Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Autopsia di un diritto politico

 | 
Simone Battiston
, 
Stefano Luconi

Il voto degli italiani negli Stati Uniti: conservatorismo e bassa partecipazione

Stefano Luconi

Texte intégral

Introduzione

  • 1 Quando non è indicato diversamente, tutte le percentuali sul voto di questo capitolo fanno riferime (...)

1Insieme a Belize, Canada, Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Messico, Nicaragua, Panama e dodici nazioni insulari caraibiche, gli Stati Uniti concorrono all’elezione del senatore e dei due deputati attribuiti alla ripartizione America settentrionale e centrale all’interno della circoscrizione estero. Tra tutti questi Paesi, gli Stati Uniti rappresentano il principale per il numero di cittadini italiani che ci vivono, l’entità di votanti potenziali e il volume degli elettori effettivi: rispettivamente 257.374 al 31 dicembre 2016 (Ministero dell’Interno, 2017, p. 7) nonché 229.301 e 59.771 nel 20181. Nel complesso i voti validi scrutinati negli Stati Uniti per la Camera e per il Senato nel 2018 hanno costituito rispettivamente il 55% e il 54,8% di tutti i suffragi espressi nella ripartizione America settentrionale e centrale nonché il 4,8% e il 4,9% del totale delle schede inviate dagli italiani nel mondo nelle consultazioni politiche del 2018. Pertanto, pur presentandosi come una minoranza relativamente ristretta degli elettori che vivono fuori d’Italia, i votanti degli Stati Uniti sono stati da soli la maggioranza di quelli compresi nell’intero distretto dell’America del Nord e del Centro.

2Oltre al peso sull’assegnazione dei seggi di questa ripartizione, la rilevanza degli Stati Uniti nella geografia elettorale degli italiani all’estero risiede anche in una duplice dimensione storica. Da un lato, questa nazione si è configurata come la meta privilegiata dei flussi emigratori italiani nel passato e, ancora nell’ultimo quinquennio, ha oscillato tra la quinta e la sesta destinazione mondiale per quantità di trasferimenti nonché tra la prima e la seconda meta extraeuropea (Tirabassi e del Pra’, 2014, p. 26; Licata, 2017, p. 21). Non a caso, secondo il censimento statunitense del 2010, circa 17,8 milioni di residenti in questo Paese si sono attribuiti radici italiane e, quindi, in teoria potrebbero cercare di farsi riconoscere la cittadinanza della loro nazione ancestrale per partecipare alle sue scelte politiche (Egmont, 2015, p. 176). Dall’altro lato, gli emigranti negli Stati Uniti avevano rivendicato una propria rappresentanza specifica nel Parlamento italiano fino dal 1908, in occasione della prima conferenza degli italiani all’estero (Napolitano e Di Stefano, 1969, p. 3). Inoltre, a partire dal secondo dopoguerra, i loro discendenti si erano mobilitati per domandare la prerogativa di votare senza dover rimpatriare, una richiesta avanzata soprattutto dalle persone dotate di doppia nazionalità dopo che la sentenza Afroyim v. Rusk della Corte Suprema federale aveva sancito nel 1967 il diritto degli statunitensi a partecipare alle elezioni di Paesi stranieri senza essere più sanzionati con la perdita della cittadinanza americana, come era avvenuto invece in precedenza (Rossel, 1967; Abc, 1968; Lezza, 1968).

3Gli italoamericani hanno anche provato ripetutamente a influenzare le elezioni del loro Paese d’origine dopo la fine del secondo conflitto mondiale, ancorché spesso in modo indiretto. L’episodio più noto, che quindi non necessita di ulteriori dettagli in questa sede, assunse la veste delle numerose lettere, almeno un milione secondo le stime più contenute, spedite in occasione delle elezioni politiche del 1948 per indurre parenti e amici rimasti in Italia a non votare per i candidati comunisti e socialisti del Fronte Popolare (Gambino, 1975, p. 449; Mistry, 2014, pp. 141-43). Sforzi in proposito, preceduti da una campagna epistolare a favore della scelta repubblicana nel referendum istituzionale del 1946 (Members, 1946), proseguirono negli anni successivi. Ancora nel 1976 gli Americans for a Democratic Italy si cimentarono nel velleitario tentativo di allestire «un ponte aereo per consentire agli italiani residenti negli Stati Uniti e che hanno conservato il diritto di voto di raggiungere le rispettive sedi elettorali» nella patria d’origine, allo scopo di contribuire a sventare la presunta minaccia della vittoria del partito comunista nelle consultazioni che avrebbero potuto segnare il «sorpasso» nei confronti della Democrazia Cristiana (Per la difesa, 1976).

I risultati elettorali

4Nel 2018, in una cornice contrassegnata da una bassa partecipazione, pari a poco più del 26%, nelle elezioni per entrambi i rami del Parlamento, la coalizione di centrodestra – composta da Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia – ha ottenuto la maggioranza relativa, sia alla Camera, dove ha conseguito il 31,2% dei voti, sia al Senato, dove ha conquistato il 31,5%. Il Partito democratico si è rivelato la seconda forza politica. Ha, infatti, ricevuto il 27,7% dei suffragi alla Camera e il 28,4% al Senato, staccando nettamente il Movimento 5 Stelle, che non è riuscito ad andare oltre rispettivamente il 19,3% e il 19,6%. Sono risultate, quindi, elette Fucsia Nissoli di fi e Francesca La Marca del pd alla Camera nonché Francesca Alderisi, un’altra forzista, al Senato.

  • 2 Per un autoritratto di Nissoli, si veda anche la sua intervista con Mucci (2016, pp. 266-69).

