Version classiqueVersion mobile

Il 1956

 | 
Francesca Chiarotto
, 
Alexander Höbel

Le reazioni in Italia

Da Mosca a Venezia, passando per Pralognan e Budapest. Cartografia politica del “lungo 1956” del socialismo italiano

Tommaso Nencioni

Texte intégral

L’ora dei socialisti. Nenni, Lombardi e la nascita dell’autonomia

  • 1 Lettera di Widmar a Basso, Roma, 31. 3. 1956, in Fondazione Lelio e Lisli Basso-Issoco, Fondo Leli (...)

In direzione del Partito: disorientamento generale – scriveva a Basso un allarmato Bruno Widmar all’indomani del XX Congresso del Pcus – […]. Vi è un generale bisogno di discutere, di chiarire, ma è molto diffusa la paura quando non vi sia la persuasione di continuare a far gli stalinisti. […] Il vecchio centro resuscita. Lombardi Foa Santi Pieraccini avvicinano i loro vecchi seguaci […]. Programma: […] mostrare al Partito come la linea politica da loro sostenuta nel 1948 era ed è la sola linea1.

  • 2 Cfr. P. Nenni, Luci e ombre del Congresso di Mosca, in «Mondo Operaio», n. 3/1956.

Queste riflessioni valgono a comprendere il carattere di svolta, dai toni traumatici, che il 1956 comportò per il socialismo italiano. Tuttavia, in quel generale quadro di sbandamento, come del resto sottolineava, ancorché con preoccupazione, Widmar, una parte almeno del gruppo dirigente iniziava a tracciare le linee maestre per l’azione nel nuovo contesto. Se fu Pietro Nenni in prima persona a imprimere movimento al nuovo corso del partito con le sue considerazioni sul XX Congresso del Pcus2, Riccardo Lombardi cercò subito di condizionare la direzione di quel moto che Nenni aveva innescato, anche se si trattò di una direzione che non sempre assecondò le intuizioni del segretario del partito.

  • 3 Cfr. R. Lombardi, Rivalutazione della politica, in «Il Mondo», 7 agosto 1956.

1Al fondo del pensiero di Lombardi era la convinzione che la fine del mito della «rivoluzione importata dall’esterno» rendesse attuale il rilancio di una strategia egemonica del Psi sul movimento operaio italiano. La parola d’ordine delle “riforme di struttura” poteva finalmente essere riproposta scevra dalla carica strumentale che l’aveva contraddistinta negli anni del frontismo, per essere riposta a fonte dell’autonomismo del Psi3.

2Quel clima e le ragioni di tanta fiducia sono state efficacemente riassunte in seguito da uno dei protagonisti di quella stagione del movimento operaio italiano, Antonio Giolitti:

  • 4 Giolitti (1992), p. 114.

La sopraggiunta impossibilità del riferimento a quel modello [sovietico] toglieva sotto i piedi al Pci un terreno sul quale esso si era a lungo, troppo a lungo fiduciosamente e anche fideisticamente appoggiato. Si apriva così uno spazio per l’iniziativa e anche per una possibile leadership del partito socialista, dove già da tempo peraltro la teoria delle riforme di struttura – in versione alquanto diversa da quella del Pci – veniva coltivata, specialmente grazie all’autorità intellettuale, culturale e politica di un leader come Riccardo Lombardi4.

Uno dei limiti dell’autonomia consistette proprio nella sottovalutazione da parte socialista della capacità del Pci di ricollocarsi nel nuovo scenario nazionale e internazionale apertosi con la destalinizzazione, la distensione e il “miracolo economico”, una capacità che solo pochi contemporanei seppero profetizzare, mentre un’imminente crisi comunista era vaticinata da una vasta platea di osservatori politici.

  • 5 R. Lombardi, Rivalutazione della politica cit.
  • 6 Cfr. la rubrica Lettere scarlatte, ivi, 18 settembre 1956.
  • 7 F. De Felice, Nazione e sviluppo. Un nodo non sciolto, in Barbagallo (1995), pp. 781-882, specialm (...)

3Due linee conflittuali continuavano però ad essere ravvisate da Lombardi nella strategia del movimento operaio: «l’una indirizzata alle riforme rispettose dell’ordine giuridico proprietario dello Stato borghese e tendenti essenzialmente all’equità nella ripartizione del reddito, cioè la tendenza a creare e consolidare lo stato di benessere, il welfare state. […] L’altro filone è quello che, sempre all’interno dello Stato e utilizzando gli strumenti della democrazia politica, punta sulle riforme rivoluzionarie, cioè sulle riforme dirette a infrangere il quadro dell’ordine proprietario esistente, per creare non già lo stato di benessere, ma la società senza classi»5. Quale ipotesi prediligesse Lombardi lo chiarì successivamente, ancora una volta ospite delle colonne de «Il Mondo»: senza una continua tensione rivoluzionaria e aspirazione alla costruzione di una società senza classi, le stesse conquiste del welfare state si sarebbero rivelate effimere; in questo senso, le riflessioni di esponenti della sinistra laburista come Aneurin Bevan confermavano il dato esperienziale della Resistenza italiana: «Democrazia e capitalismo sono incompatibili […] la loro coesistenza può essere solo dinamica, in un equilibrio ove se la democrazia non aggredisce ed erode giorno per giorno il potere dei monopoli fino alla loro eliminazione, sarà a sua volta distrutta»6. Da questa presa di posizione – è stato osservato – emergeva una concezione dell’autonomia socialista a tutto campo, sostanziata lungo tre direttrici: «autonomia dal Pci, dalle forze che dirigevano il Paese, ma anche dalle linee lungo le quali si erano orientati i più significativi partiti socialisti europei»7. Caratteristica dell’azione di Lombardi sarà l’inderogabile interconnessione delle tre direttrici dell’autonomismo, in un disegno per cui venendone a cadere una cadeva l’intero progetto politico; Nenni invece, avendo privilegiato fin dal 1953 l’esigenza di rimettere in movimento gli schieramenti politici, piegherà a quella sola esigenza la sua concezione dell’autonomia.

  • 8 Cfr. Direzione (22 marzo) [1956], in Archivio centrale dello Stato (d’ora in avanti Acs), Nenni, s (...)

