Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Autopsia di un diritto politico

 | 
Simone Battiston
, 
Stefano Luconi

Il voto in Brasile e la fine politica del «Sistema Italia»

Giulio Mattiazzi et Nicole Naccari

Texte intégral

  • 1 I paragrafi1, 2, 6, 7 sono da attribuire a Giulio Mattiazzi, mentre i paragrafi3, 4 a Nicole Naccar (...)

1Il capitolo prende spunto dall’esito delle elezioni politiche italiane del 2018 nella ripartizione Brasile della circoscrizione America meridionale per formulare una breve riflessione sulle forme transnazionali contemporanee di partecipazione politica1. Il caso brasiliano, infatti, pare evidenziare il progressivo decadimento della rilevanza politica dei soggetti che hanno storicamente rappresentato il mondo dell’emigrazione, solitamente identificati come «Sistema Italia» dal Ministero degli Affari esteri (Segreteria Generale della Farnesina, 2018), e l’emersione di uno scenario politico transnazionale inedito. I contorni di questo caso di meticciamento (Mattiazzi, 2009) sembrano spingersi oltre le tradizionali culture politiche nazionali tipiche della modernità occidentale (Bagnasco, 1977; Trigilia, 1982; Almond, 2005), configurandosi come un nuovo spazio transnazionale istituzionalizzato (Keohane e Nye, 1973; Bauböck, 1994; Anderson, 2002; Østergaard-Nielsen, 2009). In questo modo, si andrà volutamente nella direzione di sussumere la circoscritta traiettoria della partecipazione elettorale degli italiani in Brasile, alla ben più ampia riflessione sul tema delle nuove forme di cittadinanza politica post-nazionale (Carvalhais e Cohen, 2007) e, in parte, al dibattito che riguarda la «crisi della democrazia» (Bobbio, 1984; Bovero, 2010). L’obiettivo del capitolo, quindi, è verificare se l’adozione del sistema di rappresentanza politica degli italiani all’estero – per quanto riguarda il Brasile – si configuri 1) come forma di partecipazione e rappresentanza politica transnazionale, 2) come contribuito all’internazionalizzazione delle organizzazioni politiche, 3) come promozione di soggetti politici non partitici in quanto protagonisti di questa vicenda.

Alcune precisazioni teoriche

2Il dibattito occidentale sulla democrazia rappresentativa (Pitkin, 1967; Cotta e Best, 2007) è stato percorso sin dagli anni settanta del xx secolo dalla preoccupazione per la sua stessa sostenibilità e qualità (Altman e Pérez-Liñán, 2002; Diamond e Morlino, 2004) e per la presenza di un «deficit democratico», causato – secondo visioni diametralmente opposte – dall’eccessiva o dalla troppo scarsa partecipazione dei cittadini alle decisioni pubbliche (Crozier, Huntington e Watanuki, 1975; Norris, 2011). Tra coloro che propongono un ampliamento delle forme della democrazia (Santos e Avritzer, 2002), ricordiamo alcuni contributi come Dario Castiglione e Mark Warren (2006), per i quali molti spazi della politica sono oggi decentrati rispetto ai luoghi della rappresentanza, nonché John Dryzek e Simon Niemeyer (2008), che notano come il sistema di rappresentanza ignori la componente discorsiva (deliberativa) della democrazia e non rappresenti la pluralità dei discorsi presenti nella società. Più recentemente, i processi di europeizzazione e globalizzazione (Held, 1995) hanno contribuito a transnazionalizzare la sfera pubblica (Gerhards, 2001; Schmitter, 2008), a modificare il concetto stesso di cittadinanza (Ong, 1999; Leydet, 2011) e, quindi, a cambiare l’importanza degli attori politici tradizionali (Katz e Mair, 1994; Mair, 2005). Ecco perché la migrazione rappresenta un interessante laboratorio per la produzione di nuove forme di organizzazione e partecipazione politica (Malapeira e Ferrer, 2010), in cui i migranti possono essere promotori di politiche pubbliche (Colombo e Caponio, 2005; Caponio, 2006).

3In questa prospettiva, la politica acquisisce una dimensione transnazionale che può collegare la partecipazione dei migranti alla vita democratica del paese di arrivo. Emergono così nuovi spazi democratici e nuovi agenti politici (Mattiazzi, 2011), che si estendono verso dinamiche economiche e interculturali (Escrivá, Bermúdez e Moraes, 2009). Tali pratiche politiche transnazionali si ibridano e si sovrappongono a vicenda in una sorta di coesistenza tra l’impegno politico nel paese di arrivo e in quello di origine (Itzigsohn, 2000; Guarnizo, Portes e Haller, 2003; Østergaard-Nielsen, 2003).

La formazione politica di un «Sistema Italia» in Brasile

  • 2 Per una ampia illustrazione del fenomeno della stampa italiana in Brasile, cfr. Trento (2011).

4Una di queste nuove pratiche si esprime nel voto per corrispondenza che, dall’entrata in vigore della legge 459 del 2001, interessa gli italiani residenti all’estero nei referendum e nelle elezioni politiche. Al di là degli aspetti puramente procedurali ed elettorali (Lanchester, 1988; Grosso, 2002; Sica, 2008; Escrivá, Bermúdez e Moraes, 2009), ci concentreremo sul rapporto tra candidati, eletti e reti organizzative che hanno funzione istituzionale e politica, cioè su quello che solitamente viene definito «Sistema Italia» all’estero: rete diplomatico-consolare, camere di commercio italiane e rete di servizi alle imprese, sindacati e patronati, associazioni regionali, uffici di rappresentanza regionale, Comitati degli Italiani all’Estero (comites), Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (cgie). Si tratta di una rete di controllo sociale, di rappresentanza, di conservazione e divulgazione della cultura di origine di cui fanno parte anche le scuole italiane, i circoli di cultura italiana, le federazioni di associazioni, le Case d’Italia e i media2. Questi soggetti offrono servizi di tipo amministrativo, economico-commerciale, culturale, educativo e promozionale del made in Italy, oppure rappresentano le comunità e la tradizione folclorica e popolare italiana. Si tratta di veri punti di riferimento sul territorio che, in mancanza di una rete operativa organizzata dai partiti politici italiani, si sono trasformati – in Brasile, in Argentina (Devoto e Rosoli, 1988) e altrove – in una sorta di agenzia politico-economico-culturale transnazionale. Tali strutture processano informazioni e analisi provenienti dall’interno e dall’esterno dei confini nazionali, realizzano politiche con effetti sui territori, forniscono elementi utili alla programmazione delle strategie migratorie, come peraltro accade in Italia, grazie alle reti associative di immigrati (Candia e Carchedi, 2012).

