Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Autopsia di un diritto politico

 | 
Simone Battiston
, 
Stefano Luconi

L’attivismo politico di un microcosmo elettorale: la Repubblica Dominicana

Francesca Puliga

Texte intégral

Introduzione

1Con una superficie di poco superiore ai 48.000 km2 e una popolazione che sfiora appena i 10 milioni di abitanti, la Repubblica Dominicana è uno Stato di piccole dimensioni, periferico rispetto alle principali rotte migratorie verso le Americhe che nel tempo gli italiani hanno percorso e oggi noto ai più come rinomata meta turistica. Destinazione fin dalla seconda metà dell’Ottocento di esigui, ma continuativi e peculiari flussi migratori, la nazione caraibica può apparire in effetti una realtà decisamente marginale, se considerata all’interno della geografia elettorale complessiva del voto dei cittadini italiani nel mondo.

2Tentare di analizzare l’orientamento e la partecipazione politica della comunità italiana può offrire però alcuni interessanti spunti di riflessione. Infatti, a dispetto della distanza e della ridotta estensione del Paese, la presenza italiana ha conosciuto negli ultimi cinque anni un dinamismo demografico davvero notevole: la cifra degli iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (aire) è raddoppiata, registrando un’accelerazione seconda solo a quella avutasi nel Regno Unito nel medesimo arco di tempo (Tavano, 2017). I dati più recenti dell’aire, aggiornati al 31 dicembre 2016, ci dicono che nella Repubblica Dominicana risiedono 7.350 italiani, prevalentemente concentrati nei maggiori insediamenti urbani, come la capitale Santo Domingo – che da sola ne conta circa 5.000 – e i centri di Puerto Plata, La Romana e Santiago de Los Caballeros. Tuttavia, queste cifre ufficiali rappresentano una decisa sottostima secondo la stessa Ambasciata italiana, che recentemente ha divulgato numeri sensibilmente superiori. In occasione di una sua visita nel distretto di Punta Cana, situato nella provincia orientale di Altagracìa, l’ambasciatore Andrea Canepari ha affermato che la presenza italodominicana stanziale ammonterebbe oggi a oltre 50.000 persone, di cui meno di 10.000 regolarmente registrate all’aire (Comunidad italiana, 2017). Inoltre, in base alle rilevazioni pubblicate dallo studioso italodominicano Marcio Veloz Maggiolo (2001, pp. 1-17), circa 300.000 residenti si attribuiscono una discendenza italiana, il che fa oggi di loro la minoranza più consistente dopo quella rappresentata dagli haitiani.

Il profilo socioeconomico della collettività

3La composizione della comunità italiana, che include emigrati recenti e discendenti di seconda o terza generazione, è piuttosto varia e diversificata, per cui risulta difficile ricavarne un «profilo tipo» e stabilire se esista e, in caso affermativo in quali termini, una certa omogeneità della compagine elettorale. È possibile, comunque, fare alcune considerazioni di massima, che risultano utili a comprendere le caratteristiche principali dei membri della diaspora italiana in questa area del Caribe e conseguentemente a inquadrare le loro scelte politiche.

