Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Autopsia di un diritto politico

 | 
Simone Battiston
, 
Stefano Luconi

Territorio e milieu: la partecipazione degli italiani in Germania

Edith Pichler

Texte intégral

Introduzione

  • 1 L’autrice ringrazia l’Ufficio Sociale dell’Ambasciata d’Italia a Berlino per averle messo a disposi (...)

1Dal 2006 gli italiani residenti all’estero hanno acquisito una propria rappresentanza al Parlamento di Roma. Da allora, però, la partecipazione degli elettori in Germania è diminuita dal 35,80% nel 2006 al 33,83% nel 2008, per scendere ulteriormente al 28,9% nel 2013 e al 27,31% del 20181. Oltre all’aumento dell’astensionismo, il loro comportamento di voto ha denotato differenze regionali nell’attribuzione delle preferenze per le liste riconducibili alla diversa composizione della comunità italiana residente nei vari distretti consolari per le trasformazioni a cui questi ultimi sono andati soggetti.

  • 2 I risultati di ciascuna circoscrizione consolare sono stati elaborati dall’autrice a partire da Cor (...)

2In questo capitolo sono esaminati in generale i risultati delle elezioni per il Parlamento italiano in Germania e viene poi fornita un’analisi dettagliata dei risultati in ciascuna circoscrizione consolare con un focus sulle città di Wolfsburg e di Berlino2. Con le loro specificità – una comunità operaia nel primo caso e la meta di immigrati con molteplici qualifiche professionali nel secondo – queste due realtà costituiscono esempi significativi del pluralismo della presenza italiana in Germania e possono, quindi, essere considerate come un campo privilegiato di osservazione del comportamento elettorale. Per una comprensione dell’orientamento di voto, però, è utile in via preliminare introdurre alcuni aspetti dell’esperienza italiana in questo Paese.

Uno sguardo generale sulla comunità italiana in Germania

3All’inizio degli anni cinquanta del Novecento, su iniziativa dell’Italia, cominciarono le trattative fra il governo italiano e quello tedesco per il reclutamento dei Gastarbeiter («lavoratori ospiti»), negoziati che si conclusero nel 1955 con un accordo bilaterale fra i due paesi. Nel 1957 fecero seguito i Trattati di Roma che, introducendo la libera circolazione per i lavoratori degli Stati membri, si possono considerare come l’inizio della costruzione dell’Unione europea (Motte, Ohliger e von Oswald, 1999). In questo periodo e fino al blocco delle politiche di reclutamento nel 1973, a seguito della crisi petrolifera e dell’aumento del tasso di disoccupazione, furono migliaia gli italiani che si trasferirono in Germania. Quest’immigrazione, a seconda, dei cicli congiunturali delle richieste del mercato del lavoro, fu caratterizzata da un certo pendolarismo. Il privilegio di essere fra i lavoratori reclutati gli unici a godere della libera circolazione, in quanto cittadini di uno Stato membro, favorì sicuramente questi spostamenti continui fra un Paese e l’altro (Pichler, 2006). Mete dei Gastarbeiter erano le regioni e le città industriali di Stoccarda, Colonia, Monaco, Saarbrücken e Wolfsburg. In quest’ultimo centro, grazie a una politica di reclutamento favorevole all’impiego di operai italiani da parte del principale datore di lavoro, l’industria automobilistica Volkswagen, gli italiani sono ancora oggi il gruppo straniero più numeroso (Prontera, 2008; Prontera, 2009).

  • 3 Come si vede nella tabella 1, con il 41,5% l’Italia ha uno dei tassi più bassi di presenza femminil (...)

4Dopo anni di stagnazione, dagli anni novanta è ripresa l’emigrazione italiana verso la Germania con soggetti profondamente differenti rispetto a quelli degli anni cinquanta e sessanta (Tirabassi e del Pra’, 2014, pp. 36-38; Pugliese, 2018, pp 61-64). Se all’inizio si trattò di una «nuova mobilità europea», favorita dal processo d’integrazione europeo così come dai diversi progetti di formazione e studio, con la crisi finanziaria ed economica è cominciato in Europa un nuovo periodo di migrazione dettata dalla necessità e dal bisogno (Pichler, 2016a). L’aumento degli arrivi dall’Italia è stato costante: dalle 24.502 persone nel 2010 si è passati alle 70.339 nel 2015, con un lieve calo a 65.473 nel 2016 (Statistisches Bundesamt, 2011-17). Negli ultimi sette anni la popolazione italiana in Germania è aumentata di oltre 100.000 unità, crescendo da 517.546 nel 2010 a 643.065 nel 2017, di cui 156.695 nate in territorio tedesco (Statistisches Bundesamt, 2017)3.

Tabella 1. Cittadini italiani residenti nelle diverse regioni della Germania per sesso, 2017 (valori assoluti e in percentuale)

Regione

Totale

Donne

%

Saarland

18.810

8.245

43,6

Baden-Württemberg

182. 185

78. 555

42,9

Amburgo

7. 390

2. 955

40,1

Nordreno-Vestfalia

141. 375

58. 715

41,2

Assia

73. 170

31. 325

42,3

Bassa Sassonia

28. 090

10. 870

38,1

Baviera

101. 140

39. 975

39,0

Renania-Palatinato

30. 480

12. 750

41,6

Berlino

43. 240

17. 235

41,5

Brema

2. 565

970

36,6

Schleswig-Holstein

5. 315

1. 945

39,2

Brandenburgo

1. 430

490

33,9

Meclemburgo-Pom. A.