5Il ruolo storico delle organizzazioni locali dell’italianità in Brasile si configura come un vero e proprio architrave della partecipazione politica socio-organizzata dei cittadini italiani. Infatti, il legame con il mondo associativo italiano in Brasile è stato sin dall’Ottocento il pilastro della conservazione dei legami dell’emigrato con l’Italia: assistenza, agevolazione al rientro, contatto culturale, aggiornamento e formazione professionale, rappresentanza politico-istituzionale. Tale protagonismo associativo ha ragioni storiche molto note (Franzina, 1976; Trento et Al, 1991; Trento, 2000; Campoli, 2006; Tintori, 2011) per le quali si sono formati sindacati, società di mutuo soccorso, associazioni sportive, regionali, culturali e religiose riservate ai soli italiani. Considerando l’iniziale debolezza del movimento operaio brasiliano, le associazioni italiane divennero presto una sorta di avanguardia dei processi organizzativi dei lavoratori, ergendosi così a punto di riferimento sociopolitico e di tutela legale (Biondi, 2011).

6La comunità italiana «oriunda» in Brasile è oggi stimata tra i 25 e i 30 milioni di persone (Bianchi, 1998); l’italianità è considerata uno degli elementi fondativi della società brasiliana (Ribeiro, 2015); San Paolo è la terza città al mondo, dopo Londra e Buenos Aires, per numero di elettori potenziali italiani residenti (150.000); in Brasile, gli elettori italiani sono oltre 350.000. Per queste persone è molto forte l’influenza esercitata, ad esempio, dai cosiddetti Patronati (Ambasciata d’Italia a Brasilia, s.d.), una rete di servizi che, più o meno volontariamente, finisce per formare l’opinione di molti elettori, in modo spesso più efficace di quanto riescano a fare i comites, i rappresentanti del cgie o le migliaia di associazioni regionali italobrasiliane.

  • 3 Tutti i dati riguardanti l’elettorato fanno riferimento a Ministero dell’Interno (2018).

7Dinanzi ad attori sociopolitici così influenti, è storicamente risultata debole la capacità di mobilitazione politica dei partiti italiani, anche se il loro ruolo è diventato centrale a seguito dell’entrata in vigore della legge 27 dicembre 2001, n. 459, la cosiddetta legge Tremaglia. Infatti, la comparsa di liste indipendenti, autonome e autoctone nella ripartizione elettorale dell’America meridionale segnala la distanza tra partiti «romani» e comunità italolatinoamericane, giustificata dalla presenza di programmi elettorali italo-centrici, concentrati quasi esclusivamente su temi nazionali, e dall’assenza di strutture a rete in grado di gestire forme di azione politica transnazionale. Andando ad analizzare i diversi risultati del voto, tuttavia, ci renderemo ben presto conto che tra le diverse nazioni sudamericane, non cambia solo l’entità dell’elettorato potenziale – quasi 700.000 persone in Argentina e circa 350.000 in Brasile3 – ma anche il loro rapporto con questi partiti.

I profili dei candidati italolatinoamericani

  • 4 «Gli obiettivi di risparmio fissati con dpcm del 28 giugno 2017 (29 milioni di euro nel 2018, 31 mi (...)

8Da una breve indagine condotta online, possiamo dire che la grande maggioranza dei candidati della circoscrizione latinoamericana ha la doppia nazionalità, prevalentemente italoargentina o italobrasiliana, mentre l’età media è di circa 55 anni. Le professioni dei candidati si possono riassumere in pochi ambiti: politici, avvocati, imprenditori o docenti. Ciò evidenzia come siano state selezionate personalità emigrate da tempo, oppure di seconda o terza generazione migratoria, dotate di buone relazioni con la comunità italiana e di una maggiore esperienza politica e professionale. Va sottolineato, inoltre, che quasi tutti i candidati hanno messo in evidenza collegamenti, e in alcuni casi appartenenza, al «Sistema Italia». Quelli che più hanno evidenziato forti legami con il tessuto associativo italiano in Brasile appartengono al Movimento Associativo Italiani all’Estero (maie), all’Unione Sudamericana Emigrati Italiani (usei) e, più recentemente, all’Unione Tricolore America Latina (unital). I candidati del Partito democratico, della coalizione di centrodestra (Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia), Liberi e Uguali, Movimento 5 stelle, + Europa e Civica Popolare Lorenzin (cpl) hanno invece scelto di evidenziare più che altro l’appartenenza al partito. È comunque possibile affermare che almeno un terzo dei candidati dei vari partiti si dice «attivista» delle comunità italiane all’estero. Non a caso, il miglioramento dei rapporti tra la rete diplomatica, il mondo dei patronati, quello associativo e gli altri uffici di rappresentanza (l’annoso tema del «coordinamento» del «Sistema Italia») è proposto da tutti i candidati. Si noti, inoltre, che con i tagli alla rete consolare introdotti dalla spending review4, e il conseguente peggioramento della qualità dei sevizi, i centri di cultura e lingua italiana, comites, cgie, patronati e associazioni sono diventati ancora più collaterali alla presenza dello Stato: da questa nuova forma di collateralismo sono maturate molte candidature politiche.

