Desktop versionMobile Version
OpenEdition Books

La filosofia positiva di Schelling come unità di Hegel e Schopenhauer

 | 
Eduard von Hartmann

Differenza da Schopenhauer

Das Programm OpenEdition Freemium bietet den abonnierten Benutzern Zugang zu dem Volltext im HTML-, PDF- und ePub-Format. Das Buch kann auch für Privatnutzer über unsere Partnerbuchhändler im PDF- und ePub-Format online erworben werden. Falls die gedruckte Version erhältlich ist, sind die Buchhandlungen auf dieser Seite rechts verlinkt.

Textauszug

Dopo aver parlato dell’affinità di Schelling con Schopenhauer, conviene anche rendere brevemente conto delle loro differenze. Si è già detto della differenza di metodo: della più alta stima di Schelling per la scienza puramente razionale e per il metodo deduttivo, mentre Schopenhauer essenzialmente si muove induttivamente (a partire da basi empiriche). Ma più importante è il fatto che la visione del mondo di Schopenhauer è completamente astorica, quella di Schelling è per contro interamente storica. Al cieco principio di Schopenhauer, che non è illuminato né diretto da alcuna idea metafisica, non è possibile alcuno sviluppo. Per esso il processo cosmico è un vuota attività senza senso, un circolare sui carboni ardenti, che non può mai condurre a una meta, perché le sue forme si ripetono eternamente, come i personaggi di un’arlecchinata, e dal quale l’individuo può solo saltar fuori di lato. Egli attribuisce quindi alla storia come mero sapere scarso valore, poiché in essa non c’è al...