1. 135

3.65

31,0

Sassonia

3. 795

1. 395

35,6

Sassonia-Anhalt

1. 240

450

34,5

Turingia

1. 705

615

35,2

Germania

643. 065

266. 845

41,3

Fonte: Statistisches Bundesamt, 2018

5Come in passato, tra le mete di questa nuova mobilità verso la Germania ci sono centri economicamente importanti della Baviera, dell’Assia, del Baden-Württemberg e del NordrenoVersfalia, regioni particolarmente dinamiche del sud-ovest del Paese. Un forte incremento della presenza di italiani ha interessato la «città-stato» di Berlino, che comunque è sempre stata caratterizzata da una crescita constante della presenza italiana e dall’insediamento di immigrati che, a differenza delle regioni dell’emigrazione del lavoro, provenivano da diversi ambienti sociali (Pichler, 2002).

  • 4 Il microcensimento è un’indagine statistica, per la quale secondo determinati criteri casuali viene (...)

6Secondo i dati del Mikrozensus4, nel 2016 il totale della popolazione di origine italiana (cittadini italiani e immigrati naturalizzati tedeschi) era pari a 861.000 persone. Da notare che in alcune regioni di vecchia e tradizionale immigrazione come la Saar ormai la maggioranza della popolazione non ha alcuna esperienza migratoria personale diretta (Statistisches Bundesamt, 2017).

7Nel frattempo anche la popolazione italiana in Germania è ormai prevalentemente occupata nel terziario: fra i 258.854 italiani occupati al 31 settembre 2017 il 70,6% era impiegato nel campo dei servizi e il 29,2% in ambito manifatturiero. Domina come comparto ritenuto ormai tradizionalmente italiano quello della gastronomia, seguito dal commercio, quale settore in parte complementare soprattutto per l’importazione di prodotti alimentari. Ma a differenza del passato possiamo osservare che, al crescere dell’eterogeneità della presenza italiana, è corrisposta una molteplicità delle occupazioni, anche se dettata dal fabbisogno del mercato locale. Pure nelle regioni generalmente meta di operai dell’industria negli anni sessanta e settanta i servizi hanno soppiantato come occupazione il settore manifatturiero, che comunque rimane un campo importante in alcune aree come la Saar con il 42,3% di addetti italiani e il Baden-Württemberg con il 38,5%. Un’eccezione è rappresentata da Wolfsburg, dove per esempio nel 2014 il 60% degli italiani era ancora occupato nel settore manifatturiero presso la Volkswagen.

Tabella 2. Occupati con assicurazione obbligatoria in alcuni settori lavorativi in alcune regioni tedesche

Tabella 2. Occupati con assicurazione obbligatoria in alcuni settori lavorativi in alcune regioni tedesche

Fonte: Bundesagentur für Arbeit, 2018a

8Pur mostrando alcuni aspetti positivi come l’incremento dell’occupazione nel settore dell’informazione e delle telecomunicazioni, dell’istruzione e delle attività professionali, scientifiche e tecniche, gli italiani – come altri gruppi di stranieri – non di rado vengono impiegati in attività di livello inferiore alla loro qualifica e in campi caratterizzati da un’e-levata incidenza del part-time, da una certa precarietà e da salari bassi. Non è un caso che nell’aprile del 2018 il tasso di disoccupazione, che fra i tedeschi era pari al 4,4%, fra gli italiani ha raggiunto il 9% circa (Bundesagentur für Arbeit, 2018b).

9Alcune trasformazioni hanno investito anche le reti sociali. L’associazionismo italiano in Germania si è sviluppato soprattutto negli anni sessanta. Accanto alle missioni cattoliche e a sodalizi costituiti in base alla provenienza regionale dei loro membri, erano presenti anche le organizzazioni di forze politiche italiane come il partito comunista (pci) con la filef, il partito socialista (psi) con l’Istituto Santi o il Movimento Sociale Italiano (msi) con il ctim. Tali organizzazioni, vedendo nell’emigrante un potenziale elettore, erano più orientate a mantenere i contatti con l’Italia che a incidere sull’inclusione dei Gastarbeiter nella società tedesca (Kammerer, 1991). Cosí ai cosiddetti «treni della speranza» della partenza si aggiungevano, in occasione di appuntamenti elettorali importanti, i «treni rossi» allestiti da associazioni legate al pci, per portare ai seggi in Italia gli elettori residenti in Germania (Battiston e Mascitelli, 2012, pp. 25-27). Col passare del tempo queste reti sociali di tipo etnico e politico sono scomparse, o hanno ridotto la loro rilevanza. I nuovi immigrati manifestano la tendenza a creare associazioni di tipo interculturale, autonome dalle tipiche istituzioni italiane presenti nel mondo dell’emigrazione e dalle organizzazioni legate ai partiti o ai sindacati italiani. Alcune delle nuove reti sociali italiane hanno un carattere virtuale, come nel caso dei gruppi Facebook che si «incontrano» per momenti di convivialità o per iniziative di natura sociopolitica. Negli ultimi anni si è pure verificata una ripresa delle attività di associazioni sorte su base regionale, che vengono consultate a volte già prima della partenza dai nuovi migranti, nonché un risveglio delle missioni cattoliche, che sono tornate a essere un punto di riferimento per i protagonisti degli odierni flussi, cosi come dei diversi patronati, che hanno aperto sportelli di consulenza specifici (Pichler, 2015).