La campagna elettorale

9Pur in presenza di un discreto interesse riservato dalla rete dei media oriundi, le distanze continentali della ripartizione, la lontananza geografica delle diverse comunità e l’assenza di una copertura televisiva dedicata hanno portato a un uso massiccio della comunicazione digitale. Da un’attenta visualizzazione dei profili social e delle pagine web dei candidati, abbiamo potuto constatare che i partiti che hanno svolto la propaganda in modo più «efficace dal punto di vista relazionale» (Cavallo e Spadoni, 2010, pp. 46-47), attraverso canali online, sono stati maie e usei, molto forti in Argentina e, quindi, più bisognosi di raggiungere l’elettorato «carioca». Oltre a Facebook e Twitter, moltissimi candidati sono stati presenti anche su Instagram, molto utilizzato tra i più giovani. Numerosi profili, sia quelli ufficiali dei partiti, sia quelli personali dei candidati, sono apparsi gestiti in modo professionale da agenzie ad hoc che si sono avvalse di sponsorizzazione dei contenuti, di post molto curati e di interazione con gli utenti. Se i candidati del maie hanno puntato su immagini istituzionali, quelli dell’usei hanno privilegiato un aspetto più emotivo: quello della famiglia, usato forse per dare un’idea di semplicità e vicinanza alla vita reale. Più istituzionali sono risultati i profili social, e così i portali web, del pd e della coalizione di centrodestra. Naturalmente, i social sono stati utilizzati anche come amplificatori delle comunicazioni ufficiali dei partiti: comunicati stampa, presentazioni dei candidati, programmi elettorali. Tutti i candidati hanno inoltre cercato di stimolare la partecipazione degli utenti alla discussione, rispondendo spesso alle domande nei post, invitando alla lettura dei contenuti politici dei loro programmi, alla partecipazione a eventi della campagna elettorale e, ovviamente, al voto.

10La rete non è stata però solo un mezzo per fare campagna. Si è configurata anche come uno strumento di comunicazione bidirezionale, utile ad ascoltare le opinioni dei cittadini, coinvolgendo questi ultimi nelle decisioni e creando relazioni di fiducia. In questo modo, i candidati hanno spinto gli utenti dei social a partecipare in prima persona, non solo online – condividendo contenuti e proposte, diventando a tutti gli effetti veri e propri brand ambassadors – ma anche fuori della rete, parlando con i propri familiari e amici, prendendo parte a eventi politici come volontari della campagna.

11I candidati maie e usei, si dissero, in caso di elezione, da subito disponibili a dare la fiducia a un governo impegnato a trovare una soluzione per l’oramai annosa questione della riforma del voto estero, facilmente esposto a disfunzioni e frodi, denunciate anche nel 2018, e per una revisione degli organismi di rappresentanza, comites e cgie. Un’altra storica rivendicazione degli italiani in Brasile – fatta propria trasversalmente dai candidati di tutti i partiti – è stata la richiesta a un migliore accesso all’informazione: potenziare Rai Italia, usare la comunicazione digitale per promuovere il patrimonio culturale e linguistico italiano, continuare a sostenere giornali, radio e tv in lingua italiana.

  • 5 Si veda il punto 2) del programma del maie (2018).

12Tutti i partiti hanno proposto il miglioramento dei servizi consolari, per creare una rete strutturalmente più agile ed efficiente e risolvere il drammatico problema dei lunghissimi tempi di attesa per ottenere la cittadinanza iure sanguinis. Il maie ha realizzato una forte campagna per l’eliminazione del bonus irpef, introdotto dal Governo Renzi, che aveva istituito una tassa di 300 euro per istruirne le pratiche5. Il pd e l’usei hanno pure puntato sul riconoscimento dei titoli professionali (master, dottorati, specializzazioni post lauream), anche per facilitare il rientro in patria e la collocazione lavorativa di chi li ha ottenuti.

13Un altro importante tema toccato nella campagna elettorale ha riguardato le pensioni: il maie ha proposto un nuovo metodo di versamento delle stesse, non più in euro, ma nella moneta locale, per evitare le oscillazioni del cambio che possono essere molto sfavorevoli in caso di svalutazioni o inflazione. Anche il centrodestra ha toccato questo argomento, proponendo di erogare la pensione italiana a chi ha lavorato almeno quattro anni, versando contributi previdenziali all’I-stituto Nazionale della Previdenza Sociale (inps) italiano.

14Un ultimo tema scottante, quello della sanità, è stato rilanciato da usei, centrodestra e pd: il primo ha puntato a responsabilizzare lo Stato italiano per la copertura sanitaria a tutti i residenti all’estero, così come vorrebbe pure la coalizione di centrodestra. Il pd, invece, ha proposto di garantire ai nostri connazionali residenti all’estero un’assistenza sanitaria in Italia per 60 giorni non continuativi all’anno, per i primi 3 anni di permanenza all’estero, e per 30 giorni non continuativi nel quarto e quinto anno dall’emigrazione.

Il voto in America Meridionale: il caso del Brasile in prospettiva storica

  • 6 La terza deputata eletta nel 2006 fu Mariza Antonietta Bafile, per L’Unione, venezuelana di origine (...)

15In occasione del primo voto per il Parlamento espresso dall’e-stero nel 2006, nel dibattito politico italiano fece irruzione un’Italia politica emigrata, molto diversa da quella residente in patria: nella prima si registrò la netta vittoria dell’Unione, mentre nella seconda si verificò una leggerissima prevalenza del centrosinistra sul centrodestra. Tuttavia, in America meridionale, e in particolare in Brasile, la sorpresa fu doppia, anzi tripla: se L’Unione doppiò nettamente Forza Italia, in linea con la tendenza estera generale, il continente sudamericano espresse la sua particolarità, presentando tre nuove liste radicate localmente, con pochi o addirittura inesistenti collegamenti con l’Italia: il movimento delle Associazioni Italiane del Sud America (aisa), che superò L’Unione di quasi dieci punti, risultando primo partito nella ripartizione, Per Italia nel Mondo (collegata a Mirko Tremaglia), che elesse un deputato, e l’usei, che arrivò quinta in Brasile, superando udc, Lega Nord e udeur. Tra queste, solo la lista di Tremaglia aveva legami con Alleanza Nazionale, mentre le altre due erano promosse da imprenditori italoargentini – Luigi Pallaro, padovano, ed Eugenio Sangregorio, calabrese – emigrati tra gli anni quaranta e cinquanta. Grazie al grande numero di consensi ottenuti, Pallaro fu eletto senatore e la sua lista portò alla Camera anche Ricardo Antonio Merlo, giornalista argentino di origini venete, mentre Giuseppe Angeli, un altro emigrato in Argentina, fu eletto senatore per la lista Tremaglia. Il Brasile – pur avendo dato molti voti alla lista aisa, probabilmente raccolti grazie alla presenza in lista di noti esponenti dell’associazionismo locale, membri dei comites e del cgie (come Adriano Bonaspetti, Gianni Boscolo e Walter Petruzziello) – riuscì a esprimere un solo senatore, eletto nel centrosinistra: Edoardo Pollastri, un commercialista piemontese emigrato a San Paolo, dove ricopriva la carica di presidente della Camera di commercio di San Paolo e di Assocamerestero6.

