Version classiqueVersion mobile

Il 1956

 | 
Francesca Chiarotto
, 
Alexander Höbel

Il quadro internazionale

La New Left britannica

Pietro Adamo

Texte intégral

  • 1 Sulla New Left americana vedi almeno Breines (1989); Anderson (1996); Stephens (1998); Cavallo (19 (...)

1New Left: il termine viene in genere usato per indicare due fenomeni alquanto diversi, seppure non scollegati, che trovano un significativo trait d’union nell’accezione dell’aggettivo «nuova», ovvero nel tentativo di formulare interpretazioni e letture dei problemi e dei temi propri della sinistra che producano una ridefinizione e una ristrutturazione della sinistra stessa e dei suoi valori portanti. Si tratta di un concetto oggi più familiare che non all’epoca in cui inglesi (tra 1956 e 1962 circa) e americani (tra 1960 e 1970 circa) hanno tentato l’esperimento: come è noto, nel nostro Paese i tentativi di «rifondare» la sinistra si sono succeduti gli uni agli altri da lustri a questa parte, con risultati che sono sotto gli occhi di tutti. È quindi bene chiarire che i due movimenti che hanno preso corpo in Inghilterra e negli Stati Uniti negli anni sopra indicati non hanno nulla da spartire con i patetici tentativi di fondare nuovi partiti che possano dirsi in qualche modo «eredi» della gloriosa tradizione della sinistra otto e novecentesca tanto tipici della nostra storia recente. Nei due casi citati, inglesi e americani si autorappresentano come una sinistra «nuova» in rotta con il passato, ripensano in modo critico alcuni dei fondamenti di socialismo e comunismo, propongono «revisioni» più o meno innovative, concepiscono nuovi modi di pensare il passaggio al socialismo, o almeno a una forma di democrazia molto avanzata.1

  • 2 Mills frequenta il gruppo dei giovani socialisti, come testimonia la sua corrispondenza soprattutt (...)

2Nel caso degli inglesi, l’uso della locuzione per indicare i giovani intellettuali radunati prima intorno al «New Reasoner» (d’ora in avanti nr) e alla «Universities & Left Review» (d’ora in avanti ulr), e poi alla «New Left Review» (d’ora in avanti nlr), si afferma a partire dalla celebre lettera aperta indirizzata al gruppo dal grande sociologo americano Charles Wright Mills, pubblicata sul numero cinque della nlr del 1960 e scritta mentre abitava a Londra2. Qui Mills si inserisce nella discussione di Out of Apathy, il volume collettaneo curato da Edward Thompson pubblicato nella prima parte del 1960 che tenta di identificare i principali problemi di un mutamento in senso socialista della società inglese. Piega la discussione verso i suoi temi del momento – la critica della tesi della fine delle ideologie, il ruolo degli intellettuali, i possibili agenti storici del cambiamento – ma coinvolge direttamente i giovani inglesi:

  • 3 C.W. Mills, Letter to the New Left, in «New Left Review», n. 5, October 1960, p. 20.

In quanto all’articolazione di ideali, penso che le vostre riviste fino a questo momento abbiano fatto il lavoro migliore. È questa la vostra interpretazione – non è così? – dell’enfasi sulle questioni culturali. In quanto all’analisi ideologica, e alla retorica con cui si esprime, non credo che oggi noi si sia all’altezza, ma credo che miglioreremo quando avanzeremo sui due fronti sui quali siamo più deboli: le teorie della società, della storia e della natura umana; e il problema per noi maggiore, le idee sugli agenti storici del mutamento strutturale3.

  • 4 Sulla New Left britannica, le relazioni tra i suoi diversi componenti, i suoi raggruppamenti inter (...)

La lettera di Mills coglie abbastanza bene gli interessi ideologico-culturali della New Left britannica e le principali direzioni di ricerca entro cui questi si sono indirizzati: la critica del marxismo, innanzitutto per come è stato articolato dall’intellighenzia bolscevica a partire dagli anni Trenta (e come viene di fatto recepito dalla direzione del partito comunista britannico), in vista di un suo adattamento alle nuove condizioni della società industriale avanzata, senza negare peraltro la possibilità di un suo vero e proprio superamento (le millsiane «teorie della società, della storia e della natura umana»); l’inedita relazione tra politica e cultura nella società di massa, consumistica e deideologizzata (per Mills, «enfasi sulle questioni culturali»); infine, un tentativo originale di definire in termini nuovi la «fase di transizione» al socialismo, al di fuori della vulgata comunista ed entro una quasi iconoclasta descrizione sia del capitalismo britannico sia della presenza socialista nel paese (le «idee sugli agenti storici del mutamento strutturale»). Tuttavia, nonostante lo stesso Mills in quegli anni abbia sviluppato, come del resto molti altri audaci sociologi americani, una teoria dell’utopia in chiave euristica piuttosto che contenutistica (a cui si fa qui riferimento nelle ultime pagine della Lettera), manca nel suo apprezzamento una valutazione dello slancio, dell’eccitazione, della novità sociale e politica, della speranza stessa che caratterizza la New Left, in particolare nel suo carattere di movimento che si espande sul territorio e che tenta di incidere sulla società.4 In altri termini, Mills si ferma all’esperienza teorica prodotta entro la New Left, trascurandone l’aspetto di movimento. Un aspetto che viene invece colto brillantemente da una delle (poche) intellettuali del gruppo, sempre presente sino al 1960, membro della redazione londinese di nr, nella cui casa si radunano spesso gli intellettuali New Left quando sono nella capitale (vi passa anche lo stesso Mills). Nel suo The Golden Notebook, pubblicato nel 1962, la cui fama nel corso degli anni come romanzo chiave dei Sixties è costantemente salita (ed è stata uno degli elementi che l’ha probabilmente portata al Nobel), Doris Lessing così descrive i suoi compagni d’avventura:

  • 5 Lessing (1973), p. 437. Sandra Singer spiega con dovizia di particolari il processo di allontaname (...)