10I processi delineati sopra hanno contribuito al pluralismo e alla continua diversificazione della comunità italiana a seconda degli ambienti di appartenenza. Sono emerse anche delle differenze territoriali. Le regioni tedesche, con la loro molteplice struttura economica e sociale, hanno attratto e attirano svariate categorie di nuovi immigrati italiani. A questo quadro introduttivo è possibile ricondurre tre tipologie di italiani presenti in Germania: la generazione dei Gastarbeiter, i loro discendenti di seconda o successiva generazione e i «nuovi mobili».

Le elezioni del 2018: i risultati generali

11Grazie alla legge elettorale del 27 dicembre 2001 n. 459, i cittadini italiani residenti all’estero hanno la possibilità di eleggere propri rappresentanti al Parlamento italiano, essi stessi provenienti prevalentemente dall’esperienza migratoria. Il fatto che i candidati non sono estranei al mondo delle migrazioni avrebbero potuto far ipotizzare un’ampia partecipazione degli italiani nel mondo al voto. Invece, i dati elettorali indicano un crescente distacco delle comunità italiane dalla fruizione dei cosiddetti diritti di cittadinanza politica (Pichler, 2007). Infatti la percentuale totale degli elettori italiani in Germania è diminuita costantemente giungendo al 27,3% alle ultime elezioni del marzo del 2018. In quest’ultima tornata, hanno votato 162.657 persone, il 26,8% dei 606.613 aventi diritto, per la Camera nonché 148.664 individui, il 27,7% dei 535.625 elettori potenziali, per il Senato.

12Nelle elezioni del 2013 la lista con Monti per l’Italia, che in Germania aveva presentato un suo candidato proveniente da Alleanza Nazionale e passato poi a Futuro e Libertà per l’I-talia, era risultata quella con più preferenze, rispettivamente il 28,1% alla Camere e il 30,7% al Senato, e aveva conquistato un seggio in entrambi i rami del Parlamento nella ripartizione Europa, ad appannaggio di Aldo Di Biagio e Mario Caruso. Era stata seguita dal Partito democratico, che aveva conseguito il 26% alla Camera e il 28,1% al Senato, e dal Popolo della libertà, con il 24,4% e il 24,2%. La lista 5 Stelle BeppeGrillo.it, alla sua prima esperienza, era riuscita a raccogliere rispettivamente il 11,4% e il 11,3%. Nelle consultazioni del 2018 il pd si è imposto come primo partito sia al Senato sia alla Camera, mentre il Movimento 5 stelle ha più che raddoppiato il risultato precedente, attestandosi al terzo posto, ma senza strappare voti al pd. La coalizione di centrodestra è avanzata di 3 punti percentuali, salendo al secondo posto, ma non sembra essere stata in grado di raccogliere quel bacino di voti centristi o conservatori che erano andati alla lista cmi cinque anni prima. Visto che né il deputato né il senatore uscenti di quest’ultima formazione, candidati questa volta uno con la lista Civica Popolare Lorenzin e l’altro con Noi con l’Italia-udc, sono stati confermati in Parlamento, si potrebbe presumere che una parte dell’elettorato del 2013 non abbia votato o abbia dirottato in parte le proprie preferenze sul m5s in considerazione dei risultati di quest’ultimo. Fosse così, sarebbe un’indicazione del fatto che anche la scelta di allora per cmi era stata concepita da una parte dell’elettorato come un voto «antisistema» nonostante la provenienza e l’habitus dell’allora presidente del Consiglio Mario Monti, che per rifarsi a Pierre Bourdieu (1983) potrebbe essere definito di «distinzione».

13A differenza che in Italia, dove ha ricevuto alla Camera il 2,6% e al Senato il 2,4%, con quasi il 6% raccolto in Germania per entrambi i rami del Parlamento, la lista + Europa ha ottenuto più del doppio di voti, posizionandosi subito dopo il m5s. Questo risultato potrebbe essere interpretato quale espressione dell’orientamento di un elettorato che, attraverso l’esperienza della mobilità internazionale, ha sviluppato anche un habitus e un’identità sovranazionale ed europea che lo ha reso sensibile al programma di una formazione che ha propugnato la dimensione transnazionale della politica e dei problemi da affrontare.

