Desktop versionMobile version
OpenEdition Books

La filosofia positiva di Schelling come unità di Hegel e Schopenhauer

 | 
Eduard von Hartmann

Filosofia negativa e filosofia positiva

The HTML, PDF, ePub formats of this book are available to the users of libraries and institutions subscribing to the OpenEdition Freemium program for Books. The book will also be available to buy in PDF and ePub formats on the websites of our partner bookstores. If a print edition of the book is available, links to bookstores will be displayed on this page.

Excerpt

Come già ha dimostrato Aristotele, «in ogni ente bisogna fare una distinzione: sono infatti due cose ben diverse sapere che cosa un ente sia, quid sit, e che esso sia, quod sit. Quella – la risposta alla domanda: che cosa è – mi concede una penetrazione nell’essenza della cosa, cioè fa sì che io comprenda la cosa, che abbia un’intelligenza o un concetto di essa, oppure essa stessa in concetto. L’altro punto invece – il sapere che essa è – non me lo fornisce il semplice concetto, ma qualcosa che va oltre il semplice concetto, che è l’esistenza» (SW II/3, 57-58; trad. it. FR, 95) «Già qui, dunque (proprio se-condo questa distinzione), ci apparirà verosimile che, nella misura in cui la domanda riguarda il che cosa, essa si rivolge alla ragione, mentre che un certo qualcosa sia, si tratti pure di qualcosa di riconosciuto dalla ragione – che questo qualcosa esista, cioè –, può insegnarcelo solo l’esperienza» (SW II/3, 58; trad. it. FR, 95-97). Anche Hegel dice «che la ragione si occupa d...