Oggi Molly mi ha telefonato. Tommy partecipa alle attività di questo nuovo gruppo di giovani socialisti. Molly mi ha detto di essersi seduta in un angolo ad ascoltarli mentre parlavano. Si sente come se fosse tornata indietro di cent’anni, alla sua gioventù, quando ha incontrato per la prima volta il Partito comunista. «Anna, è stato straordinario! Sono qui, se ne fregano del partito, se ne fregano dei laburisti, e non sarei sorpresa se su questo si sbagliassero. Sono poche centinaia, sparpagliati in tutta l’Inghilterra, eppure parlano come se la Gran Bretagna sarà socialista al massimo in dieci anni, e grazie ai loro sforzi, ovviamente. Lo sai, come se saranno loro a governare questa bellissima Gran Bretagna socialista che nascerà martedì prossimo. Mi è sembrato che fossero matti, o che fossi matta io. Ma il punto, Anna, è che sono proprio come noi, no? Ebbene? Usano persino quell’orribile gergo di cui ci siamo prese gioco per anni, come se se lo fossero inventati loro, tutto da soli».5

  • 6 Le due lettere sono citate in Saville, Edward Thompson, the Communist Party and 1956, pp. 22-23.
  • 7 Flewers - McIlroy (2016) cit.

I giovani socialisti descritti nel Golden Notebook cominciano a fare gruppo appunto nel corso del 1956 (è questo l’anno cui risale la scena del libro di Lessing). L’evento che mette in moto tale raggruppamento è ovviamente il discorso di Chruščëv al XX Congresso, a fine febbraio; vi si aggiungono la rivolta polacca di fine giugno e quella ungherese tra fine ottobre e inizio novembre. Alla crisi del comunismo internazionale si aggiunge, come fattore di malessere politico per gli inglesi, la situazione di Suez: alla nazionalizzazione del canale da parte di Nasser il governo, assieme a francesi ed israeliani, risponde a fine ottobre con un’escalation militare che si risolve però, nei primi mesi dell’anno successivo, con la sconfitta decisiva delle ambizioni imperiali del paese. Al nord, nello Yorkshire, due giovani storici comunisti che insegnano nella regione restano profondamente colpiti dal XX Congresso ma anche decisamente irritati dalla direzione del partito, pronta ad accettare «tanto acriticamente come ha sempre fatto in passato» la linea sovietica, scrive John Saville a uno dei maggiorenti stessi del Cpgb. Il 4 aprile un infuriato Edward Thompson, storico in ascesa (ha appena pubblicata una immensa biografia intellettuale di William Morris), pronto a mettere in discussione la posizione comunista ufficiale, scrive allo stesso Saville che, «se necessario, dovremo lasciare il partito e fondare una piccola lega educazionista marxista»6. I due cominciano a compilare una piccola rivistina politica, il «Reasoner», che, nonostante si proponga essenzialmente come un foro di discussione aperta, si rivela di fatto molto critica nei confronti della linea prima attendista e poi filosovietica del partito. Thompson e Saville si scontrano ovviamente con il Pcgb, prima con il comitato distrettuale dello Yorkshire, poi con il comitato politico del partito e infine con il comitato centrale stesso, che in settembre, proprio mentre i due danno alle stampe il secondo numero del «Reasoner», impone loro di sospendere la pubblicazione. È da notare che gli enti del partito non entrano assolutamente nel merito politico della disputa, ma ne fanno una semplice questione amministrativa: la rivista non è autorizzata, punto. I due decidono di obbedire, ma solo dopo la pubblicazione di un terzo numero, in cui annunceranno la propria decisione di conformarsi agli ordini dall’alto. Il «Reasoner» sta quindi per uscire alla fine di ottobre; arrivano le notizie dall’Ungheria; Thompson scrive un accorato ma feroce Through the Smoke of Budapest; gli editors riscrivono l’editoriale, chiedendo al partito che si dissoci dall’Unione Sovietica e che si schieri con polacchi e ungheresi, nonché l’immediato ritiro delle truppe russe. L’epilogo è quasi inevitabile: i due vengono sospesi e, assieme a diverse migliaia di altri comunisti, danno immediatamente le dimissioni.7

  • 8 Il gruppo dei British Marxist Historians tenta in seguito, neanche tanto surrettiziamente, di prot (...)
  • 9 S. Hall, Life and Times cit., p. 182
  • 10 Cfr. Kenny (1995), pp. 34-41; Hamilton (2001), pp. 98-112; e I. Birchall, The Autonomy of Theory: (...)