  • 7 Altra eletta per il maie fu Mirella Giai, italoargentina che occupò uno scranno a Palazzo Madama in (...)
  • 8 Solo gli italobrasiliani Luis Molossi e Gianni Boscolo furono candidati alla Camera per il maie, me (...)
  • 9 Ricordiamo Claudio Pieroni, Adriano Bonaspetti e, ancora, Walter Petruzziello.

16Nel 2008 si verificò un’altra novità tutta latinoamericana: Ricardo Antonio Merlo, ex deputato dell’aisa, si staccò da Pallaro e fondò il maie, vincendo le elezioni nella ripartizione e venendo quindi rieletto alla Camera. Il maie però non conquistò la maggioranza dei voti in Brasile, dove arrivò primo il pd, che riuscì così a eleggere (con oltre 68.000 voti) un solo rappresentante, Fabio Porta, un sindacalista della uil, responsabile del patronato ital7. Il maie di Merlo in Brasile arrivò solo quarto, probabilmente penalizzato dalla presenza tra le sue file di candidati più conosciuti nelle comunità italoargentine8. L’aisa, pur candidando alcuni italobrasiliani9, non raccolse consensi sufficienti a ottenere seggi. Ancora una volta, il voto brasiliano si diversificò dalle tendenze espresse non solo in Italia ma anche in Argentina, premiando partiti di centrosinistra, soprattutto il pd.

  • 10 Medico argentino di origine italiana, segretario della Società Cattolica Popolare Italiana di Cordo (...)
  • 11 Figlia di un noto esponente politico brasiliano, legato al Partido Popular Socialista, Rubens Bueno
  • 12 Docente universitario, giornalista e divulgatore scientifico molto noto.

17Nel febbraio del 2013, il voto per la xvii legislatura espresse un orientamento politico suddiviso in tre poli: pd, Popolo della libertà, m5s (in corsa per la prima volta). Di nuovo, però, la ripartizione America Meridionale risultò essere la più fluida e aperta a scenari indipendenti: vinse il maie – sempre a trazione argentina – con circa il 40% delle preferenze nella ripartizione, che tuttavia scesero al 27% in Brasile, eleggendo deputati Ricardo Antonio Merlo e Mario Alejandro Borghese10. Fabio Porta ottenne un altro mandato alla Camera per il pd (con più di 90.000 preferenze), confermando la sua buona capacità di raccogliere consensi in Brasile. Il quarto seggio alla Camera fu conquistato dall’italobrasiliana Renata Bueno (con quasi 44.000 voti)11, candidata dell’usei, che per la prima volta dalla sua fondazione nel 2006 espresse un parlamentare. Al Senato, invece, furono eletti l’italoargentino Claudio Zuin del maie12 e un altro italobrasiliano del pd, Fausto Guilherme Longo (con quasi 80.000 preferenze), dapprima politico brasiliano e poi esponente del partito socialista italiano. Il quarto seggio latinoamericano per la Camera (precedentemente assegnato all’Europa) andò ad appannaggio del Brasile, che in questo modo eguagliò il numero di eletti argentini. Il m5s non ottenne un grande riscontro in America meridionale nel 2013, in quanto raggiunse solo il 3,2% dei voti nella ripartizione. In particolare, ricevette il 3,7% in Brasile, dove arrivò comunque quarto, superando il Popolo della libertà alla Camera.

18L’elezione del 2013 fece registrare un calo consistente della partecipazione in Brasile (-8% rispetto al 2008), un dato pesante che tuttavia rappresentò solo la metà del crollo clamoroso registrato in America Meridionale (-15% passando dal 50% al 35%). Si trattò di un dato di complessa lettura, motivato da numerosi fattori: il calo dell’affluenza generale alle politiche 2013 (in Italia si verificò una flessione del 5%); un aumento di oltre 250.000 nuovi elettori in tutta la ripartizione, che, a fronte di una riduzione di alcune migliaia di partecipanti, fece risultare molto più alta la percentuale di astenuti; la consueta difficoltà di partecipazione al voto per posta, soprattutto in un periodo dell’estate dell’emisfero australe.

19Con le elezioni del 2018 si è confermata quella che potremmo definire «autonomia politica» della constituency italobrasiliana. In Italia, infatti, si è affermata la coalizione di centrodestra, si è registrato il successo del m5s ed è crollato il pd. Invece, il Brasile è tornato a esprimere una maggioranza per il pd alla Camera, pur a fronte di un calo dei consensi pari al 13%, con i voti perduti che non sono confluiti né sulla destra né sui movimenti associativi ma verso un altro partito, l’esordiente lista cpl, che si è attestata al secondo posto. In terza posizione è arrivato ancora una volta il maie, insidiato a poca distanza dalla coalizione di centrodestra (Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia). Quest’ultima è stata seguita dall’Unione Tricolore America Latina (unital), una nuova aggregazione capitanata dall’avvocato Fabio Cantarelli, un imprenditore nel settore dell’allevamento, residente in Paraguay, che ha presentato una lista «fatta di persone che provengono dall’associazionismo di volontariato radicato in Sudamerica, esponenti delle istituzioni italiane – come il comites – e personalità legate al territorio» (Redazione, 2017). L’unital ha ottenuto l’8,6% dei consensi, leu il 6,8%, il m5s il 4,32%, l’usei 1,69% (quasi scomparso) e + Europa solo l’1,11%.

  • 13 Segretario del Centro Calabrese di Buenos Aires.