Territori, milieu e preferenze

14Come descritto sopra, se nel passato alcune regioni tedesche erano state principalmente le mete dei cosiddetti Gastarbeiter, città come Berlino o Amburgo si erano caratterizzate per la venuta di diversi tipi di immigrati italiani. Altre, quali Monaco e Stoccarda, avevano visto l’arrivo di tecnici e professionisti, contribuendo a trasformare il tessuto della comunità residente. Si erano, inoltre, verificati cambiamenti nel mercato del lavoro nella direzione di una terziarizzazione dell’occupazione, a volte accompagnata da fenomeni di precarietà. In che modo questi processi hanno influito sul voto e sulla partecipazione elettorale?

Tabella 3 Tasso di partecipazione elettorale per circoscrizione consolare, 2013-18

Circoscrizione

2013

2018

Berlino

37,0%

39,4%

Colonia

24,6%

24,6%

Dortmund

21,2%

22,5%

Francoforte

28,7%

23,3%

Friburgo

27,3%

26,2%

Hannover

27,9%

28,1%

Monaco

32,0%

32,6%

Stoccarda

29,8%

28,7%

Wolfsburg

38,5%

31,0%

Totale

28,5%

27,3%

Fonte: Ambasciata d’Italia a Berlino-Ufficio Sociale (2018)

  • 5 Per la composizione di ogni circoscrizione consolare, cfr. Ambasciata d’Italia a Berlino (s.d.).

15Come aveva già rilevato Alvise del Pra’ (2008, p. 131) in un saggio sulla partecipazione a diverse consultazioni precedenti (rinnovo del Parlamento europeo del 2004, elezioni politiche italiane del 2006, elezioni amministrative berlinesi del 2006 e referendum italiani del 2005 e 2006), pur senza ripartire i dati in base ai diversi distretti consolari, Berlino e Wolfsburg si distinguevano già allora per un tasso più elevato di voto, mentre nelle altre circoscrizioni si notava «la mancata espressione dei diritti politici dei migranti appartenenti alla migrazione per lavoro degli anni sessanta e settanta, così come delle seconde e terze generazioni»5. Nelle ultime elezioni la partecipazione a Wolfsburg è arretrata di alcuni punti, pur collocandosi con un 31% al terzo posto dopo Monaco (32,6%) e Berlino (39,4%), dove in entrambi i casi la percentuale di voto è aumentata di alcuni punti. Come vedremo sotto, la tipologia della comunità di Wolfsburg può aver contribuito a sviluppare un piú forte grado di politicizzazione. La concentrazione degli italiani in una piccola città facilita senz’altro il contatto, l’organizzazione e la propaganda politica. Per Berlino può aver giocato anche un suo ruolo il fatto che la comunità sia in continua crescita e si presenti quindi come una comunità «giovane», dove forse il legame con l’Italia è ancora abbastanza sentito. Analogamente, per Monaco, la vicinanza all’Italia può essere stata il fattore che ha favorito una più elevata percentuale di votanti.

  • 6 Sia nella costruzione della città che all’interno della Volkswagen furono impiegati, attraverso deg (...)

16Wolfsburg e Berlino sono un osservatorio interessante per analizzare il voto degli italiani in Germania. Le due città che, nella loro diversità, costituiscono esempi importanti di storia della presenza italiana, hanno vissuto diversi modelli di immigrazione. Wolfsburg è un centro che, pianificato nel 1938 per i lavoratori della Volkswagen si è ingrandito dopo la Seconda guerra mondiale grazie anche al flusso di operai italiani (Prontera, 2009)6. Invece, il carattere politico, economico e sociale di Berlino ha favorito l’immigrazione di italiani con diversi stili di vita e ambienti di provenienza e oggi la città è metà importante della cosiddetta nuova mobilità (del Pra’, 2006). Gli italiani di Wolfsburg appartengono a una comunità di «vecchia» immigrazione, con una forte rappresentanza di persone di seconda, terza se non quarta generazione, attive nei partiti tedeschi e presenti nelle diverse istituzioni locali, nei sindacati e nel consiglio di fabbrica della Volkswagen. Di contro, quelli di Berlino, attraverso il continuo innesto di nuovi arrivi, non solo negli anni più recenti, hanno dato vita a una comunità prevalentemente di prima generazione, i cui membri hanno sicuramente ancora legami diretti con l’Italia. Questi nuovi mobili, nonostante l’elevato capitale culturale, si trovano spesso in condizioni di precarietà e in alcuni casi possono essere definiti con il nuovo termine di Dienstleistungsproletariat (proletariato dei servizi); in altri, invece, sono impiegati nelle creative industries come «precari creativi» (Pichler, 2016b).

17Come si sono articolate queste due comunità, così diverse riguardo al processo migratorio, all’inserimento nell’economia locale e alle attività sociali? L’elettorato di Berlino è nella sua maggioranza, come si direbbe in tedesco, links-liberal, cioè metropolitano-europeista e libertario, in considerazione anche della tipologia della comunità italoberlinese. In ragione di questo orientamento prevalente, la coalizione di centrodestra – formata da Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia – non è stata capace di superare il 10% dei voti. Nonostante un circolo del pd molto attivo, Berlino non è una roccaforte di questo partito, che ha dovuto contendere il consenso dei progressisti a Liberi e Uguali riusciti ad arrivare quasi al 15%, mentre in Italia non hanno raggiunto il 3,5%. I nuovi mobili indignati e precari sembrano aver preferito quest’ultima formazione al m5s, che a Berlino – pur ricevendo il 26% – ha conseguito uno dei risultati peggiori della Germania.