4All’intero del gruppo dirigente socialista il dibattito si era già aperto da qualche mese, quando, alla luce delle novità emerse col XX Congresso del pcus, si era posto il problema di attualizzare la strategia di dialogo con i cattolici e di apertura a sinistra sancita dal Congresso di Torino (autunno 1955). In una riunione della Direzione Sandro Pertini aveva ricordato che il punto di forza del Psi era quello di potersi presentare come garante di un’eventuale apertura del governo del Paese al movimento operaio, preservandone però allo stesso tempo l’unità. Lombardi fu più preciso su questo punto: desiderava anch’egli chiarire che «l’apertura è per tutti noi una apertura verso la classe operaia», e non verso l’uno o l’altro dei partiti che la rappresentavano. Ma di questa apertura il Psi doveva porsi alla testa, autonomamente, senza i condizionamenti degli anni del frontismo: «La situazione consente al Psi atteggiamenti che per il Pc saranno possibili soltanto domani. […] L’apertura non può essere che comune a tutta la classe operaia, strumentalmente non può essere fatta che dal Psi»8: era insomma l’ora dai socialisti.

Da Mosca a Pralognan

  • 9 S. Colarizi, Pietro Nenni e il Partito Socialista Italiano nel 1956, in Socialismo storia. Annali (...)
  • 10 L’intervento di Lussu nel corso della riunione della Direzione del 19-22 marzo 1956 è citato in Sc (...)

Se le discussioni interne al gruppo dirigente socialista seguite al XX Congresso del Pcus lasciavano presagire che si entrasse in un periodo di forte incertezza ideologica, le prese di posizione ufficiali fino al mese di giugno e alla diffusione del rapporto segreto di Chruščëv furono contrassegnate da toni ottimisti, se non trionfalistici: le nuove teorizzazioni partorite a Mosca a proposito della coesistenza pacifica, del policentrismo, dei rapporti con la socialdemocrazia occidentale e del sorpasso sugli Stati Uniti in una competizione spostatasi dal terreno militare a quello del benessere, permettevano ad un partito operaio occidentale come il Psi di aprirsi nuovi margini di manovra, senza perdere la fiducia nella capacità di riforma del sistema sovietico9. Furono Lombardi da una parte ed Emilio Lussu dall’altra ad introdurre elementi di criticità in questa lettura irenica. Dallo storico dirigente sardo venne durante il mese di marzo un realistico quanto profetico invito alla prudenza: «Il problema è conservare unito il Partito. Se facessimo quello che s’è fatto a Mosca […] il partito si sfascerebbe»; da Lombardi venne invece un invito a considerare i tratti di rottura più che quelli di continuità emersi dall’assise moscovita: «Le conclusioni del Congresso del Pcus troppo superficialmente vengono rappresentate come un “passo in avanti”; ciò presupporrebbe lo sviluppo lungo la stessa direzione seguita fino ad oggi, ciò che non è»10.

  • 11 T. Nencioni, La sinistra del Psi (1956-1963), in Bartocci (2019), pp. 259-312.

5La diffusione dei contenuti del rapporto segreto sui crimini dello stalinismo giunse a confermare il carattere di rottura traumatica del XX Congresso. Chi si spinse più avanti nella presa d’atto del nuovo contesto, senza per altro rinunciare ad un richiamo al patrimonio di lotte che il Psi aveva accumulato negli anni precedenti, fu Tullio Vecchietti, più tardi leader degli impropriamente chiamati “carristi”11: «Immense possibilità che il Partito ha nella situazione internazionale e interna. […]. Siamo stati ostacolati dalla ipoteca rappresentata dall’accusa che facevamo la politica dell’Urss. Togliamoci coraggiosamente di dosso codesta ipoteca. […] Questo non lo può fare il Pc. Lo dobbiamo fare noi».

  • 12 Cit. in V. Evangelisti-S. Sechi, L’autonomia socialista e il centro-sinistra, in Sabbatucci (198 (...)

6Durante l’estate cominciò a farsi largo il tema dei rapporti con la socialdemocrazia europea ed italiana in particolare. Al Comitato centrale di aprile, nella sua relazione introduttiva, Nenni aveva infatti riconosciuto che «le lotte dei laburisti e dei lavoratori socialdemocratici sono le lotte dei lavoratori di tutto il mondo»12, aprendo così la via alla rivalutazione dell’esperienza del socialismo europeo, mentre sul versante opposto Lelio Basso si dedicava alla riscoperta di filoni del marxismo pre-leninista.

  • 13 Per una copia dell’originale rapporto di Saragat all’Internazionale si veda Parti socialiste Sfio. (...)

7Il terreno per l’incontro di Pralognan di agosto tra Nenni e Giuseppe Saragat era seminato. Se in mancanza di studi più approfonditi è difficile stabilire quanto, nella mossa di Saragat di incontrare Nenni, vi fosse di effettivamente aderente alla strategia dell’unificazione, e quanto invece di tendenzioso, meno difficile è comprendere come, in un Psi abituato da anni a vedere nell’ex-ambasciatore poco più di uno squallido traditore, l’atteggiamento di Saragat fosse interpretato come strumentale. Anche perché dei contenuti dell’incontro e dell’eventuale avvio del processo di unificazione cominciarono ben presto a circolare versioni contrastanti: quella di Nenni, riportata nei suoi diari e riproposta al partito, assicurava che in politica estera la sua controparte aveva accettato un’ipotesi neutralista sul modello scandinavo, e in politica interna la fine delle pregiudiziali anticomuniste nel sindacato e nelle amministrazioni locali; quella di Saragat, esposta in una lettera a Morgan Phillips, segretario dell’Internazionale, e fatta filtrare sulla stampa, parlava di una pronta conversione del leader del Psi all’atlantismo e di una sua disposizione a non accettare mai in futuro l’ipotesi di un governo assieme ai comunisti13.

  • 14 Traggo le citazioni che seguono dalla versione del memorandum conservata presso l’archivio della F (...)

8Il memorandum che Nenni preparò per Pierre Commin, inviato in Italia dall’Internazionale a seguire il processo di riunificazione14 offriva alcune garanzie di continuità anche a coloro che, nel Psi, meno erano disposti a sacrificare le specificità del socialismo italiano in favore di una accettazione dei postulati della socialdemocrazia. Secondo Nenni il problema dell’unificazione si era posto non tanto come conseguenza del rapporto Chruščëv, ma «depuis la faillite de la politique d’alliance de la socialdemocratie avec les démocrates-chrétiens et les libéraux» e in seguito all’avvio della politica di distensione internazionale. Precedentemente infatti, mentre Saragat era stato partecipe dello schema centrista, soltanto la politica di unità di classe perseguita da socialisti e comunisti avrebbe evitato che l’Italia scivolasse ancora verso il fascismo. La nuova unità socialista non andava quindi ricostruita al prezzo di sacrificare le acquisizioni dottrinali del Psi: la neutralità dell’Italia doveva rimanere il fine da perseguire, pur nella temporanea accettazione della Nato sancita al Congresso di Torino; il rifiuto di ogni ipotesi di Fronte popolare era un dato di fatto, non necessariamente collegato alla costruzione di barriere ideologiche tra socialisti e comunisti («Le Psi n’acceptera jamais le principe d’après lequel les socialistes n’ont rien en commun avec les communistes»); ma soprattutto, «un rapprochement des socialistes et des socialdémocrates sur le plan politique et à plus fort raison l’unification ne sont pas concevables dehors du renforcement de l’unité syndicale des travailleurs dans la Cgil»: ovvero la riunificazione tra Psi e Psdi non avrebbe comportato l’abbandono della Cgil da parte dei socialisti, come da più parti, in Italia e all’estero, ci si attendeva quale esito del processo messo in moto a Pralognan.