4La Repubblica Dominicana offrì fin dall’epoca della sua indipendenza – ottenuta dalla confinante Haiti nel 1844 – proficue opportunità di investimento che non mancarono di attrarre facoltosi affaristi europei, interessati soprattutto alle piantagioni di caffè, tabacco e canna da zucchero. Tra loro, anche alcuni italiani di estrazione agiata, in maggioranza originari della Liguria, si stabilirono nel Paese e fecero fortuna (Franzina, 1995, pp. 406-8). Ancora oggi sono numerosi i gruppi imprenditoriali attivi nei settori alimentare, edilizio e turistico che fanno capo a famiglie di origine italiana. Quindi, la scelta della nazione caraibica come luogo ideale per aprire una propria attività e mettere a frutto un capitale più o meno cospicuo è una tendenza in costante crescita negli ultimi decenni, che si colloca comunque all’interno di una tradizione storica piuttosto consolidata. I nostri emigrati attualmente provengono da tutte le regioni d’Italia e appartengono a ceti sociali anche molto diversi. Cionondimeno, con una certa dose di semplificazione, se ne possono riconoscere tre fondamentali tipologie. La prima comprende grossi investitori che puntano a costruire o ampliare imprese con strategie di medio-lungo termine e a diversificare la destinazione dei propri capitali approfittando di un’economia in espansione, con un tasso di crescita del 7% annuo nel periodo 2014-2015 e un regime fiscale estremamente favorevole (I migliori bond emergenti, 2015); alla seconda categoria appartengono invece persone di età compresa fra i trenta e i cinquanta anni in cerca di migliori prospettive economiche e occupazionali oppure interessati a far fruttare i propri risparmi in una realtà che possa loro garantire maggiori rendimenti con rischi relativamente contenuti; infine, complice anche la crisi economica del 2008, l’elevato debito pubblico e la conseguente politica di austerità sulle pensioni messa in atto dal governo italiano, vi è un costante incremento del numero di pensionati che aspirano a un miglior tenore di vita, in un Paese che garantisce orami da anni una certa stabilità politica e una buona assistenza sanitaria e dove il loro potere d’acquisto risulta sensibilmente superiore rispetto alla madrepatria, in particolar modo relativamente al prezzo degli immobili (Marro, 2016). Si tratta di un fenomeno, quest’ultimo, abbastanza marginale ma comunque presente e in crescita, che spinse già alcuni anni fa il presidente dell’inps, Tito Boeri, a esprimere la propria preoccupazione per la possibile erosione della base imponibile. Al contrario di quanto reputa l’opinione comune, il numero più alto di pensioni erogate all’estero resta in Europa, con oltre il 70% (Ponticelli e Thomas, 2017). Tuttavia, l’America centrale è una delle regioni al mondo dove il trend della «fuga» dei pensionati risulta in vertiginoso aumento (+114% nel 2014) e in quest’area la Repubblica Dominicana si è dimostrata la meta preferita dai più (Patti, 2017). Su un altro fronte, il ragguardevole numero di imprese iscritte alla Camera di Commercio italodominicana e alla Camera di Commercio dei Caraibi: Italia-Cuba-Repubblica Dominicana, oltre 250, rappresenta una testimonianza concreta sia della presenza tutt’altro che trascurabile dei nostri connazionali sul territorio, sia della rilevanza socioeconomica che questa minoranza indubbiamente detiene.

Il pregresso del voto del 2018

5Definire a grandi linee i contorni della comunità italiana e tenere presenti i connotati dello scenario all’interno del quale questa si muove è imprescindibile per accostarsi all’interpretazione dei risultati elettorali del 4 marzo 2018 e cercare di inquadrarli in una loro dimensione storica. Innanzitutto, è opportuno notare che, a dispetto della sua collocazione linguistico-culturale, l’area del Caribe è stata inserita nella stessa ripartizione degli Stati Uniti e del Canada (America settentrionale e centrale). Le caratteristiche socioeconomiche della comunità immigrata di origine italiana, i suoi principali interessi e le sue rivendicazioni, nonché la natura delle sue relazioni con la madrepatria, sono però sempre stati e appaiono tuttora decisamente più accostabili a quelli dei residenti in America Latina, come vedremo anche esaminando i partiti, i candidati e le loro proposte.

  • 1 I dati numerici e le percentuali sulla partecipazione elettorale e sul voto di questo capitolo fann (...)

