Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Autopsia di un diritto politico

 | 
Simone Battiston
, 
Stefano Luconi

Déjà vu: il voto italiano in Argentina

Federica Bertagna

Texte intégral

Premessa

  • 1 Oltre che sulle fonti e sulla bibliografia citate nel testo, questo saggio si basa sulle informazio (...)

1Analizzando i risultati del voto italiano in Argentina alle elezioni politiche del 4 marzo 20181 in prospettiva, ovvero dopo la formazione del governo guidato da Giuseppe Conte, a distanza di un decennio e più dai primi studi dedicati al tema, quelli relativi al voto del 2006 (Bernardotti, 2007; Tarantino, 2008), e sulla scorta dei raffronti che consentono anche i due altri appuntamenti elettorali intercorsi nel frattempo (le politiche del 2008 e del 2013), la prima impressione è quella di un déjà vu, che conferma alcune caratteristiche e specificità del comportamento dei cittadini con passaporto italiano in questo Paese sudamericano. Esse riguardano non solo il corpo elettorale e l’offerta politica, ma anche i livelli di partecipazione al voto, i risultati del voto medesimo e, in parte, le stesse scelte di schieramento post voto dei parlamentari eletti. Se vogliamo, anche i timori e le denunce di possibili brogli sollevati prima e dopo il voto, che hanno nuovamente additato l’Argentina come uno dei contesti più a rischio, sono qualcosa di già visto (Merli, 2018; Stella, 2018). Nelle pagine che seguono tenteremo di motivare questa affermazione, cominciando con l’analisi della prima fondamentale costante, relativa alla composizione e alla consistenza del corpo elettorale italiano in Argentina, che è in un certo senso quella che condiziona, se non determina a cascata, anche le altre.

2L’Argentina, secondo gli ultimi dati statistici disponibili del Ministero dell’Interno, è il paese con più cittadini italiani con diritto di voto fuori d’Italia: 693.370 persone, che rappresentano oltre il 15% dei 4.230.854 elettori italiani residenti all’estero e oltre la metà dei 1.343.929 elettori della ripartizione America meridionale (Ministero dell’Interno, 2017). Il dato risulta a prima vista sorprendente, per chi conosca anche solo a grandi linee la storia dell’emigrazione italiana verso le Americhe, e sappia dunque che, se l’Argentina è stata seconda solo agli Stati Uniti tra le mete oltreoceano, con circa 3.000.000 di arrivi dall’Italia tra 1876 e 1976 (Favero e Tassello, 1978, p. 19), l’ultima consistente ondata risale al quindicennio successivo alla Seconda guerra mondiale, quando tra il 1945 e il 1960 approdarono in Argentina circa 400.000 italiani: dopo quella data, i flussi si sono praticamente interrotti (Devoto, 2007).

Elettorato e offerta politica

  • 2 L’onda lunga delle acquisizioni di cittadinanza in Argentina, come in Brasile del resto, è legata a (...)

3Per comprendere l’entità così consistente dell’elettorato italiano in Argentina, bisogna allargare la prospettiva e mettere in rapporto questa emigrazione lontana nel tempo con due altre circostanze. Una è relativa alla storia argentina recente e rimanda alle gravissime crisi economiche che hanno colpito il paese sudamericano: la prima nel 1989-90, con un’iperinflazione che superò il 3000% annuale, e la seconda, alla fine degli anni novanta, che costrinse il Paese a dichiarare il default nel dicembre 2001. Se già in occasione della crisi del 1989 molti avevano avviato le pratiche per ottenere la cittadinanza di un Paese europeo, il crollo del 2001 indusse in pochi mesi decine di migliaia di argentini a mettersi in fila davanti ai consolati soprattutto di Italia e Spagna, da cui provennero i quattro quinti dell’immigrazione dall’Europa, per ottenere un passaporto ed eventualmente emigrare, nella stessa Europa o altrove (Bramuglia e Santillo, 2002). Negli anni successivi, nonostante il rapido recupero dell’economia argentina, le conseguenze in loco della crisi economica mondiale e l’instabilità internazionale che ne seguì, da un lato; e l’inasprirsi delle politiche migratorie dei Paesi occidentali, dall’altro, contribuirono a mantenere elevatissima in Argentina la richiesta di acquisizione di un passaporto europeo, visto come un lasciapassare in caso di necessità, per sé e soprattutto per i figli: «por las dudas», come sono soliti rispondere gli argentini a chi li interroghi al riguardo2.

4La seconda circostanza, che ha permesso di legare il passato remoto e quello prossimo dei vincoli tra i due Paesi, è la legge di cittadinanza italiana, che – come noto – anche dopo la riforma del 1992 ha riaffermato lo ius sanguinis e permette di ottenere la cittadinanza medesima, senza rinunciare alla propria di origine, a chiunque sia in grado di dimostrare la discendenza da un antenato italiano partito dalla penisola dopo l’unificazione politica o, per via matrilineare, dopo l’entrata in vigore della Costituzione italiana il 1° gennaio 1948 (Zincone, 2006).

  • 3 Esiste ormai una foltissima bibliografia, che è superfluo richiamare in questa sede (ma si vedano a (...)
  • 4 La percentuale di discendenti era di circa il 70% nel 2006, quando i nati in Italia erano circa 190 (...)
  • 5 I dati sul corpo elettorale, i risultati del voto del 4 marzo 2018 e lo storico dei risultati nelle (...)