5Per le prime due si è trattato di una conferma del mandato, sebbene nel 2013 Nissoli fosse entrata a Montecitorio attraverso la lista Con Monti per l’Italia, per poi approdare a fi soltanto nel 2017, dopo essere transitata attraverso altri gruppi parlamentari (Nissoli, 2017a)2. In particolare, in virtù del fatto che il cosiddetto Rosatellum consente l’espressione di preferenze nella circoscrizione estero, negli Stati Uniti Alderisi ha avuto 6.536 voti, rispetto ai 1.447 di Mario Cortellucci di fdi, e Nissoli ha ottenuto 4.257 preferenze, contro le 3.086 di Matteo Gazzini della Lega (Veronesi, 2018; Pozzi, 2018a). La constatazione che Alderisi e Nissoli hanno nettamente sopravanzato i loro colleghi di schieramento attesta soprattutto che negli Stati Uniti fi continua a godere di un’egemonia nel campo conservatore che, invece, ha perduto in Italia a beneficio della Lega. L’elezione di Alderisi, residente a Roma ma popolare volto di Rai International prima, e di Rai Italia poi, in America settentrionale (I candidati, 2018) è quasi apparsa una riedizione del «partito televisivo» di Berlusconi, ormai da tempo tramontato in Italia (Novelli, 2004).

  • 3 L’autore ringrazia il dottor Massimiliano Baragona, del Ministero dell’Interno, per avergli fornito (...)

6Osservatori che si sono espressi in maniera un po’impressionistica pochi giorni dopo le consultazioni hanno attribuito a Internet un’influenza determinante per l’esito delle elezioni (Cazzullo, 2018). Questo rilievo avrebbe dovuto essere ancora più marcato nella circoscrizione estero a causa dell’ampiezza dei collegi e, quindi, della maggiore facilità a condurre la campagna avvalendosi dei social media. Inoltre, proprio negli Stati Uniti la rete avrebbe potuto legittimamente essere considerata lo strumento più significativo per orientare le scelte dei votanti, in base al precedente della vittoria di Donald J. Trump nelle presidenziali del 2016, grazie in parte alla diffusione di fake news e all’accorto ricorso a Twitter (Haensschen, Horning e Kuypers, 2018). Eppure, nonostante la vastità della ripartizione e malgrado il caso pregresso di Trump, nell’America settentrionale e centrale il voto ha avuto anche una componente locale non secondaria. Per esempio, nello scrutinio per la Camera, nel distretto consolare di Los Angeles, il m5s – che candidava un ingegnere informatico di San Francisco, ancorché originario di Teramo, Emanuel Mazzilli – ha raggiunto il 24,5% dei suffragi, cioè oltre cinque punti in più rispetto a quanto conseguito nel complesso del Paese3. Allo stesso modo, Nissoli, prima per preferenze nel centrodestra negli Stati Uniti, dove risiedeva, in Canada ne ha avute meno dell’ex senatore forzista Basilio Giordano, che viveva a Montreal (Veronesi, 2018).

  • 4 Nel caso degli elettori residenti all’estero le ore 16:00 del 1° marzo sono state il termine ultimo (...)

7La tenuta relativa del pd era ipotizzabile alla luce dell’esito del referendum costituzionale del 2016, quando i cittadini residenti negli Stati Uniti avevano approvato con il 58,9% dei suffragi il pacchetto di emendamenti proposto dal governo Renzi, che era stato bocciato dal 59,1% dal totale dei votanti. In particolare, gli italiani di questo Paese sono stati appena sfiorati dalla deriva sovranista e populista che ha invece travolto l’Italia il 4 marzo4. Tale esito è, almeno in parte, spiegabile in ragione delle caratteristiche specifiche dell’elettorato estero e con alcuni condizionamenti del contesto politico della società d’adozione. Come ha osservato tra gli altri Piero Bassetti, chi si riconosce nel modello italiano pur stando all’e-stero travalica di per sé le limitazioni dei confini e, quindi, la pluri-identità ne contraddistingue i comportamenti (Bassetti, 2016, pp. 165-67). Tale atteggiamento, che rifugge il nazionalismo quasi per definizione, è stato riscontrato in particolare per gli italiani trasferitisi a New York negli ultimi anni (Fortuna, 2015, p. 242). Il paradigma si presta particolarmente al caso di coloro che esercitano il suffragio in quanto cittadini italiani. Proprio per il fatto di risiedere fuori della propria nazione, i votanti che vivono negli Stati Uniti si collocano in una dimensione di riferimento cosmopolita che li ha resi meno permeabili agli accorati richiami leghisti alla difesa della sovranità italiana. Non appare casuale che la lista con il programma maggiormente internazionalista, + Europa, abbia ricevuto negli Stati Uniti il 7,9% al Senato e il 7,7% alla Camera, percentuali che – se ottenute nelle circoscrizioni italiane – avrebbero consentito alla formazione guidata da Emma Bonino di centrare con larghissimo margine quel quorum che ha invece mancato per poche migliaia di voti. Come si sarebbe rammaricato dopo la formazione del governo della Lega e del m5s Massimo Jaus (2018), un italiano immigrato negli Stati Uniti nel secondo dopoguerra, «mai mi sarei immaginato di vedere l’Italia in mano alle destre anti europee, anti immigrati e pro Russia».

8Quest’ultima osservazione illustra anche che il sovranismo residuale potrebbe aver addirittura penalizzato la Lega e il m5s, in considerazione soprattutto della denuncia di presunti tentativi di ingerenza russi nella politica italiana attraverso il sostegno di Mosca a queste due formazioni. Proprio negli Stati Uniti, un Paese la cui opinione pubblica era stata resa particolarmente sensibile a queste problematiche dal cosiddetto Russiagate, tali accuse avevano trovato un autorevole avallo alla vigilia del voto in un articolo che l’ex vicepresidente democratico dell’amministrazione Obama, Joseph R. Biden Jr., aveva pubblicato su Foreign Affairs in collaborazione con l’ex sottosegretario alla Difesa Michael Carpenter, e che era stato ripreso dalla stampa italoamericana. Tra l’altro, come esempio dell’ipotetico condizionamento di Mosca, gli autori avevano citato in maniera specifica la bocciatura del referendum costituzionale del 2016 sul quale si era espressa in favore la maggioranza dei votanti residenti negli Stati Uniti (Biden e Carpenter, 2018, pp. 50-51; Franzi, 2018).