18A Wolfsburg l’elettorato italiano ha fatto una scelta precisa. Il pd ha stravinto con quasi il 43% dei suffragi. I contesti descritti sopra hanno sicuramente contribuito a questo risultato: il lavoro in fabbrica è ancora rilevante, molti elettori sono iscritti e attivi nel sindacato e numerosi sono legati alla spd. Inoltre il segretario del pd della Germania risiede proprio a Wolfsburg dove è anche sindaco di un quartiere. Con il seguito raccolto in questa città, il pd si configura come l’erede di quello che fu il pci e il suo elettorato e ripropone i connotati di quello che venne definito allora «lo zoccolo duro» dei comunisti. Dopo Wolfsburg è nella circoscrizione consolare di Hannover che il pd, con il 32%, ha conquistato il secondo migliore risultato. Questo distretto comprende, da una parte, una tipica regione dell’emigrazione del lavoro come la Bassa Sassonia (un centro dell’industria, automobilistica e delle costruzioni navali) e, dall’altra, Amburgo, una città del terziario avanzato.

19Di interesse generale sono i risultati delle liste + Europa e leu, che hanno raccolto entrambe voti solo nelle grandi città mete della nuova mobilita, mentre nelle regioni che erano state destinazioni tipiche dei lavoratori del passato sono riuscite con difficoltà ad affermarsi. Per esempio, + Europa ha ricevuto alla Camera il 19,5% dei voti a Berlino, ha conseguito risultati soddisfacenti a Hannover (8,8%), Monaco (7,8%) e Colonia (4,4%), ma a Wolfsburg si è fermata al 2,3%. leu, come accennato, ha ottenuto il 14,8% a Berlino, un buon 5,5% nella circoscrizione di Hannover e il 4,3% in quella di Monaco, ma non è riuscito a fare breccia in un elettorato prevalentemente operaio, come quello di Wolfsburg, dove si è accaparrato solo il 3,6% nonostante si sia presentato come una formazione alternativa di sinistra.

20Nelle altre circoscrizioni consolari non si sono verificate divergenze di rilievo nello scrutinio, a eccezione del sorprendente 3,5% alla Camere e 4,4% al Senato della lista Civica Popolari Lorenzin nel distretto di Colonia. Altrove, invece, come nelle circoscrizioni di Francoforte e di Monaco, questa formazione ha superato a stento l’1,5%, sebbene due suoi candidati provenissero da queste zone. Ci si potrebbe chiedere se la cultura cattolica della città e dei dintorni, dove l’Arcidiocesi è stata retta per anni da un arcivescovo conservatore legato all’Opus Dei, non abbia favorito tale lista presso gli italiani credenti.

21La coalizione Lega-Forza Italia-Fratelli d’Italia si è imposta come primo partito nelle circoscrizioni consolari di Dortmund, Francoforte e Friburgo. Stupisce il risultato nella prima, collocata nel bacino della Ruhr e – come Wolfsburg – regione tipica di flussi costituiti da operai e minatori, ma che negli più recenti è stata colpita da processi di deindustrializzazione e di riconversione industriale con l’eliminazione di quei posti di lavoro occupati generalmente dagli immigrati (Meyer-Stamer, Maggi, e Giese, 2006).

  • 7 Diversamente la lista Civica Popolare Lorenzin aveva ha avuto slogan centrale sul suo volantino «L’ (...)
  • 8 Queste interviste sono state condotte dall’autrice tra il 5 giugno 2018 e il 7 giugno 2018. Non si (...)

22Per questo gruppo, a volte in situazioni socioeconomiche disagiate, nonostante l’aiuto di un assegno sociale del sistema di sicurezza sociale tedesco, parole d’ordine come «prima l’Italia», «prima gli italiani», o «più Italia in Europa»7 – slogan che campeggiava su un volantino di tre candidati della ripartizione Europa della lista Lega-Forza Italia-Fratelli d’Italia – possono aver orientato il voto verso il centrodestra, proiettando il disagio tedesco degli elettori verso l’Italia come una specie di rivalsa sociale dei perdenti della globalizzazione. Inoltre, per non pochi di loro l’Europa, che già rappresenta solo un progetto delle élite, è simbolo e motore di questi processi di globalizzazione. La presenza crescente di profughi mediorientali e di rom provenienti dall’Europa orientale (per i quali Dortmund è stata una delle mete più recenti) (Leubecher, 2018) ha inoltre alimentato non solo fra i tedeschi ma anche fra gli stranieri di vecchia data, come gli italiani, fenomeni di invidia sociale e paure di competizione nella spartizione delle risorse del sistema sociale. Questi fattori possono aver spinto alcuni elettori a identificarsi con il messaggio nazionalista del partito di Matteo Salvini. La propaganda italiana è stata presente in larga misura ed è riuscita a far breccia sugli italo tedeschi. Interviste condotte con diverse persone della zona attive nei comites, nei patronati e in diverse associazioni confermano che la popolazione italiana locale segue abitualmente in prevalenza i programmi della televisione italiana e, quindi, deve aver metabolizzato i termini del dibattito politico del Paese d’origine8.