5Di qui derivano le peculiarità nella composizione della collettività e, dopo la promulgazione della controversa legge del 2001 sul voto italiano all’estero3, in quella dell’elettorato italiano in Argentina: 1) la prima continua a crescere velocemente e rimane la più numerosa al mondo – secondo gli ultimi dati disponibili dell’aire, 804.261 cittadini italiani risiedevano in Argentina alla fine del 2016 (Ministero dell’Interno, 2017, p. 6) – anche perché, dopo le circa 60.000 partenze di cittadini italiani registrate negli anni peggiori dell’ultima crisi (Tarantino, 2008, p. 259), all’acquisizione della cittadinanza non ha corrisposto una effettiva emigrazione, in Italia o altrove; 2) la collettività è costituita ormai per circa l’80% non da emigrati italiani ma da loro discendenti: figli, nipoti e pronipoti, che hanno acquisito la cittadinanza negli anni novanta e soprattutto a partire dal 20014; 3) come conseguenza delle acquisizioni, o riacquisizioni di cittadinanza iure sanguinis, il numero di cittadini italiani con diritto di voto è aumentato a sua volta in modo esponenziale di elezione in elezione ed è praticamente raddoppiato dal 2006 a oggi, passando da 356.495 a 693.3705; 4) evidentemente, anche la forbice tra gli elettori nati in Italia e quelli nati in Argentina si è allargata sempre più, dato che gli uni, in assenza di nuovi flussi dall’Italia, sono progressivamente diminuiti per i decessi, e gli altri continuano invece ad aumentare: all’epoca dell’ultimo censimento argentino del 2010, infatti, risiedevano in Argentina circa 147.000 italiani nati nella penisola, che rappresentano poco più di un quinto del totale degli elettori, se, come fa pensare appunto il pressoché totale esaurimento dell’emigrazione dall’Italia in Argentina dopo il 1960, ipotizziamo che la quasi totalità di essi sia maggiorenne (Indec, 2010).

6Certamente morfologia e dinamiche della collettività italiana in Argentina non possono considerarsi uniche, quantomeno nel panorama dell’America meridionale. Basti pensare alla pressoché analoga escalation delle acquisizioni di cittadinanza italiana registrata in Brasile negli stessi anni (Tedesco e Bertagna, 2014). Tuttavia, le dimensioni della medesima collettività rendono l’analisi del suo comportamento di voto un caso di studio particolarmente rilevante.

7Per capire come hanno votato gli italiani d’Argentina, è opportuno soffermarsi innanzitutto sull’offerta politica che si sono trovati di fronte, che costituisce, come anticipato, un’altra costante peculiare di quel contesto. Fin dal primo appuntamento con le elezioni politiche nel 2006, infatti, oltre alle liste emanazione di partiti e forze politiche italiane, che includevano anche quella creata ad hoc per la circoscrizione estero dall’allora esponente di Alleanza Nazionale Mirko Tremaglia, intenzionato a capitalizzare i risultati di un voto dei cittadini fuori d’Italia di cui era stato ardente promotore per trent’anni e poi artefice in Parlamento come Ministro per gli Italiani nel mondo (Colucci, 2002), nella ripartizione America meridionale se ne presentarono anche due autoctone, entrambe fondate in Argentina.

  • 6 Il movimento di Sangregorio rivendica come frutto della propria iniziativa politica l’approvazione (...)

8La prima, l’Associazioni Italiane Sud America (aisa), come indicava la stessa denominazione, era espressione del mondo delle associazioni italiane in Argentina e aveva come fondatore e leader Luigi Pallaro, un imprenditore originario della provincia di Padova giunto in Argentina nel 1951. La seconda, l’Unione Sudamericana Emigrati Italiani (usei), era stata promossa da Eugenio Sangregorio, emigrato dalla provincia di Cosenza in Argentina nel 1957, self-made man attivo nel settore immobiliare e già fondatore vent’anni prima del Movimento Italo Argentino di partecipazione civica, che con qualche successo si era battuto per l’integrazione politica degli stranieri in Argentina attraverso il voto6.

  • 7 Le liste dei candidati e i programmi di partiti, movimenti e forze politiche che si sono presentati (...)

9Le due liste avevano in comune il fatto di essere entrambe legate, o comunque vicine, al mondo delle associazioni italiane in Argentina, ma con un peso e una visibilità dei leader ben diversi. Pallaro era stato negli anni settanta presidente di Feditalia, la Federazione delle associazioni italiane in Argentina, ed era in quel momento presidente della Camera di commercio italiana di Buenos Aires. Sangregorio, invece, si muoveva esclusivamente nell’ambito della comunità calabrese. Inoltre, le due formazioni avevano programmi simili: affermavano la propria indipendenza dagli schieramenti politici italiani; e dichiaravano di puntare esclusivamente alla tutela dei diritti e interessi degli italiani all’estero. Alcune delle richieste avanzate riguardavano il riconoscimento delle pensioni, il potenziamento della rete e dei servizi consolari e maggiori risorse per l’insegnamento della lingua e la diffusione della cultura italiana7.

10In tutti gli appuntamenti elettorali successivi, l’offerta politica in Argentina rimase caratterizzata dalla presenza di due o più liste con analoghe caratteristiche, ovvero indipendenti dai partiti nazionali e vincolate all’associazionismo italiano locale. Nel 2008, oltre a aisa e usei, si presentò nella ripartizione America meridionale anche una terza formazione, il Movimento Associativo Italiani all’Estero (maie), nato da una scissione prodottasi nella stessa aisa nel 2007 per iniziativa di Ricardo Merlo, un giornalista argentino di origine veneta, come Pallaro, che era stato eletto l’anno prima a propria volta alla Camera. Nel 2013, a usei e maie si aggiunse una nuova lista «argentina», l’Unione degli Italiani per il Sudamerica di Andrea Sabina Soresi, direttrice del periodico italiano Gazzetta Tricolore di Bahía Blanca.

11Nel 2018, infine, si sono ripresentate le storiche liste usei e maie, e solo alla Camera una terza lista, Unione Tricolore America Latina (unital), guidata da Daniel Taddone (2018), brasiliano di origini siciliane e calabresi. I programmi delle tre liste sono rimasti scevri di riferimenti ideologici, se si eccettuano i valori cristiani richiamati da usei e il fuggevole cenno al ruolo dell’associazionismo cattolico del maie, e hanno tra i punti in comune quelli che negli anni sono diventati i leit motiv dei partiti «sudamericani» e degli stessi candidati nella ripartizione America meridionale dei partiti italiani: la richiesta di potenziamento dei servizi consolari; maggiori risorse per la diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo; possibilità di riacquisizione della cittadinanza iure sanguinis per via matrilineare estesa all’indietro prima del 1948.