6Nel 2006, alla prima occasione in cui gli italiani della circoscrizione estero poterono votare nelle elezioni politiche, per il Senato nella Repubblica Dominicana si espressero 1.143 persone su 2.233 aventi diritto e le schede non valide (incluse sedici bianche) raggiunsero l’impressionante quota di 1.040. Dei soli 103 voti validi, 47 andarono all’Unione (45,6%), 24 a Forza Italia (23,3%), 14 alla lista Per l’Italia nel Mondo con Tremaglia, 12 all’Unione di Centro di Pier Ferdinando Casini, mentre le forze minoritarie della destra moderata o estrema si spartirono le sei preferenze restanti. Nel 2008, quando si tornò alle urne a seguito della caduta del governo Prodi, la base elettorale dei cittadini italiani nel Paese si era allargata a 2.499 individui e a partecipare al voto furono in 1.479, con un numero di schede non valide che si assestò a 251 (solo 17 furono le bianche). In quell’occasione una maggioranza schiacciante si espresse a favore del Popolo della libertà, che conquistò 723 voti, sfiorando il 60% delle preferenze. Sensibilmente ridotto si rivelò, di contro, il consenso verso la coalizione di centrosinistra, con il Partito democratico che arrivò poco sotto il 24%, raggranellando 294 voti. Notevole fu invece il risultato conseguito da La Destra-Fiamma Tricolore, che superò l’11%, doppiando il partito di Casini, fermo al 5,80%. Da questi ultimi dati emerge abbastanza chiaramente l’orientamento perlopiù liberal-conservatore espresso dall’elettorato italodominicano, un indirizzo che, con qualche oscillazione, avrebbe avuto modo di consolidarsi negli anni successivi e che si può ascrivere al fatto che la maggioranza dei suoi rappresentanti si colloca in una fascia d’età over 35 e appartiene al mondo dell’imprenditoria e del lavoro autonomo, entrambi tradizionalmente legati alle destre più o meno moderate e in genere inclini ad apprezzare una politica fiscale poco rigida1.

7Alle consultazioni del 2013, in effetti, il Popolo della libertà si impose nuovamente sul Partito democratico (28,4% contro il 25,4%), sebbene con un margine non molto ampio. La lista Con Monti per l’Italia si attestò al 24,4% e il Movimento 5 stelle, al suo esordio elettorale, ottenne poco meno del 19,5%. L’elemento che colpisce di più è però costituito dall’importante flessione della partecipazione. Gli iscritti all’aire nella Repubblica Dominicana erano quasi mille in più rispetto a cinque anni prima, ma dei 3.443 elettori potenziali solo il 21%, cioè 723 persone, esercitò il proprio diritto al voto, rispecchiando da un lato il rimarchevole calo generale dell’affluenza, che per la prima volta nella storia repubblicana scese sotto l’80%, dall’altro l’elevato tasso di astensione proprio della ripartizione dell’America settentrionale e centrale. Nel caso in questione, la ragione di un così drastico calo della partecipazione in un contesto nazionale che l’aveva sempre avuta sopra la media della circoscrizione estero, può però essere ravvisato in un fattore specifico, che interessava direttamente gli italiani stanziali nella nazione caraibica: la decisione del Senato, ratificata con il decreto legge n. 95 del 2012, di chiudere l’ambasciata a Santo Domingo, nell’ambito del più generale disegno di imporre al Ministero degli Affari esteri una riorganizzazione e un abbattimento dei costi di gestione dell’apparato relativo alle rappresentanze diplomatiche. Sebbene la sede dominicana servisse un numero relativamente alto di cittadini, questa scelta, secondo le istituzioni coinvolte, era motivata anche dall’esito di alcune indagini avviate nel 2011 a seguito di una segnalazione delle autorità spagnole e durate oltre un anno. Gli organi ministeriali competenti scoprirono, infatti, che alcuni dipendenti avevano emesso svariati visti irregolari, in violazione degli accordi di Schengen e delle leggi italiane, e che altri avevano tenuto una condotta inefficiente o collusiva che aveva favorito gli illeciti. Le indagini in corso contribuirono in una certa misura a far preferire l’applicazione della linea dura da parte di Roma. Il governo «nel quadro di un rilancio della proiezione istituzionale all’estero», tornò poi sulla sua decisione due anni più tardi, riaprendo l’ambasciata nella capitale dominicana e ripristinandone ufficialmente l’attività a partire dal primo febbraio 2017 (Senato della Repubblica, 2017), suscitando peraltro il rinfocolarsi delle consuete critiche riguardo gli «sprechi internazionali», che alcuni organi di stampa hanno riportato (Morgantini, 2017).

  • 2 Si veda, a mero titolo esemplificativo, Fitzgerald Nissoli (2016) e Nissoli ad Alfano (2017).

