Version classiqueVersion mobile

Metamorfosi dei lumi 11

 | 
Marco Menin

Troisième partie. L’émotion des philosophes, entre physique et moral

«Vi è più filosofia nell’espressione degli affetti che nel raffinato e freddo ragionamento dei dotti»: la filosofia del linguaggio e la riabilitazione delle emozioni in Karl Philipp Moritz

Elisa Leonzio

Texte intégral

  • 1 Cfr. Titzmann M., Anthropologie der Goethezeit: Studien zur Literatur und Wissensgeschichte, de Gr (...)

1Nell’ultimo trentennio del Settecento si assiste in Germania allo sviluppo di due nuove discipline, l’antropologia e la psicologia empirica, entrambe ispirate a una concezione olistica dell’uomo, la cui natura può essere compresa soltanto chiarendo il rapporto fra anima e corpo, ovvero il cosiddetto commercium mentis et corporis1.

  • 2 Con un’interruzione nel 1790 tra il volume settimo e l’ottavo.

2Per quanto di antropologia si possa parlare già almeno a partire dagli anni Cinquanta del Settecento, l’opera che sistematizza la disciplina, e ne è quindi considerata il momento fondante, è l’Anthropologie für Aerzte und Weltweise (Antropologia per medici e per filosofi) pubblicata nel 1772 dal medico e filosofo Ernst Platner. Per quanto riguarda la psicologia empirica, invece, il suo fondatore indiscusso è il romanziere e filosofo Karl Philipp Moritz, che ne introduce i caratteri principali nelle Aussichten zu einer Experimentalseelenlehre (Prospettive per una psicologia sperimentale) del 1782 e poi le dedica una rivista, il Gnōthi sautón. Magazin zur Erfahrungsseelenkunde, als ein Lesebuch für Gehlerte und Ungelehrte (Gnōthi sautón. Rivista di psicologia empirica, una lettura per i dotti e i profani), che esce in dieci annate, ciascuna composta da tre fascicoli, tra il 1783 al 17932, anno di morte dello stesso Moritz.

3Moritz è fortemente influenzato da Platner sia sul piano teorico, dove ad accumunarli è prima di tutto il rifiuto di qualunque approccio metafisico allo studio dell’essere umano, sia su quello pratico: entrambi sono animati dalla volontà di preservare o ripristinare la salute dell’uomo ed entrambi, come enunciato dai rispettivi titoli, si offrono quale strumento tanto per i professionisti quanto per la gente comune, purché naturalmente alfabetizzata, in conformità a quella tendenza alla divulgazione del sapere che in Germania assume la forma di una vera e propria corrente filosofica, nota con il nome di Popularphilosophie, ossia filosofia popolare.

4Rispetto a tutto questo Moritz fa ancora un passo in avanti, in quanto non solo si rivolge a un pubblico eterogeneo, ma accetta anche tra i propri autori persone dai retroterra culturali più disparati: la rivista, così, nasce come frutto della collaborazione di filosofi, medici e pedagoghi, ma è arricchita altresì da contributi autobiografici occasionali, inviati da persone prive di una specifica formazione scientifico-filosofica, ma scrupolose nell’osservazione di se stesse. In quest’ottica si comprende bene perché come titolo della rivista venga scelto proprio il celebre gnōthi sautón, il «conosci te stesso» di socratica memoria.

5Stante questa disparità di background dei numerosissimi collaboratori, la rivista diviene, sul piano metodologico, il banco di prova delle più svariate teorie e convinzioni riguardanti i fenomeni psichici. A tutto ciò corrisponde, sul piano contenutistico, una varietà di argomenti quasi sorprendente, che comprende, solo per citarne alcuni, gli stati di alterazione di omicidi e infanticidi, le cure rivolte a individui in preda al delirio o alla furia e, ancora, esempi di preveggenza, visioni di spettri, confessioni, sogni e casi di sonnambulismo.

6I grandi raggruppamenti tematici sotto cui sono raccolti i diversi articoli lasciano comunque riconoscere un interesse prevalente per l’area medica e per il concetto di salute. Tra le varie rubriche rientrano perciò titoli quali la scienza dell’anima, la malattia dell’anima, la dietetica dell’anima, la cura dell’anima e così via.

  • 3 Moritz K.P., Gnōthi sautón oder Magazin zur Erfahrungsseelenkunde als ein Lesebuch für Gelehrte un (...)
  • 4 Moritz K.P., MzE, vol. IV, fascicolo 3, p. 195.

7Salute assume nel Magazin un senso molto ampio, che comprende tanto lo stato di benessere psicofisico dell’individuo quanto il suo equilibrio morale. Nelle Grundlinien zu einem ohngefähren Entwurf in Rücksicht auf die Seelenkrankheitskunde (Abbozzi per un primo progetto di medicina dell’anima), contenute nel primo fascicolo del primo volume, Moritz spiega che la salute consiste nell’equilibrio tra le diverse facoltà dell’anima, ovvero l’intelletto, la fantasia e la memoria3, mentre la distruzione di tale equilibrio coincide con la malattia4.

  • 5 Moritz K.P., MzE, vol. I, fascicolo 1, p. 30: «La mancanza del nesso appropriato fra le idee appar (...)

Der Mangel des gehörigen Zusammenhangs zwischen den Ideen scheinet die Ursache vieler Krankheiten der Seele zu seyn. Im gesunden Zustande der Seele muß es immer einige gewissermaßen fixierte Ideen geben, die zwar eine Zeitlang, durch den Strom der neuen Vorstellungen, aus ihrer Lage gebracht werden können, aber doch allemal in dieselbe wieder zurückspringen; es muß vollkommen fixirte Ideen geben, die durch nichts erschüttert werden können. Bei dem Mangel des gehörigen Zusammenhangs aber springen die ersten nicht wieder in ihre Lage zurück, und die anderen halten nicht stand. Wodurch Leichtsinn, Wankelmuth, und die daraus entspringenden Laster entstehen. Ebenso nachtheilig scheinet aber auch ein zu fester und unerschütterlich Zusammenhang zwischen den Ideen zu Seyn, woraus Starrsinn und Härte entstehet5.