Il voto

  • 8 Il dato del 2008 risultò viziato dai brogli: cfr. infra.

12Il 4 marzo 2018 in Argentina ha votato alla Camera il 33,72% degli aventi diritto, al Senato il 33,63%. Pur in netto calo rispetto alle politiche del 2006 e del 2008, quando essa era stata superiore al 50% nei due rami del Parlamento e di gran lunga maggiore rispetto a quella di tutti gli altri Paesi della circoscrizione estero8, la partecipazione è rimasta la seconda più alta al mondo, di poco inferiore solo a quella della Svizzera ma superiore, per esempio, tra i Paesi comparabili all’Argentina per le dimensioni o per la morfologia delle loro collettività italiane, a quella della Germania e del Brasile.

  • 9 Che esista una contraddizione è solo un’ipotesi. In assenza di dati sull’affluenza disaggregati tra (...)

13L’alta partecipazione costituisce un dato apparentemente in contraddizione con le caratteristiche di una collettività formata, come detto, quasi per intero da discendenti di emigrati che, almeno in teoria, sono meno interessati al voto9. A determinarla concorrono diversi fattori. In primis, certamente, il fatto che in Argentina, come peraltro in altri Paesi sudamericani, il voto sia obbligatorio (il che ha generato una abitudine a esercitarlo), ma anche il timore, segnalato da poco meno di un terzo degli intervistati, che un’eventuale astensione avrebbe potuto avere delle conseguenze negative in futuro (alcuni, per esempio, paventano la cancellazione dall’aire). Una larga maggioranza degli intervistati, d’altro canto, pur non reputando giusto che chi è nato e ha sempre vissuto fuori d’Italia voti e abbia propri rappresentanti in Parlamento, ritiene il voto uno strumento utile per la difesa degli interessi degli italiani all’estero.

  • 10 Gli altri due deputati eletti nella ripartizione America meridionale provengono dal Brasile: Fausto (...)

14Quest’ultimo pare un punto fondamentale da cui partire per analizzare i risultati elettorali in Argentina. Il primo dato evidente che emerge, infatti, è il successo macroscopico delle liste estranee al sistema dei partiti italiano e nate appunto per tutelare tali interessi: il maie di Merlo e l’usei di Sangregorio nel 2018 hanno raccolto complessivamente due terzi dei voti al Senato (35,82% e 30,81% rispettivamente) e quasi altrettanti alla Camera (33,56% e 29,58%). Nella ripartizione America meridionale si elegge un terzo dei 18 parlamentari della circoscrizione estero: quattro deputati su dodici e due senatori su quattro. In virtù dei risultati in Argentina e del peso quantitativo del suo elettorato nella ripartizione, sia maie sia usei hanno conquistato un deputato (rispettivamente Mario Borghese e Sangregorio) e un senatore ciascuno (Merlo e Adriano Cario)10.

15Considerando che il terzo partito più votato, il Partito democratico, ha raccolto il 12,14% dei voti validi, si comprende assai bene che le scelte dell’elettorato italiano in Argentina sono state molto diverse non solo da quelle della circoscrizione estero nel suo insieme (dove il pd è largamente primo partito, con oltre un quarto dei suffragi, e ha eletto complessivamente sette parlamentari: cinque deputati e due senatori) ma anche di vicini di ripartizione come il Brasile. Pure in quest’ultimo Paese, che ospita la collettività italiana forse più simile a quella dell’Argentina (in particolare per l’alta percentuale di discendenti sul totale degli iscritti all’aire), il pd è stato infatti il partito più votato, con una percentuale appena al di sotto della media nel resto della circoscrizione estero.

16Se raffrontiamo i risultati delle liste «autoctone» nel 2018 con quelli delle elezioni politiche precedenti (2006, 2008 e 2013), possiamo concludere che si tratta di un successo che viene da lontano e si è consolidato nonostante il corpo elettorale abbia cambiato abbastanza profondamente profilo, come s’è visto.

17Nel 2006, aisa risultò il primo partito alla Camera (31,48%) e il secondo al Senato (29,82%) in Argentina; inoltre, con quasi 100.000 voti complessivi, corrispondenti a oltre il 33% dei voti validi espressi, fu anche la lista più votata nella ripartizione America meridionale alla Camera. Risultarono eletti al Senato Pallaro, e alla Camera Merlo, a sua volta attivo da un decennio nel mondo dell’associazionismo. usei, con il 6,53% dei voti validi alla Camera e il 5,81% al Senato, non riuscì a eleggere alcun parlamentare.

  • 11 Le indagini sul neoeletto senatore del pdl Esteban Juan Caselli furono avviate dalle Procure della (...)

18I risultati delle elezioni del 2008 furono solo in apparenza anomali. Alla Camera, molti consensi dell’aisa, che ottenne il 14,75% dei voti, passarono al maie, fondato nel frattempo dallo stesso Merlo, che al suo esordio elettorale risultò il primo partito con il 26,88% dei voti. usei non presentò una propria lista ma Sangregorio ottenne comunque una buona affermazione personale (quasi 27.000 preferenze) candidandosi con l’Unione di Centro di Pier Ferdinando Casini. La sorpresa fu piuttosto al Senato, dove la lista del Popolo della libertà (pdl) fu la più votata con il 28,88%, contro il 23,80% del maie e il 15,14% di aisa, che non fu sufficiente per rieleggere Pallaro. In realtà, l’exploit del pdl e in particolare di Esteban Juan Caselli, eletto senatore nella ripartizione America meridionale grazie a 50.000 preferenze ottenute soprattutto in Argentina e Venezuela, fu il frutto di brogli, come appurarono le inchieste giudiziarie seguite alle denunce, tra gli altri, dello stesso Pallaro: circa 20.000 schede con il nome del candidato del pdl risultarono irregolari, frutto di sottrazione di plichi elettorali destinati a cittadini italiani risultati irreperibili11.