9Inoltre, la disponibilità di un’occupazione, sia pure conseguita all’estero, ha ridimensionato il voto di protesta. Come ha osservato Anna Grassellino, responsabile per gli italiani nel mondo del pd, «La maggior parte degli italiani all’estero non vivono [sic!] la sofferenza della mancanza di lavoro, della difficoltà nell’arrivare alla fine del mese. Molti di noi sono andati via e hanno trovato un buon impiego, conducono una vita soddisfacente in paesi che per la maggior parte funzionano meglio dell’Italia, che offrono servizi, infrastrutture» (Grassellino, 2018, p. 6). Nel caso degli immigrati più recenti negli Stati Uniti, sebbene non manchino esempi di presenze irregolari, si tratta molto spesso di lavoratori iperqualificati che hanno attraversato l’Atlantico senza particolari rimpianti (Mignone, 2016, pp. 332-33). Sulle loro scelte sono, dunque, riuscite a esercitare una minore attrattiva sia la proposta pentastellata del reddito di cittadinanza, sia le promesse di chi, come Gazzini, ha un po’pedissequamente riecheggiato – pure in ambito americano – lo slogan salviniano del «prima gli italiani, sempre» (cit. in Mamone, 2018), pensato per ottenere consenso politico tra gli xenofobi. L’unica variante sul tema avanzata da Gazzini, per cercare di mettersi in sintonia con interlocutori essi stessi espatriati o con i loro epigoni, è stata l’impegno a facilitare il recupero della cittadinanza italiana da parte dei discendenti degli emigranti «prima di darla a chi non è italiano» (cit. in Demelas, 2018). Allo stesso modo, i progetti leghisti di riforma fiscale riproposti da Gazzini (2018) – dall’introduzione della flat tax alla rimodulazione dell’imu – non potevano che suscitare indifferenza tra i residenti negli Stati Uniti, fatta forse eccezione per gli sporadici casi di proprietari di immobili in Italia. D’altro canto, tra gli italoamericani chi ha prestato attenzione alla questione dell’aliquota unica ha ironizzato sul fatto che tale ipotesi di tassazione non potesse essere assolutamente considerata «la parola magica della giustizia fiscale», come nel caso del giudizio espresso dal quotidiano newyorkese in lingua italiana «America Oggi» (Lettieri e Raimondi, 2018).

Il voto del 2018 in prospettiva storica

10Il comportamento della maggioranza dei residenti negli Stati Uniti nel 2018 ha confermato tre orientamenti che si sono manifestati in questo Paese fino dal 2006, cioè dalla prima volta in cui agli italiani nel mondo è stato permesso di esercitare il suffragio per corrispondenza nelle consultazioni politiche: una bassa partecipazione, un voto sostanzialmente conservatore e risultati in parziale controtendenza rispetto allo spoglio in Italia. Nel 2006, negli Stati Uniti infatti, fu registrato un tasso di astensionismo pari al 69,3%, mentre in Paesi dell’America meridionale come l’Argentina e l’Uruguay votarono rispettivamente il 55% e il 60% degli aventi diritto. Ancora nella circostanza del referendum costituzionale confermativo del 4 dicembre 2016, nonostante una campagna particolarmente accesa che aveva presentato la consultazione come un momento decisivo per il futuro della democrazia in Italia, appena il 28,6% degli aventi diritto negli Stati Uniti si preoccupò di votare.

11Nel 2006, alla vittoria, sia pure di strettissima misura, del cartello di centrosinistra dell’Unione, guidato da Romano Prodi a livello nazionale, negli Stati Uniti corrispose un largo successo della coalizione di centrodestra, capeggiata da Silvio Berlusconi, che conseguì complessivamente il 60,1% dei voti al Senato e il 60,7% alla Camera. Tale affermazione non si tradusse nella conquista della maggioranza dei seggi nella ripartizione America settentrionale e centrale soltanto a causa di un errore strategico che aveva indotto i quattro partiti che componevano l’alleanza – fi, Unione di Centro, Lega Nord e Per l’Italia nel Mondo con Tremaglia – a presentarsi agli elettori divisi in quattro liste distinte, anziché raccolti in un unico schieramento, come aveva invece fatto L’Unione di Prodi. Nel 2008 il centrodestra si era confermato la prima coalizione alla Camera con il 45,4%, a cui andava aggiunto il 3% di La Destra-Fiamma Tricolore. Era stato, invece, la seconda al Senato, con il 43,8% contro il 45,2% del pd, ma il 2,8% andato a La Destra-Fiamma Tricolore aveva comunque manifestato l’esistenza di una maggioranza conservatrice. Un arretramento significativo si era registrato solo nel 2013, quando il Popolo della libertà aveva conseguito il 21,4% alla Camera, rispetto al 29,3% del pd e al 26,5% di Con Monti per l’Italia, e il 21,1% al Senato, contro il 31,6% del pd e il 28% di Con Monti per l’Italia.

12L’andamento della polarizzazione del voto non costituisce l’unico elemento significativo in un’analisi del comportamento elettorale degli italiani residenti negli Stati Uniti. Un altro aspetto rilevante è dato dal loro grado di identificazione con la madrepatria nella sfera della politica.

