Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Autopsia di un diritto politico

 | 
Simone Battiston
, 
Stefano Luconi

Il voto «europeista» degli italiani in Francia

Anna Consonni

Texte intégral

Introduzione

1Questo contributo si propone di analizzare l’andamento del voto dei residenti italiani in Francia nel decennio tra il 2008 e il 2018 per verificare se, rispetto a quanto emerso in una precedente analisi del 2012 sul voto nella ripartizione Europa, vi siano stati cambiamenti significativi (Consonni, 2012). In particolare, tale studio aveva evidenziato l’attivismo delle strutture associative in veste di comitati elettorali, l’interesse crescente dei partiti a inserire nelle liste candidati vicini alle segreterie, nonché l’emergere di una tematica transnazionale accanto ai consueti temi della politica a favore dell’e-migrazione.

2La Francia, meta tradizionale per gli emigrati italiani, stando alle statistiche recenti, risulta meno attraente rispetto al Regno Unito e alla Germania, pur restando la terza pricipale destinazione per volume di arrivi dopo questi due Paesi (Licata, 2017, p. 21; Stellon, 2017). Questa relativa stabilità demografica riduce, in parte, la variabile derivante dalla consistente ripresa dei flussi migratori nei dieci anni presi in esame e permette di leggere i cambiamenti intervenuti, tanto nel sistema delle rappresentanze sul territorio quanto nelle scelte degli elettori, all’interno di una certa continuità.

3Nello specifico, i nodi che si intendono affrontare sono i seguenti. La possibilità di votare, non tanto senza dover rientrare in patria, quanto piuttosto per dei candidati che sono espressione diretta degli espatriati, è ritenuta una conquista importante? Quali cambiamenti sono intervenuti all’interno della rete rappresentativa degli italiani residenti in Francia, in particolare per quanto riguarda l’appartenenza politica e il ruolo loro riconosciuto da parte dei connazionali? Quali specificità si evidenziano nel voto degli italiani residenti in Francia rispetto a quello di chi vive in altri paesi europei che contano un’elevata presenza dei nostri connazionali quali Germania, Svizzera, Belgio, Regno Unito e Spagna? E, più in generale, da questo voto trapela una lettura peculiare della realtà italiana?

4Per esaminare la prima questione si prendono, come indicatore principale, la partecipazione al voto e, secondariamente, le eventuali sue variazioni tra elezioni politiche, europee e referendum. L’ipotesi è che ci possa essere un maggiore interesse a votare per un candidato che rappresenti le proprie istanze di italiani espatriati, piuttosto che sostenere candidati scelti dalle segreterie politiche, oppure esprimersi su questioni che non hanno immediato impatto sulla vita di chi, magari, risiede all’estero da molto e/o non ha in progetto di rientrare in patria.

5Il secondo punto è strettamente connesso al precedente. Si tratta di capire, infatti, se in Francia vi sia ancora una struttura organizzativa che rappresenti gli interessi dei residenti italiani e sia capace, al contempo, di imporre dei candidati alle segreterie dei partiti. La legge sul voto degli italiani all’e-stero per corrispondenza è stata frutto di un’intensa attività da parte dell’associazionismo e del sindacato che ha accompagnato l’emigrazione italiana nel mondo, in particolare in alcuni Paesi, tra cui la Francia (Consonni, 2012, pp. 63-81). Le strutture associative, che avevano fortemente voluto la nascita delle rappresentanze dei cittadini non residenti in Italia, sono ancora attive e capaci di raggiungere e coinvolgere i nostri connazionali?

6La terza e ultima questione riguarda la specificità del voto in Francia rispetto agli altri cinque paesi europei dove si concentrano gli espatriati italiani. Attraverso l’analisi comparata della partecipazione, delle caratteristiche dei candidati e degli esiti elettorali, si vorrebbe indagare se e quali siano eventualmente le diversità nell’organizzazione del consenso sul territorio europeo.

La partecipazione al voto

7Tra le elezioni politiche del 2008 e quelle del 2018, il numero degli elettori registrati all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (aire) nella circoscrizione Europa è passato da 1.633.658 a 2.261.416 (Ministero dell’Interno, 2018), a conferma della considerevole ripresa dell’emigrazione italiana segnalata dall’istat e variamente commentata in diversi rapporti e pubblicazioni (Pugliese, 2014; Ricci, 2014; Piro, 2017). In Francia l’incremento è stato di 45.784 unità, inferiore comunque a quello di altri Paesi, come la Germania (81.048) e il Regno Unito (112.662). Al di là delle ragioni che possono avere determinato una relativa perdita di interesse per la Francia da parte dei recenti flussi migratori in uscita dall’Italia, ai fini della nostra analisi è più importante osservare quali conseguenze questo fatto può avere sulla composizione dell’elettorato in termini di età, esperienza migratoria e possibile orientamento politico.

8L’istat riporta che, nel corso del 2014, 8.426 cittadini italiani risultano espatriati in Francia a fronte di un saldo positivo di emigrati italiani in tutto il territorio europeo pari a 48.356 unità (Istat, 2015, p. 5). Il Rapporto italiani nel mondo fornisce le seguenti cifre relative ai nuovi iscritti all’aire in Francia: 10.728 nel 2016 e 11.108 nel 2017 (Licata, 2017, p. 21). In totale, i residenti italiani in Francia, secondo i dati dell’aire al 31 dicembre 2016, sarebbero 373.145, così divisi per anzianità di iscrizione all’anagrafe: un anno 2,8%, da uno a tre anni 5,2%, da tre a cinque anni 5,7%, da cinque a dieci anni, 17,1%, da dieci a quindici anni 15% e oltre quindici anni 54,2% (Ministero dell’Interno, (2017).

9Secondo Enrico Pugliese (2014, pp. 19-20), a partire circa dagli anni ottanta, si è assistito a «una importante trasformazione socio-demografica della popolazione di cittadinanza italiana residente stabilmente o temporaneamente all’estero, come attestato dal continuo aumento del tasso di scolarità e dalla significativa presenza di laureati iscritti all’aire». Questo processo ha accelerato nell’ultimo decennio come conseguenza sia della difficoltà di trovare in Italia un impiego qualificato corrispondente ai propri studi e aspirazioni, sia delle opportunità intravviste in Paesi con un mercato del lavoro più strutturato. Il rapporto dell’istat pubblicato nel 2017 e relativo al 2016, oltre a sottolineare che le principali mete sono nell’ordine Regno Unito, Germania, Svizzera, mentre la Francia si colloca al quarto posto, ha confermato l’aumento del numero dei laureati, come indicato nella tabella seguente.