  • 12 In disaccordo con la linea del movimento di Sangregorio, Renata Bueno una volta in Parlamento scels (...)

19Nel 2013, il maie tornò a essere il partito più votato, con il 44% dei suffragi alla Camera, e addirittura il 49,43 al Senato, riuscendo a eleggere, anche grazie alle ottime affermazioni in Brasile e in Venezuela, due deputati e un senatore. usei ottenne il 10,30% dei voti alla Camera e l’8,21% al Senato. Sangregorio non fu eletto ma, in virtù del risultato in Brasile (26,42%), alla Camera un seggio andò a Renata Bueno, poi uscita da usei per contrasti con Sangregorio e non ricandidata alle ultime elezioni12.

  • 13 L’unica vera eccezione è costituita dal brasiliano Evaldo Rui Vicentini, in quanto il candidato ele (...)

20Nel 2018 è riemersa in tutta evidenza una differenza di fondo tra i due movimenti. usei dopo l’esperienza negativa con Bueno, è tornato a concentrare i suoi sforzi pressoché esclusivamente in Argentina, dove nel 2018 ha raccolto la quasi totalità dei suoi voti (62.117 sul totale di 68.291) e da dove provenivano quasi tutti i suoi candidati13. Il maie ha mantenuto invece fin dalla sua fondazione una prospettiva sovranazionale. Si è presentato anche nella ripartizione America settentrionale e centrale sia nel 2013 sia nel 2018. Inoltre, nelle ultime elezioni ha dimostrato di avere ormai un solido radicamento (e candidati in grado di captare voti) anche in altri Paesi dell’America meridionale: ha ottenuto una buona affermazione in Brasile (terzo partito), ed è risultato il primo partito in un Paese, l’Uruguay, la cui collettività italiana gravita tradizionalmente su quella argentina.

21Nel suo programma elettorale il maie (2018) si definisce «l’unico movimento politico nato tra gli italiani all’estero»: se non lo è propriamente, è il loro tentativo sin qui più riuscito di pensarsi come tali, creando un proprio soggetto politico autonomo. Per la prima volta gli italiani all’estero non sono stati, cioè, immaginati o utilizzati dall’Italia, come è avvenuto dal fascismo fino, a ben vedere, al 2001, quando la legge che ha modificato le forme di esercizio del voto all’estero e creato la circoscrizione estero coi suoi collegi «orbitanti nello spazio» (Sartori, 1999), ha finalmente offerto una sponda perfetta perché prendesse forma quello che politicamente, in altro modo, non poteva esistere, se non se nella retorica dispiegata a piene mani dai politici di ogni colore sulla «italianità all’estero», appunto.

  • 14 Solo 2 dei 30 intervistati leggono saltuariamente giornali italiani online; nessuno di loro legge o (...)
  • 15 La famiglia risulta il principale punto di contatto tra elettori di diverse generazioni: 22 intervi (...)

22Non è un caso che ciò sia avvenuto in Argentina. Per capire il successo crescente di queste liste, e il parallelo scarso appeal dei partiti italiani, bisogna richiamare le caratteristiche di una collettività formata, come detto, per meno del 20% da emigrati, quasi tutti partiti cinquanta o più anni fa dall’Italia e che per oltre i due terzi hanno più di 60 anni (Ministero degli Esteri, 2003, p. 8), e per il resto da discendenti nati e vissuti in Argentina. Gli uni e gli altri, comprensibilmente, non hanno alcuna conoscenza, o ne hanno una molto relativa, dei partiti e della politica italiana e sono del resto poco interessati a programmi che in quasi nessuna misura li riguardano o anche solo li contemplano14. Molti intervistati dichiarano comunque di aver tentato di informarsi prima di votare, attraverso le reti sociali (i più giovani) e soprattutto attraverso i propri familiari e conoscenti15.

23Per gli emigrati e i loro discendenti, i contatti con l’Italia, quando ci sono e non si limitano ai viaggi, rimangono mediati in larga misura dalle associazioni italiane, che sono nazionali, ma soprattutto locali (regionali ma anche provinciali o paesane). La storia dell’associazionismo italiano in Argentina, fino agli anni tra le due guerre soprattutto di matrice mutualistica, è una storia plurisecolare (le prime associazioni furono fondate alla metà dell’ottocento) e, se non suona retorico scriverlo, epica o comunque straordinaria (Devoto, 2007; Bertagna, 2002). Nondimeno, le associazioni locali, che svolgono prevalentemente attività ricreative e culturali, sono state create quasi tutte dopo la fine della seconda guerra mondiale, in due momenti: nel quindicennio 1945-60, in coincidenza con l’ultima ondata di immigrazione dall’Italia; o dopo gli anni settanta, quando si è registrata una vera e propria proliferazione (Bernasconi, 1990; Bernasconi, 1993).

  • 16 Che diviene talvolta ingerenza dannosa per le stesse associazioni (Sergi, 2013, p. 51).
  • 17 J.C, 29 anni, pronipote di italiani partiti dalla Toscana, afferma di essere stato in Italia una pr (...)

24In questa fase più recente, un impulso decisivo è venuto anche dai rapporti che le neoistituite Regioni italiane a statuto ordinario hanno stabilito, attraverso le associazioni, con i loro concittadini emigrati e i discendenti, in un’ottica, spesso strumentale16, di rafforzamento di identità in alcuni casi malcerte in patria. Con il finanziamento di soggiorni in Italia e l’assegnazione di borse di studio per i giovani discendenti di veneti, emiliani, toscani e così via, le Regioni hanno tra l’altro contribuito a riavvicinare parte delle nuove generazioni a un mondo che era loro completamente estraneo17, quello della sociabilità dei genitori e dei nonni arrivati dall’Italia dopo la seconda guerra mondiale.