8L’intera vicenda ha però influito in modo considerevole sulla percezione delle autorità italiane da parte dei nostri connazionali nel Paese, ha alimentato il dibattito politico suscitando accese polemiche e ha pesato anche sull’esito delle ultime consultazioni, che hanno non a caso segnato un arretramento dei partiti tradizionali. In opposizione all’iniziativa di chiudere l’ambasciata si sono mossi molti esponenti di spicco della comunità italiana nella Repubblica caraibica e alcuni di loro hanno colto l’occasione di far propria la battaglia in difesa degli interessi dei propri concittadini per poi utilizzarla come trampolino di lancio in occasione delle successive elezioni. Il profondo malcontento per la soppressione della sede diplomatica, espresso in particolar modo da imprenditori e operatori economici, divenne un tema «caldo» e particolarmente sentito per gli italiani all’estero e fu infine oggetto di un’interrogazione parlamentare alla Camera della deputata Fucsia Fitzgerald Nissoli, eletta nel 2013 nella ripartizione America settentrionale e centrale con la lista Con Monti per l’Italia, che esercitò pressione sull’allora ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, affinché la riapertura venisse prioritariamente messa in agenda dall’esecutivo (Camera dei Deputati, 2016). La querelle ha inoltre trovato ampio spazio sui vari organi d’informazione nati sul web e dedicati agli italiani stanziatisi oltreconfine – «l’Italiano», «Italia chiama Italia», «La Voce di New York», per citare solo alcuni dei più noti2 – e ha aperto le porte, almeno in America Latina, al notevole successo delle forze «alternative», cioè ai partiti creati all’estero e composti esclusivamente da membri della cosiddetta «diaspora». Tali formazioni hanno dimostrato di essere le più adatte a recepire le richieste delle comunità italiane e a difendere i loro interessi, soprattutto relativamente a tematiche specifiche come la cittadinanza, la tassazione dei redditi, la creazione di occasioni e di iniziative volte a promuovere la diffusione del made in Italy sotto il profilo economico e culturale.

9Quest’ultimo aspetto è particolarmente importante in una realtà, come quella dominicana, in cui il legame con il Paese di origine risulta essere molto sentito dagli emigrati. Ciò è dimostrato dalla presenza di un consistente numero di enti e associazioni pubbliche e private impegnate nella divulgazione e nella trasmissione della lingua, della musica, della cucina (Casa de Italia ne è un esempio) nonché dalla massiccia presenza di progetti imprenditoriali e commerciali che si rivolgono ai connazionali stabilmente trasferitisi e che esprimono la vivacità e l’attivismo della minoranza italiana nel Paese, che come abbiamo visto è in costante crescita.

Il voto del 4 marzo

10Alla luce di quanto esposto nel paragrafo precedente, non stupisce che alle elezioni politiche del 2018 nella ripartizione America settentrionale e centrale siano apparsi per la prima volta due candidati provenienti dalla Repubblica Dominicana e profondamente legati a quel territorio: Angelo Viro, imprenditore siciliano trapiantato ai Caraibi in corsa per il Movimento Associativo degli Italiani all’Estero (maie) per la Camera e Giovanni Gennari, politologo con un passato da docente universitario, presentatosi con + Europa per il Senato (Postulan a un italo-dominicano, 2018). Nessuno dei due è stato eletto, ma la loro presenza nelle liste, e il livello di consenso raccolto nel Paese di residenza, sono indicativi della dimensione marcatamente regionale del voto nella Repubblica Dominicana, a dispetto dell’ampiezza geografica della ripartizione. La scarsa e sistematicamente decrescente attrattiva degli esponenti dei «partiti romani», invece, getta luce sulla sostanziale assenza di una prospettiva transnazionale degli elettori italodominicani.

11I profili dei candidati hanno presentato sostanziali differenze, ma ad accomunarli sono stati almeno due fattori biografici rilevanti, quali la permanenza pluridecennale nel Paese caraibico e l’aver contratto matrimonio e formato una famiglia con una donna dominicana. Questi elementi riflettono un comportamento che ricorre piuttosto frequentemente nei cittadini italiani stabilitisi nella piccola repubblica, riscontrabile fin dagli albori dell’emigrazione italiana verso il Caribe e sintetizzabile nella tendenza a mantenere legami stretti e continuativi di carattere affaristico e/o professionale con l’Italia, pur integrandosi appieno nella società dominicana e optando per un trasferimento definitivo e non temporaneo.