20Si sono confermate anche nel 2018 le profonde differenze tra il Brasile e la ripartizione America meridionale, dove invece hanno vinto ancora una volta il maie e l’usei, sempre più italoargentini, seguiti al terzo posto dal pd. Sono stati quindi eletti, per la Camera, Fausto Guilherme Longo per il pd (brasiliano, con oltre 9.000 preferenze), Luis Roberto Lorenzato per la coalizione di centrodestra (brasiliano, con quasi 12.000 voti), Mario Borghese per il maie (argentino, con oltre 26.000 preferenze) ed Eugenio Sangregorio, fondatore dell’usei (argentino, con oltre 38.000 suffragi). Al Senato, sono stati inviati Adriano Cario dell’usei (argentino, con più di 65.000 voti)13 e Merlo (argentino, con quasi 108.000 preferenze).

21In un Sudamerica che ha visto l’elezione di alcune donne alla presidenza dei rispettivi Stati – da Cristina Kirchner in Argentina a Dilma Rousseff proprio in Brasile – va notata la mancata elezione di rappresentanti femminili, nonostante la circoscrizione conti ben 13 paesi e le donne rappresentino la maggioranza dei residenti italiani in Sud America. Si tratta di un problema che meriterebbe un più approfondito esame, anche in una prospettiva storica: infatti, da quando i cittadini italiani hanno potuto votare dall’estero, in Sudamerica sono state elette solo tre donne, una senatrice e due deputate. Sotto il profilo della parità di genere, è senza dubbio allarmante che le 7 liste concorrenti alle elezioni del 2018 abbiano schierato appena diciassette donne su un totale di 89 aspiranti al Parlamento: nove candidate alla Camera e otto al Senato. In particolare, né l’usei e né l’unital hanno presentato candidate donne.

All’interno del «Sistema Italia» in Brasile

22Cosa ci dice il processo elettorale italiano in Brasile rispetto alla presenza di un «Sistema Italia» che, come abbiamo visto, risulta essere un attivo promotore di istanze politiche? Rispondiamo a questa domanda con l’aiuto di alcuni testimoni privilegiati, residenti nelle città di San Paolo e Brasilia. Le domande rivolte agli interlocutori hanno riguardato le più importanti novità emerse dal voto del 4 marzo espresso in Brasile, il profilo dei candidati italobrasiliani e il ruolo dell’associazionismo italiano nella campagna elettorale.

  • 14 Intervista di Rita Blasioli con Giulio Mattiazzi, realizzata per posta elettronica, 21 maggio 2018.

23Per Rita Blasioli, membro del pd a San Paolo e consigliera cgie in Brasile, la campagna elettorale è stata di bassissimo livello: «dilagavano ovunque (soprattutto nella rete) accuse e offese tra i vari candidati, senza alcuna proposta di programma (oltre al logorante argomento sulle file della doppia cittadinanza presso i consolati brasiliani)». L’impressione ricavata dall’esponente democratica è che i candidati non avessero compreso appieno la portata transnazionale della loro candidatura; in altre parole, è sembrato prevalere un atteggiamento «ghettizzato», tipico di chi ha ridotto la campagna elettorale a pochi e scarsi concetti relativi alle istanze tipiche degli italiani espatriati, piuttosto che centrarla su tutte le materie che riguardano il nostro Paese. Per Blasioli, i cambiamenti sono stati pochissimi, visto che la maggior parte dei candidati andava per la rielezione, o per una seconda e terza candidatura. Inoltre, la consigliera cgie fa notare come i nuovi siano stati per la maggior parte provenienti dai comites (7 su 8) e cgie (2 su 3), elemento a suo avviso «molto sconcertante, poiché questi organi di rappresentanza sono stati relegati a “trampolini di lancio” per le elezioni politiche». Infine, il rapporto con le associazioni italiane è stato giudicato quasi inesistente: «soltanto alcuni Presidenti di pochissime associazioni hanno “preso partito”». La ragione di questa lontananza del mondo associativo brasiliano, per Rita Blasioli, è la «gravissima crisi dell’associazionismo all’estero, dovuta al mancato ricambio generazionale e a un regionalismo accentuato nel quale difficilmente l’italo-discendente si ritrova»14.

  • 15 Intervista di Luigi Biondi con Giulio Mattiazzi, realizzata per posta elettronica, 24 maggio 2018.

24Per Luigi Biondi, docente di storia contemporanea presso l’Università Federale di San Paolo, le più importanti novità emerse in Brasile sono state la crescita delle liste del m5s e della Lega, ma anche la tenuta del pd, che ha continuato a essere votato come il primo partito, e la buona affermazione di alcune liste a esso collegate. Per Biondi, è interessante notare come la campagna elettorale italobrasiliana sia stata influenzata dal «dibattito politico brasiliano […] considerato da molti come una cartina di tornasole per schierarsi con certe liste oppure no, soprattutto la questione Lula». Appare evidente che il voto per il Parlamento italiano in Brasile abbia risentito molto delle questioni e posizioni brasiliane e meno esattamente di quelle italiane, di cui, a suo giudizio, «si ha una conoscenza alla fine molto limitata complessivamente». Secondo Biondi, il profilo dei candidati italobrasiliani presenta alcune novità importanti, tra cui la presenza di giovani e di individui di lontana origine italiana, il che pare indicare un legame più rarefatto con l’Italia. Anche il ruolo dell’associazionismo italiano nella campagna elettorale è risultato diverso rispetto al passato: nel caso delle piccole associazioni, si è dato più spazio alla sensibilizzazione, all’appello a partecipare, centrando il dibattito su questioni locali, o riferite ai rispettivi consolati. Nel caso delle grandi associazioni, probabilmente a causa di una fisiologica diversificazione degli orientamenti, che impediva prese di parte univoche, la campagna è stata vissuta in modo più timido e distaccato. Anche i patronati sindacali «sono stati molto più timidi nell’esprimere la propria opinione e sostegno elettorale, diversamente dagli anni passati, credo per la divisione che si è consumata a sinistra»15.

  • 16 Intervista di un’anonima sindacalista con Giulio Mattiazzi, realizzata per posta elettronica, 23 ma (...)