  • 18 Delle 583 associazioni censite, 259 avevano finalità ricreative, 316 culturali, 8 religiose. È da n (...)

25La realtà attuale è estremamente frammentata, fatta di centinaia e centinaia di associazioni, spesso piccole o piccolissime (583 secondo l’ultimo censimento disponibile, risalente al 200018, ma un gran numero, da sempre, sfugge alle registrazioni), che nel loro insieme rappresentano tuttavia un fenomeno sociale, e ora probabilmente anche politico, che forse gli studiosi hanno troppo frettolosamente liquidato come residuale e ormai privo di rilevanza.

  • 19 La Calabria fu la regione italiana da cui partì il maggior numero di emigranti per l’Argentina: cir (...)

26La forte affermazione nel 2018 di usei, che oltre a Sangregorio, entrato alla Camera dopo tre tentativi falliti, ha visto eletto al Senato l’attuale presidente del Centro Calabrese di Buenos Aires, Adriano Cario («Adriano Cario»), impone una menzione a parte per l’associazionismo calabrese, studiato invece con attenzione da Pantaleone Sergi (2013). Prodotto di un flusso regionale imponente19, esiste oggi un universo di circa 80 associazioni calabresi in Argentina, molte delle quali locali, paesane e non regionali, e una Federazione che le riunisce, per quanto, nota Sergi (2013, pp. 43-50), anche la comunità calabrese sia sempre stata solcata da profonde divisioni al suo interno, come ogni altra più immaginaria che reale, e oggi esistano forti rischi di strumentalizzazioni politiche delle associazioni stesse.

  • 20 Per le elezioni del 2006 si veda quanto osserva Tarantino, 2008; per i successivi appuntamenti del (...)

27Anche le biografie degli eletti del maie nel 2018 confermano che la chiave per interpretare i risultati elettorali di queste formazioni va cercata nei rapporti con il mondo associativo20. Se Mario Borghese, deputato per la seconda volta, è legato all’associazionismo, in questo caso cattolico, nella sua città, Córdoba, emblematica è soprattutto la traiettoria del fondatore Ricardo Merlo, alla quarta legislatura. Attivo fin dagli anni novanta nell’associazionismo, soprattutto veneto (Unione Triveneti nel Mondo e Federazione Veneta Argentina), in Argentina, Merlo è stato poi membro del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (cgie) (1998-2003), che fino al 2001 era il principale organo di rappresentanza degli italiani all’estero in Italia; quindi, dopo la prima elezione in Parlamento, nel 2007 è stato nominato presidente dell’Associazione Trevisana di Buenos Aires ed eletto presidente del Comitato Italiani all’estero (comites) di Buenos Aires, che funge invece da raccordo tra le autorità consolari, le associazioni e gli italiani.

  • 21 Su cui si veda almeno il classico Higham (1978).
  • 22 Il miglior lavoro disponibile sugli emigrati italiani è Luconi (2002), basato però sul caso degli S (...)

28Il percorso di Merlo, come quello dello stesso Sangregorio, rimanda anche a due questioni centrali che non è possibile approfondire qui: le diverse strategie nella costruzione delle leadership etniche21 e il funzionamento delle macchine politiche in contesti di emigrazione22. Anche i partiti italiani, del resto, hanno sempre raccolto voti, in Argentina come altrove, attraverso candidati capaci di fare da ponte con l’u-niverso associativo e le istituzioni rappresentative degli emigrati: nel caso del pd, soprattutto patronati e organizzazioni sindacali, oltre che gli stessi comites e il cgie.

Conclusione (aperta)

29La nomina di Ricardo Merlo alla carica di sottosegretario al Ministero degli Affari esteri con delega agli italiani nel mondo, dodici anni dopo il suo primo ingresso in Parlamento nel 2006, pare aver coronato il percorso del maie come erede di aisa, entrambi movimenti nati per la tutela degli italiani all’estero e indipendenti dai partiti italiani. Sarebbe «la conferma del lavoro fatto fin dai tempi di Pallaro per portare le istanze degli italiani all’estero nella stanza dei bottoni», come ha dichiarato lo stesso Merlo in un’intervista al settimanale italiano di Buenos Aires Tribuna Italiana (Basti, 2018).

30Il fondatore di aisa, Luigi Pallaro, dopo essere risultato eletto al Senato nel 2006, dichiarò di volersi mantenere autonomo dai partiti e di voler appoggiare la coalizione vincitrice delle elezioni, perché stando all’opposizione sarebbe stato impossibile lavorare a favore dei suoi elettori (Cotroneo, 2006). Coerentemente con questa affermazione, come noto, scelse di appoggiare l’Unione di Romano Prodi, risultando poi decisivo per la formazione e la sopravvivenza per due anni del suo governo, che godeva di una risicata maggioranza al Senato.

31La storia parlamentare di Merlo e del maie, in realtà, si è discostata in diversi momenti da questa linea. Nel 2008, in occasione del voto di fiducia al governo di Silvio Berlusconi, Merlo decise di non dare l’appoggio alla coalizione vincente, come invece aveva fatto nel 2006 da deputato di aisa con il governo di Prodi, e si astenne. Il giorno successivo la senatrice del maie Mirella Giai, già eletta nel 2006 nelle file del pd, espresse lo stesso voto. Quindi il maie sostenne coi suoi parlamentari (all’epoca due deputati e un senatore) il governo di Matteo Renzi alla nascita di quest’ultimo nel febbraio 2014. Il 31 marzo successivo, tuttavia, annunciò il suo passaggio all’opposizione e successivamente negò la fiducia anche al governo di Paolo Gentiloni (maie, 2018).

32Forse, allora, è più opportuno interpretare l’ingresso di Merlo nell’autodefinitosi «Governo del cambiamento» di Giuseppe Conte alla luce, da un lato, del programma elettorale del maie, in cui sono definite «disastrose» le politiche nei confronti degli emigrati di tutti gli esecutivi che si sono succeduti negli ultimi vent’anni e, dall’altro, del contrattoprogramma dello stesso Conte, che ha fatto riferimento esplicito a politiche a favore degli italiani all’estero e, in particolare, al sempre reclamato ampliamento della rete consolare.