3Usciti dal Cpgb, Saville e Thompson fondano nel 1957 il nr, diventando punto d’attrazione, soprattutto nel Nord, per molti comunisti insoddisfatti della posizione assunta dal partito; si muovono nell’orbita del socialismo militante, tra sindacati e organizzazioni operaie; soprattutto, con un’impostazione più generalista e meno legata alla vita interna del partito rispetto al primo «Reasoner», raccolgono collaboratori tra la giovane intellighenzia comunista (Peter Worsley e Ralph Miliband), tra i loro ex colleghi dell’Historians’ Group of the Communist Party (Christopher Hill,Victor Kiernan, Rodney Hilton, Eric Hobsbawm)8, tra simpatizzanti e dissidenti stranieri (Iris Murdoch, Ronald Meek e Franco Fortini); man mano si costituisce anche una sorta di redazione londinese, nella quale spicca, come abbiamo visto, la stessa Lessing. Nel contempo, alla fine dello stesso anno, a Oxford altri scontenti fondano la ulr, più attenta alle questioni culturali che a quelle strettamente politiche rispetto al nr. I quattro editors della rivista sono due fuoriusciti del Pcgb, Ralph Samuel e Gabriel Pearson, entrambi del Balliol College (dove insegna Christopher Hill), e due «indipendenti»9, il giamaicano Stuart Hall e il futuro comunitarista canadese Charles Taylor, qui ai suoi esordi leftist; i quattro spostano la sede della rivista a Londra sin dall’anno successivo, ospitando nel contempo interventi di personaggi del calibro di Isaac Deutscher, G.D.H. Cole, Raymond Williams, John Berger, Derek Walcott ed Ernest Gellner. Nella capitale fondano un New Left Club e adottano tecniche di mobilitazione più legate all’orbita giovanile, con un locale (un caffè New Left), riunioni settimanali, ogni tanto raduni imponenti. Nei mesi successivi l’iniziativa registra un successo tale da spingere altri attivisti a fondare una quarantina di club e locali analoghi in altre città importanti (Manchester, Leeds, Sheffield). Gli iscritti ai club toccano le tremila unità, mentre le riviste giungono a vendere sette o ottomila copie ciascuna nel momento di massimo impatto. Sia i gruppi che fanno capo al nr sia quelli che guardano a ulr si occupano di pace, rifiuto degli armamenti, organizzazione operaia, e hanno un rapporto privilegiato (soprattutto ulr) con il cnd (Campaign for Nuclear Disarmament), che gestisce la campagna per il disarmo nucleare. È comunque evidente che la loro preoccupazione principale sta nel pensare un progetto politico di ampio respiro per il socialismo inglese. Le due riviste si fondono alla fine del 1959 creando la nlr, con un board editoriale di grande prestigio (oltre ai fondatori delle due riviste madri, vi compaiono Worsley, Miliband, Williams e un altro giovane filosofo scozzese dal futuro communitarian, Alasdair McIntyre, pure lui qui in veste di leftist). Sin da subito alle molte difficoltà economiche e organizzative si aggiungono incomprensioni e dissidi sulla linea editoriale, con alcuni che vedono la rivista come possibilità di elaborazione e riflessione e altri che la vedono come strumento al servizio del movimento. I club protestano per il poco peso che viene loro accordato; Hall e Thompson non sembrano comprendersi; e mentre la rivista accusa ingenti perdite finanziarie, l’entusiasmo intorno alle iniziative del gruppo comincia a spegnersi. Nel 1962 nlr passa sotto il controllo di uno dei giovani del gruppo, il ventiduenne ricco di famiglia Perry Anderson, che la avvia per strade nuove, guardando alla filosofia francese, alla dimensione internazionale, ai problemi teoretici che vengono dibattuti entro la cultura comunista10. Anche nei suoi momenti di maggior successo, la New Left è stata quindi fenomeno di nicchia: qualche migliaio di iscritti ai club, un impatto relativo sulla politica parlamentare, la capacità di attrarre giovani in manifestazioni pacifiste, senza che questo si traduca però in adesione politica di raggio più vasto. D’altro canto, molti collaboratori di nr e nlr diverranno molto noti e affermati nei decenni successivi. Non a caso i testi i nr e ulr e della più mainstream nlr sono originali, innovativi e provocatori. A rileggerli oggi, appaiono da un lato quasi istintivi e prodotti sull’onda degli eventi, e dall’altro pensati, incisivi, capaci di guardare con occhi nuovi a problemi antichi.

  • 11 Saville, A Note on Dogmatism, in NR, n. 1, Summer 1957, pp. 78-79, 82.
  • 12 A. MacIntyre, Notes from the Moral Wilderness - 1, in NR, n. 7, Winter 1958-59, pp. 97-100.
  • 13 C. Hill, Antonio Gramsci, in NR, n. 4, Spring 1958, pp. 108-10.
  • 14 E.P. Thompson, Socialist Humanism, in NR, n. 1, Summer 1957, pp. 124, 132. L’analisi polemica dell (...)
  • 15 E.P. Thompson, Socialist Humanism cit., p. 142; Hoggart (1984), p. 323.