25Dalla prospettiva di un’attivista sindacale, decentrata rispetto a San Paolo, le novità hanno riguardato innanzitutto la presenza di un numero maggiore di candidati e di liste – un fattore che ha portato a una forte dispersione del voto – e, in secondo luogo, «il forte utilizzo dei social media, che ha comportato una maggiore esposizione mediatica delle elezioni italiane, trattate dai maggiori organi di informazione locale». Ciononostante, a suo dire, l’interesse per il dibattito politico e la partecipazione al voto sono restati alti solo per quel gruppo di cittadini che mantengono un rapporto attivo e partecipativo con il paese d’origine: «nella stragrande maggioranza dei casi, l’italo-discendente con diritto al voto […] non vota poiché non ritiene di avere gli elementi conoscitivi adeguati ad esprimere il proprio voto». Per la sindacalista, infine, il profilo dei candidati ha visto una forte partecipazione di persone provenienti dagli organi di rappresentanza degli italiani all’estero e anche noti personaggi brasiliani, mentre il ruolo dell’associazionismo italiano nella campagna elettorale è stato indubbiamente decisivo. Lo prova l’evidente successo del maie, sul quale pesa fortemente la provenienza dall’associazionismo e l’attività in tale ambito16.

Il «Sistema Italia» alla prova di un nuovo scenario politico transnazionale

26La legge italiana che ha introdotto la possibilità di votare per posta dall’estero rappresenta sostanzialmente un’azione riparatrice nei confronti delle comunità di emigranti, per lunghi periodi dimenticate e lasciate sole dallo Stato italiano, che originariamente aveva «facilitato» la loro partenza. Dall’altro lato, il voto estero presenta profili innovativi nella dimensione transnazionale della politica. Il carattere transnazionale è costituito dalla dimensione ibrida dell’esercizio politico, che si esprime contemporaneamente in termini nazionali e internazionali: l’elezione è per il Parlamento di Roma ma il voto è espresso all’estero, mentre la campagna elettorale si concentra su questioni locali e internazionali perché riguarda la condizione migratoria contemporanea, impostata su movimenti circolatori e su flussi interculturali continui.

27Nel contesto brasiliano, il «Sistema Italia» si confronta con un bacino migratorio non convenzionale, in cui l’identità italiana fermenta dalla metabolizzazione individuale, tra l’a-desione entusiasta alla società elettiva e l’emersione di sentimenti contraddittori verso il paese di ascendenza. Si tratta di un processo anerobico, quasi spontaneo, che fa della diaspora italiana in Brasile una costellazione di comunità di memoria in costante evoluzione transculturale, i cui elettori non si affidano prioritariamente a movimenti politici-migratori autoctoni, sconosciuti in Italia. Al contrario, si riconoscono più di altri nell’offerta politica nazionale, anche se, dalla distanza del loro osservatorio, esprimono una nuova soggettività post-nazionale, caratteristica stessa della loro partecipazione sociale e politica. Questa caratteristica italobrasiliana stimola l’internazionalizzazione dei partiti politici italiani i quali, con il voto brasiliano, riescono a eleggere parlamentari che altrove in America Latina vengono surclassati dai movimenti localistici.

28In tal senso, l’esperienza del voto brasiliano nel 2018 ha segnato il declino politico del «Sistema Italia». Quest’ultimo, quando si presenta come forza politica organizzata, appare più che altro come un insieme di individualità che promuovono le proprie organizzazioni e i propri gruppi regionali, imprenditoriali o folcloristici. Il voto brasiliano dimostra con chiarezza che il concetto di «lobby degli italiani all’estero» è molto diverso dall’idea di «comunità italiana emigrata».

29Questo voto italiano costituisce quindi un’esperienza oramai matura di meticciamento politico delle pratiche e dei soggetti; una partecipazione che travalica le culture nazionali della modernità, con una caratterizzazione di nuovi attori, organizzazioni e culture politiche ibride, espresse dalle dinamiche di internazionalizzazione e transnazionalizzazione dell’attività stessa della politica. Tale sistema di rappresentanza pare configurarsi come un nuovo spazio politico-sociale transnazionale istituzionalizzato, al cui funzionamento contribuisce certamente il «Sistema Italia». Quest’ultimo, però, perde centralità, aspettative e capacità di intervento politico quando l’esercizio transnazionale del voto si trasforma da riparazione storica a un re-dispiegamento dei confini dell’i-dentificazione culturale, del meticciamento politico e delle forme complementari di sviluppo economico inter-territoriale.

30La mancata affermazione in Brasile di partiti localistici apre scenari inediti ai soggetti politico-istituzionali che compongono il «Sistema Italia», che si trovano nelle condizioni di andare molto oltre la rivendicazione spicciola dei propri bisogni per mediare un nuovo intervento non convenzionale di policy sui temi migratori: dalla mobilità dei lavoratori, alle relazioni bilaterali, passando per l’internazionalizzazione delle imprese, fino alla possibilità di sperimentare forme di gestione partecipativa delle politiche internazionali, con il contributo dei migranti. Ciononostante, questa opportunità non pare essere emersa nella campagna elettorale brasiliana. Per questa ragione, l’attesa riforma del voto estero potrebbe tenerne conto, stimolando un maggiore collegamento tra dinamiche politiche interne ed esterne alla Penisola.

Bibliographie

Almond, Gabriel Abraham, Cultura civica e sviluppo politico, Bologna, il Mulino, 2005.

Altman, David e Pérez-Liñán, Aníbal, «Assessing the Quality of Democracy. Freedom, Competitiveness and Participation in Eighteen Latin American Countries», Democratization, ix, 2, 2002, pp. 85-100.

Ambasciata dItalia a Brasilia, Patronati in Brasile, s.d. [ma 2018], https://ambbrasilia.esteri.it/ambasciata_brasilia/it/informazioni_e_servizi/servizi_consolari/pensioni/patronati.html.

Anderson, James, Transnational Democracy. Political Spaces and Border Crossings, London, Routledge, 2002.

Bagnasco, Arnaldo, Tre Italie. La problematica territoriale dello sviluppo italiano, Bologna, il Mulino, 1977.

Bauböck, Rainer, Transnational Citizenship. Membership and Rights in International Migration, Aldershot, Edward Elgar, 1994.

Bianchi, Andrea, «Alla ricerca degli oriundi perduti», LiMes, 1, 1998, pp. 21-31.

Biondi, Luigi, Classe e nação. Trabalhadores e socialistas italianos em São Paulo, 1890-1920, Campinas, Unicamp, 2011.