  • 23 Il governo di Matteo Renzi ha introdotto un’imposta di 300 euro per le pratiche di acquisizione del (...)

33Nel suo discorso di insediamento, d’altro canto, il neo presidente del Consiglio ha affermato che il suo governo «presterà la dovuta attenzione alle legittime istanze provenienti dai parlamentari eletti all’estero» (Conte, 2018). Resta da vedere se essa verrà declinata in forme diverse dal passato, quando si è risolta in magre concessioni di risorse, destinate a essere revocate al primo problema di bilancio, o finanziate attraverso l’introduzione di imposte come la vituperata «tassa sulla cittadinanza»23; o se non si trasformerà piuttosto in mera rivendicazione, sotto nuove vesti e in toni ancora più esaltati, dell’italianità all’estero in chiave etnico-razziale.

Bibliographie

«Adriano Cario eletto senatore nella lista dell’usei per l’America Meridionale», Tribuna Italiana [Buenos Aires], 14 marzo 2018, https://www.tribunaitaliana.com/Attualita/Adriano-Cario-eletto-senatore-per-lAmerica-Meridionale-nella-lista-dellUSEI/3529.

Basti, Marco, «Il Sottosegretario Merlo, “Cercheremo di dare risposte ai problemi al più presto, ma è un lavoro di cinque anni”», Tribuna Italiana, 18 giugno 2018, http://www.aise.it/anno2018/il-sottosegretario-merlo-cercheremo-di-dare-risposte-ai-problemi-al-più-presto-ma-è-un-lavorodi-cinque-anni/117249/126.

Battiston, Simone e Mascitelli, Bruno, Il voto italiano all’estero. Riflessioni, esperienze e risultati di un’indagine in Australia, Firenze University Press, Firenze, 2012.

Bernardotti, Adriana, «La “sorpresa” del Sud America e il voto in Argentina», Archivio storico dell’emigrazione italiana, iii, 2007, pp. 193-204.

Bernasconi, Alicia, «Cofradías religiosas e identidad en la inmigración italiana en Argentina», Estudios migratorios Latinoamericanos, 14, 1990, pp. 211-22.

Bernasconi, Alicia, «Le associazioni italiane nel secondo dopoguerra: nuove funzioni per nuovi immigrati?», in Rosoli, Gianfausto (a cura di), Identità degli italiani in Argentina, Roma, cser, 1993, pp. 319-40.

Bertagna, Federica, «L’associazionismo in America Latina», in Bevilacqua, Piero, De Clementi, Andreina e Franzina, Emilio (a cura di), Storia dell’emigrazione italiana. Arrivi, Roma, Donzelli, 2002, pp. 579-95.

Bramuglia, Graciela e Santillo, Mario, «Un ritorno rinviato: discendenti di italiani in Argentina cercano la via del ritorno in Europa», Altreitalie, 24, 2002, pp. 34-56.

Colucci, Michele, «Il voto degli italiani all’estero», in Bevilac qua, Piero, De Clementi, Andreina e Franzina, Emilio (a cura di), Storia dell’emigrazione italiana. Arrivi, Roma, Donzelli, 2002, pp. 597-609.

Conte, Giuseppe, Il discorso di insediamento del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al Senato, 5 giugno 2018, http://www.filef.net/2018/06/05/il-discorso-di-insediamento-del-presidente-del-consiglio-giuseppe-conte-al-senato/.

Cotroneo, Rocco, Pallaro: «Io sto con chi ha vinto», «Corriere della Sera», 12 aprile 2006, https://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2006/Notizie/Politiche2006/articoli/04_Aprile/12/pallaro.shtml.

Devoto, Fernando J., Storia degli italiani in Argentina, Roma, Donzelli, 2007.

Favero, Luigi e Tassello, Graziano, «Cent’anni di emigrazione italiana (1876-1976)», in Rosoli, Gianfausto (a cura di), Un secolo di emigrazione italiana, 1876-1976, Roma, Centro Studi Emigrazione, 1978, pp. 9-64.

Gallione, Alessia, Luis Roberto, il deputato leghista venuto dal Brasile: «Sono marchese e principe», «la Repubblica», 9 marzo 2018, http://www.repubblica.it/speciali/politica/elezioni2018/2018/03/09/news/lega_luis_roberto_il_deputato_nobile_venuto_dal_brasile-190880232/.

Higham, John (a cura di), Ethnic Leadership in America, Baltimore, md, Johns Hopkins University Press, 1978.

IndecInstituto Nacional de Estadística y Censo de la República Argentina, Censo 2010, 2010, https://www.indec.gov.ar/nivel4_default.asp?id_tema_1=2&id_tema_2=41&id_tema_3=135.

Luconi, Stefano, Little Italies e New Deal. La coalizione rooseveltiana e il voto italoamericano a Filadelfia e Pittsburgh, Milano, Franco-Angeli, 2002.

Mazzoni, Juan Ignacio, «Argentina: la pieza que puede definir el próximo gobierno en Italia», Sputnik, 5 marzo 2018, https://mundo.sputniknews.com/politica/201803031076723620-argentina-italia-gobierno-votos/.

Merli, Giansandro, Voto degli italiani all’estero: tra brogli, sangue e suolo, «Dinamo Press», 3 marzo 2018, https://www.dinamopress.it/news/voto-degli-italiani-allestero-brogli-sangue-suo-lo/.

Ministero degli Affari Esteri, Osservatorio sul lavoro e sulla formazione degli italiani all’estero, Gli italiani d’Argentina, 2003, https://www.esteri.it/mae/doc_osservatorio/gli_italiani_in_argentina.pdf.

Ministero dell’Interno, Anagrafe degli italiani residenti all’estero al 31 dicembre 2016, 2017, http://ucs.interno.gov.it/FILES/AllegatiPag/1263/INT00041_Anagrafe_Italiani_estero_AIRE_ed_2017.pdf.