23Più articolata è l’interpretazione dei risultati nella circoscrizione consolare di Francoforte, competente per i Länder dell’Assia, della Renania-Palatinato e della Saar nonché per il distretto governativo della Bassa Franconia. Se Francoforte e l’area limitrofa rappresentano la cosiddetta Manhattan tedesca – cioè la città della finanza, della Borsa, della Banca Centrale Europea e del terziario avanzato – con la presenza anche fra gli italiani di un milieu liberale e conservatore, la Saar costituisce una regione di lunga e forte tradizione di immigrazione operaia che, come la Ruhr, ha però subito negli ultimi anni processi di deindustrializzazione.

24All’infuori della città universitaria di Friburgo, che ha eletto per la prima volta già nel 2002 e per sedici anni consecutivi un borgomastro dei Verdi, il corrispondente distretto consolare nella Bresgovia si è orientato in senso conservatore. Non a caso, nelle elezioni tedesche del 2014, la cdu aveva raccolto quasi il 40%. La comunità italiana della zona, per lo più residente dagli anni sessanta, può nel suo processo d’integrazione aver assorbito i valori e i modelli dominanti, venendo indotta a preferire, come corrispondente della cdu, una lista conservatrice anche in considerazione del fatto che Forza Italia appartiene al gruppo dei partiti popolari europei, insieme proprio alla cdu. Di contro, con la proposta del reddito di cittadinanza, il m5s può aver attirato i voti dei nuovi emigranti italiani «per necessità» e dei lavoratori precari. L’esistenza di forti determinanti locali del voto è attestata soprattutto per il partito Noi con l’Italia-udc. Se nelle altre circoscrizioni consolari questa formazione non ha superato il 2%, toccando il minimo dello 0,8% a Berlino, nei due distretti di Stoccarda e Friburgo (entrambi nel Baden-Würrtemberg) è riuscita a raggiungere il 3,7% a Friburgo e il 4,6% a Stoccarda. Nella prima città Noi con l’Italia-udc si è avvantaggiata per avere tra i propri candidati al Senato, Daniela Cristalli che risiede nella zona di Friburgo e la cui famiglia è da anni attiva nelle reti sociali cattoliche. Da Stoccarda, invece, proveniva uno dei deputati uscenti della vecchia lista cmi Mario Caruso, che Noi con l’Italia-udc aveva candidato.

25La Baviera e i dintorni di Monaco hanno sviluppato negli ultimi anni centri importanti per la ricerca e l’applicazione delle nuove tecnologie. Questo nuovo fulcro della regione è ben sintetizzato con la metafora «Laptop und Lederhose», coniata dall’ex presidente federale Roman Herzog per caratterizzare la società bavarese, da una parte legata ai valori tradizionali ma dall’altra innovativa sul piano economico. Se gli immigrati degli anni cinquanta e sessanta avevano trovato lavoro nell’edilizia e presso la bmw o l’Audi, in tempi più recenti è aumentata la presenza, specialmente a Monaco, di ricercatori, tecnici e young professional, ma anche di famiglie in cerca di alternative (Prontera, 2015). Vediamo così, come già accennato, che questa circoscrizione consolare è una delle roccaforti del pd con il 31,8% dei voti e ha anche consentito + Europa di raccogliere un buon risultato.

Alcune osservazioni finali

26Come abbiamo potuto vedere sopra, l’astensionismo degli italiani nelle elezioni del 2018 è cresciuto complessivamente di alcuni punti, ma ci sono state alcune circoscrizioni consolari, come quella di Berlino, dove il tasso di partecipazione è invece aumentato. Inoltre, confrontando lo scrutinio dei voti di lista, si è manifestata una discrasia nell’orientamento dei suffragi in funzione dei diversi contesti sociopolitici. All’ambiente links-liberal europeista e metropolitano berlinese è corrisposto, per esempio, un ottimo risultato della lista + Europa, ma anche di leu. Invece, a Wolfsburg città della Volkswagen con persone attive nel sindacato o livello comunale nella spd, si è registrato un vero e proprio trionfo del pd.

27Prendendo in considerazione le teorie del sociologo ed economista Albert O. Hirschman (1970) che ha sviluppato tre possibili forme di comportamento e di reazione – exit (emigrazione), voice (protesta) e loyalty (lealtà) – dei cittadini nei confronti delle organizzazioni, dello Stato o dei partiti, si potrebbero formulare per gli italiani di Germania alcune ipotesi. Numerosi nuovi mobili hanno deciso sì per l’exit, ma nella loro scelta elettorale, per esempio per leu, hanno anche cercato di dare voice al loro disagio. Il comportamento dell’e-lettorato del m5s può essere interpretato come una doppia exit – una dall’Italia e l’altra dal sistema partitico tradizionale di questo Paese – che si è tradotta in una voice antisistema. Come manifestazione di loyalty nei confronti di un partito o delle istituzioni politiche si potrebbe interpretare il voto per il pd e + Europa. Nel caso di quest’ultima lista, è emersa anche una forma di loyalty nei confronti di un’istituzione «sovranazionale» quale l’Unione europea messa profondamente in discussione dall’elettorato della Lega, che sembra invece preferire una loyalty etnica per dare voice a «più Italia».