4Si muove ovviamente dalla critica del partito comunista britannico e delle sue contorsioni in merito allo stalinismo. Vista la quasi feroce opposizione da parte degli organi del partito che i fondatori del Reasoner incontrano nel corso del 1956, non c’è da sorprendersi se nel nr, di conseguenza, si tende ad allargare l’ambito della critica dal Pcgb al marxismo stesso: «Una teoria sociale che non riesce a dare strumenti essenziali per interpretare la società contemporanea diverrà presto un pezzo da museo, e questa è la posizione in cui si trova oggi gran parte del marxismo», scrive Saville nel primo numero. Lo stalinismo sostituisce alla «realistica complessità del mondo reale» le «armoniose formulazioni» di una teoria costruita su un «idealismo filosofico» che ha il compito di produrre formule «stereotipate» che «etichettano» il reale, forniscono la «linea corretta» e costruiscono «strutture logiche» su basi del tutto errate, perdendo per strada la «capacità di porre domande». I marxisti che adottano la filosofia ufficiale stalinista si ritrovano così per le mani strumenti di analisi obsoleti e continuano a impiegarli «dogmaticamente». Come esempio concreto, Saville discute a lungo la teoria dell’imperialismo, efficace ai tempi di Lenin, ma nel 1957 inadeguata a render conto di situazioni come l’indipendenza dell’India.11 MacIntyre sceglie una prospettiva più filosofica e una linea d’attacco forse più tradizionale. Lo stalinismo viene inteso come la tendenza egemonica nel comunismo internazionale dagli anni Venti ai Cinquanta, che si esprime sotto forma di «meta-marxismo», ovvero «non si limita ad asserire alcune dottrine marxiste, ma è in sé stesso una dottrina su che tipo di dottrine queste siano». In tal senso, rappresenta «il processo storico come automatico e moralmente sovrano», in base a una indebita separazione tra «le tesi economiche marxiste» e «la visione generale di Marx». Lo stalinismo concettualizza quindi in modo «meccanico» la «relazione tra base e sovrastruttura», mettendo tra parentesi il fatto che «il carattere cruciale della transizione al socialismo non è un cambiamento nella base economica, ma è un mutamento rivoluzionario nella relazione tra base e sovrastruttura, una «liberazione», secondo lo stesso Marx, «delle nostre relazioni da quel tipo di determinazione e costrizione sino ad allora esercitate su di esse»; la «manipolazione» delle forze economiche che costituisce la fase di transizione dovrà quindi avere, come effetto decisivo, «la creazione di una consapevolezza socialista nella massa dell’umanità».12 Nel nr il dibattito sembra dunque svolgersi entro il marxismo, di fatto come un attacco verso le semplificazioni economicistiche ma anche filosofiche dello stalinismo da parte delle correnti umanistiche e culturalistiche: si accentua la rivalutazione degli esponenti di queste tendenze sinora marginalizzati, i Lukacs, i Gramsci, i Korsch. Lo testimonia Christopher Hill, che recensisce una delle prime traduzioni di Gramsci in inglese leggendo l’opera dell’italiano sotto il profilo della lotta al «dogmatismo», al «determinismo» e al «meccanicismo»13. Thompson afferma che lo stalinismo è caratterizzato da tre tratti principali: «L’anti-intellettualismo, il nichilismo morale e la negazione dell’agenzia creativa del lavoro umano, e quindi del valore dell’individuo come agente nella società». Di contro, l’umanesimo marx-engelsiano: i due pensatori tedeschi valorizzano costantemente «un potenziale umano in costante sviluppo, a cui la falsa coscienza e le relazioni distorte della società di classe negano la piena realizzazione», afferma, accennando a temi storici e filosofici che svilupperà lustri dopo in polemica con gli althusseriani francesi e soprattutto inglesi14. L’adozione di una prospettiva umanistica, assieme alla critica dell’«inquinamento culturale e umano dei mass media del commercialismo» (ovvero i nuovi edonismi e i nuovi consumismi), mette in luce il difetto di impostazione dei dirigenti non solo del partito comunista, ma della sinistra nel suo complesso (l’articolo è diretto in buona parte contro The Future of Socialism del dirigente labour Tony Crosland, pubblicato nel 1956). Forse per una qualche remora «militante», Thompson mette in bocca a Richard Hoggart e al suo The Uses of Literacy (1957), una delle prime e delle più note analisi della società di massa, la conclusione: «Se le minoranze attive continuano a concedersi di pensare in modo troppo esclusivo in termini di obbiettivi politici ed economici immediati, il passaggio», inteso verso l’accettazione di una «meschina forma di materialismo», «sarà culturalmente venduto alle loro spalle», senza quasi che essi se ne accorgano15.

  • 16 C. Taylor, Socialism and the IntellectualsThree, in ULR, n. 2, Summer 1957, p. 19.
  • 17 R. Samuel, Class and Classlessness, in ULR n. 6, Spring 1959, pp. 44-50; E.P. Thompson, Commitment (...)
  • 18 Rosenberg - White (1965).
  • 19 C.W. Mills, Letter to the New Left cit., p. 22.
  • 20 Non a caso, Thompson lo accusa poi di misuse del testo di Hoggart (Commitment in Politics cit., p. (...)

5In ulr l’atmosfera è decisamente più disinvolta, più critica del marxismo nel suo complesso, risente di più delle nuove teorie sociologiche riguardanti società e cultura di massa che ispirano libri molto influenti a sinistra, come l’appena citato The Uses of Literacy e Culture and Society di Raymond Williams (1958). È anche evidente che, mentre NR è una rivista che continua ad avere relazioni articolate con i leaders sindacali e con la stessa working class, che tenta di coinvolgere come pubblico ma anche come protagonista, ulr ha una fisionomia meno orientata verso i tradizionali legami socialisti, guardando più ai gruppi studenteschi, ai giovani urbanizzati, agli intellettuali e agli artisti. Charles Taylor afferma così, con notevole nonchalance, che «lo stalinismo non si è semplicemente aggiunto al comunismo, non era un elemento esterno che ha prodotto una deviazione nella corrente principale dello sviluppo comunista. In ogni senso reale pensabile, è cresciuto dal comunismo».16 Non a caso è proprio Stuart Hall, il «cervello» maggiore di ulr, a prendere di petto il tema della relazione tra politica e working class nella nuova società di massa, pur prendendosi poi qualche bacchettata dai più ortodossi – per lo meno sul tema – Samuel e Thompson17. È appena il caso di ricordare che il tema dell’influenza della mass culture è divenuto nel periodo di stretta attualità, come si evince non solo dai testi sopra citati di Hoggart e Williams, ma anche dal notissimo volume pubblicato negli Stati Uniti nello stesso 1957, Mass Culture, che in quasi seicento pagine antologizza i più noti interventi sul tema (da Marshall McLuhan a Theodor Adorno, da Leslie Fiedler a Dwight Macdonald, da Edmund Wilson a Gunther Anders, e via dicendo)18. Del resto, lo stesso Mills nella sua Lettera si chiede, schierandosi apertamente nella frattura sul tema tra i giovani britannici, perché «alcuni scrittori della New Left […] si aggrappano così potentemente alla “classe operaia” delle società capitaliste avanzate come lagente storico per antonomasia, o comunque l’agente storico più importante, di contro all’evidenza storica realmente impressionante che in questo momento si pone contro questa aspettativa»19. Hall non si limita a registrare l’avversione un po’ puritana di Thompson e Hoggart nei confronti dei nuovi consumismi20, ma si chiede anche quale funzione questi possano giocare nell’immaginario politico. A suo parere, la «crescita in volume dei beni di consumo» da parte della classe operaia plasma nuovi stili di vita che alterano la tradizionale consciouness of class. I nuovi strumenti di comunicazione e la formazione della cultura di massa causano «la frammentazione in molti stili di vita» di un modello – quello operaio – una volta più unitario. Per essere precisi, la «massa» è stata «proletarizzata non, come pensava Marx, verso il basso, verso i livelli minimi di salario, ma verso l’alto, verso grosso modo stili di vita da classe media. Nel processo, tuttavia, la vecchia classe media e il vecchio proletariato industriale stanno gradualmente cessando di esistere». Si tratta di una modalità che incoraggia l’apatia della working class: occorre infatti domandarsi, precisa in un successivo pezzo di autodifesa, «come avviene che una società di fatto più chiusa» dal punto di vista sociale «sembri più aperta» di prima? Hall pare ritenere che gli strumenti analitici del marxismo non riescano a render conto dei nuovi elementi soggettivi nella propria autopercezione – e quindi nel proprio posizionamento di classe – all’opera nella società di massa: in questo contesto