Ministero dell’Interno, Archivio storico delle elezioni, 2018a, http://elezionistorico.interno.gov.it/.

Ministero dell’Interno, Liste dei candidati, per ciascun partito, movimento o gruppo politico organizzato con l’indicazione dei collegi nei quali sono state presentate, 2 marzo 2018b, http://dait.interno.gov.it/elezioni/trasparenza/politiche2018.

Movimento Associativo Italiani all’Estero, Movimento Associativo Italiani all’Estero, 2018, https://it-it.facebook.com/ma-iemondo/.

Sartori, Giovanni, Collegi orbitanti nello spazio. L’assurdo progetto Tremaglia per il voto degli italiani all’estero, «Corriere della Sera», 21 settembre 1999, pp. 1, 13.

Sergi, Pantaleone, «Argentina, l’altro mondo calabrese. Un secolo di emigrazione», in Cappelli, Vittorio, Masi, Giuseppe e Sergi, Pantaleone (a cura di), Calabria migrante. Un secolo di partenze verso altri mondi e altri destini, supplemento di Rivista Calabrese di Storia del’900, i, 2013, pp. 29-52.

Stella, Gian Antonio, Voti spediti, rischio brogli e candidati improbabili. L’incognita voto estero, «Corriere della Sera», 20 febbraio 2018, https://www.corriere.it/elezioni-2018/notizie/voti-spediti-rischio-brogli-candidati-improbabili-l-incognita-voto-estero-elezioni-2018-49d3adc8-1752-11e8-b630-41a05c9e9642.shtml.

Taddone, Daniel, Coragem para fazer a diferença, 2018, http://www.taddone.it/.

Tagina, María Laura e Corrado, Aníbal, «El voto de los ítaloargentinos en las elecciones generales italianas (2006, 2008, 2013)», Postdata. Revista de Reflexión y Análisis Político, xviii, 2, 2013, pp. 282-322.

Tarantino, Francesco, «Un elettorato d’oltreoceano: gli italiani d’Argentina al voto», Altreitalie, 36-37, 2008, pp. 257-66.

Tedesco, João Carlos e Bertagna, Federica, «Reti etniche e doppia cittadinanza: mediazioni e simbologie nell’emigrazione di brasiliani in Italia», Mondi Migranti, viii, 3, 2014, pp. 177-98.

Tintori, Guido (a cura di), Il voto degli altri. Rappresentanza e scelte elettorali degli italiani all’estero, Torino, Rosenberg & Sellier, 2012.

Truffa per falso in atto pubblico e violazione della legge elettorale, «Antimafia Duemila», 16 febbraio 2011, http://archivio.antimafiaduemila.com/rassegna-stampa/213-focus/32978-nuove-accuse-al-senatore-esteban-caselli.html.

usei, Unione Sudamericana Emigrati Italiani. Por la integración de todos los Italianos, 2018, http://www.usei-it.org/index.php/es/.

Zincone, Giovanna (a cura di), Familismo legale. Come (non) diventare italiani, Laterza, Roma-Bari, 2006.

Notes

1 Oltre che sulle fonti e sulla bibliografia citate nel testo, questo saggio si basa sulle informazioni raccolte nel corso di 30 interviste in profondità a elettori italiani realizzate da chi scrive nella capitale Buenos Aires e nell’omonima provincia (i distretti consolari dove complessivamente risiede oltre la metà degli elettori italiani in Argentina), nelle settimane precedenti il voto del 4 marzo 2018. Si è cercato, per quanto possibile, di individuare un campione rappresentativo, sia dal punto di vista anagrafico e dell’appartenenza generazionale (ovvero del rapporto tra emigrati e discendenti) sia da quello socioe-conomico. Il campione era così composto: 5 emigrati e 25 discendenti di prima, seconda, terza e quarta generazione; 16 di sesso femminile e 14 di sesso maschile; età media 52 anni.

2 L’onda lunga delle acquisizioni di cittadinanza in Argentina, come in Brasile del resto, è legata anche alle tempistiche di gestione delle pratiche da parte dei consolati italiani, che negli anni della crisi del 2001-2003 sono stati letteralmente travolti dalle richieste (Tarantino, 2008, p. 265).

3 Esiste ormai una foltissima bibliografia, che è superfluo richiamare in questa sede (ma si vedano almeno Colucci, 2002; Battiston e Mascitelli, 2012; Tintori, 2012), sulla legge, concepita come una sorta di risarcimento postumo nei confronti dei milioni di emigrati dalla penisola e che ha sollevato fin da subito un dibattito ampio e critiche a volte aspre ma pienamente condivisibili sul piano giuridico. Si veda, ad esempio, quanto osservava già prima dell’approvazione della legge, con la consueta vis polemica, Sartori (1999).

4 La percentuale di discendenti era di circa il 70% nel 2006, quando i nati in Italia erano circa 190.000 (Tarantino, 2008).

5 I dati sul corpo elettorale, i risultati del voto del 4 marzo 2018 e lo storico dei risultati nelle elezioni politiche del 2006, 2008 e 2013, sono disponibili sul sito del Ministero dell’Interno (2018a).

6 Il movimento di Sangregorio rivendica come frutto della propria iniziativa politica l’approvazione nel 1994 nella Provincia di Buenos Aires di una legge che riconosce agli stranieri il diritto di voto attivo e passivo nella provincia medesima. Si veda il sito dell’usei (2018).

7 Le liste dei candidati e i programmi di partiti, movimenti e forze politiche che si sono presentati alle elezioni politiche del 4 marzo 2018 nella circoscrizione estero sono disponibili sul sito del Ministero dell’Interno (2018b).