12Gennari, nato a Firenze 46 anni fa, puntava su un curriculum cosmopolita, avendo vissuto in vari Paesi d’Europa e poi negli Stati Uniti e in Argentina. Sebbene non avesse alle spalle una militanza politica di lungo corso, si è potuto proporre come un candidato dotato di esperienza anche per via del suo dinamico lavoro di consulente presso diverse società internazionali, ma al tempo stesso radicato nella realtà dominicana, data la lunga permanenza nel Paese, nel quale ormai da anni aveva investito in attività legate all’agricoltura. Perfettamente integrato nella comunità italiana del Caribe, ha mostrato in varie occasioni di essere interessato, come molti suoi colleghi imprenditori, a creare unta rete più efficiente e coesa tra connazionali, ed era stato tra i primi a manifestare in un contesto ufficiale il proprio disappunto per la chiusura dell’Ambasciata (Filosa, 2015).

13Angelo Viro, sessantunenne arrivato dalla Sicilia oltre trent’anni prima, era già una figura molto nota e attiva all’interno della comunità italiana nella Repubblica Dominicana. Imprenditore di successo, titolare di una importante ditta di complementi per l’edilizia in cui sono impiegati anche la moglie e i due figli, Viro era da tempo impegnato pubblicamente su vari fronti, tanto che l’approdo al maie come candidato alla Camera dei deputati è stato solo l’ultimo dei ruoli istituzionali che ha collezionato. La sua esperienza di emigrante che era riuscito nell’intento di creare un piccolo impero gli era valsa già prima della sua decisione di scendere in politica l’attenzione dei media, tanto che il principale quotidiano dominicano gli aveva dedicato un articolo dai toni quasi agiografici già nel 2009 (Vàsquez, 2009). Ha ricoperto la carica di presidente della Camera di Commercio italodominicana, è oggi vicepresidente del più antico e importante presidio culturale italiano nel Paese, la Casa de Italia, è stato membro del Comites della Repubblica Dominicana e attualmente fa parte di quello panamense. Per via della sua posizione di primo piano nel mondo degli affari, è stato eletto vicepresidente di ani, l’associazione che raggruppa i principali importatori a livello nazionale, e nel quinquennio precedente era stato due volte a capo della Uniòn Nacional de Empresarios. Viro ha poi esercitato la sua notevole influenza per portare all’attenzione delle istituzioni e dei mezzi di informazione le conseguenze negative derivanti dalla «scelta assurda» della chiusura dell’ambasciata e per questo si è speso personalmente, anche sotto il profilo economico, creando un comitato ad hoc e presentando a suo nome un ricorso, poi vinto, al tar del Lazio contro la soppressione della sede diplomatica (Filosa, 2017). Inoltre, Viro, frattanto entrato a far parte del maie e sempre più esposto nelle varie occasioni pubbliche, aveva simbolicamente riconsegnato la bandiera tricolore all’Incaricato d’Affari italiano a Santo Domingo quando l’Ambasciata aveva riaperto le sue porte all’inizio del 2017 (Vaccara, 2018).

14Proprio sulla necessità per gli italiani all’estero di intessere e mantenere un filo diretto con le istituzioni, Viro ha impostato gran parte della sua campagna elettorale, avendo inoltre cura di sottolineare il suo intento di dare la dovuta attenzione all’assistenza di emigrati vecchi e nuovi, alla promozione di accordi bilaterali con l’Italia e con il Nord America per favorire gli imprenditori e i professionisti e all’incentivazione delle iscrizioni all’aire per aumentare la coesione e il peso sociopolitico della comunità. Ben consapevole della nutrita rappresentanza di pensionati tra gli italiani residenti, Viro non ha mancato di riferirsi esplicitamente a loro nel corso dei mesi precedenti le elezioni, menzionando tra le altre cose la necessità di rivedere la doppia imposizione sulle pensioni e di garantire loro, in patria, la completa assistenza sanitaria in caso di necessità. Il suo ha dunque mostrato di essere un programma specificamente incentrato sull’elettorato dominicano, a ulteriore conforto dell’ipotesi che i temi più cari alla popolazione italiana all’estero sono quelli locali e che puntando su questi si può pensare di aumentare il proprio consenso. Quello che sembra interessante rilevare in questa sede è anche come l’ascesa di Viro sia stata parallela alla crescita d’importanza della Repubblica Dominicana come Paese «di punta» per il maie, che infatti già nell’ottobre 2016 aveva tenuto il suo congresso generale per il Nord e Centro America proprio a Santo Domingo.