Bobbio, Norberto, Il futuro della democrazia, Torino, Einaudi, 1984.

Bovero, Michelangelo, «Democrazia al crepuscolo?», in Bovero, Michelangelo e Pazé, Valentina (a cura di), La democrazia in nove lezioni, Roma-Bari, Laterza, 2010, pp. 3-20.

Campoli, Federico, Le trasformazioni socio-territoriali impresse dall’immigrazione italiana in Minas Gerais (1860-1930), tesi di dottorato inedita, Università degli Studi di Napoli «L’Orientale», 2006.

Candia, Giuliana e Carchedi, Francesco, Risorse di cittadinanza, Roma, Sviluppo Locale, 2012, http://www.integrazionemigranti.gov.it/Normativa/Documents/Manuali-Studi/Risorse_di_Cittadinanza_web.pdf

Caponio, Tiziana, Città italiane e immigrazione, Bologna, il Mulino, 2006.

Carvalhais, Isabel Maria Estrada, e Robin Cohen, Postnational Citizenship and the State. Political Integration of Non-national Residents in Portugal, Lisboa, Celta, 2007.

Castiglione, Dario e Warren, Mark, Rethinking Democratic Representation: Eight Theoretical Issues, relazione inedita presentata al convegno Rethinking Democratic Representation, University of British Columbia, Centre for the Study of Democratic Institutions, Vancouver, 18-19 maggio 2006.

Cavallo, Marino e Spadoni Federico, I social network. Come Internet cambia la comunicazione, Milano, FrancoAngeli, 2010.

Colombo, Asher e Caponio, Tiziana, Migrazioni globali, integrazioni locali, Bologna, il Mulino, 2005.

Cotta, Maurizio e Best, Heinrich (a cura di), Democratic Representation in Europe Diversity, Change and Convergence, Oxford, Oxford University Press, 2007.

Crozier, Michel, Huntington, Samuel P. e Watanuki Joji, The Crisis of Democracy. Report on the Governability of Democracies to the Trilateral Commission, New York, New York University Press, 1975.

Devoto, Fernando Jorge e Rosoli, Gianfausto (a cura di), L’Italia nella società argentina, Roma, Centro Studi Emigrazione, 1988.

Diamond, Larry Jay e Morlino, Leonardo, «The Quality of Democracy: An Overview», Journal of Democracy, xv, 4, 2004, pp. 20-31.

Dryzek, John e Niemeyer, Simon, «Discursive Representation», American Political Science Review, c, 4, 2008, pp. 481-93.

Escrivá, áNgeles, Bermúdez, Anastasia e Moraes, Natalia, Migración y participación política, Córdoba, Consejo Superior de Investigaciones Científicas, Instituto de Estudios Sociales de Andalucía, 2009.

Franzina, Emilio, La grande emigrazione e l’esodo dei rurali dal Veneto durante il secolo xix, Venezia, Marsilio, 1976.

Gerhards, Jürgen, «Missing a European Public Sphere», in Kohli, Martin e Novak, Mojca (a cura di), Will Europe Work? Integration, Employment and the Social Order, London, Routledge, 2001.

Grosso, Enrico, «Il voto all’estero: tra difficoltà applicative e dubbi di costituzionalità», Quaderni costituzionali, xxii, 3, 2002, pp. 346-48.

Guarnizo, Luis Eduardo, Portes, Alejandro e Haller, William, «Assimilation and Transnationalism: Determinants of Transnational Political Action among Contemporary Migrants», American Journal of Sociology, cviii, 6, 2003, pp. 1211-48.

Held, David, Democracy and the Global Order. From the Modern State to Cosmopolitan Governance, Cambridge, ma, Polity Press, 1995.

Itzigsohn, José, «Immigration and the Boundaries of Citizenship. The Institutions of Immigrants’ Political Transnationalism», International Migration Review, xxxiv, 4, 2000, pp. 1126-54.

Katz, Richard e Mair, Peter (a cura di), How Parties Organize. Change and Adaptation in Party Organizations in Western Democracies, London, Sage, 1994.

Keohane, Robert Owen e Nye, Joseph Samuel, Transnational Relations and World Politics, Cambridge, ma, Harvard University Press, 1973.

Lanchester, Fulco (a cura di), Il voto degli italiani all’estero. Seminario di studio e documentazione, Roma, Bulzoni, 1988.

Leydet, Dominique, «Citizenship», in Zalta, Edward N. (a cura di), The Stanford Encyclopedia of Philosophy, Stanford, ca, Stanford University, Center for the Study of Language and Information, 2011, http://plato.stanford.edu/archives/fall2011/entries/citizenship/.

Maie, I dieci punti programmatici, 2018, http://comunicazioneinform.it/dal-presidente-del-maie-ricardo-merlo-il-programma-del-movimento-associativo-italiani-allestero-per-le-consultazioni-del-4-marzo/.

Mair, Peter, Democracy Beyond Parties, University of California, Irvine, Center for the Study of Democracy, 2005, http://cadmus.eui.eu/bitstream/handle/1814/3291/viewcontent.pdf.

Malapeira, David Moya e Ferrer, Alba Viñas (a cura di), Sufragio y participacion politica de los extranjeros extracomunitarios en Europa, Barcelona, Fundiaciò Carles Pi i Sunyer d’estudis autonòmics i locals, 2010.

Mattiazzi, Giulio, Migrazioni, influenze politiche e ibridazione culturale tra Europa e America Latina, xviii-xxi secolo, Torino, l’Harmattan Italia, 2009.

Mattiazzi, Giulio, «Cidadania e migração: da “integração nacional” à “participação local”», Tempo e Argumento, iii, 2, 2011, pp. 122-140.

Ministero dell’Interno, Archivio storico delle elezioni, 2018, http://elezionistorico.interno.gov.it/.

Norris, Pippa, Democratic Deficit: Critical Citizens Revisited, Cambridge, ma, Cambridge University Press, 2011.

Ong, Aihwa, Flexible Citizenship. The Cultural Logics of Transnationality, Durham, nc, Duke University Press, 1999.

Østergaard-Nielsen, Eva Kristine, «The Politics of Migrants’ Transnational Political Practices», International Migration Review, xxxvii, 3, 2003, pp. 760-786.