Tabella 1 Emigranti italiani per titolo di studio e Paese d’insediamento, 2016

Stato estero di destinazione

Totale emigranti

Fino al diploma

Laurea

Laureati (%)

Regno Unito

16.280

11.252

5.028

30,9

Germania

12.400

9.077

3.323

26,8

Svizzera

8.326

5.883

2.443

29,3

Francia

6.563

4.632

1.931

29,4

Spagna

4.525

3.222

1.303

28,8

Belgio

1.838

1.274

564

30,7

Fonte: istat (2017, p. 8)

10Prima di tentare una sintesi di tutti questi dati, è utile riportare quanto ancora scrive Pugliese (2014, p. 20): «Nell’universo dei cittadini italiani registrati presso l’aire la componente più importante e numerosa è quella rappresentata da persone che, emigrate da giovani, vivono la loro maturità e la loro vecchiaia nei Paesi di immigrazione sia in Europa che nei Paesi transoceanici. Si tratta della componente a composizione maggioritaria proletaria, frutto soprattutto in Europa delle grandi migrazioni intraeuropee degli anni di sviluppo economico del dopoguerra». È lecito quindi immaginare che poco più della metà dei 336.808 elettori italiani attualmente residenti in Francia sia costituita da emigrati, non più giovani, che hanno scelto di stabilirsi in via definitiva nel Paese di adozione, mentre il gruppo restante sia prevalentemente composto da persone di età più bassa, scolarizzate, sia inseribili nella categoria della cosiddetta skilled migration che in quella, più generica, della labor migration.

11Considerando che, nonostante l’incremento del numero di elettori, la percentuale dei votanti è restata pressoché invariata perché ha registrato solo una modesta flessione, passando dal 29,8% delle politiche del 2008 al 26,69% delle elezioni del marzo del 2018, non si scorge in queste cifre né una particolare identificazione con un qualche candidato locale né un’attiva partecipazione al voto da parte della nuova emigrazione. Tale comportamento pare logico se si pensa che il sistema della circoscrizione estero è stato messo a punto assecondando le istanze delle varie organizzazioni dell’emigrazione storica, tutte comunque concordi nel considerare che gli eletti all’estero dovessero rappresentare i bisogni specifici dei lavoratori emigrati, così come si erano sedimentati e fissati in un periodo precedente a quello di stesura e approvazione della legge 459/2001. Pertanto, se l’idea di votare un «proprio» candidato, che rappresentasse in Parlamento i problemi e le rivendicazioni del lavoratore emigrato, aveva un senso nei lunghi anni di elaborazione del provvedimento, questo approccio è oramai superato per chi usufruisce della libera circolazione europea, decidendo individualmente la propria destinazione in assenza di meccanismi di regolazione dei flussi.

12Il fatto che, in occasione del referendum costituzionale del dicembre 2016, in Francia, così come nel resto della ripartizione Europa, vi sia stata una maggiore partecipazione al voto (33,71% in Europa e 31,36% in Francia), invertendo per una volta il trend negativo dal 2008, sembrerebbe indicare che gli elettori residenti all’estero esprimano un voto di opinione piuttosto che una posizione politica legata alla loro identità di espatriati. Addirittura, questa più ampia mobilitazione per un referendum che riguardava l’assetto costituzionale dell’Italia lascerebbe intendere un interesse, da parte dei concittadini all’estero, per le questioni generali del paese.

13Un’ultima riflessione va fatta sulla partecipazione alle elezioni per il Parlamento Europeo. La crisi della costruzione comunitaria e la disaffezione dei cittadini dal progetto di integrazione ha avuto, tra le molte conseguenze, l’aumento dell’astensionismo. Dopo il 2004, anche l’Italia ha mostrato segni di cedimento e i residenti all’estero, in modo analogo, hanno fatto registrare una costante diminuzione di elettori. In Francia si è passati dal 10,24% degli aventi diritto nel 2004 al 6,78% nel 2014, a fronte però del fatto di non poter esprimere il voto per corrispondenza, ma dovendosi recare di persona ai seggi allestiti nei distretti consolari di competenza. Poiché, però, la direttiva 93/109 della Comunità Europea permette di partecipare alla scelta della rappresentanza del Paese di residenza, anziché di quello di cittadinanza, è interessante verificare quanti italiani hanno optato per eleggere i candidati delle liste francesi. Costoro sarebbero stati circa 35.000 nelle elezioni per il Parlamento europeo del 2014 (Merlen, 2014). Ovviamente non è possibile stabilire se, tra questi 35.000, fossero prevalsi gli italiani di lunga emigrazione o di seconda generazione, oramai integrati nel Paese di accoglienza, oppure quanti nuovi immigrati avessero deciso di votare per le liste francesi perché più vicine alla propria sensibilità politica. Comunque sia, questi elettori, aggiunti ai 20.216 che hanno votato nelle consultazioni italiane, hanno aumentato la percentuale di partecipazione al voto, allineandola a quella del referendum del 2011 e collocandola non troppo distante da quella del referendum dell’aprile 2016 (Ministero dell’Interno, 2018).

Le rappresentanze degli italiani in Francia

  • 1 La normativa che ha istituito i comites e la cgie è costituita dalle leggi 285/1985, 530/1986, 172/ (...)

14Prima del varo della legge 459 del 2001, il sistema della rappresentanza degli italiani all’estero era stato pensato in modo da creare degli organismi consultivi (i comites) che svolgessero una funzione di raccordo tra le istituzioni e le associazioni che gli emigrati avevano costituito nel tempo1. Le rappresentanze diplomatiche, a livello periferico, e il Ministero degli Affari Esteri, a livello centrale, avrebbero così potuto meglio essere informati e rispondere alle istanze degli espatriati, nonché valorizzarne le iniziative.

15Gli eletti in questi organismi si spesero moltissimo per l’approvazione della legge sul voto per corrispondenza e, alle prime elezioni politiche in cui fu possibile esprimerlo, quelle del 2006, salvo rarissime eccezioni, quasi tutti i parlamentari votati nella ripartizione Europa erano precedentemente transitati per i comites e/o i cgie oppure provenivano comunque dalle reti associative, nazionali o regionali. Fino alle elezioni del 2013 incluse, gli unici a non aver fatto il percorso tradizionale erano stati Guglielmo Picchi, candidato di Forza Italia (fi), e Alessio Tacconi, eletto con il Movimento Cinque Stelle (m5s) in questo anno, e passato quasi subito nel Gruppo Misto e poi nel Partito democratico.