9Il 31 agosto Lombardi incontrò Commin a Roma. Un nodo fondamentale era stato toccato nel colloquio tra Lombardi e l’inviato dell’Internazionale, quello dei possibili risvolti dell’unificazione in campo sindacale. Antonio Gambino, “imbeccato” dallo stesso Lombardi sui retroscena dell’incontro, ne pubblicò un accurato sunto, dal quale si può facilmente comprendere l’impostazione che il dirigente socialista intendeva seguire per condizionare il processo di unificazione:

  • 15 A. Gambino, Prima di litigare con Togliatti vogliono accordarsi con Di Vittorio, in «L’Espresso», (...)

[…] il 31 agosto Riccardo Lombardi andò a parlare col mediatore francese. Gli fece un lungo discorso. Gli disse che la struttura del Psi era molto differente da quella che in Francia si poteva immaginare. Il partito socialista italiano è davvero, per le sue tradizioni, per l’ambiente storico nel quale si è formato, qualcosa di speciale, che solo arbitrariamente potrebbe essere giudicato con una etichetta prefabbricata: nonostante il suo patto d’unità d’azione e i suoi intimi legami con i comunisti non è, e non è mai stato, un partito comunista mascherato; ma questo non vuol dire che sia semplicemente un partito socialdemocratico, che, dopo un periodo di traviamento, ha ritrovato la sua vera natura. Gli operai e i contadini che formano i tre quarti della sua base, disse in sostanza Lombardi, sentono una fortissima spinta unitaria con gli operai e i contadini comunisti. È una cosa della quale bisogna tenere conto. Possono essere staccati dai comunisti, possono essere condotti ad assumere posizioni indipendenti e polemiche verso di loro; ma non possono mai diventare degli anticomunisti come i piccoli impiegati e gli artigiani che formano la base del partito socialista francese. La conclusione di Lombardi fu una sola: l’unificazione socialista si poteva fare, ma alla condizione che il problema sindacale venisse posto su basi precise. Non solo non si poteva chiedere ai militanti del Psi di abbandonare la Cgil, ma si doveva porre chiaramente il problema dell’unificazione sindacale. «Il mantenimento anzi lo sviluppo dell’unità sindacale», disse a conclusione del colloquio, «è il pegno per l’autonomia politica del nuovo partito socialista unificato. Soltanto se avremo aumentato l’unità dei lavoratori nelle fabbriche potremmo differenziarci veramente e perfino entrare in polemica con il Pci in Parlamento»15.

  • 16 Per il testo della relazione di Nenni, tutt’oggi inedito, si veda Relazione presentata alla Direzi (...)

Tutti i temi che avevano reso incandescente il mese di agosto furono riproposti da Nenni nella dettagliata relazione dei primi di settembre di fronte alla Direzione del partito. Con l’incontro di Pralognan – ammetteva il segretario socialista – «la Direzione e il Partito si trovano all’improvviso davanti al problema della unificazione socialista in una forma alla quale non eravamo preparati. […] I compagni e l’opinione popolare erano ormai avviati a credere che il processo unitario avesse in Saragat il suo principale avversario»16. Seguiva poi una ricostruzione del colloquio avuto con Saragat a Pralognan, nel corso del quale il leader socialdemocratico avrebbe riconosciuto che le prese di posizione di Nenni a commento del XX Congresso, con le sue risolute asserzioni sul valore permanente della democrazia, avevano fatto venir meno le radici ideologiche della scissione di dieci anni prima, e che ogni altro problema si sarebbe risolto di conseguenza, da quello dei rapporti tra Psdi e Dc e tra Psi e Pci a quello dell’unità sindacale nella Cgil, a quello della politica internazionale del nuovo partito unificato. A quel punto la relazione di Nenni insisteva sulla cautela con la quale egli a Pralognan aveva voluto affrontare questi nodi tanto delicati, per registrare in chiusura una decisa accelerazione in favore dell’unificazione. Una mossa giustificata soprattutto alla luce della lezione della storia passata del movimento operaio italiano, che non doveva ripetere l’errore di rifiutare una politica di movimento come aveva fatto nel primo dopoguerra, quando il Paese era stato consegnato al fascismo (un vero fantasma per Nenni, una riflessione di lungo periodo che vale a spiegare tutte o quasi le sue mosse da allora fino alla nascita del centro-sinistra).

  • 17 Per la discussione sulla relazione di Nenni cfr. Direzione 2 settembre [1956], ivi.
  • 18 Ibid.
  • 19 Ibid.
  • 20 Ibid.

10La gestione della riunificazione fu pesantemente stigmatizzata in vari modi dai componenti del gruppo dirigente socialista. Il fuoco di fila contro la relazione di Nenni fu aperto in direzione da Raniero Panzieri, che evocò «il dissenso e l’insofferenza della base» per l’incontro di Pralognan e lo smarrimento prodotto dal dibattito sul sindacato17. Anche per Pertini in primo luogo, e come dirimente, si poneva la questione dell’unità sindacale nella Cgil, non sacrificabile al progetto di incontro con la socialdemocrazia18. Proseguiva Lussu la serrata requisitoria, accusando Nenni di essersi fatto guidare dai sentimenti più che dal calcolo politico: «Tu – disse rivolto al segretario, con riferimento a Saragat – hai valorizzato questo illustre cialtrone»19. Gli interventi di Vincenzo Gatto e Vecchietti sollevarono il problema più generale dei rapporti con la socialdemocrazia europea, e se il primo lo fece in termini negativi, più articolato fu il contributo del secondo20.

  • 21 Ibid.