8A dominare il passo è il concetto di Zusammenhang (nesso), e l’insistenza su questo termine testimonia l’adesione di Moritz a un modello esplicativo di tipo causale, che interpreta la realtà tanto fisica quanto psichica come retta da una precisa successione di cause ed effetti, dunque come una struttura perfettamente riconoscibile e interpretabile. Il funzionamento dell’anima, secondo la tesi moritziana, è dunque legato a una serie di meccanismi che regolano la permanenza o la scomparsa delle idee in essa.

9La definizione di salute e di malattia acquisisce, nel passo citato, una connotazione morale storicamente e socialmente determinata, rispecchiando in questo la tendenza dell’illuminismo a patologizzare tutto ciò che mette in forse l’aspirazione alla felicità distruggendo quell’equilibrio psichico che solo può garantirla. Il peccato, che era in precedenza sentito come un ostacolo all’avvicinamento a Dio, diviene nel progetto moritziano ostacolo al raggiungimento della felicità terrena.

  • 6 Cfr. Košenina A., Ernst Platners Anthropologie und Philosophie. Der philosophische Arzt und seine (...)

10Dall’incontro fra medicina e morale nella Germania del tardo Settecento nasce addirittura una nuova figura professionale, quella del “medico filosofo”6, che combina nella sua pratica etica e fisiologia allo scopo di (ri)creare un individuo perfettamente armonizzato in ogni sua componente: occorre raggiungere un equilibrio tra il corpo e l’anima e, nell’anima, tra le diverse facoltà e forze che la caratterizzano, ossia tra l’intelletto e gli Affekte, concetto che ingloba al suo interno emozioni, affezioni e impulsi, ossia tutto ciò che pertiene alla sfera arazionale e prerazionale.

11L’idea sottesa a questo tipo di discorso, variamente accentuata e declinata nei diversi pensatori dell’epoca, è quella di un primato della ragione che controlla, o almeno idealmente dovrebbe controllare, gli Affekte, incanalandoli per promuovere comportamenti benefici per la salute e appropriati da un punto di vista etico e sociale.

  • 7 Cfr. Willenberg J., Distribution und Übersetzung englischen Schrifttums im Deutschland des 18. Jah (...)
  • 8 Per una panoramica sulle teorie delle emozioni e sul loro sviluppo storico si veda Kappelhoff H., (...)

12Parallelamente però, soprattutto sotto la spinta della filosofia scozzese e della teoria del moral sense di Shaftesbury, che proprio negli ultimi decenni del xviii secolo gode in Germania di rinnovata fortuna7, si comincia a mettere in discussione questo paradigma razionalistico, che trae le sue radici dalla dottrina delle emozioni di matrice stoica, per esaltare invece la componente emotiva come valore in sé, come movente dell’agire etico-sociale dell’uomo e come fonte della sua creatività8. Non è un caso, quindi, che le riflessioni sulle emozioni di filosofi come Mendelssohn e Lessing, Kant e Herder, solo per citarne alcuni, si collochino proprio al confine tra etica ed estetica, combinando e in parte sovrapponendo concetti quali sensazione e sentimento, percezione dei (e reazione ai) fenomeni esterni ed elaborazioni interiori autonome.

13Moritz raccoglie le fila di queste discussioni in una trattazione originale in cui pensiero razionale ed emozioni si compenetrano senza soluzione di continuità. Le emozioni sono da lui viste come componenti dell’anima dotate di una loro dignità e funzione autonome rispetto alla ragione, che dovranno risultare in equilibrio con essa secondo il modello che si è descritto, ma certo non esserne subordinate.

14Muovendo da tali premesse Moritz si spinge fino a considerare le emozioni addirittura come uno strumento euristico, ossia come il medium par excellence attraverso cui lo studioso, ossia il medico-filosofo, può indagare e comprendere la natura più profonda e autentica dell’uomo nella sua mutevolezza e complessità.

15Ciò risulta particolarmente evidente dall’analisi degli scritti che Moritz, nel Magazin e non solo, dedica alla filosofia del linguaggio e alla facoltà creatrice dell’uomo e nei quali riflette sul rapporto fra le emozioni e la nascita della logica discorsiva e dell’arte alla luce dei suoi studi di psicologia empirica.

16L’interesse per il linguaggio è una costante nell’opera di Moritz, che nel coevo dibattito sull’origine del linguaggio sembra protendere per un sostanziale innatismo, ammantato di una coloritura religiosa: l’uomo è dotato di parola perché Dio gli ha concesso tale facoltà. In un testo dal titolo Unterhaltungen mit meinen Schülern (Conversazioni con i miei scolari), composto nel 1780 e risalente, dunque, al periodo in cui Moritz è co-rettore di un ginnasio a Berlino, la questione viene affrontata riprendendo il primo capitolo del Genesi:

  • 9 Moritz K.P., Unterhaltungen mit meinen Schülern, Berlin, 1780, pp. 215-216: «Dio sapeva bene che l (...)

Gott wußte es wohl, wie nöthig dem Menschen die Sprache sey, darum hat er dieselbe gleichsam schon in die Schöpfung mit eingewebt. Er legte nehmlich einen solchen Unterschied in die Dinge, welche sich dem Menschen darstellten, daß gleichsam das Wort aus seiner Seele herausgepreßt werden mußte, womit er diesen Unterschied bezeichnen sollte. Daher heißt es: Gott scheidet das Licht von der Finsterniß und nannte daß Licht Tag und die Finsterniß Nacht9.

  • 10 Moritz ritorna su questa tesi alcuni anni più tardi. Cfr. Moritz K.P., Auch eine Hypothese über d (...)

17La genesi del linguaggio viene fatta coincidere con quella del creato. L’atto creativo consiste in un processo di separazione e distinzione del (e nel) reale, e con il linguaggio Dio soddisferebbe il bisogno dell’uomo di cogliere tali differenze. Il linguaggio scaturirebbe dunque dalla bocca dell’uomo nel momento in cui davanti ai suoi occhi prende forma un reale che passa da indistinto a differenziato, come se le cose stesse gli estorcessero le parole in modo necessario, con un atto ineluttabile e quasi di costrizione, per il quale Moritz utilizza il verbo herauspressen, il cui significato più letterale è quello di “spremere”: il linguaggio viene dunque spremuto dall’anima ad opera delle cose in modo immediato e necessario10.