13La sentenza Afroyim v. Rusk è stata considerata prodromica al potenziamento del transnazionalismo politico dei membri delle minoranze etniche negli Stati Uniti (Spiro, 2005). Inoltre, per ricostruire l’esperienza della cosiddetta «diaspora» italiana è stato da tempo utilizzato il paradigma del transnazionalismo, declinato con crescente frequenza anche nella sfera del comportamento elettorale in riferimento alla partecipazione dall’estero al voto nelle consultazioni del Paese d’origine (si veda, per esempio, Lafleur, 2013, pp. 74-93; Tintori, 2016). Eppure tale modello mal si presta a rappresentare l’orientamento dei cittadini italiani residenti negli Stati Uniti perché il loro comportamento politico non risulta il prodotto di una identificazione nell’Italia come prescriverebbe, invece, la teoria del transnazionalismo (Howard, 2011, pp. 3-32). Tale concetto, infatti, implica che i membri delle diaspore vivano al tempo stesso in due diverse dimensioni, quella della società d’adozione e quella della nazione ancestrale. Queste dinamiche non hanno, invece, trovato un adeguato riscontro nel voto del 2018.

  • 5 Anche gli epigoni degli immigrati italiani hanno dimostrato uno scarso senso di identificazione con (...)
  • 6 Si veda, ad esempio, il tweet di Alberto Riva: «There’s a party running on one issue: free flights (...)

14La tesi secondo cui la legge elettorale avrebbe ostacolato la formazione di una maggioranza chiara e, pertanto, avrebbe potuto favorire la creazione di un governo differente da quello indicato dalla volontà dei votanti – un’ipotesi rilanciata da Oggi 7, il supplemento settimanale del più autorevole periodico statunitense in lingua italiana, «America Oggi» (D’Acquaviva, 2018) – non ha sicuramente incoraggiato la partecipazione. Nondimeno, l’alto tasso di astensionismo ha anche dimostrato di per se stesso che solo una minoranza degli italiani che vivono negli Stati Uniti continua a riconoscersi nel Paese d’origine a tal punto da preoccuparsi di voler fornire il proprio contributo a determinarne il futuro politico5. Inoltre, le tematiche maggiormente discusse e sentite nel corso della campagna elettorale sono state questioni strettamente legate alla condizione degli italiani in questo Paese anziché problemi di più ampia pertinenza della politica italiana. Non è un caso che, in occasione delle consultazioni del 2018, proprio negli Stati Uniti sia sorta una lista con un programma monotematico che ha cercato di strumentalizzare a fini elettoralistici le esigenze di votanti potenziali volti a occuparsi di politica quasi esclusivamente per soddisfare le proprie esigenze specifiche di cittadini che vivono all’estero. Infatti, come risulta evidente fino dalla denominazione adottata, il movimento Free Flights to Italy ha incentrato la sua proposta elettorale su una presunta procedura per rimborsare il costo del trasporto aereo agli italoamericani che avessero acquistato il biglietto per un volo di andata e ritorno in Italia, a condizione che fossero iscritti all'aire (Vaccara, 2018d). Per mettere in risalto la dimensione statunitense delle determinanti del voto rispetto a considerazioni di più ampia portata riguardanti il futuro dell’Italia, appaiono significative non solo la constatazione che una proposta così demagogica potesse essere stata deliberatamente formulata per conquistare consensi, ma anche la misura del riscontro ottenuto. I sospetti di irregolarità nella raccolta delle firme per la presentazione delle candidature, denunciati dai media italoamericani, avrebbero potuto alimentare negli elettori il timore di vanificare il proprio voto qualora fosse stato indirizzato su questa formazione (Pozzi e Vaccara, 2018). Inoltre, l’impraticabilità del programma era risultata palese a elettori che non avevano avuto remore a manifestare apertamente la propria incredulità per l’esistenza stessa di tale movimento6. Nondimeno, la lista Free Flights to Italy è riuscita comunque a ricevere l’1,1% dei suffragi nello scrutinio per la Camera e tra gli italoamericani c’è chi non ha esitato a ritenere un «genius» Giuseppe Macario, il suo fondatore (cit. in Lucarelli, 2018).

15Altri elementi attestano che il voto si è collocato in una dimensione incentrata sulla società di adozione degli italiani. Per esempio, negli incontri pubblici dei candidati sono stati generalmente messi al primo posto non temi politici propriamente intesi, bensì le esigenze dei residenti negli Stati Uniti come il potenziamento della rete consolare e l’opposizione alla perdita dell’assistenza sanitaria italiana per gli iscritti all’aire, un problema particolarmente sentito in questo Paese a causa degli alti costi delle cure mediche nonostante la riforma promossa dall’ex presidente Barack Obama (Mamone, 2018). Non è un caso che in un dibattito tra i candidati svoltosi nel West Village di New York alla domanda del pubblico sul «perché si stesse parlando solo di interessi degli italiani all’estero e non della situazione dell’Italia e di chi si trova su suolo italiano» sia stato risposto senza esitazione che «ci sono 600 parlamentari, se ne occuperanno loro; noi dobbiamo occuparci delle piccole cose» (cit. in Demelas, 2018). Tale posizione ha rispecchiato l’orientamento dei votanti. Per esempio, nel congratularsi con le tre elette al Parlamento, un tal Donato D’Onofrio le ha anche invitate a ricordarsi che «il loro compito è solo quello di perorare la causa degli italiani all’estero. Per il programma politico dei loro partiti ci sono tanti altri che lo possono fare» (cit. in Pozzi, 2018b).

16La constatazione che il votante medio fosse alla ricerca di un suo portavoce per sostenere le proprie rivendicazioni particolari, anziché di un legislatore per determinare il corso della politica italiana, emerge anche dall’auspicio di alcuni candidati affinché, dopo le elezioni, a prescindere dai differenti partiti di appartenenza, venisse costituito un fronte comune compatto dei rappresentanti degli italiani nel mondo per promuovere le loro richieste collettive. Tale proposito è stato anche presentato come uno strumento indispensabile per vincere l’apatia politica che contraddistingue l’elettorato. Pasquale Nestico, candidato al Senato per il pd, è addirittura arrivato al punto di proporre la creazione di un «caucus di eletti all’estero al Parlamento di Roma» (cit. in Macerata e coalizioni, 2018).