  • 2 Dal 2013 la ripartizione Europa, a causa del maggior peso demografico dell’America meridionale, ha (...)
  • 3 A Nicola Di Girolamo, oltre alla vicenda della falsa residenza, sollevata proprio da Fantetti, prim (...)

16Considerando gli eletti al Parlamento italiano nelle consultazioni dal 2006 al 2018, risulta evidente che, mentre, fino al 2013, i nominativi si erano più o meno riproposti2, le elezioni politiche del 2018 hanno segnato una frattura netta: gli unici nomi noti sono risultati quello di Laura Garavini, promossa al Senato, e quello di Raffaele Fantetti, già senatore nella xvi legislatura, subentrato nel 2010 al criticatissimo Nicola Di Girolamo, dimissionario3.

17Chi sono gli altri? Quali sono stati il loro profilo e la loro base territoriale? In realtà, già per alcuni degli eletti nelle precedenti tornate, l’appartenenza all’emigrazione storica e/o il radicamento in una qualche rete di italiani all’estero sembravano incerti. Ma, comunque, quasi tutti erano espressione degli organismi associativi, che avevano ottenuto l’approvazione e l’appoggio delle segreterie dei partiti. Nel marzo 2018, invece, è stata data la preferenza a candidati con profili diversi: Massimo Ungaro, dal 2005 a Londra, aveva studiato alla London School of Economics; Angela Schirò, nata in Germania in una famiglia immigrata, insegnava in una scuola tedesca; Simone Billi, ingegnere, lavorava a Zurigo per una multinazionale; Elisa Siragusa, laureata in statistica, viveva e lavorava a Londra dal 2012; Alessandro Fusacchia, aveva una carriera politica nelle istituzioni, in Italia e in Europa (Elezioni 2018, 2018). Tranne Angela Schirò, appartenente alla seconda generazione di immigrati, tutti gli altri erano lo specimen del cittadino in mobilità professionale: istruzione superiore e esperienza di studio e lavoro in più Paesi, europei e non. Pare quindi che i partiti, anche quelli di sinistra, abbiano scelto di candidare persone che non solo, e non tanto rappresentassero l’evoluzione del modello dell’emigrato, ma soprattutto incarnassero l’idea dell’eccellenza italiana nel mondo.

18Inoltre, la sempre maggiore attenzione che i partiti nazionali avevano prestato alle elezioni all’estero, capaci di condizionare la governabilità del paese, si era concretizzata in un emendamento alla legge 165/2017, il cosiddetto Rosatellum bis. Infatti, l’articolo 6 recita: «gli elettori residenti in Italia possono essere candidati in una sola ripartizione della circoscrizione estero». Ben al di là delle polemiche sorte in fase di approvazione della legge, tale emendamento segnò la fine del principio sul quale si era costruita fino a quel momento l’intera architettura della legge sul voto all’estero. Infatti, se anche chi risiedeva in Italia aveva la possibilità di candidarsi in una circoscrizione all’estero, che ne sarebbe stato della rappresentatività dell’eletto? In che modo avrebbe potuto conoscere e farsi conoscere dalla propria base elettorale? Come avveniva anche all’interno dei confini nazionali, e laddove si sia affermato il cosiddetto partito post-ideologico, la relazione diretta tra elettori ed eletti non importava più (Petrucciani, 2014, pp. 178-92).

19Questa trasformazione, anticipata dallo scandalo Di Girolamo e dalle residenze incerte di alcuni funzionari dei patronati nelle precedenti elezioni, potrebbe già fornire una risposta al secondo quesito, e cioè se vi sia stata un’evoluzione della rete rappresentativa degli italiani residenti all’estero. Si potrebbe infatti concludere che le associazioni italiane si siano limitate al ruolo di comitati elettorali per le rispettive aree politiche di riferimento, offrendo sostegno ai candidati scelti a livello nazionale, a volte, ma non sempre, tra gli espatriati.

  • 4 Si veda a proposito la sintesi del ruolo dell’associazionismo nel sistema democratico: «laddove i c (...)

20Tale conclusione, tuttavia, rischia di diminuire il ruolo aggregativo degli organismi associativi e di ridurne l’apporto al dibattito democratico4. Se poi si considera il Paese di residenza, o comunque di riferimento, degli eletti, nessuno, tranne Gianni Farina, che risiedeva in Svizzera, ma che era stato operativo come funzionario dell’inca di Parigi, aveva base in Francia. Uno degli Stati dove il gruppo italiano è radicato da moltissimo tempo, dove l’associazionismo ha una presenza antica, con forti legami politici e culturali, non è mai riuscito a esprimere un candidato, di qualsiasi tendenza, sufficientemente forte da far convergere una maggioranza dei voti su di sé.

21Chi erano i candidati alle elezioni politiche del 2018 in quota alla Francia? Una possibile fonte per ricostruirne i profili è il giornale online «Focus-in», che ha riportato nomi e intenti, non dissimili, di alcuni di loro (Politiche 2018, 2018). A parte Mario Zoratto, esponente dell’emigrazione storica in Francia, vicinissimo a Mirko Tremaglia, in lista con Fratelli d’Italia (fdi), e Sara Prestianni, che però si muoveva tra Parigi, Bruxelles e Roma (Prestianni, 2018), già in lista con Sinistra e Libertà nel 2013, tutti gli altri erano esordienti. Ferruccio Cittadini, del m5s, a Parigi dal 2002, era ingegnere elettronico presso una multinazionale (Cittadini, s.d.); Paolo Modugno, candidato indipendente sostenuto dal circolo del pd di Parigi, lavorava da trent’anni al Centre for Europe di Sciences Po e animava un’associazione che promuoveva il nuovo cinema italiano (Circolo pd Francia, Parigi, s. d.); Ersilia Vaudo, di + Europa, dal 1991 astrofisica presso l’Agenzia Spaziale Europea (Vaudo, 2018), aveva il profilo tipico dei candidati della lista guidata da Emma Bonino tra i quali non c’era traccia della cosiddetta «vecchia emigrazione», ma primeggiavano alti dirigenti, funzionari europei e consiglieri politici di base a Roma, come nel caso di Fusacchia (+ Europa, s.d.).