  • 21 S. Hall, A Sense of Classness, in ULR, n. 5, Autumn 1958, pp. 26-27, 31; S. Hall, The Big Swipe, i (...)

tutte le forme di comunicazione che producono alterazione di atteggiamenti, che mutano o confermano opinioni, che instillano nuove immagini di sé, giocano un loro ruolo. Non sono periferiche alla “base economica”: ne sono parte. […] Il fatto in sé dovrebbe farci seriamente rivedere le nostre idee sui modi in cui la sovrastruttura (come ha scritto Engels, quell’arcirevisionista) esercita la sua influenza sul corso degli eventi storici21.

Nonostante la citazione dall’«arcirevisionista», le considerazioni di Hall valutano in modo inusuale la relazione base/sovrastruttura, ovvero concedendo peso maggiore, se non determinante, ai fattori culturali e alla formazione dell’immaginario. La New Left nel suo complesso si muove, registrando appunto i nuovi suggerimenti sugli aspetti massificanti della società industriale, verso un marcato «culturalismo». Mac-Intyre, l’abbiamo visto, tende a considerare la rivoluzione socialista come un mutamento di immaginario. Ralph Samuel dichiara che «il nuovo socialismo implica la proiezione di un ideale utopico di società in cui lavoro e cultura sono nuovamente resi personali e significativi per ogni individuo». In The Long Revolution Williams spiega che «se il socialismo accetta la distinzione tra “lavoro” e “vita”, che deve quindi esser deprezzata come “tempo libero” e “interessi personali”, se vede la “politica” come “governo” piuttosto che come un processo di decisione e amministrazione comune, […] allora è solo l’ultima forma della politica capitalistica». Nell’editoriale del primo numero di nlr (opera di Hall) si legge così:

  • 22 R. Samuel, New AuthoritarianismNew Left, in ULR, n. 5, Autumn 1958, p. 69; Williams (1965), p.  (...)

Noi siamo convinti che la politica, concepita in senso stretto, è stata la principale causa del declino del socialismo in questo paese, e una delle ragioni per la disaffezione dalle idee socialiste dei giovani in particolare. Le forze umanistiche del socialismo […] devono essere sviluppate in termini culturali e sociali, come anche in termini economici e politici22.

  • 23 E.P. Thompson, Socialist Humanism, in NR, n. 1, Summer 1957, p. 143; Id., Socialism and the Intell (...)

Per tutti costoro l’autore chiave, assieme a Marx, è William Morris (ma l’esergo del primo numero della nlr è di fatto dal secondo, non dal primo). E la rilevanza di Morris per la forma di socialismo umanistico e culturalistico che ispira gli intellettuali New Left è data dal grande libro a lui dedicato da Thompson nel 1955. È di fatto quest’ultimo a dare la linea, a situare cioè entro la storia della sinistra l’esperienza della «Nuova» sinistra, concettualizzando peraltro l’operazione esplicitamente come la performance di un’«eresia». Di fatto, spiega, poiché «gli dei della libertà sociale, dell’eguaglianza e della fraternità restano testardamente dalla parte dei comunisti», io, «nonostante mi sia dimesso dal partito comunista, resto un comunista». Un’appartenenza che si traduce però nel tentativo di «affermare e valorizzare», entro il comunismo, «i suoi tratti umanisti e libertari». Stalinismo e capitalismo sono egualmente «autoalienanti»: «Il socialismo umanistico dichiara: liberate gli uomini dalla schiavitù alle cose, dalla ricerca del profitto e dalla servitù alla necessità economica. Liberate l’uomo come essere creativo … ed egli creerà non solo nuovi valori, ma cose in sovrabbondanza»23.

  • 24 S. Hall, The Big Swipe cit., p. 51; E.P. Thompson, Introduzione, tr. it. in Aa. Vv. (1960), p. 11.
  • 25 Ivi, p. 7; Id, Rivoluzione, in Aa. Vv. (1960) cit., pp. 224-25 (il saggio, intitolato Revolution, (...)

6La prospettiva valorizza i temi del giovane Marx, in particolare i concetti di alienazione e lavoro estraniato, e li traduce in un progetto di liberazione che mette l’enfasi su cultura e immaginario. Il socialismo umanistico di Thompson e dei suoi sodali trova così – creativamente – una forma progettuale in una singolare interpretazione della fase di transizione. Fornendo un giudizio positivo sulle possibilità immediate del socialismo, in netto contrasto con il Pcgb, gli intellettuali New Left ritengono possibile «il socialismo qui e ora» (locuzione di Hall). Thompson definisce addirittura la gran Bretagna «ipermatura» per il socialismo24. È questo l’aspetto («utopistico») che colpisce Molly e Anna (e ovviamente Doris) in The Golden Notebook. Essi non pensano però alla soluzione rivoluzionaria standard, ma piuttosto all’«agire da socialisti» proposto da Morris: una lenta trasformazione, scrive Thompson nel saggio forse più decisivo prodotto entro la Nuova sinistra britannica, che traferirà sì «i poteri da una classe all’altra», ma nell’ambito della pratica quotidiana, «esercitando in molti settori pressioni continue intese a ottenere delle riforme, finché queste culmineranno nella rivoluzione» (intesa appunto come definitivo passaggio di poteri). A parere di Thompson, nella società britannica già esistano warrens (conigliere) che esprimono modi di canalizzare un contropotere dal basso («comitati, organizzazioni volontarie, consigli, organizzazioni elettorali»); queste devono esser messe al servizio di un «strategia rivoluzionaria» graduale, che appunto valorizzi gli elementi positivi di crescita e sviluppo delle opzioni socialiste già esistenti nel mondo capitalistico25. In definitiva, un appropriarsi di istituzioni esistenti, ma anche, eventualmente, una produzione di istituzioni, ove possibile, ex novo, che da un lato costituiscono pratica quotidiana (di contro all’apatia delle classi lavoratrici nella società di massa), e dall’altro ridefiniscono il lavoro stesso in termini di autonomia e creatività, spogliandolo degli elementi alienanti. Quindi, pratica «politica» (per modo di dire) dal basso, in ambito locale, situazione per situazione, con spazio per invenzione e creazione, mirando alla creazione di istituzioni alternative funzionanti: in sostanza, l’opposto di quanto vanno predicando gli alfieri del centralismo democratico comunista, con la loro fiducia nelle leggi ferree della storia e nell’azione politica parlamentare.