11Tra ripetute critiche e qualche assenso, qua e là espresso a mezza voce, fu Lombardi che fece pervenire a Nenni l’appoggio più organico. Esisteva un problema nel partito, ma ne esisteva anche uno nell’opinione pubblica e nella società civile, specialmente internazionale, che spingeva a cercare soluzioni nuove in risposta ad una crisi del modello comunista che non poteva essere negata21. L’unificazione socialista era pertanto da accettare non tanto per un fattore sentimentale o di riconoscimento postumo della validità della scelta operata da Saragat nel ’47, ma perché (e solo se) assecondava la spinta a rendere egemoniche le ricette socialiste per la crisi italiana e del movimento operaio internazionale.

  • 22 Cfr. Direzione del Partito (26 settembre) [1956], ivi.
  • 23 Ibid.
  • 24 Ibid.

12La questione dello sbocco governativo in relazione alla nuova situazione creatasi nel corso dell’anno – la questione, cioè, di un ancora ipotetico sbocco di centro-sinistra – andò inoltre a complicare ulteriormente il già teso dibattito nel Psi. La Direzione socialista, riunita il 26 settembre, bocciò senza mezzi termini il progetto di relazione presentato da Nenni per il successivo Comitato Centrale. Francesco De Martino – uno dei più vicini a Nenni – trovava «troppo ottimistico» affermare, come recitava lo schema del segretario del Partito, che la socialdemocrazia avesse accettato il terreno del Psi. Sbagliato era anche, per il dirigente napoletano, concepire l’unificazione in chiave di alternativa alla Dc: bisognava «insistere di più sull’apertura a sinistra», secondo i dettami del Congresso di Torino22. Toccò a quel punto a Lombardi intervenire, ed ancora una volta egli più di ogni altro si spinse in avanti nell’accettazione della politica nenniana: «il documento è buono. Non dà certo l’impressione che si vuole fare l’unità sul terreno altrui». C’era certo il tema spinoso del rapporto con i comunisti e del patto di unità d’azione: meglio accantonare la discussione, «ma se se ne parla bisogna dire che non corrisponde più alla situazione». Sulla prospettiva dell’incontro con i cattolici, Lombardi intervenne decisamente a sostegno delle tesi di De Martino: «Con o senza unificazione: l’incontro coi cattolici è una garanzia di vita democratica»23. Se la presa di posizione di Lombardi ridette temporaneamente fiato all’impostazione nenniana, immediatamente si riaprì il fuoco di sbarramento di Foa, Luzzatto, Panzieri e Dario Valori, che accusarono il segretario di non comprendere la sostanza della politica unitaria con i comunisti e di rinunciare alla difesa dello storico patrimonio ideologico e di lotte del Partito24.

  • 25 «Avanti!», 28 settembre 1956.

13Di fronte al Comitato centrale Nenni si dovette pertanto presentare sulla difensiva, con una relazione incentrata sulla valorizzazione delle esperienze passate e sulla collocazione del progetto di riunificazione lungo una linea di continuità, pur non rinunciando a rivendicarne la portata strategica25.

14La base di partenza per le discussioni con il Psdi era la stessa – prudente e attenta soprattutto sulla questione sindacale – fissata da Lombardi nel suo colloquio con Commin del mese precedente: un programma comune di lotte antigovernative e di proposte elettorali da sostituire all’astratta discussione sui principi, sulla quale insisteva invece il gruppo dirigente socialdemocratico. Come gli capitava ormai da tempo, Lombardi intervenne nella discussione a sostegno delle tesi di Nenni: il tema dell’unificazione non era stato posto nell’interesse di questo o quel partito, ma come via al superamento di una posizione politica di stallo. Lombardi riproponeva poi l’analisi teorica esposta nel suo articolo su «Il Mondo», e vi aggiungeva aperture all’esperienza della socialdemocrazia europea quali probabilmente mai erano state praticate nel corso di una riunione del massimo organismo decisionale del socialismo italiano, pur corredate da un attacco a fondo alla deviazione che – a suo giudizio – da quel corso fecondo rappresentava il partito di Saragat:

  • 26 Ibid.

Gli avvenimenti nuovi hanno rivalutato la socialdemocrazia internazionale nel senso che le speranze di un rovesciamento di una situazione nel mondo occidentale sono legate ai partiti ed ai sindacati di tipo socialdemocratico che hanno molto camminato rispetto alle posizioni tenute negli anni trascorsi26.

  • 27 Per l’intervento di Basso cfr. «Avanti!», 30 settembre 1956. Più in generale, sulle posizioni assu (...)

Gli interventi scettici nei confronti della politica impostata da Nenni si moltiplicarono in quel Comitato centrale così come era avvenuto in Direzione, ed una mediazione fu raggiunta grazie ai punti fermi tenuti da Lombardi nel corso del suo intervento, soprattutto in materia di unità sindacale. Un ulteriore tema fu poi sollevato da Basso, il quale non si opponeva tanto al progetto di riunificazione, quanto alle posizioni di quegli autonomisti che insistevano nelle aperture alla Dc 27.

  • 28 Per una ricostruzione delle tappe che portarono alla crisi formale del processo di unificazione cf (...)

15Il Comitato centrale socialista di ottobre decise comunque, favorevoli tutte le componenti, la denuncia del patto di unità d’azione col Pci. A questo fu sostituito un più generico patto di consultazione. La firma del patto di consultazione suscitò aspre critiche da parte del Psdi e dell’Internazionale socialista. Il segretario socialista, contrariato dalle polemiche che si accavallavano e dall’atteggiamento di gran parte del gruppo dirigente del suo partito, si ritirò a Formia e per alcuni giorni sembrò abbandonare la vita politica. Per ovviare alla crisi, l’11 ottobre Psi e Psdi formarono una «Commissione parlamentare per l’unificazione», che ebbe però vita breve: a metà dicembre Saragat colse l’occasione di un articolo critico nei suoi confronti pubblicato dall’«Avanti!» per uscirne28.

Budapest

  • 29 Cfr. Mattera (2004); Tamburrano (2006).
  • 30 Scirocco (2010), p. 173.