  • 11 Sul tema si veda Aebi Farahmand A., Die Sprache und das Schöne: Karl Philipp Moritz’ Sprachreflexi (...)

18La critica ha però osservato come Moritz presenti anche argomentazioni che sembrerebbero contraddire questa ipotesi11. Non mancano casi, infatti, in cui egli interpreta invece il linguaggio come l’esito di una convenzione arbitraria, il che smentirebbe ovviamente l’assunto dell’innatismo.

19Altrettanto problematica è la tesi secondo cui nei bambini esisterebbe una fase prelinguistica in cui essi non percepirebbero affatto le differenze, poiché tale affermazione sfocia in un’aporia: senza linguaggio l’uomo non sarebbe in grado di percepire le differenze fra le cose, ma senza percezione delle cose come entità differenziate il linguaggio non sarebbe mai potuto insorgere, se è vero che ogni cosa “spreme” dall’anima dell’uomo una specifica parola.

  • 12 Kant I., Kritik der reinen Vernunft, Meiner, Hamburg 1993, p. 95: «Gedanken ohne Inhalt sind leer. (...)

20Questa aporia tra primato dell’esperienza e primato del linguaggio diviene tuttavia più comprensibile se si considera che l’intera produzione filosofica e letteraria di Moritz si concentra fra il 1782 e il 1793 ed è quindi in tutto e per tutto erede della Critica della ragion pura, pubblicata da Kant appena l’anno precedente, nel 1781. Nel caso della riflessione moritziana sul linguaggio questa influenza si fa particolarmente evidente. Se Kant afferma il primato dell’esperienza sensibile, salvo poi ristabilirne immediatamente il nesso con l’intelletto nel celeberrimo assunto secondo cui «i pensieri senza contenuto sono vuoti, ma le intuizioni senza concetti sono cieche»12, Moritz non solo fa sicuramente suo questo assunto, ma lo porta a un livello ulteriore di articolazione mettendo in primo piano appunto il linguaggio. Esso è una sorta di velo, un reticolato attraverso cui l’uomo percepisce il mondo come un’entità dotata di senso. Finché l’uomo non è in grado di dare un nome alle singole cose e dunque di distinguerle le une dalle altre, esse permangono come un qualcosa di indistinto che parrebbe sottrarsi non solo alla comprensione, ma alla percezione stessa. Senza l’atto del distinguere, che solo dal e nel linguaggio è reso possibile, l’uomo farebbe esperienza di una realtà del tutto amorfa e non sarebbe in grado di conoscerla.

  • 13 Cfr. Naumann B., Grammatik der deutschen Sprache zwischen 1781 und 1856: die Kategorien der deutsc (...)
  • 14 Non a caso un altro suo celebre testo sul linguaggio del 1783 si intitola Kinderlogik, ovvero la L (...)

21Per chiarire questo punto merita di essere presa in esame la Deutsche Sprachlehre für die Damen (Grammatica della lingua tedesca per signore) del 1782, un testo che si colloca dunque agli albori della produzione moritziana, ma che contiene in nuce quanto poi si ritroverà disseminato e approfondito nel Magazin e negli scritti di estetica. Si tratta di una sorta di grammatica della lingua tedesca rivolta alle donne e redatta in forma epistolare per un totale di quindici lettere. Se la forma epistolare è spiegabile nei termini di quell’impulso alla divulgazione e popolarizzazione del sapere di cui già si parlava, più complessa e variamente interpretata è la scelta di destinarla alle donne, dato che il testo in realtà poco o nulla differisce da altri scritti minori sul linguaggio che Moritz pubblicherà negli anni a seguire rivolgendoli però a un gruppo sessualmente eterogeneo. La critica ha per lo più insistito su motivazioni di carattere biografico: Moritz viveva a Berlino, dove riscuoteva enorme successo proprio fra le nobildonne, nei salon che esse spesso presiedevano; la scelta del titolo sarebbe quindi una sorta di operazione di marketing ante litteram13. In realtà, a mio giudizio, le ragioni sono più profonde e rispondono alla stessa strategia che spinge Moritz a interessarsi tanto ai bambini14 e, ancora, a prediligere sia come oggetto di studio sia come collaboratori quelli che potremmo definire gli outsider dell’epoca: i profani rispetto ai dotti, i malati rispetto ai sani, gli ebrei rispetto ai cristiani. La predilezione va insomma per tutto quello che ex negativo può aiutare a comprendere la normalità, ovvero il ganzer Mensch, l’uomo perfettamente compiuto in se stesso, e la società nel suo pieno sviluppo. O, meglio, ciò che può aiutare a comprendere le mille sfaccettature del reale e il suo continuo dinamismo.

22Nella Sprachlehre, e in particolare nella settima lettera, che porta il titolo Einige Rückblicke auf das Ganze der Sprache (Alcune considerazioni retrospettive sulla lingua nel suo complesso), si affronta espressamente il nesso percezione-comprensione-linguaggio. Per illustrarlo Moritz si rivolge direttamente alle sue lettrici e fa ricorso a esempi tratti dalla vita comune:

  • 15 Moritz K.P., Deutsche Sprachlehre für die Damen, 1782, pp. 167-168: «Se vi trovate sul belvedere p (...)

Wenn Sie auf Ihrem Altan stehen, so können Sie Wiese, Wald und Fluß, vermöge dieser Benennungen, sehr gut unterscheiden: hätten Sie solche Benennungen nicht, wer wüßte, ob nicht alle Gegenstände vor Ihren Augen gleichsam ineinanderfließen würden; aber das Wort schreibt nun jedem einzelnen Bilde seine Grenzen vor, und giebt ihm seine Gestalt15.

  • 16 Interessante è qui notare che in tedesco la radice -scheid è tanto alla base del verbo scheiden (d (...)