  • 5 In relazione alla partecipazione politica, Gianfranco Pasquino (2008, p. 29) ha affermato che «Sapp (...)

22«Focus-in» deve aver avuto qualche difficoltà a individuare un numero maggiore di candidati residenti in Francia: a quelli sopra riportati e individuati dal giornale, si devono aggiungere Gabriella Creti per il m5s e Valerio Motta per Liberi e Uguali. In ciascuno schieramento prevalevano delle reti interne che si concentravano soprattutto tra Germania, Svizzera e Regno Unito, sia attingendo allo zoccolo antico dell’emigrazione raggruppata attorno ai patronati, come era il caso delle liste del Movimento delle Libertà e di Civica Popolare, sia attirando gli attori della mobilità internazionale che, come già osservato, trovavano maggiori occasioni professionali nei tre Paesi sopra menzionati. Sembrava quasi che la Francia giocasse un ruolo marginale nel panorama della ripartizione Europa. Considerando che gli italiani in Francia non si caratterizzavano per una particolare propensione all’astensionismo tale da rendere inutili le candidature provenienti da questo Stato, si possono formulare varie ipotesi per spiegare il fenomeno. La rete associativa italiana in Francia era poco diffusa? Oppure meno politicizzata? Oppure più distante dalle istanze delle segreterie dei partiti5?

23Gli archivi di «Focus-in» servono per ricostruire la vita associativa dell’italianità in Francia (Focus-in, s.d.). Il giornale stesso nacque, nel 2008, come associazione, per iniziativa di Patrizia Molteni, una giornalista attentissima al mondo dell’associazionismo. Molti articoli descrivevano un panorama associativo ricco e articolato, anche perché, in Francia, la formula dell’associazione consente di avviare un’attività economica senza particolari oneri. Sono tali le scuole di lingua e cultura italiana, le compagnie teatrali, quelle che riuniscono operatori nell’ambito del turismo sostenibile o che fanno informazione; si riuniscono in associazioni i genitori degli studenti che frequentano le scuole o le sezioni italiane e i tifosi di calcio (Molteni, 2014a). Il sito Italiansnet (http://www.italiansnet.it/​paese_Francia.html), un portale che offre la possibilità alle associazioni italiane nel mondo di rendersi visibili, ne contava 449 in Francia, contro le 396 in Germania, le 151 nel Regno Unito e le 19 in Spagna.

24Si può pertanto escludere la prima ipotesi formulata, e cioè che in Francia mancasse una rete associativa importante, capace di aggregare gli italiani residenti. Più difficile è verificare le altre due tesi. L’elezione dei comites, nel 2015, può fornire una chiave interpretativa in merito. I comites, infatti, in quanto organismi rappresentativi della collettività italiana all’estero, hanno il compito di collaborare con gli attori presenti sul territorio. Le loro sedi, per le quali ricevono finanziamenti statali, sono luoghi pubblici dell’italianità all’estero, che, nelle occasioni elettorali, vengono messi a disposizione per ospitare il dibattito democratico. I membri possono interpretare la loro missione in modo più o meno attivo, a seconda delle capacità, delle contingenze e, non ultimo, dell’età anagrafica. Infatti, il ricambio generazionale all’interno dei comites non è facile, anche per il carattere volontario dell’incarico, che non agevola chi ha un’occupazione lavorativa. Il lungo intervallo di tempo tra un’elezione e l’altra non aiuta il rinnovarsi dell’istituzione.

25In Francia, nel 2015, vennero eletti sette comites, uno per ciascuna circoscrizione consolare oltre alle due zone di Lille e Chambéry. Tali elezioni furono posticipate dalla data inizialmente prevista, dicembre del 2014, all’aprile del 2015, quando ci si rese conto sia delle difficoltà di raccogliere in tempo le firme per la presentazione delle liste dei candidati, sia del bassissimo numero di elettori iscritti alle liste del consolato. Dal 2013, infatti, per ricevere il plico elettorale, la normativa prevede la cosiddetta «inversione dell’opzione», cioè che ci si debba registrare presso il consolato di riferimento. Alla fine il numero degli votanti restò molto basso: erano stati 19.428 coloro che si erano registrati presso i consolati, furono 13.595 gli elettori su 332.037 aventi diritto, e risultarono 11.824 i voti validi, con una percentuale che si aggirava tra il 5,8% e il 7,1%. Il principio dell’«inversione dell’opzione», cioè l’obbligo di iscrizione, contribuì senz’altro alla forte diminuzione della partecipazione che, nel 2004, si era attestata attorno al 13%.

  • 6 La scarsa dimestichezza con gli strumenti informatici, la sottovalutazione dell’importanza della co (...)

26Un altro dato interessante di questo voto, che ha qualche somiglianza con l’elezione di un consiglio comunale, fu che a Parigi e Lione, dove si erano presentate due liste, il numero di schede non valide fu maggiore. Questo esito derivò dal fatto che numerosi elettori indicarono candidati appartenenti a liste diverse, annullando di fatto il voto. La conclusione parrebbe essere quella di un voto che si diresse verso persone conosciute piuttosto che propendere per una generica appartenenza politica. Una lettura dei nomi dei candidati e degli eletti dei comites, il cui profilo personale purtroppo non è per tutti rintracciabile in rete6, mostra, da un lato, un timidissimo passaggio di consegne da parte dei rappresentanti uscenti e, dall’altro, che gli elettori tendevano a confermare chi già li aveva rappresentati in precedenza. Le liste unitarie conciliarono volti vecchi e nuovi, come fu il caso di Chambéry o di Marsiglia, circoscrizioni nelle quali non vi furono polemiche e le elezioni si svolsero nel segno della continuità (Molteni, 2014b; Comites Marsiglia, s.d.).