16Se si tengono presenti le forti scosse prodotte nel tessuto del Psi dagli strascichi del dopo-Pralognan, si possono anche meglio contestualizzare i veri e propri strappi che, in quel tessuto già logoro, si produssero in conseguenza dell’invasione sovietica dell’Ungheria. Tenuto fermo il trauma rappresentato, per un gruppo dirigente formato nella stagione frontista, dal sangue operaio versato ad opera dell’esercito della «patria del socialismo», il dibattito in casa socialista si svolse in parziale continuità col filo rosso già dipanato nella discussione sull’unificazione: come declinare la storica peculiarità del socialismo italiano – fondata sul mantenimento dell’unità di classe con i comunisti, a differenza degli altri partiti socialisti dell’Europa occidentale del secondo dopoguerra – in un contesto fortemente modificato, e riconosciuto come tale da pressoché tutte le componenti del gruppo dirigente? Non vi furono insomma dubbi, nel Psi, sulla necessità o meno di condannare l’ingresso dei carri armati sovietici a Budapest – almeno nel gruppo dirigente, ché altra cosa, e ben più complicata per lo storico, sarebbe sondare gli umori della militanza socialista29. Lo ha ricordato in seguito anche lo stesso Nenni, che a proposito della rottura che si produsse col ’56 all’interno del partito ha testimoniato: «Il dissidio si creò quando si trattò di trasferire un certo giudizio politico su quello che era avvenuto al campo più delimitato, ma anche più vicino, dei rapporti con i comunisti e con le altre forze democratiche, in particolare la socialdemocrazia»30.

17Fu infatti Vecchietti, futuro capofila della sinistra interna, ad avviare in Direzione la riflessione critica sulla situazione interna al blocco sovietico, prendendo spunto dagli avvenimenti di Polonia, dove, in seguito ai moti operai occorsi a Poznań durante l’estate, Władisław Gomułka era stato riabilitato alla guida del partito comunista. Per Vecchietti era sul tappeto un duplice problema, che il Psi doveva risolvere a vantaggio dell’intero movimento operaio: quello dell’autonomia del Pci dall’Urss e della socialdemocrazia dalle borghesie nazionali:

  • 31 Direzione del Partito, 19. 10. 1956, in Acs, Nenni, serie “partito”, b. 90, f. 2215/II.

Evidente che né in Italia né in Francia i comunisti hanno possibilità di avvento al governo sotto la forma di F[ronte] P[opolare]. Mancano le condizioni obiettive di un’alleanza dei comunisti con una parte della borghesia. Denunciare lo sfruttamento di tipo coloniale dell’Unione Sovietica nei confronti dei paesi di democrazia popolare. […] Crede che Mosca non abbia altra via che cercare un accordo con i partiti operai dell’Europa occidentale, cioè con i partiti s[ocial]d[emocratici]. Questo è anche l’interesse dei s[ocial]d[emocratici] Europei. […] La distensione serve alla s[ocial]d[emocrazia] ma pone ad essa problemi che implicano una accettazione della politica e dell’azione sovietica. In questo momento è fuori il Psdi. […] Il problema dei partiti socialisti (e dell’unificazione in Italia) è rompere con la borghesia e porsi come alternativa. Distacco dall’America. Autonomia verso l’Urss. Non è come dice Nenni che non possiamo opporci alla unificazione. Non possiamo opporci a un adeguamento della nostra politica di cui l’unificazione è il corollario. È d’accordo che i rapporti col Pc non possono essere codificati. Ma ciò non comporta la rottura che c’è quando il Ps si allea con la borghesia contro il comunismo. […]. Il Pc fatica ad adeguarsi ai problemi che esso stesso ha posto (con l’intervista a Togliatti e accettando il XX Congresso). Ma bisogna essere ottimisti: i partiti comunisti devono subire e subiranno una profonda trasformazione. Il fatto polacco cosa significa? Rifiuto di accettare la direzione sovietica. Il problema esiste anche per il partito comunista italiano. Non lo affronterà e non lo risolverà il prossimo congresso. Ma non lo può eludere. Per parte nostra dobbiamo favorire l’evoluzione democratica dei comunisti. […] L’unificazione si fa sul terreno di classe. L’autonomia effettiva dell’ala soc[ial]dem[ocratica] dalla borghesia è la contropartita della nostra autonomia dai comunisti31.

Era teorizzata una sorta di “funzione cosmopolita” dei socialisti italiani, consistente nel tentativo di emendare i vizi dell’una e dell’altra ala in cui dopo l’Ottobre, e più ancora con la guerra fredda, si era diviso il movimento operaio europeo. Il progetto, pur tra innegabili difficoltà e qualche velleitarismo, sarà il tratto distintivo di quella stagione di ricerca della propria identità ideologica da parte del Psi. E infatti anche Lombardi dava del nuovo corso socialista una interpretazione non statica, poggiante sull’avvertita necessità di rimettere in discussione gli schemi consolidati della lotta politica italiana ed europea in generale; semmai, questo sì, rimarcando maggiormente gli aspetti di crisi ineluttabile dei paradigmi comunisti:

  • 32 Ibid.

La caduta delle prospettive rivoluzionarie ha creato una profonda sfiducia. […] In occidente i comunisti non hanno uno spazio proprio. […] La politica di unificazione socialista si è imposta con la fine della guerra fredda. Che carattere deve avere l’unificazione socialista? Alla base della politica di unificazione c’è il crollo della politica di centro. Affrontare i problemi con spirito e metodo socialista. Non accontentarsi delle quotidiane riforme. Investire i problemi di struttura. Uscire dai limiti del riformismo. Problema dei rapporti coi comunisti. […] La politica unitaria ha il suo strumento nelle organizzazioni di massa e si dilata sul campo politico quando c’è intera coincidenza negli obiettivi dei partiti. Ci sono oggi posizioni diverse dei socialisti e dei comunisti. Dobbiamo necessariamente sostituirci a quello che i comunisti non possono fare. L’unificazione non si fa col processo al passato ma con una prospettiva reale nell’ambito della situazione nuova32.

  • 33 Cfr. Sugli avvenimenti di Polonia e Ungheria, in Lombardi (2001), pp. 706-707.
  • 34 Cit. in Sabbatucci (1991), p. 105.
  • 35 Scirocco (2010), p. 240.

I comunisti non tardarono a comprendere la portata strategica della sfida posta loro del nuovo corso socialista in chiave al contempo classista e concorrenziale rispetto al Pci. I rapporti tra Lombardi ed il Pci subirono un’impennata polemica quando toccò all’ormai riconosciuta guida ideologica dell’autonomismo il compito di condannare alla Camera la repressione del nuovo corso ungherese operata dall’Urss, e lo fece insistendo sul valore non negoziabile né “storicizzabile” della libertà, sul riconoscimento della valenza universale della «lotta eroica» dei lavoratori ungheresi e sul suo carattere «socialista»33. Un solco così profondo tra socialisti e comunisti non si era mai aperto nel parlamento repubblicano, e gli strascichi non tardarono a farsi avvertire: Pertini accusò Lombardi di voler lucrare sulle difficoltà dei comunisti anziché aiutare il loro travagliato percorso di ridefinizione ideologica («questa è la politica dei corvi»)34; di lì a qualche mese, Togliatti proprio a Pertini si rivolse raccomandandogli di tenere sotto controllo l’attività di Lombardi35.