23Da questo passo risulta evidente come al linguaggio spetti secondo Moritz una funzione duplice, ossia quella di nominare e distinguere, a cui corrispondono le due operazioni mentali del conoscere e dell’esperire, o più precisamente, come già si intuisce, di un esperire consapevole. Interessante è notare qui come l’atto del nominare non solo preceda quello del dividere-differenziare16, bensì lo fondi, plasmando in un certo senso la realtà in modo fisico oltre che concettuale. Con questa teoria, del resto, Moritz recupera l’interpretazione originaria che del Genesi viene data nell’ebraismo, secondo cui la parola divina costituisce essa stessa l’atto cosmogonico, ossia il connotare mediante la creazione di nuove parole coincide con il generare. Già nelle Unterhaltungen Moritz si era mostrato molto vicino a questa posizione, postulando una contemporaneità fra creazione e linguaggio, che nella Sprachlehre viene ora precisata ed esplicitata:

  • 17 Moritz K.P., Deutsche Sprachlehre für die Damen, 1782, pp. 178-9: «Finché l’uomo fu privo di lingu (...)

So lange der Mensch noch ohne Sprache war, muß die Welt gleichsam ein Chaos für ihn gewesen seyn, worinn er nichts unterscheiden konnte, wo alles wüste und leer war, und Dunkel und Finsterniß herrschte – Da aber die Sprache mit ihren ersten Tönen die schlummernde Vorstellungskraft erweckte, da fing es an zu tagen, und die Morgendämmerung brach hervor. – Die Schöpfung, welche der Mensch vorher als eine unförmliche und ungebildete Masse betrachtet hatte, bekam nun allmälig in seiner Vorstellung Bildung und Form [...]. So lernte der Mensch allmälig das Einzelne im Ganzen unterscheiden17.

  • 18 Cfr. Müffelmann F., Karl Philipp Moritz und die deutsche Sprache. Ein Beitrag zur Geschichte der (...)
  • 19 Kim S.-J., Vorhersehungsvermögen und Taubstummheit: Zwei Aspekte der Leib/ Seele-Problematik in Ka (...)
  • 20 Cfr. Pustejovsky J., Moritz, deafmutes and the myth of the sign, in «Lessing Yearbook» 21 (1989), (...)

24Il passo è stato oggetto di molteplici interpretazioni, accumunate tutte dall’insistenza sul rapporto fra lingua e pensiero. Si è a lungo sostenuto che Moritz volesse qui affermare il primato del linguaggio rispetto alla facoltà intellettiva, in antitesi a Herder18 che, invertendo i termini, poneva la Besonnenheit (sensatezza) come presupposto per lo sviluppo linguistico. Studi più recenti hanno invece sottolineato il ruolo che Moritz ascriverebbe al linguaggio nel processo di conoscenza19 e nello sviluppo stesso della razionalità20, ma hanno respinto l’idea che si possa parlare di un primato del linguaggio.

  • 21 In realtà il termine Besonnenheit, con la sua radice Sinn, che indica al contempo il “senso” intes (...)

25In realtà, al di là della contrapposizione a Herder, che è frutto di una lettura riduzionistica del concetto di Besonnenheit21, la tesi del primato merita un’attenta considerazione. Non si tratta, ovviamente, di intenderlo in termini cronologici. Il linguaggio, come si evince dal passo, risveglia nell’uomo una facoltà, quella rappresentatrice, che quindi necessariamente gli preesiste, seppure in forma “assopita”. Il linguaggio, però, è la condizione di possibilità per qualsiasi operazione di natura conoscitiva. Prima del suo insorgere la realtà è un mero fluire di dati sensibili che sfociano inarrestabili gli uni negli altri, è un qualcosa di oscuro e indistinto, e così lo sono anche le percezioni e le idee. Il linguaggio è il criterio di ordinamento del reale nella rappresentazione che l’uomo si fa di esso.

26Rispetto alle Unterhaltungen l’argomentazione della Sprachlehre introduce inoltre alcune importanti novità. La prima consiste nel fatto che il rapporto fra cosa e parola non è più così immediato, bensì frutto di un processo, come dimostra l’insistenza sull’avverbio allmälig, che indica una gradualità: le cose prendono “gradualmente” forma e “gradualmente” l’uomo impara a cogliere le singolarità all’interno del tutto.

  • 22 Moritz K.P., MzE, vol. IV, fascicolo 1, p. 3: «Da nun das Wesen der Seele vorzüglich in ihrer vors (...)

27La seconda è la rilevanza data ai termini Vorstellung, rappresentazione, e Vorstellungskraft (in altri testi moritziani chiamata vorstellende Kraft, e con occorrenze anche al plurale), la forza rappresentatrice. Proprio questo elemento, che neppure la critica più recente ha colto pienamente, merita invece particolare attenzione. Vorstellungskraft indica, nella filosofia moritziana, una sovracategoria che raccoglie sotto di sé due facoltà in apparenza molto diverse, la Einbildungskraft (immaginazione) e la Denkraft (pensiero raziocinante). In un articolo contenuto nel Magazin del 1786 Moritz arriva a identificare tale forza con l’essenza stessa dell’anima22.

  • 23 Schmid C.C.E., Empirische Psychologie, Jena, 1791.
  • 24 Reinhold C.L., Versuch einer neuen Theorie des menschlichen Vorstellungsvermögens, Jena, 1789.

28Che immaginazione e ragione vadano intesi come un’unità inscindibile è uno dei tratti dominanti della gnoseologia moritziana: Vorstellung è per lui sia immagine costruita in modo immediato sotto la spinta dalle impressioni sia rappresentazione concettuale, e il processo conoscitivo necessità di entrambe le dimensioni. La prima è legata a una visione olistica, mentre la seconda a un approccio analitico, ma una forma di sapere non esclude l’altra, semmai la completa, e le due agiscono da ultimo senza soluzione di continuità. A distinguerle è semplicemente una gradazione del livello di coscienza. In un articolo contenuto nel nono volume del Magazin, di cui è intanto divenuto co-editore, il filosofo Salomon Maimon, muovendo da una disanima del concetto di Vorstellung a partire dalle teorie di Carl Christian Erhard Schmid23 e Carl Leonhard Reinhold24, spiega che si parla di Vorstellung solo se si può avere coscienza di essa e riferirla a un soggetto rappresentante e a un oggetto rappresentato. È però proprio sul concetto di coscienza che egli invita a riflettere:

  • 25 Maimon S., MzE, vol. IX, fascicolo 3, pp. 8-9: «Il vero riferirsi o venir riferito di una rapprese (...)