  • 26 Non a caso lo storico dell’anarchismo David Goodway inserisce, sia pure in forma più interrogativa (...)
  • 27 Sia concesso il rimando ad Adamo (2014), in particolare pp. 173-184.
  • 28 S. Lynd, Edward Thompson’s Warrens: On the Transition to Socialism and its Relation to Current Lef (...)

7Questa concezione iper-dinamica, improntata da un possibilismo di ampio respiro fondato su una democrazia tendenzialmente diretta, guarda a un modello d’azione libertario che mette volutamente tra parentesi lo Stato e la politica tradizionalmente intesi,26 ed è l’elemento che maggiormente lega la New Left dei giovani socialisti inglesi allo spirito dei Sixties. Nel corso degli anni Sessanta l’idea di istituzioni libere che nascano dal basso contro Stato e politica istituzionale modellerà buona parte dell’esperienza sociale dei contestatori. Quando Thompson scrive a fine anni Cinquanta di «comitati, organizzazioni volontarie, consigli, organizzazioni elettorali» pensa in parte alla tradizione autonomistica e financo localistica degli inglesi, in parte all’associazionismo operaio di cui avrebbe magistralmente descritto la nascita in The Making of the English Working Class. Negli usa ma anche in Europa il suo auspicio si incarnerà nei tanti gruppi politico-esistenziali della sinistra giovanile, nelle comuni hippy, nei centri di intervento sociale nei centri urbani (da quelli degli Students for a Democratic Society a quelli di Lotta continua ai consultori femministi), nella pratica del consciousness raising, nei tentativi di costruire una nuova politica dal basso senza relazioni verticali di dominio (dal Mississippi Freedom Democratic Party al quasi parodistico Youth International Party alla miriade dell’ultrasinistra europea). Una tendenza che trova il suo culmine nel separatismo controculturale degli hippies, ma anche nella celebre discussione sulle «istituzioni parallele» che anima la Nuova sinistra americana tra 1965 e 1967 e che uno dei suoi protagonisti, lo storico quacchero Staughton Lynd spesso portavoce della New Left, riassume chiedendo se le nuove strutture sociali che si vanno costruendo debbano intendersi come metodo per «trasformare le loro controparti nell’Establishment» o come controistituzioni destinate a sopravvivere e a dare luogo a una «nuova società»27. È però significativo che, se all’epoca i socialisti britannici hanno avuto ben poco spazio nei riferimenti degli americani, con il senno di poi lo stesso Lynd, nel tentativo di costruire una genealogia dell’antagonismo dagli anni Sessanta a movimenti no-global, abbia visto proprio in Thompson e nei suoi warrens una delle più rilevanti matrici della sensibilità libertaria secessionista che innerva tale antagonismo28.

Bibliographie

Aa. Vv. (1963), Uscire dall’apatia. L’ideologia “natopolitana” e i miti della società del benessere nell’analisi della nuova sinistra inglese (1960), Einaudi, Torino.

Adamo, Pietro (2014), L’anarchismo americano del Novecento. Da Emma Goldman ai Black Bloc, Franco Angeli, Milano

Anderson, Perry (1980), Arguments within English Marxism, NLB-Verso, London.

Anderson, Perry (2008), Spectrum. Da destra a sinistra nel mondo delle idee, Baldini Castoldi Dalai, Milano.

Anderson, Terry H. (1996) The Movement and the Sixties. Protest in America from Greensboro to Wounded Knee (1995), Oxford University Press, New York-Oxford.

Barber, David (2008), A Hard Rain Fell. SDS and Why It Failed, University of Mississippi Press, Jackson.

Breines, Wini (1989), Community and Organization in the New Left, 1962-1968. The Great Refusal (1982), Rutgers University Press, New Brunswick-London.

Cartosio, Bruno (2012), I lunghi anni Sessanta. Movimenti sociali e cultura politica negli Stati Uniti, Feltrinelli, Milano.

Cavallo, Dominick (1999) A Fiction of the Past. The Sixties in American History, St. Martin’s Press, New York.

Chun, Li (1993), The British New Left, Edinburgh University Press, Edinburgh.

Dworkin, Dennis (1997), Cultural Marxism in Postwar Britain. History, the New Left, and the Origins of Cultural Studies, Duke University Press, Durham-London.

Eaden, James D. - Renton, David (2002), The Communist Party of Great Britain since 1920, Palgrave, Houndsmill-New York.

Flewers, Paul - McIlroy, John (2016) (cura), 1956: John Saville, EP Thompson and the Reasoner, Merlin Press, London.

Goodway, David (2006), Anarchist Seeds beneath the Snow. Left-Libertarian Thought and British Writers from William Morris to Colin Ward, Liverpool University Press, Liverpool.