27Diverso fu il caso di Parigi e Lione, dove, almeno in teoria, la seconda lista era stata creata per promuovere una scelta alternativa ai «soliti nomi» e avviare un passaggio dalla vecchia alla nuova emigrazione. Nella pratica, invece, alcuni candidati tradizionali ricomparvero anche in queste liste. Gli eletti per Democrazia Rinnovamento Partecipazione, che si presentò a Parigi in alternativa a Diritti e Difesa degli Italiani in Francia, erano tutti riconducibili alla rete associativa di area cattolica o della sinistra riformista che collaboravano assieme fin dai tempi dell’Ulivo. Un’altra loro caratteristica comune era quella di appartenere a una élite professionale di medici, manager, ingegneri, cui si aggiunse un magistrato in pensione, Mario Vaudano, a rappresentare la «crema» della mobilità italiana in Europa. La lista antagonista era composta invece da notissimi nomi dell’associazionismo regionale o locale, la cui rete si era consolidata nel tempo attraverso soprattutto un’attività di animazione che ricordava quella delle pro-loco (Molteni, 2014c).

28A Lione, la lista Rinnovamento e Servizio, che si presentava sul web con modalità analoghe alla parigina Democrazia Rinnovamento Partecipazione (Lista Comites drp, 2015; Lista Civica, 2015), era capeggiata dal segretario del comites uscente, Claudio Rocco, un giornalista di Euronews, in polemica con il presidente dello stesso. Rinnovamento e Servizio riuscì a eleggere quattro rappresentanti, Rocco e tre membri che rispondevano ai requisiti del «nuovo»: un fisico, un’insegnante e una manager (Di Gennaro, 2015). Gli elettori premiarono comunque la lista tradizionale, che espresse otto membri nel consiglio.

29Tirando le somme di questa disamina, pare si possa affermare che la dialettica che caratterizzò le elezioni dei comites in Francia nel 2015 fu quella tra «vecchio» e «nuovo», la medesima che si ripete ciclicamente nel discorso sull’emigrazione, ogni qualvolta variano le condizioni economiche e le norme che accompagnano il fenomeno (Carbone, 2015).

30L’esito del voto per i comites nel 2015, sia per quanto riguardava l’elettorato passivo che quello attivo, mostrava una continuità con il passato, che l’esito elettorale del 2018 avrebbe contraddetto, nella misura in cui i nuovi profili socio-professionali sarebbero prevalsi su quelli tradizionalmente legati al mondo del lavoro in fabbrica, nella piccola impresa e nella ristorazione. Un’altra considerazione importante è che nessun candidato di area francese alle elezioni politiche del 2018 aveva un percorso nella rappresentanza locale. In ultimo, si è confermata l’esistenza di una rete di sostenitori del pd, formatasi ai tempi dell’Ulivo, capace di proporre persone nuove sia a livello locale sia in occasione delle elezioni parlamentari, senza tuttavia avere la forza politica per sostenerle all’interno della coalizione di sinistra.

31In Francia, quindi, la rappresentanza locale, che mobilitava così pochi votanti e non era certo fondamentale alla visibilità, non ha costituito un trampolino di lancio per la carriera politica. D’altra parte, qui, nessun rappresentante di comites né funzionario di patronato era individuabile all’interno in un qualche lista di sostenitori, creata, come per esempio il Movimento delle Libertà, per trainare un candidato in Parlamento.

Gli esiti del voto

32I risultati delle elezioni politiche del 2018 mostrano che il voto italiano in Francia, e in quasi tutti i Paesi presi fin qui a confronto, è stato in controtendenza rispetto al dato nazionale. Infatti, il pd ha ottenuto il 36,94% dei voti contro il 20,78% della coalizione di centrodestra e il 17,05% del m5s. La tendenza a sinistra dell’elettorato residente in Francia è marcata: oltre al successo del pd, si registra il buon risultato di Liberi e Uguali, che raggiunge il 7,54%. Se poi si sommano i voti ottenuti da pd, + Europa e la lista Civica Popolare, che si presentavano come coalizione, con quelli conquistati da leu, formazione contrapposta, ma innegabilmente schierata a sinistra e a vocazione europeista, si scopre che il 56% dei residenti italiani in Francia si è collocato all’interno dell’area che si ispirava alla tradizione socialista e cristiano-sociale.

  • 7 Se si contassero assieme i voti di cmi e del Partito della Libertà, in quanto «di destra», in tutti (...)

33Il confronto con gli esiti del voto alle politiche del 2013 mostra una certa continuità nelle scelte degli elettori. Ammesso che sia lecito sommare i voti raccolti da pd, Sinistra Ecologia Libertà (sel), Partito comunista e Rivoluzione Civile, considerandoli voti «a sinistra», la percentuale di votanti in Francia orientata in questo senso era pari al 36,23%, cioè si trattava della seconda maggiore per seguito dopo il Belgio, dove aveva complessivamente riscosso il 38,19%. Tuttavia, lo schieramento che ottenne maggiore consenso in termini assoluti fu la lista Con Monti per l’Italia (cmi)7. L’esecutivo Monti, come noto, era sorto nel novembre 2011 dall’esigenza di governare la crisi del debito italiano e di allineare l’Italia alle richieste di rigore avanzate dalla Banca Centrale Europea. Le riforme contenute nel suo atto fondamentale, il decreto legislativo 6/2011, il famoso «decreto salva Italia», vennero presentate come la sola via d’uscita per evitare il tracollo economico e il destino della Grecia. Nonostante l’impopolarità in patria delle misure approvate, cmi conseguì un importante risultato in tutta la circoscrizione estero, con la sola eccezione dell’America del Sud. In Europa arrivò al 27,44%, poco al di sotto del pd, che si fermò al 29,66%. Di contro, in Italia cmi, alleata con l’udc e la nuova formazione Futuro e Libertà, ottenne appena il 10,56%. Il successo riscontrato all’estero pare potersi spiegare non solo con la chiara e totale adesione del governo Monti alle norme europee, ma anche con la retorica dell’affidabilità dell’Italia e della sua volontà di mantenersi al livello delle grandi nazioni. Il fatto, poi, che il nuovo presidente del Consiglio avesse preso le redini del Paese dopo le dimissioni di Silvio Berlusconi, inviso alla stampa europea, potrebbe averlo fatto percepire come un uomo quasi di sinistra presso un elettorato che attingeva alle fonti di informazione locali.