17Secondo Silvana Mangione (2016, p. 181), residente negli Stati Uniti e vice segretario per i paesi anglofoni extraeuropei del Consiglio generale degli italiani all’estero, «moltissimi nuovi emigrati […] sentono l’esigenza di votare per chi garantisce, nei fatti o con le parole, cambiamenti che cancellino le cause che li hanno spinti a emigrare». Quello tracciato, però, non sembra il quadro reale delle determinanti del comportamento elettorale proprio nel Paese dove Mangione vive. Il miglioramento dei servizi offerti dai consolati, l’assistenza sanitaria e la promozione della lingua italiana sono stati tutti aspetti centrali e qualificanti dei programmi delle tre vincitrici delle consultazioni per la Camera e per il Senato, a ulteriore dimostrazione di come i residenti negli Stati Uniti abbiano premiato i candidati che sono sembrati rispecchiare più le loro esigenze materiali che non il loro orientamento politico (Vaccara, 2018a, 2018b, 2018c). Nissoli si era anche fatta vanto di un suo impegno nella legislatura trascorsa affinché i diritti previdenziali maturati in patria dai cittadini italiani fossero mantenuti anche dopo il loro trasferimento all’estero (Nissoli, 2018), una questione particolarmente sentita negli Stati Uniti, un Paese dove l’inps eroga circa il 10% del numero delle pensioni corrisposte fuori d’Italia (Ponticelli e Thomas, 2017, pp. 55-56). In questa prospettiva, non appare casuale la vittoria di Alderisi nella competizione per il seggio al Senato, in considerazione del fatto che una delle trasmissioni che aveva condotto in passato su Rai International, Sportello Italia, era un programma specifico di servizio per i cittadini all’estero con rubriche dedicate al fisco e alla burocrazia, come puntualmente ricordato dalla stessa candidata nei suoi interventi pubblici e nei messaggi elettorali di propaganda telefonica (Alderisi, 2018; Bianchini, 2018).

18Tra le necessità degli italiani residenti negli Stati Uniti rientra a buon diritto la tutela dell’immagine della propria nazione di origine per le ricadute che tale percezione può avere nella considerazione di cui costoro godono nella società di adozione. «America Oggi», per esempio, ha manifestato preoccupazione che l’Italia apparisse un paese razzista dopo la strage compiuta da Luca Traini a Macerata (Marra, 2018). Tali apprensioni possono contribuire a spiegare l’orientamento dell’elettorato su fi, anziché sulla Lega, all’interno dello schieramento conservatore. Allo stesso modo, l’attenzione dei media italoamericani per i timori che la stampa d’opinione statunitense aveva espresso sul successo di forze euroscettiche ha concorso a motivare il contenimento del seguito dei candidati della Lega, all’interno della coalizione di centrodestra, e del m5s (Lo sguardo, 2018; Nyt, 2018). Tale comportamento appare una manifestazione particolare, nella sfera politica, di quella tendenza a valutare scelte e decisioni in base alla propria presenza nella società d’adozione che è stata riscontrata, tra gli altri, per gli italiani stabilitisi da poco tempo a New York (Fortuna, 2015, p. 242).

19Del resto, l’elettorato ha premiato con la conferma del seggio a Montecitorio Nissoli, la candidata che si era battuta con maggiore incisività in sostegno alla reputazione degli italoamericani quando, nell’estate del 2017, la furia iconoclasta contro i monumenti considerati politicamente scorretti era sembrata volersi abbattere anche sulle statue di Cristoforo Colombo e sulle celebrazioni del Columbus Day. La difesa del navigatore genovese da parte di Nissoli, che si era spinta a presentare una mozione alla Camera per impegnare il governo italiano a mobilitarsi sul terreno diplomatico allo scopo di tutelare la figura di Colombo quale simbolo della cultura italiana negli Stati Uniti, non salvaguardava solo la memoria di un pezzo di storia che stava particolarmente a cuore agli italoamericani (Nissoli, 2017b; La mozione, 2017). Era anche un modo per assolvere i membri di questa minoranza etnica da un’accusa di razzismo viscerale che, partendo dalla presunta incentivazione del genocidio delle popolazioni indigene a opera di Colombo, arrivava alla denuncia di una supposta ostilità delle persone di ascendenza italiana nei confronti degli afroamericani.

Conclusioni

20Il voto del 2018 non ha solo segnato il ripristino di un orientamento in prevalenza conservatore tra i cittadini italiani residenti negli Stati Uniti. La scarsa partecipazione elettorale e le motivazioni dei pochi che hanno votato nel 2018 hanno anche reiterato il basso coinvolgimento degli emigranti e dei loro discendenti nelle vicende del Paese d’origine e conseguentemente anche una loro limitata identificazione con l’Italia in generale. La preponderanza dell’attenzione per la dimensione americana nelle determinanti del voto è sembrata riecheggiare un celeberrimo adagio dell’ex presidente della Camera dei Rappresentanti di Washington, Tip O’Neil (con Hymel, 1994): «all politics is local». Tuttavia, se messo in relazione all’alto tasso di astensionismo che è stato registrato in questo Paese, tale comportamento elettorale induce a una riflessione molto più ampia rispetto al dibattito sull’applicabilità del paradigma del transnazionalismo alle dinamiche del voto e induce a ripensare alle modalità dell’e-sercizio del suffragio da parte degli italiani che risiedono al di là dei confini nazionali.

  • 7 In un seminario del 1986 sull’esercizio del suffragio da parte dei cittadini residenti all’estero, (...)