8 Il dato del 2008 risultò viziato dai brogli: cfr. infra.

9 Che esista una contraddizione è solo un’ipotesi. In assenza di dati sull’affluenza disaggregati tra elettori nati in Italia e discendenti, che permettano di comprendere le reali dinamiche del voto di un corpo elettorale cresciuto enormemente negli ultimi quindici anni, è altrettanto plausibile che la recente acquisizione della cittadinanza italiana possa al contrario aver generato nei nuovi elettori una maggiore vicinanza alle vicende italiane rispetto ai vecchi emigrati.

10 Gli altri due deputati eletti nella ripartizione America meridionale provengono dal Brasile: Fausto Longo, architetto e urbanista residente a San Paolo, del pd; e Luís Roberto di San Martino Lorenzato, avvocato e imprenditore vinicolo di Ribeirão Preto, nello stato di San Paolo, primo esponente della Lega eletto all’estero (Gallione, 2018).

11 Le indagini sul neoeletto senatore del pdl Esteban Juan Caselli furono avviate dalle Procure della Repubblica di Roma e Reggio Calabria nel 2008, a partire dalle denunce sulle troppe (migliaia in realtà) schede elettorali compilate con la stessa calligrafia giunte dall’Argentina e dal Venezuela. Furono coinvolti nell’inchiesta l’allora console generale italiano a Buenos Aires, Giancarlo Maria Curcio (poi promosso ambasciatore a Panama durante il governo Berlusconi), e diversi funzionari dello stesso consolato generale. Il senatore uscente Luigi Pallaro dichiarò: «Venni informato per telefono dell’esistenza di un migliaio di schede, tutte con la stessa calligrafia e il nome di Caselli. L’aumento dell’affluenza è sospetto: qualcuno ha raccattato migliaia di buste non ricevute e consegnate e le ha votate» (cit. in Truffa per falso, 2011). Il crollo delle preferenze ottenute da Caselli nelle successive elezioni del 2013 (da oltre 50.000 a 6.678) suonò a conferma indiretta delle accuse, per quanto egli non fosse stato ricandidato dal pdl e si fosse presentato con una sua lista, Italiani per la libertà. Il candidato più votato del pdl al Senato ottenne, peraltro, ancora meno voti, 3.998.

12 In disaccordo con la linea del movimento di Sangregorio, Renata Bueno una volta in Parlamento scelse di appoggiare i governi del pd.

13 L’unica vera eccezione è costituita dal brasiliano Evaldo Rui Vicentini, in quanto il candidato eletto al Senato, Adriano Cario, pur essendo nato in Uruguay, risiede ed è attivo a Buenos Aires.

14 Solo 2 dei 30 intervistati leggono saltuariamente giornali italiani online; nessuno di loro legge o conosce la stampa italiana in Argentina. I discendenti degli immigrati, del resto, non parlano italiano se non in rarissimi casi. Il politico italiano più noto è l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi (è l’unico nome indicato dal 100% degli intervistati). M.D., 28 anni, che ha frequentato per alcuni anni la scuola italiana e parla perfettamente italiano, dichiara di aver assistito per caso per pochi minuti, durante un viaggio in Italia, al comizio in piazza di un signore che «urlava moltissimo», che scoprì poi con sorpresa essere il leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo.

15 La famiglia risulta il principale punto di contatto tra elettori di diverse generazioni: 22 intervistati su 30 dichiarano di essersi confrontati coi familiari sul voto. E.L., 55 anni, che non parla italiano e non è mai stata in Italia (frequenta un corso di francese perché ama questa lingua) e ha acquisito il passaporto, soprattutto per consentire al figlio di entrare senza problemi negli Stati Uniti (dove intende recarsi a studiare), grazie a un cugino, che per primo ha avviato le pratiche, afferma di aver discusso del voto con «toda la familia»: la propria e quelle di due cugini, per un totale di 10 persone.

16 Che diviene talvolta ingerenza dannosa per le stesse associazioni (Sergi, 2013, p. 51).

17 J.C, 29 anni, pronipote di italiani partiti dalla Toscana, afferma di essere stato in Italia una prima volta grazie a una borsa di studio ottenuta dall’Associazione Toscana di Buenos Aires.

18 Delle 583 associazioni censite, 259 avevano finalità ricreative, 316 culturali, 8 religiose. È da notare che le associazioni regionali e locali si definiscono quasi sempre come associazioni culturali e quindi sono classificate come tali (Ministero degli Affari esteri, 2003, pp. 29-32).

19 La Calabria fu la regione italiana da cui partì il maggior numero di emigranti per l’Argentina: circa 450.000 tra il 1876 e il 1978, il 15% del totale (Sergi, 2013, p. 32).

20 Per le elezioni del 2006 si veda quanto osserva Tarantino, 2008; per i successivi appuntamenti del 2008 e del 2013 si vedano Tagina e Corrado (2013).

21 Su cui si veda almeno il classico Higham (1978).

22 Il miglior lavoro disponibile sugli emigrati italiani è Luconi (2002), basato però sul caso degli Stati Uniti negli anni tra le due guerre mondiali.

23 Il governo di Matteo Renzi ha introdotto un’imposta di 300 euro per le pratiche di acquisizione della cittadinanza italiana, di cui praticamente tutti i movimenti politici degli italiani all’estero reclamano l’abolizione: anche perché solo il 30% dei fondi ricavati è stato destinato al rafforzamento della rete consolare, non la totalità, come inizialmente prospet

Auteur

Federica Bertagna ha conseguito il dottorato in Storia della società europea presso l’Università degli Studi di Verona, dove attualmente è professore associato di Storia contemporanea. I suoi temi di ricerca principali sono la storia delle migrazioni internazionali e la storia d’Italia nel secolo xx. È autrice di contributi scientifici pubblicati in Italia, Spagna, Germania, Stati Uniti, Argentina e Brasile. Il suo libro La patria di riserva. L’emigrazione fascista in Argentina (Roma, Donzelli, 2006) è stato premiato in Italia e tradotto in Argentina (La inmigración fascista en la Argentina, Buenos Aires, Siglo xxi Editores, 2007).

Lire

Accès exclusif

open access

Offert par L’éditeur de ce site