Gosse, Van (2005), Rethinking the New Left. An Interpretative History, Palgrave MacMillan, New York.

Grubaĉić, Andrej - Lynd, Staughton (2008), Wobblies & Zapatistas. Conversations on Anarchism, Marxism and Radical History, PM Press, Oakland.

Hamilton, Scott (2001), The Crisis of Theory. E.P. Thompson, the New Left and Postwar British Politics, Manchester University Press, Manchester-New York 2001.

Hoggart, Richard (1984), The Uses of Literacy (1957), Penguin, Harmondsworth.

Kenny, Michael (1995), The First New Left, Lawrence & Wishart, London.

Isserman, Maurice - Kazin, Michael (2000), America Divided. The Civil War of the 60s, Oxford University Press, Oxford-New York.

Lessing, Doris (1973), The Golden Notebook (1962), Grafton, London.

Lynd, Staughton (2014), Doing History from the Bottom Up. On E.P. Thompson, Howard Zinn and Rebuilding the Labor Movement from Below, Haymarket Books, Chicago.

Matthews, Wade (2013), The New Left, National Identity, and the Break-up of Britain, Brill, Leiden-Boston.

McMillian, John - P. Buhle, Paul (2003) (cura), The New Left Revisited, Temple University Press, Philadelphia.

Miliband, Ralph (1978) Marxismo e democrazia borghese, Laterza, Roma-Bari.

Mills, C. Wright (2000), Letters and Autobiographical Writings, a cura di Kathryn e Pamela Mills, University of Califonia Press, Berkeley-Los Angeles-London.

Ridout, Alice - Rubenstein, Roberta - Singer, Sandra (2015) (cura), Doris Lessing’s The Golden Notebook after Fifty, Palgrave MacMillan, New York.

Rosenberg, Bernard - White, David M. (1965) (cura), Mass Culture, The Popular Arts in America (1957), The Free Press, New York.

Stephens, Julie (1998), Anti-disciplinary Protest. Sixties Radicalism and Postmodernism, Cambridge U.P., Cambridge.

Thompson, Edward Palmer (1978), The Poverty of Theory and Other Essays, Merlin Press, London.

Williams, Raymond (1965), The Long Revolution (1961), Penguin, Harmondsworth.

Williams, Raymond (2015), Politics and Letters. Interviews with New Left Review (1979), Verso, London.

Winslow, Cal (2014) (cura), E. P. Thompson and the making of the New Left. Essays & Polemics, Monthly Review Press, New York.

Notes

1 Sulla New Left americana vedi almeno Breines (1989); Anderson (1996); Stephens (1998); Cavallo (1999); Isserman-Kazin (2000); McMillian-Buhle (2003); Gosse (2005); Barber (2008); Cartosio (2012).

2 Mills frequenta il gruppo dei giovani socialisti, come testimonia la sua corrispondenza soprattutto con Miliband e Thompson (cerca anzi di far invitare quest’ultimo a Cuba) (vedi C.W. Mills, Letters and Autobiographical Writings, a cura di K. E P. Mills, University of Califonia Press, Berkeley-Los Angeles-London 2000, in particolare la parte VI).

3 C.W. Mills, Letter to the New Left, in «New Left Review», n. 5, October 1960, p. 20.

4 Sulla New Left britannica, le relazioni tra i suoi diversi componenti, i suoi raggruppamenti interni e i loro orientamenti politico-culturali, le sue strategie di espansione, vedi almeno Chun (1993); Kenny (1995); Dworkin (1997); Hamilton (2001); S. During, Socialist Ends: the British New Left, Cultural Studies and the Emergence of Academic ‘Theory’, in «Postcolonial Studies», X, No. 1, 2007, pp. 23-39; Matthews (2013); A. Hamilton, Literature, Criticism, and Politics in the Early New Left, 1956-62, in «Twentieth Century British History», XXVII, n. 1, March 2016, pp. 51-75; Flewers-McIlroy (2016) (con ristampa dei tre numeri del «Reasoner», delle lettere tra i protagonisti della vicenda e dei documenti del Pcgb). A metà tra autobiografia e ricerca, J. Saville, The Twentieth Congress and the British Communist Party, in «The Socialist Register», 1976, pp. 1-23; Id., Edward Thompson, the Communist Party and 1956, in «The Socialist Register», 1994, pp. 20-31; S. Hall, Life and Times of the First New Left, in nlr, n. 61, January-February 2010, pp. 177-96. Molto utili anche la raccolta di saggi di Thompson (2014) e quella di interviste di Williams (2015).

5 Lessing (1973), p. 437. Sandra Singer spiega con dovizia di particolari il processo di allontanamento di Lessing dalla New Left nel momento in cui dà alle stampe il Notebook, senza soffermarsi soddisfacentemente sulla precedente vicinanza evidentemente implicata in tale processo (S. Singer, Feminist Commitment to Left-Wing Realism in Ridout - Rubenstein - Singer 2015, pp. 73-95).

6 Le due lettere sono citate in Saville, Edward Thompson, the Communist Party and 1956, pp. 22-23.

7 Flewers - McIlroy (2016) cit.

8 Il gruppo dei British Marxist Historians tenta in seguito, neanche tanto surrettiziamente, di proteggere i suoi due membri (vedi G. Pascuzzi, Gli storici marxisti inglesi. Storia e Politica nelle Minute dell’Historians’ Group of the Communist Party (1946-1956), tesi di laurea triennale, Università degli Studi di Torino, 2017, pp. 71-72). Hobsbawm, che è tra i pochi rimasti dopo il 1956, tenta anche di convincere il partito a occuparsi seriamente di ulr, soprattutto per la sua capacità di attrarre i giovani (Eaden-Renton 2002, pp. 123-24).