34I media francesi non sono mai stati benevoli con Berlusconi, non ultimo per la sua attività imprenditoriale nel settore dell’audiovisivo, per la quale era stato accusato, dagli intellettuali d’Oltralpe, di voler importare in Francia il modello di televisione commerciale statunitense, dai politici di destra di essere amico, all’epoca, di François Mitterrand e, da tutta la stampa, di essere un populista (Ginori, 2012). Resta quindi un’interpretazione possibile quella per cui alcuni degli elettori di destra, e forse anche qualcuno di sinistra, avessero preferito dare il proprio voto a Monti nel 2013, ritenendolo una sorta di salvatore dell’onore italiano. A riprova dell’influenza che il contesto politico del Paese di residenza può esercitare sulle scelte elettorali degli espatriati, è interessante il dato della Spagna, dove il m5s ricevette solo 221 voti in meno del pd, collocandosi al terzo posto, dietro cmi e, appunto, il pd.

35Nel 2013, in Spagna, era alla ribalta il Movimiento 15-M, noto come Movimento degli Indignados, che, nonostante le evidenti diversità nell’approccio sia politico che organizzativo, coltivava all’epoca legami con i grillini (Castigliani, 2013), presentandoli come fonte di ispirazione.

36Risalendo al 2008, fu ancora in Francia che la sinistra italiana, ancorché non sempre in un clima di perfetta concordia interna, raccolse più voti. Va osservato inoltre il successo inaspettato del partito socialista (ps), che in Italia non arrivò neanche all’1%. Invece, in Francia, Belgio e Spagna, il nuovo ps di Enrico Boselli si attestò rispettivamente al 7,7%, 5,9% e 6,3% nelle votazioni per la Camera, un risultato che potrebbe spiegarsi anche con la tradizione e la vitalità dei partiti socialisti attivi nei tre paesi considerati. In Francia il ps non era ancora stato travolto dalla crisi interna, in Spagna era a capo del governo il socialista José Zapatero, mentre in Belgio la figura emergente nel panorama politico del periodo era il leader socialdemocratico, di origini italiane, Elio Di Rupo.

37Alle elezioni per il Parlamento europeo del 2009, in Francia, le coalizioni di centrodestra (Popolo della libertà e udc) e centrosinistra (pd e sel) si equivalsero perfettamente. Ai fini dell’analisi dello spostamento del voto in un senso o nell’altro, la differenza fu determinata dagli schieramenti minori. Ma il panorama politico si presentava talmente frammentato, il numero dei votanti così ridotto a fronte delle sedici liste proposte, che tale analisi circa gli orientamenti politici dei residenti italiani in Francia pare fuorviante. Inoltre, non vi era traccia significativa di una campagna elettorale da parte dei candidati al Parlamento europeo in Francia. Tale constatazione lascia intendere che gli elettori espressero un’opinione sui partiti a fronte di un’informazione che proveniva prevalentemente dai media italiani: un voto più sensibile all’agone politico interno che ai nomi di coloro che sarebbero entrati a far parte dell’europarlamento.

  • 8 La percentuale di chi ha optato di votare per i candidati italiani si attesta al 6,77%.

38Alle elezioni europee del 2014, a parte la già segnalata ulteriore diminuzione del numero degli elettori8, gli esiti del voto in Francia non differirono da quelli del 2009, con il prevalere delle formazioni di sinistra e del voto d’opinione orientato dal dibattito interno, come dimostrato, tra l’altro, dalla crescita del m5s. Le percentuali furono più o meno le stesse registrate dal voto nazionale, con il pd al 37,15%, il m5s al 13,17%, fi all’11,12%. Il successo della lista Tsipras, associato al modesto consenso raccolto dalla Lega Nord rispetto al dato nazionale, confermarono il favore accordato alle formazioni che intendevano riformare le politiche europee da una prospettiva progressista.

39Non si sa se gli elettori italiani, tanto in Francia quanto negli altri paesi dell’Unione, avessero chiaro che in queste ultime elezioni europee veniva applicato il Trattato di Lisbona, per cui il nuovo presidente della Commissione europea sarebbe stato indicato dal Parlamento sulla base dei risultati elettorali ottenuti. Poiché l’Italia non aveva candidati, sarebbe stato opportuno, ai fini della trasparenza, che i partiti avessero indicato il gruppo parlamentare europeo a cui avrebbero aderito e, di conseguenza, il proprio candidato alla presidenza della Commissione. Ma, a parte i partiti con più lunga tradizione, il m5s, così come la Lega Nord e fdi non fornirono tali indicazioni. Si comprende così forse meglio quanti optarono per un voto ai candidati francesi, sulle intenzioni dei quali disponevano senz’altro di maggiori informazioni.

Conclusioni

40Al referendum costituzionale del 4 dicembre 2016, la partecipazione al voto aumentò in Francia, seppur di poco, così come negli altri Paesi presi precedentemente in considerazione. Il sì alle riforme costituzionali prevalse ovunque. In Francia si registrò addirittura la percentuale più alta, il 66,81%, a testimonianza del favore accordato alla linea del pd, il partito più esposto nella consultazione referendaria. Eppure, tra le proposte, vi era anche l’abolizione della rappresentanza dei cittadini residenti fuori d’Italia nel Senato, nell’ambito della riforma di questo ramo del Parlamento, un progetto che, unitamente all’altissimo tasso di astensione registrato in occasione di tutte le consultazioni, farebbe pensare a un atteggiamento critico da parte dell’elettorato nei confronti del voto all’estero o almeno delle sue modalità organizzative.

41Questo dato è spiegabile da chi fa politica in Francia, oltre che come tendenza fisiologica, come conseguenza di varie criticità. Per esempio, Maria Chiara Prodi (2013), presidente della Commissione vii del cgie e consigliere nazionale delle acli di Francia, oltre che membro dell’Assemblea nazionale estera del pd, ha messo in evidenza i punti critici del voto all’estero, individuati in tre macro aree: mancanza di cultura politica (pratica del voto di scambio), assenza di controllo sui candidati e fragilità del sistema del voto per corrispondenza. Estendere a tutte le consultazioni la cosiddetta «inversione dell’opzione», adottata in occasione delle elezioni dei Comites, potrebbe eliminare la circolazione incontrollata di schede e la conseguente falsificazione del voto, nonché il persistente disallineamento tra anagrafe consolare e aire.

42Paolo Modugno (2018), candidato del pd, ha segnalato ulteriori problematiche, in buona parte riconducibili ai costi che i candidati devono sostenere per farsi conoscere: prima di tutto, l’estensione del territorio su cui fare campagna elettorale, il quale, oltre a tutta l’Europa, comprende anche la Federazione Russa e la Turchia; in secondo luogo, la disparità tra i candidati: chi è già parlamentare parte avvantaggiato, sia per la maggiore visibilità che per la possibilità di accedere ai rimborsi elettorali; infine, il fatto che gli elettori ricevano «scarne informazioni» sui candidati, per cui è difficilmente reperibile il luogo di residenza dei medesimi, esclude la possibilità che si generi interesse per chi abita nello stesso paese.