Das wirkliche Beziehen oder Bezogenwerden einer Vorstellung auf ihr Objekt und Subjekt, macht nicht ein einziges, sondern fünfterlei Bewußtseyn aus; Bewußtseyn vom Subjekte, Bewußtseyn vom Objekte, Bewußtseyn von der Vorstellung, Bewußtseyn von dem Beziehen dieser dreien auf einander überhaupt, und Bewußtseyn von der besondern Art des Beziehens, oder Bezogenwerdens, einer jeden dieser dreien. Diese sind verschiedene Arten des Bewußtseyns, denen allen das allgemeine Prädikat Bewußtseyn zukömmt. Sie sind zwar unzertrennlich, aber doch verschieden von einander25.

29Esistono dunque cinque forme di coscienza, da quella fondamentale dell’autocoscienza dell’anima, passando per il riconoscimento dell’oggetto, della rappresentazione che il soggetto se ne fa e del rapporto fra soggetto, oggetto e rappresentazione, per giungere alla riflessione sulla natura di tale rapporto. A queste diverse fasi coincide l’esercizio della facoltà immaginativa e di quella raziocinante, ma come viene ribadito alla fine del passo esse sono, pur nella loro differenza, inscindibili.

  • 26 Moritz K.P., Anton Reiser: ein psychologischer Roman, Insel, Frankfurt a. M., 1979, p. 9.

30È in base a questo assunto che, nella prefazione alla prima delle quattro sezioni di cui è composto l’Anton Reiser (1785-1790), Moritz chiama in causa proprio la “vorstellende Kraft”26 del lettore per mostrare il valore epistemico del suo romanzo psicologico e giustificare, implicitamente, il senso dell’intera operazione letteraria: se l’uomo, di cui il lettore è qui simbolo, potesse raggiungere una piena conoscenza della psiche umana ricorrendo unicamente al pensiero razionale, il romanzo non potrebbe fornire alcun contributo a tale studio; poiché esso, invece, è pensato proprio come strumento atto ad accresce la conoscenza, ciò può avvenire soltanto se si ammette che l’uomo per conoscere appieno ha bisogno, anche, di un rivestimento estetico, narrativo e che sia quindi coinvolta la facoltà immaginativa.

  • 27 Moritz K.P., Über die bildende Nachahmung des Schönen, in Id., Schriften zur Ästhetik und Poetik, (...)
  • 28 Moritz K.P., Über die bildende Nachahmung des Schönen, in Id., Schriften zur Ästhetik und Poetik, (...)

31Ed è in base a questo stesso assunto che nel saggio Sull’imitazione formatrice del bello (1788) Moritz cita proprio la forza rappresentatrice affianco alla Tatkraft (forza attiva) per illustrare la genesi dell’opera d’arte27. Di primo acchito l’accento parrebbe essere posto tutto sulla Tatkraft, poiché solo essa, attraverso l’atto creativo, può riconoscere il bello supremo abbracciando la cosa come un intero e cogliendone quindi l’essenza, mentre la forza rappresentatrice ne afferrerebbe invece unicamente l’apparenza. Subito, però, Moritz precisa che la forza attiva «non può acquietarsi prima di aver avvicinato ad almeno una delle forze rappresentatrici quel che riposa al suo interno»28. L’atto creativo, dunque, non è completo senza il coinvolgimento di immaginazione e pensiero, così come quello conoscitivo non si realizza senza la creatività.

  • 29 Moritz K.P., MzE, vol. IV, fascicolo 2, p. 4: «Unsre Sprache ist die Musik unsrer Vorstellungen».
  • 30 Ibid.: «Schatz der jedesmaligen Denkbarkeit».

32Interessante è osservare come sia il linguaggio la forza che conduce alla realizzazione di ciascuna di queste operazioni. Il linguaggio, spiega Moritz nel Magazin, è la «musica delle nostre rappresentazioni»29, che contrappone alla staticità dell’immagine la mobilità della successione, affiancando la dimensione del passato e del futuro a quella del presente e fondando così il concetto stesso di tempo. In questo modo si dischiude per l’uomo il «tesoro di tutto ciò che potrà mai essere pensato»30.

33Attraverso l’introduzione della temporalità il linguaggio presiede pure alla creazione narrativa, come spiegato nella seconda lettera della Sprachlehre, il cui titolo recita Von der Sprache überhaupt: die Kraft der Sprache, aus einzelnen Bildern, die schon in unsrer Seele liegen, neue Bilder zusammenzusetzen und Leben und Bewegung in dieselben hinein zu tragen, aus einer kleinen Erzählung entwickelt, nebst der ersten Darstellung eines Hauptunterschiedes zwischen den Wörtern (Sul linguaggio in generale: la forza del linguaggio di creare nuove immagini partendo da quelle che già abbiamo nella mente e infondere nelle stesse vita e movimento, sviluppato sulla base di un piccolo racconto e affiancato dalla prima rappresentazione della differenza principale fra le parole). Come rivela il titolo, la lettera prende le mosse da un racconto in forma di poesia che descrive l’annegamento di un fanciullo:

  • 31 Moritz K.P., Deutsche Sprachlehre cit., pp. 23-24: «Un fanciullo si arrampicò su un albero/ A cui (...)