Una lettura dell’esito elettorale

15I risultati delle consultazioni del 4 marzo nel Paese hanno mostrato di premiare la vivacità e l’attivismo del maie, nonché la bontà della sua «via dominicana» alla conquista di un seggio anche per un rappresentante caraibico nella ripartizione America settentrionale e centrale. Con un incremento cospicuo degli aventi diritto, aumentati di quasi 1.120 unità e passati a 4.562 al Senato, gli elettori italiani di Santo Domingo hanno confermato l’alta partecipazione che aveva contraddistinto le consultazioni precedenti al 2013, votando in 2.047, per una percentuale del 44%, la più rilevante in assoluto degli Stati della ripartizione. Di questi, uno su due ha dato la propria preferenza al maie, che ha ottenuto ben 590 schede (37,4%). È stato confermato poi il consistente seguito di cui continua a godere il centrodestra, con la coalizione Lega-Forza Italia-Fratelli d’Italia che ha guadagnato 434 voti e si è attestata al 27,5%, mentre il consenso del Movimento 5 stelle si è rivelato in calo (280 voti, cioè il 17,8%). La débâcle subita dal Partito democratico entro i confini nazionali ha avuto un suo riflesso anche in questa realtà della circoscrizione estero, dove il centrosinistra ha perduto più del 14%, ottenendo solo 186 voti, pari all’11,8% del totale. Probabilmente proprio in virtù della candidatura del dominicano Gennari, + Europa, la lista legata a Emma Bonino, ha raggiunto quota 52 schede (il 3,3%). Questa formazione in America centrale ha infatti avuto un buon successo, mentre in America meridionale è riuscita a raccogliere solo l’1,1% delle preferenze.

16Nella ripartizione America settentrionale e centrale sono stati la coalizione di centrodestra e il Partito democratico a ottenere i tre seggi a disposizione, ma, come ha significativamente chiosato il coordinatore del maie nella Repubblica Dominicana, Flavio Bellinato, «Anche se Davide non è riuscito a sconfiggere Golia, abbiamo permesso alla Repubblica Dominicana e al Centro America di essere protagonista, per la prima volta nella storia, di una competizione elettorale» (Filosa, 2018). Pur se espressa con il tono enfatico di un esponente della formazione direttamente coinvolta, questa considerazione può essere parzialmente condivisa. Nella regione caraibica e mesoamericana l’erosione del sostegno a quella che i candidati outsider, come Viro, hanno chiamato «partitocrazia romana» nel corso della campagna elettorale è un dato di fatto (Vaccara, 2018).

Conclusioni

17Inserita nel più ampio quadro della crescita e del rilievo della minoranza italodominicana, la tendenza appena analizzata, emersa dalle ultime consultazioni, può far suppore che anche il peso politico dei cittadini italiani residenti in quest’area dinamica e con un’economia in costante sviluppo aumenterà ancora in futuro, determinando forse un’intensificazione significativa dei rapporti bilaterali tra i due Paesi, con il corollario della cornice istituzionale tanto auspicata di cui finora, secondo le voci dei diretti interessati, si è sentita la mancanza.

  • 3 Per un approfondimento riguardo l’attività giornalistica di Filosa e la nascita del suo portale di (...)