43Queste voci critiche, ma comunque impegnate, provengono dall’area di sinistra, in particolare da quella che gravita attorno al pd, dalle reti associative e assistenziali che storicamente hanno rappresentato gli interessi degli emigrati e che hanno sviluppato una discreta capacità comunicativa, attraverso i canali mediatici dell’emigrazione, il web e le reti informali. E le altre forze politiche? Come comunicano e cosa propongono agli elettori italiani residenti in Francia? Sul web è difficile trovare traccia di specifiche attività di promozione elettorale da parte di fi o della Lega. La pagina web del candidato locale, Mario Zoratto, da sempre legato alla Destra Nazionale e alle sue varie trasformazioni, è praticamente vuota, elemento che sembrerebbe indicare la consapevolezza che la coalizione puntava su altri (Mario Zoratto).

44Il m5s, conformemente alla sua filosofia, aveva allestito un canale YouTube per la presentazione dei candidati all’estero, i quali poi avrebbero dovuto proporsi sul territorio (Creti, 2018). Non c’è stata tuttavia, per quanto riguarda i pentastellati, l’indicazione di un’attività politica articolata e di lungo respiro in territorio francese. È probabile che il voto al m5s in questo Paese, più che segno di protesta verso i partiti tradizionali, provenga dalla mobilità più recente che agisce in modo individuale, stringendo relazioni e attingendo informazioni attraverso reti sociali informali difficilmente definibili.

45In conclusione, il ristretto numero di connazionali che ha espresso il proprio voto in Francia nel 2018 ha agito nel segno di una continuità che affonda le proprie radici nella tradizione europeista, socialista e cristiana. Accanto ai temi contingenti, legati ai problemi connessi alla mobilità, come l’efficienza del servizio consolare, le questioni pensionistiche, sanitarie e fiscali, è stato manifestato anche un interesse per l’Italia, che si è voluto godesse di pari dignità nel confronto con gli altri Stati dell’Unione europea. Di qui la prevalenza del favore dato alle forze tradizionali piuttosto che al movimentismo più recente. Tuttavia, lo sforzo di rinnovamento scorto negli organismi locali di rappresentanza si è scontrato contro l’atteggiamento delle segreterie dei partiti che «impongono i candidati» (Mangione, 2014), poco si sono curate delle specificità del collegio estero e non hanno denotato un impegno per sensibilizzare e promuovere nel concreto la cittadinanza europea prevista dai trattati, di cui non vi è stata traccia nei programmi.

Bibliographie

Carbone, Chiara, comites, gli organi per italiani all’estero al voto dopo dieci anni: «Ora trasparenza», «Il Fatto Quotidiano», 15 marzo 2015, https://www.ilfattoquotidiano.it/2015/03/15/comites-gli-organi-per-italiani-allestero-voto-dopo-dieci-annitrasparenza/1506854/.

Castigliani, Martina, Spagna. Gli indignati si ispirano ai 5 Stelle. «In Italia la protesta è riuscita», «Il Fatto Quotidiano», 23 maggio 2013, https://www.ilfattoquotidiano.it/2013/05/23/europa-indignati-spagnoli-si-ispirano-ai-5-stelle-in-italia-protesta-e-riuscita/602320/.

Circolo pd Francia, Parigi, Paolo Modugno, s.d. [ma 2018], http://partitodemocraticoparigi.org/wp-uploads/2018/02/180203-CircoloPdFrancia-Paolo-Modugno-1.pdf.

Cittadini, Ferruccio, Ferruccio Cittadini, s.d. [ma 2018], https://www.meetup.com/it-IT/Parlamento-5-Stelle/messages/boards/thread/34035712?_cookie-.

Comites Marsiglia, Vos représentants, s.d. [ma 2018], http://comites-marseille.fr/fr/website/vos-representants.

Consonni, Anna, «Il voto italiano in Europa», in Tintori, Guido (a cura di), Il voto degli altri. Rappresentanza e scelte elettorali degli italiani all’estero, Torino, Rosenberg & Sellier, 2012, pp. 51-96.

Creti, Gabriella, m5s estero: nei dibattiti organizzati dai membri dei comites, le platee sono tutte contro il m5s, «Selezione 5 Stelle», 25 febbraio 2018, https://m5stelle.com/gabriella-creti-m5s-estero-nei-dibattiti-organizzati-dai-membri-dei-comites-le-platee-sono-tutte-contro-il-movimento-5-stelle/.

Di Gennaro, Jean Philippe, Le point de Jean Philippe Di Gennaro, comites Lyon, 15 aprile 2015, https://comiteslyonitalianideuropa.wordpress.com/.

Elezioni2018/I 18parlamentari elettiall’estero, «9 colonne», s.d. [ma 2018], https://www.9colonne.it/153221/elezioni-2018-i-18-parla-mentari-eletti-all-estero.

Focus-in, Chi siamo, «Focus-in», s.d. [ma 2018], http://www.focus-in.info/-FOCUS-IN-Chi-siamo-.

Ginori, Anaïs, Falsi amici. Italia-Francia, relazioni pericolose, Roma, Fandango, 2012.

Istat, Migrazioni internazionali e interne della popolazione residente, 26 novembre 2015, https://www.istat.it/it/files//2015/11/Migrazioni-_-Anno-2014-DEF.pdf.

Migrazioni internazionali e interne della popolazione residente, 29 novembre 2017, https://www.istat.it/it/files/2017/11/Report_Migrazioni_Anno_2016.pdf.

Licata, Delfina, «La mobilità italiana oggi tra allarmanti fragilità, desiderio di rivalsa e strategie di sopravvivenza», in Eadem (a cura di), Rapporto italiani nel mondo 2017, Todi, Tau, 2017, pp. 3-24.

Lista Civica per il comites di Lione Grenoble, Per il rinnovo dei comites al servizio dei cittadini, 2015, https://rinnovamentoservizio.wordpress.com/chi-siamo/.

Lista comites drp, Democrazia Rinnovamento Partecipazione, 2015, https://comitesdrp.wordpress.com/20141020chi-siamo/.