28In definitiva, oltre alle possibili reazioni comportamentali considerate sopra, le disparità e altri aspetti analizzati nei paragrafiprecedenti sono anche il segno di una normalizzazione della comunità italiana in Germania in direzione non solo della formazione al suo interno di diversi ceti sociali, ma anche dell’emergere in parte di una sua specificità rispetto ai connazionali d’Italia, prodotto dell’esperienza transculturale degli stessi elettori.

Bibliographie

Ambasciata d’Italia a Berlino, La rete consolare, s.d., https://ambberlino.esteri.it/ambasciata_berlino/it/ambasciata/la_rete_consolare.

Ambasciata d’Italia a Berlino, Ufficio Sociale, Statistiche Elezioni 2018, Berlino, 2018.

Battiston, Simone e Mascitelli, Bruno, Il voto italiano all’estero. Riflessioni, esperienze e risultati di un’indagine in Australia, Firenze, Firenze University Press, 2012.

Bermani, Cesare, Bologna, Sergio e Mantelli, Brunello, Proletarier der «Achse». Sozialgeschichte der italienischen Fremdarbeit in ns-Deutschland 1937-1947, Berlin, Akademie Verlag, 1997.

Bourdieu, Pierre, La distinzione. Critica sociale del gusto, Bologna, il Mulino, 1983.

Bundesagentur für Arbeit, Arbeitsmarkt in Zahlen. Beschäftigungsstatistik Beschäftigte nach Staatsangehörigkeiten in Deutschland, Nürnberg, Bundesagentur für Arbeit, 2018a.

Bundesagentur für Arbeit, Migrations-Monitor Arbeitsmarkt – Eckwerte, Nürnberg, Bundesagentur für Arbeit 2018b.

Corte d’Appello di Roma, Elezioni politiche 2018 – circoscrizione estero, http://www.giustizia.lazio.it/appello.it/base.php?sx=sx.php&inf=elezioni_politiche_2018.php

del Pra’, Alvise, «Giovani italiani a Berlino: nuove forme di mobilità europea», Altreitalie, 33, 2006, pp. 103-25.

del Pra’, Alvise, «Nuove mobilità europee e partecipazione politica. Il caso degli italiani a Berlino», Altreitalie, 36-37, 2008, pp. 130-44.

Hirschman, Albert O., Exit, Voice, and Loyalty. Responses to Decline in Firms, Organizations, and States, Cambridge, ma, Harvard University Press, 1970.

Kammerer, Peter, «Some Problems of Italian Immigrants’ Organisations in the Federal Republic of Germany», in Ostow, Robin, Fijalkowski, Jürgen, Bodemann, Michael e Merkens, Hans (a cura di), Ethnicity, Structured Inequality, and the State in Canada and the Federal Republic of Germany, Frankfurt am Main, Peter Lang, 1991, pp. 185-96.

Leubecher, Marcel, In nrw leben mehr Asylzuwanderer als in ganz Italien, «Die Welt», 25 giugno 2018, https://www.welt.de/politik/deutschland/article178141460/Migration-nach-Europa-In-NRW-leben-mehr-Asylzuwanderer-als-in-ganz-Italien.html.

Meyer-stamer, Jörg, Maggi, Claudio e Giese, Michael (a cura di), Die Strukturkrise der Strukturpolitik. Tendenzen der Mesopolitik in Nordrhein-Westfalen, Wiesbaden, vs Verlag für Sozialwissenschaften, 2006.

Motte, Jan, Ohliger, Rainer, e Von Oswald, Anne (a cura di), 50 Jahre Bundesrepublik - 50 Jahre Einwanderung. Nachkriegsgeschichte als Migrationsgeschichte, Frankfurt, Campus Verlag, 1999.

Pichler, Edith, «Pioniere, Arbeitsmigranten, Rebellen, Postmoderne und Mobile: Italiener in Berlin», Archiv für Sozialgeschichte, 42, 2002, pp. 257-74. http://library.fes.de/jportal/receive/jportal_jpvolume_00010155?XSL.toc.pos.SESSION=1&XSL.view.objectmetadata.SESSION=true

Pichler, Edith, «50 anni di immigrazione italiana in Germania: transitori, inclusi/esclusi o cittadini europei?», Altreitalie, 33, 2006, pp. 6-18.

Pichler, Edith, «Elezioni, diritti di cittadinanza e partecipazione. La partecipazione degli italiani in Germania», Archivio Storico dell’Emigrazione Italiana, iii, 2007, pp. 173-76.

Pichler, Edith, «Gastarbeiter, Italo-Deutsch e “nuovi mobili”. Immigrazione italiana a 60 anni dagli Accordi bilaterali fra l’Italia e la Germania», in Licata, Delfina (a cura di), Rapporto italiani nel mondo 2015, Todi, Tau, 2015, pp. 245-53.