Østergaard-Nielsen, Eva Kristine, «La politica através de las fronteras: reflexiones sobre la dimension transnacional de la participación política de los migrantes», in Escrivá, Ángeles, Bermudez, Anastasia e Moraes, Natalia (a cura di), Migracion y Participacion Politica, Madrid, Consejo Superior de Investigaciones Científicas, 2009, pp. 17-41.

Pitkin, Hanna, The Concept of Representation, Berkeley, University of California Press, 1967.

Redazione, Italiani all’estero e Politiche 2018, Fabio Cantarelli presenta la lista unital in Sudamerica, «Italia Chiama Italia», 20 dicembre 2017, http://www.italiachiamaitalia.it/italiani-allestero-e-politiche-2018-fabio-cantarelli-presenta-la-lista-unital-sudame

Ribeiro, Darcy, O povo brasileiro: a formação e o sentido do Brasil, São Paulo, Global Editora e Distribuidora ltda, 2015.

Santos, Boaventura de Sousa e Avritzer, Leonardo, «Introdução: para ampliar o cânone democrático», in Santos, Boaventura de Sousa e Avritzer, Leonardo (a cura di), Democratizar a Democracia: os caminhos da democracia participativa, Porto, Afrontamento, 2002, pp. 35-69.

Schmitter, Philippe, The Politics of Organized Interests, relazione inedita presentata al convegno Rethinking Representation. Theoretical Issues, Rockefeller Center, Bellagio, 30 settembre – 3 ottobre 2008.

Segreteria Generale della Farnesina, Piano della performance 2018-2020, 31 gennaio 2018, https://www.esteri.it/mae/resource/doc/2018/01/piano_della_performance_maeci_2018-2020_definitivo.doc.

Sica, Giampiero, «La legge sul voto degli italiani all’estero e la rottura del principio della rappresentanza parlamentare nazionale», Politica del diritto, xxxix, 4, 2008, pp. 703-18.

Tintori, Guido, «The Transnational Political Practices of Latin American Italians», International Migration, xlix, 3, 2011, pp. 168-88.

Trento, Angelo, Os italianos no Brasil, São Paulo, Premio, 2000.

Trento, Angelo, La costruzione di un’identità collettiva. Storia del giornalismo in lingua italiana in Brasile, Viterbo, Sette Città, 2011.

Trento, Angelo, et Al., La presenza italiana nella storia e nella cultura del Brasile, Torino, Edizioni della Fondazione Giovanni Agnelli, 1991.

Trigilia, Carlo, «Modernizzazione, accentramento e decentramento politico», Stato e Mercato, ii, 4, 1982, pp. 45-92.

Notes

1 I paragrafi1, 2, 6, 7 sono da attribuire a Giulio Mattiazzi, mentre i paragrafi3, 4 a Nicole Naccari. Il paragrafo 5 va attribuito a entrambi.

2 Per una ampia illustrazione del fenomeno della stampa italiana in Brasile, cfr. Trento (2011).

3 Tutti i dati riguardanti l’elettorato fanno riferimento a Ministero dell’Interno (2018).

4 «Gli obiettivi di risparmio fissati con dpcm del 28 giugno 2017 (29 milioni di euro nel 2018, 31 milioni nel 2019 e 2020, corrispondenti al 3% dell’obiettivo di risparmio complessivo indicato nel def 2017, a fronte di un peso del bilancio maeci pari, nel 2017, allo 0,30% del bilancio dello Stato) hanno inciso ulteriormente sulla già ridotta categoria economica dei “consumi intermedi”, interessata in misura rilevante dai tagli lineari degli ultimi anni» (Segreteria Generale della Farnesina, 2018).

5 Si veda il punto 2) del programma del maie (2018).

6 La terza deputata eletta nel 2006 fu Mariza Antonietta Bafile, per L’Unione, venezuelana di origine italiana.

7 Altra eletta per il maie fu Mirella Giai, italoargentina che occupò uno scranno a Palazzo Madama insieme a Esteban Juan Caselli, senatore eletto per il Popolo della Libertà, che confermò Giuseppe Angeli alla Camera.

8 Solo gli italobrasiliani Luis Molossi e Gianni Boscolo furono candidati alla Camera per il maie, mentre al Senato si presentano i relativamente poco votati Itamar Benedet e Carlos Iotti.

9 Ricordiamo Claudio Pieroni, Adriano Bonaspetti e, ancora, Walter Petruzziello.

10 Medico argentino di origine italiana, segretario della Società Cattolica Popolare Italiana di Cordoba.

11 Figlia di un noto esponente politico brasiliano, legato al Partido Popular Socialista, Rubens Bueno.

12 Docente universitario, giornalista e divulgatore scientifico molto noto.

13 Segretario del Centro Calabrese di Buenos Aires.

14 Intervista di Rita Blasioli con Giulio Mattiazzi, realizzata per posta elettronica, 21 maggio 2018.

15 Intervista di Luigi Biondi con Giulio Mattiazzi, realizzata per posta elettronica, 24 maggio 2018.

16 Intervista di un’anonima sindacalista con Giulio Mattiazzi, realizzata per posta elettronica, 23 maggio 2018.

Auteurs

Giulio Mattiazzi, Ph. D. in Democrazia nel secolo xxi, conseguito all’Università di Coimbra, è professore a contratto dell’Università di Padova. Ha vissuto dal 1993 al 2007 a Belo Horizonte, Brasile, dove è stato membro del Comitato degli Italiani all’Estero. Opera come formatore e facilitatore per università, imprese, pubbliche amministrazioni, organismi internazionali e rete diplomatica in tema di migrazioni internazionali, innovazione sociale e sviluppo del territorio.

Nicole Naccari, dopo aver conseguito la laurea magistrale in Studi europei all’Università di Padova, si occupa di conflitti e comunicazione politica, social media nonché attualità e visibilità giornalistica della nuova emigrazione italiana. Ha studiato l’emigrazione giovanile degli italiani in Australia, in particolare per il caso veneto. Al momento sta svolgendo ricerche sulla lotta dell’Unione Europea al terrorismo di matrice jihadista.

Lire

Accès exclusif

open access

Offert par L’éditeur de ce site