18Inoltre, il caso della Repubblica Dominicana, con la vittoria a sorpresa riportata dal maie, rappresenta un esempio lampante di come alcune liste nate oltreconfine, che non hanno corrispettivi in Italia, abbiano acquistato negli anni un consenso crescente e siano oggi sufficientemente forti da insidiare le grandi forze politiche e i partiti tradizionali. Peraltro, questa tendenza è stata solo di recente rilevata in Italia, dove molte formazioni sorte all’estero fino a pochi mesi prima della tornata elettorale erano pressoché sconosciute. Sebbene in qualche caso già presenti in Parlamento, esse hanno cominciato a fare capolino sulla stampa nostrana soprattutto a motivo della grande incertezza sull’esito del voto e della diffusa convinzione, poi rivelatasi fondata, che dalle urne non sarebbe uscita una maggioranza assoluta. Tale scenario faceva presagire la potenziale rilevanza dei diciotto seggi parlamentari assegnati alla circoscrizione estero e ha in parte acceso i riflettori sui candidati di movimenti come il maie (Marini e Paris, 2018). Un’ulteriore considerazione riguarda la diffusione dei blog e dei siti web che hanno veicolato il messaggio dei candidati. Tra questi, nell’area oggetto di questa analisi, spicca il quotidiano online «ItaliachiamaItalia»3, fondato nel 2006 da Ricky Filosa, residente da oltre vent’anni a Santo Domingo, a sua volta coordinatore del maie in Centroamerica e molto attivo nella promozione della candidatura di Viro attraverso la sua vetrina online. Certamente l’impiego sapiente di questi mezzi d’informazione e dei social network ha contribuito a far conoscere gli aspiranti parlamentari, ma resta comunque il fatto che l’impatto di questi strumenti risulta secondario se rapportato all’importanza del radicamento sul territorio e della partecipazione diretta alla vita della comunità di appartenenza. Filosa è risultato poi l’unico italodominicano a ricoprire un incarico nel governo costituito da Lega e Movimento 5 stelle, essendo stato nominato portavoce del sottosegretario agli esteri Ricardo Merlo, senatore eletto per il maie nella ripartizione America Meridionale (Filosa nominato, 2018). Questa nomina ha determinato una prima, piccola, ma sintomatica ribalta istituzionale per gli italiani della Repubblica Dominicana che, a dispetto dell’esiguità numerica della comunità e del suo scarso peso elettorale nella ripartizione America settentrionale e centrale, si sono dimostrati determinati a conquistare visibilità e influenza.

Bibliographie

Bertagna, Federica, La stampa italiana in Argentina, Roma, Donzelli, 2009.

Camera dei Deputati, xvii legislatura, seduta del 28 settembre 2016, http://www.camera.it/leg17/410?idSeduta=0681&tipo=stenografico#sed0681.stenografico.tit00060.sub00100.int00020.

Comunidad italiana en rd asciende a 50 mil personas, «el Tiempo», 30 novembre 2017, http://www.eltiempo.com.do/comunidad-italiana-rd-asciende-50-mil-personas/.

Filosa, Ricky, Santo Domingo, imprenditori italiani si incontrano per unire le forze, «Italia Chiama Italia», 24 dicembre 2015, http://www.italiachiamaitalia.it/santo-domingo-imprenditori-italiani-si-incontrano-per-unire-le-forze-foto/.

Filosa, Ricky, Italiani all’estero, Angelo Viro si presenta, «Italia Chiama Italia», 30 giungo 2017, https://www.italiachiamaitalia.it/italiani-allestero-angelo-viro-si-presenta-sul-suo-sito-web-ecco-chi-sono/.

Filosa, Ricky, Italiani all’estero, in Nord e Centro America il maie c’è: l’analisi di Ricky Filosa, «Italia Chiama Italia», 6 marzo 2018, https://www.italiachiamaitalia.it/italiani-allestero-nord-centro-america-maie-ce-lanalisi-ricky-filosa/.

Filosa nominato portavoce del sottosegretario Merlo, Agenzia Internazionale Stampa Estero, 28 giugno 2018, http://www.aise.it/anno/ricky-filosa-nominato-portavoce-del-sottosegretariomerlo/117810/1.

Fitgerald Nissoli, Fucsia, Gentiloni riapre l’Ambasciata italiana a Santo Domingo, «La Voce di New York», 30 settembre 2016, https://www.lavocedinewyork.com/people/nuovo-mon-do/2016/09/30/gentiloni-riapre-lambasciata-italiana-a-santodomingo/.

Franzina, Emilio, Gli italiani al Nuovo Mondo. L’emigrazione italiana in America 1492-1942, Milano, Mondadori, 1995.

I migliori bond emergenti, «Il Sole 24 Ore», 3 febbraio 2015, http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-02-02/i-migliori-bond-emergenti-repubblica-dominicana-pil-71percento-titoli-2020-cedola-105percento-192650.shtml?uuid=AB1nyBoC.