21A essere in discussione non è certo il diritto di voto di per se stesso, né il suo esercizio per corrispondenza, o comunque dall’estero, quanto piuttosto la peculiarità delle disposizioni italiane che hanno creato una circoscrizione estera a sé stante, con un proprio contingente specifico di seggi al Parlamento. Una delle ragioni addotte per giustificare questa singolarità, che trova pochissimi corrispettivi in altri Stati, fu che conteggiare i voti degli italiani all’estero, non in ripartizioni dedicate, bensì nelle circoscrizioni d’origine dei migranti e dei loro discendenti – come avviene, ad esempio, nelle elezioni per il Congresso statunitense (Reagan, 2016) – avrebbe finito per alterare e sostanzialmente per falsare il responso delle urne: distretti come quelli di Napoli e di altre località del Meridione si sarebbero ritrovati ad avere più elettori all’estero, soprattutto negli Stati Uniti, di quelli residenti all’interno dei singoli collegi (Vaccara, 2008, pp. 86-88)7. Invece, le cifre riguardanti gli Stati Uniti smentiscono questa obiezione. Con una partecipazione inferiore a 60.000 votanti alla Camera e al di sotto di 50.000 al Senato, ripartita tra le 28 circoscrizioni italiane della Camera e le 20 del Senato, l’impatto del contributo dei voti statunitensi sarebbe stato minimo. Pertanto, al di là dei vincitori, l’esito delle elezioni del 2018, ha pure ribadito come il caso statunitense costituisca un esempio di sovrarappresentanza politica dei cittadini italiani residenti all’estero.

Bibliographie

Abc, «Non vogliono più essere italiani tipo “export”», Italamerican, xxxiii, 1, 1968, pp. 21-22.

Alderisi, Francesca, Caro Direttore, mi domandano perché la candidatura, vorrei ricordarlo con La Voce, «La Voce di New York», 4 febbraio 2018, https://www.lavocedinewyork.com/people/ nuovo-mondo/2018/02/04/caro-direttore-mi-domandano-perche-la-candidatura-vorrei-ricordarlo-con-la-voce/.

Bassetti, Piero, «L’Italicità: cultura, business e partecipazione», in Licata, Delfina (a cura di), Rapporto italiani nel mondo 2016, Todi, Tau, 2016, pp. 162-68.

Bianchini, Eleonora, Elezioni, la candidata di Forza Italia all’estero telefona agli expat in usa. Polemica sui social: «ma chi le ha dato il mio numero?», «Il Fatto Quotidiano», 13 febbraio 2018, https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/02/13/elezioni-la-candidata-di-forza-italia-allestero-telefona-agli-expat-in-usa-polemica-sui-social-ma-chi-le-ha-dato-il-mio-numero/4155554/.

Biden, Joseph R., Jr. e Carpenter, Michael, «How to Stand Up to the Kremlin», Foreign Affairs, xcvii, 1, 2018, pp. 44-57.

Carbone, Giuseppe, «L’estensione della cittadinanza», in Lanchester, Fulco (a cura di), Il voto degli italiani all’estero. Seminario di studio e documentazione, Roma, Bulzoni, 1988, pp. 15-18.

Cazzullo, Aldo, Il primo voto deciso in rete, «Corriere della Sera», 8 marzo 2018, pp. 1, 13.

D Acquaviva, Vincenzo, «Dall’Italicum al Rosatellum», Oggi 7, 18 febbraio 2018, p. 2.

Demelas, Michela, La disfida del West Village tra candidati, a colpi di «corrotti» e «cafoni», «La Voce di New York», 17 febbraio 2018, https://www.lavocedinewyork.com/news/politica/votoestero-nord-centro-america/2018/02/17/la-disfida-del-west-village-tra-candidati-a-colpi-di-corrotti-e-cafoni/.

Egmont, Westy, «Contemporary Italian Diapora usa 2014», in Gjergji, Iside (a cura di), La nuova emigrazione italiana. Cause, mete e figure sociali, Venezia, Ca’Foscari Digital Publishing, 2015, pp. 173-79.

Fortuna, Giuseppe, «Italiani a New York nell’era del transnazionalismo e della globalizzazione», in Licata, Delfina (a cura di), Rapporto italiani nel mondo 2015, Todi, Tau, 2015, pp. 237-44.

Franzi, Alessandro, Biden: «Il governo russo condizionò il referendum», «America Oggi», 9 dicembre 2017, p. 4.

Gambino, Antonio, Storia del dopoguerra. Dalla Liberazione al potere dc, Roma-Bari, Laterza, 1975.

Gazzini, Matteo, Fiscalità italiana e flat tax, «Il Populista», 25 febbraio 2018, http://www.ilpopulista.it/news/25-Febbraio-2018/23792/fiscalita-italiana-e-flat-tax.html.

Gili, Martina, The Incredible Fraud Offering Free Flights to Italy, «The Points Guy», 1 marzo 2018, https://thepointsguy.com/2018/03/the-incredible-fraud-offering-free-flights-to-ita

Grassellino, Anna, «In controtendenza. All’estero vinciamo noi», Democratica, 16 marzo 2018, pp. 1, 6.

Haenschen, Katherine, Horning, Michaal e Kuypers, Jim A., «Donald J. Trump’s Use of Twitter in the 2016 Campaign», in Kuypers, Jim A. (a cura di), The 2016 American Presidential Election and the News. Implications for American Democracy and the Republic, Lanham, md, Rowman & Littlefield, 2018, pp. 55-75.

Howard, Michael C., Transnationalism and Society. An Introduction, Jefferson, nc, McFarland, 2011.

I candidate e le liste del Nord e Centro America, «America Oggi», 2 febbraio 2018, p. 4.

Jaus, Massimo, Tanto tempo fa arrivai a New York e il mio cuore restò in Italia: ma quale Italia?, «La Voce di New York», I giugno 2018, https://www.lavocedinewyork.com/people/nuovomondo/2018/06/01/tanto-tempo-fa-arrivai-a-new-york-e-il-mio-cuore-resto-in-italia-ma-quale-italia/.

Lafleur, Jean-michel, Transnational Politics and the State. The External Voting Rights of Diasporas, New York, Routledge, 2013.

La mozione alla Camera dell’On. Fucsia Nissoli Fitzgerald, «America Oggi», 30 settembre 2017, p. 5.

Lettieri, Mario e Raimondi, Paolo, I pro e i contro della flat tax, «America Oggi», 18 febbraio 2018, p. 8.

