano, nei primi anni del secolo scorso, sotto la lente d’ingrandimento di Martin Buber. Performance, nel suo etimo francese antico, non è quell’azione volta a un risultato né costituisce una mera prestazione. Parfournir richiama al contrario ed emblematicamente proprio il “formare in modo compiuto”, quell’azione che è sottesa nella poetica del giovane Buber sionista, tutta incentrata sul portare a compimento, sul realizzare. L’azione per eccellenza, quella che, avulsa dalla logica degli scopi del mondo “ordinato”, è il compito supremo e insieme l’estrema libertà dell’uomo. Ecco il compito del teatro, sia per l’ebreo della Vienna fin de siècle di Buber sia per il laico della Polonia comunista di Grotowski: attualizzare l’uomo, renderlo “reale”.

  • 7 Occorre ricordare alcuni tra i testi critici che hanno concentrato le proprie indagini sulla frase (...)

6Per tornare al nostro filosofo, aggiungiamo che questi argomenti e i relativi testi (talvolta esplicitamente artistici ma più spesso, e nei casi più interessanti, strettamente filosofici) sono per lo più stati ignorati dalla comunità degli studi, che invece si è concentrata sulle opere più propriamente filosofiche e sulla produzione più matura. Ai fini della presente ricerca la bibliografia a disposizione è dunque molto ampia, se si considera il tentativo di ricostruzione biografica e filosofica, e tuttavia esigua, se ci si riferisce all’ambito tea-trale e alla produzione letteraria del giovane Buber.7 Lavorare su questo corpus significa mettere piede in un territorio che è un grande campo o laboratorio aperto, sicuramente non esente da contraddizioni e polemiche. Questo stato dell’arte ha suscitato in chi scrive da una parte un sostanziale entusiasmo e un sentimento di libertà nel trattare un argomento praticamente inedito ma anche, d’altra parte, la consapevolezza di dover fare un passo fuori dalla propria disciplina rischiando così una certa spregiudicatezza e l’eventuale sensazione di una trattazione superficiale.

7Tuttavia la benedizione della scrittura consiste nella possibilità di una sua riformulazione e nella possibilità di gettare ponti tra chi scrive e chi legge, tra chi ha scritto e chi, grazie a questi ultimi, ne scriverà per la prima volta.

Anmerkungen

1 M. Gallucci, Nostalgia di Orfeo, in Aa. Vv., Musicus discologus 2. Musiche e scritti per l’80° anno di Carlo Marinelli, a cura di M. E. Marinelli e A. G. Petaccia, ETS, Pisa 2007, pp. 317-328.

2 I due testi, pubblicati in tempi e circostanze diversi (il primo nel programma di sala di uno spettacolo di Paul Claudel a Hellerau e il secondo invece per una rivista) erano finora consultabili nell’originale tedesco o in inglese in Maurice Friedman, Martin Buber and the theatre, Funk & Wagnalls, New York 1969.

3 M. Buber, La Duse a Firenze e Tre ruoli di Ermete Novelli, in Antonio Attisani, Actoris Studium Album # 1. Processo e composizione nella recitazione da Stanislavskij a Grotowski e oltre, Edizioni dell’Orso, Alessandria 2009, pp. 95-105. I due articoli erano originariamente apparsi su rivista: M. Buber, Die Duse in Florenz, «Die Schaubühne», i, 15, Dezember 14, 1905, pp. 422-424 e Drei Rollen Novellis, «Die Schaubühne», ii, 2, Januar 11, 1906, pp. 42-48.

4 Cfr. A. Attisani, Actoris Studium Album # 1 cit., pp. 106-116.

5 B. Casper, Il pensiero dialogico. Franz Rosenzweig, Ferdinand Ebner e Martin Buber, Morcelliana, Brescia 2009, p. 29.

6 Si tratta di un corpus di più di duecento scritti tutti pubblicati tra il 1897 e 1923 (cfr. Margot Cohn e Rafael Buber, Martin Buber. A bibliography of his writings (1897-1978), KG Saur, Munchen-New York-Paris 1980, pp. 13-29).

7 Occorre ricordare alcuni tra i testi critici che hanno concentrato le proprie indagini sulla frase predialogica: M. Friedman, Martin Buber’s Life and Work, Wayne State University Press, Detroit 1988; M. Buber, The first Buber: youthful writings of Martin Buber, a cura di Gilya G. Schmidt, Syracuse University Press, New York 1999, Paul R. Mendes-Flohr, From mysticism to dialogue: Martin Buber’s transformation of German social thought, Wayne State University Press, Detroit 1989, M. Buber, Rinascimento ebraico. Scritti sull’ebraismo e sul sionismo (1899-1923), a cura di Andreina Lavagetto, Mondadori, Milano 2013. Tra le nuove leve di studiosi si deve ricordare Francesco Ferrari che non soltanto ha curato le edizioni di diversi scritti predialogici, ma soprattutto ha ragionato su questa prima fase nelle due monografie Religione e religiosità. Germanicità, ebraismo, mistica nell’opera predialogica di Martin Buber, Mimesis, Milano 2015 e Presenza e relazione nel pensiero di Martin Buber, Edizioni dell’Orso, Alessandria 2012.

Lesen

Freemium

open access

Angeboten von L’éditeur de ce site

Kaufen