Pichler, Edith, «Germania: Migrazioni, euro-mobilità interna e cittadinanza europea (?)», in Amodeo, Immacolata, Liermann, Christiane, Pichler, edith e Scotto, Matteo (a cura di), Why Europe? German-Italian Reflections on a Common Topic, Stuttgart, Impulse, 2016a, pp. 87-92.

Pichler, Edith, «Presenza italiana a Wolfsburg e a Berlino: scambi, confluenze e “ibridità”», in Licata, Delfina (a cura di), Rapporto italiani nel mondo 2016, Todi, Tau, 2016b, pp. 262-71.

Prontera, Grazia, «Italiani, lavoratori e cittadini? La comunità italiana di Wolfsburg e la stampa locale, 1962-1975», in Sori, Ercole e Treves, Anna (a cura di), L’Italia in movimento: due secoli di migrazioni (xix-xx), Udine, Forum, 2008, pp. 517-34.

Prontera, Grazia, Partire, tornare, restare? L’esperienza migratoria dei lavoratori italiani nella Repubblica Federale Tedesca nel secondo dopoguerra, Milano, Guerini e Associati, 2009.

Prontera, Grazia, «Donne italiane e politica a Monaco di Baviera», in Luconi, Stefano e Varricchio, Mario (a cura di), Lontane da casa. Donne italiane e diaspora globale dall’inizio del Novecento a oggi, Torino, Accademia University Press, 2015, pp. 207-31.

Pugliese, Enrico, Quelli che se ne vanno. La nuova emigrazione italiana, Bologna, il Mulino, 2018.

Statistisches Bundesamt, Bevölkerung und Erwerbstätigkeit. Wanderungsergebnisse– Übersichtstabellen, Wiesbaden, Statistisches Bundesamt, 2010-17.

Statistisches Bundesamt, Bevölkerung und Erwerbstätigkeit Bevölkerung mit Migrationshintergrund – Ergebnisse des Mikrozensus 2016, Wiesbaden, Statistisches Bundesamt, 2017.

Statistisches Bundesamt, Bevölkerung und Erwerbstätigkeit Ausländische Bevölkerung Ergebnisse des Ausländerzentralregisters 2017, Wiesbaden, Statistisches Bundesamt, 2018.

Tirabassi, Maddalena e del Pra’, Alvise, La meglio Italia. Le mobilità italiane nel xxi secolo, Torino, Accademia Università Press, 2014.

Notes

1 L’autrice ringrazia l’Ufficio Sociale dell’Ambasciata d’Italia a Berlino per averle messo a disposizione i dati relativi al tasso di partecipazione nelle diverse circoscrizioni consolari.

2 I risultati di ciascuna circoscrizione consolare sono stati elaborati dall’autrice a partire da Corte d’Appello di Roma (2018).

3 Come si vede nella tabella 1, con il 41,5% l’Italia ha uno dei tassi più bassi di presenza femminile fra gli Stati europei dopo il Regno Unito con il 38%, l’Irlanda con il 40% e l’Ungheria con il 41,2%.

4 Il microcensimento è un’indagine statistica, per la quale secondo determinati criteri casuali viene scelto un campione che garantisca statisticamente la rappresentatività dei risultati. Lo scopo del microcensimento è quello di rivedere in brevi periodi di tempo i dati raccolti nell’ambito di censimenti completi.

5 Per la composizione di ogni circoscrizione consolare, cfr. Ambasciata d’Italia a Berlino (s.d.).

6 Sia nella costruzione della città che all’interno della Volkswagen furono impiegati, attraverso degli accordi fra la Germania e l’Italia, migliaia di lavoratori edili ed operai italiani. Sul loro destino, dopo il 1943, si veda Bermani, Bologna e Mantelli (1997).

7 Diversamente la lista Civica Popolare Lorenzin aveva ha avuto slogan centrale sul suo volantino «L’Italia in Europa». Si è trattato di due messaggi ben diversi riguardo all’Europa. Da un lato, nel caso di quest’ultima formazione, l’Unione europea è stata considerata in positivo, come una risorsa, alla quale si è partecipi e si contribuisce in modo paritario come cittadini. Dall’altro, nel caso della coalizione di centrodestra, è emersa una visione con un sottofondo critico che ha implicato una scarsa identificazione con «questa Europa» che necessità di più Italia (volantini in possesso dell’autrice).

8 Queste interviste sono state condotte dall’autrice tra il 5 giugno 2018 e il 7 giugno 2018. Non si forniscono i nominativi degli intervistati per garantirne l’anonimato.

Table des illustrations

Titre Tabella 2. Occupati con assicurazione obbligatoria in alcuni settori lavorativi in alcune regioni tedesche
Légende Fonte: Bundesagentur für Arbeit, 2018a
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/2657/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 176k

Auteur

Edith Pichler è docente e ricercatrice presso l’Istituto di Economia e Scienze Sociali dell’Università di Potsdam. Si occupa di migrazioni, etnicità, minoranze e cultura della memoria in Europa. È membro del Rat für Migration e book review editor di Altreitalie. Collabora con la Fondazione Migrantes per il Rapporto italiani nel mondo.

Lire

Accès exclusif

open access

Offert par L’éditeur de ce site