18Ma il progetto autonomista non sembrava subire rallentamenti, nonostante le polemiche col Pci. Anzi, tale progetto fu rilanciato con ancor maggiore incisività al Comitato centrale socialista di novembre. Si trattava di scomporre e ricomporre il panorama della sinistra italiana, mirando a raggiungere una superiore unità del movimento operaio che coinvolgesse anche il Partito comunista, una volta che questo avesse preso atto della necessità di incamminarsi sulla via imposta dal Psi. Per il momento, tuttavia, Lombardi non intravedeva spazi per la mediazione, ma solo per un’azione socialista autonoma e semmai anticipatrice di ulteriori sviluppi:

  • 36 R. Lombardi, in «Avanti!», 15 novembre 1956.

È necessario sottrarsi alla tentazione di considerare lo schieramento operaio in Italia come cristallizzato in differenziazioni definitive e immodificabili. Quando la situazione nazionale e internazionale pone al movimento operaio problemi di fondamentale importanza, se esistono due diverse interpretazioni e posizioni politiche allora non bisogna trovare il compromesso, ma combattere duramente per affermare e far prevalere quella delle due posizioni che è giusta, e su di essa chiamare a raccolta l’intero movimento operaio a realizzare l’unità36.

Questo da una parte, perché dall’altra il rapporto col Pci, e con i vasti strati popolari da esso organizzati, andava mantenuto, sia pur in un quadro di tensione dialettica, a garanzia che la riunificazione socialista non si svolgesse «sul terreno della rinuncia e della capitolazione» ma su quello delle «riforme rivoluzionarie» – una parola d’ordine col tempo divenuta distintiva del linguaggio lombardiano. Non si trattava cioè di fare le riforme al posto della rivoluzione, né di non farle aspettando la rivoluzione, ma di fare la rivoluzione attraverso le riforme, garantendo l’applicazione di una serie di misure che, tra di loro concatenate, conducessero a rivoluzionare le strutture della società. Evidenti, in questa formula, gli echi della polemica azionista (tipica di Carlo Rosselli, ma ancor prima del Salvemini socialista) contro le storiche pecche delle due tradizioni del socialismo italiano, la riformista e la massimalista.

Venezia

  • 37 Mattera (2004), pp. 277-78.

19Nenni sembrò in un primo momento ricostruire l’unità del gruppo dirigente attorno alla relazione da tenere davanti all’assemblea congressuale veneziana. Ma si trattò di un successo temporaneo, ottenuto oltretutto al prezzo di mantenere ambigua la sua posizione sui temi incandescenti. Intravedendo il rischio di una soluzione di compromesso, a suo giudizio poco proficua per il futuro del partito, Lombardi si schierò a favore dello svolgimento del Congresso su mozioni separate lungo la linea di frattura emersa da Pralognan in poi, ma alla fine uscì maggioritaria l’ipotesi unitaria, a seguito di un faticoso lavoro di ricucitura condotto con particolare impegno da De Martino37.

20La mancata formalizzazione della reviviscenza dello scontro correntizio in seno al partito faceva trasparire il timore che alla fine il Psi avrebbe raccolto ben poco di quanto seminato in quella ancor breve stagione di rinnovamento: a fronte di un Fanfani che invocava elezioni anticipate per sfruttare la prevedibile ondata di anticomunismo suscitata dall’invasione dell’Ungheria, sperando così in un “nuovo 18 aprile”, i socialisti rischiavano di arrivare al nuovo appuntamento elettorale senza aver compiuto passi in avanti nel dialogo con i cattolici, con un processo di riunificazione con il Psdi in evidente crisi, ed in aperta polemica con il Pci; in quella situazione, ritrovare almeno l’unità interna venne considerato prioritario.

  • 38 R. Lombardi, Gettare le fondamenta, in «Avanti!», 26 gennaio 1957.

21Fallito il tentativo di spingere il partito ad una maggiore chiarificazione interna, Lombardi si profuse in una serie di interventi pubblici nell’intento di condizionare il più possibile il Congresso dal punto di vista ideologico. Nella tribuna precongressuale approntata dall’«Avanti!» approfondì il tema dell’unificazione38. La rinuncia al centrismo da parte del Psdi e al frontismo da parte del Psi non avrebbero dovuto costituire la premessa di un «compromesso diplomatico» tra i due partiti, ma la presa d’atto di una situazione completamente nuova maturata principalmente grazie alla distensione. Se i socialdemocratici avevano individuato il tratto distintivo della guerra fredda in un presunto espansionismo sovietico, considerato una minaccia per la libertà dell’Occidente; se i socialisti dal canto loro avevano saputo scorgere nella politica atlantista gli aspetti di conservazione sociale più che di garanzia per le libertà; ebbene, con la distensione si imponevano a tutti soluzioni innovative e coraggiose. Non era un caso che il progressivo sganciamento del Psi dalle logiche frontiste ed il graduale riappropriarsi della tradizione neutralista fosse coinciso con la fine della fase più algida del conflitto bipolare e col lento ma inesorabile declino della divisione del mondo in blocchi contrapposti, a cui nell’ultimo biennio aveva contribuito in maniera decisiva la formazione – con la conferenza di Bandung – di un blocco di paesi neutrali, mentre Budapest da una parte e Suez dall’altra costituivano altrettanti segnali di sfarinamento interno dei blocchi militari. Da questo quadro, il processo di unificazione, più che mirare ad un avanzamento «quantitativo» della prospettiva socialista sul terreno elettorale, doveva segnare un salto «qualitativo»:

Esso dovrà cioè prefigurare in sé il partito in cui si raggiungerà l’unità politica dei lavoratori italiani su basi socialiste e democratiche. Per ciò fare, il suo contenuto classista, democratico, internazionalista, dovrà essere incontestabile, offrendo un terreno e uno strumento di lotta a chiunque intenda partecipare operosamente alla liberazione dall’oppressione e dalla miseria, senza che perciò, da qualunque parte provenga, parte comunista compresa, possa tollerarsi una presunzione di tradimento.

  • 39 G. Pajetta, Il Congresso del Partito socialista, in «Rinascita», n. 1-2/1957.
  • 40 M. Alicata, esame critico delle posizioni programmatiche del Partito socialista italiano. Converge (...)