Ein Knabe kletterte auf einem Baum
Der nah an einem Fluße stand;
Er wollte eine reiffe Kirsche pflücken,
Und fußte sich an einem Ast,
Allein der Ast zerbrach,
und der bedauernswürdige Knabe
Fiel in den Fluß, sank unten und ertrank.
31

34A partire dall’analisi di questo racconto Moritz sviluppa la sua teoria della forza creatrice del linguaggio. Nell’anima dell’uomo possono senz’altro essere presenti le singole immagini che compongono questi versi: il fanciullo, l’albero, il ramo e così via sono tutte rappresentazioni che l’uomo ritrova in se stesso perché di esse ha fatto esperienza. Moritz propone a questo punto un esperimento mentale: immaginarsi di riproporre questo racconto attraverso la pittura. Ci troveremmo allora dinnanzi a un quadro raffigurante il fanciullo che si arrampica, poi un altro in cui è sull’albero, uno in cui ha la mano protesa, e uno in cui il fanciullo è già in acqua. Non avremmo però la raffigurazione dell’annegamento, ma al massimo quella di un corpo esanime sulla riva. Le singole immagini resterebbero come membra disgiunte fino a quando non intervenisse un elemento unificatore: il linguaggio. È il linguaggio che, per riprendere la citazione dal Magazin, crea il Zusammenhang, il nesso tra le diverse rappresentazioni presenti nell’anima dell’uomo. Ed è sempre esso a conferire alle immagini «Leben und Bewegung», vita e movimento. Anche qui tornano i termini del Magazin, la mobilità delle idee che è necessaria per evitare qualsiasi fossilizzazione.

35Il linguaggio presenta accanto a quelli che Moritz chiama i Nennwörter, ossia i nomi che designano gli oggetti, gli Zeitwörter, utilizzati per indicare le azioni e che introducono la dimensione temporale (Zeit) della narrazione. Il semplice procedere del pensiero è quindi già di per sé un’azione comunicativa, discorsiva, narrativa. La «wunderbare Kraft», la forza meravigliosa di cui il linguaggio dispone, è dunque quella di generare non un’immagine, ma una scena in movimento.

36A questo punto Moritz passa a riflettere sull’effetto che il racconto inevitabilmente esercita sulla sua lettrice e, più in generale, su qualsiasi altro lettore dovesse imbattersi nel testo: il racconto è destinato a restare impresso nell’anima in quanto è in grado di commuovere. Per spiegare come ciò avvenga Moritz ricorre a una metafora musicale:

  • 32 Moritz K.P., Deutsche Sprachlehre cit., pp. 31-32: «Se si suona uno strumento, e si tocca sempre l (...)

Wenn man auf einem Instrument spielt, und eine und eben dieselbe Saite berührt, so entsteht auch immer wieder eben derselbe Ton. Die Gedanken liegen schon in der Seele, wie der Ton in den Saiten [...] Die Bilder vom Baum und Knaben lagen schon einmal in unserer Seele, aber durch die Wörter Baum und Knabe mußten sie erst wieder erweckt werden32.

37Come già si è mostrato, il linguaggio risveglia la Vorstellungskraft, e questo risvegliare avviene andando a stimolare la parte emotiva dell’uomo, secondo quanto Moritz spiega rivolgendosi direttamente alla sua lettrice:

  • 33 Ivi, pp. 33-34: «Quando Lei suona un nuovo pezzo al pianoforte ricorre sempre agli stessi suoni, c (...)

Wenn Sie ein neues Stück auf dem Klaviere spielen, so greifen Sie dazu immer eben dieselben Töne, deren Sie sich schon zu manchen anderen Stücken bedient haben, aber Sie setzen sie nur beständig auf eine andre Weise in Verbindung. So ist es auch mit jeder neuen Erzählung: wir nehmen immer eben dieselben Worte dazu, die wir schon zu tausend andern Erzählungen gebraucht haben, auch bedienen wir uns die Vorstellungen, welche schon seit langer Zeit in unsrer Seele waren, nur setzen wir dieselben ebenfalls immer wieder auf eine andere Art zusammen33.

38Nell’atto del raccontare il linguaggio combina le rappresentazioni in modi sempre nuovi, così come nelle composizioni si combinano i suoni. Per continuare la metafora musicale Moritz parla addirittura di melodia:

  • 34 Ivi, p. 23: «Come attraverso le parole si fanno emergere le singole immagini già presenti nell’ani (...)

Wie durch die Wörter die einzelnen Bilder, welche schon in der Seele liegen, gleichsam wie die Töne aus einem Instrument hervorgelockt werden, so daß durch jede neue Erzählung oder Beschreibung, die wir hören oder lesen, eine neue Melodie in uns erweckt wird34.

  • 35 Moritz K.P., MzE, vol. IV, fascicolo 1, p. 45: «Die Sprache mit ihrem ganzen Bau ist ein getreuer (...)

39Il richiamo alla melodia, così come prima alla commozione, pare spostare completamente il discorso dal piano della razionalità a quello della sfera emotiva. Eppure, a una più attenta analisi del passo, ci si accorge ancora una volta che le due sfere non sono affatto contrapposte, bensì complementari. Accanto alla parola Erzählung, racconto, abbiamo infatti quella di Beschreibung, descrizione, che è parola essenziale nel pensiero moritziano e che si colloca esattamente sul confine tra piano artistico-narrativo e piano scientifico-discorsivo. Beschreibung è prima di tutto Lebensbeschreibung, descrizione di una vita, termine con cui nella prefazione all’Anton Reiser Moritz identifica il compito del genere del romanzo e della psicologia stessa: la vita descritta e narrata è la vita dell’anima, dei suoi meccanismi, delle sue emozioni e perturbazioni. Proprio di questo, precipuamente, rende conto il linguaggio, spiega Moritz nella rubrica dal titolo Sprache in psychologischer Rücksicht (Linguaggio in prospettiva psicologica), affermando che è persino superfluo dimostrare l’importanza dello studio del linguaggio in prospettiva psicologica perché esso «è nella sua struttura complessiva una riproduzione fedele della nostra forza rappresentatrice, così come questa è una copia fedele del mondo che la circonda»35.

40La parola melodia, per tornare alla citazione, viene riferita a entrambe, alla narrazione come alla descrizione. L’emozione si trasforma in questo modo essa stessa in un elemento fondamentale dell’attività conoscitiva nonché nel suo oggetto per eccellenza. Portando alle estreme conseguenze questa tesi, Moritz includerà nel Magazin interi capitoli del suo romanzo, ribadendo con ciò fortemente il valore epistemico della narrativa. E Maimon, anche riflettendo sulla propria autobiografia, inclusa a stralci sulla rivista prima di apparire come pubblicazione autonoma, insisterà sul fatto che ogni soggetto, nel momento in cui narra il proprio passato, lo disassembla e riassembla compiendo con ciò un atto di ricostruzione immaginaria. La stessa esperienza empirica, arriverà a dire Maimon, può essere elaborata soltanto a partire da una teoria di ciò che noi oggi chiameremmo fiction.

