Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La filosofia positiva di Schelling come unità di Hegel e Schopenhauer

 | 
Eduard von Hartmann

La dottrina dei principi

Texte intégral

  • 1 La parola “rappresentazione” è qui naturalmente impiegata nel suo significato più generale, non in (...)

1Veniamo ora al nocciolo della filosofia positiva, cioè alla dottrina dei principi o delle potenze. Le sue prime idee sono già contenute, nel mistico linguaggio di Jacob Böhme, nel saggio sulla libertà (1809), e in qualche modo questo scritto può essere chiamato l’embrione della filosofia positiva (cfr. SW I/7, 357-364). Quelle idee ricevono un’ulteriore esposizione nel 1811 nel frammento dei Weltalter. Ma come lo stesso Schelling ha considerato questo tentativo con la giusta diffidenza, così noi ora possiamo ritenere interessante tale tentativo solo in quanto rappresenta, nello sviluppo di Schelling, uno stadio di passaggio in cui gli ultimi residui della sua prima dialettica si fondono con una cupa mistica, al fine di tirare per le lunghe, con l’accumulo di oscure distinzioni, dei principi non ancora chiariti e non ancora colti nella loro semplice profondità. Per contro con grande chiarezza, trasparente semplicità e brevità i medesimi principi appaiono nella Esposizione dell’empirismo filosofico (cfr. SW I/10, 142-186), la cui ultima redazione è del 1835. Qui manca completamente l’inutile e fastidiosa opposizione di filosofia positiva e filosofia negativa, così come l’inopportuna attenzione per le dottrine religiose, che riappare in modo più molesto nelle due opere successive – Filosofia della Mitologia e Filosofia della Rivelazione, entrambe sottoposte a elaborazione dalla fine degli anni Venti alla prima metà degli anni Quaranta (cfr. SW II/ 2, lezioni 2 e 3 e prima metà della 5, e II/3, lezioni 10, 11 e 13). In ciò si mostra quant’era scomoda e inopportuna l’artificiosa separazione di filosofia positiva e filosofia negativa e quanto la materia stessa contrastasse questa separazione. Tuttavia Schelling rese ultimo compito della sua vita (nella seconda metà degli anni Quaranta e all’inizio degli anni Cinquanta), quello di esporre la dottrina dei principi anche in modo puramente razionale (Esposizione della filosofia puramente razionale, cfr. SW II/1, lezioni 12, 13, 16, 17, 24 e l’allegato saggio Sull’origine delle verità eterne). Qui emerge in modo davvero molto chiaro la debolezza della costruzione puramente razionale, visto che in essa non devono trovare espressione le determinazioni empiriche dei principi (volontà e rappresentazione)1, ma invece di questi si tratta soltanto di sviluppare i momenti dell’essente; tale sviluppo tuttavia non solo rimane completamente incomprensibile, ma non riesce in alcun modo a procedere senza prendere in aiuto, scopertamente o furtivamente, quella determinazione empirica. Può essere considerata come studio preliminare a ciò l’Esposizione del processo naturale (1843-1844; cfr. SW I/10, 303-312), la quale ha del resto come scopo principale quello di offrire uno sguardo retrospettivo sulle dottrine più importanti della filosofia della natura a partire dal nuovo punto di vista.

Notes

1 La parola “rappresentazione” è qui naturalmente impiegata nel suo significato più generale, non in senso hegeliano.