Da parte comunista, se Pajetta attaccò frontalmente la posizione espressa da Lombardi39, Mario Alicata si occupò di far risaltare le contraddizioni che emergevano dal programma socialista: da una parte esso presentava un’analisi delle linee evolutive del capitalismo italiano comune a quella offerta dal Pci, mentre dall’altra prospettava la rottura politica tra i sue partiti operai40.

  • 41 Cfr. R. Lombardi, Fine del riformismo, in «L’Espresso», 3 febbraio1957.

22A questo punto Lombardi avvertì l’esigenza di sottolineare il forte carattere di discontinuità rappresentato dal programma socialista varato in vista del Congresso, specialmente per quanto riguardava la parte di politica economica. In un articolo dal significativo titolo Fine del riformismo, Lombardi illustrò le peculiarità del documento socialista soprattutto sul piano metodologico. In rottura con la tradizione comunista, e semmai in consonanza con lo storico schema salveminiano, esso metteva in campo una serie di riforme di impatto immediato e capaci di suscitare un’ampia mobilitazione popolare, facendo leva sugli strumenti ordinari di politica economica (in particolare sull’utilizzo del credito) che il Governo avrebbe dovuto utilizzare per l’indirizzo geografico e merceologico degli investimenti secondo un piano coerente. Ma l’impianto del programma segnava una cesura anche con l’esperienza dei partiti socialisti dell’Europa continentale41.

  • 42 Per la ricostruzione del dibattito storiografico sugli esiti del Congresso di Venezia e la propost (...)
  • 43 Cfr. A. Gambino, L’accordo Nenni-Basso, in «L’Espresso», 3 febbraio 1957.
  • 44 Lettera di Basso a Enzo [Forcella], Milano, 16. 2. 1957, in Fllb-Issoco, Lelio Basso, serie “attiv (...)

23Il Congresso di Venezia del Psi fu condizionato dall’ambiguità che caratterizzò la composizione dei nuovi organi dirigenti: la relazione di Nenni ed i documenti «lombardiani» furono approvati senza troppi contraddittori, lo stesso Nenni fu rieletto segretario del partito, ma il Comitato centrale e la Direzione eletti a Venezia risultarono composti in maggioranza da dirigenti scettici nei confronti del nuovo corso. A lungo si è parlato di un golpe preparato ed eseguito dall’“apparato” frontista del partito, strettamente legato al Pci sia ideologicamente che finanziariamente, e dubbioso nei confronti di rotture che avrebbero messo in forse il suo status all’interno del Partito. Elementi certamente presenti, ma che da soli non valgono a spiegare la situazione maturata nei corridoi del congresso veneziano42. È necessario tener presente il ruolo giocato da Basso. Un’intesa tra la piccola ma determinante corrente bassiana e quella autonomista era data per scontata alla vigilia del congresso43. All’ultimo momento tuttavia Basso si accordò con la sinistra di Valori e Vecchietti per condizionare il più possibile la composizione degli organismi dirigenti: come Basso scrisse in seguito al direttore de «Il Giorno», ciò non fu dovuto tanto ad una sua opposizione al nuovo corso autonomista, quanto al fatto che «i nomi che furono presentati come nenniani nella lista delle preferenze erano quasi tutti nomi di compagni rimasti alle vecchie posizioni,[…] quasi tutti fautori, oltre che dell’unificazione, dell’andata al governo con la Dc»44.

Conclusioni

  • 45 T. Nencioni, Tra neutralismo e atlantismo. La politica internazionale del Partito socialista itali (...)
  • 46 T. Nencioni, La sinistra del Psi (1956-1963) cit.

24Nel corso del 1956 giunsero a maturazione, per quanto riguarda il socialismo italiano, una serie di questioni ereditate dalla precedente stagione politica, ed allo stesso tempo gli avvenimenti di quell’anno ne aprirono di nuove e corpose. Si possono qui citare solo alla rinfusa i temi che irruppero al centro del dibattito del Psi. Per quanto riguarda la politica internazionale, il Partito dovette fare i conti con la destalinizzazione e il consolidarsi della distensione, l’invasione dell’Ungheria e la crisi di Suez, il protagonismo di quello che iniziò a delinearsi come il blocco dei “non allineati”, l’avvio su basi nuove del dibattito attorno all’integrazione europea e all’opportunità o meno di un riavvicinamento con l’Internazionale socialista45. In Italia, i socialisti posero su basi nuove i rapporti con tutto l’arco costituzionale, dai comunisti alle forze laiche ai cattolici. A proposito dei cattolici, cominciò ad avvertirsi forte l’urgenza di ripensare non tanto e non solo l’azione da svolgere verso la Dc, ma in generale verso la Chiesa ed il laicato. Nella società italiana e nell’economia era poi all’ordine del giorno il tema del neocapitalismo, che poneva sfide nuove ad un partito operaio ed al sindacato. E forse, fuori dai riflettori, fu proprio la questione sindacale quella che più di ogni altra esacerbò il dibattito interno. A livello ideologico prese corpo, da un lato, la riflessione sul riformismo, dall’altra quella attorno a possibili vie di uscita a sinistra dallo stalinismo46.

25Una congerie insomma di temi e problemi apertisi nel corpo del socialismo italiano per lo meno già l’anno precedente, con il congresso di Bandung dei “non allineati”, quello di Torino del Psi, le elezioni siciliane e la sconfitta della Cgil alle elezioni per le commissioni interne alla Fiat. E che avranno il loro culmine quasi dieci anni dopo, con l’ingresso del Psi nel governi di centro-sinistra.

26Per questo, a costo di abusare di un luogo comune della pubblicistica storiografica, si può e si deve parlare di un “lungo 1956” del socialismo italiano.

Bibliographie

Barbagallo, Francesco (1995) (cura), Storia dell’Italia repubblicana, vol. II, La trasformazione dell’Italia. Sviluppo e squilibri, t. I, Einaudi, Torino.

Bartocci, Enzo (2019) (cura), I riformismi socialisti al tempo del centro-sinistra (1957-1976), Viella, Roma.

Degl’Innocenti, Maurizio (1993), Storia del PSI. Dal dopoguerra ad oggi, Laterza, Bari.

Giolitti, Antonio (1992), Lettere a Marta. Riflessioni e ricordi, il Mulino, Bologna.

Lombardi, Riccardo (2001), Discorsi parlamentari, Camera dei Deputati, Roma.

Mattera, Paolo (2004), Il partito inquieto. Organizzazione, passioni e politica dei socialisti italiani dalla Resistenza al miracolo economico, Carocci, Roma.

Sabbatucci, Giovanni (1982) (cura), Storia del socialismo italiano, vol. VI, Il Poligono, Roma.