  • 36 Moritz K.P., MzE, vol. I, fascicolo 1, p. 93: «und aber liegt wohl in dem ersten Ausdruck der Empf (...)

41Perciò Moritz scrive nel Magazin che «vi è più filosofia nell’espressione degli affetti che nel raffinato e freddo ragionamento dei dotti»36. Quasi a dire che non vi può essere conoscenza senza l’emozione, sia essa oggetto di indagine, in quanto componente imprescindibile della natura umana, o strumento euristico indispensabile all’uomo per poter conoscere.

Notes

1 Cfr. Titzmann M., Anthropologie der Goethezeit: Studien zur Literatur und Wissensgeschichte, de Gruyter, Berlin-Boston, 2011.

2 Con un’interruzione nel 1790 tra il volume settimo e l’ottavo.

3 Moritz K.P., Gnōthi sautón oder Magazin zur Erfahrungsseelenkunde als ein Lesebuch für Gelehrte und Ungelehrte, a cura di P. e U. Nettelbeck, 10 voll., Nördlingen, Greno Verlag, 1986, vol. I, fascicolo 1, p. 27. Da qui in poi abbreviato in MzE.

4 Moritz K.P., MzE, vol. IV, fascicolo 3, p. 195.

5 Moritz K.P., MzE, vol. I, fascicolo 1, p. 30: «La mancanza del nesso appropriato fra le idee appare essere la causa di molte fra le malattie dell’anima. Nello stato di salute devono sempre esserci delle idee per così dire fisse, che possono essere temporaneamente spostate dalla loro posizione quando travolte dal flusso di nuove rappresentazioni, ma che alla fine ritornano al loro posto; e poi ci devono essere idee fisse che non possono essere scosse in alcun modo. Quando manca il nesso appropriato, però, le prime non ritornano dove dovrebbero e le altre non restano ferme. Da ciò scaturiscono sconsideratezza, volubilità e tutti i peccati che ne derivano. Altrettanto dannoso è però anche un nesso troppo rigido e inalterabile fra le idee, che genera cocciutaggine e durezza».

6 Cfr. Košenina A., Ernst Platners Anthropologie und Philosophie. Der philosophische Arzt und seine Wirkung auf Johann Karl Wezel und Jean Paul, Königshausen & Neumann, Würzburg, 1989.

7 Cfr. Willenberg J., Distribution und Übersetzung englischen Schrifttums im Deutschland des 18. Jahrhunderts, de Gruyter, Berlin-New York 2008.

8 Per una panoramica sulle teorie delle emozioni e sul loro sviluppo storico si veda Kappelhoff H., Bakels J.-H., Lehmann H. et. al. (a cura di), Emotionen. Ein interdisziplinäres Handbuch, Metzler, Stuttgart, 2019.

9 Moritz K.P., Unterhaltungen mit meinen Schülern, Berlin, 1780, pp. 215-216: «Dio sapeva bene che l’uomo aveva bisogno del linguaggio e per questo lo ha intessuto nella creazione. Ovvero ha posto nelle cose che si presentavano all’uomo una differenza tale da far sì che esse estorcessero la parola dalla sua anima ed egli potesse quindi dare un nome a questa differenza. Perciò si dice: Dio divise la luce dall’oscurità e chiamò la luce giorno e l’oscurità notte».

10 Moritz ritorna su questa tesi alcuni anni più tardi. Cfr. Moritz K.P., Auch eine Hypothese über die Schöpfungsgeschichte Mosis, in «Berlinische Monatsschrift», 3 (1784), pp. 335-346.

11 Sul tema si veda Aebi Farahmand A., Die Sprache und das Schöne: Karl Philipp Moritz’ Sprachreflexionen in Verbindung mit seiner Ästhetik, de Gruyter, Berlin-Boston, 2012.

12 Kant I., Kritik der reinen Vernunft, Meiner, Hamburg 1993, p. 95: «Gedanken ohne Inhalt sind leer. Anschauungen ohne Begriffe sind blind»; Critica della ragion pura, a cura di Colli. G., Adelphi, Milano, 1995, p. 109.

13 Cfr. Naumann B., Grammatik der deutschen Sprache zwischen 1781 und 1856: die Kategorien der deutschen Grammatik in der Tradition von Johann Werner Meiner und Johann Christoph Adelung, Erich Schmidt Verlag, Berlin, 1986.

14 Non a caso un altro suo celebre testo sul linguaggio del 1783 si intitola Kinderlogik, ovvero la Logica dei/per i bambini.

15 Moritz K.P., Deutsche Sprachlehre für die Damen, 1782, pp. 167-168: «Se vi trovate sul belvedere potete distinguere in modo molto chiaro il prato, il bosco e il fiume grazie alle loro denominazioni; se però voi non foste provviste di tali denominazioni, è probabile che tutti gli oggetti fluirebbero gli uni negli altri davanti ai vostri occhi; la parola, invece, prescrive a ciascuna immagine i suoi confini e le assegna la sua figura propria».

16 Interessante è qui notare che in tedesco la radice -scheid è tanto alla base del verbo scheiden (dividere) quanto del sostantivo Unterschied (differenza) e ciò rende più immediato, rispetto per esempio all’italiano, il nesso tra le due operazioni.

17 Moritz K.P., Deutsche Sprachlehre für die Damen, 1782, pp. 178-9: «Finché l’uomo fu privo di linguaggio, il mondo fu per lui un caos in cui non riusciva a distinguere nulla, in cui tutto era vuoto e desolazione e dove regnavano l’oscurità e le tenebre. – Ma quando il linguaggio con i suoi primi suoni risvegliò la facoltà rappresentatrice fino a quel momento assopita, allora cominciò a fare giorno e ad albeggiare. – La creazione, che fino a quel momento l’uomo aveva osservato come una massa indistinta, iniziò gradatamente a prendere forma e struttura nella rappresentazione [...]. E l’uomo imparò gradatamente a distinguere la cosa singola nella totalità».