9 S. Hall, Life and Times cit., p. 182

10 Cfr. Kenny (1995), pp. 34-41; Hamilton (2001), pp. 98-112; e I. Birchall, The Autonomy of Theory: A Short History of New Left Review, in «International Socialism», II, n. 10, Autumn 1980, pp. 51–91. I due antagonisti principali, Thompson e Anderson, hanno entrambi offerto la loro versione della spaccatura; nell’incipit del suo The Pecularities of the English, pubblicato per la prima volta nel «Socialist Register» del 1965 in forma «attenuata», Thompson offre un acido resoconto dello spossessamento della rivista da parte di Anderson; quando il saggio viene ripubblicato «nel suo tono originario» in un’antologia thompsoniana del 1978 complessivamente diretta contro NLR (cfr. Thompson 1978, con il passo in questione a p. 245), Anderson replica con un libro intero, Arguments within English Marxism, che si apre con un sperticato apprezzamento positivo di Thompson come storico e come teorico e prosegue con critiche quasi feroci di ogni suo scritto (cfr. versione 1980, con il resoconto e della rottura alle pp. 135-40, e p. 135 per i sopra citati commenti sui mutamenti di tono di The Pecularities of the English). Con il tempo i rapporti tra i due si sono quasi normalizzati; Anderson li racconta in tono quasi commosso nel suo necrologio di Thompson, In memoriam: Edward Thompson (tr. it. in Anderson 2008, pp. 225-37).

11 Saville, A Note on Dogmatism, in NR, n. 1, Summer 1957, pp. 78-79, 82.

12 A. MacIntyre, Notes from the Moral Wilderness - 1, in NR, n. 7, Winter 1958-59, pp. 97-100.

13 C. Hill, Antonio Gramsci, in NR, n. 4, Spring 1958, pp. 108-10.

14 E.P. Thompson, Socialist Humanism, in NR, n. 1, Summer 1957, pp. 124, 132. L’analisi polemica delle idee di Althusser e dei suoi seguaci inglesi (ovvero Perry Anderson e Tom Nairn) si trova in Thompson 1978, pp. 1-210.

15 E.P. Thompson, Socialist Humanism cit., p. 142; Hoggart (1984), p. 323.

16 C. Taylor, Socialism and the IntellectualsThree, in ULR, n. 2, Summer 1957, p. 19.

17 R. Samuel, Class and Classlessness, in ULR n. 6, Spring 1959, pp. 44-50; E.P. Thompson, Commitment in Politics, in ULR, n. 6, Spring 1959, pp. 50-55.

18 Rosenberg - White (1965).

19 C.W. Mills, Letter to the New Left cit., p. 22.

20 Non a caso, Thompson lo accusa poi di misuse del testo di Hoggart (Commitment in Politics cit., p. 53).

21 S. Hall, A Sense of Classness, in ULR, n. 5, Autumn 1958, pp. 26-27, 31; S. Hall, The Big Swipe, in ULR, n. 7, Autumn 1959, p. 50.

22 R. Samuel, New AuthoritarianismNew Left, in ULR, n. 5, Autumn 1958, p. 69; Williams (1965), p. 133; Editorial, in NLR, n. 1, 1960, p. 1.

23 E.P. Thompson, Socialist Humanism, in NR, n. 1, Summer 1957, p. 143; Id., Socialism and the Intellectuals, in ULR, n. 1, Spring 1957, p. 31; Id., The New Left, in NR, n. 9. Summer 1959, p. 9.

24 S. Hall, The Big Swipe cit., p. 51; E.P. Thompson, Introduzione, tr. it. in Aa. Vv. (1960), p. 11.

25 Ivi, p. 7; Id, Rivoluzione, in Aa. Vv. (1960) cit., pp. 224-25 (il saggio, intitolato Revolution, sarà pubblicato anche in NLR, n. 3, 1960, pp. 3-9).

26 Non a caso lo storico dell’anarchismo David Goodway inserisce, sia pure in forma più interrogativa che affermativa, Thompson, e il solo Thompson tra gli intellettuali New Left, nella tradizione libertaria inglese del Novecento che parte da Morris, passa per Edward Carpenter, George Orwell e Aldous Huxley, e giunge a Herbert Read, Alex Comfort e Colin Ward (Goodway 2006, pp. 260-87). Molto probabilmente, Ralph Miliband esprime meglio la posizione standard New Left quando, concludendo il suo Marxism and Politics del 1977, e tornando ai temi di fine Cinquanta – inizio Sessanta di «una complessa e duttile rete di organi a partecipazione popolare operanti in ogni settore della società civile», scrive che questi non dovrebbero mirare «a sostituire lo stato, ma a collaborare con esso», agendo come «elementi difensivi e offensivi, e più in generale, di supporto» degli organi centrali; tale azione equivarrebbe comunque «a una trasformazione assai considerevole del carattere dell’esistente stato democratico borghese» (Miliband 1978, p. 243).

27 Sia concesso il rimando ad Adamo (2014), in particolare pp. 173-184.

28 S. Lynd, Edward Thompson’s Warrens: On the Transition to Socialism and its Relation to Current Left Mobilizations, in «Labour/Le Travail», L, Fall 2002, pp. 175-86; Grubaĉić-Lynd (2008), passim; Lynd (2014).

Auteur

Professore ordinario di Storia delle dottrine politiche nell’Università di Torino. Si occupa della cultura politica del protestantesimo radicale, della storia della tradizione libertaria, del percorso delle controculture, della fenomenologia della pornografia. Ha curato edizioni di scritti di J. Mitchel, T. Jefferson, P. Goodman, J. Goodwin, J.S. Mill, J. Knox e C. Berneri. Tra i suoi ultimi libri, L’anarchismo americano del Novecento. Da Emma Goldman ai Black Bloc (FrancoAngeli 2016) e William Godwin e la società libera. Da dove viene l’idea di anarchia (Claudiana 2017). Hard core: Istruzioni per l’uso. Sessuopolitica e porno di massa (Mimesis 2021).

Le texte et les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont sous Licence OpenEdition Books, sauf mention contraire.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search