Sabbatucci, Giovanni (1991), Il riformismo impossibile: storie del socialismo italiano, Laterza, Roma-Bari.

Scirocco, Giovanni (2010), Politique d’abord. Il Psi, la guerra fredda e la politica internazionale, Unicopli, Milano.

Tamburrano, Giuseppe (2006) (cura), Quell’indimenticabile 1956! Cinquant’anni fa la sinistra italiana, Lacaita, Manduria-Bari.

Notes

1 Lettera di Widmar a Basso, Roma, 31. 3. 1956, in Fondazione Lelio e Lisli Basso-Issoco, Fondo Lelio Basso, serie 25 (corrispondenza). Il riferimento è al breve periodo della direzione “centrista” del Psi, quando gli autonomisti avevano gestito il Partito all’indomani della disfatta del Fronte Popolare alle elezioni del ’48.

2 Cfr. P. Nenni, Luci e ombre del Congresso di Mosca, in «Mondo Operaio», n. 3/1956.

3 Cfr. R. Lombardi, Rivalutazione della politica, in «Il Mondo», 7 agosto 1956.

4 Giolitti (1992), p. 114.

5 R. Lombardi, Rivalutazione della politica cit.

6 Cfr. la rubrica Lettere scarlatte, ivi, 18 settembre 1956.

7 F. De Felice, Nazione e sviluppo. Un nodo non sciolto, in Barbagallo (1995), pp. 781-882, specialmente p. 801.

8 Cfr. Direzione (22 marzo) [1956], in Archivio centrale dello Stato (d’ora in avanti Acs), Nenni, serie partito, busta 90.

9 S. Colarizi, Pietro Nenni e il Partito Socialista Italiano nel 1956, in Socialismo storia. Annali della fondazione Giacomo Brodolini. Ripensare il ’56, 1 (1987), Padova, Lerici, pp. 333-56, pp. 333-34.

10 L’intervento di Lussu nel corso della riunione della Direzione del 19-22 marzo 1956 è citato in Scirocco (2010), pp.171-72. Per l’intervento di Lombardi, pronunciato al Comitato Centrale, cfr. «Avanti!», 11 aprile 1956.

11 T. Nencioni, La sinistra del Psi (1956-1963), in Bartocci (2019), pp. 259-312.

12 Cit. in V. Evangelisti-S. Sechi, L’autonomia socialista e il centro-sinistra, in Sabbatucci (1982), pp. 3-144, specialmente p. 15.

13 Per una copia dell’originale rapporto di Saragat all’Internazionale si veda Parti socialiste Sfio. Bureau des affaires internationales. Note d’information. Rapport de Saragat a l’Internationale sur le problème de l’unification socialiste en Italie (1956), in Ours, Archives du Ps – Sfio, Affaires internationales, Italie.

14 Traggo le citazioni che seguono dalla versione del memorandum conservata presso l’archivio della Fondazione Gramsci: Memorandum pour le Camarade Commin di Pietro Nenni, Chamonix, 30. 8. 1956, in Fondazione Gramsci, Apc, Fondo Mosca, serie “documenti riservati”, b. 253, f. 14.

15 A. Gambino, Prima di litigare con Togliatti vogliono accordarsi con Di Vittorio, in «L’Espresso», 7 ottobre 1956.

16 Per il testo della relazione di Nenni, tutt’oggi inedito, si veda Relazione presentata alla Direzione del Partito, Roma, 2. 9. 1956, in Acs, Nenni, serie “partito”, b. 90, f. 2215/II.

17 Per la discussione sulla relazione di Nenni cfr. Direzione 2 settembre [1956], ivi.

18 Ibid.

19 Ibid.

20 Ibid.

21 Ibid.

22 Cfr. Direzione del Partito (26 settembre) [1956], ivi.

23 Ibid.

24 Ibid.

25 «Avanti!», 28 settembre 1956.

26 Ibid.

27 Per l’intervento di Basso cfr. «Avanti!», 30 settembre 1956. Più in generale, sulle posizioni assunte da Basso in quel periodo, mi permetto di rimandare a T. Nencioni, Il 1956 di Lelio Basso, in «Italia contemporanea», n. 244, settembre 2006, pp. 437-51.

28 Per una ricostruzione delle tappe che portarono alla crisi formale del processo di unificazione cfr. Degl’Innocenti (1993), pp. 212-18.

29 Cfr. Mattera (2004); Tamburrano (2006).

30 Scirocco (2010), p. 173.

31 Direzione del Partito, 19. 10. 1956, in Acs, Nenni, serie “partito”, b. 90, f. 2215/II.

32 Ibid.

33 Cfr. Sugli avvenimenti di Polonia e Ungheria, in Lombardi (2001), pp. 706-707.

34 Cit. in Sabbatucci (1991), p. 105.

35 Scirocco (2010), p. 240.

36 R. Lombardi, in «Avanti!», 15 novembre 1956.

37 Mattera (2004), pp. 277-78.

38 R. Lombardi, Gettare le fondamenta, in «Avanti!», 26 gennaio 1957.

39 G. Pajetta, Il Congresso del Partito socialista, in «Rinascita», n. 1-2/1957.

40 M. Alicata, esame critico delle posizioni programmatiche del Partito socialista italiano. Convergenze di fondo e punti di differenza, ivi, n. 12/1956.

41 Cfr. R. Lombardi, Fine del riformismo, in «L’Espresso», 3 febbraio1957.

42 Per la ricostruzione del dibattito storiografico sugli esiti del Congresso di Venezia e la proposta di nuovi indirizzi interpretativo si rimanda a Mattera (2004).

43 Cfr. A. Gambino, L’accordo Nenni-Basso, in «L’Espresso», 3 febbraio 1957.

44 Lettera di Basso a Enzo [Forcella], Milano, 16. 2. 1957, in Fllb-Issoco, Lelio Basso, serie “attività politica”, b. 2.

45 T. Nencioni, Tra neutralismo e atlantismo. La politica internazionale del Partito socialista italiano 1956-1966, in «Italia contemporanea», n. 260, settembre 2010, pp. 438-70.

46 T. Nencioni, La sinistra del Psi (1956-1963) cit.

Auteur

Dottore di ricerca in Storia contemporanea (Università di Bologna). I suoi interessi vertono sulla storia del movimento operaio italiano e dei suoi partiti. Ha pubblicato Riccardo Lombardi nel socialismo italiano 1947-1963 (Edizioni scientifiche italiane 2014) ed è autore di numerosi saggi sul socialismo italiano e i suoi principali protagonisti.

Le texte et les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont sous Licence OpenEdition Books, sauf mention contraire.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search