18 Cfr. Müffelmann F., Karl Philipp Moritz und die deutsche Sprache. Ein Beitrag zur Geschichte der deutschen Sprachwissenschaft im Zeitalter der Aufklärung, Greifswald, 1930.

19 Kim S.-J., Vorhersehungsvermögen und Taubstummheit: Zwei Aspekte der Leib/ Seele-Problematik in Karl Philipp Moritz’ “Magazin zur Erfahrungsseelenkunde”, Christian-Albrechts-Universität zu Kiel, Kiel, 2001, p. 122.

20 Cfr. Pustejovsky J., Moritz, deafmutes and the myth of the sign, in «Lessing Yearbook» 21 (1989), pp. 141-155, ed Eichinger L.M., Grammatik als Ordnungsprinzip. Sprachwissenschaftliches in Karl Philipp Moritzens Kinderlogik, in K.D. Dutz (a cura di), Sprachwissenschaft im 18. Jahrhundert. Fallstudien und Überblicke, Nodus, Münster, 1993, pp. 47-58.

21 In realtà il termine Besonnenheit, con la sua radice Sinn, che indica al contempo il “senso” inteso come percezione sensoriale e il “senno”, che richiama invece l’attività dell’intelletto, è molto più complesso di come lo intendeva Müffelmann. Si veda Helfer M.B., Herder, Fichte and Humboldt’s “Thinking and Speaking”, in K. Mueller-Vollmer (a cura di), Herder Today, contributions from the International Herder Conference, 5-8 nov.1987, Stanford/ California, de Gruyter, Berlin-New York 1990, pp. 367-381.

22 Moritz K.P., MzE, vol. IV, fascicolo 1, p. 3: «Da nun das Wesen der Seele vorzüglich in ihrer vorstellenden Kraft besteht».

23 Schmid C.C.E., Empirische Psychologie, Jena, 1791.

24 Reinhold C.L., Versuch einer neuen Theorie des menschlichen Vorstellungsvermögens, Jena, 1789.

25 Maimon S., MzE, vol. IX, fascicolo 3, pp. 8-9: «Il vero riferirsi o venir riferito di una rappresentazione al suo oggetto e al suo soggetto genera non uno, ma cinque tipi di coscienza; coscienza del soggetto, coscienza dell’oggetto, coscienza della rappresentazione, coscienza del riferirsi di queste tre coscienze l’una all’altra e coscienza di questo modo particolare del riferirsi ed essere riferito di ciascuna di questi tre. Sono forme diverse di coscienza e a tutte spetta il predicato comune di coscienza. Sono inscindibili, seppure diverse». (corsivo nell’originale)

26 Moritz K.P., Anton Reiser: ein psychologischer Roman, Insel, Frankfurt a. M., 1979, p. 9.

27 Moritz K.P., Über die bildende Nachahmung des Schönen, in Id., Schriften zur Ästhetik und Poetik, Niemeyer, Tübingen, 1962; trad.it Sull’imitazione formatrice del bello in Id., Scritti di estetica, Aesthetica edizione, Palermo, 1990, pp. 65-93.

28 Moritz K.P., Über die bildende Nachahmung des Schönen, in Id., Schriften zur Ästhetik und Poetik, Niemeyer, Tübingen, 1962, p. 267: «bis sie das, was in ihr schlummert, wenigstens irgendeiner der vorstellenden Kräfte genähert hat»; trad.it Sull’imitazione formatrice del bello in Id., Scritti di estetica, Aesthetica edizione, Palermo, 1990, p. 75.

29 Moritz K.P., MzE, vol. IV, fascicolo 2, p. 4: «Unsre Sprache ist die Musik unsrer Vorstellungen».

30 Ibid.: «Schatz der jedesmaligen Denkbarkeit».

31 Moritz K.P., Deutsche Sprachlehre cit., pp. 23-24: «Un fanciullo si arrampicò su un albero/ A cui scorreva accanto un fiume;/ voleva cogliere una ciliegia matura/ e mise il piede sopra un ramo,/ ma il ramo si spezzò/ e il miserevole fanciullo/ cadde nel fiume, affondò e morì».

32 Moritz K.P., Deutsche Sprachlehre cit., pp. 31-32: «Se si suona uno strumento, e si tocca sempre la medesima corda, se ne ricaverà sempre il medesimo suono. I pensieri sono già nella mente, così come il suono nelle corde [...] così le immagini di albero e fanciullo erano già nella nostra anima, ma attraverso le parole albero e fanciullo sono state risvegliate».

33 Ivi, pp. 33-34: «Quando Lei suona un nuovo pezzo al pianoforte ricorre sempre agli stessi suoni, che ha già usato per molti altri pezzi, ma li mette in relazione in un modo completamente nuovo. Lo stesso accade per ogni nuovo racconto: utilizziamo sempre le medesime parole, che già abbiamo adoperato in mille altri racconti, e le medesime rappresentazioni che erano già da tempo nella nostra anima, ma le ricombiniamo ogni volta in un modo diverso».

34 Ivi, p. 23: «Come attraverso le parole si fanno emergere le singole immagini già presenti nell’anima al pari dei suoni da uno strumento, così attraverso ogni nuovo racconto o descrizione, che ascoltiamo o leggiamo, viene risvegliata in noi una nuova melodia».

35 Moritz K.P., MzE, vol. IV, fascicolo 1, p. 45: «Die Sprache mit ihrem ganzen Bau ist ein getreuer Abdruck unsrer vorstellenden Kraft, so wie diese wieder ein Abdruck der sie umgebenden Welt ist».

36 Moritz K.P., MzE, vol. I, fascicolo 1, p. 93: «und aber liegt wohl in dem ersten Ausdruck der Empfindung zuweilen mehr Philosophie als in dem feinsten und kältesten Räsonnement des gebildeten Philosophen».

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Lire

Open access

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search