Marini, Andrea e Paris, Marta, Dal maie all’usei, gli emigrati che all’estero insidiano i grandi partiti, «Il Sole 24 Ore», 8 febbraio 2018, http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-02-08/dal-maie-all-usei-emigrati-che-all-estero-insidiano-grandi-partiti-113105.shtml?uuid=AE0DddwD.

Marro, Enrico, Le nuove mete estere low cost più gettonate dai pensionati inps, «Il Sole 24 Ore», 3 ottobre 2016, http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2016-10-03/repubblica-dominicana-55percento-080716.shtml?uuid=ADEdl5UB&refresh_ce=1.

Ministero dell’Interno, Archivio storico delle elezioni, 2018, http://elezionistorico.interno.gov.it/.

Morgantini, Anna Sprechi internazionali, i ripensamenti della Farnesina: a Santo Domingo chiudiamo l’ambasciata. Anzi no, «Il Fatto Quotidiano», 17 ottobre 2016, https://www.ilfattoquotidiano.it/2016/10/17/sprechi-internazionali-i-ripensamenti-della-farnesina-a-santo-domingo-chiudiamo-lambasciata-anzi-no/3103226/.

Nissoli ad Alfano, che vuoi fare con l’Ambasciata a Santo Domingo?, «Italia Chiama Italia», 18 gennaio 2017, http://www.italiachiamaitalia.it/nissoli-ad-alfano-vuoi-lambasciata-santo-domingo/.

Patti, Fabrizio, Ora scappano anche gli anziani. È boom di case comprate all’estero dai pensionati, «Linkiesta», 25 maggio 2017, https://www.linkiesta.it/it/article/2017/05/25/ora-scappano-anche-gli-anziani-e-boom-di-case-comprate-allestero-dai-p/34348/.

Ponticelli, Salvatore e Thomas, Susanna, «Le pensioni pagate all’estero: un approccio concreto sul [sic!] fenomeno», in Licata, Delfina (a cura di), Rapporto italiani nel mondo 2017, Todi, Tau, 2017, pp. 53-62.

Postulan a un italo-dominicano diputado en Italia, «El Nacional», 14 febbraio 2018, http://elnacional.com.do/postulan-a-un-italo-dominicano-diputado-en-italia/.

Senato della Repubblica, xvii legislatura, replica ad inter Rogazione scritta del 10 marzo 2017, http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Sindispr&leg=17&id=1010167.

Tavano, Armando, Presenza italiana nella Repubblica Dominicana, comitaliasantodomingo.blogspot.com, 23 febbraio 2017, https://comitaliasantodomingo.blogspot.com/2017/02/comunita-confronto-italiani-nella.html.

Vaccara, Stefano, Angelo Viro: riacquisto cittadinanza e abolizione imu per gli iscritti all’aire, «La Voce di New York», 19 febbraio 2018, https://www.lavocedinewyork.com/news/politica/votoestero-nord-centro-america/2018/02/19/angelo-viro-riacqui-sto-cittadinanza-e-abolizione-imu-per-gli-iscritti-allaire/.

Vàsquez, Ircania, Angelo Viro: padre, guìa y compañero, «Lìstin Diario», 5 luglio 2009, https://www.listindiario.com/las-sociales/2009/07/05/106982/angelo-viro-padre-guia-y-compane-ro.

Veloz Maggiolo, Marcio, Los italianos en la vida dominicana, «El Siglo», 27 ottobre 2001, pp. 1-7.

Notes

1 I dati numerici e le percentuali sulla partecipazione elettorale e sul voto di questo capitolo fanno riferimento a Ministero dell’Interno (2018).

2 Si veda, a mero titolo esemplificativo, Fitzgerald Nissoli (2016) e Nissoli ad Alfano (2017).

3 Per un approfondimento riguardo l’attività giornalistica di Filosa e la nascita del suo portale di informazione, si veda Bertagna (2009, p. 92).

Auteur

Francesca Puliga ha conseguito la laurea magistrale in Scienze storiche all’Università di Firenze con una tesi sui rapporti tra Italia e Stati Uniti durante la crisi della Repubblica Dominicana ai primi del Novecento. Si interessa dell’immigrazione italiana a Santo Domingo, con speciale attenzione alle attività economiche di imprenditori e uomini d’affari trasferitisi nell’isola caraibica.

Lire

Accès exclusif

open access

Offert par L’éditeur de ce site