Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La filosofia positiva di Schelling come unità di Hegel e Schopenhauer

 | 
Eduard von Hartmann

Filosofia negativa e filosofia positiva

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Come già ha dimostrato Aristotele, «in ogni ente bisogna fare una distinzione: sono infatti due cose ben diverse sapere che cosa un ente sia, quid sit, e che esso sia, quod sit. Quella – la risposta alla domanda: che cosa è – mi concede una penetrazione nell’essenza della cosa, cioè fa sì che io comprenda la cosa, che abbia un’intelligenza o un concetto di essa, oppure essa stessa in concetto. L’altro punto invece – il sapere che essa è – non me lo fornisce il semplice concetto, ma qualcosa che va oltre il semplice concetto, che è l’esistenza» (SW II/3, 57-58; trad. it. FR, 95) «Già qui, dunque (proprio se-condo questa distinzione), ci apparirà verosimile che, nella misura in cui la domanda riguarda il che cosa, essa si rivolge alla ragione, mentre che un certo qualcosa sia, si tratti pure di qualcosa di riconosciuto dalla ragione – che questo qualcosa esista, cioè –, può insegnarcelo solo l’esperienza» (SW II/3, 58; trad. it. FR, 95-97). Anche Hegel dice «che la ragione si occupa d...

Acheter