Mangione, Silvana, Piccola storia della rappresentanza all’estero, «Focus-in», 1 dicembre 2014, http://www.focus-in.info/Piccola-storia-della.

Mario Zoratto, s.d. [ma 2018], http://www.focus-in.info/Mario-Zoratto.

Merlen, Richard, «Les listes électorales françaises au 1er mars 2014: zoom sur les citoyens européens», Insee Focus, 14, 2 dicembre 2014, https://www.insee.fr/fr/statistiques/1379723.

Ministero dell’Interno, Anagrafe degli italiani residenti all’estero al 31 dicembre 2016, 2017, http://ucs.interno.gov.it/FILES/AllegatiPag/1263/INT00041_Anagrafe_Italiani_estero_AIRE_ed_2017.pdf.

Ministero dell’Interno, Archivio storico delle elezioni, 2018, http://elezionistorico.interno.gov.it/.

Modugno, Paolo, Diario di un candidato nella circoscrizione estero, «Il Foglio», 2 marzo 2018, https://www.ilfoglio.it/politica/2018/03/02/news/elezioni-circoscrizioni-estero-181778/.

Molteni, Patrizia, 10 candeline per il Forum delle associazioni italiane, «Focus-in», 6 giugno 2014a, http://www.focus-in.info/10-candeline-per-il-Forum-delle.

Molteni, Patrizia, Italiani cittadini d’Europa, «Focus-in», 27 novembre 2014b, http://www.focus-in.info/Italiani-cittadini-d-Europa.

Molteni, Patrizia, Diritti e difesa Italiani in Francia, «Focus-in», 29 novembre 2014c, http://www.focus-in.info/Diritti-e-difesa-italiani-in.

Molteni, Patrizia, Liste e candidati: domande frequenti, «Focus-in», 1 dicembre 2014d, http://www.focus-in.info/Liste-e-candidati-domande.

Pasquino, Gianfranco, Prima lezione di scienza politica, Roma-Bari, Laterza 2008.

Petrucciani, Stefano, Democrazia, Torino, Einaudi, 2014.

Piro, Pietro, La nuova immigrazione italiana in Germania, Francia e Inghilterra, working paper, 30 gennaio 2017, http://www.aersonline.de/working_paper.pdf.

+ Europa, I nostri candidati alle elezioni politiche del 4 marzo 2018, s.d. [ma 2018], https://piueuropa.eu/cms/wp-content/uploads/2018/02/2018_02_07_EUROPA_BIO-CANDIDATI-EUROPA.pdf.

Politiche 2018, liste e candidati, «Focus-in», 11 febbraio 2018, http://www.focus-in.info/Politiche-2018-liste-e-candidati.

Prestianni, Sara, Sara Prestianni, «HuffPost», s.d. [ma 2018], https://www.huffingtonpost.it/author/sara-prestianni/.

Prodi, Maria Chiara, Trasparenza e voto all’estero, «Focus-in», 5 febbraio 2013, http://www.focus-in.info/Trasparenza-e-votoall-estero.

Pugliese, Enrico, «L’Italia tra emigrazione e immigrazione: tendenze storiche e recenti», in filef (a cura di), Le nuove generazioni tra i nuovi spazi e nuovi tempo delle migrazioni, Roma, Ediesse, 2014, pp. 17-30.

Ricci, Rodolfo, «Crisi europea e nuova emigrazione», in filef (a cura di), Le nuove generazioni tra i nuovi spazi e nuovi tempo delle migrazioni, Roma, Ediesse, 2014, pp. 31-40.

Senato Della Repubblica, xvi legislatura, Domanda di autorizzazione all’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari nei confronti del Senatore Nicola Paolo Di Girolamo, Roma, Tipografia del Senato, 2010.

Stellon, Italo, «Le nuove emigrazioni italiane in Francia», rps: la Rivista delle Politiche Sociali, xiv, 4, ottobre-dicembre 2017, pp. 77-90.

Vaudo, Ersilia, Ersilia Vaudo, astrofisica e lavoro nel settore spaziale candidata di + Europa con Emma Bonino, «L’Italoeuropeo», 15 febbraio 2018 http://www.italoeuropeo.com/2018/02/15/ersilia-vaudo-astrofisica-e-lavoro-nel-settore-spaziale-candidata-di-europa-con-emma-bonino/.

Notes

1 La normativa che ha istituito i comites e la cgie è costituita dalle leggi 285/1985, 530/1986, 172/1990 e 286/2003.

2 Dal 2013 la ripartizione Europa, a causa del maggior peso demografico dell’America meridionale, ha perso un seggio alla Camera.

3 A Nicola Di Girolamo, oltre alla vicenda della falsa residenza, sollevata proprio da Fantetti, primo dei non eletti nella ripartizione Europa, nel 2010 venne contestato anche il reato di associazione a delinquere transnazionale pluriaggravata (Senato della Repubblica, 2010).

4 Si veda a proposito la sintesi del ruolo dell’associazionismo nel sistema democratico: «laddove i cittadini creano gruppi, associazioni, reti di incontro, di discussione, di mutua assistenza, di solidarietà, la democrazia si afferma, si esprime e funziona» (Pasquino, 2008, p. 28).

5 In relazione alla partecipazione politica, Gianfranco Pasquino (2008, p. 29) ha affermato che «Sappiamo che coloro che mirano a influenzare non soltanto la scelta dei rappresentanti e dei governanti, ma anche la formulazione e l’attuazione delle politiche pubbliche, agiscono spesso attraverso associazioni e gruppi».

6 La scarsa dimestichezza con gli strumenti informatici, la sottovalutazione dell’importanza della comunicazione nonché la mancanza di mezzi per farsi conoscere sono stati ostacoli alla circolazione delle informazioni attorno a questi organi e ne hanno condizionato la vitalità (Molteni, 2014d).

7 Se si contassero assieme i voti di cmi e del Partito della Libertà, in quanto «di destra», in tutti i Paesi considerati la percentuale maggiore di consensi andrebbe all’area di centro

8 La percentuale di chi ha optato di votare per i candidati italiani si attesta al 6,77%.

Auteur

Anna Consonni è una ricercatrice indipendente. I suoi temi d’indagine includono l’immigrazione italiana in Francia, il voto degli emigranti italiani in Europa, l’associazionismo dei migranti italiani in Europa e questioni di sociolinguistica.

Lire

Accès exclusif

open access

Offert par L’éditeur de ce site