Lezza, Antonio, «Garantire il voto politico agli italiani all’estero», La Follia di New York, lxxvi, 8, 1968, p. 7.

Licata, Delfina, «La mobilità italiana oggi tra allarmanti fragilità, desiderio di rivalsa e strategie di sopravvivenza», in Eadem (a cura di), Rapporto italiani nel mondo 2017, Todi, Tau, 2017, pp. 3-24.

Lo sguardo dei media esteri: «L’Italia è al buio», «America Oggi», 2 marzo 2018, p. 3.

Lucarelli, Selvaggia, «L’inquietante storia di un candidato fantasma», Rolling Stones, edizione italiana, 20 febbraio 2018, https://www.rollingstone.it/rolling-affairs/news-affairs/linquietante-storia-di-un-candidato-fantasma/2018-02-20/.

Macerata e coalizioni, «America Oggi», 14 febbraio 2018, p. 4.

Mamone, Davide, Il dibattito tra i candidati a New York: all’estero uniti, ma l’Italia divide, «La Voce di New York», 16 febbraio 2018, https://www.lavocedinewyork.com/news/politica/votoestero-nord-centro-america/2018/02/16/il-dibattito-tra-i-candidati-a-new-york-allestero-uniti-ma-litalia-divide/.

Mangione, Silvana, «Mobilità italiana: rappresentanza, partecipazione, associazionismo», in Licata, Delfina (a cura di), Rapporto italiani nel mondo 2016, Todi, Tau, 2016, pp. 177-82.

Marra, Vincenzo, Per carità non parliamo di politica, «America Oggi», 21 febbraio 2018, p. 8.

Members of Italian Club in Tampa Write Homefolks to Vote for Republic, «Tampa Daily Times», 29 maggio 1946, p. 5.

Mignone, Mario B., «Per molti, il sogno americano all’italiana, era ed è New York», in Licata, Delfina (a cura di), Rapporto italiani nel mondo 2016, Todi, Tau, 2016, pp. 325-33.

Ministero dell’Interno, Anagrafe degli italiani residenti all’estero al 31 dicembre 2016, 2017, http://ucs.interno.gov.it/FILES/AllegatiPag/1263/INT00041_Anagrafe_Italiani_estero_AIRE_ed_2017.pdf.

Ministero dell’Interno, Archivio storico delle elezioni, 2018, http://elezionistorico.interno.gov.it/.

Mistry, Kaeten, Italy and the Origins of the Cold War. Waging Political Warfare, 1945-1950, New York, Cambridge University Press, 2014.

Mucci, Umberto, We the Italians. Two Flags One Heart, s.l., pubblicato in proprio, 2016.

Napolitano, Antonio e Di Stefano, Antonio, «Sul diritto di voto degli italiani all’estero», Studi Emigrazione, vi, 14, 1969, pp. 1-28.

Nissoli, Fucsia, La mia scelta di dare più forza all’Italia per gli italiani all’estero, «La Voce di New York», 10 luglio 2017a, https://www.lavocedinewyork.com/news/politica/2017/07/10/lamia-scelta-per-dare-piu-forza-allitalia-sulle-politiche-per-gli-ita

Nissoli, Fucsia, «Colombo siamo noi!», Oggi 7, 10 settembre 2017b, p. 5.

Nissoli, Fucsia, Il mio impegno per una nuova previdenza italiana all’estero, «Italian American News», 7 febbraio 2018, http://www.italianamericansnews.com/2018/02/07/fucsia-nissoli-il-mio-impegno-per-una-nuova-previdenza-italiana-allestero/.

Novelli, Edoardo, «Forza Italia: origini, trionfo e declino del partito televisivo», Comunicazione Politica, v, 1, 2004, pp. 143-54.

Nyt: «Elezioni cruciali»; Wsj: «Sinistra avvizzita», «America Oggi», 4 marzo 2018, p. 3.

O Neill, Tip con Hymel, Gary, All Politics Is Local and Other Rules of the Game, New York, Random House, 1994.

Per la difesa della democrazia mobilitati gli italo-americani, «Il Tempo», 27 maggio 1976, p. 21.

Ponticelli, Salvatore e Thomas, Susanna, «Le pensioni pagate all’estero: un approccio concreto sul [sic!] fenomeno», in Licata, Delfina (a cura di), Rapporto italiani nel mondo 2017, Todi, Tau, 2017, pp. 53-62.

Pozzi, Giulia, Voto estero, tiene il pd bocciato in Italia, «La Voce di New York», 5 marzo 2018a, https://www.lavocedinewyork.com/news/politica/voto-estero-nord-centro-america/2018/03/05/voto-estero-tiene-il-pd-bocciato-in-italia-in-nordamerica-vince-il-centrodestra/.

Pozzi, Giulia, Nissoli, Alderisi e La Marca: le donne che lotteranno per gli italiani in America, «La Voce di New York», 6 marzo 2018b, https://www.lavocedinewyork.com/news/politica/voto-estero-nord-centroamerica/2018/03/06/nissoli-alderisi-e-la-marca-le-donne-che-lotteranno-per-gli-italiani-in-nord-america/.

Pozzi, Giulia, e Vaccara, Stefano, Free Flights to Italy, la lista che si è fatta beffe del Ministero dell’Interno, «La Voce di New York», 21 febbraio 2018, https://www.lavocedinewyork.com/news/politica/votoestero-nord-centro-america/2018/02/21/free-flights-to-italy-la-lista-che-si-e-fatta-beffe-del-ministero-dellinterno/.

Radu, Sintia, «Meet Italy’s Five-Star Movement Candidate for North and Central America», us News and World Report, 2 marzo 2018, https://www.usnews.com/news/best-countries/articles/2018-03-02/meet-italys-five-star-movement-candidate-for-north-and-central-america.

Reagan, Robert Timothy, Overseas Voting. The Uniformed and Overseas Citizens Absentee Voting Act, Washington, dc, Penny Hill Press, 2016.

Rossel, Luciano, «Il “Consiglio degli italiani all’estero”», Italamerican, xxxii, 7, 1967, pp. 18-19.

Rossi, Ernest E., «Italians and Mexicans: A Comparison», in Io rizzo, Luciano J. e Rossi, Ernest E. (a cura di), Italian Americans. Bridges to Italy, Bonds to America, Youngstown, ny, Teneo Press, 2010, pp. 83-134.

Spiro, Peter J., «Afroyim: Vaunting Citizenship, Presaging Transnationality», in Martin, David A. e Schuck, Peter H. (a cura di), Immigration Stories, New York, Foundation Press, 2005, pp. 147-68.

Tintori, Guido, Fardelli d’Italia. Conseguenze nazionali e transnazionali delle politiche di cittadinanza italiane, Roma, Carocci, 2009.

Tintori, Guido, «Italian Mobilities and the Demos», in Ben-Ghiat, Ruth e Malia Hom, Stephanie (a cura di), Italian Mobilities, New York, Routledge, 2016, pp. 111-32.

Tirabassi, Maddalena e del Pra’, Alvise, La meglio Italia. Le mobilità italiane nel xxi secolo, Torino, Accademia University Press, 2014.

Vaccara, Stefano, «Italiani in America ed elezioni italiane: un voto straniero?», in Mignone, Mario B. (a cura di), Altreitalie. Cittadinanza e diritto al voto, Stony Brook, ny, Forum Italicum, 2008, pp. 84-93.

Vaccara, Stefano, Francesca Alderisi: i cittadini all’estero devono essere italiani di Serie A, «La Voce di New York», 12 febbraio 2018a, https://www.lavocedinewyork.com/news/politica/voto-estero-nord-centroamerica/ 2018/02/12/francesca-alderisi-i-cittadini-allestero-evono-essere-italiani-di-serie-a/.

Vaccara, Stefano, Francesca La Marca: scelta strategica sarà promuovere cultura e lingua italiana, «La Voce di New York», 12 febbraio 2018b, https://www.lavocedinewyork.com/news/politica/voto-estero-nord-centro-america/2018/02/12/francesca-la-marca-scel-ta-strategica-sara-promuovere-cultura-e-lingua-italiana/.

Vaccara, Stefano, Fucsia Nissoli: innovazione nel rapporto tra Italia e connazionali all’estero, «La Voce di New York», 12 febbraio 2018c, https://www.lavocedinewyork.com/news/politica/voto-estero-nordcentro-america/2018/02/12/fucsia-nissoli-innovazione-nel-rapporto-tra-italia-e-connazionali-allestero/.

Vaccara, Stefano, Giuseppe Macario: ricongiungere gli italiani con l’Italia, a partire dai voli aerei, «La Voce di New York», 13 febbraio 2018d, https://www.lavocedinewyork.com/news/politica/voto-estero-nordcentro-america/2018/02/13/giuseppe-macario-ricongiunge-re-gli-italiani-con-litalia-a-partire-dai-voli-aerei/.

Veronesi, Francesco, «L’analisi del voto: affluenze e preferenze, Canada ancora decisivo», Corriere Canadese, 7 marzo 2018, http://www.corrierecanadese.com/index.php/en/past-issues-2/italia/l-analisi-del-voto-affluenza-e-preferenze-canada-ancora-decisivo.

Notes

1 Quando non è indicato diversamente, tutte le percentuali sul voto di questo capitolo fanno riferimento ai dati del database del Ministero dell’Interno (2018).

2 Per un autoritratto di Nissoli, si veda anche la sua intervista con Mucci (2016, pp. 266-69).

3 L’autore ringrazia il dottor Massimiliano Baragona, del Ministero dell’Interno, per avergli fornito la scomposizione dei dati sullo scrutinio in base ai singoli distretti consolari. Per un ritratto di Mazzilli, cfr. Radu, 2018.

4 Nel caso degli elettori residenti all’estero le ore 16:00 del 1° marzo sono state il termine ultimo per far pervenire le schede votate alla sede del distretto consolare di competenza.

5 Anche gli epigoni degli immigrati italiani hanno dimostrato uno scarso senso di identificazione con la terra dei loro antenati. Per esempio, negli anni a cavallo del primo voto per corrispondenza nelle elezioni politiche, appena 16.500 statunitensi di ascendenza italiana vollero conseguire la cittadinanza del Paese ancestrale – condizione indispensabile per esercitare il suffragio – tra il 1998 e il 2007, avvalendosi della normativa che ne consentiva il riconoscimento iure sanguinis, mentre la giacenza delle domande di pratiche in merito fu rispettivamente di sole 1.147 nel 2005 e 1.190 nel 2007 negli Stati Uniti, contro le 208.655 e 784.136 che erano in attesa di essere esaminate in tutto il mondo (Tintori, 2009, pp. 39, 72). Eppure, secondo il censimento del 2000, erano oltre 15 milioni gli statunitensi che si attribuivano radici italiane (Rossi, 2010, p. 94).

6 Si veda, ad esempio, il tweet di Alberto Riva: «There’s a party running on one issue: free flights to Italy. No, I’m not kidding» (cit. in Gili, 2018).

7 In un seminario del 1986 sull’esercizio del suffragio da parte dei cittadini residenti all’estero, Giuseppe Carbone (1988, p. 17), ex consulente giuridico del presidente della Repubblica e al tempo presidente della Corte dei Conti, ipotizzò che in alcuni collegi il numero degli elettori sarebbe per lo meno raddoppia

Auteur

Insegna Storia contemporanea al Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università di Genova. I suoi interessi vertono sull’immigrazione italiana negli Stati Uniti, con particolare riferimento al comportamento politico e alla trasformazione dell’i-dentità etnica degli italoamericani.

Lire

Accès exclusif

open access

Offert par L’éditeur de ce site